BACHECA ANNUNCI

VISITATE LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK!

Sono riaperte le iscrizioni al forum! Per registrarsi gratuitamente cliccare QUI


Autore Topic: Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17  (Letto 29821 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline ale81

  • ..
  • MD GROUP
  • *
  • Post: 3307
  • Age: 37
  • Località: Rimini
  • La vita è il trattino tra materia e spirito.
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 704
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #50 il: Settembre 13, 2016, 12:36:28 pm »
buona giornata a tutto il forum di meteodue.prima di esporre il mio personale punto di vista, voglio come sempre ricordare che non essendo in grado DI ANALIZZARE IN MANIERA ABBASTANZA TECNICA LA SITUAZIONE, CIò POTREBBE COMPORTARE ERRORI ed imprecisioni  nella stesura del messaggio che andrò a postare. me ne scuso in anticipo e sopratutto invito coloro che sono maggiormente preparati nella materia a correggere eventuali inesattezze .secondo me  numerosi fattori entrano in gioco nell andare a creare situazioni di disturbo al vortice polare.alcuni di questi fattori possono essere ricercati in quei fenomeni che fanno parte della variabilità interannuale. uno dei principali fenomeni appartenenti alla variabilità interannuale  é quello meglio conosciuto  con il nome di El Nino/Oscillazione Meridionale . oltre all enso ulteriri fattori possono determinare disturbi al vps/vp ovvero la qbo ed anche l attività solare. quest oggi andrò ad analizzare la qbo ( Quasi-Biennial Oscillation).sebbene  la qbo sia un fenomeno prevalentemente tropicale, quest ultima  tende avere importanti ripercussioni   a livello globale. la Quasi-Biennial Oscillation è in grado di andare a modulare gli effetti delle onde extratropicali,incidere  sulla quantità di ozono alle alte latitudini, e dunque svolgere un importante azione  sulla forza del vps durante l inverno boreale. di seguito  espongo il  grafico IRI(’IRI (International Research Institute for Climate Prediction)  , un’agenzia cooperativa tra NOAA e Columbia University collocata presso il Lamont-Doherty Earth Observatory di Palisades, nello stato di New York). tale grafico va ad indicare la direzione dei venti alle varie quote isobariche . tuttavia la sezione che tende a rivestire una maggiore importanza è quella situata tra i 21 e i 23 km, corrispondente  ai piani isobarici collocati  tra i  40 e i 50 hPa.. dal grafico sopra postato si nota come l attuale fase sta seguendo un andamento piuttosto anomalo, in quanto dopo una breve fase di correnti orientali(qbo-)quest ultima a partire dai piani isobarici superiori sta tornando nuovamente in territorio positivo e quindi (qbo+). con tutta probabilità tra non molto, entrambe le quote di riferimento , vale a dire  i livelli isobarici di 30 e 50 hPa, torneranno nuovamente ad essere interessati dalle westerlies, che  come ben sappiamo, statisticamente  tendono a propagarsi in maniera più veloce rispetto alle easterlies.la  Quasi-Biennial Oscillation riesce a modulare la forza della struttura ciclonica polare durante l inverno boreale attraverso la  circolazione di Brewer-Dobson  meglio conosciuta come BDC.questa circolazione, relegata alla quote stratosferiche , tende a bilanciare il divario termico che tende a crearsi tra le basse e le alte latitudini  ovvero l equatore e la regione polare. se la qbo negativa tende a favorire un incremento di forza di tale circolazione e conseguentemente un maggiore flusso di ozono in direzione delle latitudini polari, la fase positiva tende a produrre la situazione inversa . per determinare la forza di tale circolazione basta consultare i quantitativi di ozono presenti alle alte latitudini durante l inverno boreale.tendenzialmente maggiori quantitativi di ozono tendono a favorire un vps maggiormente disturbato mentre quantitativi minori tendono a rafforzarlo determinando cambiamenti nella baroclinicità (sistema) della struttura depressionaria polare. inoltre se la fase negativa della qbo le  easterlies tropicali tendono a restringere la larghezza della planetary wave-guide nella bassa stratosfera extratropicale, favorendone quindi  una maggiore ampiezza d'onda, la fase positiva tende ad allargare la wave guide . una wave guide più stretta associata alla fase occidentale della qbo comporta quindi minori ampiezze d onda in direzione della regioni polari e conseguentemente un vortice polare meno disturbato.al momento gli aggiornamenti propendono per una fase occidentale dei venti della media stratosfera equatoriale e quindi ciò potrebbe comportare una circolazione di Brewer-Dobson(bdc) meno intensa e conseguentemente una struttura polare poco incline a subire profondi cambiamenti termo_dinamici. un altro fattore in grado di influenzare le dinamiche del vortice polare  boreale è il ciclo enso che come detto sopra rappresenta il modo di variabilità climatica interannuale attualmente meglio conosciuto. numerosi studi sono stati fatti per evidenziare le eventuali correlazioni tra il ciclo enso ed il vortice polare.alcuni studi hanno cercato di mettere in evidenza le eventuali anomalie che si vengono a creare per quanto concerne l ozono durante le varie fasi dell enso nel trimestre invernale.questo studio evidenzia come durante le fase di enso negativo ci sia un minore trasporto di ozono verso le latitudini polari e conseguentemente una bdc indebolita.di seguito espongo il grafico che mette in evidenza le anomalie di ozono durante la fase sia negativa che positiva del ciclo enso.. dal grafico si nota molto chiaramente come durante una fase di enso negativo ci sia un minore trasporto di ozono verso le latitudini polari(grafico B). studio effettuato dal Dr. William Randel  Atmospheric Chemistry Observations and Modeling Laboratory (ACOM) e reperibile al seguente link  https://acomstaff.acom.ucar.edu/randel/  gli ultimi aggiornamenti  al riguardo propendono per avere   condizioni di ENSO-neutrale  nel corso del prossimo autunno e l'inverno dell'emisfero  boreale.                                                                                                             per ultimo un ulteriore fattore in grado di apportare modifiche nei riguardi del vortice polare è l attività solare, anche se quest ultima, secondo me, tende a rivestire un maggiore importanza se protratta in un periodo molto prolungato di bassa attività. a tale proposito riporto il grafico. dal grafico postato si nota molto chiaramente come al momento ci troviamo  nella  fase discendente dell attuale ciclo solare.numerosi studi sono stati effettuati al riguardo e proporli tutti sarebbe impossibile. tuttavia di seguito espongo lo studio effettuato da Brugnara et al. 2013, Gray et al. 2013 in cui vengono messe in evidenza le eventuali anomalie di circolazione durante i massimi e minimi solari. il link di seguito http://www.atmos-chem-phys.net/13/6275/2013/acp-13-6275-2013.pdf tuttavia altri fattori ancora possono condizionare il vortice polare ed uno di questi si può andare a ricercare nell  innevamento durante la stagione autunnale per quanto concerne il continente asiatico.eventuali anomalie dell innevamento possono contribuire a determinare importanti cambiamenti negli indici ao e nao. per quest ultimo fattore bisognerà attendere il mese di ottobre per verificare il valore della SCE (snow cover extend).
       
« Ultima modifica: Settembre 13, 2016, 08:55:23 pm da ale81 » »
tanti  si chiederanno se in questo mio riflettere, studiare, e impegnarmi per molte cause ho travato il senso della vita.la mia risposta è  che forse la vita non ha alcun senso. ma proprio per questo passiamo la vita a cercarne uno. l importante non è sapere, ma cercare.

Offline Cloover

  • Presidente del CSCT
  • Fondatore - Amministratore
  • MD GROUP
  • *****
  • Post: 14527
  • Località: Monsummano Terme(PT)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3418
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #51 il: Settembre 13, 2016, 02:34:32 pm »
Complimenti  Ale , davvero una bella spiegazione dettagliata.
La settimina vincente? BDC strong, QBO-,Solar Flux Low,Nina east/Nino Modoki,Tripolo Atl- , PDO-/anomalie neg. su Pacifico orientale , Area Namias +

Offline Andreaneve

  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 3260
  • Pistoia
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 24
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #52 il: Settembre 13, 2016, 03:43:53 pm »
Si ripiglia nel didietro bell'e e visto

Offline ale81

  • ..
  • MD GROUP
  • *
  • Post: 3307
  • Age: 37
  • Località: Rimini
  • La vita è il trattino tra materia e spirito.
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 704
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #53 il: Settembre 16, 2016, 12:50:45 pm »
buona giornata a tutto il forum di meteodue.prima di esporre il mio personale punto di vista, voglio come sempre ricordare che non essendo in grado DI ANALIZZARE IN MANIERA ABBASTANZA TECNICA LA SITUAZIONE, CIò POTREBBE COMPORTARE ERRORI ed imprecisioni  nella stesura del messaggio che andrò a postare. me ne scuso in anticipo e sopratutto invito coloro che sono maggiormente preparati nella materia a correggere eventuali inesattezze .secondo me  numerosi fattori entrano in gioco nell andare a creare situazioni di disturbo al vortice polare.alcuni di questi fattori possono essere ricercati in quei fenomeni che fanno parte della variabilità interannuale. uno dei principali fenomeni appartenenti alla variabilità interannuale  é quello meglio conosciuto  con il nome di El Nino/Oscillazione Meridionale . oltre all enso ulteriri fattori possono determinare disturbi al vps/vp ovvero la qbo ed anche l attività solare. quest oggi andrò ad analizzare la qbo ( Quasi-Biennial Oscillation).sebbene  la qbo sia un fenomeno prevalentemente tropicale, quest ultima  tende avere importanti ripercussioni   a livello globale. la Quasi-Biennial Oscillation è in grado di andare a modulare gli effetti delle onde extratropicali,incidere  sulla quantità di ozono alle alte latitudini, e dunque svolgere un importante azione  sulla forza del vps durante l inverno boreale. di seguito  espongo il  grafico IRI(’IRI (International Research Institute for Climate Prediction)  , un’agenzia cooperativa tra NOAA e Columbia University collocata presso il Lamont-Doherty Earth Observatory di Palisades, nello stato di New York). tale grafico va ad indicare la direzione dei venti alle varie quote isobariche . tuttavia la sezione che tende a rivestire una maggiore importanza è quella situata tra i 21 e i 23 km, corrispondente  ai piani isobarici collocati  tra i  40 e i 50 hPa.. dal grafico sopra postato si nota come l attuale fase sta seguendo un andamento piuttosto anomalo, in quanto dopo una breve fase di correnti orientali(qbo-)quest ultima a partire dai piani isobarici superiori sta tornando nuovamente in territorio positivo e quindi (qbo+). con tutta probabilità tra non molto, entrambe le quote di riferimento , vale a dire  i livelli isobarici di 30 e 50 hPa, torneranno nuovamente ad essere interessati dalle westerlies, che  come ben sappiamo, statisticamente  tendono a propagarsi in maniera più veloce rispetto alle easterlies.la  Quasi-Biennial Oscillation riesce a modulare la forza della struttura ciclonica polare durante l inverno boreale attraverso la  circolazione di Brewer-Dobson  meglio conosciuta come BDC.questa circolazione, relegata alla quote stratosferiche , tende a bilanciare il divario termico che tende a crearsi tra le basse e le alte latitudini  ovvero l equatore e la regione polare. se la qbo negativa tende a favorire un incremento di forza di tale circolazione e conseguentemente un maggiore flusso di ozono in direzione delle latitudini polari, la fase positiva tende a produrre la situazione inversa . per determinare la forza di tale circolazione basta consultare i quantitativi di ozono presenti alle alte latitudini durante l inverno boreale.tendenzialmente maggiori quantitativi di ozono tendono a favorire un vps maggiormente disturbato mentre quantitativi minori tendono a rafforzarlo determinando cambiamenti nella baroclinicità (sistema) della struttura depressionaria polare. inoltre se la fase negativa della qbo le  easterlies tropicali tendono a restringere la larghezza della planetary wave-guide nella bassa stratosfera extratropicale, favorendone quindi  una maggiore ampiezza d'onda, la fase positiva tende ad allargare la wave guide . una wave guide più stretta associata alla fase occidentale della qbo comporta quindi minori ampiezze d onda in direzione della regioni polari e conseguentemente un vortice polare meno disturbato.al momento gli aggiornamenti propendono per una fase occidentale dei venti della media stratosfera equatoriale e quindi ciò potrebbe comportare una circolazione di Brewer-Dobson(bdc) meno intensa e conseguentemente una struttura polare poco incline a subire profondi cambiamenti termo_dinamici. un altro fattore in grado di influenzare le dinamiche del vortice polare  boreale è il ciclo enso che come detto sopra rappresenta il modo di variabilità climatica interannuale attualmente meglio conosciuto. numerosi studi sono stati fatti per evidenziare le eventuali correlazioni tra il ciclo enso ed il vortice polare.alcuni studi hanno cercato di mettere in evidenza le eventuali anomalie che si vengono a creare per quanto concerne l ozono durante le varie fasi dell enso nel trimestre invernale.questo studio evidenzia come durante le fase di enso negativo ci sia un minore trasporto di ozono verso le latitudini polari e conseguentemente una bdc indebolita.di seguito espongo il grafico che mette in evidenza le anomalie di ozono durante la fase sia negativa che positiva del ciclo enso.. dal grafico si nota molto chiaramente come durante una fase di enso negativo ci sia un minore trasporto di ozono verso le latitudini polari(grafico B). studio effettuato dal Dr. William Randel  Atmospheric Chemistry Observations and Modeling Laboratory (ACOM) e reperibile al seguente link  https://acomstaff.acom.ucar.edu/randel/  gli ultimi aggiornamenti  al riguardo propendono per avere   condizioni di ENSO-neutrale  nel corso del prossimo autunno e l'inverno dell'emisfero  boreale.                                                                                                             per ultimo un ulteriore fattore in grado di apportare modifiche nei riguardi del vortice polare è l attività solare, anche se quest ultima, secondo me, tende a rivestire un maggiore importanza se protratta in un periodo molto prolungato di bassa attività. a tale proposito riporto il grafico. dal grafico postato si nota molto chiaramente come al momento ci troviamo  nella  fase discendente dell attuale ciclo solare.numerosi studi sono stati effettuati al riguardo e proporli tutti sarebbe impossibile. tuttavia di seguito espongo lo studio effettuato da Brugnara et al. 2013, Gray et al. 2013 in cui vengono messe in evidenza le eventuali anomalie di circolazione durante i massimi e minimi solari. il link di seguito http://www.atmos-chem-phys.net/13/6275/2013/acp-13-6275-2013.pdf tuttavia altri fattori ancora possono condizionare il vortice polare ed uno di questi si può andare a ricercare nell  innevamento durante la stagione autunnale per quanto concerne il continente asiatico.eventuali anomalie dell innevamento possono contribuire a determinare importanti cambiamenti negli indici ao e nao. per quest ultimo fattore bisognerà attendere il mese di ottobre per verificare il valore della SCE (snow cover extend).
       
tornando al discorso sopra evidenziato, al momento secondo me, emergono alcuni punti essenziali che possono andare ad apportare importanti spunti per quanto concerne la futura stagione invernale 2016/2017. il primo riguarda l indebolimento della bdc ovvero la  circolazione di Brewer-Dobson. circolazione meridiana che agisce a livelli stratosferici e che mette in "comunicazione la regione equatoriale con quella polare . circolazione che va a  trasportare  l ozono (O3)dalla stratosfera equatoriale a quella polare e che  va ad riequilibrare  il differente   surplus termico  tra le  basse latitudini e le alte  latitudini. quest anno la situazione lascia presagire un suo indebolimento e quindi minore trasporto di ozono verso le regioni polari.questo contesto potrebbe favorire una struttura polare maggiormente forte con tutte le conseguenze che ne possono derivare. ovvero un indice ao che potrebbe presentarsi maggiormente positivo e  nello stesso tempo favorire correnti a getto polari più  intense e meno ondulate.in questo  possibile contesto, gli anticicloni potrebbero presentarsi  maggiormente "schiacciati alla medie latitudini". per ultimo, un altro tassello riguarda l attuale fase  dell ENSO (El Niño-Southern Oscillation). se in condizioni di enso positivo si assiste ad un rafforzamento del gradiente termico sul piano latitudinale in troposfera, in caso di enso negativo si assiste ad un indebolimento del gradiente termico sul piano latitudinale in troposfera e ciò può comportare una riduzione dei flussi di calore in direzione del polo e quindi può comportare una struttura polare più intensa e meno soggetta a forti disturbi .da questa situazione, secondo me, potrebbe derivarne uno scarso disturbo ai danni   del vps nella sua fase iniziale di crescita presentandosi   concentrico e quindi in veloce raffreddamento . tuttavia ciò che ho scritto sopra rimane solo e solamente un mio modesto pensiero suscettibile di sbagli, dato che non sono un esperto in materia e ho molto da imparare da coloro che  hanno maggiore esperienza nella scienza meteorologica. buona giornata a tutti.
« Ultima modifica: Settembre 16, 2016, 01:05:56 pm da ale81 » »
tanti  si chiederanno se in questo mio riflettere, studiare, e impegnarmi per molte cause ho travato il senso della vita.la mia risposta è  che forse la vita non ha alcun senso. ma proprio per questo passiamo la vita a cercarne uno. l importante non è sapere, ma cercare.

Offline esenaiof

  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 2917
  • Località: Foiano della Chiana (Arezzo)
    • Mostra profilo
    • dati meteo Foiano della Chiana
  • Likes:
  • Likes Concessi: 614
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #54 il: Settembre 16, 2016, 03:06:35 pm »
tornando al discorso sopra evidenziato, al momento secondo me, emergono alcuni punti essenziali che possono andare ad apportare importanti spunti per quanto concerne la futura stagione invernale 2016/2017. il primo riguarda l indebolimento della bdc ovvero la  circolazione di Brewer-Dobson. circolazione meridiana che agisce a livelli stratosferici e che mette in "comunicazione la regione equatoriale con quella polare . circolazione che va a  trasportare  l ozono (O3)dalla stratosfera equatoriale a quella polare e che  va ad riequilibrare  il differente   surplus termico  tra le  basse latitudini e le alte  latitudini. quest anno la situazione lascia presagire un suo indebolimento e quindi minore trasporto di ozono verso le regioni polari.questo contesto potrebbe favorire una struttura polare maggiormente forte con tutte le conseguenze che ne possono derivare. ovvero un indice ao che potrebbe presentarsi maggiormente positivo e  nello stesso tempo favorire correnti a getto polari più  intense e meno ondulate.in questo  possibile contesto, gli anticicloni potrebbero presentarsi  maggiormente "schiacciati alla medie latitudini". per ultimo, un altro tassello riguarda l attuale fase  dell ENSO (El Niño-Southern Oscillation). se in condizioni di enso positivo si assiste ad un rafforzamento del gradiente termico sul piano latitudinale in troposfera, in caso di enso negativo si assiste ad un indebolimento del gradiente termico sul piano latitudinale in troposfera e ciò può comportare una riduzione dei flussi di calore in direzione del polo e quindi può comportare una struttura polare più intensa e meno soggetta a forti disturbi .da questa situazione, secondo me, potrebbe derivarne uno scarso disturbo ai danni   del vps nella sua fase iniziale di crescita presentandosi   concentrico e quindi in veloce raffreddamento .

questi anticicloni schiacciati alle medie latitudini mi fanno pensare al Ponte di Voejkov come figura prevalente del prossimo inverno.
Il VPT più intenso:

Offline esenaiof

  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 2917
  • Località: Foiano della Chiana (Arezzo)
    • Mostra profilo
    • dati meteo Foiano della Chiana
  • Likes:
  • Likes Concessi: 614
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #55 il: Settembre 19, 2016, 11:16:32 pm »
Si parte un'altra volta col morale sotto i tacchi....da parte mia spero in una buona giocata invernale, insomma nel colpo di c. , dato che sarà arduo sperare in un inverno molto dinamicoe quindi in svariate occasioni. Cmq vediamo nei prossimi mesi se cambierà qualcosina...  ::) ;)

A livello teleconnettivo non è un caso che mi riferisca al 1980/81
anche gli anticicloni sono dinamici e se andiamo a vedere il suo collocamento in Europa può portare nello stesso continente differenti dinamiche sostanziali al suolo, soprattutto nella nostra Italia.



Offline Cloover

  • Presidente del CSCT
  • Fondatore - Amministratore
  • MD GROUP
  • *****
  • Post: 14527
  • Località: Monsummano Terme(PT)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3418
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #56 il: Settembre 20, 2016, 01:29:57 pm »
Si, ma un'eventuale interazione atlantica diventa complicata in un simile contesto , con configurazioni maggiormente disposte a circolazioni orientali....Cmq attendo sviluppi, si fa pour parler  ;)
La settimina vincente? BDC strong, QBO-,Solar Flux Low,Nina east/Nino Modoki,Tripolo Atl- , PDO-/anomalie neg. su Pacifico orientale , Area Namias +

Offline ale81

  • ..
  • MD GROUP
  • *
  • Post: 3307
  • Age: 37
  • Località: Rimini
  • La vita è il trattino tra materia e spirito.
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 704
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #57 il: Settembre 20, 2016, 08:36:34 pm »
buona serata a tutto il forum di meteodue. secondo il mio modesto ed ininfluente pensiero ,non ha nessuna logica deprimersi  ora sull andamento del prossimo inverno.  sicuramente alcuni  elementi depongono per avere una struttura polare maggiormente forte , e  secondo me se problemi ce ne saranno , questi ultimi potrebbero   derivare  dalla stratosfera e da un VPS che stante le condizioni sopra descritte dovrebbe  farsi sentire.  al momento, almeno secondo un mio personale punto di vista , la situazione potrebbe vedere   un rafforzamento del VPS legato alle caratteristiche teleconnettive  sopra evidenziate ovvero  QBO-min solare Nina.  tuttavia la situazione andrà meglio valutata nel proseguo ossia  da  novembre in poi  . tuttavia allo stesso tempo  bisogna sempre ricordare che  il sistema clima tende ad essere  un sistema molto  complesso,il quale include in se   l’atmosfera, gli oceani, le terre emerse, la criosfera e la biosfera. questa complessità ci insegna che diviene alquanto difficile analizzare tutto il sistema e nello stesso tempo  poter andare a formulare con estrema certezza  una possibile linea evolutiva di un intera stagione.dunque secondo me nulla è perso. buona serata  come sempre a tutti ;)   
« Ultima modifica: Settembre 20, 2016, 09:01:25 pm da ale81 » »
tanti  si chiederanno se in questo mio riflettere, studiare, e impegnarmi per molte cause ho travato il senso della vita.la mia risposta è  che forse la vita non ha alcun senso. ma proprio per questo passiamo la vita a cercarne uno. l importante non è sapere, ma cercare.

Offline esenaiof

  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 2917
  • Località: Foiano della Chiana (Arezzo)
    • Mostra profilo
    • dati meteo Foiano della Chiana
  • Likes:
  • Likes Concessi: 614
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #58 il: Settembre 20, 2016, 09:10:09 pm »
Si, ma un'eventuale interazione atlantica diventa complicata in un simile contesto , con configurazioni maggiormente disposte a circolazioni orientali....Cmq attendo sviluppi, si fa pour parler  ;)
no dai Filippo, avrai fatto reanalisi anche con JS subtropicale sui paralleli nord africani, sono LP su mediterraneo anche in quel caso.

Offline Cloover

  • Presidente del CSCT
  • Fondatore - Amministratore
  • MD GROUP
  • *****
  • Post: 14527
  • Località: Monsummano Terme(PT)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3418
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #59 il: Settembre 20, 2016, 09:55:46 pm »
no dai Filippo, avrai fatto reanalisi anche con JS subtropicale sui paralleli nord africani, sono LP su mediterraneo anche in quel caso.

vabbè dai,hai capito cosa voglio dire... sono configurazioni anticorrelate con episodi nevosi rilevanti al Nord e alto Tirreno (personalmente durante l'Inverno punto sempre al binomio freddo+precipitazioni).. Cmq non vorrei scadere su discussioni orticellistiche, mi fermo qui attendendo dati più chiari...  ;)
La settimina vincente? BDC strong, QBO-,Solar Flux Low,Nina east/Nino Modoki,Tripolo Atl- , PDO-/anomalie neg. su Pacifico orientale , Area Namias +

Offline esenaiof

  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 2917
  • Località: Foiano della Chiana (Arezzo)
    • Mostra profilo
    • dati meteo Foiano della Chiana
  • Likes:
  • Likes Concessi: 614
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #60 il: Settembre 21, 2016, 01:41:34 am »
Io credevo che le prime congetture fossero avulse da qualsiasi preferenza o desiderio.
Comunque parlare di congetture, non è lo stesso che discutere su certi dettagli.
Io penso che di congetture generiche se ne possano fare e attendere dati più chiari significa attendere il nowcasting di dicembre perchè si vuole parlare di dettagli del Nord Italia e di Alto tirreno.
Come poi si faccia a ricondurre un modello di previsione concettuale al Nord Italia o Alto Tirreno, in una sinottica disegnata così, me lo dovresti spiegare Filippo:

Le congetture a questa distanza temporale riguardano prevalenti modelli concettuali.
Le frecce verdi partono dall'Atlantico e si portano ad est, ma sono alte di latitudine e a volte con uno schema di questo tipo risalgono a nord attraverso il Mare del Nord, l'azzorriano in questo caso rimane ben saldo alle sue origini:

   

Offline Cloover

  • Presidente del CSCT
  • Fondatore - Amministratore
  • MD GROUP
  • *****
  • Post: 14527
  • Località: Monsummano Terme(PT)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3418
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #61 il: Settembre 21, 2016, 02:02:11 pm »
Non vorrei iniziare diatribe su una frase buttata lì così senza pretese  :-*
Riguardo alla tua analisi entrano in ballo i concetti relativi all'intrusività d'onda e di tensione zonale, il rischio è che la W2 tenda a non deformare troppo il VP ed a disporsi con asse Sud-Ovest / Nord-est.
IL Nord ma soprattutto l'alto Tirreno hanno bisogno di apporti umidi occidentali se vogliono il binomio freddo+neve....

 
La settimina vincente? BDC strong, QBO-,Solar Flux Low,Nina east/Nino Modoki,Tripolo Atl- , PDO-/anomalie neg. su Pacifico orientale , Area Namias +

Offline Nonno_rodano

  • CSCT Team
  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 1001
  • Age: 33
  • Località: Prato
  • Prato
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 99
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #62 il: Settembre 21, 2016, 02:40:40 pm »
Aspettando di avere in mano i dati di Settembre (primi di Ottobre quindi) l'unica cosa che mi sento di dire con in mano valori ESTREMAMENTE PROVVISORI (riferiti al periodo 1-18 Settembre) è un commento puramente tecnico:

"Pensavo peggio"

 :o :o ;D ;D ;D :D :D :D
"siamo buoni a nulla ma capaci di tutto"

Offline Giaguaro

  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 6439
  • Age: 34
  • Località: Pistoia (PT)
  • Pistoia
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 547
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #63 il: Settembre 21, 2016, 03:58:57 pm »
Aspettando di avere in mano i dati di Settembre (primi di Ottobre quindi) l'unica cosa che mi sento di dire con in mano valori ESTREMAMENTE PROVVISORI (riferiti al periodo 1-18 Settembre) è un commento puramente tecnico:

"Pensavo peggio"

 :o :o ;D ;D ;D :D :D :D

"La fava c'avevate in mano" (cit. amici miei)   ;D
Il lavoro nobilita l'uomo, ma anche stare a casa ogni tanto non è delle peggio

Offline esenaiof

  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 2917
  • Località: Foiano della Chiana (Arezzo)
    • Mostra profilo
    • dati meteo Foiano della Chiana
  • Likes:
  • Likes Concessi: 614
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #64 il: Settembre 21, 2016, 04:37:29 pm »
IL Nord ma soprattutto l'alto Tirreno hanno bisogno di apporti umidi occidentali se vogliono il binomio freddo+neve....

i rischi per qualche regione d'Italia ci sono sempre come ha scritto ale81, qualunque siano le preferenze invernali.
Io scrivo solo che bisognerebbe essere attenti a far econsiderazioni più oggettive possibili, sappiamo tutti che qualunque inverno italiano non ha mai soddisfatto contemporaneamente e parimenti il Nord e il Sud.
Non vorrei iniziare diatribe su una frase buttata lì così senza pretese  :-*
Riguardo alla tua analisi entrano in ballo i concetti relativi all'intrusività d'onda e di tensione zonale, il rischio è che la W2 tenda a non deformare troppo il VP ed a disporsi con asse Sud-Ovest / Nord-est.


non importa Filippo, con le correnti atlantiche che risalgono verso Nord est fino al circolo polare, se c'è un JS subtropicale attivo sull'Africa nord occidentale, l'umidità e le LP tirreniche non mancano.
« Ultima modifica: Settembre 21, 2016, 08:25:57 pm da esenaiof » »

Offline Cloover

  • Presidente del CSCT
  • Fondatore - Amministratore
  • MD GROUP
  • *****
  • Post: 14527
  • Località: Monsummano Terme(PT)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3418
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #65 il: Settembre 23, 2016, 01:41:16 pm »
Aspettando di avere in mano i dati di Settembre (primi di Ottobre quindi) l'unica cosa che mi sento di dire con in mano valori ESTREMAMENTE PROVVISORI (riferiti al periodo 1-18 Settembre) è un commento puramente tecnico:

"Pensavo peggio"

 :o :o ;D ;D ;D :D :D :D

attendiamo nel news!  ;D  ;)
La settimina vincente? BDC strong, QBO-,Solar Flux Low,Nina east/Nino Modoki,Tripolo Atl- , PDO-/anomalie neg. su Pacifico orientale , Area Namias +

Offline Cloover

  • Presidente del CSCT
  • Fondatore - Amministratore
  • MD GROUP
  • *****
  • Post: 14527
  • Località: Monsummano Terme(PT)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3418
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #66 il: Settembre 23, 2016, 09:17:41 pm »
Aspettando di avere in mano i dati di Settembre (primi di Ottobre quindi) l'unica cosa che mi sento di dire con in mano valori ESTREMAMENTE PROVVISORI (riferiti al periodo 1-18 Settembre) è un commento puramente tecnico:

"Pensavo peggio"

 :o :o ;D ;D ;D :D :D :D

Cmq anch'io non penso avremo una NAO+, ma piuttosto il "problema" (se così si vuol chiamare), sarà la locazione del dipolo...
La settimina vincente? BDC strong, QBO-,Solar Flux Low,Nina east/Nino Modoki,Tripolo Atl- , PDO-/anomalie neg. su Pacifico orientale , Area Namias +

Offline polo52

  • .
  • Membro Senior
  • *
  • Post: 279
  • Age: 65
  • Località: Bondeno FE
  • Bondeno (FE)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 92
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #67 il: Settembre 24, 2016, 12:14:34 am »
Intanto Reading "rimescola" le carte,...inverno con temperature nella norme al Nord e parte del Centro  ;) Molto bene al prox giro si va sotto media :D :-X

Offline esenaiof

  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 2917
  • Località: Foiano della Chiana (Arezzo)
    • Mostra profilo
    • dati meteo Foiano della Chiana
  • Likes:
  • Likes Concessi: 614
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #68 il: Settembre 24, 2016, 12:49:35 am »
l'entità delle anomalie è stata sbagliata nel prevedere settembre 6 gg prima che iniziasse il mese:


Offline Marca Fermana

  • CSCT Team
  • Membro Senior
  • *****
  • Post: 454
  • Località: direttamente dalla Marca Fermana
  • IL CLIMA DEL FUTURO? LA CHIAVE E' NEL PASSATO
    • Mostra profilo
    • mfmeteo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 779
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #69 il: Settembre 29, 2016, 06:41:33 pm »
per gli States!...e non solo... secondo Accuweathear

....giochino.... trovate le differenze?.....

Winter 2016/2017

last Winter 2015/2016


..una possibile "sottile" differenza?
ieri "quasi" così....

futuro prossimo, "forse" così....
....ma in modo molto approssimativo in quanto più indirizzato per una maggiore componente neutra nella possibile media. ;)

...una "sottile" differenza che potrebbe incidere sul continente Europeo.


Offline Cloover

  • Presidente del CSCT
  • Fondatore - Amministratore
  • MD GROUP
  • *****
  • Post: 14527
  • Località: Monsummano Terme(PT)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3418
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #70 il: Settembre 29, 2016, 07:59:45 pm »
Esatto Marco, la PDO ha variato il dipolo evidenziando un cambiamento nella posizione della W1 non di poco conto, sia soprattutto per gli States che di riflesso anche per il comparto Euro-Atlantico , con il risultato che la Jet-stream potrebbe essere meno tesa rispetto agli anni passati. Bisognerà tuttavia ben vedere come andrà a lavorare la Stratosfera(già ad Ottobre sarà significativo), visto che me l'aspetto decisamente come il nemico principale riguardo le sorti invernali.....Un salutone
La settimina vincente? BDC strong, QBO-,Solar Flux Low,Nina east/Nino Modoki,Tripolo Atl- , PDO-/anomalie neg. su Pacifico orientale , Area Namias +

Offline ponente

  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 12238
  • Località: Pontedassio(IM) 80 Mt.
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 2615
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #71 il: Ottobre 03, 2016, 06:45:21 pm »
Snowcover attuale su Europa e Asia.....   



differenza con stesso periodo dell'anno scorso(2015)


Offline Nonno_rodano

  • CSCT Team
  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 1001
  • Age: 33
  • Località: Prato
  • Prato
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 99
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #72 il: Ottobre 04, 2016, 11:38:39 am »
Buongiorno, ecco il dato ufficiale della NAO di Dicembre-Gennaio (media) prevista con il mio modellino sulla base dei dati di Settembre (correlazione ultimi 15 anni circa 0,75):

-0,44

Vediamo come va a finire.. :D

un altro valore sarà disponibile i primi giorni di Novembre (ovviamente sulla base di Ottobre),con una correlazione maggiore..

nei prossimi giorni (mi serve un po' di tempo perchè faccio tutto a mano) vi proporrò anche le due carte delle anomalie di GPT europee previste sempre con lo stesso modellino per Novembre e Dicembre (ovviamente non vi aspettate roba troppo raffinata,saranno rettangoli abbastanza grossolani).. ;D ;D
"siamo buoni a nulla ma capaci di tutto"

Offline Nonno_rodano

  • CSCT Team
  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 1001
  • Age: 33
  • Località: Prato
  • Prato
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 99
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #73 il: Ottobre 04, 2016, 12:24:16 pm »
ecco la previsione per Novembre, ho pensato di trasformarle direttamente in una carta decente anzichè lasciarla grezza..ovviamente in archivio non esistono carte esattamente uguali,tuttavia questa media è quasi del tutto sovrapponibile..

il mio modello darebbe deboli anomalie negative estese a tutta la penisola compreso l'adriatico e anomalie positive su tutta la germania e parte della francia nord-orientale, per il resto sono pressochè identiche:



per Dicembre invece ho ancora parecchio lavoro da fare.. ;D :P
"siamo buoni a nulla ma capaci di tutto"

Offline Cloover

  • Presidente del CSCT
  • Fondatore - Amministratore
  • MD GROUP
  • *****
  • Post: 14527
  • Località: Monsummano Terme(PT)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3418
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #74 il: Ottobre 04, 2016, 12:36:26 pm »
Grande!  8)  Complimenti! Se quel dato fosse la realtà, le prospettive potrebbero essere incoraggianti...  ::)  Sarebbe ottima anche la previsione di Novembre per quanto riguarda la pioggia...
La settimina vincente? BDC strong, QBO-,Solar Flux Low,Nina east/Nino Modoki,Tripolo Atl- , PDO-/anomalie neg. su Pacifico orientale , Area Namias +

Offline Nonno_rodano

  • CSCT Team
  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 1001
  • Age: 33
  • Località: Prato
  • Prato
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 99
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #75 il: Ottobre 04, 2016, 12:51:37 pm »
Grande!  8)  Complimenti! Se quel dato fosse la realtà, le prospettive potrebbero essere incoraggianti...  ::)  Sarebbe ottima anche la previsione di Novembre per quanto riguarda la pioggia...

certo,però ricordo che siamo in piena fase sperimentale,non è detto che funzioni e soprattutto non è detto che funzioni al primo anno senza qualche modifica.. ;)

diciamo che il valore di Ottobre ci darà un'ulteriore conferma (o una smentita) visto che chiaramente è ancora più indicativo..adesso sono curioso di vedere cosa esce fuori dai GPT per dicembre..

infine sottolineo che dal calcolo della NAO media è escluso febbraio questo perchè per tenere alta la correlazione sui tre mesi avrei dovuto inserire ulteriori variabili e diventava un lavoro impossibile da fare manualmente..conto di poter calcolare la NAO di Febbraio con le anomalie di Ottobre o Novembre,così ce le abbiamo tutte e tre.. 8) ;D
"siamo buoni a nulla ma capaci di tutto"

Offline Cloover

  • Presidente del CSCT
  • Fondatore - Amministratore
  • MD GROUP
  • *****
  • Post: 14527
  • Località: Monsummano Terme(PT)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3418
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #76 il: Ottobre 04, 2016, 12:54:14 pm »
certo,però ricordo che siamo in piena fase sperimentale,non è detto che funzioni e soprattutto non è detto che funzioni al primo anno senza qualche modifica.. ;)

diciamo che il valore di Ottobre ci darà un'ulteriore conferma (o una smentita) visto che chiaramente è ancora più indicativo..adesso sono curioso di vedere cosa esce fuori dai GPT per dicembre..

infine sottolineo che dal calcolo della NAO media è escluso febbraio questo perchè per tenere alta la correlazione sui tre mesi avrei dovuto inserire ulteriori variabili e diventava un lavoro impossibile da fare manualmente..conto di poter calcolare la NAO di Febbraio con le anomalie di Ottobre o Novembre,così ce le abbiamo tutte e tre.. 8) ;D

Ottimo  ;)
La settimina vincente? BDC strong, QBO-,Solar Flux Low,Nina east/Nino Modoki,Tripolo Atl- , PDO-/anomalie neg. su Pacifico orientale , Area Namias +

Offline Nonno_rodano

  • CSCT Team
  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 1001
  • Age: 33
  • Località: Prato
  • Prato
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 99
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #77 il: Ottobre 04, 2016, 04:07:32 pm »
ecco la bomba:

Dicembre 2016 (in base alle correlazioni con settembre):



che si fa?..ci s'ha a credere?.. :-X :-X :-X
"siamo buoni a nulla ma capaci di tutto"

Offline Marca Fermana

  • CSCT Team
  • Membro Senior
  • *****
  • Post: 454
  • Località: direttamente dalla Marca Fermana
  • IL CLIMA DEL FUTURO? LA CHIAVE E' NEL PASSATO
    • Mostra profilo
    • mfmeteo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 779
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #78 il: Ottobre 04, 2016, 05:06:31 pm »
grande Nonno!!  La tua ricerca e il valore NAO ricavato da essa, anche se sperimentale, comunque sia, al momento rispecchia e fotografa anche la proiezione invernale delle Accuweather per gli States e in modo indiretto anche per l'Europa, poiché già dall'Highlights stesse, si deduceva la disposizione di massima delle figure bariche e della disposizione della corrente a getto in uscita dagli USA e quindi si poteva abbozzare un tipo di pattern da NAO negativo, come da immagine allegata  (magari non con un valore negativo elevato e forse più rivolto con quel "mild Start", indicato proprio in quella specifica macro area del sud est continentale molto indicativa per stabilire la polarizzazione dell'indice stesso, che la fase più negativa la si potrebbe avere, "almeno in partenza" e quindi nella parte iniziale della stagione invernale).

e qui ci cade anche il discorso del possibile mantenimento dell'attuale distribuzione delle SSTA, in particolare quelle positive sul Mare di Barents e Kora che sono un polo d'attrazione per GPT elevati e quindi sempre più possibili Scand+ e ponti con l'anticiclone dinamico Azzorriano. Infine non si può non menzionare il primo pensiero che ha elaborato Judah Cohen a fine settembre, e quindi al di fuori del responso del suo SAI, (Recent research has shown that regional anomalies are important and the sea ice region most highly correlated with the winter AO is the Barents-Kara seas region where low Arctic sea ice favors a negative winter AO) e alla possibilità di AO negativa nel prossimo inverno correlato appunto all'anomalia di ghiaccio marino proprio su quelle aree  indicate prima per la sensibile positività delle SSTA, spingendosi fino a dire che a causa di un riscaldamento sempre delle SSTA ma più sul  comparto Nord Atlantico porterebbe con la complice di una corrente a getto indebolita (discorso di prima delle Accuweather) a maggiori a repentine azioni di blocco in Atlantico e favorirebbe  un NAO mediamente negativa e quindi un Europa + fredda, ma lo stesso Cohen lascia comunque la grossa incognita del blob Nord Pacifico e altre problematiche, ma intanto si è esposto verso una prima indicazione di massima.  https://www.aer.com/science-research/climate-weather/arctic-oscillation
e infine un piccolo contributo personale riassumibile in questa immagine

già postata il 6 settembre scorso e alla mia prima indicazione di proiezione, esposta in modo semplicistico e sicuramente poco professionale, nella pagina precedente, ma con maggior dettagli in questo link http://www.attivitasolare.com/estate-italiana-2016-la-normalita-intesa-rientro-nei-parametri-dellultima-media-climatica-riferimento19812010-si-ricava-anche-dalla-somma-anomalie-contrapposte-cosi-f/

PS: Ho appena visto la proiezione GPT per dicembre.....ammazza che bomba Nonno!!

Offline Cloover

  • Presidente del CSCT
  • Fondatore - Amministratore
  • MD GROUP
  • *****
  • Post: 14527
  • Località: Monsummano Terme(PT)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3418
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #79 il: Ottobre 04, 2016, 08:01:30 pm »
ecco la bomba:

Dicembre 2016 (in base alle correlazioni con settembre):



che si fa?..ci s'ha a credere?.. :-X :-X :-X

Lo sai vero che potresti essere bannato per questo?  ;D  A parte gli scherzi con questo nuovo sistema di previsione esordisci col botto  :o  Inutile dire che mi auguro vada in porto questa proiezione  ;)
La settimina vincente? BDC strong, QBO-,Solar Flux Low,Nina east/Nino Modoki,Tripolo Atl- , PDO-/anomalie neg. su Pacifico orientale , Area Namias +

Offline Nonno_rodano

  • CSCT Team
  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 1001
  • Age: 33
  • Località: Prato
  • Prato
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 99
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #80 il: Ottobre 05, 2016, 10:52:40 am »
Lo sai vero che potresti essere bannato per questo?  ;D  A parte gli scherzi con questo nuovo sistema di previsione esordisci col botto  :o  Inutile dire che mi auguro vada in porto questa proiezione  ;)

maremma ladra..mesi di ricerche e poi mi esce fuori una roba del genere..roba che c'è una probabilità su 50 che si realizzi.. :o ??? ???

"siamo buoni a nulla ma capaci di tutto"

Offline Orso russo

  • Membro Senior
  • *****
  • Post: 325
  • Age: 30
  • Località: Sermide (MN)
  • Burian.....atlantico basso....Burian...
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 401
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #81 il: Ottobre 05, 2016, 01:00:48 pm »
Se si realizza, ci tocca offrirti una cena!!!!!
A parte gli scherzi vedremo tra 60 giorni quanto buone saranno le tue ricerche......un bravo in anticipo per averci provato.....saluti
Matteo

Offline Konrad66

  • Membro Onorario
  • ****
  • Post: 184
  • Località: MILANO e periferia nord est
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 14
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #82 il: Ottobre 05, 2016, 02:14:31 pm »
Attenzione che son correlazioni

correlazione e causa sono due cose opposte in positivo e negativo, quindi non c'è da esultare,
nei forum serve anche chi getta acqua sul fuoco, se questo fuoco è anticipato: si esulta solo a RISULTATO OTTENUTO

un po come quando la Lazio viene a giocare al nord e spesso nevica quel giorno o nei giorni vicino
(è vero , date una controllata, vedi 13-12-2001 buriajn o 13-1-85 inizio neve a torino,o febbraio 2005 col milan, è una correlazione, non la causa

Abbiamo visto ad esempio su un forum lombardo, in questi ultimi 3 <<inverni>>, il fallimento di tutte le correlazioni
proposte da un normale utente. Ovvio i'utente, non ha la Scienza di Cloover e la vostra Esperienza, vediamo quindi
se questa correlazione avrà la fortuna di ripetersi, certo che le premesse dopo 9 mesi sulla graticola non sono buone,
e questa correlazione è una caramella che tiene vive le possibilità che la norma torni
TIFIAMO PER LA NEVE IN PIANURA. NON PUO' FARLA? ALLORA TIFIAMO PIOGGIA A OLTRANZA, TUTTI I MESI, TUTTI I GIORNI, TUTTI I MINUTI, PER SCONGIURARE LE DEVASTANTI SICCITA' COME QUELLE DEL 2017

Offline Cloover

  • Presidente del CSCT
  • Fondatore - Amministratore
  • MD GROUP
  • *****
  • Post: 14527
  • Località: Monsummano Terme(PT)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3418
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #83 il: Ottobre 05, 2016, 02:30:06 pm »
Attenzione che son correlazioni

correlazione e causa sono due cose opposte in positivo e negativo, quindi non c'è da esultare,
nei forum serve anche chi getta acqua sul fuoco, se questo fuoco è anticipato: si esulta solo a RISULTATO OTTENUTO

un po come quando la Lazio viene a giocare al nord e spesso nevica quel giorno o nei giorni vicino
(è vero , date una controllata, vedi 13-12-2001 buriajn o 13-1-85 inizio neve a torino,o febbraio 2005 col milan, è una correlazione, non la causa

Abbiamo visto ad esempio su un forum lombardo, in questi ultimi 3 <<inverni>>, il fallimento di tutte le correlazioni
proposte da un normale utente. Ovvio i'utente, non ha la Scienza di Cloover e la vostra Esperienza, vediamo quindi
se questa correlazione avrà la fortuna di ripetersi, certo che le premesse dopo 9 mesi sulla graticola non sono buone,
e questa correlazione è una caramella che tiene vive le possibilità che la norma torni

Le correlazioni sono sicuramente uno tra gli strumenti più gettonati per andare ad estrapolare una proiezione a lungo termine. Certo, come sottolineato anche da Nonno Rodano, non c'è la pretesa di avere la verità in tasca, però sicuramente è preferibile  esca una proiezione così che un HP a manetta  ;D   ;)
Personalmente ormai sono più orientato su proiezioni "fisiche" , quindi attendo un altro pò a dire la mia  ::)  ;)
La settimina vincente? BDC strong, QBO-,Solar Flux Low,Nina east/Nino Modoki,Tripolo Atl- , PDO-/anomalie neg. su Pacifico orientale , Area Namias +

Offline Nonno_rodano

  • CSCT Team
  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 1001
  • Age: 33
  • Località: Prato
  • Prato
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 99
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #84 il: Ottobre 05, 2016, 04:32:13 pm »
Le correlazioni sono sicuramente uno tra gli strumenti più gettonati per andare ad estrapolare una proiezione a lungo termine. Certo, come sottolineato anche da Nonno Rodano, non c'è la pretesa di avere la verità in tasca, però sicuramente è preferibile  esca una proiezione così che un HP a manetta  ;D   ;)
Personalmente ormai sono più orientato su proiezioni "fisiche" , quindi attendo un altro pò a dire la mia  ::)  ;)

Chiaramente il mio scopo è soltanto quello di avere uno strumento in più..uno strumento con due punti di forza:

1) utilizza dei freddi numeri,il che evita qualsiasi tipo di errore "umano" dettato dalle speranze, dai sentito dire, o anche da convinzioni di cui spesso non si è consapevoli ma che finiscono per farci dare un peso maggiore ad un parametro piuttosto che ad un altro..in questo modo io aspetto un valore medio del mese di settembre, lo metto nel foglio di calcolo e leggo un valore NAO,l'operatore non influenza minimamente la previsione..

2) ti dice "guarda che negli ultimi 15 anni è stata fondamentale quella anomalia lì,in zona antartide" (per esempio),in altre parole ti aiuta nel considerare quelle che sono le anomalie davvero importanti in questo preciso momento-mese-anno piuttosto che farti prendere una cantonata con il tripolo di Maggio (ho preso un predictor a caso eh) che magari si, è stato importante fino a 5-10 anni fa ma che per qualche motivo non ha più la forza previsionale di un tempo..

d'altronde le motivazioni fisiche e le correlazioni sono quasi la stessa cosa,se una certa "disposizione" nei mesi precedenti porterà ad una certa conseguenza durante l'inverno per ben precisi motivi fisici,allora sarà possibile stabilire una correlazione..le correlazioni sono forzanti fisiche note o semplicemente non ancora scoperte o comprese (e lungi da me volerle comprendere,son biologo mica fisico ;D ;D)

detto questo è molto interessante testare il modello proprio quest'anno visto che propone NAO negativa e un Dicembre particolarmente freddo e dinamico, cioè un tipo di evoluzione per niente scontato se si guarda ad altri parametri (QBO,ciclo solare SSTA..etc)..la risposta sarà comunque molto interessante.. 8) :D
"siamo buoni a nulla ma capaci di tutto"

Offline Cloover

  • Presidente del CSCT
  • Fondatore - Amministratore
  • MD GROUP
  • *****
  • Post: 14527
  • Località: Monsummano Terme(PT)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3418
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #85 il: Ottobre 05, 2016, 07:42:07 pm »
Certo Nonno Rodano!  ;)  Allo stato attuale delle cose o si sta zitti o si cercano delle correlazioni , il resto son chiacchiere  ;)
La settimina vincente? BDC strong, QBO-,Solar Flux Low,Nina east/Nino Modoki,Tripolo Atl- , PDO-/anomalie neg. su Pacifico orientale , Area Namias +

Offline Konrad66

  • Membro Onorario
  • ****
  • Post: 184
  • Località: MILANO e periferia nord est
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 14
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #86 il: Ottobre 06, 2016, 12:44:21 pm »
Le correlazioni sono sicuramente uno tra gli strumenti più gettonati per andare ad estrapolare una proiezione a lungo termine. Certo, come sottolineato anche da Nonno Rodano, non c'è la pretesa di avere la verità in tasca, però sicuramente è preferibile  esca una proiezione così che un HP a manetta  ;D   ;)
Personalmente ormai sono più orientato su proiezioni "fisiche" , quindi attendo un altro pò a dire la mia  ::)  ;)

La meteo è sensibile alle cause che non sono le correlazioni, perchè basta un battito d'ali di farfalla a modificare il tutto, quindi è imprevedibile il tempo a lungo termine, già vediamo errori a breve termine e medio termine.
Quindi paradossalmente potremmo avere un novembre 2016 pari pari al novembre 84 a livello globale, preciso, al millimetro, ma avere poi un esito diverso dall'inverno 84-85, per un semplice battito di ali di farfalla in piu, quindi un esito diverso non solo a livello locale, ma proprio su macroscala, e non simile, proprio opposto.
E'l'esperienza che è superiore alle correlazioni, io ad esempio mi fido di più per il NW, del meteorologo Dreamjay che è anche statistico, e quest'anno ha dato lezioni e cappotti a utenti di cui non ricordo il nome, quindi utenti qualunque, dimostrando coi numeri e fatti che abbiamo avuto una SuperEstate (la seconda di sempre quella astronomica,seconda al 2003, e addirittura la sesta di sempre quella meteorologica, quando utenti inesperti prevedevano un Estate normale o addirittura fresca

Ebbene lui prevede un febbraio secco, perchè non può fare per i 4°anno di fila un febbraio piovosissimo.
Ecco che la statistica può aiutare
TIFIAMO PER LA NEVE IN PIANURA. NON PUO' FARLA? ALLORA TIFIAMO PIOGGIA A OLTRANZA, TUTTI I MESI, TUTTI I GIORNI, TUTTI I MINUTI, PER SCONGIURARE LE DEVASTANTI SICCITA' COME QUELLE DEL 2017

Offline ponente

  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 12238
  • Località: Pontedassio(IM) 80 Mt.
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 2615
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #87 il: Ottobre 06, 2016, 01:47:22 pm »
Mah...non conosco dreamjay, ma per il noa l'estate in Italia è stata più che normale..normalissima!
sulla statistica secondo me è uno strumento valido, ma che da sola dice come gli altri indici poco o nulla!
saluti :)

Offline Konrad66

  • Membro Onorario
  • ****
  • Post: 184
  • Località: MILANO e periferia nord est
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 14
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #88 il: Ottobre 06, 2016, 02:13:51 pm »
Mah...non conosco dreamjay, ma per il noa l'estate in Italia è stata più che normale..normalissima!
sulla statistica secondo me è uno strumento valido, ma che da sola dice come gli altri indici poco o nulla!
saluti :)


Siamo OT

Comunque il Noaa non da dati numerici, ma grafiche discutibili, a volte non corrispondono con i dati, usando medie sballate in alcuni casi.
Come sappiamo tutti, la Stazione di Linate dal 1993 al 2010 ha sovrastimato di 1-2°gradi le temperature.
Il Noaa usa quelle. Quindi per questa zona, avremo spesso colori bianchi o azzurri in quelle carte, quando invece saremo
sopramedia o in media. Gli anni scorsi accadeva l'opposto, Linate sovrastimava, e il confronto era con medie normali 1961-1990,
e Linate era sempre in rosa o rosso, anche quando era in realtà talvolta sottomedia e media

Attenzione che anche Bergamo Orio al Serio ha avuto seri problemi di sovrastima. Ma non mi interessa non abitando li'.

i dati reali li vedi sul MF lombardo, in climatologia vanno usati i dati numerici.

Il trimestre estivo è stato superiore di ben 0.6°rispetto la già alta media 81-2010, e non sono pochi in tre mesi : è infatti la sesta
estate piu calda di sempre a Milano Lorenteggio

Il trimestre estivo "vero", cioè 21 giugno-21 settembre è stata la seconda o terza estate piu calda di sempre, devo controllare.
Questo perchè il periodo super-sopramedia che ha interessato il nord italia, è iniziato il 21 giugno e finito ieri... si parla si oltre 2°netti
sopramedia su base trimestrale!! Senz'altro è stata la piu lunga anche su base meteorlogica e non  solo astronomica

Poi li in Toscana non so quanto è finita, sopramedia ovviamente,se hai DATI, non grafici, vorrei per favore leggerli, a confronto con
DATI delle medie trentennali o meglio ancora secolari, piu è lunga una serie piu è valida

modifica è la 9a piu calda dal 1950 (1 giugno-31 agosto http://www.meteoforum.com/main.asp?FS=D&MN=2970600&Pg=1&FK=1000551752 mentre su quella 21 giugno-21 settembre devo cercare il link
« Ultima modifica: Ottobre 06, 2016, 02:31:19 pm da Konrad66 » »
TIFIAMO PER LA NEVE IN PIANURA. NON PUO' FARLA? ALLORA TIFIAMO PIOGGIA A OLTRANZA, TUTTI I MESI, TUTTI I GIORNI, TUTTI I MINUTI, PER SCONGIURARE LE DEVASTANTI SICCITA' COME QUELLE DEL 2017

Offline Artix

  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 2483
  • Age: 29
  • Località: Capannori (LU)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 1230
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #89 il: Ottobre 06, 2016, 06:24:48 pm »

Riporto una prima e sommaria proiezione secondo accuweather, non tanto incoraggiante per il nostro inverno

http://m.accuweather.com/en/weather-news/europe-winter-forecast-2016-2017-stormy-uk-mild-wet-france-germany/60378723#link3

Offline Moderatore 6

  • Moderatore Utenti
  • Membro Onorario
  • *
  • Post: 212
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 8
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #90 il: Ottobre 06, 2016, 07:28:19 pm »
per cortesia cerchiamo di rimanere in tema , eventuali ed interessanti altre sfaccettature sull' argomento trattato,  possono trovare luogo in appositi topic già esistenti o da aprirsi .

grazie e buona continuazione
« Ultima modifica: Ottobre 08, 2016, 10:16:59 am da Moderatore 6 » »

Offline Cloover

  • Presidente del CSCT
  • Fondatore - Amministratore
  • MD GROUP
  • *****
  • Post: 14527
  • Località: Monsummano Terme(PT)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3418
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #91 il: Ottobre 06, 2016, 09:06:58 pm »
Riporto una prima e sommaria proiezione secondo accuweather, non tanto incoraggiante per il nostro inverno

http://m.accuweather.com/en/weather-news/europe-winter-forecast-2016-2017-stormy-uk-mild-wet-france-germany/60378723#link3


politically correct direi :

La settimina vincente? BDC strong, QBO-,Solar Flux Low,Nina east/Nino Modoki,Tripolo Atl- , PDO-/anomalie neg. su Pacifico orientale , Area Namias +

Offline baciogelido

  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 877
  • Age: 32
  • Località: Grosseto
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 172
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #92 il: Ottobre 06, 2016, 10:13:50 pm »
Sinceramente mi sembra un puzzle di situazioni scombinate.
Per esempio non mi torna il caldo umido in francia e le minacce di vento in germania se prevale una corrente occidentale, vuol dire che ci sono altre varianti?
Per l'italia sembrano piogge invece

Offline Cloover

  • Presidente del CSCT
  • Fondatore - Amministratore
  • MD GROUP
  • *****
  • Post: 14527
  • Località: Monsummano Terme(PT)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3418
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #93 il: Ottobre 06, 2016, 11:03:01 pm »
Sinceramente mi sembra un puzzle di situazioni scombinate.
Per esempio non mi torna il caldo umido in francia e le minacce di vento in germania se prevale una corrente occidentale, vuol dire che ci sono altre varianti?
Per l'italia sembrano piogge invece


In linea di massima è un EA+, che si ipotizza possa abbracciare anche la nostra Penisola:



Senza entrare troppo nei dettagli visto che non ne vale la pena, il succo del discorso è una forte attività del VP e quindi una forte vorticità sul Nord Europa.....

La settimina vincente? BDC strong, QBO-,Solar Flux Low,Nina east/Nino Modoki,Tripolo Atl- , PDO-/anomalie neg. su Pacifico orientale , Area Namias +

Offline Konrad66

  • Membro Onorario
  • ****
  • Post: 184
  • Località: MILANO e periferia nord est
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 14
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #94 il: Ottobre 07, 2016, 02:07:31 pm »
Su facebook e altri forum, stanno trollando e disinformando con quella carta.

Quella carta mostra un hp robusto di blocco a est, di origine sub tropicale dall'africa fino ai balcani, e gelido sulla russia con LP in quota,hp termico

Spagna e Francia interessati da braccio di Hp subtropicale azzorriano-canarico

 Italia interessata da  LP con gpt non bassi, ma in grado di produrre pioggie anche intense

Flusso atlantico perturbato su UK, su Germania probabili netti scarti barici e quindi venti forti idem su scandinavia, ecco in poche parole l'inverno secondo l'accuweather
TIFIAMO PER LA NEVE IN PIANURA. NON PUO' FARLA? ALLORA TIFIAMO PIOGGIA A OLTRANZA, TUTTI I MESI, TUTTI I GIORNI, TUTTI I MINUTI, PER SCONGIURARE LE DEVASTANTI SICCITA' COME QUELLE DEL 2017

Offline baciogelido

  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 877
  • Age: 32
  • Località: Grosseto
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 172
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #95 il: Ottobre 07, 2016, 03:27:36 pm »
In linea di massima è un EA+, che si ipotizza possa abbracciare anche la nostra Penisola:



Senza entrare troppo nei dettagli visto che non ne vale la pena, il succo del discorso è una forte attività del VP e quindi una forte vorticità sul Nord Europa.....

Ah ecco, chiaro come sempre  :)

Offline Nonno_rodano

  • CSCT Team
  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 1001
  • Age: 33
  • Località: Prato
  • Prato
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 99
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #96 il: Ottobre 12, 2016, 02:27:09 pm »
Provo a spiegare brevemente le ipotesi e i metodi alla base del modellino che ho ideato e di cui vi sto fornendo gli aggiornamenti.

Negli ultimi anni tutti noi abbiamo letto di alcuni promettenti studi che mettevano in correlazione l’assetto dei GPT ottobrini con alcune caratteristiche del futuro VP invernale. Ovviamente “l’indice” più interessante e citato sui vari forum era,ed è, il SAI di Cohen che come sappiamo correla la rapidità di crescita dell’innevamento siberiano (sotto i 60°N) ottobrino con la successiva AO media invernale. Sebbene vi sia ancora un certo dibattito (lo stesso Cohen non ha una risposta precisa), appare verosimile che l’innevamento sia soltanto la conseguenza di una certa disposizione delle anomalie di GPT e dunque della disposizione che il nascente VP assume nel corso del mese (come evidenziato anche in altri studi, ad esempio nella ricerca sull’OPI).

Fin qui tutto bene,anzi benissimo, abbiamo uno strumento (SAI) che co un semplice calcolo può restituirci il valore dell’AO media invernale con una discreta correlazione. Purtroppo però negli ultimi tre anni le prestazioni del SAI (e di altri indici che utilizzavano le anomalie di Ottobre) sono crollate, crollo attribuibile probabilmente ad uni nnevamento ottobrino rapidissimo (quindi SAI favorevole ad un’AO nettamente negativa) a causa di una inconsueta debolezza del VP soprattutto nelle prime due decadi. In questo caso abbiamo come esempi il 2014 e 2015, in entrambi i casi la forte crisi del VP nel corso del mese di Ottobre si è risolta poi con una sua netta ripartenza tra fine mese e Novembre,sono così venuti a mancare i successivi punti della teoria del SAI.

Partendo dunque dall’esigenza di cercare altre correlazioni, da alcune osservazioni sulla disposizione delle anomalie, e da un più recente studio di Cohen (Impacts of Arctic sea-ice and continental snow-cover changes on atmospheric winter teleconnections ), abbiamo voluto verificare se la “forza” del VP invernale fosse in qualche modo correlabile con alcune anomalie del precedente mese di Settembre.
Anziché considerare l’AO abbiamo preferito concentrarci sulla NAO che riteniamo più indicativa per quanto riguarda le sorti dell’inverno europeo e mediterraneo.

Come si vede dalla figura esiste una correlazione tra i GPT a 500mb settembrini e la NAO media dei successivi mesi di Dicembre e Gennaio.





Tale correlazione cambia parzialmente al variare dell’intervallo di anni di riferimento, ma in alcune zone si conferma o si rafforza passando dall’intervallo 1950-2015 a quello 2000-2015, segno che probabilmente non si tratta di una correlazione temporanea.




Quanto detto sopra per quanto riguarda i GPT a 500mb vale anche per altre “variabili” ed in particolare per le SLP, per le temperature a 2 metri e per le SST, interessante sottolineare come spesso le correlazioni più forti e stabili si trovino nell’emisfero meridionale.

Ovviamente se anziché utilizzare una sola variabile si utilizza una media di molte variabili, la correlazione aumenta, e si ottiene un valore della NAO molto verosimile. In altre parole abbiamo considerato un certo numero di correlazioni nel campo dei GPT (4-5 zone geografiche diverse), un altro numero nel campo delle SLP, delle temperature e così via. Per ciascuna di esse abbiamo calcolato il valore atteso della NAO (ottenendo l’equazione dal grafico a dispersione),poi abbiamo fatto la media di tutti i valori ottenendo il valore finale della NAO prevista per ogni anno dal 2000 al 2015.

Con un metodo simile sono state calcolate anche le anomalie di GPT sull’Europa previste per Novembre e Dicembre sulla base delle osservazioni settembrine. L’Europa e l’Atlantico orientale sono stati suddivisi in 12 rettangoli e per ciascuno di essi sono state trovate un numero variabile di correlazioni (in media 4-5) con diverse osservazioni (GPT,SLP..etc), ancora una volta è stata fatta la media delle varie correlazioni.

Una volta avuta in mano una “carta grezza” con le anomalie di GPT previste (vari rettangoli colorati con tonalità diverse di blu e rosso in base ai valori delle anomalie) è stata fatta una ricerca in archivio con lo scopo di trovare mesi che fossero il più possibili simili all’output del modello.
In questo modo il prodotto finale risulta essere di più facile comprensione (anche se ovviamente si commette un piccolo errore di approssimazione).
Lo stesso metodo è stato applicato anche con le osservazioni del successivo mese di Ottobre, ed è abbastanza intuitivo che avanzando di un mese la correlazione con la NAO di Dicembre-Gennaio aumenti ulteriormente così come quelle con le anomalie di GPT.
Lo sviluppo futuro potrebbe essere quello di creare un modello “mobile” in grado di considerare ogni anno correlazioni diverse o poste in zone geografiche leggermente differenti, in modo da ridurre l’errore dovuto ai cambiamenti della circolazione atmosferica.

In questo modo ci auguriamo di superare i punti deboli di altri strumenti come il SAI,legati ad una correlazione fissa nel tempo ( ad esempio sempre e solo l’innevamento sulla stessa area).
Ovviamente lo scopo di questo strumento non è quello di chiarire il “perché” di determinate correlazioni o il motivo del loro cambiare nel tempo,ma soltanto quello di fornire un aiuto nella stesura delle previsioni stagionali riguardanti l’inverno (e forse in futuro anche altre stagioni).

I prossimi anni ci diranno se avremo trovato un interessante predictor sia per la NAO che per le anomalie di GPT,al momento si tratta di uno studio assolutamente sperimentale, è quindi molto difficile poter dire oggi se e quali risultati dovremo aspettarci.

ps:

siccome questo per me è un gioco da fare insieme con voi con cui condivido questa passione, vi faccio vedere la carta delle anomalie di GPT per dicembre così come esce dal modellino..

capirete che bisognerebbe investire molto tempo per aumentarne la risoluzione,una cosa che senz'altro si può fare,ma solo a parer mio, se i risultati dovessero essere incoraggianti..


"siamo buoni a nulla ma capaci di tutto"

Offline ponente

  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 12238
  • Località: Pontedassio(IM) 80 Mt.
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 2615
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #97 il: Ottobre 12, 2016, 06:28:23 pm »
Che lavorone! Complimenti.....   


Offline Orso russo

  • Membro Senior
  • *****
  • Post: 325
  • Age: 30
  • Località: Sermide (MN)
  • Burian.....atlantico basso....Burian...
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 401
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #98 il: Ottobre 12, 2016, 07:57:23 pm »
Indipendentemente dai possibili riscontri, buoni o meno, complimenti per la passione ed il tempo dedicato........
Saluti Matteo

Offline Cloover

  • Presidente del CSCT
  • Fondatore - Amministratore
  • MD GROUP
  • *****
  • Post: 14527
  • Località: Monsummano Terme(PT)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 3418
Re:Le prime congetture sulla stagione Invernale 2016-'17
« Risposta #99 il: Ottobre 12, 2016, 08:47:11 pm »
Applausi, un grande  ;)
Meno male che c'è ancora gente così che si prende la briga di fare uno studio e riportare conclusioni non campate in aria come sempre più spesso si legge in giro..

Ecco l'articolo anche sulla Home:

http://www.meteodue.it/archivio-approfondimenti-meteo/553-previsioni-inverno-2016-17-nuovo-studio-prevede-un-dicembre-freddo-e-nevoso

La settimina vincente? BDC strong, QBO-,Solar Flux Low,Nina east/Nino Modoki,Tripolo Atl- , PDO-/anomalie neg. su Pacifico orientale , Area Namias +