BACHECA ANNUNCI

VISITATE LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK!

Sono riaperte le iscrizioni al forum! Per registrarsi gratuitamente cliccare QUI


Autore Topic: world glacier monitoring service  (Letto 319 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline ale81

  • ..
  • MD GROUP
  • *
  • Post: 7609
  • Age: 39
  • Località: Rimini
  • La vita è una grande delusione.
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 860
world glacier monitoring service
« il: Febbraio 18, 2020, 05:17:00 pm »
Da oltre un secolo il World Glacier Monitoring Service (WGMS) e le organizzazioni che lo hanno preceduto raccolgono e diffondono dati standardizzati sulle variazioni dei ghiacciai. A tal fine, il WGMS raccoglie annualmente i dati sui ghiacciai attraverso la sua rete di collaborazione scientifica attiva in più di 30 paesi.La raccolta mondiale di informazioni in merito ai cambiamenti in corso sui ghiacciai è stata avviata nel 1894 con la costituzione della Commissione internazionale dei ghiacciai in occasione del 6° Congresso geologico internazionale di Zurigo, in Svizzera. Si sperava che le osservazioni a lungo termine dei ghiacciai potessero dare un'idea dei processi di cambiamento climatico, come ad esempio lo sviluppo delle ere glaciali. Da allora gli obiettivi del monitoraggio internazionale dei ghiacciai si sono evoluti e moltiplicati. Dall' inizio delle osservazioni sistematiche coordinate a livello internazionale sulle variazioni dei ghiacciai, nel 1894, è stata creata una base di dati preziosa e sempre più importante sui cambiamenti dei ghiacciai. Nel 1986 il World Glacier Monitoring Service (WGMS) ha iniziato a gestire e sviluppare la raccolta di informazioni sui cambiamenti dei ghiacciai, quando i due ex servizi ICSI PSFG (Permanent Service on Fluctuations of Glaciers) e TTS/WGI (Temporal Technical Secretariat/World Glacier Inventory) furono accorpati.Oggi il Servizio Mondiale di Monitoraggio dei Ghiacciai (WGMS) raccoglie osservazioni standardizzate sulle variazioni di massa, volume, area e lunghezza dei ghiacciai che avvengono nel corso del tempo (fluttuazioni dei ghiacciai), così come informazioni statistiche relative alla distribuzione della superficie perenne dei ghiacci  (Inventari dei ghiacciai). Tali dati sulle fluttuazioni dei ghiacciai e sugli inventari sono variabili di importanza prioritaria nel monitoraggio del sistema climatico; essi costituiscono la base per la modellazione idrologica rispetto ai possibili effetti del riscaldamento atmosferico e forniscono informazioni fondamentali per la glaciologia, la geomorfologia glaciale e la geologia del quaternario. La più alta densità di informazioni si trova per le Alpi e la Scandinavia, dove sono disponibili registrazioni lunghe e ininterrotte.Il WGMS è un servizio della International Association of the Cryospheric Sciences dell'Unione Internazionale di Geodesia e Geofisica (IACS, IUGG) e del World Data System del Consiglio Internazionale delle Scienze (ISC, ex ICSU) e lavora sotto l'egida del Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente (UN Environment Programme), dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione, la Scienza e la Cultura (UNESCO) e dell'Organizzazione Meteorologica Mondiale (WMO). In stretta collaborazione con il National Snow and Ice Data Center (NSIDC) degli Stati Uniti e l'iniziativa Global Land Ice Measurements from Space (GLIMS), il WGMS gestisce la Global Terrestrial Network for Glaciers (GTN-G) a sostegno della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC).

Qual è lo stato attuale dei ghiacciai a livello mondiale?
I glaciologi valutano lo stato di un ghiacciaio misurando il suo bilancio di massa annuale come risultato combinato dell'accumulo di neve (guadagno di massa) e dello scioglimento (perdita di massa) durante un determinato anno. Il bilancio di massa riflette le condizioni atmosferiche di un anno (idrologico) e, se misurato su un lungo periodo e visualizzato in modo cumulativo, le tendenze del bilancio di massa sono un indicatore delle variazioni climatiche. Lo scioglimento stagionale contribuisce al deflusso e il bilancio annuale (cioè la variazione netta della massa dei ghiacciai) contribuisce al cambiamento del livello dei mari.
Nella figura 1 , viene identificato il bilancio di massa annuale dei ghiacciai con oltre 30 anni di misurazioni glaciologiche in corso. I valori di variazione annuale della massa sono indicati sull'asse y nell'unità di misura equivalente di acqua (m w.e.) che corrisponde a tonnellate per metro quadrato (1.000 kg m-2). Fonte: WGMS (2020, rapporti aggiornati e precedenti). I dati possono essere scaricati qui. Il grafico relativo alla variazione globale della massa dei ghiacciai mostra il bilancio annuale stimato per un insieme di ghiacciai di riferimento globali con più di 30 anni di osservazione continua per il periodo 1950-2019. I valori globali sono calcolati utilizzando un solo singolo valore (in media) per ciascuna delle 19 regioni montane, al fine di evitare una distorsione rispetto alle regioni meglio osservate. Nell'anno idrologico 2017/18, i ghiacciai osservati hanno registrato una perdita di ghiaccio di 0,89 m s.l.m. Le stime preliminari per il 2018/19 indicano che il bilancio di massa annuale è molto negativo, con una perdita di ghiaccio di > 1,0 m s.l.m. Con questo, otto dei dieci anni con il bilancio di massa maggiormente negativo sono stati registrati dopo il 2010. Un valore di -1,0 m s.a. all'anno rappresenta una perdita di massa di 1.000 kg per metro quadrato di copertura di ghiaccio o una perdita annuale di spessore del ghiacciaio di circa 1,1 m all'anno, poiché la densità del ghiaccio è solo 0,9 volte la densità dell'acqua.

La figura 2,mostra la variazione della massa cumulativa dei ghiacciai di riferimento. I valori cumulativi relativi al 1976 sono riportati sull'asse y nell'unità di misura equivalente di acqua (m w.e.). Dalla metà degli anni '70, la variazione cumulativa della massa glaciale dei ghiacciai di riferimento globali, come mostrato nel grafico sopra, è stimata a circa 22 m w.e. I ghiacciai osservati erano prossimi a livelli stazionari durante gli anni '60, seguiti da una sempre più forte perdita di ghiaccio fino ad oggi. Il quasi raddoppio dei tassi di perdita di ghiaccio in ogni decennio fino ad oggi (oltre la diminuzione della superficie dei ghiacciai) non lascia dubbi sul cambiamento climatico in corso e sulla forzatura sostenuta, anche se una parte della tendenza all'accelerazione osservata è probabilmente causata da un processo di feedback positivo (ad esempio, abbassamento della superficie, disgregazione dei ghiacciai).

 La Fig. 3 mostra la variazione della massa cumulativa rispetto al 1976 per quanto riguarda i valori regionali e globali in base ai dati dei ghiacciai di riferimento. I valori cumulativi sono indicati sull'asse delle y nell'unità di misura equivalente di acqua (m w.e.). Le stime del bilancio di massa qui considerate sono basate su un insieme di ghiacciai di riferimento globali con più di 30 anni di osservazione continua per il periodo di osservazione, che sono raccolti dal World Glacier Monitoring Service (WGMS) in una serie storica di dati annuali provenienti da una rete di collaborazione scientifica in più di 40 paesi in tutto il mondo(https://wgms.ch/products_ref_glaciers/). I valori regionali sono calcolati come medie aritmetiche. I valori globali sono calcolati utilizzando un solo singolo valore (media) per ogni regione con ghiacciai, per evitare una polarizzazione verso le regioni ben osservate. I valori prima del 1960 e nel 2019 devono essere presi con cautela a causa delle limitate quantità dei campionamenti.

Fonte dati:  https://wgms.ch/global-glacier-state/
« Ultima modifica: Febbraio 19, 2020, 08:25:24 pm da ale81 » »


Capiamo di essere soli solo quando siamo di fronte a persone sbagliate, perché queste persone sono peggio della solitudine, non ti comprendono, non ascoltano i tuoi bisogni, sono vicine con il corpo ma lontane con l'anima.

Offline ale81

  • ..
  • MD GROUP
  • *
  • Post: 7609
  • Age: 39
  • Località: Rimini
  • La vita è una grande delusione.
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 860
Re:world glacier monitoring service
« Risposta #1 il: Febbraio 18, 2020, 05:26:01 pm »
Collezione cartografica dei ghiacciai
La seguente tabella fornisce una panoramica di tutte le mappe pubblicate nell'allegato della serie Fluttuazioni dei ghiacciai, compresi i testi di accompagnamento (.pdf) e quicklooks (.jpg). Le tessere della mappa ad alta risoluzione in formato TIF possono essere ordinate per ogni mappa utilizzando il link e-mail corrispondente.La banca dati è accessibile liberamente per scopi scientifici ed educativi in base al requisito di una corretta citazione della banca dati https://www.gtn-g.ch/glacier_maps/ , delle pubblicazioni correlate  https://wgms.ch/products_fog/,e/o dei ricercatori ufficiali, dell'anno di pubblicazione e delle agenzie di sponsorizzazione in base alle informazioni disponibili fornite nella banca dati.

https://wgms.ch/products_fog_maps/
Capiamo di essere soli solo quando siamo di fronte a persone sbagliate, perché queste persone sono peggio della solitudine, non ti comprendono, non ascoltano i tuoi bisogni, sono vicine con il corpo ma lontane con l'anima.

Offline incudine

  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 4566
  • Age: 42
  • Località: Molino del Piano-Pontassieve(fi) 120 s.l.m.
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 145
Re:world glacier monitoring service
« Risposta #2 il: Febbraio 18, 2020, 05:46:20 pm »
Grazie Ale,sempre sul pezzoSituazione ben nota purtroppo

Offline ale81

  • ..
  • MD GROUP
  • *
  • Post: 7609
  • Age: 39
  • Località: Rimini
  • La vita è una grande delusione.
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 860
Re:world glacier monitoring service
« Risposta #3 il: Febbraio 18, 2020, 08:40:30 pm »
Ultimi dati sul bilancio di massa dei ghiacciai
1) Sommario degli anni di bilancio 2015/16, 2016/17, 2017/18 e 2018/19 (preliminare)
I dati del bilancio di massa per i periodi di osservazione sono riportati da più di 130 ghiacciai in tutto il mondo. Le statistiche del bilancio di massa (Tabella 1) sono calcolate sulla base di tutti i dati segnalati e dei dati disponibili provenienti dai 40 ghiacciai di riferimento con serie di osservazione continuativa di oltre 30 anni (Tabella 2). Inoltre, per alcuni ghiacciai sono indicati i valori preliminari del bilancio di massa per il 2018/19.
Il bilancio medio di massa dei ghiacciai con serie di osservazione a lungo termine disponibili in tutto il mondo continua ad essere negativo, con cifre provvisorie che indicano un'ulteriore riduzione dello spessore di 1,0 metri equivalenti di acqua (m w.e.) durante l'anno idrologico 2016/17. I nuovi dati continuano il trend globale di forte perdita di ghiaccio negli ultimi decenni e portano la perdita di spessore media cumulativa dei ghiacciai di riferimento dal 1980 a quasi 20 m s.l.m. Lo stato attuale dei ghiacciai in tutto il mondo è riassunto qui. Tutti i valori di bilancio di massa finora riportati, elencati nella tabella 3, sono provvisori.
Tabella 1: Sommario dei dati del bilancio di massa 2015/16, 2016/17, 2017/18 e valori preliminari per il 2018/19. Le statistiche sono fornite per tutti i ghiacciai segnalati (ALL) e per i ghiacciai "di riferimento" disponibili con serie di osservazione continua a lungo termine (REF).


Per un'analisi più dettagliata del set di dati del bilancio di massa globale, si vedano le seguenti pubblicazioni selezionate e i relativi riferimenti:
Braithwaite, R.J. 2002. Glacier mass balance: the first 50 years of international monitoring. Progr. Phys. Geogr., 26 (1), 76-95.
Cogley, J.G. and W.P. Adams. 1998. Mass balance of glaciers other than the ice sheets. J. Glaciol., 44 (147), 315-325.
Dyurgerov, M.B. 2002. Glacier mass balance and regime: data of measurements and analysis. Boulder, CO, University of Colorado, Institute of Arctic and Alpine Research. INSTAAR Occasional Paper 55.
Dyurgerov, M.B. and M.F. Meier. 2005. Glaciers and the changing Earth system: a 2004 snapshot. Boulder, CO, University of Colorado, Institute of Arctic and Alpine Research. INSTAAR Occasional Paper 58.
Kaser, G., Cogley, J.G., Dyurgerov, M.B., Meier, M.F. and A. Ohmura. 2006. Mass balance of glaciers and ice caps: consensus estimates for 1961-2004. Geophys. Res. Lett., 33 (19), L19501.
Meier, M.F., Dyurgerov, M.B., Rick, U.K., O’Neel, S., Pfeffer, W.T., Anderson, R.S., Anderson, S.P. and A.F. Glazovsky. 2007. Glaciers dominate eustatic sea-level rise in the 21st century. Science, 317 (5841): 1064-1067.
Ohmura, A. 2006. Changes in mountain glaciers and ice caps during the 20th century. Ann. Glaciol., 43, 361-368.
WGMS. 2008. Global Glacier Changes: facts and figures. Zemp, M., Roer, I., Kääb, A., Hoelzle, M., Paul, F. and W. Haeberli (eds.), UNEP, World Glacier Monitoring Service, Zurich, Switzerland: 88 pp.
WGMS. 2013. Glacier Mass Balance Bulletin No. 12 (2010-2011). Zemp, M., Nussbaumer, S.U., Naegeli, K., Gärtner-Roer, I., Paul, F., Hoelzle, M., and Haeberli, W. (eds.), ICSU (WDS) / IUGG (IACS) / UNEP / UNESCO / WMO, World Glacier Monitoring Service, Zurich, Switzerland: 106 pp., publication based on database version: doi: 10.5904/wgms-fog-2013-11.
WGMS. 2012. Fluctuations of Glaciers 2005-2010 (Vol. X): Zemp, M., Frey, H., Gärtner-Roer, I., Nussbaumer, S.U., Hoelzle, M., Paul, F. & W. Haeberli (eds.), ICSU (WDS)/ IUGG (IACS)/ UNEP/ UNESCO/ WMO, World Glacier Monitorings Service, Zurich, Switzerland. Based on database version doi: 10.5904/wgms-fog-2012-11.
Zemp, M., Hoelzle, M. and W. Haeberli. 2009. Six decades of glacier mass balance observations – a review of the worldwide monitoring network. Annals of Glaciology, 50A018.
Zemp, M., Frey, H., Gärtner-Roer, I., Nussbaumer, S.U., Hoelzle, M., Paul, F., Haeberli, W., Denzinger, F., Ahlstroem, A.P., Anderson, B., Bajracharya, S., Baroni, C., Braun, L.N., Caceres, B.E., Casassa, G., Cobos, G., Davila, L.R., Delgado Granados, H., Demuth, M.N., Espizua, L., Fischer, A., Fujita, K., Gadek, B., Ghazanfar, A., Hagen J.O., Holmlund, P., Karimi, N., Li, Z., Pelto, M., Pitte, P., Popovnin, V.V., Portocarrero, C.A., Prinz, R., Sangewar, C.V., Severskiy, I., Sigurdsson, O., Soruco, A., Usubaliev, R., and Vincent, C. (2015): Historically unprecedented global glacier decline in the early 21st century. Journal of Glaciology, 61 (228), p. 745-762. doi: 10.3189/2015JoG15J017
2) Dati del bilancio di massa
Tabella 3: Valori del bilancio di massa riferiti al periodo di osservazione 2015/16, 2016/17, 2017/18 e *valori preliminari per il 2018/19. I responsabili delle indagini sono elencati per i dati presentati del 2017/18.


Dati e grafici reperibili al seguente link:  https://wgms.ch/latest-glacier-mass-balance-data/
Capiamo di essere soli solo quando siamo di fronte a persone sbagliate, perché queste persone sono peggio della solitudine, non ti comprendono, non ascoltano i tuoi bisogni, sono vicine con il corpo ma lontane con l'anima.

Offline magiogighen76

  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 1517
  • Age: 43
  • Località: Molino del piano , Pontassieve 120 mt. s.l.m.- Gualdo , pratovecchio 896 mt. s.l.m.
  • costanter et no trepide
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 214
Re:world glacier monitoring service
« Risposta #4 il: Febbraio 18, 2020, 09:30:09 pm »
Ultimi dati sul bilancio di massa dei ghiacciai
1) Sommario degli anni di bilancio 2015/16, 2016/17, 2017/18 e 2018/19 (preliminare)
I dati del bilancio di massa per i periodi di osservazione sono riportati da più di 130 ghiacciai in tutto il mondo. Le statistiche del bilancio di massa (Tabella 1) sono calcolate sulla base di tutti i dati segnalati e dei dati disponibili provenienti dai 40 ghiacciai di riferimento con serie di osservazione continuativa di oltre 30 anni (Tabella 2). Inoltre, per alcuni ghiacciai sono indicati i valori preliminari del bilancio di massa per il 2018/19.
Il bilancio medio di massa dei ghiacciai con serie di osservazione a lungo termine disponibili in tutto il mondo continua ad essere negativo, con cifre provvisorie che indicano un'ulteriore riduzione dello spessore di 1,0 metri equivalenti di acqua (m w.e.) durante l'anno idrologico 2016/17. I nuovi dati continuano il trend globale di forte perdita di ghiaccio negli ultimi decenni e portano la perdita di spessore media cumulativa dei ghiacciai di riferimento dal 1980 a quasi 20 m s.l.m. Lo stato attuale dei ghiacciai in tutto il mondo è riassunto qui. Tutti i valori di bilancio di massa finora riportati, elencati nella tabella 3, sono provvisori.
Tabella 1: Sommario dei dati del bilancio di massa 2015/16, 2016/17, 2017/18 e valori preliminari per il 2018/19. Le statistiche sono fornite per tutti i ghiacciai segnalati (ALL) e per i ghiacciai "di riferimento" disponibili con serie di osservazione continua a lungo termine (REF).


Per un'analisi più dettagliata del set di dati del bilancio di massa globale, si vedano le seguenti pubblicazioni selezionate e i relativi riferimenti:
Braithwaite, R.J. 2002. Glacier mass balance: the first 50 years of international monitoring. Progr. Phys. Geogr., 26 (1), 76-95.
Cogley, J.G. and W.P. Adams. 1998. Mass balance of glaciers other than the ice sheets. J. Glaciol., 44 (147), 315-325.
Dyurgerov, M.B. 2002. Glacier mass balance and regime: data of measurements and analysis. Boulder, CO, University of Colorado, Institute of Arctic and Alpine Research. INSTAAR Occasional Paper 55.
Dyurgerov, M.B. and M.F. Meier. 2005. Glaciers and the changing Earth system: a 2004 snapshot. Boulder, CO, University of Colorado, Institute of Arctic and Alpine Research. INSTAAR Occasional Paper 58.
Kaser, G., Cogley, J.G., Dyurgerov, M.B., Meier, M.F. and A. Ohmura. 2006. Mass balance of glaciers and ice caps: consensus estimates for 1961-2004. Geophys. Res. Lett., 33 (19), L19501.
Meier, M.F., Dyurgerov, M.B., Rick, U.K., O’Neel, S., Pfeffer, W.T., Anderson, R.S., Anderson, S.P. and A.F. Glazovsky. 2007. Glaciers dominate eustatic sea-level rise in the 21st century. Science, 317 (5841): 1064-1067.
Ohmura, A. 2006. Changes in mountain glaciers and ice caps during the 20th century. Ann. Glaciol., 43, 361-368.
WGMS. 2008. Global Glacier Changes: facts and figures. Zemp, M., Roer, I., Kääb, A., Hoelzle, M., Paul, F. and W. Haeberli (eds.), UNEP, World Glacier Monitoring Service, Zurich, Switzerland: 88 pp.
WGMS. 2013. Glacier Mass Balance Bulletin No. 12 (2010-2011). Zemp, M., Nussbaumer, S.U., Naegeli, K., Gärtner-Roer, I., Paul, F., Hoelzle, M., and Haeberli, W. (eds.), ICSU (WDS) / IUGG (IACS) / UNEP / UNESCO / WMO, World Glacier Monitoring Service, Zurich, Switzerland: 106 pp., publication based on database version: doi: 10.5904/wgms-fog-2013-11.
WGMS. 2012. Fluctuations of Glaciers 2005-2010 (Vol. X): Zemp, M., Frey, H., Gärtner-Roer, I., Nussbaumer, S.U., Hoelzle, M., Paul, F. & W. Haeberli (eds.), ICSU (WDS)/ IUGG (IACS)/ UNEP/ UNESCO/ WMO, World Glacier Monitorings Service, Zurich, Switzerland. Based on database version doi: 10.5904/wgms-fog-2012-11.
Zemp, M., Hoelzle, M. and W. Haeberli. 2009. Six decades of glacier mass balance observations – a review of the worldwide monitoring network. Annals of Glaciology, 50A018.
Zemp, M., Frey, H., Gärtner-Roer, I., Nussbaumer, S.U., Hoelzle, M., Paul, F., Haeberli, W., Denzinger, F., Ahlstroem, A.P., Anderson, B., Bajracharya, S., Baroni, C., Braun, L.N., Caceres, B.E., Casassa, G., Cobos, G., Davila, L.R., Delgado Granados, H., Demuth, M.N., Espizua, L., Fischer, A., Fujita, K., Gadek, B., Ghazanfar, A., Hagen J.O., Holmlund, P., Karimi, N., Li, Z., Pelto, M., Pitte, P., Popovnin, V.V., Portocarrero, C.A., Prinz, R., Sangewar, C.V., Severskiy, I., Sigurdsson, O., Soruco, A., Usubaliev, R., and Vincent, C. (2015): Historically unprecedented global glacier decline in the early 21st century. Journal of Glaciology, 61 (228), p. 745-762. doi: 10.3189/2015JoG15J017
2) Dati del bilancio di massa
Tabella 3: Valori del bilancio di massa riferiti al periodo di osservazione 2015/16, 2016/17, 2017/18 e *valori preliminari per il 2018/19. I responsabili delle indagini sono elencati per i dati presentati del 2017/18.


Dati e grafici reperibili al seguente link:  https://wgms.ch/latest-glacier-mass-balance-data/
Grazie Ale, sempre preciso e bravissimo a postare i dati; confermano quello che era risaputo. 

Inviato dal mio SM-A105FN utilizzando Tapatalk


Offline ale81

  • ..
  • MD GROUP
  • *
  • Post: 7609
  • Age: 39
  • Località: Rimini
  • La vita è una grande delusione.
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 860
Re:world glacier monitoring service
« Risposta #5 il: Febbraio 19, 2020, 11:46:11 am »
Contributo all'innalzamento del livello dei mari
Quanto contribuiscono i ghiacciai all'innalzamento del livello dei mari e degli oceani?
Lo scioglimento delle calotte glaciali in Groenlandia e in Antartide e lo scioglimento dei ghiacciai di tutto il mondo stanno causando l'innalzamento del livello dei mari. In occasione del prossimo rapporto speciale dell'IPCC su "Ocean and Cryosphere in a Changing Climate" https://www.ipcc.ch/srocc/, un team di ricerca internazionale ha combinato le osservazioni glaciologiche sul campo con le misurazioni satellitari geodetiche - come disponibile presso il WGMS - per ricostruire i cambiamenti di massa annuali di oltre 19'000 ghiacciai sparsi in tutto il mondo. Questa nuova valutazione mostra che i soli ghiacciai hanno perso più di 9.000 miliardi di tonnellate di ghiaccio tra il 1961 e il 2016, aumentando il livello dei mari di 27 millimetri. Questa perdita globale di massa glaciale corrisponde a un cubo di ghiaccio con l'area della Germania e uno spessore di 30 metri. I maggiori responsabili sono stati i ghiacciai dell'Alaska, seguiti dalle distese di ghiaccio che si sono sciolte in Patagonia e dai ghiacciai nelle regioni artiche. Anche i ghiacciai delle Alpi europee, della catena montuosa del Caucaso e della Nuova Zelanda sono stati soggetti a significative perdite di ghiaccio; tuttavia, a causa delle loro aree glaciali relativamente piccole, hanno giocato un ruolo minore per quanto riguarda l'innalzamento del livello globale dei mari.

La figura 1 sopra postata,va ad identificare il contributo regionale dei ghiacciai all'innalzamento del livello dei mari dal 1961 al 2016. Il cambiamento di massa cumulativo regionale e globale dei ghiacciai (in gigatoni, 1 Gt = 1 000 000 000 000 di tonnellate) corrisponde al volume delle bolle. Esempio di lettura: Con più di 3.000 Gt, i ghiacciai dell'Alaska (ALA) hanno contribuito maggiormente all'aumento del livello dei mari. I ghiacciai dell'Asia sud-occidentale (ASW, bolla blu) sono stati gli unici ad aumentare di massa. Fonte: rettificato da Zemp et al. (2019), Nature.(https://www.nature.com/articles/s41586-019-1071-0)
La perdita globale di massa dei ghiacciai è aumentata in modo significativo negli ultimi 30 anni e attualmente ammonta a 335 miliardi di tonnellate di ghiaccio perso ogni anno. Ciò corrisponde ad un aumento del livello dei mari di quasi 1 millimetro all'anno. Il ghiaccio fuso dei ghiacciai rappresenta quindi il 25-30 per cento dell'aumento del livello globale dei mari attualmente osservato. Questa perdita di ghiaccio che si verifica in tutti i ghiacciai corrisponde all'incirca alla perdita di massa della calotta glaciale della Groenlandia e supera nettamente quella dell'Antartico.
La figura 2,mostra i  contributi globali dei ghiacciai all'innalzamento del livello dei mari dal 1961 al 2016. I tassi di variazione della massa annuale e pentadale (asse verticale sinistro) e gli equivalenti dell'innalzamento globale medio del livello dei mari (asse verticale destro) sono mostrati con le relative barre di errore (indicate dall'ombreggiatura) corrispondenti a intervalli di confidenza del 95%. Gli errori annuali hanno origine da fonti indipendenti: campione glaciologico, campione geodetico, interpolazione spaziale e area del ghiacciaio. Esempio di lettura: negli ultimi anni, il contributo globale dei ghiacciai ha raggiunto circa 1 mm equivalente al livello del mare. Fonte: Zemp et al. (2019), Nature. https://www.nature.com/articles/s41586-019-1071-0

Un miglioramento della valutazione globale del cambiamento di massa dei ghiacciai è ancora possibile e necessario. Per questo motivo, la banca dati relativa alle osservazioni deve essere ampliata sia nello spazio che nel tempo. In questo caso, la necessità più urgente di colmare le lacune osservazionali è nelle regioni in cui i ghiacciai dominano il deflusso durante le stagioni calde/secche, come nelle Ande tropicali e nell'Asia centrale, e nelle regioni che dominano il contributo dei ghiacciai al futuro innalzamento del livello del mare, cioè Alaska, Canada Artico, Artico russo e ghiacciai periferici in Groenlandia e Antartide.
Refrence
Zemp, M., Huss, M., Thibert, E., Eckert, N., McNabb, R., Huber, J., Barandun, M., Machguth, H., Nussbaumer, S.U., Gärtner-Roer, I., Thomson, L., Paul, F., Maussion, F., Kutuzov, S. e Cogley, J.G. (2019): I cambiamenti globali della massa dei ghiacciai e il loro contributo all'innalzamento del livello del mare dal 1961 al 2016.  https://doi.org/10.1038/s41586-019-1071-0.
Capiamo di essere soli solo quando siamo di fronte a persone sbagliate, perché queste persone sono peggio della solitudine, non ti comprendono, non ascoltano i tuoi bisogni, sono vicine con il corpo ma lontane con l'anima.