BACHECA ANNUNCI

VISITATE LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK!

Sono riaperte le iscrizioni al forum! Per registrarsi gratuitamente cliccare QUI

Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - Old Style

Pagine: [1] 2
1
Non si vedono certamente tutti i giorni mappe del genere. Ma quando certe carte compaiono dal cilindro, solitamente, non escono per caso... Anche GEM stasera non scherza...  :o
[mmg]5302[/mmg]

2
Questa mattina giungono importanti conferme da tutti i principali modelli circa l'importante riassetto barico atteso in terza decade. Alla soglia delle 200 ore tutti i centri di calcolo, seppure con le dovute differenze, vedono un tracollo del flusso zonale con un imponente, spettacolare, sganciamento dell'hp verso nord, in direzione della Groenlandia, a cui dovrebbe seguire un aumento di geopotenziali anche in sede polare, quale inequivocabile conseguenza dell'atteso FW.
[mmg]5293[/mmg]
[mmg]5294[/mmg]
[mmg]5295[/mmg]
[mmg]5296[/mmg]
Quante sono le probabilità di riuscita di una dinamica di questo tipo?
Molte, vista la distanza temporale non proibitiva e considerata che la sinottica è sposata anche dalle ENS dei due centri di calcolo più performanti... 8)
[mmg]5297[/mmg]
[mmg]5298[/mmg]

3
Sinottica mozzafiato, ancora confermata da GFS. Aspettiamo domani per ulteriori conferme...  :o
[mmg]5292[/mmg]

4
Il bello di questa scienza imperfetta sta anche qui: la moltitudine di variabili che compone un sistema fisico molto complesso, incerto e caotico, fa sì che anche quando tutte le tessere del mosaico parrebbero essere posizionate al posto giusto, il prospettato castello evolutivo può miseramente crollare. Intanto oltre le 300 ore si scorgono i primi timidi segnali di un riscaldamento stratosferico, centrato in sede polare. I primi vagiti del tanto atteso FW...?
[mmg]5253[/mmg]
A questo proposito pongo un quesito ai più esperti. Si parla tanto dei potenziali effetti, ai piani isobarici inferiori, di questo evento conclusivo. Ma la domanda è questa: potrebbe verificarsi, in questa avanzata fase stagionale, un "decoupling" tra i due piani isobarici...? In parole più semplici sono così scontati gli effetti in troposfera? Il FW potrebbe evolvere senza colpo ferire?
In rete ho trovato, a tal proposito, questo articolo interessante...
http://www.climatemonitor.it/?p=35645

5
La disamina quotidiana della modellistica non evidenzia grossi cambiamenti barici nel medio periodo e l'evoluzione altopressoria, prospettata alcuni giorni fa, resta confermata per la prima decade di aprile. Il VPT, accentrato in sede polare, infatti, seguiterà a mantenersi straordinariamente compatto per il periodo; il conseguente mantenimento di una corrente a getto abbastanza tesa sortirà il nefasto effetto di fare prima spanciare e poi coricare l'hp, posizionata sull'ovest del Continente, sul nostro Paese (in un periodo in cui, invece, servirebbe un carico precipitativo importante in vista della stagione estiva). Bisogna spingersi oltre le 200 ore per scorgere i primi segnali di un potenziale riassetto barico con una progressiva frenata zonale che indurrebbe un'attivazione dell'onda atlantica a preparare successivi affondi meridiani da metà mese in avanti...
[mmg]5249[/mmg]
[mmg]5250[/mmg]
[mmg]5251[/mmg]
Un'evoluzione barica che, tuttavia (se non fosse per la statistica e l'avanzamento stagionale che depongono per una progressiva destrutturazione della trottola polare in favore di accesi scambi meridiani, tipici della stagione primaverile), resta da confermare: la mappa dello spread, infatti, induce a una certa prudenza... ::)
[mmg]5252[/mmg]

6
Ma i final warming più tardivi possono arrivare anche a metà maggio? Qual è il limite massimo a vostro parere? O dobbiamo riscrivere qualche legge fisica?
 ;)
bah ... sai la statistica è bella ma in natura lascia il tempo che trova , come si dice , io nn ho sinceramente controllato se è successo a metà maggio , ma ripeto in natura può accadere tutto e il contrario di tutto anche perché i dati che noi abbiamo a disposizione sono un’inezia in confronto della vita del nostro pianeta e il suo clima ... quindi vediamo .. posso fare una previsione di massima e dire che il FW accadrà dopo la metà di aprile ma posso essere ampiamente smentito ... e ti dico anche che se la statistica dicesse che il più tardivo è accaduto a metà maggio alla natura può venire in mente di farlo accadere a metà giugno ... boh ... io  sono , in meteorologia , diventato uno che nn da molto credito alle statistiche anche perché seguendo le stesse ho preso molte cantonate  e quindi mi schiero dalla parte degli osservatori affascinati ... concludendo posso dirti che un esempio può essere benissimo l’ese cold che stiamo vivendo ....  :)

7
In attesa di un riassetto barico che, in effetti, potrebbe concretizzarsi verso metà mese anche UKMO mette molto bene in evidenza lo straordinario stato di forma che il VPT manterrà nei prossimi giorni, con termiche al suo core di tutto rispetto per il periodo stagionale...
[mmg]5245[/mmg]
[mmg]5246[/mmg]

8
Se guardate le animazioni nel lungo termine di gfs emisferico noterete che il vpt copierà una rotazione dell’asse .. che a fine run fa capire che dopo metà mese si potrebbe disporre di nuovo in pattern AD + ... quindi si potrebbe , come avete già detto anche voi , prevedere una certa invadenza altopressoria sul bacino del mediterraneo con comunque interferenze polari marittime con interazione continentale in modalità blanda ( da gocce fredde )  fino alla fine prima decade di aprile , poi per metà mese un’azione meridiana con l’aria artica marittima protagonista in concomitanza del pattern in AD + ai piani alti ... dopo .. beh .. con l’ulteriore rotazione d’asse del VP si potrebbero porre le basi per un’azione a tenaglia delle due onde planetarie secondo lo schema PDO - like e quindi l’inizio delle manovre che porterebbero al FW ... quindi possiamo immaginare una ripresa degli heat flux verso seconda parte di aprile / fine mese d’aprile ...  :)

9
Caspita Chenal, la prima delle due carte mi sembra uscita dalla quarantena  ;D
Sembra che  uno scenario molto simile sia balzato nello spago di controllo di qualche run del mese scorso , sempre nel lungo   ???
Speriamo che contagi il pattern e balzi fuori nel medio  8)
Speriamo davvero; tuttavia, tornando con i piedi per terra, e stando nel range temporale delle 240 ore, il regime che, verosimilmente, prevarrà sul bacino del Mediterraneo per tutta la prima decade di aprile, sarà quello altopressorio. Arco temporale durante il quale l'hp, posizionata sull'ovest del Continente, tenderà a spanciare in direzione del nostro Paese veicolata da un jet stream che si manterrà ancora molto teso (forse solo le estreme regioni meridionali potranno, di tanto in tanto, essere interessate da un blando flusso orientale). D'altronde il disarmante allineamento modellistico (che si evince osservando le mappe ENS sfornate dai due principali centri di calcolo) non fa sconti davanti a un VPT che, come dici, mantiene ancora un assetto invernale nonostante l'avanzato periodo stagionale che lascerebbe presupporre ben altri scenari barici...
[mmg]5243[/mmg]
[mmg]5244[/mmg]

10
Come detto ... finché c’è un VP forte sopra situazioni incancrenite sono poco probabili... il getto comunque nn lo consente ... invece quando questo ese cold finirà ... beh ., i rischi li conosciamo ...  :)

11
Per tirare un pò su il morale in questo periodo, scavando tra le trame modellistiche, qualcosa di interessante, nel fantameteo, si trova... 8)
[mmg]5241[/mmg]
Ma, a dover di cronaca, si trova anche questo...  :o
[mmg]5242[/mmg]

12
Posto il fatto che fare questo raffronto isolato solo su due emissioni potrebbe avere la stessa valenza e affidabilità di qualsiasi carta a distanza siderale, quello che si intravede è una leggera propensione ad una accelerazione zonale . Questo segnale andrebbe monitorato nelle successive emissioni. Quindi se così fosse potremmo dire che gli scambi meridiani avverranno probabilmente dopo il ritrovato accorpamento per conservazione del momento angolare ed essere rimandato in 3^ decade ... Comunque monitoriamo ... ::)
[/quote]
Si diciamo che a distanze così siderali (384 ore), dal raffronto tra l'emissione 00z e 06z di GFS, sul nostro Paese tenderebbe a prevalere la componente altopressoria a causa di un VPT, e relativa corrente zonale, che parrebbero non mollare la presa. Ma per fortuna si tratta di mappe a lunghissima distanza e, come tali, passibili anche di grandi variazioni (d'altronde, se pensiamo, lo stesso prestigioso modello di Reading ha sbagliato clamorosamente la previsione, a sole 96 ore di distanza, sugli effetti della retrogressione fredda in atto in queste ore e che avrebbe dovuto, proprio oggi, ammantare con nevicate di portata storica il nord-ovest)...  ;)

13
Rispetto a ieri, in effetti, le mappe sembrerebbero un pò più possibiliste circa un'evoluzione maggiormente dinamica del tempo.
Queste le mappe ENS dei due più blasonati modelli, con GFS che parrebbe, sul lungo termine, lasciare aperto uno spiraglio alle correnti umide nord-atlantiche (maggiore curvatura ciclonica delle correnti).
[mmg]5239[/mmg]
[mmg]5240[/mmg]
Una cosa, tuttavia, è certa: quando sulle mappe compare l'hp  l'attendibilità previsionale diventa subito molto alta e il quadro barico votato al bel tempo, in questi casi, 8 volte su 10 predomina su tutte le altre configurazioni bariche...  ::)

14
Penso anch’io che nei prossimi run l’ipotesi hp venga piano piano smontato a favore di onde corte con un’ese cold sulla testa ed un ormai quadro termico con gap esasperato tra alte e medie latitudini ... nn potranno essere situazioni incancrenite come succede in inverno ... quindi posso immaginare che ci possa essere una nuova tendenza ad iniezioni di aria polare marittima con chiusure continentali sul mediterraneo con sempre l’hp di guardia sul vicino Atlantico ... un clima comunque abbastanza dinamico ... altresì penso che dopo la metà di aprile si possa rivedere almeno uno schema con riattivazione delle onde troposferiche come era successo poco tempo fa .. bisognerà valutare se saranno di nuovo divergenti con conseguente nuovo dislocamento del vpt in AD + oppure convergenti con la concreta possibilità del FW ...  :)
Speriamo davvero nel dinamismo tipico della stagione primaverile; avere già in questa fase un'hp in pianta stabile (magari anche di natura sub-tropicale) sarebbe molto deleterio per il nostro Paese. Aprile/maggio sono, infatti, tra i mesi statisticamente più piovosi, quantomeno per il nord. In questo periodo dell'anno sono fondamentali le piogge primaverili, per rimpinguare le falde freatiche, e parimenti le nevicate sulle Alpi, a contrastare l'ablazione estiva dei ghiacciai e un bilancio di massa che, da ormai molti anni, è in negativo. Consideriamo, peraltro, che, contrariamente all'Inverno, la stagione estiva, sul Mediterraneo, raramente fallisce...).

15
Penso anch’io che nei prossimi run l’ipotesi hp venga piano piano smontato a favore di onde corte con un’ese cold sulla testa ed un ormai quadro termico con gap esasperato tra alte e medie latitudini ... nn potranno essere situazioni incancrenite come succede in inverno ... quindi posso immaginare che ci possa essere una nuova tendenza ad iniezioni di aria polare marittima con chiusure continentali sul mediterraneo con sempre l’hp di guardia sul vicino Atlantico ... un clima comunque abbastanza dinamico ... altresì penso che dopo la metà di aprile si possa rivedere almeno uno schema con riattivazione delle onde troposferiche come era successo poco tempo fa .. bisognerà valutare se saranno di nuovo divergenti con conseguente nuovo dislocamento del vpt in AD + oppure convergenti con la concreta possibilità del FW ...  :)

16
Io non vedo nei modelli una possibilità di HP MONSTER al momento almeno fino alla prima decade di aprile

17
Gia, ma forse a questo punto sarebbe meglio che durasse il piu possibile perchè gli scambi meridiani potrebbero intervenire in pieno Atlantico proprio nella zona da cui prende il nome la nostra amata e odiata HP, e l'Europa rimanere intrappolata da un mostro che potrebbe traghettarci in estate senza una goccia di pioggia.
Non ne sono affatto convinto e non ho elementi per cercare di supportare questa tesi, ma così a naso , visto i precedenti successi di posizionamenti facili di impianti del genere, non mi meraviglierei di vedermeli materializzarsi presto e con insistenza fra le carte del medio lungo termine dei piu quotati GM.
Comunque non fasciamoci la testa in fretta e manteniamo la calma.  ::)
Al momento questo rischio non sussisterebbe; almeno stando alle ENS dei più blasonati modelli il VP si manterrà compatto fino a tutta la prima decade di aprile. Che per i piani troposferici si traduce in un incremento dei venti zonali con solita spanciata altopressoria in direzione del nostro Paese... ::)
[mmg]5238[/mmg]
Dopo metà aprile, tra le altre cose, bisognerà monitorare attentamente l'indice NAO. Un suo tracollo in territorio negativo (come ormai è diventata consuetudine a primavera avanzata), infatti, potrebbe esporci al rischio di affondi meridiani troppo occidentali con le nefaste conseguenze che hai ben descritto...

18
Il fatto davvero disarmante è che quando la modellistica fiuta, a lungo termine, un'evoluzione altopressoria l'allineamento modellistico si fa improvvisamente sconcertante, con un'affidabilità previsionale, nonostante l'elevata distanza temporale, alta...
[mmg]5234[/mmg]
[mmg]5235[/mmg]
[mmg]5236[/mmg]
Osservando, infatti, la mappa dello spread si vede che le possibilità di restare (per le ragioni sopra esposte) per almeno tutta la prima decade di aprile sotto la consueta campana protettiva altopressoria sono molte...  :-[
[mmg]5237[/mmg]
A questo punto per sovvertire in maniera radicale questo assetto barico ormai incancrenito ci vuole davvero una forzante che potrebbe derivare dal FW di cui si è tanto parlato. Restano, tuttavia, grandi incognite sugli effetti che un Evento stratosferico di questo tipo potrà avere ai piani isobarici inferiori e, in modo particolare, per il nostro territorio anche in considerazione dello spauracchio NAO--- (che ormai, abitualmente ogni anno, diventa realtà con l'avanzamento stagionale). Nell'attesa di un Evento che dovrebbe colmare l'esasperato, crescente, gap termico tra alte/basse latitudini (portando ad uno sperato riassetto delle pedine bariche su tutto lo scacchiere europeo) i giorni, le settimane passano nella monotonia meteorologica... ::)

19
Ci aspettano due giorni in cui è possibile vedere qualche precipitazioni e poi spazio alla stabilità . Dopo il non Inverno si prospetta lo spettro della siccità . Non c’è che dire il 2020 sarà ricordato per diversi motivi.

Quando si dice che inizia male e finisce peggio, e proprio vero questo detto. ??? ??? ???

20
Analizzando gefs 06 di oggi ci salta agli occhi l’incubo sprofondamento del getto .. questa la carta del mean zonal Wind a 10 hpa , si nota come il 4 /04 ci sia una frenata delle velocità zonali per poi una repentina ripresa con picco il 8/04 ,ecco il risultato in troposfera .. poi però la ripresa dello zonal Wind ci toglie dall’impiccio ecco penso che fino a quando l’ese cold sarà operativo anche le frenate fisiologiche saranno momentanee ... discorso diverso quando nn saremo più coperti dalla mano protettrice dell’ese cold e andremo sotto FW ... questa di gefs nel momento della frenata zonale sarebbe la soluzione negativa che potremmo andare incontro ...  :(

Infatti è incredibile il fatto che questo ESE COLD in inverno lo abbiamo tanto maledetto per averci portato all ennesima gaffe stagionale insulsa, mentre ad ora lo stiamo benedicendo come se fosse il nostro EROE, mentre al contrario il FW lo malediciamo come il diavolo, io capisco che gli scambi meridiani siano un pericolo ma potrebbero pure essere un arma a nostro favore, se ci fosse la speranza che gli affondi vadano anche verso l'Italia di sicuro avremo dinamicità esasperata, ma ora la paura è che gli scambi meridiani siano sempre sinonimi di sprofondamenti troppo a ovest e subtropicale in Italia. In parole povere cambia tutto per non cambiare nulla, si passa dall'ese cold con zonalità e hp parallelo, mentre con gli scambi meridiani il getto affonda troppo a ovest con lo stesso risultato hp, stavolta in senso verticale, insomma sempre HP e scarsa dinamicità, vero problema cronicizzato ormai da anni, NAO +++ oppure NAO - troppo esasperata.

21
Ci aspettano due giorni in cui è possibile vedere qualche precipitazioni e poi spazio alla stabilità . Dopo il non Inverno si prospetta lo spettro della siccità . Non c’è che dire il 2020 sarà ricordato per diversi motivi.

22
Il rischio è sempre dietro l'angolo, tuttavia i GM non lo evidenziano  ancora perchè la rimonta altopressoria che farà probabilmente seguito all'episodio dei prossimi 2 o 3 giorni con risvolti non del tutto chiariti, non avrà radici stabili per l'affondo depressionario in atlantico che potrebbe insinuarsi e raggiungere il mediterraneo , elevando un HP in zona anglo-scandinava . Quindi un africano che durerebbe pochi giorni, d'altra parte andrebbe considerato il fatto che tutto quel freddo al polo, non è ancora stato equilibrato da scambi meridiani in maniera da rendere stabile ogni figura barica, per cui tutto ciò che avremo dalla 2 decade di aprile in poi , sarà suscettibile alle azioni delle onde planetarie che è presumibile possano riprendere vigore . Non potremo certo avere un VP così a Maggio , altrimenti vi sarebbero rischi di nevicate estive  ;D

Concordo...ma attenzione a questo super VP ... ::)

23
non mi pare che le 240h di Reading parlino di hp a oltranza
sono indecisi a due giorni figuriamo a 10 e oltre..

24
non mi pare che le 240h di Reading parlino di hp a oltranza

25
Cvd...e ora via alla primavera, con rischio africano dietro l’angolo  ::)

26
Quindi, in buona sostanza, a parte alcuni piccoli dettagli, la pensiamo all'incirca allo stesso modo ... L'altro giorno quando evidenziai questa possibilità sul lungo termine la risposta fu "su questo ho seri dubbi ... proprio il mantenimento di un certo indice zonale anche in avanzamento stagionale ci può salvare da cadute del getto in pieno Atlantico .. vedo più situazioni evolutive ad onde sempre più lunghe ma evolutive .. quel grafico della NAO ha poco valore adesso , è molto suscettibile di variazioni ..". Monitoriamo perché, in questi casi, i colpi di scena (sia in un senso che nell'altro) possono essere dietro l'angolo  ;D
certo che la pensiamo più o meno allo stesso modo ... il fatto importante è che finché rimane un certo indice zonale le varie ondulazioni hanno una dinamica evolutva e questo grazie al momento westerlien impresso dallo ese cold ... il mio timore nasce nel momento in cui questo momento ci molla e lo farà nel momento del FW ... allora si che ci si potrebbe trovare davanti ad un bivio o tutto ( colate su di noi ) o niente ( rimonte altopressorie ) ...

27
Per quanto riguarda l'evoluzione troposferica a lungo termine, il bivio temporale lo collocherei a circa 120-144 ore quando le mappe emisferiche lascerebbero intuire che l'inimmaginabile stia per succedere... Se soltanto quell'alta pressione, pungolata da una rediviva W2, trovasse la forza di elevarsi verso nord, in direzione della Groenlandia, il lobo siberiano del VP troverebbe la strada spianata verso sud e l'Italia si appresterebbe a vivere una delle ondate di freddo tardo-invernale più intense che la storia meteorologica recente conosce... Il VPT, tuttavia, è inutile negarlo, manifesta ancora segnali di straordinaria vitalità e potrebbe, almeno in parte, invalidare questo disegno per lo strenuo tentativo (almeno parziale e temporaneo) di riaccorpamento e riconquista del polo geografico, per dinamica di mantenimento del momento angolare...
[mmg]5229[/mmg]

28
Le ENS di Reading, a mio avviso, si mantengono buone...
[mmg]5224[/mmg]
[mmg]5225[/mmg]
Tuttavia i balletti modellistici, in presenza di configurazioni bariche come questa, sono da mettere in conto, fino a poche ore dall'Evento...  ::)

29
Per JMA, a lungo termine, deriva occidentale degli affondi meridiani...
[mmg]5208[/mmg]
Un'ipotesi al momento isolata ma non da escludere del tutto anche considerato il pronosticato importante calo dell'indice NAO...  ::)
[mmg]5209[/mmg]

30
Più che altro un dislocamento del vpt in pattern AD + ...  ;)

31
Oggi quanto di meglio si possa trovare scavando nella modellistica... :o
[mmg]5198[/mmg]
ENS Reading spettacolari... 8)
[mmg]5199[/mmg]
E stando nel breve-medio termine... ;D
[mmg]5200[/mmg]
[mmg]5201[/mmg]

32
Ma la portata principale potrebbe arrivare subito dopo...
Mappe da incorniciare e archiviare. Non si vedono certamente tutti gli anni sinottiche del genere ad aprile. Ma già in tempi non sospetti evidenziai che un serbatoio di gelo simile, accumulatosi in sede polare quale conseguenza di un VPT che per mesi si è mantenuto compattissimo, avrebbe regalato grandi Emozioni (seppure ormai oltre tempo massimo) appena l'avanzamento stagionale avrebbe portato al fisiologico smembramento del VP e a dinamiche meridiane che si sarebbero attivate per colmare l'esasperato gap termico esistente tra alte e basse latitudini... ;)
[mmg]5193[/mmg]
[mmg]5194[/mmg]

33
Buona giornata a tutti. Di seguito i grafici relativi alle anomalie della temperatura a 2m e della pressione previsti per i prossimi giorni a scala europea . Le aree in rosso (blu) indicano zone dove la previsione mensile differisce in modo significativo dalla climatologia.
Vietata la riproduzione anche parziale dei grafici
L inizio della stagione primaverile sembra confermare l avvio di un periodo più dinamico in sede europea.Inizialmente avremo condizioni maggiormente anticicloniche relegate sull europa centrale mentre condizioni maggiormente depressionarie dovrebbero interessare le aree più meridionali del continente che andrebbero a trovarsi al di sotto di tale fascia anticiclonica.La distensione lungo i paralleli della cella anticiclonica favorirà almeno inizialmente l afflusso di correnti fredde sulla nostra penisola determinando temperature inferiori a quelle medie del periodo.Successivamente si dovrebbe assistere ad un più deciso crollo della fascia anticiclonica a discapito di condizioni maggiormente depressionarie che andrebbero ad interessare buona parte dell europa occidentale.In un simile contesto le temperature dovrebbero presentare valori al di sotto della media nelle aree coinvolte da tale circolazione. La dinamica dovrebbe accompagnarci almeno sino al 5 o 6 aprile.




34
Lobi polari a spasso per l'emisfero nord con HP polare  di 1040  :o
Contrasti termici e barici veramente notevoli per il periodo.
Bombolone con articata che sembrerebbe dirigersi verso le aree sud europee occidentali con entrata rodano o carcassonne...
Scenari meridiani estremi all'orizzonte
Monitoriamo laprimavera entrante  ::)
E quest'oggi, sulla falsariga di ieri, sia GEM che ECMWF (con il benestare di GFS) rilanciano in maniera assai spettacolare... 1070hPa sulla Groenlandia, hp polare in sviluppo... Scenari barici quasi estremi all'orizzonte...  :o
[mmg]5187[/mmg]
[mmg]5188[/mmg]
Tutte fantasie di qualche run estremo...? Basta buttare un occhio alle ENS di Reading per capire che questi contrasti termo-barici sono assai verosimili, nonostante la distanza temporale ancora notevole...  8)
[mmg]5189[/mmg]

35
Gfs 00 ... Rodano style .. :-*

36
Tutti presi ad inseguire le dinamiche della retrogressione gelida, sfuggono mappe a lungo termine che lasciano, a dir poco, senza parole...
A 240 ore GFS e ECMWF sono uniti a prospettare scenari barici incredibili, rari a vedersi, con addirittura abbozzi di formazione di un hp polare (per Reading) a smembrare un VPT con reiterati affondi meridiani anche severi per il mese di aprile...  :o
[mmg]5180[/mmg]
[mmg]5181[/mmg]
È da un pò che lo sottolineo, occhio...

37
Saluti
Piemonte come sempre tagliato fuori :-[
Chiaramente il flusso orientale in arrivo è freddo e secco, trattandosi di aria continentale (se si esclude un certo effetto staü possibile nelle zone esposte a queste correnti). Oltre a questo è difficile sbilanciarsi in tal senso. Perchè è difficile prevedere quale potrà essere la reazione del Mediterraneo appena la goccia fredda dilagherà sul nostro Paese. In questi casi la formazione di una depressione da contrasto potrebbe essere verosimile ma è impossibile la sua precisa collocazione spazio-temporale (anche a poche ore dall'Evento) e, soprattutto, prevedere quale potrebbe essere la sua evoluzione... Monitoriamo.

38
Reading, e non solo, conferma l'impianto barico della prossima settimana con un Evento invernale che dovrebbe portare termiche di tutto rispetto con la -7, -8 ºC estese a buona parte dell'Italia centro-settentrionale. :o
[mmg]5160[/mmg]
E attenzione perchè, come temevo, potrebbe non essere finita qui. Dal grande nord covano sottotraccia (ma neanche troppo velatamente) nuovi affondi meridiani, figli di un VPT in fase di smembramento e di una corrente zonale che, di riflesso, allenterà la presa permettendo alla w2 di compiere la sua ficcante azione...  8)
[mmg]5161[/mmg]
Possibilità di riuscita di una simil reiterata dinamica? Non poche se si osserva la mappa ENS dello stesso modello... ;)
[mmg]5162[/mmg]

39
alle 13 c'ho un brifinghe ni'pollaio  ;D

40
quel che mi fa specie (come alle galline  ;D) gl'e' la 240 di ecmwf  :-X :-X
allora parlando seriamente,qualche ballettino ci sarà perché l entrata è di difficile lettura.,quindi il dopo è tutto da vedere,però c è un grosso rischio che apra la strada a roba corposa..ma intanto monitoriamo questo missile incaxxato  ;D

41
Alla carrellata modellistica aggiungiamo anche JMA che ricalca quasi alla perfezione la dinamica già tracciata dagli altri modelli, con addirittura l'isoterma -12 ºC a puntare l'arco alpino a 100 ore...  :o
[mmg]5147[/mmg]
[mmg]5148[/mmg]

42
Reading 12z mette il sigillo a un Evento tardo invernale significativo che vedrebbe l'isoterma -9 ºC sfondare già a 96 ore in Valpadana. La mappa emisferica mostra tutta la spettacolarità di una dinamica che in tempi recenti si è fatta sempre più rara...
[mmg]5146[/mmg]

43
Anche questa mattina i principali modelli confermano il progressivo riassetto barico atteso in terza decade. Una dinamica che avrebbe i primi vagiti intorno alle 100 ore e che nelle successive 72-96 ore porterebbe ad una configurazione di tipo Scand+, con tutte le conseguenze che un assetto di questo tipo porterebbe. Un primo passo che potrebbe aprire la strada verso scenari futuri ancora più spinti...
In epoca di covid-19 gli appassionati vivono anche di queste piccole cose...  ;D
[mmg]5113[/mmg]
[mmg]5114[/mmg]
[mmg]5115[/mmg]
si questa dinamica sembra in tasca ma ancora da decifrare sia l’evoluzione successiva tropo- strato che gli effetti sulla penisola ...  :)

44
Anche questa mattina i principali modelli confermano il progressivo riassetto barico atteso in terza decade. Una dinamica che avrebbe i primi vagiti intorno alle 100 ore e che nelle successive 72-96 ore porterebbe ad una configurazione di tipo Scand+, con tutte le conseguenze che un assetto di questo tipo porterebbe. Un primo passo che potrebbe aprire la strada verso scenari futuri ancora più spinti...
In epoca di covid-19 gli appassionati vivono anche di queste piccole cose...  ;D
[mmg]5113[/mmg]
[mmg]5114[/mmg]
[mmg]5115[/mmg]

45
Confermato imponente riscaldamento in sede polare, alla quota isobarica di 10hPa, già sotto le 200 ore. Occhio ai prossimi run, continuo ad aspettarmi, in ultima decade, un bel terremoto modellistico... 8)
[mmg]5112[/mmg]

46
E intanto alla superficie isobarica di 10hPa, confermato imponente riscaldamento, in sede polare, già sotto le 200 ore... 8)
[mmg]5111[/mmg]

47
Grazie Ponente: se hai dei link di ricerca postali pure oppure mandameli in messaggio privato. A tua discrezione e con il tempo a tua disposizione, ovviamente.
Cordiali saluti.


Un piacere...figurati!   :) Intanto ti/vi lascio questo link con altri spunti su altri vulcani...

http://aldopiombino.blogspot.com/2014/02/un-nuovo-vulcano-candidato-per-levento.html

interessante approfondire osservando anche come ci furono forzanti maggiori, come già sospettato oggi, a scataneare il vulcanismo..   con calma posterò altri spunti! Saluti!

48
Ciao ..stamani ho fatto una veloce ricerca ed emerge che in quel periodo (V sec. dc) ci furono diverse eruzioni vulcaniche potenti...
ma tra le più indiziate di quel periodo di forti stravolgimenti climatici ci fù l'eruzione del Ilopango, lago vulcanico di El Salvador.  ;)

49
Le mappe convergono sempre di più verso il reset barico ipotizzato in ultima decade. Imperiosa azione a carico della w2, con blocco della corrente zonale, elevazione dell'hp verso le alte latitudini con, in prospettiva, affondi merdiani dapprima dai quadranti settentrionali poi addirittura orientali qualora andasse in porto una configurazione barica scand+.
Eloquenti le mappe che GFS seguita a sfornare da giorni, già a distanze temporali sotto le 200 ore.
[mmg]5105[/mmg]
Fantasie di qualche run fuori dal coro?
Basta buttare un'occhiata alle ENS per capire che l'attendibilità di una simile configurazione barica è assai elevata (l'allineamento modellistico, infatti, appare notevole, nonostante la distanza temporale).
[mmg]5106[/mmg]

50
Ponente , io da par mio ti posso allegare questo, meramente in chiave storica :
"Cassiodoro, nell’epistola 25 delle Variae (datata tra il 534 e il 537), parla di un sole attenuato, bluastro, che non proietta ombre, di uva che invecchia acerba.
Procopio di cesarea, nel libro secondo della Guerra Vandalica, racconta che nel decimo anno del regno di Giustiniano (537) «il sole mandò luce senza raggi, alla maniera della luna, per l’intera durata dell’anno, e sembrò del tutto simile a un’eclisse»

Pagine: [1] 2