• Benvenuti nel nuovo forum di Meteodue.it

L'AGW spiegato semplice in un grafico

ponente

Utente esperto
MD GROUP
Messaggi
19,732
Reazioni
250
Punteggio
83
Località
Pontedassio(IM) 80 Mt.
6677708524624423298.jpg


Norvegia: Il ritiro del ghiacciaio rivela il passo del vichingo con 800 reperti archeologici, 150 ossa, 100 tumuli e le fondamenta di un rifugio in pietra. I reperti più antichi risalgono all'età del ferro romana nell'anno 400 fino al tardo medioevo.
Quindi il ghiacciaio ai tempi dei Romani e dei Vichinghi non c'era!

Mah... Saranno stati i jet privati degli imperatori romani o le pande diesel 4X4 dei frati benedettini? Oppure il meteorismo post birra dei vichinghi?

 

ponente

Utente esperto
MD GROUP
Messaggi
19,732
Reazioni
250
Punteggio
83
Località
Pontedassio(IM) 80 Mt.
Come sempre, balle a profusione per lavaggio mentale.

COMUNICATO DEL COMUNE DI CERESOLE REALE
In merito all’articolo a firma Giampiero Maggio, apparso sul sito web de La stampa, in data 11/04/2023, in cui, già dal titolo “Ceresole Reale, il lago è una distesa di terra e detriti”, si descrive il lago artificiale come simbolo della siccità, proseguendo con “Il lago artificiale di Ceresole Reale non esiste più. O meglio, è soltanto una distesa di detriti e polvere. Le immagini, già terribili dello scorso autunno, oggi sono ancora più impietose.” come amministrazione di Ceresole Reale teniamo ad esprimere alcuni rilievi al fine di descrivere correttamente la realtà.
La situazione descritta nell’articolo è semplicemente falsa. Sarebbe bastato che chi lo ha scritto avesse dato un’occhiata alla webcam del comune, o meglio ai dati IREN relativi ai milioni di metri cubi d’acqua presenti nell’invaso per rendersene conto. Attualmente l’invaso contiene 4,78 milioni di mc di acqua contro gli 0,65 del 12 aprile 2022 e i 3,67 del 12 ottobre 2022 e i 3,71 del 12 aprile 2012. Questi dati dimostrano quindi che non solo il lago c’è, così come dimostrano le foto allegate, ma che per il periodo dell’anno corrente la quantità d’acqua è assolutamente normale.
Capiamo la necessità di descrivere la siccità, capiamo che il nome di Ceresole Reale sia attrattivo per chi legge e la necessità di attrarre i lettori, ma invitiamo chi ha la grande responsabilità di informare a tenere conto del fatto che il paese vive anche del turismo legato al suo lago e del danno che simili falsità possono arrecare all’immagine di Ceresole Reale stessa.
Auspichiamo quindi una rettifica di quanto erroneamente scritto, anche per fornire una corretta informazione ai lettori.
(foto del lago scattate da Piero Roberi nei giorni scorsi)

341293376-5989153567806433-683089993220156067-n.jpg
 

andi

Utente esperto
Membro Onorario
Messaggi
447
Reazioni
130
Punteggio
43
Località
Mestre
PIÙ DI UN METRO DI NEVE FRESCA SUL MONTE SANTO DI LUSSARI (FRIULI VENEZIA GIULIA)
341228722-1241763829767072-3935861901025697150-n.jpg


Continua la siccità del nord-est :ROFLMAO:
;)
Siccità che ovviamente stasera nei tg hanno tenuto a rimarcare come disastrosa, nonostante le pro, sia mai che il problema principale della gente non resti la "catastrofe climatica"
 

ponente

Utente esperto
MD GROUP
Messaggi
19,732
Reazioni
250
Punteggio
83
Località
Pontedassio(IM) 80 Mt.
La seconda immagine non è Pila, qui siamo nel comprensorio del Monte Rosa Sky, bassa Valle d'Aosta. La neve, comunque, è inferiore rispetto alla media stagionale.
Sarà inferiore, ma si scia ancora e negli ultimi giorni ha nevicato.
Mi scuso per l'errore ma ho preso per buono il post dell'autore.
 

andi

Utente esperto
Membro Onorario
Messaggi
447
Reazioni
130
Punteggio
43
Località
Mestre
Alla faccia della sparizione della neve per effetto del "surriscaldamento globale" predetto dai soliti esperti si scia ancora, dove non hanno chiuso gli impianti al primo di maggio!
 

andi

Utente esperto
Membro Onorario
Messaggi
447
Reazioni
130
Punteggio
43
Località
Mestre

ponente

Utente esperto
MD GROUP
Messaggi
19,732
Reazioni
250
Punteggio
83
Località
Pontedassio(IM) 80 Mt.
Interessante...da leggere per i convinti ecologisti ambientalari ( del lo fanno per noi e per le prossime generazioni)

Come è noto, la tecnologia BEV – Battery Electric Vehicles, le auto a pile insomma! - prevede l’utilizzo di batterie a ioni di litio per accumulare l’energia necessaria per conferire all’auto la sua autonomia in termini di km percorribili.
Il pacco batterie è quindi il vero e proprio “serbatoio” dell’auto a pile ma, a differenza di quello delle auto a motore endotermico, è tutt’altro che un semplice contenitore di idrocarburi ma il complesso frutto di tecnologie sofisticate che portano al prodotto finito.
Vediamo quindi l’impatto ambientale ed energetico per la sua costruzione e, per semplicità, supponiamo che esso sia pari a 50 kWh. Al netto del suo insopportabile bias woke, interrogando chatGPT sui dati salienti relativi al processo di estrazione/raffinazione del litio e alla costruzione delle batterie, l’algoritmo AI mi ha fornito i seguenti dati: 1. Per un pacco batterie da 50 kWh occorrono circa 15 kg di litio. 2. Per estrarre 1 kg di litio occorre scavare fino a 5 tonnellate di roccia spendendo fino a 15.000 MJ di energia, più ulteriori 5.000 MJ per raffinare il metallo estraendolo dalla salamoia risultante. Un totale di 20.000 MJ/kg, equivalenti a 5,6 MWh/kg. 3. Sicché, per estrarre il litio necessario per fabbricare il nostro bravo pacco batterie dovremo scavare 75 tonnellate di roccia e utilizzare tanta tanta acqua, nell’ordine di 1.800 litri/kg, cioè 27.000 litri (che dicono quelli dell’acqua delle bistecche?). Inoltre, dovremo spendere un’energia di 84 MWh circa. A questa va poi sommata l’energia necessaria per costruire il pacco batterie vero e proprio che, a detta di chatGPT, si aggira intorno ai 250 kWh per ogni kWh di capacità, sicché ulteriori 12,5 MWh. 4. Ricapitolando, il “serbatoio” di un’auto a pile implica la necessità di scavare 75 tonnellate di roccia, utilizzare (“consumare”? “sprecare”?) 27.000 litri d’acqua e spendere 96,5 MWh di energia.

In altre parole, l’auto a pile parte con un handicap di devastazione ambientale e un consumo di energia per la costruzione del solo "serbatoio" che non hanno eguali con un’auto a motore endotermico.
Dulcis in fundo, sapete a quanti litri di gasolio corrisponde l'energia meccanica di 96,5 MWh spesa per produrre il solo pacco batterie? 27.600 litri di gasolio, con i quali un’auto degna di questo nome potrebbe percorrere fino a 500.000 km!
Vincent Vega
🇮🇹

@VinnieVegaPF

Il costo dei 96,5 MWh di energia necessari per estrarre il litio e costruire il pacco batterie da 50 kWh? Dipende dai mix energetici dei posti dove avviene l’estrazione e la raffinazione del litio e la costruzione della batteria. Se una nostra azienda energivora dovesse spendere quei 96,5 MWh al costo di 10 cent/kWh (quello è più o meno il costo per loro), sarebbero 9.650 €. Ma in Cina e India costerà sicuramente di meno.
Poi se è da riparare una auto elettrica, dolori...
https://www.vaielettrico.it/problemone-riparare-le.../

Dichiarazione del CEO di Toyota di un anno fa https://amp24.ilsole24ore.com/pagina/AD6XQ38

Dichiarazione CEO STELANTIS: "le auto elettriche ci vengono imposte, qualcuno fallirà"
https://auto.hwupgrade.it/.../dichiarazioni-shock-del-ceo...
 

Napo

Utente attivo
Messaggi
28
Reazioni
6
Punteggio
3
Località
Milano / Trento (nei weekend)
Interessante...da leggere per i convinti ecologisti ambientalari ( del lo fanno per noi e per le prossime generazioni)

Come è noto, la tecnologia BEV – Battery Electric Vehicles, le auto a pile insomma! - prevede l’utilizzo di batterie a ioni di litio per accumulare l’energia necessaria per conferire all’auto la sua autonomia in termini di km percorribili.​

Il pacco batterie è quindi il vero e proprio “serbatoio” dell’auto a pile ma, a differenza di quello delle auto a motore endotermico, è tutt’altro che un semplice contenitore di idrocarburi ma il complesso frutto di tecnologie sofisticate che portano al prodotto finito.​

Vediamo quindi l’impatto ambientale ed energetico per la sua costruzione e, per semplicità, supponiamo che esso sia pari a 50 kWh. Al netto del suo insopportabile bias woke, interrogando chatGPT sui dati salienti relativi al processo di estrazione/raffinazione del litio e alla costruzione delle batterie, l’algoritmo AI mi ha fornito i seguenti dati: 1. Per un pacco batterie da 50 kWh occorrono circa 15 kg di litio. 2. Per estrarre 1 kg di litio occorre scavare fino a 5 tonnellate di roccia spendendo fino a 15.000 MJ di energia, più ulteriori 5.000 MJ per raffinare il metallo estraendolo dalla salamoia risultante. Un totale di 20.000 MJ/kg, equivalenti a 5,6 MWh/kg. 3. Sicché, per estrarre il litio necessario per fabbricare il nostro bravo pacco batterie dovremo scavare 75 tonnellate di roccia e utilizzare tanta tanta acqua, nell’ordine di 1.800 litri/kg, cioè 27.000 litri (che dicono quelli dell’acqua delle bistecche?). Inoltre, dovremo spendere un’energia di 84 MWh circa. A questa va poi sommata l’energia necessaria per costruire il pacco batterie vero e proprio che, a detta di chatGPT, si aggira intorno ai 250 kWh per ogni kWh di capacità, sicché ulteriori 12,5 MWh. 4. Ricapitolando, il “serbatoio” di un’auto a pile implica la necessità di scavare 75 tonnellate di roccia, utilizzare (“consumare”? “sprecare”?) 27.000 litri d’acqua e spendere 96,5 MWh di energia.​

In altre parole, l’auto a pile parte con un handicap di devastazione ambientale e un consumo di energia per la costruzione del solo "serbatoio" che non hanno eguali con un’auto a motore endotermico.​

Dulcis in fundo, sapete a quanti litri di gasolio corrisponde l'energia meccanica di 96,5 MWh spesa per produrre il solo pacco batterie? 27.600 litri di gasolio, con i quali un’auto degna di questo nome potrebbe percorrere fino a 500.000 km!​

Vincent Vega
🇮🇹

@VinnieVegaPF

Il costo dei 96,5 MWh di energia necessari per estrarre il litio e costruire il pacco batterie da 50 kWh? Dipende dai mix energetici dei posti dove avviene l’estrazione e la raffinazione del litio e la costruzione della batteria. Se una nostra azienda energivora dovesse spendere quei 96,5 MWh al costo di 10 cent/kWh (quello è più o meno il costo per loro), sarebbero 9.650 €. Ma in Cina e India costerà sicuramente di meno.
Poi se è da riparare una auto elettrica, dolori...
https://www.vaielettrico.it/problemone-riparare-le.../

Dichiarazione del CEO di Toyota di un anno fa https://amp24.ilsole24ore.com/pagina/AD6XQ38

Dichiarazione CEO STELANTIS: "le auto elettriche ci vengono imposte, qualcuno fallirà"
https://auto.hwupgrade.it/.../dichiarazioni-shock-del-ceo...
Grazie mille, ho rivisto rapidamente i calcoli usando le fonti che ho trovato sul web e mi pare che siano corretti nell'ordine di grandezza.
Mi sbilancio pesantemente (cit.), questa cosa è una follia. Possibile che non si possa andare un pò più con calma e cercare di esplorare altre opzioni per vedere se riusciamo a renderle più efficenti/economimiche? (idrogeno?). Nessuno è contro le fonti "rinnovabili" per ideologia (spero), ma penso che saremmo costretti a combatterle per la necessità di contrastare illogiche scelte politiche che coinvolgono tutti noi.
 

andi

Utente esperto
Membro Onorario
Messaggi
447
Reazioni
130
Punteggio
43
Località
Mestre
E' noto per qualsiasi mente che ragiona che l'imposizione dell'elettrico è una follia senza senso ambientalmente ma sopratutto devastante per la nostra economia, ma i politico-ambientalisti continuano sulla loro strada
 
Top