BACHECA ANNUNCI

VISITATE LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK!

Sono riaperte le iscrizioni al forum! Per registrarsi gratuitamente cliccare QUI

Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - firenze3

Pagine: [1] 2 3 4 5 ... 324
1
Le SSTA sono ottimamente bilanciate con pattern da SNAO+ , il quadro si è delineato in queste ultime settimane confermando i punti chiave dell'analisi.
Ciò manterrà una dinamicità del getto Euroatlantico,  impedendo pericolose configurazioni statiche, ma spingendo in direzione di uno stiramento dell'Anticiclone delle Azzorre.
Quindi onda calda e poi break:





2
Il discorso è sempre lo stesso....siamo talmente abituati male e impauriti dalle ondate di caldo che dopo un'ottima decade e una seconda che si profila sopra media di 2-3°  (parlando di 850 hpa, vedremo al suolo), siamo tutti abbastanza contenti  :D.....o almeno, io lo sono ;D

In realtà a 850 hpa dovremmo avere una +12/+13° ( da media più recente), ma noi siamo contenti di una +15/+16° perchè è sempre meglio di una +20°. ;D

4
Dopo la primavera fresca non c'è da lamentarsi, ma come da copione estivo (ri)siamo a guardare carte "850 hPa Temp. Abweichung" colorate di giallo.

....intanto fra 10 giorni riaccorciano..... che l'avete bell'e'detto ?
;)

5
Confermata la fase prettamente estiva e calda in seconda decade, con incremento termico durante il fine settimana, lieve flessione nei due giorni successivi per il rientro di aria "meno calda" da nord in scivolamento sui settori balcanici e probabile successivo e forse più deciso rialzo delle temperature da metà settimana. Quest'ultima fase sembra prefigurarsi come prefrontale, o quantomeno come onda calda mobile, incalzata dal successivo ingresso di aria oceanica sui settori occidentali europei. Ci sarà da seguire, come sempre, l'effettivo beneficio alle nostre latitudini....quando la stagione estiva è decollata i "muri" caldi sul Mediterraneo sono sempre di difficile smantellamento. Ma siamo fiduciosi che ciò avvenga.  :D

6
Per ora aria tutto sommato salubre

Inviato dal mio Mi A2 Lite utilizzando Tapatalk


7
Si sapeva che da ora in avanti sarebbe stata guerra... intanto almeno fino a domenica si dormirebbe da signori e siamo al 13/6...

Inviato dal mio Mi A2 Lite utilizzando Tapatalk


8
bellissima e istruttiva analisi come sempre, non vorrei fare l'uccello del malaugurio ma per la mia modesta opinione credo che comunque avere un estate senza onde di calore sia diventato quasi impossibile nel trend in cui siamo inseriti, penso che le fasi calde non mancheranno, sicuramente con un certo dinamismo ma non mancheranno, abbiamo visto e sappiamo come sia d'importanza nel periodo estivo il getto atlantico, la tensione zonale, è vero ora e' vivace per vari motivi, e sicuramente influenzera' anche il primo mese estivo, ma con il passare della stagione tendera' a indebolirsi e il pattern a mutare come abbiamo visto nelle correlazioni tra le estati degli anni 70 e 80 e gli anni 90 2000, anche con indici teleconnettivi sfavorevoli e un itcz di poco sopra media ma con una tensione zonale debole e una nao- il mediterraneo subisce risalite africane, bisogna poi vedere la durata ma secondo me ci saranno.
se dovessi fare una tendenza personalmente vedo piu giugno il mese meno caldo e instabile, luglio e agosto a tratti molto piu caldi.
sara' certamente interessante tenere d'occhio la corda zonale e la nao.
mia modesta e umile opinione.
 :)

Non voglio fare l'avvocato difensore, ma nell'outlook si parla di persistenza delle ondate di calore, non di una loro assenza. Questo vuol dire che ci saranno e, visto quanto dibattuto nelle ultime estati, prevedibilmente potranno essere anche intense. Si spera invece, come ipotizzato, che non abbiamo carattere di stazionarietà. Una stagione con onde calde mobili, intervallate da break termici, magari occasionalmente temporaleschi, sarebbe già un bel successo alla luce del trend recente. ;)

9
La  Primavera sull'Europa è stata generalmente molto fresca con note instabili frequenti :



Le anomalie circolatorie che hanno caratterizzato questo periodo riguardano principalmente la strutturazione di un Final Warming di tipo late e non influente sul WR.
Tale dinamica ha lasciato in eredità una pesante anomalie termica in bassa Stratosfera ed al limite della Tropopausa, andando a ripercuotersi sulla morfologia del Vortice Polare:



Da evidenziarsi la forte attività del Jet-Stream  che si è concretizzata nel mese di Maggio sui settori centrali dell'Oceano Atlantico, a significare un indice zonale sostenuto ed un dipolo da NAO- moderatamente sfasato verso Ovest:



Le anomalie Oceaniche vedono una Nina in progressiva virata neutra, con IOD negativo ed una attività convettiva che dovrebbe essera più attiva specie nella regione Indonesiana/Australe e Giappone.
Questa particolare disposizione tenderebbe ad indebolire il monsone Africano che, unitamente ad un getto atlantico piuttosto teso e dinamico, scongiurerebbe persistenti ondate di calore sull'Europa:



Notiamo infatti un ITCZ leggermente sottomedia ad Ovest, un sottomedia che in questo settore  potrebbe persistere:





Il deficit di ghiaccio Artico è invece ancora una realtà, ma l'anomalia termica e dell'H dei GPT che riscontriamo in media-bassa Stratosfera, potrebbe controbilanciare tale mancanza.

Concludendo non vedo una disposizione teleconnettiva a spingere in direzione di un'Estate molto calda sull'Europa, quanto piuttosto una possibile anomalia negativa di GPT che potrebbe caratterizzare la stagione a fasi alterne, con le correnti oceaniche a scorrere su di un Anticiclone delle Azzorre ben presente in Atlantico, facendo convergere step temporaleschi anche sulla nostra Penisola.
Quindi un'Estate che da quanto analizzato vedrebbe ondate di caldo non persistenti ed una buona dinamicità della circolazione Euroatlantica.  Caldo più fastidioso a tratti al SUD Italia.





Cloover












10
Stasera o domani farò il punto per l'Estate.
Ci sono interessanti spunti relativamente all'anomalia che sta caratterizzando la media Stratosfera e ciò che sta accadendo nella fascia Tropicale, tra Nina, IOD ed il monsone Africano.
La PDO continua ad essere condizionata dal redivivo blob, mentre in Atlantico pare delinearsi la situazione in vista dei prossimi mesi.
L'Estate scoppierà improvvisamente picchiando duro oppure proseguiremo con l'instabilità che ha contraddistinto questa Primavera?


11
Cresce il partito favorevole alle precipitazioni all'inizio seconda decade. Quello nell'immagine sotto in attraversamento delle Baleari è un fronte freddo di grosso tonnellaggio per la stagione, in ingresso da Biscaglia spinto da polare marittima fredda, preceduto da una intensa WCB e destinato se dura, a ondularsi  forse gia sui Pirenei ma sicuramente sulle Alpi con conseguente ciclogenesi baroclina sul tirreno e ligure, stante in quota lo streak del getto che lo accompagna.
Se sopravvive al passare dei run.
Se dura fa verdura.


12
Si confermano le buone intuizioni di queste settimane, con un feedback nella componente zonale che andrà a caratterizzare pure il mese di Maggio, così come è degno di attenzione il quadro termico che persiste in media-bassa Stratosfera sino al limite della Tropopausa, dinamica attuatosi in seguito al forte ESE realizzatosi nel mese di Febbraio.
Questa particolare evoluzione manterrà il VP tonico, quindi con riaccelerazioni del getto che andranno a "stirare" l'alta delle Azzorre sul centro-nord Europa, favorendo una chiusura basso-pressoria (cut-off) sul Mediterraneo:





13

Mi garba ma un troppo. E ci vorrebbe qualche bella perturbazione atlantica a maggio.....ma con l' ho messa a codesta maniera .....un c' e verso mi sa.
Ma .....te tu o come lo vedi giugno?
Reading fa caare nelle sue proiezioni....
Ciao grande

Per quanto riguarda il mese di Giugno dipenderà anche da quanto avverrà a Maggio, tuttavia anche questa Estate rischia di essere caldissima , perchè figlia di un trend in cui l'estensione di ghiaccio Artico è sempre minore con impatto sull'indice zonale.
In pratica l'Europa è ormai continuamente a rischio di ondate di caldo con caratteristiche di eccezionalità, c'è solo da sperare di non esserne colpiti in maniera diretta





14
Si conferma la scarsa influenza del FW sul WR, con un processo lento che vedrà la graduale formazione di un'Alta Polare a partire dai livelli più alti della Stratosfera.

Più in basso la situazione rimarrà piuttosto dinamica, con un VP tonico e con la tendenza  ad allungamenti e riaccelerazioni:



In pratica si scorge un possibile affondo nella 1^ decade del mese, seguito da una riaccelerazione con una divergenza delle isoipse sul settore Europeo centro-settentrionale.
Quindi il mese potrebbe vedere un Anticiclone delle Azzore sbilanciato verso Nord/Est con  cut/off Mediterraneo.
Instabilità specie pomeridiana e temperature in linea con le medie, forse prefrontali caldi temporanei specie al centro/sud ma onde mobili.
Un mese quindi con qualche avvisaglia estiva ma ancora prettamente primaverile.







15
Già Filippo, lo scrissi ad inizio febbraio: 2020 like ;)


La stagionalità ha un effetto di diluizione temporale, con pulsazioni oramai esaurite e lenta risoluzione dell’ESE sovrapponibile a FW: con buone probabilità, l’iniezione di vorticità in troposfera manterrà un VPT a dirigere le operazioni fino all’avvento della stagione estiva, forse molto più in là rispetto alla stagione passata.

Grande Ammiraglio, ormai una garanzia  8) 
FW very late:



In media-bassa Stratosfera e Troposfera rimarrà un feedback che , almeno sulla carta, potrebbe essere effettivamente migliore anche rispetto allo scorso anno....





16
È commovente la tenuta del VPS che risponde a chi lo vuole morto con guizzi di una inaspettata vitalità.
Ed ecco che anche oggi lo troviamo in sella al Polo geografico pure nelle code modellistiche, con un buon assetto alle 240h :



E vediamo come la forte anomalia del NAM venga vista scendere sino in Troposfera all'inizio di Maggio, dove un VP chiuso vorrebbe dire la tendenza all'innalzamento della corda zonale con HP delle Azzorre   a traslare sui settori centro-settetrionali dell'Europa, dinamica che tenderebbe a vedere geopotenziali più bassi sul Mediterraneo dove l'instabilità specie pomeridiana potrebbe farla da  padrona.

Vediamo se nei prox giorni verrà confermato questo ulteriore ritardo del FW






17
Ed eccolo puntuale come le bollette, dritto come una lasca , utile come la carie dentaria ma di cui non si riesce in alcun modo a fare a meno, anche quest'anno è partito il monitoraggio del fronte di convergenza intertropicale.



18
Spinge ancora forte il VPS, al 10 Aprile avevamo il NAM a +2.1! Notevole l'anomalie dell'H dei GPT sino al limite della Tropopausa, ad indicare un vortice ancora bello giovane e tonico.

Chiaramente a livello termico l'incidenza radiativa sempre maggiore tende a destrutturare le vorticità a partire dalle quote più elevate, tuttavia mi pare probabile che la discussa azione dinamica non riesca a provocare il break down del VPS, che anzi con un un colpo di reni pare voler tornare in sella proprio a fine mese....Davvero duro a morire quest'anno.

Tutto ciò rappresenta un allungamento della stagione Invernale, dato che tale circolazione stratosferica la rappresenta perfettamente:





19
Si,con vivacità dell'HP delle Azzorre intendo proprio dire un'alta Pressione modulata dalla corrente a getto che grazie alle sue accelerazioni tende a farla sbilanciare verso Nord , andando ad interessare UK e centro/Nord Europa, con Mediterraneo maggiormente scoperto.

Intanto, ed un pò lo sospettavo, si continua a rimandare il Final warming, con un VPS che presenta temperature tipiche della 1^ metà di Febbraio:



Avremo una buona pulsazione dinamica a fine mese, ma non sembra in grado di abbattere ancora il VPS, che sembra mantenere ancora una certa compattezza, tanto che i forecast come detto iniziano a rimandare il FW al mese di Maggio. Probabilmente avremo un decadimento fisiologico a scarsa componente dinamica:






20
Al 28 Marzo il NAM vola ancora su valori notevoli confermando l'ottima salute ed il forte grado di approfondimento del VPS, un'onda lunga dell'ESE firmato il 19 Febbraio:



Ancora una volta, per il 2^ anno consecutivo, ci ritroviamo con un VPS dopato e con la possibilità che la prima parte Primaverile abbia caratteristiche secche alle latitudini mediterranee.
È infatti evidente l'impatto sull'indice AO che si mantiene in territorio positivo, pur senza esculdere temporanee oscillazioni dello stesso, tipo quella che registreremo dopo Pasqua, andando a caratterizzare un'altalena termica ma probabilmente poco produttiva sotto il punto di vista precipitativo:



Il Final warming continua ad essere intravisto tra fine Aprile ed il mese di Maggio, se come credo si tratterà di un processo fisiologico ascrivibile all'equilibrio radiativo, il VP manterrebbe un'inerzia di vorticità che potrebbe instabilizzare il tempo anche sul Mediterraneo paradossalmente proprio con l'avanzamento stagionale:



Nel frattempo è molto indicativo l'assetto termico sul Pacifico, che in maniera più convinta disegna un tipico schema da PDO-, con un nuovo rafforzamento della NINA .  Estremamente interessante se tale schema persistesse nei prossimi mesi:





21
Sezione foto / Grindelwald - Wengen - Eigergletscher
« il: Marzo 23, 2021, 06:41:08 pm »
Ultime uscite dell'inverno, rimasto in terra elvetica, ma la neve non è mancata.
Area sciistica "Jungfrau", Oberland Bernese.

Spettacolare la nuova cabinovia "Eiger Express", inaugurata a dicembre scorso, che in un quarto d'ora porta da Grindelwald all'Eigergletscher, capienza massima 26 posti a cabina.
Ovviamente al momento accessi limitati causa coronavirus.









Un pò di foto dalle piste, lato Grindelwald e lato Wengen







L'Eiger e la sua famigerata parete nord





La discesa della Lauberhorn






22
Continua ad essere molto interessante la situazione sul Pacifico, col classico ferro di cavallo che prende forma.
Non buono il quadro termico sul settore 1+2, ma potrebbe essere temporaneo.....Vedremo nei prox mesi






23
purtroppo interazione e reiterazione, diversamente da quel che pensavo, sono mancate. Quale la causa ? Più che ad un' accelerazione del vps, guarderei ( di nuovo ) al non ancora ottimale assetto del treno d' onda dal pacifico. Meglio degli anni scorsi, ovvio, ma ancora non ottimale. Lo si nota nei piccoli particolari :



il getto continua ad "affondare" nel Midwest, andando a formare continue fetecchie nel Golfo del Messico che poi acquistano vorticità man mano che risalgono
la East Coast fino ad interagire con la massa artica canadese. In queste condizioni il massimo che puoi avere, ed è già tanto, sono gli "strappi" che hanno portato il cavetto di venerdì scorso e che, forse ne porteranno un altro nella giornata di venerdì :



poi lo sbilanciamento ulteriore verso est del VP farà risalire la pressione su Europa occidentale e Mediterraneo. Però un netto cambio di passo che potrebbe coinvolgere gran parte di Marzo forse è alle porte :



il VP tende ad arretrare il centro di massa verso West Canada, il getto affonda verso la West Coast e consente una divergenza a noi più congeniale in direzione nordatlantico :




In questo contesto rimane onnipresente ed incombe la forte anomalia russo-siberiana :



In tutto l' inverno siamo stati ostaggio del complesso e mutevole ( nonchè poco prevedibile oltre i 5/6 gg. ) segnale proveniente dall' interazione della Nina
con le altre componenti di quel "mondo" : kelvin waves, mjo, rossby equatoriali, cicloni. La situazione è destinata a perpetuarsi e non resta che da monitorare l' evoluzione :



ecm, per quel che vale a quella distanza, continua a segnalare possibilità di blocchi molto intensi tra Groenlandia e Scandinavia. Lo fa da un mese almeno, vediamo se sarà la volta buona  :D



24
Approvo anche io, mi piacciono di più le belle giornate a Febbraio e a Marzo che da Aprile in poi.

26
Nowcasting Toscana / Re:Nowcasting Domenica 14 Febbraio
« il: Febbraio 14, 2021, 02:27:23 pm »
Stamattina bellissima girata in MTB con belle derapate e ghiacciaia costante..un grazie al grande Cloover  che aveva inquadrato il tutto in tempi non sospetti..aria e neve goduriosa

Inviato dal mio Mi A2 Lite utilizzando Tapatalk


27
Le due carte Bolam prese tanto per esempio una del run 06z di ieri e una con lo 00z di oggi fanno vedere cosa è successo. Dalla porta di Bora doveva trafilare in padana almeno una -10 con una discreta spinta dinamica, è arrivata si e no una - 8 con scarsa inerzia.
I manifesti annunciavano gli Iron Maiden poi senti bussare e alla porta c'è Gigi d'Alessio. Non vuoi crederci, pensi che sia Bruce Dickinson che si è solo preso le [email protected] nella cerniera dei calzoni. Quando realizzi è tardi, ormai il prezzo del biglietto non te lo rimborsano più.
Finchè il tempo gira da ovest i modelli in qualche modo se la cavano. Ma se gira dai quadranti orientali o devono prevedere blocchi o mettere assieme le due cose l'affidabilità precipita, anche nel breve.
Che poi precipiti sempre nello stesso verso a danno nostro, dipende dalla legge di Murphy  ;D






28
Finalmente tutta neve, abbiamo perso quel grado che mancava.
Ventatissima, ma è solo fiocchi.

29
Breve nivotour sopra Firenze una mezz’oretta fa.
Ho fatto dei video ma Tapatalk non consente di caricarli, quindi solo due foto dal Caravanserraglio a Monte Morello.
È neve da Cercina, 330 metri, più che neve sono cristalli di ghiaccio sparati a mille. Imbianca dai 400, all’altezza del Bar Consigli- Miramonti per chi conosce la panoramica di M. Morello.
Su al piazzale, 595 metri, dove ho fatte le foto, la situazione è più o meno la medesima: la macchina segnava -1°, missili di ghiaccio sparati e leggerissimo velo anche per strada.








Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

30
si diceva che quella dal 20 in poi era l occasione più grande e tosta quindi si chiede per quello!? 8) 8)
tanto ormai per domani e sabato è sicuro ….. ;) ;) ma noi vogliamo qualcosa di più tosto , come dicesti tu cloover qualcosa da "ricordare"!e il nonno disse …..dal 20……………...  8) 8)

Si, ma la meteo non è un interruttore...
Siamo già pienamente dentro una situazione molto complessa ed interessante, con una esplosiva convergenza tra le miti correnti atlantiche ed il gelo Russo/Siberiano, da Sabato entrerà una -12 circa sull'Italia, domani  sera ci saranno delle nevicate in pianura, si prepara una settimana molto fredda.
Forse dal 16/17 potrebbe concretizzarsi una confluenza ancor più produttiva, con uno strappo Atlantico ed un nuovo peggioramento a carattere freddo e nevoso.
C'è molta incertezza su questo punto, con i prossimi runs direi che il focus riguarda il possibile isolamento della cella altopressoria con un tunnel atlantico.

Poi in 3^ decade potrebbe esserci un'interferenza Stratosferica con un forcing sulle EPV ad amplificare l'onda (soprattutto alla luce del quadro termico e dinamico):





31
ENS tutte giù, il Ribaltone prende forma e ci regala la prima seria ondata di freddo della stagione.! :)

Ci sono buone probabilità che arrivi anche la neve grazie ad un'infilata basso Atlantica.
Il Centro-Nord pare attualmente favorito.

Da monitorare  la tenuta del blocco, generalmente i modelli sottovalutano sempre un pò il rialzo pressorio generato dall'aria gelida sul continente ed amplificano la spinta zonale,  quindi metterei in conto anche un West-shift della colata nei prossimi runs.
Ci sono conferme anche riguardo una reiterazione della dinamica, con una risoluzione lenta di tutta l'evoluzione.

L'Evento rimane a portata di mano.





32
La dinamica sarà decisamente lunga da andare in risoluzione, dobbiamo continuare a  danni gas   ;)

Vediamo ormai confermata la pulsazione dinamica sul Pacifico:



Manovra che porterà ad un graduale travaso di vorticità sul Canada con tendenza a frenata zonale euro-atlantica:



Questo è il primo importantissimo step, che è stato precursore dell'auspicato "RIBALTONE MODELLISTICO".
Il seguito, un pò come avvenne nel Febbraio '56, sarà caratterizzato da questo equilibrio tra vorticità ad Ovest e gelo ad Est, con il "Siberian Express" che ad oggi ha enormi potenzialità, ma di traiettoria ancora difficilmente decifrabile, anche se la massa d'aria fredda è talmente ampia che il pronostico è favorevole:



Quello che però oggi vorrei sottolineare, è che tale manovra sarà molto lunga ad andare in risoluzione, questo perchè il disassamento del VP favorirà la rigenerazione del blocco zonale, con anche il lunghissimo termine  (20-->28 Febbraio) che potrebbe essere impegnato in una dinamica ATH/EUL o cmq da un'ondulazione ancora marcata della corda zonale Euro-Atlantica:




La mia sensazione personale è che avremo una linea di convergenza sempre piuttosto attiva sul Mediterraneo Occidentale, con il binomio freddo+precipitazioni che potrebbe premiare maggiormente il Centro/Nord.
Voglio aggiungere che si tratta al momento di pure sensazioni, essendo la dinamica ad elevato potenziale ed il lago gelido molto ampio, non si possono escludere soluzioni più eclatanti.










33
Ve l'avevo detto....Vi regalo un nuovo '56, lo faccio con gioia ed ardore.

Accentramento onda Planetaria Pacifica (MJO 6/7/8) , segnale Nina/PDO, Travaso di vorticità con il VP che va ad approfondirsi in prossimità della Baia di Hudson( il decentramento rispetto al Polo Geografico evidenzia la reiterazione della dinamica), esteso Anticiclone Euroasiatico, retrogressione di masse d'aria gelida di estrazione Russo-Siberiana.

Welcome to the Grand Stadium!

















34
Tutti i discorsi fatti nei giorni scorsi riguardo la MJO, stazionarietà d'onda, gelo ad Est e possibile frenata zonale con Scand+, stai a vedere che non erano campati in aria ....

La spinta dinamica sul pacifico sarà potente, stazionaria e convergente, con una riorganizzazione dei nuclei di vorticità ed un travaso su settore Canadese, mentre persisterà il gelo su settore Russo/Scandinavo.
Sulla ripartenza del VP c'è l'assist per l'attivazione dell'onda Atlantica e per una dinamica che potrebbe lasciare il segno sull'Europa e Mediterraneo:

Occhio ai ribartoni!  :o







35
Animo!

Pulsazione dal Pacifico con accentramento onda planetaria(MJO) , risonanza euro-atlantica con ipotesi divergenza che si fa strada.
Molto freddo sul settore Russo/Scandinavo con travaso vorticità sul settore Canado/Groelandese!
Gli ingredienti stanno cuocendo a fuoco lento  :-*


36


Astenersi suocere, gufi, piccioni, moralizzatori, perbenisti....  Qui si gioca sporco, si nasi grossi, no lingue lunghe.

Confermiamo l'MJO e l'accentramento dell'onda planetaria, poi risonanza Euro-Atlantica, naso grosso,SCAND+ e ЯIBAЯTONE!





37
Per adesso mi accontento dello show mattutino di GFS, un segnale chiaro a indicare che la dinamica ha il potenziale e che niente è così lineare e deciso come sembrava ieri

38
Che serve pazienza sono giorni che lo ripetiamo .... le carte sono cambiate da appena 5gg, con un blocco zonale che ormai è una certezza e con un vero e proprio terremoto circolatorio che sta prendendo forma.
Non vedo né un VP chiuso né  la  NAO+ che risulta dispersa , teniamo duro e non gufate ;D



39
A dire il vero è anche meglio di stamani

da NAO+ a NAO- in 12 ore  come niente fosse, in scioltezza  ;D

40
Ci vuole calma, il movimento è stato centrato, con questa disposizione avevamo specificato che ci sarebbe stato un bel braccio di ferro, tutto può improvvisamente virare, proprio come pochi giorni fa quando i modelli non avevano ancora inquadrato la dinamica.
Le pedine sono ben disposte, l' Europa ed il Mediterraneo si stanno giocando un evento importante, non facciamo scadere la discussione ad un livello da stadio perchè ancora nulla è deciso a parte un vero e proprio terremoto circolatorio che si realizzerà ormai con certezza nel corso della 1^ decade di Febbraio  ;)


41
a 144h c'è un nodo da risolvere in Atlantico. GFS pare andare decisamente verso una chiusura sull' Islanda ( più o meno ) :



e anche con pochi dubbi :



molto più problematico ECM :



che evidenzia proprio in quell' area uno spread notevole ( che, stranamente, GFS non prende in considerazione ) :



analizzando i cluster si nota come l' origine del problema derivi dalla separazione dei due nuclei depressionari presenti in precedenza sul nordamerica :



Più sarà rapida la transizione più sarà difficile la costruzione di una struttura di blocco in atlantico. Molte incertezze, le stesse che hanno i previsori del NOAA per il proprio territorio :

https://www.wpc.ncep.noaa.gov/discussions/hpcdiscussions.php?disc=pmdepd

42
Se non facciamo l'evento con un blocco tra UK, Islanda e Penisola Scandinava, passiamo pure al tiro al piccione


43
Mi fate ride'
Tutta ella roba nemmeno se aprite tutti i frigo di casa.
Vo' a pianta' i pomidori che almeno a inizio marzo comincio a raccoglierli .....
Andae a compra' du zampironi vai .... che è meglio ....




 ;D
Eccola

Inviato dal mio SM-A207F utilizzando Tapatalk


44
Mi godo il momento.
  Con le carte che fino all'altro ieri erano orientate verso il nulla e poi improvvisamente abbiam visto comparire il blocco, a testimonianza dell'ottimo lavoro fatto qui dentro riguardo l'analisi della convezione equatoriare e del setting del VP.
Questi stessi modelli che fino all'altro ieri brancolavano nel buio, come possiamo pensare abbiano adesso la verità in tasca circa l'evoluzione di tale dinamica?

Siamo ai nastri di partenza di un movimento che non fatico a definire entusiasmante, con una frenata zonale figlia dell'amplificazione del gradiente, un blocco zonale con componente dinamica assente, un VPS che continuerà a girare forte per la mancanza di Heat flux significativi.
Tutto ciò rimanda ad un Febbraio innominabile, il '56.
Sono dinamiche molto lunghe ad andare in risoluzione,  tutto il mese di Febbraio potrebbe risultare compromesso da questo tipo di configurazione.

Anche nel '56 prima che si creasse il weikoff,  i movimenti non erano chiari, ma la partenza fu simile.
Per questo dico che è inutile adesso scervellarsi su dove avverrà la confluenza, su chi godrà e chi no.
 Ce la giochiamo e per adesso mi basta.












45
La dinamica è praticamente già partita :



Siamo appena all'inizio di quello che potrebbe essere un evento decisamente importante per l'Europa, qui non si tratta di una discesina fredda discount che va in Spagna o in Grecia, ma di un terremoto circolatorio su scala Emisferica.
 I modelli stanno annusando la tendenza alla frenata zonale per l'amplificazione del gradiente, ma rimaniamo pur sempre in alto mare, figurarsi andare a fare proiezioni su dove nevicherà e dove no.

Andiamo a confermare l'impianto nei suoi movimenti chiave, poi penseremo al resto.



46
Con una simile evoluzione andremmo in direzione di un totale cambio di pattern emisferico come discusso nel TD di apertura..... Nuovo ciclo alle porte?

47
Continuo a vedere ben solidi segnali di un arretramento dell'onda Pacifica con significativa spinta dinamica, un totale cambio di pattern in linea con gli sviluppi ampiamente dibattuti.
Barra a dritta e full speed ahead.

PS( Nemmeno la NAO- è sinonimo di freddo e neve, figurarsi le oscillazioni del PNA. Come già scritto dai miei esimi colleghi, ogni variazione degli indici va contestualizzata al particolare WR ... Ad esempio il PNA andrebbe analizzato insieme  all'EPO.
Da parte mia cmq preferisco sempre un PNA nettamente e persistentemente negativo).

48
il fanta del para e' da stampare e portare a Montesenario  ;D


il Para ( culo ) è interessante proprio per il ragionamento che ho appena fatto nell' altra stanza e che mi attirerà le solite valanghe di critiche e palate di merda  ;D ;D. E' l' unico modello che non mostra una overreaction nell' area PNA :

a 216h l' ondulazione sull' Alaska :



a 264h NON va ad adagiarsi subito sulla west-coast ma riparte verso lo stretto di Bering, ancora con uno schema PNA- :



nei prox. due-tre gg vedremo come verrà risolta questa problematica.


49
Nello 06 netta frenata intorno le 180 ore e aumento gpt in scandinavia


è il primo effetto della rotazione antioraria dell' onda sul Pacifico che "arretra"  verso l' Alaska e permette al VP di spostare masse tra regione polare e Canada. La risposta atlantica sembra essere immediata, già attorno al 30 del mese, come si vede soprattutto dai vari cluster di ECM in area NATL :



Ovviamente questa prima risposta non è detto che sia risolutiva verso la costruzione di un blocco in area SCAND, ma è certamente significativa di una buona disposizione delle forzanti tropicali. Anche in GFS aumentano le possibilità di un aumento della pressione al suolo in quell' area nel periodo 31/2 feb. :






50
La dinamica che verrà a crearsi nel mese di Febbraio è tipica di uno schema Nina/PDO- like/QBO west, con Scand+ ad anticipare un Ponte di Weikoff con apertura basso atlantica.
La Stratosfera per quest'anno ha già detto tutto, non sarà dalla Stratosfera che avremo anticipazioni di tale dinamica (Nel '56  eravamo con VPS in contrazione), ma nel mio composito avevo ben considerato anche il 90/91.

Quindi iniezione di calore dal Pacifico con onda planetaria in posizione arretrata (PNA-) , rilassamento westerlies e Scand+. Poi con l'ondulazione del waves train (PNA-/PNA+) , si formerà l'Atlantic Ridge.
Tale evoluzione non ha ripercussioni in stratosfera perchè il blocco zonale si attiva sul Continente Euroasiatico, perciò  in Stratosfera si procede scollegati, senza heat flux event significativi.





Intanto dopo la NASA, anche il CSF inizia a mostrare scenari ben diversi rispetto a pochi giorni fa  ;)










Pagine: [1] 2 3 4 5 ... 324