BACHECA ANNUNCI

VISITATE LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK!

Sono riaperte le iscrizioni al forum! Per registrarsi gratuitamente cliccare QUI


Autore Topic: analisi stratosferica stagione 2016/17  (Letto 298018 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline paolinopc78

  • Membro Senior
  • *****
  • Post: 256
  • Località: Piacenza
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 34
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1350 il: Gennaio 11, 2017, 02:02:19 pm »
Filippo lo escludiamo un ese Warm per il prosequio. ? magari con attivazione anche della w 2?  E chiusura inverno da oscar? Saluti

Offline Buriano84

  • MD GROUP
  • ******
  • Bannato!
  • Post: 9869
  • 7 km a NE della citta' di Siena..Chianti ridente
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 774
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1351 il: Gennaio 11, 2017, 08:48:05 pm »
Concordo..
Per la Toscana sottolineo che l'ondata partì in sordina con le prime tramontanate dopo metà dicembre..e si entrò praticamente nel vivo il giorno di Natale (con neve già nella notte dopo S. Stefano..); se ne uscì il 16 gennaio (mista la piano fino alle 12 poi pioggia..ma anche decine di centimentri in Padania lo stesso giorno), dopo ripetuti record di minime al piano ma anche in collina, dopo metrate di neve già a 800m e accumuli totali al piano oltre il mezzo metro..
Insomma.. quasi 30gg di storia..

Inviato dal mio HTC Desire 500 utilizzando Tapatalk
Il 1985 è l'unico anno invece dove un MMW...portò grandi cose....
IL FEBBRAIO 2012????SICURAMENTE IL PIU' GRANDE EVENTO DAL 1985!!!!!!

Offline argento

  • Membro Onorario
  • ****
  • Post: 183
  • Località: Monte Argentario
  • Porto Santo Stefano,Argentario (gr)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 276
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1352 il: Gennaio 12, 2017, 09:39:39 am »



11 febbraio 2012............................

Offline Marca Fermana

  • CSCT Team
  • Membro Senior
  • *****
  • Post: 454
  • Località: direttamente dalla Marca Fermana
  • IL CLIMA DEL FUTURO? LA CHIAVE E' NEL PASSATO
    • Mostra profilo
    • mfmeteo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 779
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1353 il: Gennaio 12, 2017, 11:55:04 am »
al momento, GFS, mostra da svariati giorni, nel fantastrato...dinamiche ad un onda (W1) con un VPS in displacement euroasiatico

e questo implica comunque una temporanea flessione dei venti zonali in stratosfera, ma questa è la visione di GFS.

Reading arriva alle 240h con una W2 un po' + attiva dal punto di vista termico

e non solo

anche se è innegabile la discesa della stessa, la quale sembra entrare in riserva, allo stesso tempo, in chiusura, non mostra  di rimanere senza benzina.....

appuntamento ora, a fra 10/15gg, su questo topic!
« Ultima modifica: Gennaio 12, 2017, 01:58:41 pm da Marca Fermana » »

Offline Cloover

  • Presidente del CSCT
  • Fondatore - Amministratore
  • MD GROUP
  • *****
  • Post: 14531
  • Località: Monsummano Terme(PT)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3423
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1354 il: Gennaio 13, 2017, 08:58:28 am »
Reading vede infatti una forte ripresa dell'Heat flux, dinamica prettamente ad un'onda:



Le ENS di GFS evidenziano un apprezzabile calo delle velocità zonali:



Evoluzione strettamente legata all'insorgenza di un pattern AD+.

In linea di massima non è una dinamica che porta ad un collassamento del VPS, anzi.... Potrebbe esserci un nuovo rafforzamento nel corso del mese di Febbraio a causa dell'importante contrazione.
Tuttavia se la W1 continuerà a spingere con buona convergenza estremizzando l'AD+, potremmo vedere una parte finale del mese ed una prima parte del mese di Febbraio caratterizzata da una sostanziale variazione del WR sul settore Europeo, con le Continentalate che lascerebbero il posto alle.....Articate. Una configurazione che rimetterebbe in gioco il centro-nord:

La settimina vincente? BDC strong, QBO-,Solar Flux Low,Nina east/Nino Modoki,Tripolo Atl- , PDO-/anomalie neg. su Pacifico orientale , Area Namias +

Offline Giaguaro

  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 6441
  • Age: 35
  • Località: Pistoia (PT)
  • Pistoia
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 547
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1355 il: Gennaio 13, 2017, 09:11:35 am »
E sarebbe anche l'ora io serpente.
Il lavoro nobilita l'uomo, ma anche stare a casa ogni tanto non è delle peggio

Offline Cloover

  • Presidente del CSCT
  • Fondatore - Amministratore
  • MD GROUP
  • *****
  • Post: 14531
  • Località: Monsummano Terme(PT)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3423
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1356 il: Gennaio 13, 2017, 09:17:10 am »
Devo dire che l'evoluzione mi pare possa rispecchiare a grandi linee il grafico postato da Nonno Rodano:

La settimina vincente? BDC strong, QBO-,Solar Flux Low,Nina east/Nino Modoki,Tripolo Atl- , PDO-/anomalie neg. su Pacifico orientale , Area Namias +

Offline mex90

  • Novizio
  • **
  • Post: 36
  • Località: Colline del pesarese 117mslm (PU)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 34
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1357 il: Gennaio 13, 2017, 03:58:26 pm »


Suggestiva carta di previsione dove una wave 2 fuori posizione pare una wave 3 stratosferica (che per letteratura non esiste) ;D.
A parte la simpatica osservazione suddetta il minor warming in arrivo, nonostante sia accompagnato da un forcing quasi esclusivamente a carico della wave 1, potrebbe (imho) segnare l'inizio di forte declino del vps vista la forte impennata termica:



e soprattutto il deciso forte calo dei venti zonali
Analisi:


Forecast a 10 giorni:


Ora vi chiedo perdono se vado un secondo off topic ma secondo me la previsione della mjo merita quantomeno un'occhiata.


Purtroppo non so dove si possa andare a vedere l'effettiva anomalia di geopotenziali coadiuvata da una mjo di forte magnitudine in fase 8-1 relazionata agli altri indici, ma la situazione nell' ultima decade di gennaio/prima di febbraio potrebbe farsi pirotecnica! Se qualcuno potesse postare un paio di plot lo apprezzerei moltissimo!
Rinnovo i complimenti a tutti i preparatissimi utenti che continuano giornalmente a intervenire in questo post davvero molto molto appassionante.  :)
In caso di incongruenze/errori/pareri discordanti non temete di farmeli notare!

Offline granneve

  • Membro Junior
  • ***
  • Post: 55
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 0
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1358 il: Gennaio 13, 2017, 04:06:20 pm »
Buongiorno..oggi sono ufficialmente rientrato dalle festività natalizie, vediamo di rimetterci in pari:

NAM fino al 6 Gennaio:



effetti di un ESE (NAM> +1,5) con data di inizio tra il 15 Novembre e il 31 dicembre sul valore dell' AO..in questo grafico osserviamo la media di tutti gli eventi dal 1960 ad oggi, la media degli eventi tra 2000 e 2015 e l'AO dello SC attuale iniziato in data 22 Dicembre..




Nonostante il forcing stratosferico abbiamo raccolto il massimo possibile, con un'irruzione fredda tipica dei periodi con VP forte (target centro-sud), allo stesso tempo, come dicevo qualche giorno fa, ci sarebbe da mangiarsi le mani visto che senza il rinforzo zonale da SC staremmo probabilmente vivendo qualcosa di storico grazie ad un asse del VP in troposfera tipico delle più importanti ondate di gelo.. ::)

cosa succederà in futuro?..difficile dirlo per tutti i motivi già descritti..

semplicemente da un punto di vista statistico, come si può vedere dal grafico, da fine Gennaio alla prima decade di Febbraio dovrebbe aprirsi un periodo favorevole ad un netto calo dell'AO..questo potrebbe favorire una nuova intensa fase continentale ai primi di Febbraio, anche se sempre a livello statistico, in questi casi la NAO difficilmente crolla.. ;)


La prima considerazione che possiamo fare è che osservando AO e NAO sicuramente l'ESE si sta facendo sentire come da letteratura, con entrambi gli indici positivi come da letteratura..tuttavia le particolari anomalie troposferiche ci hanno "salvato" proprio durante il periodo peggiore, ovvero quello dei primi 30-40 giorni dopo lo sfondamento..



A ulteriore testimonianza della poca validità delle influenze Strato, senza il dictat della tropo, proprio quando ( fine gennaio-prima settimana di febbraio ), secondo le dinamiche da te citate, dovrebbe incaponirsi un'altra fase continentale, ritengo, invece, che, proprio per quelle date, per ragioni termo-bariche tutte troposferiche, anche conseguenti a questa importante fase fredda e invernale di gennaio, si possa assistere a una fase più anticiclonica o al più atlantica. La troposfera, per ora, ha dato e continuerà a dare in questo gennaio sui nostri meridiani. Potrebbe tornare a dare nella seconda parte di febbraio o comunque non i primi. Stiamo a vedere, ma per me tutte queste supposizioni sulle influenze strato determinanti, 40/60 gg ect, beninteso, salva la tua dedizione e competenza come quella di tanti altri ( le contesto nella loro importanza scientifica, voi le state solo riportando ) avranno un definitivo sconfessamento. Ne parleremo il 10 febbraio. Intanto inverno d'altri tempi, come ero sicuro che accadesse  e con tutta la strato contro.. By 8)

Offline adm.ackbar

  • Membro Onorario
  • ****
  • Post: 119
  • Age: 44
  • Località: Vado Ligure
    • tazputer
    • adm_ackbat_it
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 163
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1359 il: Gennaio 13, 2017, 10:24:15 pm »

A ulteriore testimonianza della poca validità delle influenze Strato, senza il dictat della tropo, proprio quando ( fine gennaio-prima settimana di febbraio ), secondo le dinamiche da te citate, dovrebbe incaponirsi un'altra fase continentale, ritengo, invece, che, proprio per quelle date, per ragioni termo-bariche tutte troposferiche, anche conseguenti a questa importante fase fredda e invernale di gennaio, si possa assistere a una fase più anticiclonica o al più atlantica. La troposfera, per ora, ha dato e continuerà a dare in questo gennaio sui nostri meridiani. Potrebbe tornare a dare nella seconda parte di febbraio o comunque non i primi. Stiamo a vedere, ma per me tutte queste supposizioni sulle influenze strato determinanti, 40/60 gg ect, beninteso, salva la tua dedizione e competenza come quella di tanti altri ( le contesto nella loro importanza scientifica, voi le state solo riportando ) avranno un definitivo sconfessamento. Ne parleremo il 10 febbraio. Intanto inverno d'altri tempi, come ero sicuro che accadesse  e con tutta la strato contro.. By 8)

Perdonami però, ma anche tu sei fuori luogo, nel senso che la stanza in cui scrivi tenta di fare un'analisi scientifica ed interpretare i dati che ci arrivano dalla stratosfera...se tu pensi, legittimamente, che della strato la tropo se ne freghi...hai sbagliato discussione.
Oltretutto le asserzioni che si fanno, andrebbero argomentate in qualche modo, diversamente si rischia di passare per novelli Nostradamus.

In amicizia

Offline Nonno_rodano

  • CSCT Team
  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 1001
  • Age: 33
  • Località: Prato
  • Prato
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 99
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1360 il: Gennaio 14, 2017, 08:05:39 am »

A ulteriore testimonianza della poca validità delle influenze Strato, senza il dictat della tropo, proprio quando ( fine gennaio-prima settimana di febbraio ), secondo le dinamiche da te citate, dovrebbe incaponirsi un'altra fase continentale, ritengo, invece, che, proprio per quelle date, per ragioni termo-bariche tutte troposferiche, anche conseguenti a questa importante fase fredda e invernale di gennaio, si possa assistere a una fase più anticiclonica o al più atlantica. La troposfera, per ora, ha dato e continuerà a dare in questo gennaio sui nostri meridiani. Potrebbe tornare a dare nella seconda parte di febbraio o comunque non i primi. Stiamo a vedere, ma per me tutte queste supposizioni sulle influenze strato determinanti, 40/60 gg ect, beninteso, salva la tua dedizione e competenza come quella di tanti altri ( le contesto nella loro importanza scientifica, voi le state solo riportando ) avranno un definitivo sconfessamento. Ne parleremo il 10 febbraio. Intanto inverno d'altri tempi, come ero sicuro che accadesse  e con tutta la strato contro.. By 8)


il classico errore, ripetuto da molti utenti e in molti forum, è quello di voler attribuire a Cloover, Nonno_rodano etc etc.. teorie di cui noi siamo semplicemente dei "porta-voce"..gli effetti di un ESE con sfondamento del NAM sono pubblicati in letteratura con articoli ritenuti validi e corretti da tutta la comunità scientifica..

per confutare tale teorie servono studi,numeri,statistica, lavoro di anni..ma anche tutto ciò non basta..la tua o la mia idea in merito non conta assolutamente niente se non viene prima sottoposta ad una "revisione" scientifica di professionisti del settore..in altre parole, non è concesso mettere in dubbio un paper pubblicato su un forum, lo si può fare soltanto attraverso un'altra pubblicazione,tutto il resto sono chiacchere da bar (le mie in primis).. ;)

mi pare poi che tu confonda gli effetti dell' ESE come pubblicati in letteratura con le condizioni climatiche del centro-sud Italia..la teoria che riguarda lo sfondamento del NAM non menziona ovviamente i cm di neve caduti a Bari, ma la positività di AO e NAO..

hai dato un occhio ai grafici di questi due indici?..come ti risultano AO e NAO dal 20 Dicembre circa ad oggi?..dopo aver osservato con attenzione tali grafici potrai rispondere alla domanda "l'ESE del 2016-17 ha condizionato la troposfera come da letteratura?"..io direi di si.. 8)

riguardo alla particolare disposizione delle anomalie troposferiche,bhe, credo di esserne stato uno dei principali sostenitori fin da Novembre, era secondo me abbastanza chiaro che con quei deficit di ghiacci e quello snowcover, avremmo assistito ad una dinamica continentale..quello che poteva cambiare era il valore medio della NAO..

infine, per il futuro, mi sono limitato a postare un grafico che è la media del valore dell'AO nelle fasi precedenti e successive ad un ESE (dicembrino), e a considerare che tra fine mese ed inizio Febbraio l'AO dovrebbe andare in negativo in un contesto di NAO positiva o neutra..ciò comporterebbe una nuova fase fredda con asse simile a quello attuale nel periodo immediatamente successivo al calo dell'AO..vedremo come andrà.. ;D
"siamo buoni a nulla ma capaci di tutto"

Offline Orso russo

  • Membro Senior
  • *****
  • Post: 325
  • Age: 30
  • Località: Sermide (MN)
  • Burian.....atlantico basso....Burian...
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 401
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1361 il: Gennaio 14, 2017, 08:52:04 am »

 :o :o :o :o :o

Offline Orso russo

  • Membro Senior
  • *****
  • Post: 325
  • Age: 30
  • Località: Sermide (MN)
  • Burian.....atlantico basso....Burian...
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 401
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1362 il: Gennaio 14, 2017, 08:53:00 am »

 8)

Offline roberto7382

  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 519
  • Località: Forli(FC)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 667
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1363 il: Gennaio 14, 2017, 09:25:26 am »

il classico errore, ripetuto da molti utenti e in molti forum, è quello di voler attribuire a Cloover, Nonno_rodano etc etc.. teorie di cui noi siamo semplicemente dei "porta-voce"..gli effetti di un ESE con sfondamento del NAM sono pubblicati in letteratura con articoli ritenuti validi e corretti da tutta la comunità scientifica..

per confutare tale teorie servono studi,numeri,statistica, lavoro di anni..ma anche tutto ciò non basta..la tua o la mia idea in merito non conta assolutamente niente se non viene prima sottoposta ad una "revisione" scientifica di professionisti del settore..in altre parole, non è concesso mettere in dubbio un paper pubblicato su un forum, lo si può fare soltanto attraverso un'altra pubblicazione,tutto il resto sono chiacchere da bar (le mie in primis).. ;)

mi pare poi che tu confonda gli effetti dell' ESE come pubblicati in letteratura con le condizioni climatiche del centro-sud Italia..la teoria che riguarda lo sfondamento del NAM non menziona ovviamente i cm di neve caduti a Bari, ma la positività di AO e NAO..

hai dato un occhio ai grafici di questi due indici?..come ti risultano AO e NAO dal 20 Dicembre circa ad oggi?..dopo aver osservato con attenzione tali grafici potrai rispondere alla domanda "l'ESE del 2016-17 ha condizionato la troposfera come da letteratura?"..io direi di si.. 8)

riguardo alla particolare disposizione delle anomalie troposferiche,bhe, credo di esserne stato uno dei principali sostenitori fin da Novembre, era secondo me abbastanza chiaro che con quei deficit di ghiacci e quello snowcover, avremmo assistito ad una dinamica continentale..quello che poteva cambiare era il valore medio della NAO..

infine, per il futuro, mi sono limitato a postare un grafico che è la media del valore dell'AO nelle fasi precedenti e successive ad un ESE (dicembrino), e a considerare che tra fine mese ed inizio Febbraio l'AO dovrebbe andare in negativo in un contesto di NAO positiva o neutra..ciò comporterebbe una nuova fase fredda con asse simile a quello attuale nel periodo immediatamente successivo al calo dell'AO..vedremo come andrà.. ;D

Ciao nonno, potresti postare AO e NAO di ECMWF visto che la sua MJO sta partendo a razzo improvvisamente verso le fasi 2,3,4,5 (i flussi in strato stanno diventando divergenti) cosa che per il proseguio dell'inverno mi sembrerebbe veramente deleteria?

Grazie!
Saluti!

Offline Davide

  • CSCT Team
  • Membro Onorario
  • ****
  • Post: 109
  • Age: 31
  • Località: Monti Lessini (VR) 650 m.s.l.m.
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 68
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1364 il: Gennaio 14, 2017, 09:37:23 am »

 :o :o :o :o :o


Crollo delle velocità zonali attribuibili ad un displacement del VPS indotto da un pattern AD+ in troposfera,  nel lungo termine infatti GFS vede un wave-1 molto potente con ampiezza e geopotenziali importanti, la distanza temporale è lunghissima comunque l'impressione è che si vada verso una forte crisi in stratosfera in prima decade di febbraio, con possibile anche MMW ma stando alle carte potrebbe trattarsi di un displacement. Al momento è troppo presto per sbilanciarsi, attendiamo una settimana per capire meglio.

Offline gaspa710

  • Novizio
  • **
  • Post: 16
  • Age: 26
  • Località: Ancona
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 76
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1365 il: Gennaio 14, 2017, 11:47:41 am »
Buongiorno a tutti. Avrei una domanda da porre: quest'anno abbiamo sperimentato una buona attività delle due onde planetarie (W1 e W2), tuttavia come riportato da Cloover, Davide e altri, la maggior parte delle dinamiche (tranne quella di inizio novembre) non ha visto un'azione sinergica delle due, ma un loro alternarsi. Questa evoluzione era stata descritta anche nell'outlook stagionale, dove infatti non veniva prevista una crisi importante (split?) del VPS. Adesso notiamo per fine mese la possibilità di un potente warming in zona siberiana ad opera della W1, ma con la W2 di nuovo inibita, dunque, almeno allo stato attuale, parrebbe trattarsi di un evento displacement. Quali sono le ragioni per cui questa forte attività d'onda non riesce ad esprimersi in modo decisivo, portando il VPS ad una crisi più profonda? Grazie dell'eventuale risposta.   

Offline ponente

  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 12466
  • Località: Pontedassio(IM) 80 Mt.
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 2639
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1366 il: Gennaio 14, 2017, 06:21:54 pm »
Crollo delle velocità zonali attribuibili ad un displacement del VPS indotto da un pattern AD+ in troposfera,  nel lungo termine infatti GFS vede un wave-1 molto potente con ampiezza e geopotenziali importanti, la distanza temporale è lunghissima comunque l'impressione è che si vada verso una forte crisi in stratosfera in prima decade di febbraio, con possibile anche MMW ma stando alle carte potrebbe trattarsi di un displacement. Al momento è troppo presto per sbilanciarsi, attendiamo una settimana per capire meglio.

Domanda:  il displacement non è che porti ad un eventuale CW come a fine Novembre?

Offline Cloover

  • Presidente del CSCT
  • Fondatore - Amministratore
  • MD GROUP
  • *****
  • Post: 14531
  • Località: Monsummano Terme(PT)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3423
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1367 il: Gennaio 14, 2017, 06:43:12 pm »
Buongiorno a tutti. Avrei una domanda da porre: quest'anno abbiamo sperimentato una buona attività delle due onde planetarie (W1 e W2), tuttavia come riportato da Cloover, Davide e altri, la maggior parte delle dinamiche (tranne quella di inizio novembre) non ha visto un'azione sinergica delle due, ma un loro alternarsi. Questa evoluzione era stata descritta anche nell'outlook stagionale, dove infatti non veniva prevista una crisi importante (split?) del VPS. Adesso notiamo per fine mese la possibilità di un potente warming in zona siberiana ad opera della W1, ma con la W2 di nuovo inibita, dunque, almeno allo stato attuale, parrebbe trattarsi di un evento displacement. Quali sono le ragioni per cui questa forte attività d'onda non riesce ad esprimersi in modo decisivo, portando il VPS ad una crisi più profonda? Grazie dell'eventuale risposta.   

In linea generale quest'anno abbiamo una  disposizione teleconnettiva favorevole ad un forte approfondimento del VPS , cosa che infatti si è verificata.
La QBO+ e la bassa attività solare remano a sfavore di onde fortemente intrusive, grazie all'impatto sulla BDC, cosicchè è più facile assistere a dinamiche ad 1 onda e disturbi deboli-moderati, con una mancata destrutturazione.

Ed ecco che la AO, come faceva notare Nonno Rodano, si è mantenuta su valori deb. positivi, proprio a testimonianza di quanto detto. Il crollo che doveva esserci a fine Dicembre e poi inizio Gennaio, viene continuamente rimandato, e adesso lo vediamo a fine mese, sempre più ridimensionato:



Chi parla di un mancato condizionamento della Stratosfera, di NAM ininfluente, di Troposfera vincente , ecc ecc, non sa nemmeno di cosa sta parlando.
La colonna d'aria è una soltanto, l'abbiamo spiegato più volte, proprio su queste pagine. Putroppo molti sono talmente concentrati sui propri orticelli che scambiano questo post per una diatriba tra i sostenitori della Stratosfera e i sostenitori della Troposfera, come fossero pappa e ciccia, o di "decoupling" che di fatto è una dinamica inesistente durante questo Inverno.
Se non capiamo questo, andiamo nell'altra stanza e  facciamo i sondaggi, diciamo dove nevica e chi indovina vince un mappamondo o una bambola parlante, ma non venga qui a fare improponibili didattiche.

Per il resto quoto l'intervento di Davide:

Crollo delle velocità zonali attribuibili ad un displacement del VPS indotto da un pattern AD+ in troposfera,  nel lungo termine infatti GFS vede un wave-1 molto potente con ampiezza e geopotenziali importanti, la distanza temporale è lunghissima comunque l'impressione è che si vada verso una forte crisi in stratosfera in prima decade di febbraio, con possibile anche MMW ma stando alle carte potrebbe trattarsi di un displacement. Al momento è troppo presto per sbilanciarsi, attendiamo una settimana per capire meglio.

sottolineando che l'ipotesi più probabile è che non succeda niente di rilevante per adesso in Stratosfera, vista la dinamica ad un'onda. Ci riaggiorniamo




La settimina vincente? BDC strong, QBO-,Solar Flux Low,Nina east/Nino Modoki,Tripolo Atl- , PDO-/anomalie neg. su Pacifico orientale , Area Namias +

Offline batstef

  • CSCT Team
  • ...
  • MD GROUP
  • *
  • Post: 7208
  • Località: Firenze-Isolotto
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3797
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1368 il: Gennaio 14, 2017, 07:57:57 pm »
In linea generale quest'anno abbiamo una  disposizione teleconnettiva favorevole ad un forte approfondimento del VPS , cosa che infatti si è verificata.
La QBO+ e la bassa attività solare remano a sfavore di onde fortemente intrusive, grazie all'impatto sulla BDC, cosicchè è più facile assistere a dinamiche ad 1 onda e disturbi deboli-moderati, con una mancata destrutturazione.

Ed ecco che la AO, come faceva notare Nonno Rodano, si è mantenuta su valori deb. positivi, proprio a testimonianza di quanto detto. Il crollo che doveva esserci a fine Dicembre e poi inizio Gennaio, viene continuamente rimandato, e adesso lo vediamo a fine mese, sempre più ridimensionato:



Chi parla di un mancato condizionamento della Stratosfera, di NAM ininfluente, di Troposfera vincente , ecc ecc, non sa nemmeno di cosa sta parlando.
La colonna d'aria è una soltanto, l'abbiamo spiegato più volte, proprio su queste pagine. Putroppo molti sono talmente concentrati sui propri orticelli che scambiano questo post per una diatriba tra i sostenitori della Stratosfera e i sostenitori della Troposfera, come fossero pappa e ciccia, o di "decoupling" che di fatto è una dinamica inesistente durante questo Inverno.
Se non capiamo questo, andiamo nell'altra stanza e  facciamo i sondaggi, diciamo dove nevica e chi indovina vince un mappamondo o una bambola parlante, ma non venga qui a fare improponibili didattiche.

Per il resto quoto l'intervento di Davide:

sottolineando che l'ipotesi più probabile è che non succeda niente di rilevante per adesso in Stratosfera, vista la dinamica ad un'onda. Ci riaggiorniamo

bravo Filippo...quando ci vuole, ci vuole  ;)
e ringraziate gli dèi per questo gennaio, un miracolo per davvero...e se rimane così, come credo viste anche le vicende tropicali, forse non è nemmeno finita
"La passione, la voglia di veder mia figlia ributolarsi nella neve con mia moglie....la voglia di veder tutti voi euforici, la giornata che scorre con cazzate eclatanti di alcuni di voi che, porca miseria vi considero amici e non mi verra' mai in mente una sola volta di scrivere, andate in c..o. vero dovrei stare zitto e bon o a leggervi..non ci riesco chiedo scusa"...Marco da Bucine

Offline oldstylewinter

  • Commendatore
  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 22150
  • Località: Zona Querceta, Versilia (LU)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3534
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1369 il: Gennaio 14, 2017, 08:42:59 pm »
Ecco,bravo Filippo;per tutti  i sostenitori del contrario, di chi dice che "chi l'ha detto che la troposfera vada dietro ai voleri dell'ESE,del NAM ecc..
Come ha detto Batstef,finora abbiamo (e potremmo riaverne) avuto fortuna per le dinamiche che ha spiegato Filippo. C'è andata bene che il VP abbia mantenuto una certa ellititicizzazione e che il suo momento angolare abbia generato onde lunghe e oblique con circolazioni secondarie.
 :)
PENSI DI AVER VISTO IL PEGGIO? PRIMA O POI TI RICREDERAI.

Offline Cloover

  • Presidente del CSCT
  • Fondatore - Amministratore
  • MD GROUP
  • *****
  • Post: 14531
  • Località: Monsummano Terme(PT)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3423
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1370 il: Gennaio 14, 2017, 08:54:47 pm »
Ecco,bravo Filippo;per tutti  i sostenitori del contrario, di chi dice che "chi l'ha detto che la troposfera vada dietro ai voleri dell'ESE,del NAM ecc..
Come ha detto Batstef,finora abbiamo (e potremmo riaverne) avuto fortuna per le dinamiche che ha spiegato Filippo. C'è andata bene che il VP abbia mantenuto una certa ellititicizzazione e che il suo momento angolare abbia generato onde lunghe e oblique con circolazioni secondarie.
 :)
bravo Filippo...quando ci vuole, ci vuole  ;)
e ringraziate gli dèi per questo gennaio, un miracolo per davvero...e se rimane così, come credo viste anche le vicende tropicali, forse non è nemmeno finita

Che poi alla fine qui sopra si cerca di dare un nome alle dinamiche che si creano, questa sezione è stata creata apposta per cercare di capire determinate evoluzioni.
Affermazioni come "la stratosfera non serve a niente" o "la troposfera sta vincendo" fanno sorridere, ma hanno poco senso in questa sezione. Il "perchè" è la cosa importante .... Buona serata
La settimina vincente? BDC strong, QBO-,Solar Flux Low,Nina east/Nino Modoki,Tripolo Atl- , PDO-/anomalie neg. su Pacifico orientale , Area Namias +

Offline oldstylewinter

  • Commendatore
  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 22150
  • Località: Zona Querceta, Versilia (LU)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3534
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1371 il: Gennaio 14, 2017, 10:58:07 pm »
Semmai,finite le tempistiche del condizionamento,sarà li che la troposfera dovrà giocarsi le sue cartucce con i flussi di calore e i warming stratosferici i quali non è nemmeno detto che ci siano favorevoli. :)
PENSI DI AVER VISTO IL PEGGIO? PRIMA O POI TI RICREDERAI.

Offline ale81

  • ..
  • MD GROUP
  • *
  • Post: 3803
  • Age: 37
  • Località: Rimini
  • La vita è il trattino tra materia e spirito.
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 706
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1372 il: Gennaio 15, 2017, 06:28:23 pm »
buona serata a tutto il forum. anche se sono molto ma molto ignorante in materia provo a dare un mio  piccolo contributo.al momento  le ultime emissioni vedono la  temperatura a 10 hPa in forte aumento a partire dal 23 gennaio in poi.per quanto riguarda l  anomalia di geopotenziale alla quota di 10 hpa quest ultima è vista  in forte aumento a partire dalla giorno 23 in poi. . ciò mi lascia pensare che il possibile superamento della soglia +2,ovvero un nam su valori negativi  potrebbe  evidenziare un vps  più disturbato e magari un Arctic Oscillation su valori più negativi. secondo me, il grafico relativo alle anomalie geopotenziali potrebbe tra non molti giorni tingersi nuovamente di colori più rossi anche se al momento sembra prevalere il blu. buona serata a tutti e mi scuso se l analisi risulta alquanto superficiale. dati e grafici gentilmente concessi da :ingegnere Andrea Bertolini (meteo reggio emilia)
tanti  si chiederanno se in questo mio riflettere, studiare, e impegnarmi per molte cause ho travato il senso della vita.la mia risposta è  che forse la vita non ha alcun senso. ma proprio per questo passiamo la vita a cercarne uno. l importante non è sapere, ma cercare.

Offline ponente

  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 12466
  • Località: Pontedassio(IM) 80 Mt.
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 2639
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1373 il: Gennaio 15, 2017, 06:38:38 pm »
Bene! Disamina chiara  sulla situazione in essere, ale81  ;) ..sempre preciso e puntuale.Complimenti per la tua passione che ci metti!  :)

Offline ale81

  • ..
  • MD GROUP
  • *
  • Post: 3803
  • Age: 37
  • Località: Rimini
  • La vita è il trattino tra materia e spirito.
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 706
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1374 il: Gennaio 15, 2017, 08:06:26 pm »
buona serata ponente. grazie in anticipo anche se non credo di meritare tanta attenzione. in confronto a filippo, nonno rodano, marca fermana, fabry ed altri,non sono altro che un piccolissimo granello di sabbia nell universo dei grandi della meteorologia. provo ogni tanto a dare qualche piccolo contributo. a volte ci riesco a volte no. grazie ancora e buona serata.
tanti  si chiederanno se in questo mio riflettere, studiare, e impegnarmi per molte cause ho travato il senso della vita.la mia risposta è  che forse la vita non ha alcun senso. ma proprio per questo passiamo la vita a cercarne uno. l importante non è sapere, ma cercare.

Offline Buriano84

  • MD GROUP
  • ******
  • Bannato!
  • Post: 9869
  • 7 km a NE della citta' di Siena..Chianti ridente
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 774
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1375 il: Gennaio 16, 2017, 04:40:41 am »
Che poi alla fine qui sopra si cerca di dare un nome alle dinamiche che si creano, questa sezione è stata creata apposta per cercare di capire determinate evoluzioni.
Affermazioni come "la stratosfera non serve a niente" o "la troposfera sta vincendo" fanno sorridere, ma hanno poco senso in questa sezione. Il "perchè" è la cosa importante .... Buona serata
Ti capisco Cloover ma il comune appassionato come me in questo campo(di teleconnessioni non ci capisco una mazza) si sente fare una capa tanta per anni con lo sfondamento del NAM come precondizionamento e giorni di AO /NAO+....e zonalità....poi arriva questo Gennaio e viene naturale dire...azzo.....allora che sfondi tutti gli anni.... 8) 8)
Poi effettivamente la AO E NAO sono state positive...però io è da quest'anno che sento dire che grandi ondate di gelo possono venire anche in pieno ESE COLD....non discuto che ce ne siano a iosa nel passato ma quello che traspare è recente....gli anni passati il 70% dei forumisti guardava all'ESE COLD come un indemoniato al crocefisso e questo perchè ci arrivavano lumi in tal senso dai più esperti....
 ::)
IL FEBBRAIO 2012????SICURAMENTE IL PIU' GRANDE EVENTO DAL 1985!!!!!!

Nix novariensis

  • Visitatore
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1376 il: Gennaio 16, 2017, 03:03:08 pm »
Quoto Cloover... il fatto di non aver avuto un VPT chiuso a riccio è già tanto. Ora speriamo che febbraio continui dinamico almeno in troposfera. E speriamo di portare a casa un bell'episodio da jolly anche per il lato nord-occidentale italiano
Alla fine un episodio "ben assestato" da veramente sapore all'inverno

Vorrei riuscire a portare a casa qualcosa quest'anno, perché io non sono così ottimista sul prossimo... sicuri che non avremo QBO+? Sicuri che nel frattempo non avremo preso una quota di GW ulteriore a causa della crisi artica (che poi è in assoluto il fattore più importante)? Io non farei tanto affidamento sulla "gallina domani"... preferisco portare a casa tutto ciò che si può portare a casa nell'immediato, anche perché l'inverno può estinguersi da un anno all'altro (la strada è quella, inutile prenderci a vicenda per i fondelli... è divertente all'inizio ma poi non paga più). Quindi, uovo oggi nel clima, nella vita e nella gnocca

Offline Cloover

  • Presidente del CSCT
  • Fondatore - Amministratore
  • MD GROUP
  • *****
  • Post: 14531
  • Località: Monsummano Terme(PT)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3423
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1377 il: Gennaio 16, 2017, 04:00:50 pm »
Ti capisco Cloover ma il comune appassionato come me in questo campo(di teleconnessioni non ci capisco una mazza) si sente fare una capa tanta per anni con lo sfondamento del NAM come precondizionamento e giorni di AO /NAO+....e zonalità....poi arriva questo Gennaio e viene naturale dire...azzo.....allora che sfondi tutti gli anni.... 8) 8)
Poi effettivamente la AO E NAO sono state positive...però io è da quest'anno che sento dire che grandi ondate di gelo possono venire anche in pieno ESE COLD....non discuto che ce ne siano a iosa nel passato ma quello che traspare è recente....gli anni passati il 70% dei forumisti guardava all'ESE COLD come un indemoniato al crocefisso e questo perchè ci arrivavano lumi in tal senso dai più esperti....
 ::)

Si, in effetti anch'io soltanto nel 2008-09 mi feci un'analisi degli ESE dal 1950 al fine di capire se le eventuali anomalie di quello specifico anno erano presenti anche nel passato.
Trovai invece con mia grande sospresa buone corrispondenze, con dinamiche che evidenziavano come proprio durante questi forti fenomeni stratosferici la Troposfera avesse delle reazioni talvolta sorprendenti, in apparente contrasto con la letteratura.
Esistono numerose sfumature a caratterizzare un ESE, dove proprio l'incremento di vorticità deve trovare un VPT  barotropico e scarsamente eccentrico al fine di determinare quel rinforzo zonale che tutti associamo ad un ESE, ma che per vari motivi in questi ultimi anni è sempre più raro trovare.
Poi però dopo il 2008 abbiamo infilato una serie talmente elevata di Inverni notevoli, che tutto è caduto nel dimenticatoio  ;D  ;)
La settimina vincente? BDC strong, QBO-,Solar Flux Low,Nina east/Nino Modoki,Tripolo Atl- , PDO-/anomalie neg. su Pacifico orientale , Area Namias +

Offline denny

  • Novizio
  • **
  • Post: 18
  • Località: Como - 200 m. slm
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 0
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1378 il: Gennaio 16, 2017, 04:37:00 pm »
Citazione
Si, in effetti anch'io soltanto nel 2008-09 mi feci un'analisi degli ESE dal 1950 al fine di capire se le eventuali anomalie di quello specifico anno erano presenti anche nel passato.
Trovai invece con mia grande sospresa buone corrispondenze, con dinamiche che evidenziavano come proprio durante questi forti fenomeni stratosferici la Troposfera avesse delle reazioni talvolta sorprendenti, in apparente contrasto con la letteratura.
Esistono numerose sfumature a caratterizzare un ESE, dove proprio l'incremento di vorticità deve trovare un VPT  barotropico e scarsamente eccentrico al fine di determinare quel rinforzo zonale che tutti associamo ad un ESE, ma che per vari motivi in questi ultimi anni è sempre più raro trovare.
Poi però dopo il 2008 abbiamo infilato una serie talmente elevata di Inverni notevoli, che tutto è caduto nel dimenticatoio  ;D  ;)

vado a memoria, però mi sembra che nella storia recente negli ESE cold di nov2011 e inizio dic2015 la troposfera abbia permesso, per assenza di flussi di calore, l'approfondimento della stratosfera con NAM oltre la soglia di +1,5...da qui zonalità sparata e tempo stabile per i canonici 30-60 gg...
dicembre 2014: troposfera inerme...mancato ESE WARM ed ESE cold a febbraio..

inverno 2012-2013... ESE WARM a dicembre, grandi aspettative di configurazioni invernali per gennaio, che però si sono viste solo sulle carte dei modelli e sono state sempre ritrattate... (ricordo NAO positiva ed atlantico sempre presente)...gli effetti dell'ESE si sono sentiti a partire da febbraio e per tutta la primavera (zonalità bassa, qui vari eventi nevosi notevoli fino a marzo inoltrato...)

Insomma, se forzanti stratosferiche e troposferiche lavorano in coppia allora si avranno sempre gli effetti attesi (zonalità e stabilità con ESE cold - configurazioni antizonali con ESE warm), in alternativa...gennaio 2017...

complimenti per questo topic, io mai più mi sarei aspettato di vedere queste configurazioni a seguito di un ESE cold....avrei dato per scontato (sbagliando!) stabilità e mitezza fino a febbraio

Offline granneve

  • Membro Junior
  • ***
  • Post: 55
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 0
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1379 il: Gennaio 16, 2017, 05:51:15 pm »
Tanti studi, tante pubblicazioni, e anche qualche verità circa il condizionamento degli strati alti verso quelli bassi dell'atmosfera, ma non sistematicamente, anzi, direi piuttosto di rado. La circolazione di base è governata dal basso, quindi in troposfera, e dalle dinamiche termiche che avvengono  in questa. Da esse dipende l'azione delle figure bariche. Certo che sto facendo uno studio e non trascurerò di perfezionarlo e pubblicarlo anche. Ripeto, la parte alta dell'atmosfera può condizionare le vicende in basso, solo a talune condizioni predisponenti di questa parte atmosferica. Giusto due parole sulle vostre osservazioni. Ma credete che le circolazioni secondarie, come le chiamate voi, siano un niente? Credete che in una fase di AO medio alto, sia stata una pura casualità fortuita l'avvento di una circolazione artica continentale alle nostre latitudini? E credete che sia stato fortuito che sia avvenuta anche sul Mediterraneo e per ben due volte con quella in atto? No, niente di fortuito, tutto è derivato da una faccenda troposferica predisponente e deducibile con una accurata analisi dell'andamento termico e barico troposferico-emisferico precedente. Studiato con i giusti metodi, ha tracciato al sottoscritto l'esatta traiettoria della direzione delle azioni artiche continentali, dopo le vicende termico-bariche dicembrine.Dicevo senza ombra di dubbio che avremmo avuto ondata artico continentale forte, senza guardare in alto, e questa è puntualmente arrivata, anzi sono arrivate, perchè ne sono state due, a distanza ravvicinata puree e anche piuttosto possenti. Per di più, alla fine, tutto si sta allineando verso HP tra fine mese e prima decade di febbraio, come precisamente deducibile secondo i giusti metodi di analisi troposferica, e non azione artica o polare come invece deducibile dalle manovre strato. Non ce ne sono i presupposti a questo giro. I presupposti potrebbero tornare nella seconda parte di Febbraio. E tutto questo senza per nulla volgere lo sguardo sopra i 9000 m. Ultimo appunto: mai esprimere opinioni del tipo, vuole dire che non si è capito niente.  Il tempo darà ragione a chi fa studi seri. Un saluto.

Offline adm.ackbar

  • Membro Onorario
  • ****
  • Post: 119
  • Age: 44
  • Località: Vado Ligure
    • tazputer
    • adm_ackbat_it
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 163
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1380 il: Gennaio 16, 2017, 06:12:08 pm »
Tanti studi, tante pubblicazioni, e anche qualche verità circa il condizionamento degli strati alti verso quelli bassi dell'atmosfera, ma non sistematicamente, anzi, direi piuttosto di rado. La circolazione di base è governata dal basso, quindi in troposfera, e dalle dinamiche termiche che avvengono  in questa. Da esse dipende l'azione delle figure bariche. Certo che sto facendo uno studio e non trascurerò di perfezionarlo e pubblicarlo anche. Ripeto, la parte alta dell'atmosfera può condizionare le vicende in basso, solo a talune condizioni predisponenti di questa parte atmosferica. Giusto due parole sulle vostre osservazioni. Ma credete che le circolazioni secondarie, come le chiamate voi, siano un niente? Credete che in una fase di AO medio alto, sia stata una pura casualità fortuita l'avvento di una circolazione artica continentale alle nostre latitudini? E credete che sia stato fortuito che sia avvenuta anche sul Mediterraneo e per ben due volte con quella in atto? No, niente di fortuito, tutto è derivato da una faccenda troposferica predisponente e deducibile con una accurata analisi dell'andamento termico e barico troposferico-emisferico precedente. Studiato con i giusti metodi, ha tracciato al sottoscritto l'esatta traiettoria della direzione delle azioni artiche continentali, dopo le vicende termico-bariche dicembrine.Dicevo senza ombra di dubbio che avremmo avuto ondata artico continentale forte, senza guardare in alto, e questa è puntualmente arrivata, anzi sono arrivate, perchè ne sono state due, a distanza ravvicinata puree e anche piuttosto possenti. Per di più, alla fine, tutto si sta allineando verso HP tra fine mese e prima decade di febbraio, come precisamente deducibile secondo i giusti metodi di analisi troposferica, e non azione artica o polare come invece deducibile dalle manovre strato. Non ce ne sono i presupposti a questo giro. I presupposti potrebbero tornare nella seconda parte di Febbraio. E tutto questo senza per nulla volgere lo sguardo sopra i 9000 m. Ultimo appunto: mai esprimere opinioni del tipo, vuole dire che non si è capito niente.  Il tempo darà ragione a chi fa studi seri. Un saluto.

...e quali sarebbero i giusti metodi di analisi troposferica?

Quindi, fammi prendere nota: dopo questa ondata, hp fino a fine mese/prima decade di febbraio, poi nella seconda parte di febbraio ci sarebbero nuovi presupposti...giusto?

Ribadisco comunque che in buona sostanza, sei nella stanza sbagliata.

Offline roberto7382

  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 519
  • Località: Forli(FC)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 667
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1381 il: Gennaio 16, 2017, 07:59:38 pm »
Tanti studi, tante pubblicazioni, e anche qualche verità circa il condizionamento degli strati alti verso quelli bassi dell'atmosfera, ma non sistematicamente, anzi, direi piuttosto di rado. La circolazione di base è governata dal basso, quindi in troposfera, e dalle dinamiche termiche che avvengono  in questa. Da esse dipende l'azione delle figure bariche. Certo che sto facendo uno studio e non trascurerò di perfezionarlo e pubblicarlo anche. Ripeto, la parte alta dell'atmosfera può condizionare le vicende in basso, solo a talune condizioni predisponenti di questa parte atmosferica. Giusto due parole sulle vostre osservazioni. Ma credete che le circolazioni secondarie, come le chiamate voi, siano un niente? Credete che in una fase di AO medio alto, sia stata una pura casualità fortuita l'avvento di una circolazione artica continentale alle nostre latitudini? E credete che sia stato fortuito che sia avvenuta anche sul Mediterraneo e per ben due volte con quella in atto? No, niente di fortuito, tutto è derivato da una faccenda troposferica predisponente e deducibile con una accurata analisi dell'andamento termico e barico troposferico-emisferico precedente. Studiato con i giusti metodi, ha tracciato al sottoscritto l'esatta traiettoria della direzione delle azioni artiche continentali, dopo le vicende termico-bariche dicembrine.Dicevo senza ombra di dubbio che avremmo avuto ondata artico continentale forte, senza guardare in alto, e questa è puntualmente arrivata, anzi sono arrivate, perchè ne sono state due, a distanza ravvicinata puree e anche piuttosto possenti. Per di più, alla fine, tutto si sta allineando verso HP tra fine mese e prima decade di febbraio, come precisamente deducibile secondo i giusti metodi di analisi troposferica, e non azione artica o polare come invece deducibile dalle manovre strato. Non ce ne sono i presupposti a questo giro. I presupposti potrebbero tornare nella seconda parte di Febbraio. E tutto questo senza per nulla volgere lo sguardo sopra i 9000 m. Ultimo appunto: mai esprimere opinioni del tipo, vuole dire che non si è capito niente.  Il tempo darà ragione a chi fa studi seri. Un saluto.

Sono molto curioso di leggere la tua pubblicazione. Chissà che non ci aiuti a capire meglio questa materia così complessa ed avvincente. In bocca al lupo!

Nix novariensis

  • Visitatore
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1382 il: Gennaio 16, 2017, 09:03:45 pm »
Il tempo darà ragione a chi fa studi seri.

Soprattutto darà ragione a chi non li millanta da anni  ;)

Offline Cloover

  • Presidente del CSCT
  • Fondatore - Amministratore
  • MD GROUP
  • *****
  • Post: 14531
  • Località: Monsummano Terme(PT)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3423
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1383 il: Gennaio 16, 2017, 09:45:15 pm »
Tanti studi, tante pubblicazioni, e anche qualche verità circa il condizionamento degli strati alti verso quelli bassi dell'atmosfera, ma non sistematicamente, anzi, direi piuttosto di rado. La circolazione di base è governata dal basso, quindi in troposfera, e dalle dinamiche termiche che avvengono  in questa. Da esse dipende l'azione delle figure bariche. Certo che sto facendo uno studio e non trascurerò di perfezionarlo e pubblicarlo anche. Ripeto, la parte alta dell'atmosfera può condizionare le vicende in basso, solo a talune condizioni predisponenti di questa parte atmosferica. Giusto due parole sulle vostre osservazioni. Ma credete che le circolazioni secondarie, come le chiamate voi, siano un niente? Credete che in una fase di AO medio alto, sia stata una pura casualità fortuita l'avvento di una circolazione artica continentale alle nostre latitudini? E credete che sia stato fortuito che sia avvenuta anche sul Mediterraneo e per ben due volte con quella in atto? No, niente di fortuito, tutto è derivato da una faccenda troposferica predisponente e deducibile con una accurata analisi dell'andamento termico e barico troposferico-emisferico precedente. Studiato con i giusti metodi, ha tracciato al sottoscritto l'esatta traiettoria della direzione delle azioni artiche continentali, dopo le vicende termico-bariche dicembrine.Dicevo senza ombra di dubbio che avremmo avuto ondata artico continentale forte, senza guardare in alto, e questa è puntualmente arrivata, anzi sono arrivate, perchè ne sono state due, a distanza ravvicinata puree e anche piuttosto possenti. Per di più, alla fine, tutto si sta allineando verso HP tra fine mese e prima decade di febbraio, come precisamente deducibile secondo i giusti metodi di analisi troposferica, e non azione artica o polare come invece deducibile dalle manovre strato. Non ce ne sono i presupposti a questo giro. I presupposti potrebbero tornare nella seconda parte di Febbraio. E tutto questo senza per nulla volgere lo sguardo sopra i 9000 m. Ultimo appunto: mai esprimere opinioni del tipo, vuole dire che non si è capito niente.  Il tempo darà ragione a chi fa studi seri. Un saluto.

Granneve stai discutendo delle verità abbastanze ovvie.
L'interazione Strato-Troposferica è chiaro che va a braccetto, nessuno qui lo nega. Semmai dovresti chiederti perchè abbiamo avuto un'ondata di freddo proprio durante un ESE e non prima.
Inoltre se ti rileggi i post di Novembre vedrai che era nelle attese proprio una configurazione di questo tipo, con VP forte ed onde scarsamente intrusive, ma possibilità di forti ondate di gelo grazie  alla particolare disposizione delle anomalie Troposferiche.
Dall'Outlook "....potremmo assistere ad ondate di freddo consistenti con nevicate anche in
pianura sulle regioni del Centro-Sud, specie del medio-basso Adriatico.
"
Alla fine diciamo la stessa cosa mi sembra  ;)  Che le circolazioni secondarie siano un niente non credo tu l'abbia letto qui....
Non ho detto "vuol dire che non si è capito niente" ma "non sapere di cosa si sta parlando"... Quando leggo che le "teorie verranno sconfessate" faccio fatica a capire di cosa si sta parlando in effetti.... Attendo comunque i tuoi papers , un salutone 


La settimina vincente? BDC strong, QBO-,Solar Flux Low,Nina east/Nino Modoki,Tripolo Atl- , PDO-/anomalie neg. su Pacifico orientale , Area Namias +

Offline zagor

  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 645
  • Age: 50
  • Località: voghera
  • Voghera 96m slm Lombardia
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 53
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1384 il: Gennaio 17, 2017, 07:34:56 am »
Ciao Filippo. .....ci sono nuovi aggiornamenti interessanti sulla situazione  strato e qualche ipotesi nuova x la terza decade ed inizio Febbraio ?
Sai ......ci sono tanti utenti come me che apprezzano ol tuo lavoro e la sua condivisione con noi da anni e cercsno di imparare dai piu esperti come te,Nonno Rodano,Marca Fermana,ale 81, il mitico Bat e gli altri membri e non del Cmt che portano cultura meteo e discussioni  costruttive su queste pagine .
Ciao e grazie.
Tutto ciò che l'uomo può inventare....la natura lo ha già fatto!!

Nix novariensis

  • Visitatore
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1385 il: Gennaio 17, 2017, 12:20:54 pm »
Con oggi, la ripresa zonale prevista per il long davvero non ci voleva.
Vorrei ricordare che tra un mese è finito l'inverno (ora con questo clima, perchè una volta si poteva sperare di avere l'inverno anche per tutto marzo).
Quindi una piallata in questa fase può essere deleteria... del resto, non ci si può far nulla. Al massimo ci concentreremo sulle piogge di primavera (sperando che arrivino)  :-[

Chiedo a Cloover se è una piallata temporanea o rischia di essere qualcosa di più tenace

Offline Avril

  • ..
  • Novizio
  • *
  • Post: 35
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 96
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1386 il: Gennaio 17, 2017, 01:35:05 pm »
Nix non scrivo mai perchè sono poco competente, preferisco leggere ed imparare.

Ma per te faccio un'eccezione, perchè non frequenti di più la stanza lamenti meteo? Credo sia molto più adatta ai tuoi interventi.

saluti

Offline ale81

  • ..
  • MD GROUP
  • *
  • Post: 3803
  • Age: 37
  • Località: Rimini
  • La vita è il trattino tra materia e spirito.
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 706
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1387 il: Gennaio 17, 2017, 03:47:27 pm »
buona giornata a tutti.  analizzando per quel poco che ne capisco la situazione inerente l’andamento delle waves verticali, la situazione   evidenzia una situazione in cui la propagazione è  portata avanti essenzialmente  da una sola ondulazione. i vari aggiornamenti mettono in evidenza tale scenario anche nel medio termine.detta situazione ha sicuramente comportato  un certo rinforzamento del vps.. nel medio termine sembra nuovamente riproporsi uno scenario in cui la situazione vede nuovamente un vps disturbato  dall onda pacifica la quale dovrebbe nuovamente garantire una nuova dislocazione del vps dalla sua sede geografica. il calo delle velocità zonali in alta e media stratosfera evidenziano tale disturbo. inutile dire che se ci fosse   l attivazione di una  seconda propagazione  si verrebbero a creare le circostanze per  un maggior disturbo e conseguentemente  un vortice maggiormente  ellittico tendente allo split.tale dislocazione non farà altro che richiamare  nuovi impulsi caldi che dall’area Siberiana centrale  saranno o almeno dovrebbero essere in  successiva rotazione antioraria . riscaldamenti che potrebbero andare a dare nuova linfa vitale al pattern  caratterizzato da un ondulazione principale.il che presuppone secondo me, la  possibilità di displacement del  vps come evidenziato sopra e la possibilità di SSW di tipo cold  ovvero situazioni in cui la  propagazione non scende sotto il piano isobarico di  100 hPa. .di seguito alcuni grafici. grafici ovviamente da prendere con molto distacco critico perchè riferiti in un range temporale molto elevato..non resta che aggiornarci nuovamente dato che nella meteo nulla è scontato.
tanti  si chiederanno se in questo mio riflettere, studiare, e impegnarmi per molte cause ho travato il senso della vita.la mia risposta è  che forse la vita non ha alcun senso. ma proprio per questo passiamo la vita a cercarne uno. l importante non è sapere, ma cercare.

Offline Frozen

  • Novizio
  • **
  • Post: 34
  • Località: Bologna
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 28
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1388 il: Gennaio 17, 2017, 10:30:13 pm »
Salve a tutti. Esprimo anch'io il mio modesto parere circa l'andamento di questa prima parte invernale, così diversa rispetto alla stagione 2015-2016  ma a mio avviso con notevoli similitudini.

L'anno scorso abbiamo trascorso una prima parte sotto uno ESE cold con AO++ seguito se non erro intorno gennaio-febbraio da ESE warm di tipo displacement ad opera di forcing pacifici via via più potenti e progressivo calo dell'AO pur con asse del VP inizialmente non favorevole per le nostre lande.

La situazione stratosferica di quest'anno mi sembra grosso modo simile a quella del dicembre gennaio 2015-2016 così come al livello troposferico e L'AO+ è li a dimostrarlo anche se a noi è sembrato il contrario.
Non è che lo scorso anno le colate artiche, prettamente di tipo continentale, fossero del tutto assenti come a qualcuno è potuto sembrare, bensì avevano un target molto orientale con direttrice collocata grosso modo tra il mar nero e i balcani. Ricordo ancora l'articata a ridosso di capodanno che in un primo momento sembrava potesse coinvolgerci maggiormente, poi invece rimasta ad est e noi a mala pena lambiti da misera -5. E come questa ve ne sono state altre. Quest'anno pur in un contesto generale simile per fortuna stiamo godendo di una maggiore dinamicità, il freddo continentale ha un target più occidentale con un maggior coinvolgimento dell'europa centrale e del mediterraneo.

 Allora mi chiedo quali cause ci hanno permesso di avere cotanta fortuna???

A mio avviso una differenza sostanziale le abbiamo al livello delle SSTA non tanto al livello Atlantico quanto al livello Pacifico. Una nina debole ma soprattutto una disposizione delle anomalie fredde nel nord Pacifico che quest'anno diversamente dallo scorso sembrano molto più a ridosso della costa nord americana; non conosco il valore della PDO e non so neanche dove andarlo a pescare, ma se la memoria non mi inganna nel 2015-2016 le anomalie fredde erano concentrate prettamente nel pacifico siberiano e lo stesso Clover  aveva indicato la PDO+ come una delle maggiori cause del fallimento di tale inverno.
Cosa ne pensate???  :o :o :o

Un saluto a tutti 

















Offline Nonno_rodano

  • CSCT Team
  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 1001
  • Age: 33
  • Località: Prato
  • Prato
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 99
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1389 il: Gennaio 18, 2017, 08:31:16 am »
per carità,ha poca valenza visto la distanza e il fatto che GFS vede tutt'altro..però ricordiamo che se un GM propone una certa carta, è perchè con i dati su cui è stata inizializzata quella corsa, quello è lo scenario più probabile:



in effetti l'ipotesi che avevo fatto giorni fa circa una reiterazione della dinamica che si sta concludendo non era così folle se anche il miglior GM (correlazioni alla mano) la propone da due run... ::)

se dovessero aggiustarsi un pochino le cose in stratosfera (displacement meno deleterio) e la tropo si ostinasse su "posizioni" già percorse, direi che potremmo ancora divertirci.. :D
"siamo buoni a nulla ma capaci di tutto"

Offline Burian.84

  • Membro Onorario
  • ****
  • Post: 145
  • Località: Roma
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 80
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1390 il: Gennaio 18, 2017, 09:02:01 am »
per carità,ha poca valenza visto la distanza e il fatto che GFS vede tutt'altro..però ricordiamo che se un GM propone una certa carta, è perchè con i dati su cui è stata inizializzata quella corsa, quello è lo scenario più probabile:



in effetti l'ipotesi che avevo fatto giorni fa circa una reiterazione della dinamica che si sta concludendo non era così folle se anche il miglior GM (correlazioni alla mano) la propone da due run... ::)

se dovessero aggiustarsi un pochino le cose in stratosfera (displacement meno deleterio) e la tropo si ostinasse su "posizioni" già percorse, direi che potremmo ancora divertirci.. :D


Gfs carta straccia,ultimamente ha preso sberle in faccia a go go.

Offline Nonno_rodano

  • CSCT Team
  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 1001
  • Age: 33
  • Località: Prato
  • Prato
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 99
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1391 il: Gennaio 18, 2017, 09:17:08 am »
Gfs carta straccia,ultimamente ha preso sberle in faccia a go go.

bhe non è detto..come al solito sono dinamiche che si reggono sul minimo dettaglio,nel caso di possibili botte continentali come questa basta un niente per cancellare un 2012 bis in favore di una piallata zonale..proprio perchè siamo in un regime di VP forte e NAO tendente al positivo..potrebbe andare benissimo alla GFS.. ;)
"siamo buoni a nulla ma capaci di tutto"

Offline Marca Fermana

  • CSCT Team
  • Membro Senior
  • *****
  • Post: 454
  • Località: direttamente dalla Marca Fermana
  • IL CLIMA DEL FUTURO? LA CHIAVE E' NEL PASSATO
    • Mostra profilo
    • mfmeteo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 779
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1392 il: Gennaio 18, 2017, 11:31:02 am »
non diamo per morta la seconda onda rossby....

in alto e in basso.
naturalmente siamo nel campo delle ipotesi, visto che siamo in un lag temporale a lungo raggio e soprattutto ha bisogno di riconferme nei prossimi aggiornamenti, "ma" reading nel deterministico di stamane, ripercorre la strada.

Offline batstef

  • CSCT Team
  • ...
  • MD GROUP
  • *
  • Post: 7208
  • Località: Firenze-Isolotto
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3797
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1393 il: Gennaio 18, 2017, 12:02:55 pm »
non diamo per morta la seconda onda rossby....

in alto e in basso.
naturalmente siamo nel campo delle ipotesi, visto che siamo in un lag temporale a lungo raggio e soprattutto ha bisogno di riconferme nei prossimi aggiornamenti, "ma" reading nel deterministico di stamane, ripercorre la strada.


stamani sembra ancora più intensa, guardando il diagramma dei flussi a 300hpa, rispetto a ieri ore12. Un' onda lunga che parte dall' atlantico verso l' artico russo, ben sostenuta sia dalla fase1 della mjo che dalle anomalie artiche in quel settore. Ci può stare...e, considerando il possibile ssw displacement a cui andremo incontro ( e di cui farei a meno  ;D ) , sarebbe l' ennesima botta di culo di questo inverno...scusate il francese aristocratico  ;)
"La passione, la voglia di veder mia figlia ributolarsi nella neve con mia moglie....la voglia di veder tutti voi euforici, la giornata che scorre con cazzate eclatanti di alcuni di voi che, porca miseria vi considero amici e non mi verra' mai in mente una sola volta di scrivere, andate in c..o. vero dovrei stare zitto e bon o a leggervi..non ci riesco chiedo scusa"...Marco da Bucine

Nix novariensis

  • Visitatore
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1394 il: Gennaio 18, 2017, 12:12:54 pm »
stamani sembra ancora più intensa, guardando il diagramma dei flussi a 300hpa, rispetto a ieri ore12. Un' onda lunga che parte dall' atlantico verso l' artico russo, ben sostenuta sia dalla fase1 della mjo che dalle anomalie artiche in quel settore. Ci può stare...e, considerando il possibile ssw displacement a cui andremo incontro ( e di cui farei a meno  ;D ) , sarebbe l' ennesima botta di culo di questo inverno...scusate il francese aristocratico  ;)


Botta di culo con il solito bombolone che viaggia spedito verso la Turchia, mentre noi saremmo sotto la +5 anticiclonica?


Strano concetto di botta di culo  :D



Cosa non ci stiamo perdendo... ma quando ci ricapiterà un'occasione simile? Siamo peggio di Egidio Calloni nel mangiarci i gol... la pagheremo cara sta stagione potenzialmente strepitosa, buttata alle ortiche  ???

Offline batstef

  • CSCT Team
  • ...
  • MD GROUP
  • *
  • Post: 7208
  • Località: Firenze-Isolotto
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3797
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1395 il: Gennaio 18, 2017, 12:51:03 pm »
Botta di culo con il solito bombolone che viaggia spedito verso la Turchia, mentre noi saremmo sotto la +5 anticiclonica?


Strano concetto di botta di culo  :D



Cosa non ci stiamo perdendo... ma quando ci ricapiterà un'occasione simile? Siamo peggio di Egidio Calloni nel mangiarci i gol... la pagheremo cara sta stagione potenzialmente strepitosa, buttata alle ortiche  ???


 :D :D
"La passione, la voglia di veder mia figlia ributolarsi nella neve con mia moglie....la voglia di veder tutti voi euforici, la giornata che scorre con cazzate eclatanti di alcuni di voi che, porca miseria vi considero amici e non mi verra' mai in mente una sola volta di scrivere, andate in c..o. vero dovrei stare zitto e bon o a leggervi..non ci riesco chiedo scusa"...Marco da Bucine

Offline paolinopc78

  • Membro Senior
  • *****
  • Post: 256
  • Località: Piacenza
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 34
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1396 il: Gennaio 18, 2017, 01:11:47 pm »
Con oggi, la ripresa zonale prevista per il long davvero non ci voleva.
Vorrei ricordare che tra un mese è finito l'inverno (ora con questo clima, perchè una volta si poteva sperare di avere l'inverno anche per tutto marzo).
Quindi una piallata in questa fase può essere deleteria... del resto, non ci si può far nulla. Al massimo ci concentreremo sulle piogge di primavera (sperando che arrivino)  :-[

Chiedo a Cloover se è una piallata temporanea o rischia di essere qualcosa di più tenace
Sei strano forte...hai fatto tutto dicembre a dire che non ci sarebbe stato inverno....poi almeno 2 nevicate. ..le hai avute. ..hai fatto la prima parte di gennaio. ..a dire di pensare ai temporali primaverili. ...sei sparito quando in Italia c è stata una forte ondata di gelo. ..adesso te ne esci con questo è  l inverno dalle grandi potenzialità. ..il prossimo sarà il peggio del peggio. ..in più continui con la storia dei deficit artici, della ninia mordi e fuggi...quando ti è stato spiegato che se abbiamo avuto sto inverno è proprio dovuto al deficit artico e al mancato innesco degli effetti della ninia...sennò vedevi dove finiva l anomalia quest anno. ...cmq fossi in te 2 domandine me le porrei. ..sia sul modo di approcciarti all inverno. ..sia quello di approcciarti ai forum. ..

Offline Dan996Nav

  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 1855
  • Località: montevarchi
  • nevofilo
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 2
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1397 il: Gennaio 18, 2017, 01:44:57 pm »
no ma  porta bene alla fine fa nevicare anche in toscana  ;D

Nix novariensis

  • Visitatore
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1398 il: Gennaio 18, 2017, 06:40:15 pm »
Sei strano forte...hai fatto tutto dicembre a dire che non ci sarebbe stato inverno....poi almeno 2 nevicate. ..le hai avute. ..hai fatto la prima parte di gennaio. ..a dire di pensare ai temporali primaverili. ...sei sparito quando in Italia c è stata una forte ondata di gelo. ..adesso te ne esci con questo è  l inverno dalle grandi potenzialità. ..il prossimo sarà il peggio del peggio. ..in più continui con la storia dei deficit artici, della ninia mordi e fuggi...quando ti è stato spiegato che se abbiamo avuto sto inverno è proprio dovuto al deficit artico e al mancato innesco degli effetti della ninia...sennò vedevi dove finiva l anomalia quest anno. ...cmq fossi in te 2 domandine me le porrei. ..sia sul modo di approcciarti all inverno. ..sia quello di approcciarti ai forum. ..

Vedrai come lo ringrazierai il deficit artico nei prossimi anni... ma sì, facciamone pure a meno dell'albedo terrestre. Tanto il freddo stagionale arriva aprendo il frigorifero  :D :-X

Offline Buriano84

  • MD GROUP
  • ******
  • Bannato!
  • Post: 9869
  • 7 km a NE della citta' di Siena..Chianti ridente
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 774
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #1399 il: Gennaio 18, 2017, 06:59:26 pm »
Vedrai come lo ringrazierai il deficit artico nei prossimi anni... ma sì, facciamone pure a meno dell'albedo terrestre. Tanto il freddo stagionale arriva aprendo il frigorifero  :D :-X
Nei prossimi anni con il Minimo Solare ci saranno altri grandissimi inverni.....fra 20 anni il GW non esisterà più... :P
IL FEBBRAIO 2012????SICURAMENTE IL PIU' GRANDE EVENTO DAL 1985!!!!!!