BACHECA ANNUNCI

VISITATE LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK!

Sono riaperte le iscrizioni al forum! Per registrarsi gratuitamente cliccare QUI


Autore Topic: analisi stratosferica stagione 2016/17  (Letto 298375 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline luca_mo

  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 508
  • Località: Modena
  • Modena
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 230
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #100 il: Ottobre 31, 2016, 10:08:21 am »
Vicini alla media a 10 hpa:


Qualcosina sopra a 30 hpa:


Ultimamente negli ultimi anni si andava subito giù a picco, peraltro come già ampiamente descritto da Filippo, nei forecasts non emergono particolari e pericolosi approfondimenti al momento.. Tra l'altro nell'ultima emissione di GFS ho notato che la struttura potrebbe subire una rotazione che potrebbe gradualmente favorire l'onda atlantica in futuro, ma qua siamo davvero troppo in là.. ::)
Località: Modena(MO) 34 m s.l.m
UNIVERSITA' DI SCIENZE GEOLOGICHE - MODENA

Offline Cloover

  • Presidente del CSCT
  • Fondatore - Amministratore
  • MD GROUP
  • *****
  • Post: 14531
  • Località: Monsummano Terme(PT)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3423
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #101 il: Ottobre 31, 2016, 11:06:10 am »
Le somiglianze con il 2009, in prospettiva, sono notevoli:



Riguardo l'approfondimento del VPS giudicate voi:



La settimina vincente? BDC strong, QBO-,Solar Flux Low,Nina east/Nino Modoki,Tripolo Atl- , PDO-/anomalie neg. su Pacifico orientale , Area Namias +

Offline ponente

  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 12473
  • Località: Pontedassio(IM) 80 Mt.
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 2639
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #102 il: Ottobre 31, 2016, 11:14:25 am »
 :o

non c'è che dire....non s'ha d'approfondire nulla.. :)

Offline Cloover

  • Presidente del CSCT
  • Fondatore - Amministratore
  • MD GROUP
  • *****
  • Post: 14531
  • Località: Monsummano Terme(PT)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3423
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #103 il: Ottobre 31, 2016, 11:33:05 am »
Siamo vicini all'"Event Horizon" .

Se prendiamo in esame il profilo dei venti zonali dello scorso anno, notiamo che l'inizio di Novembre vedeva venti intorno ai 25-30m/s per poi portarsi a 40m/s nella metà del mese. Diciamo pure una dinamica usual, dato che siamo nel periodo di quasi massimo raffreddamento radiativo.

Quest'anno sta accadendo un qualcosa di veramente raro, vale a dire che già ad inizio Novembre avremo velocità zonali intorno ai 10m/s (!!!!!!!!!!) , che poi sono viste .....scendere!.... Per portarsi sui 4-6m/s , cioè un VPS totalmente acerbo e modulato pensantemente dalla forte attività d'onda troposferica.
A questo punto sono proprio curioso di guardarmi tra 10-15gg che razza di anomalie vedremo uscire, se le proiezioni sono giuste stiamo riscrivendo la storia  per questo mese di Novembre.



La settimina vincente? BDC strong, QBO-,Solar Flux Low,Nina east/Nino Modoki,Tripolo Atl- , PDO-/anomalie neg. su Pacifico orientale , Area Namias +

Offline Valerio75

  • ...
  • MD GROUP
  • *
  • Post: 4192
  • Age: 42
  • Località: sarzana (sp)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 298
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #104 il: Ottobre 31, 2016, 11:40:55 am »
io ho una domanda da ignorante ma che mi balena in testa: abbiamo un vp molto debole, che visto il periodo in questione normalmente dovrebbe approfondirsi giorno dopo giorno permettendo anche un raffreddamento delle zone polari, ma questo a quanto sembra non sta avvenendo così come la mancanza di incremento del ghiaccio, e questa è la cosa che mi preoccupa, la mancata crescita del ghiaccio in zone polari non è una cosa negativa per il prossimo futuro nonché il prossimo inverno?.

Offline Cloover

  • Presidente del CSCT
  • Fondatore - Amministratore
  • MD GROUP
  • *****
  • Post: 14531
  • Località: Monsummano Terme(PT)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3423
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #105 il: Ottobre 31, 2016, 11:54:28 am »
io ho una domanda da ignorante ma che mi balena in testa: abbiamo un vp molto debole, che visto il periodo in questione normalmente dovrebbe approfondirsi giorno dopo giorno permettendo anche un raffreddamento delle zone polari, ma questo a quanto sembra non sta avvenendo così come la mancanza di incremento del ghiaccio, e questa è la cosa che mi preoccupa, la mancata crescita del ghiaccio in zone polari non è una cosa negativa per il prossimo futuro nonché il prossimo inverno?.

Se aspiri a dinamiche MAI VISTE, non lo è.
Il VP è un'area di bassa pressione che staziona sopra il Polo. La rotazione terrestre innesca la corrente a getto (altrimenti il bilancio energetico avverebbe in maniera lineare).
Il VP si forma nell'area di massimo raffreddamento, che come sappiamo corrisponde al Polo.
Se tu "cambi" la zona di massimo raffreddamento, facendola corrispondere ad un'area lontana dal Polo geografico, si innesca una dinamica a cascata. Il VP tende infatti a spostarsi su questa zona, partorendo una serie di anomale ondulazioni  su scala emisferica.
Il raffreddamento dell'area polare rallenta sempre più, mentre il precoce raffreddamento di zone più lontane incrementa il grado di ellitticizzazione del VP e la genesi di onde stazionarie.
Vale a dire che ci sono gli estremi per forti e durature ondate di gelo a latitudini inusuali e questo......... in tempi rapidi
La settimina vincente? BDC strong, QBO-,Solar Flux Low,Nina east/Nino Modoki,Tripolo Atl- , PDO-/anomalie neg. su Pacifico orientale , Area Namias +

Offline Valerio75

  • ...
  • MD GROUP
  • *
  • Post: 4192
  • Age: 42
  • Località: sarzana (sp)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 298
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #106 il: Ottobre 31, 2016, 12:01:15 pm »
Se aspiri a dinamiche MAI VISTE, non lo è.
Il VP è un'area di bassa pressione che staziona sopra il Polo. La rotazione terrestre innesca la corrente a getto (altrimenti il bilancio energetico avverebbe in maniera lineare).
Il VP si forma nell'area di massimo raffreddamento, che come sappiamo corrisponde al Polo.
Se tu "cambi" la zona di massimo raffreddamento, facendola corrispondere ad un'area lontana dal Polo geografico, si innesca una dinamica a cascata. Il VP tende infatti a spostarsi su questa zona, partorendo una serie di anomale ondulazioni  su scala emisferica.
Il raffreddamento dell'area polare rallenta sempre più, mentre il precoce raffreddamento di zone più lontane incrementa il grado di ellitticizzazione del VP e la genesi di onde stazionarie.
Vale a dire che ci sono gli estremi per forti e durature ondate di gelo a latitudini inusuali e questo......... in tempi rapidi

grazie sono riuscito a capire bene quello che dici  ;) e stando cmq sempre con i piedi per terra, il fatto che ci sia già una situazione diversa rispetto agi scorsi anni fa ben sperare.

Offline Fabione

  • Novizio
  • **
  • Post: 5
  • Località: Bergamo
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 9
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #107 il: Ottobre 31, 2016, 12:05:29 pm »
Quindi riassumendo abbiamo il VPS in media e bassa stratosfera disturbato come non mai a Novembre e con scarsa intenzione di ricomporsi; questo non potrebbe essere un ingrediente negativo per la trasmissione in alta strato dei flussi di calore? (Per quanto l'alta strato stia interagendo gran poco con i piani inferiori al momento)
In alta strato invece il VPS non intende centrarsi sul polo ma continua la spinta dell'onda 1 che lo decentra costantemente verso il N Europa, in spostamento nel lungo verso la Russia (?)  8)


Offline Cloover

  • Presidente del CSCT
  • Fondatore - Amministratore
  • MD GROUP
  • *****
  • Post: 14531
  • Località: Monsummano Terme(PT)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3423
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #108 il: Ottobre 31, 2016, 12:12:23 pm »
Quindi riassumendo abbiamo il VPS in media e bassa stratosfera disturbato come non mai a Novembre e con scarsa intenzione di ricomporsi; questo non potrebbe essere un ingrediente negativo per la trasmissione in alta strato dei flussi di calore? (Per quanto l'alta strato stia interagendo gran poco con i piani inferiori al momento)
In alta strato invece il VPS non intende centrarsi sul polo ma continua la spinta dell'onda 1 che lo decentra costantemente verso il N Europa, in spostamento nel lungo verso la Russia (?)  8)

Ma infatti la differenza con gli anni passati sta tutta qua. Se infatti il deficit di ghiaccio artico portava ad uno scollegamento tropo-stratosferico favorito dal breaking wave al limite della tropopausa, quest'anno abbiamo una AO- "funzionale" , vale a dire ondulazioni di grande ampiezza e netta propagazione.
Il VPS rischia di andare nel reparto rianimazione, a tutte le quote.
Quindi abbiamo un forte ritardo sul grado di approfondimento ed una stratosfera totalmente inerme, con altezze geopotenziali più simili a quelle del mese di Agosto e con il decentramento del VP che favorisce una W1 intrusiva e stazionaria....
La settimina vincente? BDC strong, QBO-,Solar Flux Low,Nina east/Nino Modoki,Tripolo Atl- , PDO-/anomalie neg. su Pacifico orientale , Area Namias +

Offline Cloover

  • Presidente del CSCT
  • Fondatore - Amministratore
  • MD GROUP
  • *****
  • Post: 14531
  • Località: Monsummano Terme(PT)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3423
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #109 il: Ottobre 31, 2016, 12:44:32 pm »
La settimina vincente? BDC strong, QBO-,Solar Flux Low,Nina east/Nino Modoki,Tripolo Atl- , PDO-/anomalie neg. su Pacifico orientale , Area Namias +

Offline firenze3

  • Fondatore - Amministratore
  • MD GROUP
  • *****
  • Post: 34039
  • Age: 36
  • Località: Fi Sodo (Abit) - Casellina Scandicci(FI) Lav
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #110 il: Ottobre 31, 2016, 01:41:59 pm »


e dopo questa si può chiudere.

Gente, fatevi fare un''accurata visita cardiologica perchè penso possa tornare utile per questo Autunno/inverno

Offline maurino

  • Membro Onorario
  • ****
  • Post: 176
  • Age: 57
  • Località: savignano sul panaro(MO) 135 slm
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 0
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #111 il: Ottobre 31, 2016, 02:15:58 pm »
secondo me il minimo solare ci stà mettendo lo zampino, come i postumi del nino sull' artico e la QBO che non è virata :o

Offline luca_mo

  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 508
  • Località: Modena
  • Modena
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 230
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #112 il: Ottobre 31, 2016, 03:08:44 pm »
E tutto ciò al netto di una QBO che ci rema contro..
Località: Modena(MO) 34 m s.l.m
UNIVERSITA' DI SCIENZE GEOLOGICHE - MODENA

Offline tommy80

  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 787
  • Age: 37
  • Località: Ferrano (Pelago) (FI) 560m s.l.m.
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 682
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #113 il: Ottobre 31, 2016, 03:20:13 pm »
Oggi vado a comprare altri 20 sacchi di pelletteria visto che sono ancora in offerte 😅😅😅

Offline Artix

  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 2485
  • Age: 29
  • Località: Capannori (LU)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 1230
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #114 il: Ottobre 31, 2016, 03:28:13 pm »
Cloover farai anche un Outlook invernale prossimamente?  :)

Offline ponente

  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 12473
  • Località: Pontedassio(IM) 80 Mt.
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 2639
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #115 il: Ottobre 31, 2016, 03:34:31 pm »
Se aspiri a dinamiche MAI VISTE, non lo è.
Il VP è un'area di bassa pressione che staziona sopra il Polo. La rotazione terrestre innesca la corrente a getto (altrimenti il bilancio energetico avverebbe in maniera lineare).
Il VP si forma nell'area di massimo raffreddamento, che come sappiamo corrisponde al Polo.
Se tu "cambi" la zona di massimo raffreddamento, facendola corrispondere ad un'area lontana dal Polo geografico, si innesca una dinamica a cascata. Il VP tende infatti a spostarsi su questa zona, partorendo una serie di anomale ondulazioni  su scala emisferica.
Il raffreddamento dell'area polare rallenta sempre più, mentre il precoce raffreddamento di zone più lontane incrementa il grado di ellitticizzazione del VP e la genesi di onde stazionarie.
Vale a dire che ci sono gli estremi per forti e durature ondate di gelo a latitudini inusuali e questo......... in tempi rapidi

bene...dunque possiamo dire che una rediviva troposfera innescata dalle varie anomalie sull'artico, ha dato l'innesco a favorire un dislocamento del vp dal polo favorendo le onde stazionarie che continuano a disturbare la normale evoluzione con raffreddamento e approfondimento del vps

Offline Giaguaro

  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 6441
  • Age: 35
  • Località: Pistoia (PT)
  • Pistoia
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 547
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #116 il: Ottobre 31, 2016, 03:42:11 pm »
Bentornata peg.  Inverni fuori di testa, terremoti forti, tutta rova made in 1700. C'è un motivo se 15 giorni fa la governatrice dell Oregon ha detto di preparare un kit di emergenza nel caso tornasse il terremoto sulla faglia di cascadia
Il lavoro nobilita l'uomo, ma anche stare a casa ogni tanto non è delle peggio

Offline teo86

  • Membro Onorario
  • ****
  • Post: 200
  • Località: acqualagna (pu)
  • acqualagna (pu)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 55
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #117 il: Ottobre 31, 2016, 03:44:32 pm »
Le somiglianze con il 2009, in prospettiva, sono notevoli:



Riguardo l'approfondimento del VPS giudicate voi:



ciao cloover, mi puoi dire in che siti posso trovare l'ultima cartina che hai postato? grazie..  ;)

Offline Cloover

  • Presidente del CSCT
  • Fondatore - Amministratore
  • MD GROUP
  • *****
  • Post: 14531
  • Località: Monsummano Terme(PT)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3423
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #118 il: Ottobre 31, 2016, 03:47:45 pm »
ciao cloover, mi puoi dire in che siti posso trovare l'ultima cartina che hai postato? grazie..  ;)


qui abbiamo messo quasi tutto  ;)
http://www.meteodue.it/modelli-teleconnessioni/stratosfera
La settimina vincente? BDC strong, QBO-,Solar Flux Low,Nina east/Nino Modoki,Tripolo Atl- , PDO-/anomalie neg. su Pacifico orientale , Area Namias +

Offline Cloover

  • Presidente del CSCT
  • Fondatore - Amministratore
  • MD GROUP
  • *****
  • Post: 14531
  • Località: Monsummano Terme(PT)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3423
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #119 il: Ottobre 31, 2016, 03:49:04 pm »
Cloover farai anche un Outlook invernale prossimamente?  :)

L'outlook invernale uscirà il 25 Novembre  ;)
La settimina vincente? BDC strong, QBO-,Solar Flux Low,Nina east/Nino Modoki,Tripolo Atl- , PDO-/anomalie neg. su Pacifico orientale , Area Namias +

Offline batstef

  • CSCT Team
  • ...
  • MD GROUP
  • *
  • Post: 7208
  • Località: Firenze-Isolotto
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3797
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #120 il: Ottobre 31, 2016, 05:13:06 pm »
sto riflettendo che il driver principale di questo sistema sia il lascito del forte Nino dello scorso anno, che ha continuato a governare l' atmosfera in questo autunno boreale. A dispetto della Nina già presente a livello di anomalie oceaniche, per adesso l' atmosfera si trova in "modalità ENSO+". Abbiamo tre esempi di uscita da un forte Nino e successiva entrata in ENSO- ( con diverse gradualità ) : 1973, 1983, 1998.

Se guardiamo le anomalie di ottobre aggregate per quei tre anni balza agli occhi una disposizione molto simile su tutto l' asse Est Asia/Pacifico/Nordamerica :




Le differenze ci sono, grandi,  sull' artico e in parte su area atlantico/europea.
E' una disposizione che tende a mantenersi anche su Novembre, con un' ulteriore accentuazione degli scambi meridiani dovuti al maggiore scambio termodinamico stagionale :


Pare, coerentemente con il driver prevalente, una classica "forzatura" troposferica ( questo un altro segnale che FORSE potrebbe segnare un' importante discontinuità con l' anno in corso e che andrebbe monitorato nei prossimi giorni ) mentre il VPS continua il suo processo di raffreddamento  più o meno in sede naturale:


Per dicembre la Nina prende il sopravvento ( inversione netta sul continente americano ) e la stagione procede differenziandosi tra i vari inverni con la modulazione di altri fattori come QBO o attività solare o eses cold/warm  :

.

La domanda che mi pongo è questa : le anomalie termiche di ottobre su Artico e Siberia ( approssimando ) sono OPPOSTE alle attuali su tutti e tre gli anni, con forse una lieve preferenza verso il 1998. Saranno queste anomalie in grado di dare un "carattere" al prossimo inverno quando avverrà la transizione tra i due regimi oceanici ?

p.s: il 73 e il 98 sono due novembre memorabili per la Toscana, e anche il 1983 fece il suo tentativo  ;)



"La passione, la voglia di veder mia figlia ributolarsi nella neve con mia moglie....la voglia di veder tutti voi euforici, la giornata che scorre con cazzate eclatanti di alcuni di voi che, porca miseria vi considero amici e non mi verra' mai in mente una sola volta di scrivere, andate in c..o. vero dovrei stare zitto e bon o a leggervi..non ci riesco chiedo scusa"...Marco da Bucine

Offline Cloover

  • Presidente del CSCT
  • Fondatore - Amministratore
  • MD GROUP
  • *****
  • Post: 14531
  • Località: Monsummano Terme(PT)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3423
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #121 il: Novembre 01, 2016, 12:10:59 pm »
PAZZESCO! Ogni giorno ti aspetti una ridimensionata e invece è tutto sempre più incredibile  :o   Sicuramente cambieranno, qui si sfidano le leggi della fisica!



La settimina vincente? BDC strong, QBO-,Solar Flux Low,Nina east/Nino Modoki,Tripolo Atl- , PDO-/anomalie neg. su Pacifico orientale , Area Namias +

Offline Artix

  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 2485
  • Age: 29
  • Località: Capannori (LU)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 1230
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #122 il: Novembre 01, 2016, 12:19:31 pm »
PAZZESCO! Ogni giorno ti aspetti una ridimensionata e invece è tutto sempre più incredibile  :o   Sicuramente cambieranno, qui si sfidano le leggi della fisica!




Non me ne intendo a livello tecnico ma mi ecciti comunque   ;D :-*;D

Offline ale81

  • ..
  • MD GROUP
  • *
  • Post: 3824
  • Age: 37
  • Località: Rimini
  • La vita è il trattino tra materia e spirito.
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 706
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #123 il: Novembre 01, 2016, 12:50:41 pm »
buona giornata a tutto il forum di meteodue. sicuramente come detto da filippo il disturbo a carico della struttura polare  è notevole. basta guardare una carta relativa alle anomalie del geopotenziale .
tanti  si chiederanno se in questo mio riflettere, studiare, e impegnarmi per molte cause ho travato il senso della vita.la mia risposta è  che forse la vita non ha alcun senso. ma proprio per questo passiamo la vita a cercarne uno. l importante non è sapere, ma cercare.

Offline batstef

  • CSCT Team
  • ...
  • MD GROUP
  • *
  • Post: 7208
  • Località: Firenze-Isolotto
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3797
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #124 il: Novembre 01, 2016, 12:55:30 pm »
ecco, quello sembrerebbe proprio ( nel caso si verificasse ) un "atto di forza" delle anomalie congiunte Artico/Siberia e forse inizierebbe ad incrinare molte previsioni stagionali. A differenza di quello attuale, più simile ad un classico disturbo da atmosfera dopata da superENSO+ come nel 1998 :



"La passione, la voglia di veder mia figlia ributolarsi nella neve con mia moglie....la voglia di veder tutti voi euforici, la giornata che scorre con cazzate eclatanti di alcuni di voi che, porca miseria vi considero amici e non mi verra' mai in mente una sola volta di scrivere, andate in c..o. vero dovrei stare zitto e bon o a leggervi..non ci riesco chiedo scusa"...Marco da Bucine

Offline Cloover

  • Presidente del CSCT
  • Fondatore - Amministratore
  • MD GROUP
  • *****
  • Post: 14531
  • Località: Monsummano Terme(PT)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3423
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #125 il: Novembre 01, 2016, 01:05:56 pm »
ecco, quello sembrerebbe proprio ( nel caso si verificasse ) un "atto di forza" delle anomalie congiunte Artico/Siberia e forse inizierebbe ad incrinare molte previsioni stagionali. A differenza di quello attuale, più simile ad un classico disturbo da atmosfera dopata da superENSO+ come nel 1998 :

Si, siamo fuori schema in tal caso. Avremmo prima un forte Heat flux a 2 onde e successivamente uno forse ancora più forte a carico di una W1 progressivamente convergente(NAM anomalmente negativo  come  mai accaduto  nel mese di Novembre).
Rischiamo l'estremizzazione dell' AD+ , vale a dire la TOTALE distensione del VP sull'Eurasia, con l'estremità occidentale sull'Europa. In questo caso è presente un atlantic ridge favorito dalle vorticità secondarie sul Labrador, con isoterme sul centro-nord Europa anche di -40/-45°C a 500hPa, verosimilmente in possibile discesa sul Mediterraneo.
C'è da dire che una dinamica del genere azzera l'E-P flux, vale a dire che contemporaneamente potrebbe verificarsi un forte approfondimento del VPS , ma con un disassamento  della struttura che potrebbe portarlo ad una torsione(anche se non è detta).
La settimina vincente? BDC strong, QBO-,Solar Flux Low,Nina east/Nino Modoki,Tripolo Atl- , PDO-/anomalie neg. su Pacifico orientale , Area Namias +

Offline Montalbano

  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 3715
  • Age: 21
  • Località: Comeana (PO)-Ansa Ombrone 38m
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 2659
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #126 il: Novembre 01, 2016, 01:28:13 pm »
Bel disturbo si...non c'è che dire è davvero notevole   ...Nam di conseguenza in caduta libera



"A PARITÀ DI LATITUDINE SIAMO I PIÙ SFIGATI C'È POCO DA FARE..."

Offline batstef

  • CSCT Team
  • ...
  • MD GROUP
  • *
  • Post: 7208
  • Località: Firenze-Isolotto
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3797
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #127 il: Novembre 01, 2016, 01:30:16 pm »
Si, siamo fuori schema in tal caso. Avremmo prima un forte Heat flux a 2 onde e successivamente uno forse ancora più forte a carico di una W1 progressivamente convergente(NAM anomalmente negativo  come  mai accaduto  nel mese di Novembre).
Rischiamo l'estremizzazione dell' AD+ , vale a dire la TOTALE distensione del VP sull'Eurasia, con l'estremità occidentale sull'Europa. In questo caso è presente un atlantic ridge favorito dalle vorticità secondarie sul Labrador, con isoterme sul centro-nord Europa anche di -40/-45°C a 500hPa, verosimilmente in possibile discesa sul Mediterraneo.
C'è da dire che una dinamica del genere azzera l'E-P flux, vale a dire che contemporaneamente potrebbe verificarsi un forte approfondimento del VPS , ma con un disassamento  della struttura che potrebbe portarlo ad una torsione(anche se non è detta).

sì sì, sono i prodromi del Canadian Warming, con in più questa recente anomalia strutturale artica. Il 1980 può essere un buon esempio da questo punto di vista, anche allora con una qbo west :



1998, 1980...i miei due centesimi comincio a buttarli su un inverno di stampo continentale  :D
"La passione, la voglia di veder mia figlia ributolarsi nella neve con mia moglie....la voglia di veder tutti voi euforici, la giornata che scorre con cazzate eclatanti di alcuni di voi che, porca miseria vi considero amici e non mi verra' mai in mente una sola volta di scrivere, andate in c..o. vero dovrei stare zitto e bon o a leggervi..non ci riesco chiedo scusa"...Marco da Bucine

Offline ale81

  • ..
  • MD GROUP
  • *
  • Post: 3824
  • Age: 37
  • Località: Rimini
  • La vita è il trattino tra materia e spirito.
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 706
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #128 il: Novembre 01, 2016, 01:55:42 pm »
di seguito le anomalie di temperature e geopotenziale a 10 hpa  nelle 144 ore secondo il modello ecmwf . vortice polare disassato rispetto al Polo Nord sia per quanto riguarda l aspetto termico sia quello barico.
tanti  si chiederanno se in questo mio riflettere, studiare, e impegnarmi per molte cause ho travato il senso della vita.la mia risposta è  che forse la vita non ha alcun senso. ma proprio per questo passiamo la vita a cercarne uno. l importante non è sapere, ma cercare.

Offline maurino

  • Membro Onorario
  • ****
  • Post: 176
  • Age: 57
  • Località: savignano sul panaro(MO) 135 slm
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 0
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #129 il: Novembre 01, 2016, 02:05:42 pm »
previsione AO  a 10hPa fino a metà novembre
http://imgur.com/a/m1iEB

Offline batstef

  • CSCT Team
  • ...
  • MD GROUP
  • *
  • Post: 7208
  • Località: Firenze-Isolotto
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3797
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #130 il: Novembre 01, 2016, 02:16:49 pm »
previsione AO  a 10hPa fino a metà novembre
http://imgur.com/a/m1iEB


m' immagino come sia invalvolato Cohen, dopo due anni di vacche magre!  :D :D...Ma io sull' inverno AO-- e , soprattutto, NAO- ci andrei con grandissima cautela  ;D

Comunicazione per i fans  8)...quest' anno il Mago Batstef è in grande difficoltà. Ha trovato solo tre analogie soddisfacenti in 100 anni, una nel 1924 che non gli dà nemmeno tutto 'sto affidamento  :D. Mi sa che andrò a ripiegare su un metodo un pò differente...TEMPI NUOVI RICHIEDONO NUOVE MAGIE  :D :D
"La passione, la voglia di veder mia figlia ributolarsi nella neve con mia moglie....la voglia di veder tutti voi euforici, la giornata che scorre con cazzate eclatanti di alcuni di voi che, porca miseria vi considero amici e non mi verra' mai in mente una sola volta di scrivere, andate in c..o. vero dovrei stare zitto e bon o a leggervi..non ci riesco chiedo scusa"...Marco da Bucine

Offline batstef

  • CSCT Team
  • ...
  • MD GROUP
  • *
  • Post: 7208
  • Località: Firenze-Isolotto
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3797
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #131 il: Novembre 01, 2016, 03:09:49 pm »
ritornando a bomba sul 1980 ( e poi mi taccio perchè mi rendo conto di ragionare un pò a ruota libera ), c'era il dipolo Mari Siberiani +/ Terre Siberiane - ( me lo sono inventato adesso, eh  :P )... non così forte e definito come l' attuale, ma c'era  ::)




ulteriori indagini sono necessarie  ::) ::) ::)
"La passione, la voglia di veder mia figlia ributolarsi nella neve con mia moglie....la voglia di veder tutti voi euforici, la giornata che scorre con cazzate eclatanti di alcuni di voi che, porca miseria vi considero amici e non mi verra' mai in mente una sola volta di scrivere, andate in c..o. vero dovrei stare zitto e bon o a leggervi..non ci riesco chiedo scusa"...Marco da Bucine

Offline Cloover

  • Presidente del CSCT
  • Fondatore - Amministratore
  • MD GROUP
  • *****
  • Post: 14531
  • Località: Monsummano Terme(PT)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3423
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #132 il: Novembre 01, 2016, 03:43:30 pm »
Quest'anno è esasperato il dipolo, proprio a causa del deficit dei ghiacci artici:



Anomalie negative rigorosamente sotto i 60°N .

Quando feci lo studio sulla BDC notai cmq la maggior correlazione nel mese di Novembre. Bisogna quindi che questa situazione persista pure in questo mese..A quel punto l'equilibrio termodinamico sarà compromesso e ci giochiamo un Dicembre dalle potenzialità elevatissime.
La settimina vincente? BDC strong, QBO-,Solar Flux Low,Nina east/Nino Modoki,Tripolo Atl- , PDO-/anomalie neg. su Pacifico orientale , Area Namias +

Nix novariensis

  • Visitatore
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #133 il: Novembre 01, 2016, 10:05:15 pm »
Quest'anno è esasperato il dipolo, proprio a causa del deficit dei ghiacci artici:



Anomalie negative rigorosamente sotto i 60°N .

Quando feci lo studio sulla BDC notai cmq la maggior correlazione nel mese di Novembre. Bisogna quindi che questa situazione persista pure in questo mese..A quel punto l'equilibrio termodinamico sarà compromesso e ci giochiamo un Dicembre dalle potenzialità elevatissime.

Tanto qualcosa che andrà storto ci sarà ugualmente
Con questo non voglio dire di rinunciare a studiare le teleconnessioni; anzi, vi ammiro e vi sostengo.

Però per l'ennesima volta i serbatoi freddi sono in deficit... e la Groenlandia sta recuperando vorticità. I modelli si stanno allineando e virano tutti verso una fase contrassegnata da AO/NAO+++++++

Offline Cloover

  • Presidente del CSCT
  • Fondatore - Amministratore
  • MD GROUP
  • *****
  • Post: 14531
  • Località: Monsummano Terme(PT)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3423
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #134 il: Novembre 02, 2016, 01:14:20 am »
Tanto qualcosa che andrà storto ci sarà ugualmente
Con questo non voglio dire di rinunciare a studiare le teleconnessioni; anzi, vi ammiro e vi sostengo.

Però per l'ennesima volta i serbatoi freddi sono in deficit... e la Groenlandia sta recuperando vorticità. I modelli si stanno allineando e virano tutti verso una fase contrassegnata da AO/NAO+++++++

Mah, guarda qui siamo lontani dalle "desiderande" , non abbiamo troppi peli sulla lingua a dire che le potenzialità sono alte o basse, come il passato insegna.
Analizziamo con calma e stiamo a vedere nei prossimi giorni cosa succede, la fase AO+++ cmq per adesso te la puoi scordare  ;D  Quello che vedi è un trasferimento di vorticità generato dall'AD+ ed ostacolato nelle prime fasi dal forte raffreddamento del continente Euroasiatico. La tensione zonale è all'osso....
La settimina vincente? BDC strong, QBO-,Solar Flux Low,Nina east/Nino Modoki,Tripolo Atl- , PDO-/anomalie neg. su Pacifico orientale , Area Namias +

Offline Cloover

  • Presidente del CSCT
  • Fondatore - Amministratore
  • MD GROUP
  • *****
  • Post: 14531
  • Località: Monsummano Terme(PT)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3423
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #135 il: Novembre 02, 2016, 08:37:43 am »
Prevista anche l'inversione dei venti zonali a 10hPa, questa volta a carico della W1...Ma non è certo un CW, l'onda è convergente e probabilmente rimarrà una piccola sezione del VP sul comparto Canado-Groelandese-Labrador, con esasperazione del pattern AD+.
Qui per farsi un'idea sui possibili effetti se l'impianto troverà conferme:

http://www.meteodue.it/archivi-meteo/archivio-news-meteo/661-previsioni-inverno-2016-17-anomalie-emisferiche-ad-alto-impatto-sulla-circolazione-invernale

La settimina vincente? BDC strong, QBO-,Solar Flux Low,Nina east/Nino Modoki,Tripolo Atl- , PDO-/anomalie neg. su Pacifico orientale , Area Namias +

Offline Nonno_rodano

  • CSCT Team
  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 1001
  • Age: 33
  • Località: Prato
  • Prato
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 99
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #136 il: Novembre 02, 2016, 09:35:29 am »
Ecco il SAI 2016, leggermente meno pendente del 2012 e 2015, molto meno del 2014 (ma sappiamo come è andata quell'anno)..la correlazione tra pendenza e AO dovrebbe dare un' AO media DJFM attorno a -2..


"siamo buoni a nulla ma capaci di tutto"

Offline batstef

  • CSCT Team
  • ...
  • MD GROUP
  • *
  • Post: 7208
  • Località: Firenze-Isolotto
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3797
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #137 il: Novembre 02, 2016, 10:43:41 am »
Prevista anche l'inversione dei venti zonali a 10hPa, questa volta a carico della W1...Ma non è certo un CW, l'onda è convergente e probabilmente rimarrà una piccola sezione del VP sul comparto Canado-Groelandese-Labrador, con esasperazione del pattern AD+.
Qui per farsi un'idea sui possibili effetti se l'impianto troverà conferme:

http://www.meteodue.it/archivi-meteo/archivio-news-meteo/661-previsioni-inverno-2016-17-anomalie-emisferiche-ad-alto-impatto-sulla-circolazione-invernale




SE avverrà l' SSW rientra comunque nella definizione di Canadian Warming, aleutian high "sopra" e aleutian low "sotto". Poi le implicazioni sono diverse, a seconda del contesto generale atmosferico in cui avviene...ma io sono rimasto alla definizione della Labitzke, poi può darsi che mi sbaglio eh  ::)

http://www.atmosp.physics.utoronto.ca/SPARC/News15/15_Labitzke.html


"La passione, la voglia di veder mia figlia ributolarsi nella neve con mia moglie....la voglia di veder tutti voi euforici, la giornata che scorre con cazzate eclatanti di alcuni di voi che, porca miseria vi considero amici e non mi verra' mai in mente una sola volta di scrivere, andate in c..o. vero dovrei stare zitto e bon o a leggervi..non ci riesco chiedo scusa"...Marco da Bucine

Offline Cloover

  • Presidente del CSCT
  • Fondatore - Amministratore
  • MD GROUP
  • *****
  • Post: 14531
  • Località: Monsummano Terme(PT)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3423
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #138 il: Novembre 02, 2016, 12:52:10 pm »
Faccio molta fatica a definirlo un "CW", perchè sostanzialmente non lo è. Le vecchie definizioni ad oggi assumono nuove prospettive.
In questo caso abbiamo un AD+ esasperato, con il VPS che seguendo quanto avviene in troposfera, tende a sprofondare nel continente Eurasiatico andando ad attivare una W1 convergente(Quindi prima sul Canada, ma poi progressivamente in direzione dell'area Polare, con inversione del vento zonale).
Con tale dinamica si riattiva anche la W2(anche se avremo probabile breaking wave in bassa strato), Perchè abbiamo un calo dei Gpt nella zona del Labrador, con un Vortice Polare secondario. In pratica rischiamo un MMW dispalacement, ma sostanzialmente  quello che avviene lassù ad oggi non ci sfiora. La dinamica è molto simile a quanto accaduto nel Dicembre 2009.
Probabilmente invece  avremo uno Stratcooling nella seconda parte Invernale, questo perchè tale situazione porta ad un progressivo azzeramento dell' e-p flux .... Da lì possiamo formulare altre ipotesi, e che ipotesi! :-X
La settimina vincente? BDC strong, QBO-,Solar Flux Low,Nina east/Nino Modoki,Tripolo Atl- , PDO-/anomalie neg. su Pacifico orientale , Area Namias +

Offline batstef

  • CSCT Team
  • ...
  • MD GROUP
  • *
  • Post: 7208
  • Località: Firenze-Isolotto
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3797
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #139 il: Novembre 02, 2016, 01:19:01 pm »
Faccio molta fatica a definirlo un "CW", perchè sostanzialmente non lo è. Le vecchie definizioni ad oggi assumono nuove prospettive.
In questo caso abbiamo un AD+ esasperato, con il VPS che seguendo quanto avviene in troposfera, tende a sprofondare nel continente Eurasiatico andando ad attivare una W1 convergente(Quindi prima sul Canada, ma poi progressivamente in direzione dell'area Polare, con inversione del vento zonale).
Con tale dinamica si riattiva anche la W2(anche se avremo probabile breaking wave in bassa strato), Perchè abbiamo un calo dei Gpt nella zona del Labrador, con un Vortice Polare secondario. In pratica rischiamo un MMW dispalacement, ma sostanzialmente  quello che avviene lassù ad oggi non ci sfiora. La dinamica è molto simile a quanto accaduto nel Dicembre 2009.
Probabilmente invece  avremo uno Stratcooling nella seconda parte Invernale, questo perchè tale situazione porta ad un progressivo azzeramento dell' e-p flux .... Da lì possiamo formulare altre ipotesi, e che ipotesi! :-X
ora è chiaro  ;). Verrà comunque definito CW ( sempre che avvenga, ma mi pare abbia discrete possibilità ), che comunque già di per se è un concetto un pò "ampio" e, come giustamente affermi, rimane più importante il contesto generale in cui avviene rispetto all' evento stesso. Ad esempio il caso del cw di novembre 2000 si presentò come un mmw displacement ( ed è, se vogliamo, l'unico aspetto che caratterizza tutti i cw : l' assenza di split del vps ).
Anche l' inverno 62/63 ebbe un cw a novembre, tanto per sedare sul nascere le urla isteriche che già sento sorgere d' intorno  :D
"La passione, la voglia di veder mia figlia ributolarsi nella neve con mia moglie....la voglia di veder tutti voi euforici, la giornata che scorre con cazzate eclatanti di alcuni di voi che, porca miseria vi considero amici e non mi verra' mai in mente una sola volta di scrivere, andate in c..o. vero dovrei stare zitto e bon o a leggervi..non ci riesco chiedo scusa"...Marco da Bucine

Offline Cloover

  • Presidente del CSCT
  • Fondatore - Amministratore
  • MD GROUP
  • *****
  • Post: 14531
  • Località: Monsummano Terme(PT)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3423
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #140 il: Novembre 02, 2016, 01:23:58 pm »
Trova le differenze:





Il CW in pratica evidenzia velocità zonali elevate,ed anche se temporaneamente possiamo avere un'inversione della zonalità grazie all'ingerenza della W1(che però non converge ed è posizionata sul Canada), il VPS in realtà, per la conservazione del suo momento angolare, incrementa la velocità di rotazione. In caso di CW non abbiamo MAI una pulsazione della W2.... Cosa che invece in troposfera può attuarsi in caso di AD+, talvolta anche in maniera esplosiva(anche se siamo in un contesto di velocità zonali talmente basse che gli eddy fluxes rimangono deboli e non abbiamo propagazione d'onda):





La settimina vincente? BDC strong, QBO-,Solar Flux Low,Nina east/Nino Modoki,Tripolo Atl- , PDO-/anomalie neg. su Pacifico orientale , Area Namias +

Offline batstef

  • CSCT Team
  • ...
  • MD GROUP
  • *
  • Post: 7208
  • Località: Firenze-Isolotto
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3797
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #141 il: Novembre 02, 2016, 02:09:28 pm »
una reazione troposferica simile, anche se meno esasperata, fu quella seguita al cw del novembre 1980 che trovava condizioni troposferiche piuttosto "paragonabili" ( come si è visto sopra, anche se non sovrapponibili ) alle attuali  ::)



sto osservando anche l' evoluzione della convezione pacifica ( mjo )  ora che si dovrebbe essere quasi usciti dalla stagione dei tifoni, che rischia sempre di confondere il segnale. Averla robusta sulle fasi 7/8/1 significa aumento del momento angolare e ulteriore benzina per la semipermanente delle Aleutine e quindi nuovi flussi di calore verso le regioni polari.
E' un andamento che si è visto sia nel 1980 che nel 1991 e, soprattutto, nel 1996 ( tre CW in Novembre ) e il segnale aggregato su dicembre è, di nuovo, abbastanza chiaro...parlo di segnale, ovvero di una possibile sollecitazione di alcuni settori rispetto ad altri



"La passione, la voglia di veder mia figlia ributolarsi nella neve con mia moglie....la voglia di veder tutti voi euforici, la giornata che scorre con cazzate eclatanti di alcuni di voi che, porca miseria vi considero amici e non mi verra' mai in mente una sola volta di scrivere, andate in c..o. vero dovrei stare zitto e bon o a leggervi..non ci riesco chiedo scusa"...Marco da Bucine

Offline Cloover

  • Presidente del CSCT
  • Fondatore - Amministratore
  • MD GROUP
  • *****
  • Post: 14531
  • Località: Monsummano Terme(PT)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3423
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #142 il: Novembre 02, 2016, 02:24:18 pm »
Il segnale è inequivocabile  ;) E consideriamo che quest'anno è tutto molto più esasperato a causo dello squilibrio termico innescato dal deficit di Ghiaccio sul Polo, con grado di ellitticizzazione del VP assai più pronunciato. Appuntamento per la 3^ decade del mese  8)
La settimina vincente? BDC strong, QBO-,Solar Flux Low,Nina east/Nino Modoki,Tripolo Atl- , PDO-/anomalie neg. su Pacifico orientale , Area Namias +

Offline Orso russo

  • Membro Senior
  • *****
  • Post: 325
  • Age: 30
  • Località: Sermide (MN)
  • Burian.....atlantico basso....Burian...
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 401
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #143 il: Novembre 02, 2016, 05:49:10 pm »
Vedere nelle reanalisi il dicembre 2009, mese straordinario meteorologicamente parlando per noi mantovani, mi fa emozionare.......una situazione come quella sarebbe da buona parte d'Europa al gelo per giorni e giorni......

Offline ponente

  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 12473
  • Località: Pontedassio(IM) 80 Mt.
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 2639
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #144 il: Novembre 02, 2016, 06:04:32 pm »
Azz...  :o



...ma..splitta sull'Eurasia??!

Offline luca_mo

  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 508
  • Località: Modena
  • Modena
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 230
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #145 il: Novembre 02, 2016, 06:15:41 pm »
Apperò: :o :o


Località: Modena(MO) 34 m s.l.m
UNIVERSITA' DI SCIENZE GEOLOGICHE - MODENA

Offline batstef

  • CSCT Team
  • ...
  • MD GROUP
  • *
  • Post: 7208
  • Località: Firenze-Isolotto
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3797
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #146 il: Novembre 04, 2016, 10:01:11 am »
si inizia a vedere il disturbo a carico della wave1, su un VPS che viaggia a velocità già molto ridotte :




"La passione, la voglia di veder mia figlia ributolarsi nella neve con mia moglie....la voglia di veder tutti voi euforici, la giornata che scorre con cazzate eclatanti di alcuni di voi che, porca miseria vi considero amici e non mi verra' mai in mente una sola volta di scrivere, andate in c..o. vero dovrei stare zitto e bon o a leggervi..non ci riesco chiedo scusa"...Marco da Bucine

Offline Cloover

  • Presidente del CSCT
  • Fondatore - Amministratore
  • MD GROUP
  • *****
  • Post: 14531
  • Località: Monsummano Terme(PT)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3423
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #147 il: Novembre 04, 2016, 08:30:33 pm »
Si, una W1 che tenta di riportare le vorticità sulla Scandinavia, un passaggio di consegne non proprio semplicissimo a causa della termicizzazione anticiclonica in atto sulla Siberia.
Tale dinamica sembra far sprofondare le velocità zonali, ferendo gravemente un VPS già in netta crisi:



Sostanzialmente una Stratosfera che non può dire e non può fare nulla in questo frangente, se non subire il terremoto circolatorio in atto.
Una situazione in controtendenza rispetto agli anni passati, ed uno squilibrio termico che riuscirà a sopperire ad una disposizione teleconnettiva poco favorevole ad avere  un Vortice Polare disturbato durante il trimestre Invernale?  I prossimi giorni scioglieranno molti dubbi a tal proposito

La settimina vincente? BDC strong, QBO-,Solar Flux Low,Nina east/Nino Modoki,Tripolo Atl- , PDO-/anomalie neg. su Pacifico orientale , Area Namias +

Offline Orso russo

  • Membro Senior
  • *****
  • Post: 325
  • Age: 30
  • Località: Sermide (MN)
  • Burian.....atlantico basso....Burian...
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 401
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #148 il: Novembre 05, 2016, 11:48:31 am »
Ed ecco che stamattina anche i Gm iniziano a proporre un tentativo di ripartenza dl vp, con passaggio del lobo principale su Eurasia, ma troverà un robusto hp termico......la novità rispetto gli ultimi anni sta nella fiacca del VPT......ecco quindi che dopo una fase interlocutoria a inizio seconda decade potrebbe porsi la base per una retrogressione molto fredda nel mediterraneo in terza decade, o fine seconda  8)

da gfs06 a 192h si vede molto bene il mio pensiero......

Offline Cloover

  • Presidente del CSCT
  • Fondatore - Amministratore
  • MD GROUP
  • *****
  • Post: 14531
  • Località: Monsummano Terme(PT)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3423
Re:analisi stratosferica stagione 2016/17
« Risposta #149 il: Novembre 05, 2016, 01:12:50 pm »
Stamani voglio puntare il dito su di un fattore che non possiamo non considerare.
Abbiamo già detto come a livello di indici teleconnettivi tale disposizione non sia entusiasmante, ed in particolare è doveroso sottolineare l'andamento della PDO che, a prescindere da una fase negativa che ha iniziato a manifestarsi nel corso del mese di Agosto e che perdura, debolmente, pure nel mese di Ottobre con un valore di -0.87, in realtà le anomalie oceaniche stanno ricalcando una fase positiva dell'indice.

Soprattutto in questi ultimi giorni siamo andati incontro ad un repentino ed evidente riassetto termico.
Tale fattore, anche se può sembrare che non c'entri niente con l'oggetto del topic, è  una delle principali chiavi di lettura invernali, perchè va a modulare la tensione zonale emisferica, la posizione della W1 e della W2(evidente l'impatto sulla NAO), con effetto a cascata sulle dinamiche stratosferiche (non scordiamo mai che la colonna d'aria è una soltanto):




Per chi non l'avesse fatto consiglio la lettura di questo topic:
http://www.meteodue.it/forum/index.php?topic=9337.0

Quindi l'ottimismo che si legge in queste fasi iniziali è riconducibile per l'appunto allo squilibrio termico che stiamo riscontrando tra area Polare ed area Siberiana, con notevoli ripercussioni sulla circolazione emisferica. La questione come si capisce è molto delicata.

Tornando all'argomentazione del topic, notiamo che la spinta della W1 andrà ancora a  partorire un displacement del VPS sull'Eurasia, con netto calo delle velocità zonali. La disposizione in AD+ potrebbe innescare una pulsazione dell'onda atlantica, grazie alla vorticità presente sulla Penisola del Labrador, favorendo una reiterazione del pattern anche nella 2^ parte del mese:



La settimina vincente? BDC strong, QBO-,Solar Flux Low,Nina east/Nino Modoki,Tripolo Atl- , PDO-/anomalie neg. su Pacifico orientale , Area Namias +