BACHECA ANNUNCI

VISITATE LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK!

Sono riaperte le iscrizioni al forum! Per registrarsi gratuitamente cliccare QUI

Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - Cumolonembo

Pagine: [1]
1
Farei notare che questa e' la stanza dei lamenti,per cui commenti contro i lamenti non sono accettati. Qui si frigna e basta.  ;D ;)

2
In Puglia ha piovuto per via delle continue goccette mediterranee che si infilavan sotto la pancia del megaHP euromediterraneorussascandinavatlantico. Non mischiamo due concetti ben distinti.

Le confutazioni? Ma dove? Su freddofili.it forse?  ::)

Per favore nix ( e non solo te) limitiamoci a commentare le carte, senza entrare troppo nei pareri soggettivi, ricordo che siamo il forum migliore d’Italia, e tanti ospiti giornalmente leggono queste stupende pagine.
Non ci riduciamo ai chiacchiericci da bar.
Non abbassiamo il livello delle discussioni.

Io stesso mi sono appassionato leggendo questo pagine in passato, perciò, per favore, evitiamo inutili polemiche.





Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

3
In Puglia ha piovuto per via delle continue goccette mediterranee che si infilavan sotto la pancia del megaHP euromediterraneorussascandinavatlantico. Non mischiamo due concetti ben distinti.



Le confutazioni? Ma dove? Su freddofili.it forse?  ::)
Io non ho mai letto nulla su freddofili.it riguardo i dati sulle fascie climatiche anzi in generale è un sito che frequento poco, comunque  io ti ho fatto diversi esempi non ho parlato solo della puglia, potrei parlarti del lazio e dell'umbria o della sardegna o della liguria per quanto riguardo le pioggir oppure dell'intrusivita del getto polare in america occidentale o sul giappone o su altre porzioni del globo dove gli eventi freddi aono aumentati ma alla fine cambierebbe poco...la sintesi è che semplicemente tu hai ragione e gli altri torto.

4
Studi scientifici facilmente reperibili su internet avevano prospettato un inalzamento delle fasce tropicali di circa 30 km ogni decade a partire dalla metà del secolo scorso, questa previsione è stata confutata nell'ultima conferenza climatica...il risultato è  stato più o meno ambiguo a secondo di quale parte del globo si prendeva a parametro. Se ci rifletti nix in una porzione di territorio relativamente piccola come l'italia negli ultimi anni ci sono stati esiti diversi, in puglia diranno che il tropico si sta allontanando ed in toscana che si sta avvicinando. Lo stesso discorso si può fare con le tanto agognate pioggie...sappiamo benissimo che una porzione di territorio toscano lamenta una siccità preoccupante ma se parli con un campano o con un pugliese il 2018 passerà per un anno particolarmente piovoso...in sintesi e la generalizzazione partendo da una situazione specifica territoriale che non condivido e non credo nemmeno che la causa dei "mancati eventi nevosi" sia semplicisticamente l'innalzamento delle fascie tropicali ma invece le cause siano molteplici  ...
Ps qui a firenze piove e fa freddo...quindi è autunno!...

5


 Dai grafici si nota chiaramente come le fasce climatiche  hanno subito uno spostamento  verso nord.[/b]
Ale la scala non è ugual, ma soprattutto come ti è stato suggerito sarebbe opportuno prendere in esempio campioni trentennali. ;D

6
E comunque la cosa che contesto a Nix è di aver detto non una cosa sbagliata (se lui intendeva dire che i geopotenziali sono aumentati ha evidentemente ragione) ma di aver (credo volutamente) fatto confusione tra due piani. La mancata tenuta dell'ATL-blocking deriva evidentemente da ragioni di natura fisica interne al VPT, non dall'aumento del geopotenziale... il lungo termine di GFS tra l'altro mostra un fronte polare che si dispone in perfetta media rispetto al mio plot (periodo 1945/2017). Praticamente è come dire: che oggi (in ipotesi 18 giugno 1815) Napoleone è stato sconfitto a Waterloo = tempo fa (14 luglio 1789) c'è stata la presa della Bastiglia... La storia della meteorologia è la storia di un processo che in minima parte è finalizzato e in massima parte è assimilabile a un processo stocastico. Quindi non posso trovare ragioni "storiche" per ogni evento attuale... altrimenti sconfino nella pseudoscienza...

7
Buona serata a tutti. ORA io non sono un esperto e non ne capisco nulla di tali dinamiche, tuttavia se osserviamo bene dove passava la 560 dam nel 1980 e dove  è passata  nel 2017 potremo capire molte cose. Da notare anche la 580 dam dove passava nel 1980 e dove è passata nel 2017.  Di seguito 2 plot relativi alla media dell'intero anno 1980 e intero anno  2017 riferiti all'altezza geopotenziale di 500 hpa


 Dai grafici si nota chiaramente come le fasce climatiche  hanno subito uno spostamento  verso nord.


Ciao Ale, ma perché hai preso come esempio proprio 1980 e 2017? Puo darsi che prendendo come riferimento che so 1982 e 2014  le cose cambino? Domando eh, la mia è pura curiosità  :)

8
Buona serata a tutto il forum di meteodue e sopratutto un grazie e complimenti a tutti per le analisi che ogni giorno fornite a tutti noi .Analisi da cui imparo ogni giorno qualcosa di nuovo .
Tornando alla situazione, da segnalare un nuovo aumento dei flussi di calore che dalla troposfera con ogni probabilità andranno a favorire nuovi disturbi  in sede stratosferica.

Da codesta situazione , secondo me, verso la chiusura mensile potrebbe presentarsi un  primo disturbo in sede stratosferica  facendo tingere di rosso il grafico relativo alle anomalie del geopotenziale a partire dall alta stratosfera.

9
Buon inizio di settimana  :o :o :o

[mmg]3150[/mmg]

....vale poco o nulla vista la distanza temporale... ma almeno visto l'inizio della settimana mi mette di  buon umore. :D :D
Azione ancora a carico di 1 sola Onda(W1) con esasperazione della Wave Mother..:




.. e stazionarietà dell'onda in spinta con conseguente VP schiacciato ed allungato in assetto AD+ vedi VPT a partir dal 27..:



e quote isobariche del VPS medio basse..:





..segno evidente che comunque c'è comunicazione tra i piani isobarici a tutte le quote, e trasmissione in senso T-S con trasporto di momento attraverso i vari livelli isentropici.. sempre ad opera della sola Wave 1..:




..con azione evidente di una sola onda sulle EPV(vorticità potenziali ai vari livelli isentropici..)..:






.. e lo schema non è altro che la risoluzione del dislocamento del VP con Pattern AD+, per via dell'incremento delle velocità zonali(anche se con debole intensità di avvio..)..:



.. e del riposizionamento dei maggiori centri di vorticità potenziali di cui sopra, in travaso o trasporto, da un comparto all'altro, lasciando svuotato quello canadese, tutto per la classica manovra di mantenimento per conservazione del momento angolare, e quindi tentativo di riconquista del polo geografico, cosicché da dare una manovra di rotazione dell'asse del VP sull'intera colonna, per spinta dell'Onda Madre e risoluzione finale in assetto AD(Dipolo Artico).
 
 In questa fase la Wave 2(Onda Atlantica) purtroppo appare esaurita, e al momento azzerata, per la ripresa del VP post disturbo con azione intrusiva della Wave 2 e convergenza verso lo Scand+ di questi giorni.., così come descritto sopra per passaggio dei centri di vorticità proprio attraverso l'area di origine e manovra dell'onda atlantica..:



 Il seguito lo si vedrà oltre la risoluzione dell'AD+, dunque non prima dei 10-15 giorni.. ma ovviamente subito dopo il rimbalzo successivo del S-T per cui si vede un VP in fase comunque di chiusura, anche se in maniera destrutturata ed allungata per assetto ad AD.

 Quindi, la prossima azione, post risoluzione.. vedrà nuovamente la ripartenza dell'Onda Atlantica, per un successivo tentativo d'intrusione, e disturbo sempre nelle aree di maggior anomalia di GPT, con ferita dello Scand+ semipermanente.. e ulteriore rimbalzo del disturbo in ascesa, con azione T-S e trasporto di calore ulteriore, e con ripresa appunto dei flussi.., e nel frattempo si sarà messo in opera un forte campo di altapressione termica in area Siberiana, dovuto al potente raffreddamento verificatosi con l'azione di dislocamento del VP, e con assetto a Pattern AD+.. questo fa si che, il forte campo di Alta Russo-Siberiana, generi un alto gradiente termico, con disturbo a carico anche dell'Onda Madre, già in azione persistente per via della sua esasperata stazionarietà precedente, e aumenteranno ulteriormente gli attriti per VP sempre più ellitticizzato e malleabile a qualsiasi intrusione d'onda a seguire.. specie di quella Atlantica.. ma saremmo già in Dicembre inoltrato.. ::)
 A quel punto inizieranno i giochi di assedio al VPS, con diversi Upper Warming sempre più forti ed incisivi, e per cui porterà al collasso prevedibile del VP nei giorni a cavallo tra l'ultima decade di dicembre e prima di gennaio.. il rischio, nel frattempo, resta comunque sempre quello di un ulteriore riapprofondimento del VP, con VPS in estremo tentativo di SC, e invece un VPT in chiara situazione di destrutturazione, per ferite ed anomalie troppo evidenti e condizionanti, e per cui il VPS non riuscirà più ad implementare, e successivamente imprimere, l'inerzia giusta per un azione da TST event Cold.. bensì sarà la Troposfera che comanderà i giochi con un più probabile TST event, ma di tipo Warm questa volta.. proprio grazie ad una Siberia in forte espansione termodinamica, per via del potente raffreddamento durante tutto questo periodo trascorso. ;)

 Insomma non ci annoieremo affatto.. :o

10
Sì, è normale che compaia già un forte grado di ellitticizzazione del VPS ad inizio Dicembre.

Questa dinamica potrebbe infatti essere favorita dalla forte spinta dell'onda Pacifica, un 1wave number pattern che non escludo possa gradualmente diventare un 2 waves number pattern, con la 2^ cresta d'onda sul settore Scandivavo:





Per capire il grado di resistenza nella rotazione del VP in AD+ è doveroso scendere in Troposfera, dove la forte ed anomala espansione del SH esaspererà il gradiente orizzontale, forzando una divergenza del getto sul settore Europeo, che renderà molto difficile il lavoro ad una sola onda  ::)

A tal proposito stamani tutti i clusters GFS vedono un tracollo dello zonal wind sui 60°N già nella 1^ decade di Dicembre, a testimonianza che la dinamica inquadrata ormai molto tempo fa,  è stata tutt'altro che un volo pindarico senza paracadute  ;)




11
Io intanto volevo chiedere gentilmente a Luca de puo' dirci ancora "sono un po' preoccupato credo a fenomeni intensi". Ti prego Luca ne ho bisogno ;D
Entro fine mese avremo indicazioni precise.. al momento è davvero difficile definire con certezza e precisione gli impatti di eventuali irruzioni e colate.. e le interazioni che si avranno con le ingerenze basso atlantiche. ::)
Abbiate ancora un po di pazienza e aspettiamo ulteriori conferme riguardo al comportamento con botta e risposta tra VPT vs VPS..  ;)

 Dico solo una cosa.. di certo non ci annoieremo e ci sarà da divertirsi a più riprese.. in alcune occasioni direi anche troppo.. ;D

12
Domanda per @Cloover se riesci a rispondermi.

Ho letto anche su altri lidi che qualcuno paragona la situazione generale a quello che fu dicembre 2009, quindi: tu che speri in dicembre condividi questa cosa o per te è solo una suggestione??

Grazie :)

p.s.
possono rispondermi anche altri eh cmq, ci mancherebbe :D

Su Dicembre mi sono sbilanciato ormai molti giorni fa con previsione grafica.... Secondo me partiamo subito con buone potenzialità, a causa di una spiccata instabilità del getto.
Nel particolare la fase i NAO- non mi pare possa andare in risoluzione facilmente, con un quadro termico a mio avviso già compromesso(Siberian high).
Riguardo al 2009 può esserci qualche similitudine sicuramente(soprattutto riguardo il grado di ellitticizzazione del VP/ SH), ma non amo fare paragoni col passato.
Mi attendo la tendenza a zonal blocking nel corso del mese.... Buona serata  ;)



13
La MJO per GFS inizia ad essere interessante:



 ;)

 Riallaciandomi alla fase MJO prevista, e con una magnitudo medio/alta in Fase 8 e sostanzialmente alta prevista in Fase 1.. possiamo Plottare lo schema circolatorio delle anomalie dei GPT, con l'accoppiamento dell'indice ENSO previsionale per il mese di Dicembre, così come da tabelle MJO di MeteoNetwork..:

 - nel primo Plot di reanalisi di seguito,  abbiamo con affidabilità medio/bassa, una MJO in Fase 8 associata ad un NINO(Enso positivo), per cui Dicembre evolverebbe con le seguenti anomalie di GPT a 500hpa nel campione storico trentennale 1981/2010..
 


 
 - nel secondo Plot di reanalisi di seguito, abbiamo con affidabilità medio/bassa, una MJO in Fase 1 associata ad un NINO(Enso positivo), per cui Dicembre evolverebbe con le seguenti anomalie di GPT a 500hpa nel campione storico trentennale 1981/2010..




 Dunque, salta subito all'occhio, come sostanzialmente le anomalie previste, vengono quasi a coincidere con quelle analizzate qui da noi, soprattutto da Filippo.. :


 
.. e sovrapponibili al Plot egregiamente prodotto da Jack81 sopra..:



..e si predispongano secondo uno schema circolatorio prettamente in media negativa dei 2 indici maggiori descrittivi AO e NAO assumendo un Pattern ATL/EUL a SCAND+ semipermanente..:


(immagine del Plot gentilmente concessa e divulgata da meteobisignano)


Per cui, riassumendo in ordine di Pattern e combinazione risultante, si ha..:

ATL: geopotenziali atlantici bassi, con bassa pressione in atlantico e Oscillazione Nord Atlantica negativa, per anomalie positive in Nord-Atlantico(Artico Groenlandese,Islandese e Scandinavo), caratterizzata dalla presenza di un VPT piuttosto basso e poco vivace se non frequentemente frammentato.., oppure in situazioni di forte attività del VPT, con area depressionaria posizionata tra l'atlantico e l'Europa Centro-Occidentale, che manterrà un vivace flusso umido ed instabile occidentale, con possibile instabilità su ovest europeo e alte pressioni di radice sub-tropicali in senso meridiano verso la penisola Iberica e l'Europa Centro-Orientale, combinato a fasi anche miti.. possibilità di maggiore ingerenza del flusso umido basso ed instabile atlantico, sui settori più occidentali e nord-tirrenici dell'Italia.. affinché si verifichino le condizioni sopra esposte, è necessario che vi sia un PNA neutro o debolmente negativo, ovviamente con NAO- e AO-.. e direi che fin qui a grandi linee ci siamo.. ;):





SCH: Scandinavian pattern positivo, contraddistinto da un Ridge alto atlantico, di alte pressioni estese dall'Europa Settentrionale, posizionate tra nord atlantico e Scandinavia con estensione verso l'Europa Mediterranea, o Centro-Orientale, in senso longitudinale, o diagonale.. conformemente associato al ponte altopressorio, legato alla radice sub-tropicale.. ad EA- piuttosto alto.. e differenziate, di tanto in tanto, da pattern SCAND+ medio-alto... a formare un pattern di tipo Rex-Blocking, con la presenza di alta pressione posizionata a semi-blocco dalle correnti atlantiche, o nord-atlantiche, e che proverrebbero comunque da ovest.. la presenza di un'area di bassa pressione posizionata tra l'Europa Nord-Orientale e Russo-Scandinava, tuttavia sormontata da un Alta termica di origine siberiana, o artico-polare scandinava.. soprattutto durante la stagione invernale per cui ci interessa principalmente da vicino.. come portatore di gelo intenso su gran parte dell'Europa Centrale e non solo, talvolta anche l'Italia se grossomodo ben strutturata.. e con propensione alla nascita di alta pressione scandinava per naturale evoluzione in BLN/EUL.. e le condizioni in cui si può verificare tale pattern sono pressoché complesse: per cui si avrebbe PNA positiva.. AO--.. NAO-, con discreta azione della MJO in fase 4-5 ad evolvere in fase 6-7-8 con QBO-.. e direi che anche qui a grandi linee ci saimo.. ;)

..ed infine..

EUL: con area di bassa pressione posizionata sull'Europa Centro-Meridionale, Italia compresa.., e alte pressioni a nord e ad est, od ovest.. e più raramente alle medio-alte latitudini..
 l'European Low si verifica con PNA+, AO-/AO--, NAO--- NINO like(o Modoki), NINA like e quindi deboli.. QBO+.. ed anche in questo caso, considerando il passaggio in transizione, seppur debole, della QBO da un segno all'altro, e con ordine a partir dalla QBO 30.. e un PNA oscillante tra negatività neutralità e positività, direi che a grandi linee ci siamo.. ;)


 Dunque, riassumendo.. si potrebbe tuttavia considerare un'ottima combinazione di dati, stando alla tipologia Invernale per cui le anomalie e gli indicatori, si stanno predisponendo per un favorevole imprinting ereditato e conservato dal Reversal consolidato a fine Inverno scorso.. e la risultante porta ampiamente ad una evoluzione tipica seguente..:
 
 AO---/NAO-- (-)stile '85, '56,'29 etc.. :o pattern SCAND+ ma anche il rischio, come quest'anno, per via della presenza del NINO(ENSO positivo), ma con debole o moderata intensità, ad orientamento occidentale stile Modoki e ad esasperazione del tripolo ATL/EUL in via di cambio segno, dovuto alla rimodulazione ed assorbimento dell anomalie SST atlantiche, in chiaro contesto da imprinting del Reversal, e con moti antizonali, per cui una QBO 50 orientale imprime nella circolazione sulla medio bassa Stratosfera e Alta Troposfera.. e sparate alle medio-alte latitudini e conseguentemente ad un flusso umido, mite ed instabile, per ingerenza basso atlantica. ;)

 Concludendo, mi preme con Grande Orgoglio mio personale..;D dover quotarmi, in una mia prima Analisi(Pour Parler) datata a metà Agosto scorso, e su cui ho basato tutta la mia partenza analitica di primo approccio per il mio personalissimo Outlook di fine Autunno ed Inizio Inverno..:

http://meteodue.it/index.php?topic=13915.0

http://meteodue.it/index.php?topic=13915.msg668892#msg668892

 8)

Scusatemi di questo mio piccolo vanto.. :P :-[ di solito sono una persona abbastanza umile e di pacato orgoglio.. ma questo lo considero un primo piccolo traguardo alla mia crescita personale, e di cui mi preme, e voglio, condividere con tutti voi! :)




14
Cari feticisti della neve , lustratevi gli occhi di fronte alla maestosità di una  configurazione che vede il Vortice Polare semplicemente smembrato, la spettacolarizzazione di un evento in cui si è creduto senza tregua in queste lunghe settimane, la giusta ricompensa visiva alla nostra infinita passione.

Sole 150h ci separano da un reversal pattern che è degno di entrare nella storia Meteorologica, nei manuali della meteo, per l'innesco prepotente ed inarrestabile di un'onda Atlantica che trova linfa vitale da un nuovo assetto del Vortice Polare, un grado di ellitticizzazione che nei prossimi giorni toccherà livelli soltanto immaginati in questi ultimi anni.

Rullo  di tamburi,  frastuono di campane, suonano le trombe.... La meteorologia scende dal piedistallo e diventa poesia, il sogno diviene realtà, la realtà piacere:






15
Mi ricordo ancora quando Milano era tappa fissa della coppa del mondo di Sci alpino, sci di fondo trampolino! La neve non mancava mai! ;D

16
Sei matto se pensi che mi metta a leggere 4 paper in inglese
Estrapola come ho fatto io  :D
Il problema è che il paper da cui hai estrapolato ha un titolo in cui si parla di "proiezioni" di "persistent extreme summer weather events": il che vuol dire che c'è una tesi e poi successivamente si cercano prove per confutarla, tra l'altro modelli che mostrano un output futuro con input che non sappiamo se saranno reali anche in futuro. Un bell'esempio di cherry picking.

L'estrapolazione che hai effettuato parla di riscaldamento globale? No nix, si discute dell'Arctic Amplified Warming e delle proiezioni fatte dai modelli, io invece sto parlando del passato e del presente in cui tutti sanno che lo strato di ozono è più o meno spesso secondo il tipo di radiazione solare (la concentrazione di elettroni è variabile).


17
 Sta precipitando tutto subito e troppo in fretta.. mi sa che si anticiperanno i tempi e che assisteremo a scenari davvero inconsueti e situazioni di una precocità disarmante.. il bello è, che il gran raffreddamento, sia del comparto Russo-Siberiano ed Asiatico, che di quello Europeo di conseguenza.. determineranno assetti barici, e Pattern reiterati e persistenti, che credo non ci siano eguali nella Storia Meteo recente e moderna.. e forse nemmeno nel passato più remoto.. ::)
Vi sto parlando di situazioni Strato-Troposferiche, che vivono, in concomitanza, andamenti climatici e repentini escursioni isotermiche, con importanti squilibri termodinamici dettati appunto dalle forte anomalie in gioco, e prima di tutto da quella Artica..
 Il fattore Solare(minimo del ciclo, e probabilmente di un lungo trend di cicli a bassa attività..) tuttavia, resta l'indiziato primario a tale riassetto dei Pattern Atmosferici, con il dovuto Feedback di cui stiamo vivendo a partir dallo scorso fine inverno.. una situazione pressoché paragonabile agli anni a cavallo tra la fine del XIX° secolo e l'inizio del XX° secolo, quando a far da traino al periodo climatico di quei decenni, ci fu indiscutibilmente l'andamento di bassa attività solare associata.. che dir si voglia, hanno una sovrapposizione con il Ciclo ancora in corso e in via di esaurimento. ;)

 Direi che siamo arrivati sicuramente alla soglia di un grande mutamento o cambiamento climatico legato agli andamenti stagionali in se.. si assistono estremizzazioni, proprio dovute a questo riassetto dei Pattern legati principalmente alle dinamiche solari, che non a caso modulano la nostra atmosfera attraverso le radiazioni cosmiche e l'irraggiamento diretto sugli oceani e mari Artici.

 Il fattore più aggressivo, in questo periodo legato appunto a questi anni di transizione verso un nuovo ciclo climatico.. è certamente la correlazione ascritta al recente periodo di GW, sostanzialmente conseguenza dell'Optimum Moderno, trascorso in seno ai forti Cilci di Massima Attività solare del XX° secolo.., ed il processo di cambio repentino delle anomalie associate all'ondulazione verso il periodo, appunto, delle fasi cicliche solari di minima attività a cui stiamo iniziando ad assistere.
 Un quadro Cosmico-Solare-Planetario, che va a modulare tutta una serie di circolazioni termodinamiche degli Oceani, e Atmosferiche dei centri Barici, con una sorta di gamma di Feedback in risposta ai processi di ondulazione ciclica che creano una Mix Esplosivo proprio durante gli anni di cambio climatico.

 Molto probabilmente le conseguenze sono appunto ciò che assistiamo nei fenomeni estremi meteorologici sia locali circoscritte, che su più larga scala.. e non immagino cosa possa esserci a breve, e nel prossimo futuro, con tutto il riposizionamento delle anomalie e le risultanti dei Pattern che ne conseguiranno.. certo che il riequilibrio termodinamico ci sarà e non vi è alcun dubbio, ma prima di allora, lo scossone a tale riequilibrio sarà davvero notevole e traumatico per molti.. per cui si assisterà a situazioni meteorologiche con un certo dinamismo(nulla a che vedere con il passato degli anni recenti..) fuori dalle righe, e spesso i contrasti maggiori avrann conseguenze tutt'altro che scontate e prevedibili. ::)

 Direi che la situazione si sta facendo seria ed importante.. un certo allarmismo mi sta pervadendo da un po di tempo. :-X ???

18
Io Cloover l'avevo capito che eri super ottimista..... Non avevi bisogno di Smutandarti anche perché nella meteo sei un marziano ma da nudo l'unico che potrei vedere di voi senza vomitare è il big....😂😂😂😂😂....poi è un mio corregionale e l'anno scorso mi ha mandato foto della neve da lui.... E ne aveva fatta parecchia.....

 :D :D




scusate l'intrusione

19
Rinnovo la mia richiesta di munire il forum del tasto “nascondi utente”  ???

20
Ammettetelo avete paura. Non c'è niente di male.

21
Ma per favore , abbozzatela, mi sembrate delle checche isteriche stole Malgioglio al gf vip.

Detto ciò che venga anche una 0, basta che almeno per un po’ finisca questo scempio.


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
nel novarese ci deve essere un centro ultrà del globalwarming  ;D

comunque questo topic avrà vita breve  ;D

23
Mi metteresti le fonti a cui ti ricolleghi?
Soprattutto il passo in cui dici che il riscaldamento  della troposfera è causato dagli elettroni in mesosfera che mangiano l'ozono
non c'è da fare nessun collegamento a fonti...è noto alla scienza che la presenza di ozono dipende dal tipo di radiazione solare

24
Ok. Questo mi torna già di più.
Difatti ciò che ha scritto Cloover riguardo all'opportunità dello sfondamento del NAM è insensato.
Però il fatto che l'aumento delle velocità zonali favorisca l'approfondimento delle onde è anche questo un assunto fragile. Proprio in virtù della conservazione della vorticità potenziale, il vostrice tende a contrarsi e non rilassarsi...

Certo, è insensato come i processi fisici che hanno generato il Febbraio '56 , il Gennaio 2016, il Febbraio 2009 o il Febbraio 2018...Tanto per dirne alcuni. La verità è che il NAM non è soltanto +1.5 e -3 , ma è molto di più. Bisognerebbe avere l'umiltà di studiare prima di fare i professori.




25
Viene spiegato ben poco come hanno fatto notare alcuni utenti.

Aggiungo che se si discute di impotenza delle Rossby si dovrebbe parlare solo della circolazione a 300 hPa che non è cambiata, circolazione tra l'altro che determina la formazione di anticicloni e cicloni.
Invece si parla come al solito di temperature -5 -10 vicino alle Alpi, Pianura Padana, in un ventennio in cui il riscaldamento globale è riconosciuto da tutti come una realtà, in cui gli oceani sono superficialmente più caldi e in cui la Pianura Padana dovrebbe essere maggiormente colpita dal riscaldamento con la presenza dello scudo alpino nei confronti delle correnti setttentrionali e con la presenza a sud di un più caldo Mar Mediterraneo.
Le Rossby stanno disegnando a 300 hPa qualche tipo di andamento differente dal passato?
A me sembrano più potenti che in passato, difatti tutte le volte che faccio la reanalisi Noaa l'intensità del vector wind è più intenso che in passato: tenendo conto che la bassa stratosfera è in continuo raffreddamento, mentre la bassa troposfera subisce un riscaldamento, quindi in teoria diminuiscono gli scambi tra i due strati atmosferici.
Ergo l'aumento di intensità delle Rossby è un aumento dovuto ad una velocità aumentata di riequilibrio termico dell'atmosfera che ha subito un trend di aumento di temperatura superficiale.
Il riscaldamento globale troposferico è dovuto al depauperamento dell'ozono che è provocato probabilmente dall'aumento della concentrazione di elettroni in mesosfera.
Infatti una concentrazione più alta di elettroni causa una maggiore ossidazione da parte dell’ozono o dell’ossigeno degli ioni meteorici ablati.



26
Aggiungiamo anche la teoria per cui con un basso geomagnetismo tendiamo ad avere blocchi su NATL/GB/SCAND.
Ovviamente NAO-.

p.s.: l'enstusiamo medio che si sta generando è che alcuni fattori positivi (descritti perfettamente da Filippo) stanno modulando rapidamente altre letture TLC.
E soprattutto il determinismo di lungo termine palesa decisamente alcune dinamiche a tinta quasi "sconce"......

27
Se procede come nelle previsioni.. tra Natale e Capodanno salteremo sulle sedie dei cenoni e potremmo assistere ad un Evento con la "E" da far impallidire qualche annata storica.. sarà una lunga fase reiterata e Very Strong, con Gennaio e Febbraio pieno di occasioni di ottima qualità. :-X :-*

28
Chi ha seguito fin'adesso avrà capito che il superamento della soglia del Nam non solo è un passaggio obbligato, ma pure necessario.
 A meno che non vogliate un Inverno dominato da onde corte.

29
A volte,ma raramente,si perché la troposfera agisce un po in autonomia.
Se guardiamo gli ultimi dieci anni,abbiamo avuto una prevalenza di situazioni con poca pioggia e sopra media termico fisso

Se parliamo di post 2008 posso essere d'accordo sulla netta prevalenza del sopramedia termico nell'ultimo decennio, anche se poi non è che siano mancati periodi abbastanza lunghi in controtendenza, specie in inverno (gennaio/marzo 2010 o febbraio/marzo 2013). Non sono minimamente d'accordo sul sottomedia pluviometrico, in primo luogo perché il decennio precedente (1999-2008) è stato mediamente meno piovoso di quello 2009/2018, sia per via delle singole annate asciutte (2003 o 2007) sia per l'assenza di mesi significativamente piovosi (con la sola eccezione del 2002) e parlo basandomi su dati rilevati in scala nazionale non prettamente locale. Su scala locale il dato relativo alla piovosità è ancora più evidente: negli ultimi 10 anni qui si sono superati per ben 4 volte i 2000 mm/anno e, seppure non sia mancata qualche annata con sottomedia pluvio rilevante, ti posso dire che, su una media (ultra cinquantennale) che sfiora i 1700 mm/anno l'unico anno davvero anomalo per siccità forte e conclamata (molto al di fuori di ogni deviazione standard) è stato il 2017 con 995 mm di cumulata annua, seguirebbe nella classifica delle siccità importanti il 2005, con 1177 mm ma allora non ricordo tante lamentele sui forum meteo, quante ne ho viste per la supposta siccità del 2018, ossia in un anno che praticamente non ha connotati siccitosi in nessuna porzione del territorio nazionale. Posso pure garantirti che sono abbastanza vecchio da ricordarmi che 13 anni fa gli utenti dei forum meteo erano più numerosi di quanto non siano oggi.

Tanto per darti un termine di paragone tra l'attuale "decennio asciutto" e ciò che lo ha preceduto ti posso dire che, di anni con cumulate pluvio superiori ai 2000 mm, qui se ne sono visti solo un paio nei '90 (1993 e 1996) uno solo nei primi 7 anni del XXI secolo (2002), nessuno negli anni '80 (ci si arrivò vicini solo nel 1984) e "solo" due negli atlanticissimi anni '70 (1970 e 1978). Questo volendo basarsi su dati oggettivi e non su semplici impressioni. L'andamento attuale rispecchia quello delle annate piovose, in cui uno o due mesi in controtendenza possono capitare, nel 2014 lo furono aprile e settembre, nel 2018 lo sono stati giugno e settembre. Alle volte ho l'impressione che nei forum meteo la gente sia così "innamorata" delle proprie medie che prentenda davvero che ogni anno o ogni mese tendano a ricalcare i valori clino trentennali (oppure che se ne discostino per difetto). Bene, basta leggersi un po' di serie statistiche per confermare come le medie siano prodotte dalle composizioni di anomalie di carattere opposto, il che vorrà dire, in fase di riscaldamento climatico, locale o generale, permanente o temporaneo, che le anomalie termiche positive tenderanno (a volte di moltissimo, a volte di poco, qualche volta di nulla) a prevalere sulle negative...

30
Non sono ammesse le polemiche e per i lamenti, c'è il post apposito.

Grazie

31
Magari anche le temperature normali perché sto scirocco ha rotto gli zebedei.
Ho più di 21 gradi e sono le 11.30

Mi scuso per l'OT ma ho da capire qual è il problema...C'è tempo discreto, son 21 gradi. Non si suda certo. Che ti cambia se scende di 3 o 4 gradi?
Sto parlando sul serio eh, non per fare polemica. Che vi cambia se è un po' sopramedia in un periodo in cui non fa danno (come invece d'estate, quando si crepa di caldo, o d'inverno, quando ci impedisce di veder nevicate in basso e purtroppo a volte pure in alto)?
Io son contento di 'sto tempo...si incamera acqua per le falde che fa sempre bene...si tiene spento o si accende pochissimo il riscaldamento...magari nascono ancora un po' di funghi. Non trovo nulla di cui lamentarmi sul piano pratico (semmai son nel cuore a chi ha subito danni da vento ed alluvioni).
Boh...duralla disse quello!
A me continuasse così sino a metà mese farebbe soltanto piacere. Il freddo lo voglio da dicembre in poi, quando serve.
 :)

32
Vero... Ormai non ci faccio più caso...  ;)
è fondamentale farci caso per andà a funghi. ;)

33
Sì, come no... credici  ;D

Se anche tornasse un pattern uguale a quello del gennaio 1963, arriverebbe una -10 e durerebbe al massimo una decina di giorni.
Del resto, la dimostrazione sta nello scorso anno...è servito lo split del secolo per avere gelo per una settimana.
Un po' come dover sborsare diecimila euro per una sveltina con una escort che non è nemmeno un granchè
Nix abbiamo una Stratosfera molto più fredda del 1962/63, quindi un pattern stratosferico come quello bisognerebbe invece pregare di non averlo basta andare a vedersi l'emisferica a 10 hPa.. ;D



sei te Nix che ci insegni quanto calore ci sia in troposfera, basterebbe un upper warming senza scomodare grandi eventi stratosferici per fare freddo uguale al 1962/63..hai perso n'altra occasione per... :-X

No ma ha detto che prende in esame solo dal 2013, ben 5 anni di campionamenti ;D
si sa che è uno che va a fondo nello sviscerare gli argomenti.

34
Il maltempo previsto per il primo Novembre ha una genesi interessante che si semplifica introducendo una carta di uso meno frequente. Nella prima carta al suolo della mezza (Z  ;D) di venerdi', in un contesto in cui la nuova saccatura atlantica sembra impegnata a dare maltempo sul mediterraneo occidentale e penisola iberica, dal nulla appare nel canale di sicilia una avvezione calda con fronte di larghezza limitata e con associata linea frontale fredda che segna il limite estremo meridionale della saccatura. Apparentemente il sistema sembra molto scollegato dal resto e poco contestualizzato. 24 h dopo (seconda carta) l'avvezione diretta verso NNE ha gia superato la penisola balcanica e raggiunto l'Austria e il fronte freddo e' diventato un lungo fronte semistazionario di oltre un migliaio di km.
Succedera' a quanto pare che l'azione dinamica associata tra la saccatura e il colosso anticiclonico ad E , cominceranno a risucchiare un canale di aria molto secca dal Sahara ( terza immagine) la quale trovandosi bloccata ad est dal muro anticiclonico continentale secco ma piu' fresco e a ovest dall'aria molto umida e fredda che tenta di avanzare verso oriente, non puo far altro che autospararsi in alta troposfera. Si viene a creare una situazione potenzialmente molto instabile con gradiente di vapor acqueo positivo da aria estremamente secca che scorre su aria fredda molto umida. La quarta carta che mostra la stretta striscia di temperatura potenziale equivalente positiva che ricalca il parimenti stretto canale di avvezione calda ,chiarisce la congettura.
A far passare la sinottica da potenzialmente instabile a realmente instabile, e' il getto che (quinta immagine) con una decisa accelerata funge da cappa aspirante rendendo turbolento questo torrente avvettivo caldo e secco. Tra inizio e fine del processo non sembra passino più di 24-36 h ma nella fase clou potrebbe essere molto attivo e sorattutto poco evolutivo come componente zonale. Va seguito.





35
Link al comunicato NOAA:
https://www.noaa.gov/news/summer-2018-ranked-4th-hottest-on-record-for-us

Noaa scrive che la 2018 è la 4a estate più calda, invece spulciando i dati della serie presenti nel database USHCN:
ftp://ftp.ncdc.noaa.gov/pub/data/ushcn/v2.5/ushcn.tavg.latest.raw.tar.gz
Tutti possono ottenere questo grafico:


Invece il NOAA elabora a suo modo i dati e ottiene questa serie e questo grafico:

ftp://ftp.ncdc.noaa.gov/pub/data/ushcn/v2.5/ushcn.tavg.latest.FLs.52j.tar.gz



Chiaramente tutte le maggiori testate giornalistiche statunitensi hanno riportato la notizia del NOAA e sui dati rielaborati/stimati o come si voglian chiamare..WashingtonPost, New York Times, USA TODAY, ecc..


36
Alcuni run sono potenzialmente alluvionali per le zone sopravvento,specie in settimana prossima. Vediamo come aggiustano.
L'acqua però ora ci voleva,quindi inutile stare a recriminare.
In fondo ,già di suo,il periodo fine ottobre/ novembre è stato sovente occasione di grandi alluvione,figuriamoci ora che si passa da un eccesso all'altro con non chalance.  ::)

37
Tardi per i porcini, buono per i funghi invernali
Boh, c'è tutto novembre ci sta che fanno l'exploit anche loro come le piogge autunnali...

38
Da quando siamo entrat in questo loop... ammanco di ghiacci, aumento delle T globali, nuovo ammanco di ghiacci ecc.
Io sto vedendo tutto  meno che un aumento di intensità delle irruzioni fredde.
Prima che qualcuno nomini il dicembre 2009 e il febbraio 2012, sappia già che io sto parlando del periodo successivo al 2012, ovvero all'anno che ha innescato, con il suo minimo artico, una sorta di "infarto" del sistema climatico.

Da quando è stato detto che gli eventi freddi sarebbero aumentati "grazie" all'Artico in forte deficit, mi è parsa subito una panzanata. Mi pare così evidente che, se diminuisci le riserve di freddo globali, hai più difficoltà di far arrivare il freddo, che  negli anni scorsi non avremmo nemmeno dovuto diventar matti a discuterne. Ma c'era chi ci credeva... e qualcuno c'è ancora, sono pronto a scommettere.
In tal caso, la sveglia suona alle 7 (per alcuni anche prima)... non alle 18  ;D


la diminuzione delle temperature e dei GPT nella stratosfera autunnale inizia (in modo più netto) più o meno a partire dagli anni 2000 di conseguenza anni come 2004-05, 2005-06, 2009-10, 2010-11 sono ampiamente dentro al gruppo..

anche volendo restringere il campo ad anni più recenti segnati da ESE si parte dal 2011-12 (quindi il Febbraio 2012 è dentro), si continua con il Gennaio 2017 (il più freddo degli ultimi anni) e ci troviamo dentro il Febbraio-Marzo 2018 con un episodio medio sui 5 giorni di t a 850hpa tra i più importanti post 1980..e questo per parlare solo del mediterraneo..

oltretutto io non parlavo di frequenza ma di intensità, va da se che in un contesto di VP più forte la freqeunza cala..ma non si possono fare valutazioni sulla base dei propri gusti personali o scegliendosi gli intervalli temporali più comodi..

l'unico altro periodo con NAO positiva invernale paragonabile a questo sono stati gli anni 1987-88/1994-95..se paragoni questi due periodi di VP forte (1987-95 vs 2011-2018) ti apparirà abbastanza chiaro come il deficit di ghiacci in zona kara barents possa fare la differenza a parità di condizioni sfavorevoli:

la t media a 850 per il nord Italia (DJFM) passa da +1,12 del 1987/95 a + 0,58 del 2011/18..3 volte abbiamo una media sotto i -2 negli anni recenti contro 2 negli anni 90 e 3 volte sott i -3 contro 0 negli anni 90..con il Gennaio 2017 6 anno più freddo di sempre, il febbraio 2012 terzo anno e il febbraio 2018 sesto.. ;) [44_46N 8_14E] http://climexp.knmi.nl/get_index.cgi

39
Grazie Roberto, sempre gentilissimo!

I forecast stanno annusando il cambio di pattern, ma ormai per questo post si tratta già di "passato".
 Doveroso analizzare nei prossimi giorni, nelle apposite sezioni , la possibilità di eventi alluvionali che al momento non si possono purtroppo escludere.

Quest'oggi  voglio invece riportare la "curiosa" proiezione by NASA, che in anni passati ha evidenziato alti e bassi marcati nelle proprie performance, ma che rimane pur sempre un modello di riferimento.

Stupisce la forte discrepanza con CFS e Accuweather:





La proiezione lascia pochi dubbi, NAO negativa:



Un tipo di circolazione che favorirebbe occasioni per nevicate anche importanti specie  al centro-nord, Toscana inclusa, nel mese di Dicembre.

Prima di mettersi a sognare ad occhi aperti, sottolineo come ancora permanga una netta difficoltà nell'inquadrare l'evoluzione del grado di approfondimento del VPS, questione che manda in confusione i modelli.

I forecast vedono un NAM sfiorare addirittura i +1 ad inizio Novembre:



Ma per adesso non abbiamo in stratosfera una dinamica da superamento soglia, mancando quelle contrazioni e ri-accelerazioni che vanno a raffreddare in maniera rapida la colonna.
Ripeto che un forte approfondimento in questo step non lo vedo come una cosa negativa, ma la faccenda rimane cmq delicata, a causa di segnali contrastanti.
Ha poco senso dire di più per adesso, passo la palla a chi vorrà approfondire meglio questi spunti





40
L'originalità di alcuni commenti è sorprendente, roba da X factor  ???
Assolutamente d'accordo...qualcuno prevedeva il nulla cosmico per tutto novembre però ora nessun accenno alla purché minima autocritica...tutto ok tutto normale siamo o non siamo il popolo dei lamentoni? 😉
Il lamma ha iniziato a prevedere un cambiamento da un paio di giorni, intanto le anomalie sul mediterraneo meridionale si sono assorbite ed ora la natura si occuperà di curare quelle della versilia...l'autunno e a metà del suo percorso e tempo per le pioggie serie c'è ne ancora.
Colgo l'occasione per fare i complimenti a fabri93 , le sue analisi stanno diventando sempre più interessanti.
Francesco.

41
Mancano ancora troppi giorni  ma...saccatura baroclina, WCB coi "controchèzzi" ( alla Banfi) getto polare in casa con pescaggio subtropicale umido...stavolta abbiamo contro solo la legge di Murphy  ;D


42
L'originalità di alcuni commenti è sorprendente, roba da X factor  ???

43
Nix, a te la meteo non interessa. Tu dovresti scrivere su un altro tipo di forum. E non sei il solo! Capisco quando si commentano i modelli e può venir fuori una diatriba sui cambiamenti climatici, ma non si può scrivere su un forum meteo per avvalorare, esclusivamente, le proprie idee sul GW. Io (con rispetto) ti consiglio di cercarti un forum dove puoi condividere al meglio questo argomento, sia per te che per noi

44
Bene vedo che vi siete trovati  :) Ora potreste rimanere tutti e due qui (senza inquinare altri post) a cantarvele e suonarvele.  :D

Cordialmente

45
Buongiorno a tutti,

mi permetto di sintetizzare quanto già discusso negli anni precedenti.

In merito all'attività solare, attualmente dovremmo trovarci nel periodo di transizione tra il ciclo 24 e 25, in condizioni di minima/nulla attività solare, situazione che dovrebbe perdurare per tutto il 2019: il precedente massimo è stato registrato nell'inverno 13/14, per la precisione il monthly sunspot max è databile Feb 2014.



Detto ciò, come già analizzato nel post del 2015, l'inverno di massimo solare 13/14 può inizializzare il grafico dell'interessante studio americano come Lag 0, per cui l'inverno scorso (Lag +4) è stato quello con correlazione 0, dal prossimo inverno 18/19 (Lag +5) e successivi si tornerà in zona grigio/grigio scuro con più alti valori di correlazione, la quale dovrebbe essere massima a Lag -4 dal massimo solare del ciclo 25, ipotizzabile tra il 2023 ed il 2024.
Ecco perchè l'inverno 2019/2020 ricorre come un mantra da anni come possibile anno di riferimento, con un NAO Index che dovrebbe essere più negativo rispetto ai successivi, almeno secondo il menzionato studio.



Volevo anche dire due parole in merito alla QBO: anomalie già positive sopra i 30 hPa, ancora negative ma in probabile fase ascendente già dal mese in corso a 50 hPa
Da qui possiamo ipotizzare una nuova inversione in alta stratosfera già dalla seconda metà del 2019 e possibile/auspicabile nuova fase QBO- a partire dai 30hPa tra il 2019/2020...   ;)

Bye

46
Credo che il cambiamento o le modifiche sono già evidenti in termini di geopotenziali, escludendo le evidenze in termini pluviometrici che ancora non si sono verificate sull'Italia intera:
Settembre


Ottobre

47
...................... La presenza di una vasta area di bassi geopotenziali ormai quasi semi-permanente sulla penisola iberica verrà disturbata nella giornata di Mercoledì da una graduale distensione e rafforzamento dell'anticiclone azzorriano (dovrebbe esser lui se non erro)............Uno sblocco della situazione con l'avvio delle grandi piogge atlantiche autunnali si potrebbe vedere se tale mia piccola teoria (senza troppe pretese) fosse esatta nel corso di Novembre verso la fine della prima cinquina (seguendo il ragionamento del 2017).............
Buonanotte sul serio ora  :)
E vediamo se si vede un po' d'acqua. Per ora l'alta delle Azzorre (è proprio lei  ;D) si sta comportando come spesso negli ultimi mesi: elevazioni sghembe a formare specie di Weikoff con e senza Scand+ efficacissime nello strangolare in cutoff qualsiasi saccatura abbia tentato di entrare da ovest.
Ma, come hai detto, sembrano finalmente alle porte modifiche e non più miraggi.

48
Non c'è da meravigliarsi in fondo, sta andando tutto come da iter previsionale  ;)
Quasi 4 anni fa questo periodo era stato correttamente previsto qui: http://meteodue.it/index.php?topic=9337.0

IL 2017/'18 era l'anno che avrebbe dovuto dare avvisaglie di un cambio di pattern e così è stato, con un potente MMW ed il reversal pattern del segno NAO, che tra Febbraio e Marzo è crollato in negativo, con il ragguardevole valore di -1.38!  Valore che per ritrovare così basso bisogna tornare al Marzo 2013.

Chiaramente bisogna considerare l'estrema variabilità interna al sistema dipendente dalle oscillazioni in bassa frequenza dei vari indici, che vanno a rinforzare o indebolire la Brewer e Dobson circulation con impatto sul gradiente meridionale della temperatura e  sulla tensione zonale.

L'attuale rappresenta quindi un pò l'anno "di mezzo", è normale sia così.

Analizzerei con tranquillità i vari passaggi attuali, siamo perfettamente in linea con i tempi  ;)






49
L'avvio del clima tardo-autunnale sull'Italia ??

Buonasera a tutti,
Anzi direi buonanotte visto l'orario  :P, scrivo a quest'ora perché si iniziano finalmente ad intravedere segnali un po' più chiari con chiavi a '' mio avviso '' importanti per l'andamento della seconda parte di Ottobre.
La presenza di una vasta area di bassi geopotenziali ormai quasi semi-permanente sulla penisola iberica verrà disturbata nella giornata di Mercoledì da una graduale distensione e rafforzamento dell'anticiclone azzorriano (dovrebbe esser lui se non erro), il quale andrà proprio a tagliare l'alimentazione della saccatura nord-atlantica/iberica facendola cut-offare (termine mio), isolandola sullo stretto di Gibilterra.
Fin qui arriviamo già al prossimo weekend e direi che tale proiezione sembra piuttosto attendibile in quanto concordata sia dal modello americano Gfs che da quello europeo Ecmwf.



Successivamente sembra molto probabile un ricollocamento dell'anticiclone delle Azzorre sul nord-Atlantico che dovrebbe andare a formare una cosidetta '' elevazione azzorriana '', quest'ultima ipotesi è concordata da Ecmwf e Gfs.
Arrivati qui, siamo a Domenica, direi giorno cruciale per vedere un po' la dinamica successiva, potremo avere a che fare con il primo vero raffreddamento modesto della stagione sull'Est Europa, la prima colata fredda artica della stagione, per noi abitanti dello stivale molto probabilmente potrebbe trattarsi della prima sventagliata fredda orientale dal carattere tardo autunnale.
Quest'ultima dinamica potrebbe prender vita proprio nella prima parte della prossima settimana ma vista la grande distanza temporale ci limiteremo ad osservare questa di settimana.
Anche se ritengo molto probabile che vada come quanto esposto sopra.
Tra l'altro non è nemmeno un'ipotesi così campata in aria in quanto parlando degli indici teleconnettivi sia l'Ao che la Nao sono previsti in calo proprio per quel periodo (20-25 Ottobre) ciò a testimonianza del primo disturbo in troposfera ai danni del Vortice Polare (anomalie positive).



E sempre parlando di questo la situazione a livello del piano isobarico del VP non mi sembra molto dissimile a quella dell'Autunno 2017 anche a livello configurativo.
Uno sblocco della situazione con l'avvio delle grandi piogge atlantiche autunnali si potrebbe vedere se tale mia piccola teoria (senza troppe pretese) fosse esatta nel corso di Novembre verso la fine della prima cinquina (seguendo il ragionamento del 2017).

• Per farla breve a chi ci capisce un po' meno...

Risentiremo ancora di residua instabilità sopratutto in Sardegna e Meridione italiano (ad eccezione di domani dove le piogge risaliranno un po') fino alla giornata di Venerdì altrove tempo nuvoloso e un po' ventoso ma senza piogge, dopo temporanea rimonta anticiclonica in attesa della prima e ripeto '' probabile '' sventagliata fredda della stagione la prossima settimana tutto per le cause citate sopra.

••• La mia vuole essere solo una piccola analisi della situazione con piccola previsione sul futuro senza troppe pretese, ne riparleremo nel prossimo aggiornamento.
Buonanotte sul serio ora  :)

50
Inutile dire perché, in quanto finirei sempre sullo stesso argomento
è utile dire il perchè:
non si conosce l'ampiezza della loro variabilità che è sempre cambiata..facendo invece cherry picking e prendendo un campione di anni opportunamente scelto la correlazione aumenta.

Pagine: [1]