BACHECA ANNUNCI

VISITATE LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK!

Sono riaperte le iscrizioni al forum! Per registrarsi gratuitamente cliccare QUI

Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - Bortan

Pagine: [1] 2 3 4 5 ... 47
1
L'Enso torna utile e importante nel ruolo di eventuali incrementi, riferibili a possibilità di avere più o meno insorgenza di fenomeni da SSW e MMW.. per il resto resta il discorso di prima..
questo è un discorso sensato ...scindere le due cose , da una parte si analizza e si cerca di comprendere le anomalie del riscaldamento globale e i suoi meccanismi di sviluppo e affermazione ,dall' altra si analizza la possibile influenza di un indice TLC sulle sorti di una singola stagione e le sue fluttuazioni in alta frequenza a quali modifiche comporta sull' interazione tropo- stratosferica ...

2
E nn sono d' accordo che l' Enso possa sistemare le cose ...nn basta avere la Nina anche con fenomeni biennali triennali etc a rientrare dal GW ...la Nina ha buona correlazione con la PDO - ma nella sua fase accumula calore nel pacifico che in qualche maniera poi deve essere smaltito dal El Nino ...come valvola di sfogo ...se nn ricordo male negli ultimi anni abbiamo avuto molti di questi in nina like e alcuni nino strong ...ne parlavamo con mat 69 ... Nn è la soluzione ...in senso generale ... :)

3
Ah ok ...su questo sono totalmente concorde .. compreso il discorso sull' Enso ...ero uno dei primi a condividere con te  i dubbi quest'autunno sulla situazione nn bella in atlantico ...l' artico e la stratosfera ... Condivido tutto ..  :) ;)

4


 Ripeto: "La Risposta è in ATLANTICO E NELL'ARTICO."

 ;)
[/quote] quindi l' inverno fallace e nefasto è per colps dell' artico e della situazione in atlantico ...può spiegare il perché ...nn l' ho capito .. grazie

5
Vi vedo convinti ... Io anche  :P...ci torneremo magari con più calma e con più dati alla mano ... :-*

6
Questo è lo straordinario --HF di quest'anno, giudica tu... ::)



Inoltre, la discreta correlazione è tra Niña e clima Europeo più asciutto, che è un discorso ben diverso e prettamente troposferico: abbiamo avuto ESE Cold in ogni condizione, portami evidenza puntuale e faccio ammenda.

E se così fosse, allora non comprendo su quali basi avete basato le vostre argomentazioni in questa stagione, perchè in ogni post fino a ieri c'era la magica frase "secondo me arriva l'MMW Split domani" a fronte di una Niña ben consolidata in lieve/moderata (tra l'altro mistificandola come strong a più riprese...)

Concepite la Meteo in modo troppo semplicistico: come ingredienti, 2/3/4 indici, mescolate bene in un bel calderone ed il risultato è pronto all'uso, contradicendo quanto affermato un secondo prima.

Quindi, per capire: è colpa della Niña biennale che nell'era moderna infastidisce un pò oppure dobbiamo guardare altrove, ad esempio in atlantico o in artico? ::)

In sintesi, io penso che la Niña dovrebbe continuare ancora, a compimento di un riassetto NH che al momento è incompiuto...fai tu :-*

Perdona il tono, ma non possiamo far passare determinati concetti come già assodati.
mi sembra di aver ben spiegato il concetto e nn è il caso di ritornarci .  Tu la pensi criticamente diversa da me , ma al contempo nn esponi la tua causa o motivazione in merito ..  quindi rimango della mia idea e nn sono stato convinto ...il concetto espresso è assolutamente condivisibile ,tra l' altro da molti competenti quanto te ,caro , e me lo tengo stretto ...avanti chi vuole convincermi che la causa sia stata un' altra.  Mi metto in attesa di vostri interventi ..

7
No Bortan, sei fuori strada imho :-*

Proviamo a valutare il plot HF di alcune annate più o meno recenti, in presenza di Niña ben consolidata ;)

Esempio classico il 1984-85, MMW storico e che ha avuto andamento Niña sovrapponibile a quello attuale, in virata nell'estate 83 e trimestre invernale a magnitudo moderata



Anche nell'inverno seguente, MMW non pervenuto e stratosfera decisamente più fredda, andamento HF più che soddisfacente



...tra l'altro tutte annate a +PDO... ::)

Altro esempio può essere l'inverno 1998-99, MMW decisamente early e con Niña in virata nella primavera 98 e trimestre invernale decisamente in grande spolvero (moderata/strong)


dai ammiraglio lo sanno anche i sassi che la Nina ha una buona correlazione con gli ese cold basta guardare in archivio , forse sfugge solo il 1985 .  Il comportamento degli heat flux rispetto agli anni passati devi correlarlo alla diversa disposizione energetica con quegli anni.   Il vero problema di questi ultimi anni in riscaldamento climatico è l' aumento di temperatura nell' artico e nn nei tropici ...questo è già motivo di minore gradiente meridionale di temperatura se ci aggiungiamo la Nina biennale il divario termico si riduce notevolmente ed ecco lo straordinario low heat flux event di quest' anno ..in quegli anni avevamo un maggiore delta tra tropici e polo , l' AA nn era così evidente come in questi ultimi anni ...quindi pur analizzando il comportamento degli heat flux che potremmo riscontrare una similitudine come la correlazione con gli ese cold , nn possiamo sovrapporli come delta termico ed energia da gradiente ..  epiche diverse e climi diversi . Sono evidenze queste ...

8
Scusa Bortan, io avevo inteso un altro concetto  ascoltando altri longer sia qui che su Meteonetwork e cioè  che una Nina così come quest'anno è positiva perché inibisce lievemente  la weave1  rispetto ad  altri anni ove risultava troppo invadente tale da inibire la risposta della sorella atlantica. Ricordo bene di averlo sentito anche da Mat69 nella serata online su Meteonetwork appunto... Qualcosa non mi quadra

Inviato dal mio CLT-L29 utilizzando Tapatalk
allora visto che hai citato mnw ( guarda ultimi post mnw ) ....la Nina ,così prendo due piccioni con una fava ( ammiraglio ) , inibisce il gradiente meridionale ( orizzontale ) e verticale di temperatura , questo fattore è direttamente visibile e condizionante sull' onda planetaria del pacifico ( Aleutine ) . Se da un lato la Nina è correlata ad una disposizione delle ssta da PDO - like dall' altro inibisce , come detto il gradiente , e quindi , pur essendo la wave 1 in ottima posizione per convergere ed introdurre il vps lasciando lo spazio alla wave 2 ( disposizione asse vp come da schema di Filippo ) nn ha quella sufficiente energia per introdurre il VP se nn , come esempio di quest' anno , modularlo in forma ellittica . Quest' anno abbiamo avuto un buon setting troposferico che ha permesso lo sviluppo del wave 2 pattern stratosferico ma guardando gli heat flux siamo in low heat flux event ... C'è da aggiungere che dobbiamo considerare la nuova tendenza ad avere una stratosfera più fredda della norma e quindi più strong , per i discorsi riferiti al feedback dell' amplificazione artica estiva , alla costante nascita del vp in dipolo artico e quindi al suo ritardo nello sviluppo ..  tutte considerazioni che in questa stanza sono già state ampiamente discusse . L' anno scorso arrivavano da un ' Enso - agli albori che ha pescato energia dal blob + pacifico e di conseguenza , a fronte di un raffreddamento del vps avvenuto nel mese di dicembre con caratteristiche similari all' ESE cold , la wave 1 ha operato un forcing ( coadiuvata già da un' impostazione da PDO - like ) sul vps che ha portato al mmw che poi si è dimostrato ibrido per la mancanza di partecipazione della wave 2 , causa troppo sbilanciamento energetico sulla wave 1 ...il tutto si è concluso con un simil displacement . Se analizzi gli anni passati caratterizzati da nina moderata o forte scoprirai che la maggior parte anzi per la stragrande maggioranza hanno prodotto un ' ESE cold ... Quindi c'è una buona correlazione tra nina ed ESE cold , ma questo penso si sapesse già , anche ad inizio stagione , nn a caso abbiamo pregato tutti che fosse un fenomeno East based per sfruttare la MJO in magnitudo nelle fasi 6-7-8 ( propense a blocchi zonali in atlantico ) ...abbiamo visto come questo fattore si è esplicato ma con modalità differenti dal modus previsionale ,operando in ambito euro atlantico sempre onde nn convergenti oltre il 60 N , quindi in successiva divergenza e subsidenza , abbiamo avuto un paio di situazioni da Bartlett High e omega blocking ... Tutto dovuto alla poca energia a disposizione in riferimento alla zona atlantica ( ma come spiegato anche nel pacifico con onda poco stabile e tendenzialmente in evoluzione verso west coast ) e alla forza del vp coeso nella sua massa sopra i 60 N , complice il raffreddamento strong del vp caratteristica degli ultimi anni ..ma di questo ho già parlato . Attenzione a nn fare di tutta un' ' erba un fascio perché gli ultimi due anni differiscono dai precedenti per la disposizione in pacifico in modalità PDO - like contro gli ultimi 8 anni caratterizzati dal blob + che ha mascherato anche le eventuali oscillazioni in alta frequenza della PDO in PDO + ...riguardo Matteo , ci sentiamo spesso e condividiamo la stessa idea come con altri ...ma questo nn vuol dire che è la soluzione a tutti i mali puntare il dito sulla nina ma è giusto considerarla come variabile in un contesto di contorno climatico diverso da epoche passate che ai fini orticellistici da risultati deludenti ... In pratica è giusto considerare che è sempre più difficile avere un ' inverno buono dalle nostre parti perché siamo una zona più sensibile al cambiamento climatico e con minori possibilità invernali anche cambiando la formula delle TLC ... :)

9
Tutti molto bello: quali sarebbero queste caratteristiche? ::)


Admiral Ackbar
quelle elencate nel mio post

10
Direi che ha tutte le caratteristiche per esserlo , poi che ci siano altri meccanismi che si sono inceppati questo è abbastanza chiaro e fanno riferimento a tutte le anomalie che si sono amplificate negli ultimi anni ...questa è la mia , ma nn solo mia , chiave di lettura della stagione , se ci sono altre teorie ben vengano e che siano esposte e ben documentate ...al momento nn ne ho lette ... Se poi ci vogliamo attaccare al GW è un po' semplicistico e nn credo che sia la risposta qualunquista che volete mettere sul piatto ... PS . Non affrettatevi a cercarla , ponderatela , e sarò lieto di essere convinto . Per il bene comune di analisi concreta della/ delle cause ... ;)

11
Mi piace questo confronto ...direi di approfondire ,uscirànno spunti di riflessione ...ragioniamo e mettiamo sul piatto tutte le idee a fine inverno ...qualcosa deve pur uscire ... ;D

12
1955-56 Niña moderata/forte (triennio 1954-57)
1984-85 Niña lieve/moderata (triennio 1983-86)
Inverno 2022-23 con buona probabilità saremo in Nada…

Così, per dire… ::)


Admiral Ackbar
un' esempio lampante che quegli anni nn calzano con i nostri è la stratosfera strong cold ...una cosa è avere una sratosfera meno fredda e piu manleabile per gli heat flux pur deboli ...senza arrivare a mmw ..mi sembra che il 56 nn ci sia stato mmw e un' altra avere heat flux deboli pur convergenti con una stratosfera coesa , fredda , strong con valori record come postato da Filippo ..e questo è solo la prima differenza che mi viene in mente ...

13
1955-56 Niña moderata/forte (triennio 1954-57)
1984-85 Niña lieve/moderata (triennio 1983-86)
Inverno 2022-23 con buona probabilità saremo in Nada…

Così, per dire… ::)


Admiral Ackbar
si ma tutto un' altro contesto climatico ...nn si possono fare paragoni ...nn a caso i paragoni con gli anni passati in correlazione TLC hanno dato ultimamente risultati fallaci ..finché nn cominciamo a ragionare in un contesto climatico diverso con altre variabili in gioco o comunque nettamente modificate andremo sempre incontro ad errori previsionali ...troppo semplice paragonare il 56 con il 2022 ... Infatti il paragone nn ha retto ... Come detto bisogna incamerare i buoni risultati TLC studiati in questa nuova era climatica e ragionare con le nuove variabili ... è un lavoro complicato semplicemente perché si hanno diverse basi di partenza .. come i paper sono ripresi , sviluppati e aggiornati anche le TLC del nuovo clima devono passare attraverso una nuova e diversa rimodulazione ..lavoro duro ma nn ci arrendiamo ... :)

14
In qualche maniera penso che , nn considerando altre TLC , ma facendo solo riferimento alla zona Enso , il prossimo anno se il pattern PDO - si confermasse con un fenomeno di Nino ,tutta la quantità di calore immagazzinata dalla zona pacifica tramite circolazione termoalina potrebbe dare un contributo energetico mica da ridere ...il nino sarebbe un' ottima valvola di sfogo ..

15
Beh penso che emisfericamente abbia piu influenza per il fatto che ha più tempo di trasferire il segnale a tutto l' emisfero ..nn a caso l' anno scorso abbiamo avuto una wave 1 potente in PDO - like ma una wave 2 nn altrettanto partecipante .. abbiamo avuto un mmw con lo stesso raffreddamento stratosferico a dicembre ..poi si è manifestato split / displacement per la mancanza di equilibrio tra le due wave ( seconda soffocata dalla prima ) ...quest' anno il wave 2 pattern è sempre stato presente a fasi alterne con modalità eccentrica del vp ma con poca energia a disposizione delle wave per esercitare il collassamento e split del vp ...

16
Penso più al fenomeno biennale che al valore in se .. comunque sono aperto ad indagare e prendere in considerazione tutte le ipotesi , basta arrivare a capo della matassa ... ;D

17
Beh la Nina in un quadro climatico modificato come quello di oggi ha inciso. Sto parlando di energia mancante al sistema dal punto di vista di destrutturazione del vps con una buona presenza del wave 2 pattern strato ... Quindi il setting era quello giusto ...magari con una nina debole East based forse avremmo sfruttato meglio le fasi 6-7-8 ... Il moderato forte ha tolto energia ..nn a caso siamo in un low heat flux event ...scontato dire che il raffreddamento stratosferico ultimamente sta registrando record per la difficoltà di maturazione del vp in autunno ( AA , AD ) ... Tutte cose che abbiamo già analizzato ...il contesto climatico è cambiato rispetto agli anni 70 ... Questo , della nina , è un motivo molto importante che ha reso fallace la previsione stagionale ...nn a caso tutti ci auguravamo una nina debole come i forecast autunnali facevano presagire ... Cella di Hadley . Amplificazione artica , dipolo artico , GW e raffreddamento stratosferico sono tutte cose già acquisite e condizionano il contorno climatico ...le davo già per scontate ... :)

18
Al di là di tutti discorsi fatti pienamente condivisibili sul cambiamento climatico in corso bisogna però scindere il discorso relativo a quest' inverno analizzandolo nel  nuovo ,appunto , contesto climatico per nn cadere nello sconforto . Il problema di fondo quest'anno è stata la mancanza di energia profusa o limitata dalla nina che ha reso fallace un quadro TLC ottimo e che conseguentemente ha portato risultati molto diversi rispetto alle aspettative . Direi che il lavoro fatto qui dentro è stato molto soddisfacente e nn può / deve essere buttato alle ortiche per un tassello mancante , e quindi  nn si ci deve scoraggiare per il risultato TLC ottenuto . Rimbocchiamoci le maniche e andiamo avanti ...abbiamo capito e sistemato un' altro pezzettino del puzzle teleconnettivo per formulare una previsione , almeno per la stagione invernale . ;)

19
Eh sì, se va bene si va alla seconda metà di febbraio. Che tristezza.
eh ma vedo poche chance anche per la seconda parte di febbraio , come detto al momento nn ci sono in vista forzanti che possano portare ad un SSW ..forse giusto l' avanzamento stagionale .Direi che la biennale nina ha reso fallace il nostro inverno che partiva troposfericamente con ottime potenzialità ... :)

20
Quotazioni per il early FMW in rialzo ...anche se nn è così scontato ...al momento la medio bassa stratosfera rimane compatta ...nn si intravedono intrusioni di momento easternlies mentre i piani superiori vivono una sorta di rianimazioni prolungata .. si può tranquillamente andare lunghi e sforare in marzo con la stessa disposizione con vps meno coeso in alto ( epv ) e coeso in basso , con troposfera reattiva con onde planetarie prevalentemente divergenti e comunque nn intrusive oltre il 60 N ,alternate ad impulsi stratosferici di PV ..ricordiamoci che i forecast nina vedono un proseguimento del fenomeno con la stessa intensità per tutto febbraio almeno , quindi gradiente molto debole .  Sarà forse l' avanzamento stagionale a creare una maggiore ondulazione del getto ma per febbraio continuando in questo loop circolatorio saranno poche e lievi le modifiche al quadro circolatorio . Per marzo invece ci potrebbero essere più iniezioni di calore ( flussi ) e l' ESE cold potrebbe avere minor energia .

21
Si ...speriamo nn sia il solito miraggio ...voglio conferme ..ci giochiamo il mmw come previsto per metà febbraio ... ;D

22
    questo sarebbe anche un buon aggiornamento ...ma si può credergli ...???

23
Dalla panoramica dei GM ,escluso ecmwf , il loop circolatorio continua senza sosta fino almeno alla prima decade di febbraio ...come detto per ora nn si scorgono forzanti che possano cambiare il quadro ... :)

24
Voglio dare una chiave di lettura personale sulla situazione . Parto dal fatto che è ormai appurato che , la Nina ,pur East based ,nn ha dato quell' energia a disposizione dell' ottimo setting troposferico per il minor gradiente meridionale e verticale di temperatura , il fatto che nello storico dell' evoluzione si nota un costante pattern a 2 wave in stratosfera è testimonianza del buon setting troposferico ( PDO - ) ma altresì il low heat flux event testimonia la bontà del discorso fatto sulla nina . In pratica è da inizio dicembre che andiamo avanti in un loop circolatorio che riguarda sia la troposfera ma anche il coupling ( decoupling ) tra troposfera e stratosfera , abbiamo un vps strong incentivato dal low heat flux event con conclamaziine di un ese cold al 10/19 gennaio ma è tutta la situazione da vps strong da dicembre che caratterizza i connotati indipendentemente dai superamento soglia , e dall' altra parte una troposfera che sviluppa sempre un contrasto ad eventuali condizionamenti ... Penso che la mjo in fase 6-7-8 caratteristica della nina East based nn abbia granché favorito situazioni buone per la nostra penisola perché nn è andata in sincronia con un buon gradiente ed ha trovato un vp sempre coeso sopra i 60 N , quindi si sono create situazioni di subsidenza delle onde e parziale divergenza ..il tappo poi creato in bassa stratosfera in questo periodo , specialmente , nn ha consentito un gran passaggio di flussi da poter destabilizzare il vps se nn alle quote più alte , più sensibili al riscaldamento e al momento easternlies . Il loop continuerà fino almeno alla prima decade di febbraio con colate magari più centrali e con la MJO in zona indiana dentro il cerchio a nn intervenire come forzante sul quadro euro atlantico ... Nella seconda parte di febbraio presumibilmente si vedrà un ritorno della MJO in magnitudo in fasi 6-7-8 ma sempre in regime di nina ( poco gradiente ) ...qui sarà da giocarsi l' avanzamento stagionale che potrà dare quel quid di energia per la realizzazione del mmw avendo già un vps spompato ( alte quote ) ...oppure l' altra ipotesi potrebbe essere sempre la mancanza di energia e allora si potrebbe andare in fmw early ma probabilmente in marzo ...

25
Purtroppo sono diversi anni che manca una vera fase invernale tosta nella prima parte e parte centrale dell'inverno. Il raffreddamento stratosferico non perdona...  ;D
e tutto riconducibile alla amplificatore artica , alla nascita del vp in AD e di conseguenza la sua lenta maturazione nella fase autunnale che sprinta nella prima mensilità invernale ...tutto un feedback atmosferico che opera la stratosfera  ( cooling ) per bilanciare il surplus troposferico ( warming ). Quest' anno abbiamo avuto un lieve miglioramento in fatto di minor ablazione post estiva ...speriamo in conferme nella prossima stagione estiva ... Quest' anno sarà molto difficile ripetere l' ennesimo ESE cold primaverile con feedback sulla positività della NAO estiva ..

26
Rimanendo saldo sulla mia idea di avere un mmw in febbraio , evidenzio come nel range dei prossimi 15 gg una mjo rientrante nel cerchio molto probabilmente ci favorira per nn avere più una hp molto invadente sull' Europa occidentale e un possibile canale da NW con onde corte ...questo sarebbe già un buon segnale di ritrovata dinamicità in questa fase dove l' ESE cold darà il meglio di sé come trasmissione di PV ...tornerà in cattedra il wave train troposferico con ondulazioni più occidentali e meno deviate ad est ..potrebbe essere un remake dei primi di dicembre , quando ancora la MJO nn aveva monopolizzato il comparto euro atlantico con le fasi 6-7 reiterate ...  :)

28
Se posso dare la mia umilissima opinione credo che il problema di questo inverno sia l'eccessiva forza della Nina. La Nina ci era molto utile per invertire il deleterio pattern PDO ma ha finito con l'essere troppo intensa e togliere troppo benzina alla wave 1.
Abbiamo avuto quindi spesso un 2 waves pattern ma che oltre che andare a modulare il VP non lo ha mai davvero impensierito. Non si è mai avuto quel sussulto dell'heat flux capace di portare il break down del VP (nonostante il setting troposferico favorevole).  Stamattina ECMWF vede un picco wave 1 come non si vedeva da settimane e questo ovviamente va ad inficiare sui flussi della seconda cresta d'onda, ma chissà che non serva questo per uscire da questo "pantano" in cui siamo finiti.
condivido ogni singola parola ...  8)

29
intanto con calma si risale ...

30
Si certo ....era solo ai fini statistici ... indipendentemente dal mmw sarebbe da valutare l' andamento dei flussi ...in regime di nina è da mettere in conto ...l' avanzamento stagionale può aiutare è rende probabile più per fine febbraio un SSW ..ma visto l' andazzo di quest'anno nn mettiamo limiti alla provvidenza ...il setting troposferico , comunque , se si stemperassero gli effetti dell' ESE cold , potrebbe servire un buon antipasto già  dalla prima decade di febbraio ... :D

31
Quest'Inverno è come veder giocare un  Brasile nella sua forma migliore e con una disposizione in campo strepitosa, ma che tuttavia non riesce a segnare.........


semplicemente credo che il ragionamento del nonno sull' ESE cold trovi sempre più conferme e più logicità in funzione di paper al riguardo .. secondo il mio parere lo schema o l' impostazione del VP segua come da prassi una modellazione imposta dal setting troposferico che però in regime di nina ,anche se East based , si è dimostrata moderata / forte in corrispondenza della stagione invernale , questo ,per il minore gradiente di temperatura , ci ha portato a vivere un low heat flux event che in sincronia ad un classico , ormai , raffreddamento stratosferico dopato negli ultimi anni , ha portato il vps a compattarsi , approfondirsi e raffreddarsi oltre il limite soglia e conclamando l' ESE cold , secondo me a dicembre ... La disposizione del vp in forma ellittica a causa di continui disturbi e pressing del pattern a 2 wave stratosferico per il setting troposferico nn ha consentito una propagazione del condizionamento stratosferico di PV in troposfera . Se poi guardiamo la situazione delle epv in alta stratosfera questo mi fa più pensare che siamo di fronte alla fase finale dell' ESE cold ...ai posteri l' ardua sentenza ...

32




Comunque nonno , qualche serio dubbio sovviene guardando questi grafici ...e nn pochi dubbi sul fatto che il nam sia stato sfondato molto prima del 10 gennaio 2022 ...dipende sempre da quale grafico e misurazione viene considerato il nam ...qui credo nn ci siano grandi dubbi ..

33
Condivido ancora una volta il tuo post ,nonno , io vedo che nei GM vige ancora un' incertezza sul da farsi sul lungo termine ..siamo per assodato che ci sia quasi scontato un' accorpamento delle masse del vpt per terza decade ma già ai primi di febbraio scorgo una reattività nel pacifico e un SH a disturbare l' avanzata delle correnti zonali ...secondo me questa è una fase temporanea di accorpamento ..tra l' altro continuo a vedere nel fub un contributo di heat flux convergenti a 10 hPa e nessun abbattimento degli stessi ..poi , sinceramente , un vps così smenbrato nelle epv in alta stratosfera a 10/15 gg dal presunto superamento soglia lo considero un po' anomalo ...siamo sicuri che il vps abbia così tanta benzina ...













 ;)

34
Interessante nonno il tuo discorso e mi sento di condividerlo ..ai posteri l' ardua sentenza ...anche se da più parti sembra eresia parlare di un ese cold retroattivo rispetto a quello indicato 10 gennaio , rimango dell' idea che qualcosa nn quadra e anzi tante domande in merito a questa prima parte di stagione hanno risposta se si valuta un' ESE cold ormai datato ...come detto ai posteri l' ardua sentenza e nn è utopia pensare che siamo agli sgoccioli ..io sono possibilista su un mmw tra prima decade e metà febbraio ... :D

35
indubbiamente siamo in un low heat flux event e poco dopo il lag 0 ...se come da letteratura dopo una fase di maggior propagazione di segnale westernlies in troposfera ( terza decade ) ci si può aspettare una graduale ripresa degli heat flux , nn sarebbe utopia immaginarsi un mmw per metà febbraio ...questa secondo me la via d' uscita per rendere meno lungo il condizionamento da ESE cold e aprite le porte ad un periodo dinamico invernale al fotofinish ...se andasse a ramengo anche questa ipotesi nn vedo motivi per cui l':' ESE cold nn possa andare lungo ...

36
Indipendentemente dagli ultimi aggiornamenti dei  GM , che possono ancora dare un' altra chiave di lettura a medio lungo termine , nutro molti dubbi sull' effettiva durata di questo ESE cold ....sono dell' idea che l' energia a disposizione dello SC sia veramente limitata e penso che siamo vicini al canto del cigno ..io da buon credente in una dinamica continuerò nei prossimi giorni a monitorare lo stato delle epv nei vari piani isentropici del vps anche perché stamattina qualcosa di buono è uscito su un piano isentropico ...come tendenza di propagazione di momento easternlies ... :)

37
Se analizziamo la stratosfera vediamo che è composta da vari piani isentropici con caratteristiche opposte alla troposfera e cioè con un gradiente opposto di temperatura rispetto alla troposfera . In pratica in troposfera più si sale e più la temperatura scende fino alla tropopausa , da esse in poi si ha gradiente inverso e cioè la temperatura aumenta più si sale . Altra peculiarità della stratosfera è che più si sale e più l' aria è rarefatta e quindi le sue molecole più sensibili ad eventuali riscaldamenti indotti dal basso ( heat flux ) . Nel caso della nostra stagione invernale noi abbiamo un settaggio troposferico consono allo sviluppo di flussi di calore convergenti che dovrebbero destabilizzare il vps , ma essendo in regime di nina nn abbiamo quel gradiente meridionale forte tra tropici e regioni sub polari ...proprio perché la Nina opera un raffreddamento in area tropicale ( pacifico )  , in soldoni abbiamo una corrente a getto più ondulata per minor gradiente ,( più gradiente più flusso zonale teso ) . Essendo un fenomeno Enso biennale il feedback si è esteso a tutto l' emisfero . Riassumendo abbia meno energia a disposizione delle onde planetarie e quindi degli heat flux . Ecco perché la stratosfera ad inizio inverno si è notevolmente raffreddata sotto l' incedere stagionale senza avere un contributo di heat flux decente che l' ha portata ad un arresto e indebolimento . Anche il 2 wave pattern , segnale di un buon setting troposferico , nn ha avuto la forza , energia per introdurre il vps che nel frattempo si è raffreddato e approfondito nella sua massa ( epv ) . Il comportamento degli heat flux è la cartina tornasole di questa evoluzione , abbiamo vissuto un low heat flux event che ci ha poi portato all' ESE cold . Ora siamo in una fase dove lo stesso sta cercando di imporsi su una troposfera nn settata a riceverlo e ha quindi difficoltà di trasferimento di momento westernlies in basso.  Quel poco comunque crea degli attriti ( heat flux ) che per il setting sono convergenti ma per la Nina ( gradiente ) deboli . Ecco perché l' indebolimento avviene ai piani più alti stratosferici , semplicemente perche gli heat flux che passano la tropopausa favoriscono un momento easternlies in alto e una disgregazione delle epv di massa nei piani alti stratosferici . Ma qui stiamo seguendo anche un ' iter di riscaldamento stratosferico anche consono , quindi nessuna novità anzi il tutto è stato anche favorito dalla compressione di massa operato dall' ESE cold per compressione adiabatica . Quindi ci troviamo con una bassa stratosfera coesa e fredda e con una stratosfera alta poco coesa ( epv ) ..ora l' ESE cold opererà una certa tendenza a trasferire PV in basso ( troposfera ) ma noi stesso contempo provocherà attriti per setting troposferico e quindi uno sviluppo di heat flux sempre più convegenti e forti .. questo opererà una in alta strato un forcing ai piani bassi della stratosfera di momento easternlies che a lungo andare interesserà tutta la colonna . In pratica si potrebbe finire anche in mmw se l' impennata dei flussi sarà consistente e rapida . Questa dinamica sarà opera dell' ESE cold che fornirà l' energia necessaria al compimento della dinamica ...quello che la Nina ad inizio stagione nn ha consentito , cioè darà quella benzina in più necessaria ...

38
Scusa Bortan, la prima ipotesi è  quella di vp chiuso  e strato  molto fredda,...quindi sappiamo quanto inverno potrebbe negarci ancora, ma la seconda che mi par di capire aprirebbe strade migliori, potresti anche esprimere il tuo pensiero!?,... l'hai sempre fatto!!! Cosa vuoi mai!!! anche se tu dovessi "sbagliare"... continueremo ad avere quella malefica alta,...con aumento della siccità su vaste aree della padania ma anche sulle Alpi. Quindi esprimi tranquillamente il tuo pensiero, senza aspettare chissà  quali elementi! ...perché  se ci fai aspettare vuol dire che siamo fermi al solito punto...il nulla. Grazie ;)
;D ;D...nn c'è d' aspettare tanto ..qualcuno uscirà con qualche post a breve ... :o

39
Comunque vi sembrerà strano ma in Reading a primo impatto ci starebbe una visione da vpt e tanti saluti ...ma ci vedo anche una possibile diversa visione che ci può stare benissimo ..al momento resto in silenzio ...quando avrò più elementi mi sbilancero .. :)

40
PS ... ecmwf a 240 h è da ...ci vediamo a novembre 2022 ... :-\

41
Volevo segnalare che il FUB esce alla 4 del mattino ed è l' esemplificazione in troposfera nel GM ecmwf a 500 hPa del run 12 del giorno prima   . Quindi il run 00 di ecmwf nn c'entra con il FUB mattiniero dello stesso giorno , è un' aggiornamento successivo al fub ... :)

42
Potrete essere il primo segnale del glaam in virata negativa ...segnale che nel pacifico dovrebbe ancora arrivare ... Gfs qualcosa accenna nell' uscita 00 con onda planetaria pacifica nn più addossata alla west coast ...


sul forecast pna , nel lungo si intravede un' accenno di inversione , molto fumoso il segnale al momento , ma ci fosse una bella frustata , allora se ne vedrebbero delle belle .. in atlantico  :D 8)

43
Ti ci aggiungo anche il riflesso a 150hpa.


si è però riferito all' uscita serale di ieri . Vorrei vedere l' aggiornamento di stamattina , uscisse ..... :D

44
A dimenticavo che come fattore/ variabile inserisco la Nina , che era per me già un fattore acquisito , che diminuisce il gradiente meridionale ( orizzontale ) e verticale ..rende si la corrente a getto più ondulata , ma  elargisce meno energia in atmosfera ...questa la considero una variabile generale di questo inverno , che ha ancora più influenza rispetto all' anno scorso perché quest' anno è biennale.   Ottima per la zona PDO ma meno per gli heat flux ..

45
siamo in piena fase di touchdown e nn siano in prima armonica ..e neanche lo saremo dopo ...a quanto fanno vedere i forecast ..poi se cambiano questo nn posso saperlo ..ma esaminando lo step in questione questo è un dato di fatto. .senza polemica ..ma con spirito di osservazione .confronto per venire a capo della matassa .. :)

46
Guardate che alla fine stiamo dicendo le stesse cose solo che si cerca di analizzare in profondità le cause di un mancato movimento che ,qui , da tanti era auspicato e previsto tra il 15/20 gennaio e che sembra quasi sfumato ... L' idea era " quasi " giusta ma ci sono variabili che sono intervenute che hanno reso fallace la dinamica auspicata ..... altrimenti sarebbe avvenuta . Nn si può solo analizzare l' ESE cold e il suo , per il momento , nn condizionamento troposferico per l' ottimo setting dello stesso , della nn sincronia della colonna , della mancata prima armonica , e tutto quello che abbiamo già detto qui ...bisogna andare più affondo alla questione e capire perché un' idea previsionale congrua e fattibile , al lato pratico nn è stata congrua e fattibile ...la trooosfera volendo o nn volendo è sempre colei che comanda le operazioni e io ho voluto ricercare il motivo per cui questa dinamica nn è arrivata a buon fine e i GM stanno facendo vedere cose diverse da quelle auspicate ...perché è in dubbio che il setting troposferico è ottimale ..ci deve essere qualcosa comunque nel setting che nn ha consentito questa manovra .. altrimenti si buttano via anni di analisi , applicazione e dedizione e si passa in una sorta di rassegnazione pensando che quello studiato nn sia servito a nulla ..ed invece io rimango dell' idea che quello che si è analizzato qua per anni abbia un senso e una buonissima valenza ai fini previsionali ma che c'è da aggiungere un' altro tassello da controllare e verificare. Sperando che sia l' ultimo ...ma nn credo  :D

47
Il NAM ad esempio,  ci sono decine di paper  se cerchi su internet come avviene l'interazione fra strato e tropo ;)
e questo avviene tramite le PV o momento westernlies ...

48
Il NAM ad esempio,  ci sono decine di paper  se cerchi su internet come avviene l'interazione fra strato e tropo ;)




Ma io nn sto dicendo che la stratosfera nn ha condizionato la troposfera , ma che è in minima parte il suo contributo ,e che le dinamiche che vediamo nei GM post touchdown  sono  attribuibili a dinamiche " quasi " esclusivamente troposferiche ..che pur avendo un setting troposferico ottimale e propedeutico ad una riattivazione d' onda post touchdown questo nei modelli nn si intravede e la fase che ci auspicavamo tra il 15/20 gennaio ormai è messa in archivio ...abbiamo una troposfera da nn prima armonica ma altresì una concomitante correlazione con la gwo,mjo e glaam nn propedeutica a quella ripartenza d' onda auspicata ... Come ben sai le onde di rossby hanno bisogno di un ZW ma questo è un sottile equilibrio ...

49
No, non funziona così  ;)  non si guardano solo le vorticitá .
La Stratosfera sta condizionando al momento, vedremo più avanti se avverrà uno sblocco
scusa Filippo e cosa si guarda ...

50
Allora, se continuiamo a guardare in alto ci facciamo male. La situazione termica nei bassi strati, specie nell'analisi mari terraferma, per me è molto confortevole. Il settore Caspico, la Russia Centro meridionale, l'Est Europa, specie centro meridionale, sono piuttosto freddi, fino alle porte dell'Italia, ex Jugoslavia. Molto caldo l'Oceano centro orientale. Credo che vada assestandosi una condizione di blocco reiterato con il flusso freddo in quota che punterà l'Est Europa, ma il Mediterraneo come spartiacque, portà catalizzare in più di qualche occasione le manovre fredde, rimanendo l'area più predisponente per ciclogenesi. Per ora lasciamo perdere febbraio, ma io conto che l'ultima decade di gennaio faccia vedere inverno e la mappa ECMWF a 192 ore rappresenta bene lo schema medio. Magari puntate più veloci tra il 20/21 e il 23, ma l'ultima settimana la vedo artica-continentale con affondi importanti..  8) 8) 8)

concorde ...appena il glaam ci mollerà , e lo vedremo quando il pna tornerà negativo , il quadro atlantico favorita un ' ATR meno pressato dalle ZW e più libero di elevarsi sopra il 60 N con radice più spostata in atlantico  con situazione anche di reiterazione ...aggiungiamoci il raffreddamento che opererà questa fase sulle nazioni dell' Est europeo a contrapposizione termica ... Qui la MJO potrebbe essere determinante , in senso positivo o negativo ... :)

Pagine: [1] 2 3 4 5 ... 47