BACHECA ANNUNCI

VISITATE LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK!

Sono riaperte le iscrizioni al forum! Per registrarsi gratuitamente cliccare QUI

Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - GM Chenal

Pagine: [1] 2 3 4 5 ... 13
1
Sono grafici che guardo da anni e mi sembrano tutto meno che più accurati, ma va bene così. Per me possiamo rimanere delle rispettive convinzioni e magari ci risentiamo fra 3 mesi :D

Per rispondere a GM Chenal, l'indice NAM da quello che vedo viene usato qui dentro da alcuni sedicenti esperti per dichiarare la fine dell'inverno a Novembre (gli stessi che l'anno scorso avevano scomodato un possibile febbraio '29 bis peraltro, sappiamo tutti che inverno è stato quello scorso). Quindi se non è predittivo, sicuramente c'è qualcosa che non quadra nella sua interpretazione :)
Su questo non ci sono dubbi. Ho invertito NAM con NAO...

2
Indice DESCRITTIVO :O Bella per Wikipedia :D
Ripeto, torno a leggervi, meglio :)
Forse indice predittivo è più corretto ma non cambia molto la sostanza... ::)

3
Per rifarti alla letteratura internazionale dovresti sapere che il NAM misura le anomalie di pressione, non geopotenziale. Pertanto il superamento della soglia va valutato nelle anomalie di pressione e non geopotenziale. Parlo di scienza, non di insulti personali che, notoriamente, avvengono quando non si hanno altre argomentazioni. Mi piacerebbe sapere quello che fai nella vita, per arrogarti una risposta simile.
Cloover ha ragione. Il NAM è un indice descrittivo che fa parte delle teleconnessioni atmosferiche: è relativo alle quote troposferiche e stratosferiche, quindi monitora i geopotenziali comprese le condizioni termiche dell'intera colonna, a partire dalla troposfera fino all'alta stratosfera...

4
la pala serve sempre..o ci si spala la neve o ci si scava la fossa..nel dubbio meglio averla 8)
Le mappe per ora propendono con forza per la prima ipotesi...  ;)

5
GFS torna sui suoi passi. Nel run 06Z sviluppi potenzialmente clamorosi sul lungo termine al piano troposferico, sia per la corsa ufficiale che per le sue ENS...  :o
[mmg]5782[/mmg]
[mmg]5783[/mmg]

6
Grossi segnali che stiamo andando verso i fuochi artificiali proprio per la terza decade dicembrina...preparate le pale natalizie  8)
Un altro 85 bis...? 
Io, comunque, la pala l'ho già lucidata da tempo...;D

7
ECMFW, a 72 ore dall'Evento, mantiene una buona performance e migliora anche le termiche attese alla quota isobarica di 850hPa (-3 ° C nelle prime ore di venerdì). L'avvio delle precipitazioni, pertanto, dovrebbe avvenire in forma solida già a partire dai 300 m (potenzialmente anche a quote inferiori, a seconda dei microclimi locali), poi, con il trascorrere delle ore, la progressiva umidificazione della colonna verticale e una tendenza al rialzo termico (stante l'afflusso umido meridionale) dovrebbe tramutare la neve in pioggia fino a 500-600 m ad iniziare dai settori più orientali. Soltanto sull'estremo settore nord-occidentale le termiche potrebbero reggere così che l'Evento si concluda, com'era iniziato, in neve.  :-*
[mmg]5780[/mmg]
[mmg]5781[/mmg]

8
Peccato che anche le ENS a 240 ore dello stesso modello europeo (tra i modelli più performanti al momento) la pensino molto diversamente...
E non è il solo modello a interpretare le dinamiche strato-troposferiche in maniera assai differente; soltanto GFS seguita, direi stoicamente, a mantenere in vita una dinamica da ESE che, personalmente, pur con tutto l'impegno, continuo a non cogliere...  ::)
[mmg]5778[/mmg]
[mmg]5779[/mmg]

9
L'emisferica di ECMWF (run ufficiale), incentrata per l'inizio della seconda decade di dicembre (quando ormai gli effetti di un ESE, peraltro mai conclamato, dovrebbero essere tangibili anche in troposfera), ci restituisce un VPT in affanno con evidenti segni di destrutturazione, a carico specialmente di una rediviva W2.
L'impianto troposferico avvallerebbe l'ipotesi, fatta anzitempo, di un mancato accoppiamento (decoupling) tra i due piani isobarici o, se preferiamo, di un non pieno compimento della dinamica lungo tutta la colonna, con effetti sul lungo/lunghissimo termine da valutare molto attentamente...
[mmg]5777[/mmg]

10
Attenzione che valori troppo negativi e reiterati per entrambi, sarebbero deleteri, per ragioni diverse... ::)

Nel caso specifico, una AO— comporta sensibile riduzione dei gradienti alla base dei moti legati agli HF e conseguente porta spalancata allo Stratcooling Definitivo ;)


Admiral Ackbar
Così come una NAO troppo negativa comporta affondi meridiani mediamente troppo occidentali, con le conseguenze che tutti conosciamo.  ;)

11
ECMWF run ufficiale, a ormai 96 ore dall'Evento, conferma l'impianto barico (seppure un pò meno estremo di GFS) con neve fino a bassa quota al nord-ovest.  :-*
[mmg]5772[/mmg]
[mmg]5773[/mmg]
Ma il bello, arriverà dopo...  :o
[mmg]5774[/mmg]
[mmg]5775[/mmg]

12
splitta?
Nel fantameteo secondo le ENS di GFS ci andiamo molto vicino...
[mmg]5771[/mmg]
La cosa però più sorprendente è che questi segnali  giungano proprio da GFS che fino a non molto tempo fa sposava appieno la tesi evolutiva opposta.
C'è tempo, certo che quando gli indizi diventano gravi, precisi e concordanti...
Procediamo step by step.  ;)

14
Ci avviciniamo ormai alle 100 ore dall'Evento e sorprendentemente i modelli non edulcorano (come sovente accade) la portata dell'Evento (peraltro inquadrato giorni fa).  ;D
Spettacolare l'ultimo run di GFS che migliora anche un pò le termiche.
Quota neve pertanto ipotizzabile a quote inferiori a quelle preventivate con il nord-ovest in pole per giocarsi una nevicata importante, quantomeno oltre i 300-500 m di quota. La colonna dovrebbe essere nelle condizioni ideali a ricevere la Dama Bianca stante un afflusso di aria fredda e asciutta che precederebbe l'Evento di circa 72 ore. Bassi geopotenziali uniti ad una buona intensità e persistenza delle precipitazioni potrebbero poi garantire condizioni di omotermia della colonna tali da permettere alle nevicate di raggiungere agevolmente la pianura.
Mappe avvincenti, quasi emozionanti, che mostrano tutta l'imponenza dell'impianto barico.
Mappe che non si vedevano da molto tempo a inizio Dicembre...  :-*
[mmg]5770[/mmg]
[mmg]5768[/mmg]
[mmg]5769[/mmg]

15
[mmg]5763[/mmg]

[mmg]5764[/mmg]

Aggiungo che appena prima delle precipitazioni avremo una bella seccata al nord-ovest, con precipitazioni decise una colonna secca aiuta i fiocchi a scendere parecchio in basso
Condivido, il cosiddetto gradiente adiabatico secco...  ;)

16
Saluti carissimo bella disamina ,volevo chiederti,visto le tante campane ,sento dire il piemonte poco e niente  persino ombra pulivo,mentre il solito bolognese mettono addirittura 30 cm. Con temperature piu'alte dell'aereo nostre,ora mi domando è  mai possibile che in questo decennio  il Piemonte che un tempo aveva nevicate degne rimanga sempre le briciole o niente,?  È  una domanda che mi pongo sempre ,ogni volta che arriva una saccatura è  sempre un terno all'otto che viene sempre premiate le solite zone  e' una cosa che non riesco a capacirarmi
Eh fare piovere o nevicare sul Piemonte (soprattutto più occidentale) non è cosa semplice essendo contornato a nord e ad ovest dall'arco alpino. Sovente resta, infatti, sottovento o meglio in parziale ombra pluviometrica. Ci andrebbero correnti da ESE per premiare questo angolo d'Italia ma sono speranzoso che qualcosa durante questo evento possa comunque arrivare, anche se al momento vedo maggiormente favorite le province orientali prossime alla Lombardia, considerata la provenienza delle correnti (SW)...

17
AO e NAO, la modellistica continua a correggere il tiro sempre di più verso valori negativi.  ;D
[mmg]5765[/mmg]
[mmg]5766[/mmg]

18
Analisi tecnica nevicate nord-ovest primo fine settimana di Dicembre.
Anche se ci potranno essere variazioni (anche importanti) sia in termini di tempistiche del peggioramento, che di termiche, sia di distribuzione ed entità delle precipitazioni, provo a stilare (con i dati oggi in possesso) il quadro che si potrebbe prospettare nel prossimo fine settimana.
La disamina è incentrata per le prime ore di sabato (quando le precipitazioni dovrebbero già essere diventate realtà) e facendo riferimento al centro di calcolo di Reading.
L'imponente affondo meridiano (lo ricordo, un ramo del VP) è pienamente confermato e il modello prevede la formazione di un minimo depressionario secondario (più ad est di quanto avessi  ipotizzato) in prossimità della Costa azzurra, in posizione da manuale per apportare copiose precipitazione al nord-ovest.  ;)
[mmg]5759[/mmg]
[mmg]5760[/mmg]
72 ore prima dell'Evento dovrebbe affluire da NE aria più fredda e asciutta con l'isoterma -3 °C alla quota isobarica di 850hPa che dovrebbe riuscire a sfondare un pò su tutto il nord Italia.
[mmg]5761[/mmg]
All'arrivo delle precipitazioni solo l'estremo NO dovrebbe riuscire a conservare l'isoterma -2 °C alla stessa quota.
In condizioni standard termiche simili relegano la neve a quote superiori ai 600 m; tuttavia i bassi geopotenziali uniti ad una colonna d'aria non satura, l'intensità e persistenza delle precipitazioni, sono fattori che suggeriscono una condizione di omotermia che potrebbe/dovrebbe consentire alle nevicate di spingersi a quote più basse di quelle qui ipotizzate.
[mmg]5762[/mmg]
Soltanto sotto le 96 ore dall'Evento dovremmo avere un quadro termo-barico più attendibile.  ;)
Work in progress.

19
VPT continuamente messo a dura prova dall'azione delle onde planetarie.
[mmg]5757[/mmg]
Azioni perpetuate e reiterate nel tempo che, oltre a minare la solidità e la compattezza del VPT, potrebbero avere una risonanza anche ai piani isobarici superiori nel lunghissimo periodo (la modellistica inizia già a mostrare segnali interessanti in tal senso).
[mmg]5758[/mmg]

20
Ottimi anche questa mattina gli aggiornamenti nel breve-medio termine dai due principali modelli  8) :-*
[mmg]5754[/mmg]
[mmg]5755[/mmg]
E sul lungo termine, seguito a sottolineare, occhio ad una rediviva W2...  :o
[mmg]5756[/mmg]

21
Modelli minori.
JMA.  ;D
[mmg]5750[/mmg]

22
Ottimo ECMWF a 120 ore e anche le termiche (quantomeno per il nord-ovest) sono migliorate.  :-*
[mmg]5748[/mmg]
[mmg]5749[/mmg]

23
A forza di parlare di ESE cold va a finire che ci ritroviamo con l'evento opposto a Dicembre  8) 8)


Beh era tra le opzioni prospettate...  ;)

24
La "partitella" tra amici si fa davvero interessante.
L'aggiornamento degli indici AO e NAO lascia aperte tante strade...  ;)
[mmg]5746[/mmg]
[mmg]5747[/mmg]

25
Qualcuno che può posti il run medio di gfs a 144, non è malvagio.
Eccolo, anche le ENS confermano pienamente tutto l'impianto barico.  ;)
[mmg]5745[/mmg]

26
Secondo me è maturo!


Secondo me tra poco inizieremo a vedere la pialla infernale nelle code dei run... e lo sappiamo, su quella non ci si sbaglia
Sei sicuro?
Quell'HP, vista in rinforzo ormai da molti run da molte corse modellistiche (sia ufficiali che dei cosiddetti run perturbatori) è tutt'altro che sintomatica di un VPT in splendida forma...
[mmg]5743[/mmg]

27
A 120 ore dall'Evento ottimo allineamento modellistico.
GFS, run ufficiale:
[mmg]5739[/mmg]
GFS, run di controllo:
[mmg]5742[/mmg]
GEM:
[mmg]5740[/mmg]
Modello quest'ultimo che, tra l'altro, pronostica un importante rientro di aria fredda da est che si accumulerà specialmente al nord-ovest con addirittura l'isoterma -6 °C alla quota isobarica di 850hPa durante le ore centrali di venerdì prossimo. Termiche che garantirebbero alle nevicate di spingersi fino a quote di pianura. Sappiamo che GEM tra i modelli, generalmente, è il più freddofilo, tuttavia considerata la distanza previsionale abbastanza ridotta non è da sottovalutare.  :-*
[mmg]5741[/mmg]

28
Non è nel mio stile postare "fantacarte" a 384 ore ma stavolta il post è giustificato, sia per animare la discussione in essere in una domenica pomeriggio di sole, sia per evidenziare l'incertezza e la titubanza che regna ancora presso il centro di calcolo americano...
GFS seguita a mantenere in vita le due opzioni (pro e contro ESE) oggetto di confronti e animate discussioni che, in questi giorni, si sono susseguiti su queste pagine.
Per il run ufficiale di GFS il decoupling tra i due piani isobarici diventerebbe realtà consegnandoci entro metà dicembre una spettacolare, clamorosa, bilobazione del VPT.
[mmg]5737[/mmg]
Di tutt'altro avviso il run di controllo dello stesso modello americano che prospetta, invece, l'avvenuta risonanza ai piani isobarici inferiori dell'ESE Cold stratosferico. Questa sì che sarebbe una mappa che ci confermerebbe (in maniera inequivocabilmente tangibile) il compimento dell'ESE lungo tutta la colonna.
[mmg]5736[/mmg]
Chi la spunterà?
Ho già espresso il mio punto di vista...  ;D

29
Le ENS di GFS anche nel run 6Z, confermano, su scala emisferica, la maestosità dell'impianto barico e questa è la cosa, innanzitutto, più importante.
[mmg]5733[/mmg]
Chiaro che in questi frangenti un piccolo spostamento dell'asse saccaturale verso ovest piuttosto che verso est, come ho già sottolineato in precedenti interventi su queste pagine, può sortire effetti importanti sia in termini precipitativi che termici. Lo spazio temporale, tuttavia, per ulteriori correzioni c'è ancora tutto.  ;)

30
buongiorno, proprio stamattina ho letto su altri lidi  (meteog……e )  che molti centri di calcolo per la seconda parte di dicembre prevedono addirittura la rottura del vortice polare !!!! :o :o :o :o
chiedo ai più esperti ……può essere vero o è la solita bufala!!!???
Direi di procedere step by step ma molti elementi propendono per un'evoluzione che, con una percentuale di successo di giorno in giorno crescente, depone per un decoupling tra i due piani isobarici. Le mappe postate in questo forum sono molto esplicative in tal senso. La dinamica di mancata risonanza ST, indotta da una troposfera particolarmente reattiva, potrebbe (ma il condizionale è sempre d'obbligo in meteorologia) scatenare, sul lungo termine, un Evento di uguale magnitudo ma di segno contrario.

31
Sul lungo termine continua ad essere ben evidente l'azione congiunta delle 3 onde planetarie con una rediviva W2; azione reiterata nel tempo che dovrebbe riuscire a minare alle radici un VPT che, nonostante tutto, parrebbe ancora resistere stoicamente (specialmente per alcuni run di GFS che, seppure in maniera scomposta, non costante e lineare, vorrebbero mantenere una certa coerenza con la linea evolutiva tracciata anzitempo dal modello americano).
Le mappe emisferiche incentrate per la seconda settimana di dicembre, tuttavia, continuano ad essere implacabili e ci restituiscono un VPT in seria difficoltà...
[mmg]5729[/mmg]
[mmg]5730[/mmg]
Una troposfera che, a quanto pare, avrebbe tutte le intenzioni di non essere condizionata da quanto avviene ai piani superiori...
Un ESE Cold le cui probabilità di successo scendono di giorno in giorno in favore di un decoupling tra i due piani isobarici e, potenzialmente, anche di un Evento di stessa magnitudo ma di segno contrario...  ;)

 

32
A ormai 120-140 ore dall'Evento ECMWF, sia nella sua corsa ufficiale sia nelle ENS, conferma la sua linea evolutiva già stilata nei precedenti interventi.
[mmg]5726[/mmg]
[mmg]5731[/mmg]
[mmg]5728[/mmg]
L'unica variante in questo run è un flusso un pò meno teso e una minore interazione con l'aria fredda in rientro dai quadranti orientali.
Ma il tempo per aggiustamenti c'è ancora.  ;)

33
ECMWF, corsa ufficiale, 8 dicembre...
Con l'entrata in scena anche della W2, come più volte evidenziato, VPT in seria difficoltà.
[mmg]5725[/mmg]

34
Fantastico ECMWF, emisferica davvero d'altri tempi.
Con Ecmwf dinamica d'altri tempi si......come succedeva anni fa farebbe prima la Neve al piano su Emilia e Ne, poi a seguire Nevone sul Nw......
peccato solo che sia a più di 6 giorni........
Configurazione perfettamente confermata dalle ENS dello stesso modello.
Potranno ancora esserci aggiustamenti ma penso che dovremmo riuscire a portarla in cascina.  ;)
[mmg]5724[/mmg]

35
FOCUS Italia, pressione e termiche, a 144 ore.
ECMWF conferma l'impianto descritto questa mattina.
Nord-ovest in pole per nevicate fino a quote basse.  ;)
[mmg]5722[/mmg]
[mmg]5723[/mmg]

36
Fantastico ECMWF, emisferica davvero d'altri tempi.
[mmg]5719[/mmg]
NAVGEM
[mmg]5720[/mmg]
JMA
[mmg]5721[/mmg]

37
Anche il run di controllo di GFS a 240 ore mostra molto bene l'azione delle 3 onde, con l'entrata in scena in modo particolare della W2 a minare la compattezza e la solidità del VPT (che, comunque, già non appare in forma smagliante) con, a seguire, il possibile sviluppo di un'alta polare...  ;D
[mmg]5718[/mmg]

38
Aggiornamento quotidiano indici AO e NAO.
Entrambi corretti con valori viranti al negativo sul lungo termine.
[mmg]5716[/mmg]
[mmg]5717[/mmg]

39
Non prenderei cmq troppo seriamente queste carte a 300h  ;)
Certamente, però la dinamica che porta a una configurazione di questo tipo parte molto prima...
Difficile che il modello sforni mappe così estreme (in parecchi run) per puro caso...
Comunque work in progress.  ;D

40
Questo impianto è possibile grazie al decentramento del VP sull'Artico Siberiano, con un allentamento delle isoipse sul settore EuroAtlantico che favorisce un treno di onde mobili ed un Atlantic-Ridge ....Da evidenziare che la Troposfera sta spendendo molta energia in questa fase
Una troposfera in forma davvero smagliante e che potrebbe riservare molte altre sorprese a lungo termine...
Per quanto possa valere una carta a 300 ore GFS si sbilancia pesantemente... Le cose sono due: o la modellistica non ha ancora digerito l'incipiente ESE Cold oppure la troposfera è più reattiva di quanto si pensi... Sotto traccia covano sviluppi clamorosi...?  ;)
[mmg]5715[/mmg]

41
GFS run di controllo ed ENS sempre a 150 ore: allineamento quasi perfetto.
[mmg]5713[/mmg]
[mmg]5714[/mmg]

42
UKMO spettacolare a 144 ore.
Incredibile la maestosità di tutto l'impianto barico su scala emisferica.  :o
[mmg]5712[/mmg]

43
GFS run 12Z, 150 ore dall'Evento.
Dai che questa la portiamo a casa!
Notare i geopotenziali...  :-*
[mmg]5708[/mmg]

44
Buongiorno, io non ne so quanto voi, per cui dopo questo messaggio mi taccio in questa stanza. I segnali della stratosfera non si posso cogliere a piacimento o a desideranda, ho la sensazione che alcuni utenti (in buona fede per carità) davanti ad un ese cold parlano di un inverno in mano alla troposfera, mentre quando si è davanti alla possibilità di uno SSW allora si porta avanti quella strada...
Resto dell'idea che un freddofilo se non riesce a separare i suoi desideri da una lettura tecnica attenta delle carte prenderà sempre delle cantonate pazzesche.
Questo concetto  ad esempio persone come Cloover o Nonno lo hanno capito.

Inviato dal mio LYA-L29 utilizzando Tapatalk
Verissimo, ma non sempre gli eventi in stratosfera (sia ESE Cold che Stratwarming) hanno piena risonanza ai piani isobarici inferiori. Ci sono casi in cui questa "trasmissione" non si è compiuta o, meglio, in cui la dinamica non si è compiutamente realizzata lungo tutta la colonna. In questo caso si parla di decoupling tra i due piani isobarici (un pò quello che si sta assistendo in questi giorni con la troposfera che parrebbe non essere condizionata dal forte raffreddamento in stratosfera). Non è un interruttore che si accende e si spegne con esiti matematicamente certi; le dinamiche strato-troposferiche, in realtà, sono molto più complesse.  ;)

45
FOCUS NEVE NORD-OVEST
Partendo dal run 0Z di ECMWF proviamo a fare una prima analisi tecnica sulla possibilità che possa verificarsi, nel primo fine settimana di Dicembre, la prima importante nevicata di stagione fino a quote basse.
La prima mappa mostra la distribuzione della pressione a 500hPa per le prime ore di sabato 5 dicembre.
Innanzitutto si può apprezzare l'imponenza dell'affondo meridiano con un minimo depressionario secondario che dovrebbe posizionarsi in prossimità del Golfo del Leone. Una configurazione barica di questo tipo richiamerà intense correnti meridionali in direzione dell'Italia, specie nord-occidentale (le isobare fitte in prossimità dell'arco alpino occidentale testimoniano proprio l'intensità del flusso che indurrà, sul versante nord-alpino, correnti di ricaduta favonica). Contestualmente è ben visibile quel naso disteso sulla Pianura Padana che induce ad avvallare un discreto pescaggio di aria fredda dai quadranti orientali. Aria fredda che, andando ad interagire con l'aria umida portata dalla depressione nord-atlantica, sarà favorevole alle nevicate.
[mmg]5706[/mmg]
Anche la mappa delle termiche attese alla quota isobarica di 850hPa testimonia bene quanto sopra espresso.
L'isoterma di -3 °C (zone cerchiate) lascia supporre una quota neve che dovrebbe attestarsi sui 500-600 m ma con sconfinamenti anche a quote inferiori in caso di precipitazioni intense e persistenti (in questi casi, infatti, viene a crearsi una condizione di omotermia, caratterizzata da un gradiente termico verticale nullo lungo tutta la colonna). Altra variabile da non trascurare sarà il grado di saturazione della colonna al momento di avvio delle precipitazioni.
[mmg]5707[/mmg]

46
Aggiornamento dai principali centri di calcolo: tutti confermano per il primo fine settimana di dicembre l'affondo di un ramo del VP in direzione dell'Europa occidentale, seppure con alcune differenze in termini di traiettoria (con relative differenze sia in termini termici che pluviometrici).
Alcuni modelli (ECMWF e GEM) vedono l'affondo più occidentale con un richiamo di aria più mite dai quadranti meridionali e, quindi, una QN più alta di quanto inizialmente prospettato.
Altri modelli, invece, mantengono l'affondo più centrale con asse saccaturale favorevole ad apportare nevicate a quote basse (anche molto basse al NO) stante anche un richiamo contemporaneo di aria più fredda dai quadranti orientali che potrebbe proficuamente interagire con quella più umida portata dalla depressione nord-atlantica.
Manca ancora una settimana, quindi le correzioni di rotta in itinere sono sempre assai verosimili.  ;)
Ecco una carrellata dei principali modelli a 140-150 ore dall'Evento:
GFS (run ufficiale):
[mmg]5699[/mmg]
GFS (run controllo):
[mmg]5700[/mmg]
GFS (ENS):
[mmg]5701[/mmg]
ECMWF (ENS):
[mmg]5702[/mmg]
GEM:
[mmg]5703[/mmg]
NAVGEM:
[mmg]5704[/mmg]
UKMO:
[mmg]5705[/mmg]

47

Qui ognuno può fare le ipotesi che crede , figurati se vengono censurate le ipotesi o le idee diverse, anzi ben vengano, come avevo scritto anche sull'Outlook il mio sogno sarebbe che qualcun'altro si cimentasse nel fare una proiezione Trimestrale!  :-*
Personalmente vedo altre cose dalle mappe troposferiche, in particolare ancora un elevato wave number pattern ed una difficoltosa trasmissione d'onda, ed è proprio quello che mi attendevo per la prima parte di Dicembre.
Ma la tua convizione che ci sia in ballo qualcosa di addirittura clamoroso nel lungo termine,  mi fa credere che forse stia sottovalutando qualcosa che non è a mia conoscenza, insomma mi fa credere che tu abbia una specie di asso nella manica .
Per questo ti seguo con attenzione e fiducia!  Speriamo sia la volta buona allora!!   ;)
La stima è reciproca. Non a caso ti seguo da molto tempo (ma questo non puoi saperlo) e so bene qual è la dedizione e la passione (almeno quella ci accomuna...) che dedichi quotidianamente a questa articolata disciplina, condividendo le fondamenta con tutti (come tutti dovrebbero sempre fare in un forum). .  ;) Torno in topic.  ;)

48
Prendendo spunto dalla carta strato postata da Chenal e portandola così com'è verso appunto l'inizio della 2^ decade di dicembre, quali potrebbero essere gli sviluppi sempre in stratosfera? Quante possibilità avrebbe tale evento di evolvere in un CW piuttosto di un MMW con bilobazione ?
Fermo restando che ogni SW parte sempre dalla verticale sulla Siberia, abbiamo spesso visto oscillare il VPT nel senso antiorario portando l'asse della struttura in decentramento ( displacement) con un VPT condizionato come prevede una evoluzione da CW. Lavora solo una onda , la W1 mentre la W2 viene piallata dall'impeto del getto zonale. Sarà questa la piu probabile evoluzione? Oppure potrebbe formarsi in strato un riscaldamento anche sulla verticale opposta , creando i presupposti per una bilobazione?  Oservando la carta vi sono infatti due zone strato a 10 hPa che schiacciano il possente VPS . Da qui chiedevo agli esperti se l'evoluzione potesse evolvere in maniera imprevista. Può un previsto SC arrivare a un filo dal traguardo e farsi eludere da  un MMW? Osserviamo pur in una previsione a lungo termine, un VPT che  non sembrerebbe proprio presentarsi in gran forma. Le onde planetarie sembrano rimanere attive anche in 2^ decade e addirittura fare una azione a tenaglia mandando in crisi tutto il lavoro dei piani alti sopra la tropopausa.  ::)
Bortan ha risposto sopra in maniera esaustiva, prospettando 3 varianti tutte possibili.
Chiaro che l'opzione n. 3 rimane quella più clamorosa e statisticamente meno probabile ma non impossibile... In meteorologia non esiste questo termine anche solo per l'infinita variabilità di fattori che compongono un sistema per natura caotico e di non semplice predicibilità...

49
Praticamente una specie di 85bis! Ti vedo davvero convinto, lucido la pala  ;)
Non io a sostenere una tesi che vorrebbe apparire spavaldamente ostentata, ma sono le mappe troposferiche (fino a questo momento sotto gli occhi di tutti) a dire questo... E qui si interpretano mappe/indici e ogni altro strumento utile a stilare, con la pregressa esperienza di ognuno, la propria linea evolutiva futura. Quella da me postata sopra è tutto meno che una mappa troposferica da risonanza ESE... E su questo penso non ci siano molti dubbi...  ;)
Rispetto la tua idea ma non la condivido e penso che questa sia una cosa ancora democraticamente lecita...
Comunque tra non molto, il dado sarà tratto.  ;D

50
Mentre restiamo in attesa di cogliere da GFS gli effetti anche al piano troposferico di un ESE Cold incombente (che, da quanto mi pare di aver capito, è ormai dato per certo  al 98%) i segnali che, al momento, giungono dai "piani bassi" (sempre prendendo come riferimento il modello americano) continuano ad essere ben altri...
[mmg]5697[/mmg]
Questo, oltre ad avvalorare la mia tesi di decoupling tra i due piani isobarici, deporrebbe per scenari potenzialmente ancora più spinti, quasi clamorosi, nel lungo, lunghissimo termine a livello troposferico e poi, in risposta, a quello stratosferico (indicazioni in tal senso nell'extra-long non mancano...).
[mmg]5698[/mmg]

Pagine: [1] 2 3 4 5 ... 13