BACHECA ANNUNCI

VISITATE LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK!

Sono riaperte le iscrizioni al forum! Per registrarsi gratuitamente cliccare QUI

Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - neve_a_Roma

Pagine: [1] 2 3 4
1
Tu dici?, Mahh, a me NAO AO verso neutri e un PNA fortemente negativo, mi suggeriscono blocchi atlantici alti e eventuali retroazioni fredde continentali oltralpe.. In questo modo finirebbe davvero l'inverno su 3/4 d'Italia forse solo il Nord ne beneficerebbe. A me starebbero bene l'AO a -3, NAO a +1 e PNA a +3 :D :D :D .. Quel PNA così sprofondante non mi piace..
Abbiamo bisogno del PNA negativo per far arretrare il canadese verso ovest così da lasciare spazio alla wave 2 di salire.

2
Nowcasting Lazio / Re:Nowcasting, Roma e provincia Gennaio 2021
« il: Gennaio 17, 2021, 10:48:16 am »
Quoto l'assenza di vento non ha rovinato la colonna, sopratutto in quota. Peccato, bastava due ore prima e qualcosa sicuramente si vedeva.
Non l'ha rovinata soprattutto al suolo. E' da stamattina che le zone dei castelli a 300/400 metri viaggiano a temperature più alte che in pianura perchè sono zone che risentono maggiormente dei venti.

3
Nowcasting Lazio / Re:Nowcasting, Roma e provincia Gennaio 2021
« il: Gennaio 17, 2021, 10:39:08 am »
Tuscolana/subaugusta pioggia debole 3°C e dewpoint -0.6°C. Al massimo sarebbe stata pioggia gelata causa zero termico troppo alto, le temperature basse sono dovute solo all'inversione termica notturna + assenza di vento + assenza di sole.

4
Nowcasting Lazio / Re:Nowcasting, Roma e provincia Gennaio 2021
« il: Gennaio 16, 2021, 11:20:59 pm »
Domani si va di nowcasting impossibile fare una previsione.

5
Nowcasting Lazio / Re:Nowcasting, Roma e provincia Gennaio 2021
« il: Gennaio 16, 2021, 09:49:52 pm »
Vi dico ciò che penso per domani. Innanzitutto stanotte le minime saranno più basse del previsto, dato che la ventilazione è assente per cui l'inversione termica è migliore. Domani il passaggio instabile sembra essere molto debole, tanto da non sfaldare la colonna d'aria con richiamo mite. Quindi se riesce ad entrare un pó prima del previsto qualche fiocco può farlo anche in pianura ma possibile anche che la colonna si riveli troppo secca e ci becchiamo solo velature spesse. Quindi si va di nowcasting, ma solo per divertimento. L'effettiva posizione del minimo e l'orario in cui si formerà saranno fondamentali e impossibile da prevedere con precisione dai modelli dato che si tratta di un minimo piccolo e non di una fronte esteso.

6
Nowcasting Lazio / Re:Nowcasting, Roma e provincia Gennaio 2021
« il: Gennaio 14, 2021, 12:07:14 am »
L'unico modo che avevamo ora per portarci il gelo a casa è che il gelo sui Balcani stazionasse per poi ruotare in senso antiorario e coinvolgere il Mediterraneo centrale. Invece il flusso zonale lo spedisce più ad est lasciandoci in balia di correnti occidentali. Quindi non è ancora il nostro momento, a meno di clamorosi ribaltoni sotto le 120 ore. Serve un segnale in atlantico per la costruzione di un blocco in Atlantico.

7
Nowcasting Lazio / Re:Nowcasting, Roma e provincia Gennaio 2021
« il: Gennaio 13, 2021, 11:14:53 pm »
A 108 ore precipitazioni o no zero termico a 900/1000 metri, sarebbe acqua in pianura

8
Nowcasting Lazio / Re:Nowcasting, Roma e provincia Gennaio 2021
« il: Gennaio 11, 2021, 11:18:51 pm »
Mi sa che gennaio è andato
Macchèèè

9
Nowcasting Lazio / Re:Nowcasting, Roma e provincia Gennaio 2021
« il: Gennaio 10, 2021, 05:39:34 pm »
Gfs a 132 ore neve a 300 metri. Zero termico a 800 metri con precipitazioni moderate.

10
Nowcasting Lazio / Re:Nowcasting, Roma e provincia Gennaio 2021
« il: Gennaio 10, 2021, 04:21:49 pm »
Da me nevicó fino alle 21 poi gelicidio  (prima e ultima volta che l'ho visto da ste parti)
A fine episodio 15 cm di neve


Inviato dal mio SM-G950F utilizzando Tapatalk
Pure qui a Roma ci fu gelicidio per una decina di minuti prima del passaggio a pioggia. L'unica volta che lo vidi, ma c'è da dire che le nevicate da cuscinetto non sono roba per noi, è stato un evento rarissimo.

11
Nowcasting Lazio / Re:Nowcasting, Roma e provincia Gennaio 2021
« il: Gennaio 10, 2021, 03:23:34 pm »
UN po quello che successè nel 2012; continetale + aria umida?
No, nel 2012 l'aria gelida in ingresso da ovest creò un minimo di bassa pressione sul Tirreno con temperature in quota gradualmente in calo. L'unica nevicata da cuscinetto che conosco di Roma è del 17 dicembre 2010 dopo una minima di -7 °C verso le 14-15 neve e successivamente pioggia con 5°C in serata. Se sia successo altre volte in passato non lo so.
https://www.meteociel.fr/modeles/archives/archives.php?day=17&month=12&year=2010&hour=12&type=ncep&map=0&type=ncep&region=&mode=0

12
Nowcasting Lazio / Re:Nowcasting, Roma e provincia Gennaio 2021
« il: Gennaio 10, 2021, 12:40:15 pm »
Di Reading che ne pensi?
Vede un blocco migliore rispetto a Gfs ma anche lì non riesce a reggere il giusto. Per il long il dilemma è dalle 200 ore sui movimenti del canadese. Se avanza verso est noi ci becchiamo freddo secco, se ha la forza di affondare verso sud allora la wave 2 riuscirebbe a puntare verso nord e a creare un blocco indispensabile per avere un affondo più occidentale e meridionale del blocco gelido. C'è da dire che l'avanzamento del blocco gelido sulla Russia verso ovest potrebbe portare a far arretrare il canadese ma a volte queste situazioni risultano chiare solo dalle 144 ore.

13
Nowcasting Lazio / Re:Nowcasting, Roma e provincia Gennaio 2021
« il: Gennaio 10, 2021, 12:01:51 pm »
Gfs notte tra 15 e 16 gennaio neve a 400 metri, purtroppo zero termico a 1000 metri... Ma è normale, termiche più basse con una simile entrata sarebbero state secche. Il long non mi piace, blocco che non regge, ma è solo un run ed è Gfs. Monitoriamo a 140 ore.

14
Le differenze degli spaghi GEFS che mostrano una netta riduzione sulla ripresa del VPs rispetto a quelli di 3 giorni fa...




= SH in gran forma. E non a caso stanno spuntando dei super run.

15
con un secondo intenso siberian warming in partenza sul lungo termine ad indicare i significativi attriti determinati dal SH .
Quoto questo punto molto importante per il futuro come dicevo ieri... sia perchè è la prova dell'avanzamento dell'hp russo-siberiano verso ovest e sia perchè rende incerto il destino del vp. Anche i grafici de fu berlin sono eloquenti, impossibile ora stabilire la futura influenza dei disturbi al vp. Per ora a 10 giorni ci prendiamo una antizonalità marcata ai 60° N fino ai 50 hPa, un nuovo deciso calo dei venti zonali a 1 hPa e la ripresa maggiormente convergente dei flussi (a ventaglio).
https://users.met.fu-berlin.de/~Aktuell/strat-www/wdiag/ts.php?plot=fluxes&alert=1&lng=eng&hem=nh

16
Snodo cruciale tra le 120 e le 144 h. Ecmwf e Ukmo molto vicini vs Gfs e il suo parallelo che vedono predominare il flusso zonale.

17
Nowcasting Lazio / Re:Nowcasting, Roma e provincia Gennaio 2021
« il: Gennaio 09, 2021, 11:55:47 am »
Siamo così amanti della neve proprio perchè qui è difficile, però poi quando arriva....

18
Io mi chiedo come mai cosi tante differenze tra gfs e l inglese....
Perché come ho scritto in un commento ieri sera, ecmwf e ukmo leggono meglio le retrogressioni rispetto a Gfs. Gfs vede spesso la zonalità prevalere.

19
Per chiudere ricordo che i moti antizonali troposferici sono di difficile lettura per i modelli, e a volte vengono individuati soltanto entro le 192 ore. I modelli più performanti nella lettura delle retrogressioni sono ecmwf e ukmo.

20
Analizzando il long di Gfs a livello termico a 10 hPa, quei riscaldamenti intensi in area russo-siberiana sono l'indice di un hp russo-siberiano in splendida forma che ha la forza di avanzare verso ovest.

21
Nowcasting Lazio / Re:Nowcasting, Roma e provincia Gennaio 2021
« il: Gennaio 06, 2021, 11:15:51 am »
Pur se secca mi accontenterei che la  botta
da est venga confermata poi magari chissà....tutto può succedere con il nostro bel caldo mare...

Inviato dal mio SM-A415F utilizzando Tapatalk
Purtroppo questa è una leggenda...se l'aria gelida entra da est è troppo secca per produrre precipitazioni (colpa dei venti di caduta dagli appennini) quindi a meno di temporanei sfondamenti nelle zone interne le precipitazioni sono nulle. Il mare non sforna nulla se la colonna d'aria è stabile e secca.

22
Buongiorno a tutti e buon Epifania.
Gli aggiornamenti ultimi danno enfasi ad una sorta di fase 2 di attacco al VPS; infatti dopo una temporanea ripresa dei venti zonali ed un temporaneo azzeramento dei flussi di calore, ecco che nei prossimi giorni prende corpo un secondo attacco con nuova propagazione su tutta la colonna (eloquenti le mappe verticali del Fu Berlin) e nuovo crollo dei venti zonali a 10hPa in propagazione a 30hPa.
Concordo appieno su quanto esposto, ossia che le tempistiche non sono di certo rapide...qualcosa i modelli deterministici iniziano ad inquadrare, ma fino a che la riverberazione S-T non sarà completa non credo avremo evoluzioni deterministiche così stabili e soprattutto orientate a certi scenari.











Gianmarco
Esattamente, la dinamica di disturbo al vp non sembra terminata. Un disturbo che agisce principalmente dai 5 hPa in giù ai 60 N e sembra possa avere una propagazione migliore del precedente alla suddetta latitudine. Situazione super incerta.

23
Nowcasting Lazio / Re:Nowcasting, Roma e provincia Gennaio 2021
« il: Gennaio 06, 2021, 10:08:10 am »
Scaldata super ridimensionata da ecmwf, la neve sui monti è salva. In appennino entra al massimo la +2 a 850 hPa  ;D

24
Nowcasting Lazio / Re:Nowcasting, Roma e provincia Gennaio 2021
« il: Gennaio 05, 2021, 03:42:13 pm »
Il fronte si muove lentamente verso est, le zone ad est di Roma ancora non sono state interessate. Le precipitazioni dureranno più del previsto, vediamo nel tardo pomeriggio /serata a che quota si attesterà la quota neve.

25
Nowcasting Lazio / Re:Nowcasting, Roma e provincia Gennaio 2021
« il: Gennaio 03, 2021, 03:31:11 pm »
https://www.caputfrigoris.it/rete-meteo/roccadipapa/vws742.jpg
Come è possibile notare dalla stazione meteo dei campi d'annibale, alle 9 si è avuto un crollo repentino di 2°C della temperatura (probabilmente legato ad una intensificazione delle precipitazioni e ingresso di aria più fredda in quota), mentre tra le 12 e le 14 la temperatura ha raggiunto i 0.2°C con neve che ha accumulato al suolo. Il calo avvenuto verso l'ora di pranzo secondo me è stato dovuto ad un richiamo di correnti più fredde da est a causa dell'ingresso di un fronte più instabile sul centro-ovest regione. I dati completi della stazione sono riportati nel seguente link:
https://www.caputfrigoris.it/rete-meteo/roccadipapa/

26
La propagazione viaggia veloce e spedita. Normale che arrivati in bassa stratosfera trovi aria molto più densa e le cose sì complichino. Tuttavia abbiamo alcuni strati bassi che viaggiano tra i 2 e i 5 m/s. Cosa volete di più???

Potrei l’attenzione sul AAM, il suo crollo da metà mese può significare un abbassamento del flusso antizonale.
Per il Fu Berlin l'inversione dei venti zonali ai 60 N si ferma a 50 hPa e non raggiunge gli 80 hPa.

27
Semplicemente perché, questa che viviamo, non è una dinamica Split con rottura del Vortice a tutte le quote con tipologia Warm..
 Qua siamo alla mercé di un Displacement di tipo Warm per via di alcune caratteristiche associate agli Split.. Ma la propagazione del disturbo si ferma poco al di sotto dei 50 hpa e prima dei 70..

 


 Quindi il disturbo si risolve in Displacement e non c'è compressione adiabatica, adoperata dall'alta atmosfera per ricostituzione del VPS, come nel caso degli Split, che coadiuva la propagazione forzata del disturbo e del deposito di momento fino in Troposfera..
 Dunque dinamica completamente a carico di una singola cresta d'onda, che svolge un lavoro simil Cold come appunto capita spesso con i Displacement.
 Qui invece, avendo l'inversione sia di gradiente meridionale che di zonalita' dai 10hpa ai limiti dei 50.. allora viene definito come evento Warm.
 Ed il Condizionamento è più che altro riferibile al Disassamento per dislocazione del VP in Area Russo-Asiatica-Siberiana ed Artico Pacifico(Aleutinico).. Senza Condizionare una colonna già di per se priva di vorticita' potenziali, e di abbassare dei valori AO/NAO negativi già in Pattern..
 Più che altro, mi aspetto invece un rialzo dei valori stessi, in ripresa del Core del VP per dinamiche di riaccenntramento in sede Polare.. Che al momento sarebbe meglio, in vista di un giro di giostra ulteriore, per poter auspicare ad un successivo TST per ripartenza dei Flussi(al momento in soppressione..) e delle onde, con una dinamica esplosiva di convergenza ad attivare un 2Waves Pattern più consono al tentativo di Splitting.
 Insomma, si deve riprendere il Canadese per trasferimento e travaso di vorticita' potenziali, per cui avere più spinta dinamica nell'intrusivita' d'onda Atlantica.
 La W1 è comunque in via di Stazionarieta' e persistenza, anche sul post Displacement.. quindi ci manca solo una piccola rinascita del Canadese, che avverrebbe per via di queste dinamiche di accentramento del VP, per riconquistare la sede Polare(classica manovra di conservazione del momento angolare..) e al tempo stesso il travaso per trasferimento delle PV.

 Un evoluzione che purtroppo andrebbe un po per le lunge, ma con tutti i rischi del caso..
 Ad ogni modo, penso che comunque vada, si potrà godere o dell'uno, o dell'altro risultato se dovessimo invece intraprendere la via della divergenza dell'onda atlantica, che incontrerebbe non poco, la forte e potente resistenza dell'alta Siberiana(ammesso che resista al giro di giostra previsto.. senza erosione del gradiente termico altopressorio.. come ben specificato da Lorenzo il Nonno Rodano..) e funga da frenata zonale, per una probabile forte azione continentale in regime di circolazione retrograda secondaria.. e qui la ipotizzerei medio/alta di latitudine e non bassa, come di solito accade con un quadro termodinamico più tipico del Pattern AO/NAO +++ da condizionamento NAM già in seconda pulsazione.  ;)
Sono perfettamente d'accordo, la mancata propagazione su tutta la colonna è una condizione che è venuta fuori negli ultimi aggiornamenti. Fino ad un paio di giorni fa veniva vista la propagazione fino ai 100 hPa e se non raggiunge gli 80 hPa non può darsi per conclamata. Quindi la palla passa alla troposfera e alla tenuta dell'anticiclone russo siberiano, ed il quadro troposferico è ottimo, quindi pazientiamo un pò...

28
Svuotamento di vorticità in sede europea con jet stream sempre più veloce e fantastica elevazione azzorriana in pieno Atlantico nella coda estrema di Gfs 12z a 384 h, so che è presto però si iniziano ad intravede i segnali che lascerebbero propendere la fine del lungo periodo perturbato con l'inizio di uno più secco e lassù ci viene giù di tutto.
Non vorrei dirlo ma sono i principali segnali che lasciano propendere e fanno diciamo da incipit a futuri movimenti retrogradi importanti continentali, mi fermo qui per ora che è meglio....

A me non piace molto Gfs, vede qualche problemino iniziale nella propagazione del disturbo principale sotto i 50 hPa che preferirei evitare...
http://www.meteoscienza.it/nam-autoaggiornante/
Servirà ancora del tempo per cantare vittoria o meno...

29



E quella che vediamo nei flussi del Fu Berlin è solo mezza dinamica... sono curioso di vedere quanto calerà il vento zonale dopo la momentanea ripresa e l'andamento dei flussi che appaiono ancora più convergenti...

30
Io vedo due dinamiche distinte ma correlate. Il primo un mancato split per una wave 2 poco intrusiva, successivamente il tentativo di riaccentramento del vp che fallisce e da lì dinamica che più che uno split sembra uno spappolamento del vp. Tra le due fasi probabile che passeremo una breve fase anticiclonica con Ao e Nao in rialzo e gelo sull'Europa orientale, situazione che fa da apripista alla dinamica futura con spostamento di parte delle vorticità sul Canada ed attivazione conseguente della wave 2.

31
Adesso?








Io le vedo sia da PC che da smartphone. Credo che chi non le vede debba disattivare il filtro minori perché queste sono immagini a carattere pornografico  ;D

32
Penso che tutta questa situazione sia il frutto di quella famosa ciambella al polo di inizio dicembre. Ha trasportato in troposfera dei momenti negativi che hanno cominciato a destrutturare il Vp dal basso con il fallimento della dinamica da Ese cold e l'inizio di una dinamica T-S-T che ha visto in primo luogo l'abbassamento di Ao e Nao. Faccio grandi mi complimenti a adm.ackbar e a pubblico (credo mifer77 ma non sono sicuro) per aver visto per primi tale dinamica. Tanto di cappello.

33
vedendo gfs mi sembra che per meta gennaio ci sia un vortice polare più compatto sopra le nostre teste con piallata e t in aumento su di noi…….è una cosa normale?? che ci sta? andrebbe più verso la visione di cloover…..20 gennaio febbraio ….
Direi di fermarsi a 240 h così da poter anche fare le dovute comparazioni tra i vari modelli ecmwf, gfs, gem ecc. Ma anche a 240 h le dinamiche viste vanno prese con le pinze, visto che i modelli hanno sempre difficoltà a leggere correttamente i moti antizonali in tropo e spesso tendono a sottovalutarli in una fase iniziale.

34
Fu Berlin a 10 giorni a 60 N il flusso antizonale punta i 100 hPa. Gli 80 hPa che conclamano la propagazione sono stati raggiunti.
https://users.met.fu-berlin.de/~Aktuell/strat-www/wdiag/ec.php?alert=1&level=zm_u_&forecast=f240&lng=eng&hem=nh

35

Stavolta invece è vista l'inversione dei venti zonali a 30 hPa di cui è ancora da capire l'intensità.

36

Come dicevo giorni fa situazione diversa rispetto al 2018/2019 quando non ci fu l'inversione dei venti zonali neanche a 30 hPa, segno di mancata propagazione.

37
Anticiclone siberiano ormai consolidato che va a disturbare continuamente il Vp stratosferico con ripetute iniezioni di calore mentre in troposfera rallenta la tensione zonale. Siamo entrati in una situazione incancrenita stranamente a nostro favore  ;D

38
Anticiclone siberiano mostruoso con record di pressione più alta di sempre in Mongolia pari a 1094.9 hPa. Record che resisteva dal 1968.

39
Pareri autorevoli...


Andando per logica penso che un centro-ovest Europa depressionario è sintomo di wave 2 attiva (almeno in tropo) e di un'alta pressione termica sulla Russia (importante per il dopo).

40
Ma scusate, giusto per perderci un po' di tempo visto che l'argomento principale è questo. Dove vedreste lo split a 10 hpa? Non vi è alcun segnale. Si prospetta un forcing in sede artica groenlandese, verso il 4 gennaio, a opera essenzialmente della prima onda, la seconda, quel poco che si dimenerà, sarà quasi per nulla convergente verso il Polo e il forcing stesso a carico della prima onda subito rientrerà, favorendo un asse successivo che sarebbe assolutamente inutile ai fini nostri, semmai vi si dovesse dare una importanza. Al più, e qui convengo con Cloover, in seguito al forcing del 4/5 gennaio, il VPS potrà sbilanciarci leggermente sul settore euroasiatico e, se questo come pare possa essere la convergenza anche del VPT, è verosimile che tra il 10 e il 15 gennaio ci  possa stare un affondo più meridiano e una situazione più generalmente invernale per l'Italia. Seguiamo. Di fatto va detto che ha fatto e sta facendo tanto inverno in questo dicembre e, sulla stessa falsariga, continuerà fino alla prima settimana di gennaio, benchè Sud escluso. Se si realizza anche l'affondo meridiano che potrebbe andare dal 10 al 13/14 del mese, effettivamente a seguire potrebbe esserci una fase più anticiclonica (indicazione Nonno) per noi e nuovo appuntamento con il freddo probabilmente rinviato a fine mese/inizio febbraio. In ogni modo evoluzione piuttosto dinamica e anche difficile da inquadrare... Seguiamo passo passo.
Sono d'accordo fino all'affondo freddo alla fine della prima decade di gennaio ma sul dopo è tutta un'incognita. Lo sbilanciamento del Vp sull'eurasia favorirà la formazione dell'anticiclone russo con conseguenti intromissioni di calore su un Vp già indebolito (se non si riaccentra post displacement) con questa volta la concreta possibilità di split. C'è un breve range temporale post displacement che al momento gode di molta incertezza.

41
Buongiorno. Tendenza americana.



È evidente che dopo il displacement inizia una fase critica dove al momento pare che il Vp non riesca a riaccentrarsi. Se superiamo questa fase poi potremmo pensare ad un possibile split.

42
Molto bello ecmwf a 240 h con anticiclone russo in gran forma. Tra 10 giorni potrebbe aver inizio gradualmente la fase antizonale sull'Europa.

43
Dopo il displacement ha inizio la fase più delicata in cui il Vp stratosferico deve rimanere disturbato senza possibilità di riaccentrarsi...

44
Buongiorno Burian,
come non essere d'accordo. Io sto ai Castelli Romani, con una configurazione come quella di ieri, 10 anni fa avrei visto probabilmente una spolverata di neve qui sul Monte Artemisio, ai 700-800 metri di quota, invece nulla. In ogni caso ovvio che per la neve sui settori Tirrenici Centrali, occorre un ingresso dal Rodano stretto, con chiaro contributo artico-continentale.
Ieri abbiamo avuto neve qui fin verso i 900 metri perchè le termiche a 850hPa non sono andate oltre la -1/-2. Sabbe bastata una -4 per vedere ben altri scenari.

Dunque occorre ribadire che la NAO non deve essere --- ma basta una NAO debolmente negativa per le nostre sorti orticellistiche  ;D ;D.

Sul discorso relativo allo stratworming, beh se ne stanno leggendo di tutti i tipi, ma ovviamente direi che la situazione è ancora piuttosto incerta come del resto abbiamo condiviso anche ieri sul forum.

Qualcuno ieri affermava che non si poteva non conclamare lo split con data certa al 6-7 gennaio, mentre oggi afferma che non trattasi in realtà di split, ma di displacement con assenza quasi certa di propagazione ai piani inferiori.
Si stanno facendo parallelismi con il 2018/2019 che tutti ricordiamo bene (in senso nefasto ovviamente) quando di fatto vi sono condizioni generali a corollario ben diverse e la stessa situazione strato non mi sembra proprio la stessa anche in termini di risposta.

Semplicemente direi di non pontificare o conclamare nulla, bensì di monitorare i prossimi giorni e vedere la risposta dell'atmosfera a determinati meccanismi chimico-fisici anche perchè 27 giorni fa si decretava l'arrivederci a fine gennaio 2021 per eventuali discorsi invernali, per essere poi puntualmente smentiti dopo appena due settimane.

Probabilmente non raccoglieremo nulla dal riscaldamento in atto in stratosfera, o forse briciole, o forse un'invernata di una settimana o chissà, come elaborato nel suo outlook da Cloover, l'evoluzione porterà ad una seconda metà di gennaio e soprattutto ad un febbraio che potrebbero essere da annali.

Giusto elaborare e ponderare delle evoluzioni, ma non pontificare, perchè ripeto, i mutamenti climatici in atto stanno letteralmente stravolgendo ogni analisi canonica e probabilmente il punto di non ritorno è stato raggiunto e sarà sempre più complesso comprendere i meccanismi atmosferici in una fase in cui il contributo entropico probabilmente ha superato quello entalpico.

Detto questo auguro una buona domenica e grazie a tutti e dico tutti per i contributi offerti perchè per me è davvero un piacere ed un vero interesse, leggere le disamine articolate e documentate qui esposte (soprattutto ovviamente dai pilastri del forum ai quali va la mia stima sincera).

Gianmarco
Il problema di ieri sono state le termiche scarse a 500 hPa, viaggiavamo poco al di sotto dei -25°C. Se fosse entrata la -30°C a 500 hPa sicuramente avrebbe nevicato dai 500 metri qui nel Lazio dato che avremmo avuto precipitazioni maggiori, geopotenziali un pelo più bassi e migliore rovesciamento del freddo in quota. Per la neve collinare durante gli affondi marittimi è fondamentale almeno la -30°C a 500 hPa.

45

La situazione è ben diversa rispetto al 2018/2019. In quel caso il vento zonale a 1 hpa e 10 hPa toccó appena la negatività per poi risalire (segno di riaccentramento e rinforzo del Vp), mentre caso di adesso le velocità zonali sono viste ben al di sotto dello zero, in una situazione dalla quale il Vp non può riprendersi e anzi può subire ulteriori colpi.

46
Non c'è e non c'è mai stato nessuno split proposto dalle carte fin qui (ammetto che forse mi son perso qualche run a 300 ore)..ad esempio ECMWF propone un displacement che nel momento in cui il VPS si addossa all'eurasia va inevitabilmente incontro a bilobazione senza separazione dei nuclei..è un'evoluzione già vista ed in effetti per certi versi simile al 2018-2019..

E' per questo che al momento nessun GM vede effetti di rilievo in troposfera indipendentemente da visioni diverse a 10hpa (bilobazione o no), perchè fin qui le alternative sono differenti solo per chi ne discute sui forum, ma in termini pratici sono molto molto simili.. ;)
Sono d'accordo, l'assenza della Wave 2 ha favorito la dinamica di displacement. Però c'è da dire che dopo questo scossone il Vp non sembra riprendersi e anzi partono ulteriori riscaldamenti dalla Siberia. In quel caso la scissione dei lobi con un asse maggiormente favorevole sarebbe possibile. L'importante è che post displacement il Vp non si riaccentri guadagnando forza ma take situazione non è mai stata contemplata dai principali modelli.

47
Gfs 18 per la prima volta annusa una dinamica esplosiva. Iniziale displacement con riassetto vorticità e successivo riscaldamento sulla Siberia + azione Wave 2 con split con asse congeniale. Dinamica che sarebbe molto rapida a presentarsi in troposfera. Siamo a 384 ore ma è già qualcosa, occhio. Buonanotte.

48
Buonasera a tutti, ci troviamo in una situazione molto anomala e del tutto imprevedibile. I principali indici teleconnettivi, tra cui uno su tutti la BDC inesistente, non propendevano per alcun riscaldamento stratosferico degno di nota, e invece ci ritroviamo a circa 40 giorni dall'Ese cold a valutare un fenomeno di segno opposto. E' innegabile che siamo prossimi ad un inversione del vento zonale a 10 hpa anche ai 60° N (mancherebbero 9 giorni all'inversione), però la dinamica è prevalentemente dettata dalla wave 1. Analizzando le carte che propongono lo split due cose non mi piacciono: il fatto che lo split è dettato esclusivamente dall'intrusione di calore dalla wave 1 e l'asse troppo occidentale che nega la possibilità di moti retrogradi stile febbraio 2018. Personalmente mi prendo ancora qualche giorno di osservazione e l'allineamento tra Gfs e Gfs parallelo prima di cercare di farmi un'idea sull'evoluzione futura a livello troposferico.

49
Buongiorno e Buon Natale, non so se sia la sezione giusta per questa domanda ma mi chiedevo che fine avessero fatto Bortan e Pubblico. Non ho più visto loro commenti nella sezione di là...
Mifer77 = Pubblico
È evidente  ;D

50
Prima di parlare di tlc bisognerebbe imparare l'educazione e il rispetto però.
Entro in modalità lettura anche io. Buon proseguimento a tutti.
È una settimana che vengono mandate continuamente frecciatine e non è arrivata neanche una scusa. Lag dell'Ese cold a 60 giorni, toto SSW, eh qui ancora si parla di Ese cold ecc. Quindi giusto che Cloover ed altri big sbottino perché ci vuole rispetto per le tendenze stilate con tanto studio e proprie conoscenze fornite gratuitamente a tutti e mettendoci sempre la faccia.

Pagine: [1] 2 3 4