BACHECA ANNUNCI

VISITATE LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK!

Sono riaperte le iscrizioni al forum! Per registrarsi gratuitamente cliccare QUI


Autore Topic: Termiche, termine usato impropriamente...  (Letto 1284 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Fabri93

  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 4218
  • Age: 26
  • Località: Empoli (FI)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 519
Termiche, termine usato impropriamente...
« il: Febbraio 12, 2016, 01:21:41 pm »
Termiche
Con questo termine i meteorologi indicano i moti ascendenti dell'aria che si sviluppano, come suggerisce il nome stesso, a causa del riscaldamento di una superficie; se, per qualsiasi motivo, una certa porzione di aria diviene più calda dell'aria circostante, essa inizia a salire dando luogo alla termica. Le termiche si formano là dove i suoli sono particolarmente caldi, ad esempio le superfici più aride, oppure sulle colline o lungo le dorsali montuose esposte al sole.

Molti meteo appassionati confondono questa parola e la usano impropriamente per esprimere le temperature a 850 hpa viste in questa carta sotto.



E' sbagliato, la mappa sopra mostra le isoterme, quindi da oggi, chiamatele cosi.
Penso che tale definizione (termiche) sia venuta fuori da linee isotermiche, che è anche questo, un termine corretto per definire le isoterme.

Isoterme:
In meteorologia si chiama isoterma una delle linee sulle carte meteorologiche (dette anche carte sinottiche) che uniscono i punti della terra e del mare che hanno la stessa temperatura. Sono anche note con il termine linee isotermiche.

Analogamente a come le isobare (che invece uniscono i punti con uguale pressione atmosferica e sono più comuni sulle carte del tempo) forniscono una rappresentazione grafica della distribuzione della pressione atmosferica, così le isoterme costituiscono una rappresentazione grafica della distribuzione delle temperature.

Anche in questo caso la grandezza riportata come temperatura assume diversi significati a seconda del tipo della mappa. In alcuni casi rappresentano il valore della temperatura effettivamente misurata in un dato istante al livello del suolo (in realtà la temperatura è misurata soltanto in alcuni punti, nelle centraline meteorologiche, la situazione degli altri punti è ottenuta per interpolazione). In altri casi il dato fornito rappresenta la temperatura equivalente al livello del mare (alla temperatura registrata viene effettuata una correzione per indicare il valore della temperatura che si avrebbe se la stazione fosse al livello del mare). In altri casi viene riportata la temperatura presente a predeterminati livelli di altitudine nell'atmosfera. Sulle carte che rappresentano non lo stato del tempo, ma le previsioni i dati si riferiscono non ai valori registrati, bensì ai dati previsti. Inoltre, le stesse linee possono rappresentare delle situazioni medie. Ad esempio, può essere rappresentata la temperatura media della giornata (oppure la temperatura massima o minima registrata).

Un altro uso delle linee isoterme si hanno nelle cartine climatologiche, cartine in cui per motivi geografici o climatologici, si rappresenta il clima medio di una determinata regione. In questo caso le isoterme rappresentano la temperatura media (o massima o minima) che in media si registra in un determinato periodo nella località in esame.

Invece, le linee che uniscono i punti dove vi è stata la stessa quantità di variazione di temperatura si chiamano isoalloterme.

Più in generale con il termine isoterma si indica una zona o un processo o altro caratterizzato da avere una temperatura costante.


Questo mio post, vuole essere sia di didattica che per togliere qualche dubbio :)


Fabrizio Reali Fabri93 ©


Qualsiasi nube passi sopra o vicino a me merita di essere ringraziata e fotografata, la vita è come un temporale, la quale si forma e si dissolve subendo continue evoluzioni. (Fabri93)