BACHECA ANNUNCI

VISITATE LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK!

Sono riaperte le iscrizioni al forum! Per registrarsi gratuitamente cliccare QUI

Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - blurryface

Pagine: [1]
1
La sensazione è che, persistendo il moderato grado di eccentricità ed il disturbo ad un'onda con warmings sempre più convergenti, si possa arrivare ad una forte compressione del VPS sull'Eurasia, con coltellata artica sull'Europa, breve ma intensa.... In tempi e modi per ora sconosciuti, ma potrebbe essere un passaggio chiave tra l'ESE ed un possibile MMW displacement...è l'unica cosa che mi è venuta in mente a quest'ora  ;D


Anche io non vedo di meglio a guardare in alto. La seconda risonanza a due onde, quella del 27, io la leggo come conseguenza di dinamiche interne alla strato dovute all'oscillazione del vortice che rimane comunque disturbato.

Ma queste sono briciole, per cambiare le sorti dell'inverno ci servirebbe una mano da sotto, e qui sono un poco più positivo. Vediamo se verso metà febbraio o poco prima si fa il terzo giro di giostra dopo i tentativi abortiti di fine dicembre e quest'ultimo del 20/22 gennaio.



Sent from my SM-G973F using Tapatalk


2
Fotografia di un vortex displacement con azione prevalentemente ad una onda (e quindi poco o niente allungato)...


Sent from my SM-G973F using Tapatalk

La sensazione è che, persistendo il moderato grado di eccentricità ed il disturbo ad un'onda con warmings sempre più convergenti, si possa arrivare ad una forte compressione del VPS sull'Eurasia, con coltellata artica sull'Europa, breve ma intensa.... In tempi e modi per ora sconosciuti, ma potrebbe essere un passaggio chiave tra l'ESE ed un possibile MMW displacement...è l'unica cosa che mi è venuta in mente a quest'ora  ;D






3
Penso che tutti in questo forum abbiano letto quanto i maggior centri di calcolo avevano ipotizzato (già da settembre - ottobre), un sopramedia x tt il periodo invernale e quindi mi vien da pensare che se la parte finale di gennaio e il mese di febbraio dovessero essere come pronisticato, devo /dovrò dire che HANNO AZZECCATO IN TOTO, x il sopramedia e meno x quanto riguarda le precipitazioni (vedi novembre e la prima parte di dicembre). Cosa dire!?...avranno ben visto ed interpretato carte-indici in modo diverso!? avvalorando +l'uno rispetto ad altro ecc. Mahhh :(

Ma infatti era un Inverno che spingeva in direzione di un VP forte e scarse probabilità di ondate di freddo, gli indici teleconnettivi erano disposti in questo senso, l'hanno capito persino i centri di calcolo che non ne prendono mai mezza.
La mia scommessa era che la bassa attività solare provocasse una modifica del wr Pacifico, scommessa persa.
Vuol dire che il sole non ha il peso che pensavo, ma di questo ne parlerò a Primavera

4
Disturbo tutto a carico della wave 2 con geopotenziali massimi proprio a 10 hPa. Me gusta  ;D Ciò porterebbe allo sbilanciamento del vps verso l'eurasia e ad un successivo riscaldamento sul settore siberiano che in rotazione antioraria andrebbe ad alimentare la wave 2. La presenza di maggiori vorticità sul comparto euro-asiatico esclude l'arrivo del gelo continentale sul Mediterraneo ma è favorevole ad incursioni meridiane artico-marittime in pieno stile invernale italico. Nessun evento in vista ma il ritorno dell'inverno finalmente, sia sul lato termico che delle precipitazioni.
http://users.met.fu-berlin.de/~Aktuell/strat-www/wdiag/figs/ecmwf1/ecmwfzm_ha1_f240.gif
http://users.met.fu-berlin.de/~Aktuell/strat-www/wdiag/figs/ecmwf1/ecmwfzm_ha2_f240.gif

5
Non dipende solo dalla mjo ma essa è un ottimo fattore di natura statistico/predittivo.
Rappresenta il possibile stato dell atmosfera se correlata alle tavole di cassou.

Pensate che una settimana fa andava nel cerchio in fase 5, oggi siamo prossimi alla fase 8




Admiral Ackbar

6
È difficile Ale...molti pensano che le TLC siano index “digitali”...+/-...on/off...per cui o fase 8 o nulla

Alta magnitudo, è sinonimo di getto perturbato ed anti zonalità alle medie latitudini...che con uno Stratcooling in corso, può significare anche scarso condizionamento troposferico...


Admiral Ackbar

a proposito di mjo e fasi del vp riporto questo studio, per la verità nulla di innovativo ma giusto per la cronaca

https://www.nature.com/articles/s41612-018-0054-4

avevo sommariamente sintetizzato nei punti cardine:

valuta tutte le combinazioni tra mjo e stati del vortice polare e calcola i coefficienti di correlazione (non sono riuscito a capire per che magnitudo della mjo ma ho letto di corsa quindi magari c'è)
e come detto la zona atlantica (come abbastanza ovvio) è quella con il miglior risultato



queste le combinazioni riassunte in uno schema complessivo



in sostanza la mjo 2-3 rispetto alle condizioni di partenza standard del vp incentiva il flusso atlantico con vortice debole e le circolazioni continentali secondarie con vortice forte mentre favorisce l'artico con vortice neutro
la 7-8 favorisce ancora l'artico cone neutralità ma con tendenza a derive per calo dell'EA, con vortice debole incentiva decisamente l'artico mentre con vp forte favorisce flusso atlantico tra gb e scand
direi la condizione peggiore per la penetrazione delle westerliess verso l'eurasia
dopo di che danno dei quadri del nam per ambo le fasi che partono ovviamente a lag 0 in condizioni di vortice neutrale (dicono) ma le anomalie della cromografia sinceramente non mi paiono coerenti per la fase 2-3



e per la 7-8


8
Bah, quella la chiameresti una 7 ?

Vogliamo ricordarci come la vedeva Gfs 4 giorni fa?

Dai, su...  ;)

vogliamo anche parlare di quando vedeva rientrare nel cerchio dalla fase 6 che ora vede a magnitudo medio alta?

9
È per questo che thread come questi sono utili. Perché provano a identificare frangenti stagionali dove possono emergere pattern circolatori interessanti.

Poi bisogna vedere se i modelli si aggiustano e supportano una tendenza, come in questo caso. Non è un thread a chi indovina meglio la previsione stagionale (che di per sé è come tirare un dado, o se proprio si vuole basta dire che sarà sopra media con NAO+ e statisticamente la si becca quattro su cinque).



Sent from my SM-G973F using Tapatalk

11
Per quanto mi sforzi non vedo nessun coniglio dal cilindro.
La situazione secondo me è e rimane critica, e fondamentalmente ci sono 2 step che andranno a caratterizzare il medio-lungo termine:

1) Il primo è relativo alla pulsazione dinamica sul Pacifico, un'onda mobile che andrà a provocare una risonanza sul settore Euro-Atlantico, secondo uno "schema 1" (VP forte), quindi con onda divergente.
In questa finestra temporale sarà possibile una retrogressione di aria fredda credo piuttosto debole(intorno al 20 Gennaio)

2)POi a fine mese, la rotazione dei blocchi ed un certo grado di compressione generato sulla struttura del VP, potrebbero favorire un abbassamento del FP sul settore Euro-Atlantico, con il ritorno delle correnti atlantiche piogge  e neve su Alpi e Appennini.

In seguito vedrei probabile un nuovo rinforzo del VP con ripristino di condizioni anticicloniche ad inizio Febbraio.
Le probabilità di ondate di gelo a Febbraio secondo me sono scarse, ma questo è un mio parere di questi giorni analizzando il profilo termico e geopotenziale, potrebbero ancora esserci dei cambiamenti.

Spero di sbagliare tutto, tra l'altro viste le mie ultime performance è anche probabile  :D


12
Avevo promesso al grande Marco (fermana) di venire a salutare i vecchi amici di meteodue e così oggi vorrei fare, unitamente ad un augurio di buon anno  alcune mie personali considerazioni sulle condizioni attuali.

Situazione in stratosfera molto interessante nei prossimi giorni e da monitorare
Partiamo dal presupposto, a molti certamente noto, che il wave number, ovvero il n. di creste dell'onda planetaria diminuisce con l'altezza e così la loro propagazione verticale.
Mentre in troposfera si possono trovare anche 4/5 onde di Rossby (le Bjerknes w. non fanno testo), in stratosfera il numero generalmente si riduce a 2 (risonanza fino a 3 in bassa stratosfera e fino ad una sola in alta stratosfera segnatamente sopra i 5 hpa).
Teniamolo presente perché potrà servirci nel ragionamento successivo

Nell'aggiornamento odierno by ecmwf abbiamo questa situazione



e poi questa nelle epv:









Notiamo un disturbo bilaterale indotto da una doppia componente:

1. stratosferica ovvero di attrito della massa dovuta alla distribuzione delle epv negli edges del vps che indurrà un particolare richiamo fortemente convergente dei vettori dell'ep. flux verso la massa del vps:



2.troposferica ma ancora piuttosto debole e sempre e solo bilaterale (a mio avviso al momento più derivante dalla propagazione degli effetti dell'azione di moto da parte delle epv distribuite quasi interamente nei bordi a partire da 5/10 hpa)



Vi faccio ora notare che, in mancanza dell'iniziale componente prevalente della wave 1 (sostanzialmente latitante), la heat flux bilaterale (2) non è in grado normalmente di arrivare sopra i 5 hpa e infatti, i grafici sopra postati sono del tutto carenti di un apprezzabile calo delle velocità zonali in alta stratosfera.

Altresì notiamo agevolmente come il forcing bilaterale sia sostanzialmente "freddo" proprio per la carenza fino ad oggi del supporto della troposfera



Piuttosto efficace invece ( e del resto diversamente il vps non avrebbe assunto questa forma) il disturbo sul momento westerlies su di un vps ancora freddo e che viene verosimilmente ad autoalimentarsi per la stessa disposizione delle epv allocate nei bordi della sua massa.



Il trasferimento di momento easterlies, laddove viene operata l'erosione sulla massa del vps, appare piuttosto propagativo e in grado di vanificare la tipica prerogativa degli ese cold ovvero quella di disporre l'intera colonna del vortice polare in prima armonica.
E qui chiudo.

Il trasferimento di moto non è ovviamente causato dal riscaldamento che peraltro è di fatto assente o quasi, ma dalle stesse componenti di moto (epv) disposte nella maniera che abbiamo analizzato.



La componente di moto verticale dei flussi di calore potrebbe aggiungere il proprio contributo tra circa una decina di giorni data la probabile variazione di alcuni fondamentali indicatori troposferici (Mjo, Glaam, Pna)


Un caro saluto
:)

16
Da ultimo. Inizializzando il modello con i dati di inizio Gennaio, il forecast su fine Gennaio / inizio Febbraio ritorna uno scenario molto GFS-like…
 
Convezione tropicale fissa su fasi 6-7-8-1. Sul campo geopotenziale, una buona soluzione con Scand+ e Mediterraneo depressionario. Questo sviluppo puó essere un buon compromesso fra una tropo in condizioni congeniali e una strato che non va in split ma che invece tenta di condizionare con un imprint da NAO+/neutra. Peró serve una MJO in gran spolvero, cosa che per ora vede solo l’Americano.


Sent from my SM-G973F using Tapatalk


17
E' quando la partita e' quasi persa che si gode ancora di piu' alla vittoria finale  :D

Scherzi a parte, la situazione lassu' pare ben definita fino a 168 ore, e questo ovviamente potrebbe pesare sulla dinamica futura. Non che ci debba essere per forza uno split (si potrebbe anche provare a vivere di momenti estemporanei da qui a fine inverno), ma per averlo (e quindi per cambiare considerevolmente le sorti della stagione) ci vorrebbe il classico coniglio dal cilindro (un Gennaio 2009 in sintesi, che ha tempi di ritorno molto ma molto piccoli).

La MJO potrebbe aiutare, ma a questo punto deve essere un evento estremo (come appunto fu quello del 2009). GFS oggi confermera' le belle proiezioni di ieri, ma purtroppo e' GFS appunto...Il Canadese rimarra' abbastanza stabile, magari facendo qualche passettino verso l'Americano, ma non credo viaggera' franco verso la 7. Si rimane quindi un po' nel limbo, pero' e' indubbio che la situazione sia abbastanza ingarbugliata.
Sono d'accordo per una probabile risoluzione alla 2009 docet.. e che tra l'altro anche questa rientra nelle mie analisi e papabili soluzioni.. ;)
 Mi ero focalizzato su un paio di annate.. quella del 2012 e appunto questa del 2009.. dove entrambe videro un ESE Cold prima del Warming Siberiano che ne decretarono la fine del Condizionamento.. solo che nel caso del 2012 il condizionamento rispetto' una più idonea durata relativo ai 45/60 giorni..
 Mentre per il 2009 il condizionamento fu di breve durata(una quindicina di giorni circa, il tempo relativo ad una pulsazione..) a tal punto che la situazione si ribalto' pressoché immediatamente..






 ;)

19
Solo a scopo illustrativo, ma oggi l'Americano sta spostando gli impulsi meridiani dall'Europa (Scandinavia) in pieno Atlantico. Come conseguenza l'indicatore che stavo monitorando torna silente o quasi.



In realta' le cose, a livello di tendenza, cambiano poco (o forse in meglio). Con la posizione dell'onda Atlantica piu' a ovest e un piccolo aggiustamento a est di quella pacifica, l'eventuale split del VP lascerebbe il core maggiore sulla Siberia piuttosto che sul NA.



Ma sono in realta' dettagli, prima bisogna vedere se si porta a casa la dinamica a due onde. Work in progress...

PS. L'onda che si sposta piu' in Atlantico e' anche coerente con l'osservazione fata giorni addietro sulla MJO che salta la 7 e va in 8. Perdiamo la spinta meridiana in zona Scand ma la recuperiamo, forse, in Atlantico.



20
può essere interessante una certa similitudine con l' episodio di fine febbraio 2018, i primi sintomi della diversa disposizione d'onda nel pacifico ( allora a guidare la carica era la debole Nina-east based, se ricordate ). Vediamolo dal punto di vista del VPS

massima vorticità potenziale in alta stratosfera 2017/18 :



oggi, e in previsione :



vorticità potenziale ai margini in bassa stratosfera 2017/18 :



oggi, e in previsione :



l' ESE cold può essere un problema, ma non è detto che ( stante la disposizione del vp ) non possa anche essere la soluzione  ;)


21
 SC/CW/SC/ESE Cold/MMW Split? ;D
 La Profezia prende forma.. 8)

 Con tempistiche plausibili diverse dalle previsioni..(direi nell'ordine di una quindicina di giorni circa..).. d'altronde il quarto d'ora di ritardo accademico è sempre previsto nel pacchetto.. ;D

 Comunque, la mia quest'inverno è stata solo una corsa confusa ed incerta, legata ad un'evoluzione davvero imprevedibile e piena di eventi dal carattere intermittente, nelle dinamiche associate.. molti tasselli con tentennamenti verso un deciso reversal..(SSTA atlantiche ancora improntati con un AMO positivo ed un tripolo da atl+.. vedi NAO positiva..).. altri più efficaci e diretti(come appunto la fase di cambio attuale della PDO..).. QBO non del tutto virata a 50.. e minimo solare che sta entrando attualmente in un profondo stato.  ;)

 Per il resto non so che altro dire, ho anch'io fatto una serie di errori, sia di valutazione che di dinamiche e tempistiche.. e non mi nascondo nell'ammetterli, perché non ho alcun problema a farlo.. non sono un professionista, ma come tutti voi solo un appassionato amatore autodidatta.

 Ho peccato di molte incertezze e di imprecisioni.. ma la Meteo come si suol dire è questo.. un processo di natura caotica e non lineare e di continue imprevedibilità.. si cerca di interpretarne le complessità enormi per cui è contraddistinta, e di stilare eventuali tendenze, il più possibilmente idonee alla miriade di processi e di combinazioni, che si intrecciano tra i vari fenomeni e le varie anomalie, disposti come in una gigantesca scacchiera.
 Lo scopo è quello di giocare fino in fondo, per cercare le giuste manovre e tattiche, affinché si possa arrivare allo scacco matto che più ci soddisfa.. ma non siamo ovviamente noi a deciderlo e ad agire nelle manovre di disposizione degli scacchi.. ma è solo la natura a farlo.. noi tuttalpiù osserviamo e decifriamo l'eventuale strategia che più si avvicina e che più ci potrebbe premiare.
 Una partita che noi viviamo come spettatori e cronisti.
 Ci auspichiamo solo di aver osservato adeguatamente e dover interpretarlo nel miglior modo possibile, per poi commentarlo e tradurlo.. e c'è chi lo fa in un modo e chi in un altro.. chi riesce ad interpretare alcuni episodi e strategie, della lunga partita in corso.. e chi altri..
 È sempre stato difficile e complicato prevedere tutta una intera sequenza di manovre e tattiche per cui si riesca a identificare il risultato finale e la svolta di maggior efficacia.

 Io ammetto i miei errori e concordo per una probabile nuova evoluzione dalla terza decade di gennaio in poi.. tuttavia non ci metto la mano sul fuoco, perché resta comunque un quadro generalmente atipico e in bilico sul vertice di una svolta decisiva, del Trend fin qui avuto..
 Il cambio di rotta è innegabile e pian piano i tasselli si stanno predisponendo.. c'è solo da pazientare e da godersi questa lenta ed ansiosa attesa.. e non c'è bisogno che perdiamo lucidità ci facciamo prendere dal nervosismo, perché questa fantastica scienza non è così facile e semplice come molti possano farla vedere.
 Anche i migliori esperti del mondo peccano di enormi errori di valutazione e previsione.
 E noi non siamo da meno.. ;D
 ;)

22
E dai che sto sulla tazza non mi far fare sforzi ulteriori  :D

A parte la palla in altissima strato, sta accadendo qualcosa che fino a 2 giorni fa sembrava impossibile.

L’aumento dei gpt in coda al grafico è sospetto anche se avendo l’abbonamento a ecmwf dalle carte a 10 hpa di ieri sera si intuiva già
Mah, tutto può essere, anche che questo ESE ce l’abbia piccolo piccolo



Non prima di terza decade però: il primo che posta MMW a metà mese, lo faccio bannare a vita



Admiral Ackbar

23
Buongiorno Antò



Ps dai che dalla terza decade in poi peschiamo il jolly


Admiral Ackbar

E dai che sto sulla tazza non mi far fare sforzi ulteriori  :D

A parte la palla in altissima strato, sta accadendo qualcosa che fino a 2 giorni fa sembrava impossibile.

L’aumento dei gpt in coda al grafico è sospetto anche se avendo l’abbonamento a ecmwf dalle carte a 10 hpa di ieri sera si intuiva già

24
Mi sembrava di aver capito, da un intervento di Cloover, che le epv andassero monitorate a 600k e non a 850k o 1000k, dove le anomalie sarebbero più compatibili con un'accelerazione del vp in odore di ESE, e quindi meno significative. Nel caso avessi capito male, meglio, perché già da una decina di giorni mi sembra si intravedessero segnali di questo tipo a 850k e 1000k, e quindi sarebbe una tendenza confermata e rinforzata. Scusate se ho fatto casino nell'interpretare, mi sono anche stufato di ripetere che sono un neofita e quindi lo sottolineo per l'ultima volta.  ;D
diciamo che non è proprio così.

Quelle epv non sono disastrate post ese,’sono disastrate dalle continue azioni delle onde stratosferiche. Le due onde hanno lavorato molto bene. Il loro lavoro di questi due mesi non è stato vano.

Se nei piani inferiori le epv sono elevate e semplicemente dovuto all approfondimento che il vps ha avuto a dicembre e non all ese

25
Ad ogni modo rimane per me un’incognita grande la PDo... perché se anche tutto il centro principale di massa fosse sul Canada, con una posizione troppo addossata della WM il tutto andrebbe a generare constantemente troppa vorticita nell’area Groenlandese/Islandese... vedremo se il tutto riuscirà ad arretrare quel tanto che basta per favorire la salita dell’Anticiclone.
Tutta una catena... che parte dalla convenzione tropicale


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
Le vorticità in area Groenlanese/Islandese sono ormai da mettere in conto in quanto stazionarie data la disposizione finora assunta e prossima del vps. Per questo la via di fuga è rappresentata dallo scand+.

26
Ecmwf vede una ripresa convergente dei flussi con forte calo dei venti zonali a 1 hPa.
http://users.met.fu-berlin.de/~Aktuell/strat-www/wdiag/figs/ecmwf1/fluxes.gif
Ribadendo il concetto che le possibilità di uno split stratosferico sono azzerate, a causa di un'azione delle waves mai in sincronia che porta ad ellitticizzare, traslare e ruotare il vp stratosferico senza mai scalfirlo nel proprio centro di massa (come è possibile notare dall'andamento delle 2 waves)
http://users.met.fu-berlin.de/~Aktuell/strat-www/wdiag/figs/ecmwf1/waves.gif
è evidente come il nostro asso nella manica troposferico si rivelerebbe essere un moto antizonale delle masse d'aria dalla Russia. Infatti con un vp spostato dalla parte opposta dell'emisfero boreale qui si vengono a creare facilmente alte pressioni che nelle zone continentali portano a notevoli inversioni termiche e accumulo di freddo/gelo. Tale disposizione inoltre non riesce mai a far sgomberare la zona Groenlandese/Islandese, portando la wave 2 ad essere divergente e a spanciare sul Mediterraneo centro-occidentale. Con il successivo spostamento ulteriore del Vp stratosferico verso la parte opposta del nostro emisfero, l'azione divergente della wave 2 andrebbe a lambire la Scandinavia e per avere un coinvolgimento dell'Italia bisogna vedere dove andrebbe a collocarsi la base dell'hp. Quindi mi attendo verso metà gennaio una circolazione secondaria non gelida ma progressivamente più fredda in rotta verso l'Europa grazie all'instaurazione di un regime scand+. Il nodo da sciogliere resta quanto il moto antizonale riuscirà a procedere verso ovest e se si fermerà ai Balcani o riuscirà a lambire l'Italia. L'instaurazione di questo moto antizonale potrebbe proseguire per parecchio tempo. Quindi data tale disposizione del vp, in questa parte di emisfero è tutto in balia della troposfera che in questi casi porta ad un forte raffreddamento delle zone continentali che mano a mano avanza verso ovest.

Riposto la mia analisi di qualche giorno fa ignorata da tutti  :D
https://www.meteociel.fr/modeles/gfse_cartes.php?&ech=384&mode=0&carte=1

27
fate tutto quello che è in vostro potere per portarla a 168 ore:




28
Con tutto questo Est.....speriamo di non dover accendere i condizionatori  ;D





pensa te che sforzo mi tocca fare.. anni a difendere la "regola" del NAM contro tutti e tutto e ora che sfonda i +3 mi tocca credere in qualcosa di bono a Febbraio..sofferenza immensa.. ;D

scherzi a parte sia Gennaio che Febbraio seppur interessanti (soprattutto fine gennaio e febbraio) mi uscivano fuori comunque in NAO+, quindi non andrebbero contro ad un ESE in azione, mentre il cambio di segno della NAO (da confermare nel prossimi aggiornamento) sarebbe previsto per Marzo, ad una 50ina di giorni dal NAM> +1,5, ancora una volta fattibile..

Per quanto riguarda l'ESE autunnale ti posso ribadire la mia opinione, tutti gli studi che ho fatto gli ho fatti considerando le anomalie a 10hpa tra 65 e 90N maggiori di +1,5 tra ottobre e marzo..ogni volta che tale cut-off è stato rispettato, dal 90 in poi, la NAO è stata positiva per 45-60 giorni (sono esclusi tutti quei casi in cui dal giorno zero dello sfondamento si è avuto un MMW entro 10gg)..

Quest'anno, attorno al 20 Novembre circa, tale valore a me risulta superato, il che mi ha fatto confermare un'ipotesi di NAO positiva fino a circa il 20 Gennaio,e (visto che non ne è partito uno entro fine Novembre,ovvero a lag 10gg) un assenza di MMW in questa fase..

Io utilizzo il NAM come una spia, quando si accende mi segnala un problema (VP forte), non lo considero la causa..oltretutto se il NAM si rifacesse ad una soglia fisica avrebbe un valore fisso (ad esempio zonal wind maggiori di xxx, GPT minori di xxx) invece è un'anomalia di conseguenza lo sfondi a Novembre con caratteristiche termodinamiche del VPS ben diverse da uno sfondamento a Marzo..il NAM ti segnala soltanto che quel VP è molto più forte di quello che dovrebbe e che probabilmente servirà un lungo periodo per arrivare ad una crisi vera.. ;)

Sicuramente sbaglio, ma se setti tutte le tue analisi su un parametro, a livello statistico ti devi rifare sempre e solo a quello, altrimenti perde di significato..ed essendomi settato su le anomalie di cui sopra, a me risulta NAO+ e assenza di MMW o SSW significativi fino a fine Gennaio..dirlo oggi è facile, dirlo a Novembre con certe carte che uscivano era un po' meno semplice.. :D

29
GFS12 ci mostra un VPT meno accorpato sul lungo, con maggiore ondulazione in area pacifica, segno che comunque c'è ancora una certa incertezza.

30
Sono qui ogni giorno e con me altri “colleghi”, a leggere tutto e tutti e scrivere, forse troppo ultimamente, nel tentativo di dare un minimo contributo.

Mi approccio con la consapevolezza che qui l’interesse è comune e l’obiettivo nobile: fare analisi e prevedere tendenze.

Se non conosco, lascio spazio a chi argomenta con cognizione di causa.

Espongo il mio pensiero, come ritengo opportuno, con educazione e nel rispetto, con la stessa umiltà del primo giorno.

Ed è anche quello che farò domani e mi auguro di continuare a vedere alle fondamenta di questa stanza e dell’intero forum...



Admiral Ackbar

31
Alle polemiche di qualcuno rispondo così.
Preferisco sbagliare sempre da qui fino alla fine dei miei giorni ma sapendo quello che faccio, che indovinare sempre senza sapere cosa sto facendo.


32
il Mago è alla NASA...non disturbatelo  :D


Hai tempo 48 ore...dopodiché mi presento sui cieli di Peretola al tuo rientro con il Fokki del Barone Rosso munito di cassa di pomodori avanzati e passati dall orto in comune con Nerone75...un so se ho reso l’idea...😉😂😂

34
Comunque andrà rimane in ogni caso inalterata la grande bellezza di questo forum ed in particolare di questa stanza!!! Da inguaribile ottimista sperò ancora nel miracolo all'ultimo minuto, anche perchè due mesi di nebbie e di inversioni termiche metterebbero in croce non solo gli amanti della neve come noi ma tanti operatori turistici ed anche guardando il mio orticello si prospetterebbero tante altre giornate pazzesche a zero voli in partenza ed in arrivo da questo benedetto aeroporto di firenze...oggi qui non si capisce niente!!

35
Effettivamente si... ma la cosa che più non capisco è come ci si è arrivati dopo le premesse autunnali di quest anno


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

Intanto bisogna appurare se andrà davvero così e lascerei una finestra aperta almeno fino a domani/Lunedì.
Poi quello che sicuramente andrà fatto, sarà una rivalutazione dell'impatto solare sul WR emisferico, ed è questo uno dei fattori che più mi interessava monitorare in questo Inverno.
In secondo luogo andrei a confermare che la chiave del comportamento del VP, è collocata nell'area Indo-Pacifica.
Senza ovviamente dimenticare il ruolo del Global Warming.
Cmq ne parleremo diffusamente a Primavera, adesso continuiamo a seguire questa evoluzione  ;)


36
Si, considerato come si stanno mettendo le cose, servirà quasi una magia per invertire questo processo..... Il Mago ci s'avrebbe anche   ;D :-*
...e allora invochiamolo: Magoooo!


Admiral Ackbar

37

Io provo a risponderti con molta modestia senza basi scientifiche.
Semplicemente credo non sia possibile perché in questo periodo il VP piallerebbe la bolla anticiclonica in risalita.
Per isolarsi dai Balcani una struttura capace di stanziarsi sulla Scandinavia dovremmo avere un AO a fondo scala. Correggetemi se dico castronerie


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
Anche io senza pretese e da prendere con le molle, penso che sarebbe spazzato via ma se intervenisse la 1^ onda convergente , si dividerebbe il due il VPT e in quel modo potrebbe isolarsi uno dei due lobi, stazionando in Canada. All'ora l'HP conquisterebbe la zona ad ovest (Islanda e Scandinavia). Il seguito te  lo lascio immaginare  8)

38
Brividi.....e non di freddo.....
Ho la pelle d'oca di fronte a queste foto così belle... il California Dream del 5 Febbraio 1976.

Perchè non dobbiamo pensare di essere gli unici nel Mondo, io faccio il tifo anche per loro, di fronte ad un destino che ci accomuna anche sotto molti aspetti termodinamici ...









39
Se andasse in porto quella frenata zonale che sembra i modelli facciano vedere negli ultimi run cosa comporterebbe a livello tropo e strato?


Inviato dal mio LLD-L31 utilizzando Tapatalk

Possono accadere diverse cose...

1) Non succede nulla, nel senso che l'onda è mobile e lentamente il VP si riaccentra (ESE).
2)Si crea un blocco zonale sul settore Euro-asiatico (ponte Weikoff), ed inizia ad affluire aria fredda sul lato orientale.
3)Dal punto 2, il blocco tende a tralsare verso la Groelandia ed arriviamo al Break down del VP (probabile MMW), con aria continentale e poi Artica.
4)Dal punto 2, il blocco rimane stazionario ed abbiamo un'ondata di gelo(evoluzione 2012 o 1956 like), con VPS forte.






40
Ogni run che passa,sta sempre più amplificando la frenata zonale sul settore Euro-Atlantico.
Siamo feriti, sfiniti, infastidi ed ormai spazientiti, ma fisicamente questa frenata zonale se pò fa.







41
Mi appello alla Convezione di Ginevra e chiedo l'intervento del Comitato Internazionale della Croce Rossa!

42
Se mi permettete:

Meglio lasciare stare i RMM plots. L'unica possibilita' che quel segnale non vada dritto nel cerchio e' che le due prime PCA con cui si analizza il segnale tropicale (ascissa e ordinata nel grafico) descrivano una dinamica ad una onda nei tropici. Questo va bene nella figura sotto, dove c'e' un picco di convezione (verde) contro un unico picco di suppressione (marrone). Ed e li' che il segnale esplode.




Ma se poi la MJO continua a viaggiare e riappare chiaramente in fase 8 (atlantico, dove c'e' di nuovo il verde) con al contempo una fase di convezione attiva in zona 4/5, il segnale e' a due onde, e il RMM plot non ci capisce piu' nulla, quindi tende ad andare nel cerchio. Ma non vuol dire necessariamente che il forcing tropicale sia silente.



In condizoni di convezione a due onde, la faccenda si complica perche' l'impatto alle medie latitudini sara' meno lineare. Pero' a grandi linee, il fatto di avere un polo in fase 4/5 e uno in fase 8 e' buona cosa, perche' puo' supportare condizioni di blocchi alle alte latitudini in entrambi i bacini. In questo senso e' veramente impressionante la persistenza del segnale in pacifico.

Grazie Jack, da salvare in sezione didattica

44
Buone carte a capodanno buone carte tutto l’anno.

Sicuramente stamani si sono fatti grossi passi avanti rispetto ai precedenti aggiornamenti. Non ometto che sto pensando ad un ribaltone nel giro di pochi run. Forse il terremoto modellistico è stato solo rimandato


46
Un probabile smembramento con asse finalmente  più idoneo.. ::)
Lo spero tanto Filippo.. tra l'altro si confà con il mio quadro previsionale rivisitato a Lag 10 di giorni di ritardo.. :)
Probabile situazione agli estremi dei 2 ESE.. il mio intuito mi dice che faremo il doppio botto consecutivo e rapidi a breve distanza.. nodi cruciali in seconda decade.. monitoriamo.

Diciamo che come solitamente accade, è proprio sul superamento della soglia del NAM che viene fuori in maniera evidente il setting del VP  ;)

Intanto tutti parametri si stanno ormai posizionando nella giusta maniera, teniamo duro:






47
Ottimo intervento di Gian1975.... Esperti date conferma o meno voi che potete... Cloover che ne dici?  ;)


La situazione è ancora molto a rischio, non vedo passi in avanti concreti.
Il rischio ESE rimane alto, GFS sono vari runs che lo conferma e non condivido nemmeno il volere guardare la Troposfera e basta, perchè  quello che c'è sopra è figlio di quello che c'è sotto.

Sempre GFS vede l'ESE realizzarsi intorno al 12 Gennaio e forzante sino in Troposfera, con una temporanea (da valutare) riattivazione dei flussi di calore in seno all'innesco di vorticità potenziale ed al tentativo di riaccentramento:




La fase di trasferimento di EPV resta cmq molto delicata come ben sappiamo, perchè se il VP non è perfettamente barotropico o permane un certo grado di ellitticizzazione (come in effetti sembrerebbe),si innescherebbe la possibilità di onde lunghe e progressivamente intrusive.

Tuttavia non me la sento di prendere una posizione, attendo di avere ulteriori informazioni per scongiurare una delle due ipotesi.








48
Non sono esperto ma mi limito a risponderti con la fredda cronaca. Ieri notte gfs piazzava il vp in prima armonica centrato sul polo. L'altro ieri lo vedeva ancora disturbato e decentrato. Oggi torna ad una situazione simile all'altro ieri. Stasera presumo proporrà un final warming, che è l'unica soluzione non ancora battuta dal modello americano.

Per quanto riguarda i modelli, per me ci sono dinamiche interessanti non solo in coda ma già a 120h. Poi c'è uno snodo a 138h circa tutto da vedere. Ma per queste dinamiche attendo anch'io l'analisi dei più esperti  ;D

Grazie per la risposta

49
Queste le ENS dell'Europeo e Americano nel long. Le ENS sono utili perche' tolgono il rumore ad alta frequenza e lasciano del segnale, se mai ce ne fosse. Per intravvedere una tendenza sul lungo, bisogna fare cosi', se si vogliono usare gli output dei modelli in modo sensato. Il singolo run o l'ufficiale lo si dovrebbe solo usare per verificare eventuali aggiustamenti sulla prima parte del forecast (fino a giorno 7 massimo).

Ora, che le due emisferiche si assomiglino cosi' tanto, non e' una cosa da tutti i giorni. L'abbozzo a due onde in tropo si puo' scorgere. Il ridge Pacifico e' piu' inquadrato e si "parlera" con la convezione tropicale che potrebbe far partire un segnale MJO interessante dal 10 Gennaio circa (vedi post di pubblico sopra). Il ridge Atlantico e' abbozzato, ma ci saranno aggiustamenti dipendentemente da come il segnale MJO propaghera'.

L'ultima decade di Dicembre e' stata un tentativo abortito, ora mi pare ci siano le condizioni per una nuova chance. Fisiologicamente, i tempi son giusti (3/4 settimane di gap). Se da qui a meta' Gennaio il VPS balla su questo equilibrio instabile dove nulla di grosso accade, tanto meglio. Certamente, con queste carte si dovrebbe assistere ad una nuova fase di vortex stretching da dopo la prima decade.

Sent from my SM-G973F using Tapatalk


sembra proprio la firma del Nino west :




50
 Azzardo un'ipotesi di sviluppo e previsione, con la sinottica a 384h del pannello 16 di GFS ensemble, per l'innesco mancato nel primo step di tendenza previsionale inquadrato inizialmente ed indicativamente attorno alla terza decade di dicembre e prima quindicina di gennaio.. e traslando gli sviluppi di simile dinamica evolutiva, con un ritardo di una decina di giorni circa dalla tabella di marcia prevista ed anticipatamente rivisitata nei scorsi giorni(e discussa ancora lungamente ieri..), con modifiche sostanziali, adeguate all'attuale situazione da rotazione del VP e nuovo approfondimento con rischio ESE..:



.. con queste anomalie..:



 Dunque, se siete riusciti a seguirmi fino adesso.. ;D(forse avrete fatto un po di fatica vista la mia instabilità stagionale di quest'anno.. ;D ma ho comunque lasciato intendere tutti gli indizi principali e determinanti del mio personale pensiero.. ;)).. avrete sicuramente colto il succo del segnale di fondo, collegato alla forza del VP e alla difficoltà di poter apportare seri disturbi alla Stratosfera(dovuto a fattori di assetto emisferico delle SSTA e del VP, con un imprinting ancora influenzato ai Pattern esacerbanti degli scorsi anni.. PDO+ Like.. Nino Debole.. QBO seppur calante ed Est a 30 hpa, ma con difficoltà a 50 hpa a cambiare nettamente di segno.. Atl+ con Tripolo ancora a sfondo NAO+.. BDC debole.. etc.. ancora tutti ingredienti forzanti verso un Polar Vorterx Strong..), con inneschi dapprima di raffreddamento e approfondimento radiativo acerbo(tra ottobre e novembre..), in fase autunnale precoce(dove ho posto un possibile interrogativo ad un record di SC autunnale per media delle anomalie del periodo.. dal possibile risvolto del Predictor Stratosferico, rintracciabile nella grave crisi artica dei ghiacci marini.. per cui la Troposfera rallenta uno sviluppo di crescita iniziale in condizioni anomale e deboli e invia segnali di forte approfondimento raffreddamento radiativo alla Strato affinché si colmi il gup di squilibrio termodinamico TS.. ).. e successivamente l'input alla partenza degli upper Warming, che inizialmente sono sfociati ed evoluti in un iniziale CW(prima decade dicembrina..) e a seguire altri upper Warming Siberiani.. che hanno aiutato ad una iniziale rotazione del VP attraverso la stazionarietà d'onda pacifica e la successiva ripresa della seconda onda, con debole intrusività ma con doppia azione di compressione attraverso la reiterazione e la stazionarietà del 2 Waves Pattern, con un certo grado di eccentricità forzante..(e tuttora ancora in fase risolutiva..) ma con un quadro evolutivo destinato alla momentanea soppressione della seconda cresta d'onda, per ulteriore dinamica di rotazione del VP e di nuovo innesco da SW(al momento catalogabile come Minor..), con l'attuale incertezza molto evidente e plausibile di un eventuale risvolto da ESE Cold.. e mancato sviluppo dell'SSW(MMW?) in Major con dinamica Split, per mancata azione di forte intrusività e convergenza della seconda onda.. fino ad una totale destrutturazione e collasso finale del VP..
 
 La mia ipotesi di base reggeva sempre su episodi T-S-T alternati.., con SC/autunnale acerbo.. CW per dinamiche evolutive da Upper Warming Siberiani..(ma in regime di VP in fase di contrazione e Pattern Dicembrino con AO/NAO mediamente positivo e fase anonima e piuttosto mite..).. e nuovo SC, con risvolti dapprima in ESE Cold ai limiti di condizionamento NAM(con altro periodo più o meno lungo di fase AO/NAO mediamente positivi..) e successivo ed immediato effetto opposto attraverso una esplosiva dinamica da SSW(MMW?) di tipo Split con ESE Warm..(il tutto in risoluzione attorno al periodo appunto, tra terza decade di dicembre e prima quindicina di gennaio, come detto sopra ad inizio post..).. con similarità alla stagione 2008/2009.
 
 Al momento siamo in stallo tra un ESE Cold per alto rischio SC .. ed un riassetto degli equilibri termodinamici legati alla momentanea ripresa del VP per contrazione, accentramento.. e chiusura in Troposfera.. un effetto da risonanza dovuta al movimento di rotazione e mantenimento del momento angolare.. ma con un progressivo nuovo innesco di Upper Warming, in evoluzione Minor.. situazione che ci dice comunque che la Troposfera è rimasta improntata alle intermittenze dei flussi e ai disturbi per reattività settata durante la fase autunnale.. per cui vedo inoltre, anche una possibile impostazione del setting emisferico del VP, con similitudini alla stagione 2011/12..(anche questa una mia ipotesi presa in carico ancora tempo fa..).
 
 Ovviamente dovremmo passare da queste..:




.. partendo da queste..:





.. vediamo cosa verrà fuori. ;)

Pagine: [1]