BACHECA ANNUNCI

VISITATE LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK!

Sono riaperte le iscrizioni al forum! Per registrarsi gratuitamente cliccare QUI

Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - magiogighen76

Pagine: [1] 2 3 4 5 ... 19
1
Ragazzi I Norrisse ha portato una bella ventata di ottimismo.... ci vole di questi tempiPer il week end intanto tolte praticamente le precipitazioniCerto che dopo lo scorso inverno basta poco per accontentarsi

2
Paura....  :o

Il momento è arrivato...

Mi prendo la responsabilità!!! Ma vi porterò verso la vittoria ragazzi!!!! 8)

Che si scateni il modellame del mese migliore per noi nevofiliiiiii  :P

3
Nowcasting Toscana / Nowcasting martedì 24 novembre
« il: Novembre 24, 2020, 07:56:03 am »
Alle 7 uscito di casa temperatura di ben 6 gradi...dall alto si vedeva la forte brinata in basso,appena sceso in auto verso la buca di artimino 0 gradi e tutto bianco..

4
Nowcasting Toscana / Re:Nowcasting venerdi 20 novembre 2020
« il: Novembre 20, 2020, 07:16:20 am »
Che spettacolo! Buongiorno




Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

5
OUTLOOK INVERNO 2020/'21



Benritrovati a tutti e pronti per questa nuova avventura, un percorso come sempre ricco di spunti e difficoltà di cui cercherò di districarne i nodi più difficili, al fine di offrire un prodotto di qualità per quello che sono le conoscenze acquisite in questi anni.

Innanzitutto permettetemi una piccola premessa che già avevo anticipato su altro post, riguardo lo sdoganato ruolo dell'attività solare sul WR emisferico e l'impatto preponderante della fase ENSO/PDO unitamente alla forza/debolezza della Brewer Dobson circulation sul pattern NAO e sull'intensità dell'Indice Zonale.
La BDC opera un forcing sul VPS attraverso la modulazione dell'attività d'onda e grazie ai processi adiabatici correlati, innescando raffreddamenti/riscaldamenti della Stratosfera Polare.
La fase Enso si intrinseca con la convezione Equatoriale spostandone i centri,  con impatto sulla MJO e sulla posizione delle onde planetarie, che a loro volta hanno un effetto sulla PDO e sull'indice NAO.
La NAO favorisce il breakdown del VPS o il suo approfondimento, a seconda del proprio segno.
Nel mezzo a tutto ciò ci sono infinite possibilità interdipendenti.
Va da se che qui non ci sono nè i mezzi nè i modi per fare una proiezione mirata e specifica ( a meno che non subentri un segnale univoco come nel 2009), ma soltanto per provare a tracciare una linea di tendenza trimestrale.

Già alla fine dell'Estate è emersa una debole  BDC, presupponendo che saremmo andati incontro ad un precoce raffreddamento della Stratosfera, dinamica che attualmente si sta verificando in tutta la sua maestosità:





Tra Ottobre e Novembre si è altresì verificato un cambio  del segnale sul Pacifico, in linea con una NINA che sta iniziando a spingere:




L'impatto sul setting del VP va a modulare la posizione dei nuclei di vorticità, favorendo in questo caso una buona espansione del SH grazie alla mancanza di uno strutturato ed ingombrante Pacific-Ridge:



Ci troviamo quindi con segnali contrastanti tra intensità BDC (rinforzo del VP) ma con tendenza  ad un pattern PDO- like (indebolimento del VP grazie all'impatto sulla NAO).
Questo particolare schema teleconnettivo, già avvenuto nel passato, solitamente rinvigorisce e potenzia l'Anticiclone Russo-Siberiano grazie al lieve disassamento del VP rispetto al Polo Geografico.
La risultante è un incremento delle possibilità di ondate di gelo anche in direzione dell'Europa, dove la caratteristica di una tensione zonale sul comparto Euro-Atlantico tesa ma non su valori limite, unitamente ad un importante serbatoio freddo ad Est , gettano le basi per questo tipo di possibilità.

**ONE SHOT ONE GOAL**

Il forte deficit di ghiaccio Artico riscontrato in questo Autunno ha complicato ulteriormente il quadro, indebolendo il gradiente meridionale della temperatura ed amplificando la già debole BDC.

Il risultato sarà un ESE che a mio avviso, con tutta probabilità, andrà pesantemente a condizionare i mesi di DICEMBRE e GENNAIO, che dovrebbero essere carratterizzati da un dominio mediamente ANTICICLONICO pur se alcune ondulazioni della corda zonale potrebbero favorire inizialmente alcune precipitazioni nella prima parte del mese seguiti da contributi freddi da Est a caratterizzare un quadro tutto sommato Invernale specie sotto il punto di vista termico.
Poi gradualmente un dominio sempre più Anticiclonico che potrebbe rompersi nel mese di FEBBRAIO:




Nel mese di Febbraio i processi fisici di compressione andranno ad indebolire il VPS, facendo emergere il segnale Nina/PDO- like.
Mi attendo che ciò possa innescare un'ondata di gelo sull'Europa, con la neve che farebbe la sua comparsa anche nelle aree di Pianura della nostra Penisola.
In tal caso, da valutare un possibile contributo oceanico:




FILIPPO CASCIANI (CLOOVER)

PS (Un ringraziamento speciale ai membri del CSCT ed agli altri esperti intervenuti. Confido in discussioni nelle quali ognuno possa dare un contributo che vada ad avvalorare tale tesi ma anche che esprima disaccordo verso tale proiezione, in modo da allargare il quadro e proporre scenari diversi).

Un caloroso ringraziamento a tutti per la lettura.
















7
No....tutto apposto... é che ....e tornato Bastef...... quindi il VP si è spaventato. Ma poi si ripiglia... dà retta.

 ;D

gli ho pure bloccato i server  :D

8
4 chiacchiere al bar / Re:Io e il Covid.
« il: Novembre 12, 2020, 08:46:52 am »
Prova a vedere, intanto chiedi come puoi fare per la plasmaferesi. Ciao.

Giusto a titolo di informazione, magari non tutti hanno già donato plasma, la plasmaferesi è un procedimento più laborioso e più lungo di una "semplice" donazione di sacca di sangue intero.
Non mettono una sacca e via, 10 minuti e sei pronto.
Si viene collegati ad un macchinario che, detto semplicisticamente, estrae il sangue intero, ne tira fuori il plasma e poi reimmette in vena il resto.
Non è lungo come per la donazione di piastrine, ma quei tre quarti d'ora attaccati alla macchina ci si passano comunque.
Lo dico perché se ci sono persone che non hanno mai donato nemmeno il sangue, partire con una aferesi, al di là di tutta la buona volontà, può non essere facile.
 :)

9
mi inserisco, in colpevole ritardo, su Novembre. Ho preso in considerazione quella che ritengo la caratteristica saliente dell' intero semestre invernale : l' accoppiata NINA/QBO+. In particolare ho utilizzato le stagioni caratterizzate da un' insorgenza della Nina al seguito di un evento ENSO+. Questo perchè, negli anni, si è molto spesso osservata una certa inerzia della risposta atmosferica ai rapidi cambiamenti oceanici. La modulazione del segnale NINA/WQBO porta la Convezione tropicale ( mjo ) ad essere ridotta e spesso confinata sull' oceano indiano :

https://www.tandfonline.com/doi/full/10.1080/16742834.2019.1588064


10
Alla faccia dell'estate di San Martino che dura 3 giorni e un pochino  ;D

Che parte dall'11 Novembre...Qua siamo ai 15 gg dall'estate di San Martino  ;D


11
Io sto facendo la bocca all'ennesimo Inverno discount sperando che intervengano fattori alieni a modificare il quadro..... Se serve per il Covid cmq meglio così, visto il casino in cui stiamo ripiombando

12
Si và di sottomedia prolungato.   :)  :D

13
le belle carte votate al freddo e al maltempo si prendono sempre e comunque :P ;D
Concordo. Anche perché per rimettisi in pari col caldo degli ultimi anni ci vorrebbe freddo e maltempo continui fino almeno a marzo 2022  ;D.

14
Roba da pazzi. Inverno scorso non pervenuto, estate infiammata, ed Ottobre che, invece di fare Ottobre, si mette a fare non so che: nemmeno a Dicembre queste carte.
E sottomedia perenne, credo mai visto così a lungo....spaghi sottomedia per tutto il periodo: sarebbe stato un sogno in qualunque periodo, tranne questo >:(
Ne andasse una a modo....

15
Buona giornata a tutti . Di seguito l aggiornamento relativo all estensione della banchisa artica.Dati e grafici  gentilmente concessi dal Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA)

https://ads.nipr.ac.jp/vishop/#/extent/&time=2020-03-08%2000:00:00


06/10/2020 :   4,322,747 km2    , + 46,559 km2   rispetto alla precedente estensione
************************************************************************
07/10/2020 :   4,359,627 km2   ,  + 36,880 km2   rispetto alla precedente estensione
 

2012(4,223,849 km2 )-135,778        km2 rispetto al 2020
2020(4,359,627 km2 )
2019(4,650,285 km2)+290,658         km2 rispetto al 2020
2007(4,848,415 km2)+488,788         km2 rispetto al 2020
2018(4,916,132 km2)+556,505         km2 rispetto al 2020
2016(5,179,186 km2)+819,559         km2 rispetto al 2020
2011(5,231,785 km2)+872,158         km2 rispetto al 2020
2017(5,589,371 km2)+1,229,744      km2 rispetto al 2020
2015(5,607,279 km2)+1,247,652      km2 rispetto al 2020
2009(5,778,465 km2)+1,418,838      km2 rispetto al 2020
2014(5,803,542 km2)+1,443,915      km2 rispetto al 2020
2008(5,832,697 km2)+1,473,070      km2 rispetto al 2020
2010(5,929,671 km2)+1,570,044      km2 rispetto al 2020
2005(6,132,094 km2)+1,772,467      km2 rispetto al 2020
2013(6,162,905 km2)+1,803,278      km2 rispetto al 2020



media anni 2000(6,600,771 km2) 2,241,144       km2 rispetto al 2020
media anni 2010(5,329,401 km2) 969,774          km2 rispetto al 2020
media anni 1990(7,713,645 km2)+3,354,018      km2 rispetto al 2020
media anni 1980(8,366,835 km2)+4,007,208      km2 rispetto al 2020






Volume ghiaccio marino artico registrato nel giorno:07/10/2020







http://polarportal.dk/en/sea-ice-and-icebergs/sea-ice-thickness-and-volume/

16
Buona  serata  a tutti . Prima di esporre l aggiornamento, voglio ringraziare tutti coloro che ogni giorno dedicano un pò del loro tempo nel leggere i vari post. Di seguito l' aggiornamento relativo all    estensione dei ghiacci marini antartici. Dati e grafici gentilmente concessi dal Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA)

https://ads.nipr.ac.jp/vishop/#/extent/&time=2019-08-09%2000:00:00


02/10/2020: 18,691,239   km2,  +59              km2 rispetto alla precedente estensione

03/10/2020 : 18,719,023  km2 , +27,784        km2 rispetto alla precedente estensione

04/10/2020: 18,690,375   km2, -28,648          km2 rispetto alla precedente estensione

05/10/2020 : 18,653,415  km2 , -36,960         km2 rispetto alla precedente estensione

06/10/2020 : 18,646,197  km2 , -7,218           km2 rispetto alla precedente estensione





L estensione risulta essere ancora superiore a quella media degli anni  '80

17
Buongiorno e buona domenica francesco(magiogighen769).Ho provveduto ad apportare una correzione al paragrafo inerente le temperature artiche odierne, le quali non si discostano molto da quelle registrate negli anni Trenta e Quaranta.È un ciclo oscillatorio, guidato dai cambiamenti naturali della distribuzione del calore nella regione del Nord Atlantico e dell'Artico (NAO [North Atlantic Oscillation], AO [Arctic], AMO, AMOC…). Dalla fine degli anni '80 / primi anni '90, l'oscillazione è stata in modalità calda. Prima di allora (dagli anni '50 agli anni '80), l'Artico era nella sua fase fredda

Per quanto riguarda l estensione della banchisa la quale risulta estremamente ridotta al momento, ci sono decine di studi che mettono in evidenza che ciò non rappresenta nessuna particolare anomalia in quanto, nei sec oli passati, l artico ha sperimentato condizioni anche peggiori.
I dati combinati del ghiaccio marino suggeriscono che la copertura stagionale del ghiaccio marino artico è stata fortemente ridotta durante la maggior parte del primo Olocene e sembrano esserci stati periodi di estati senza ghiaccio nell'Oceano Artico centrale .
http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0277379110003185
Diversi studi suggeriscono che il primo olocene (∼6000–10.000 anni BP) sperimentò meno ghiaccio marino estivo rispetto a quello attuale.  Un ghiaccio durante il primo Olocene potrebbe essere passato a un regime stagionale con estati prive di ghiaccio marino a causa dei massimi di insolazione che la Terra ha sperimentato in quel momento .
http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0277379114001000
 L'estensione del ghiaccio marino artico durante il massimo termico dell'Olocene 8.000 anni fa era meno della metà dei livelli attuali . … Il ghiaccio marino pluriennale ha raggiunto un minimo tra ~ 8500 e 6000 anni fa, quando il limite del ghiaccio marino tutto l'anno sulla costa della Groenlandia si trovava a ~ 1000 chilometri a nord della sua posizione attuale .
http://www.sciencemag.org/content/333/6043/747.full
Di seguito un documento della metà degli anni '70 che sottolinea anche che l'Artico era "in gran parte libero dai ghiacci" durante il periodo caldo medievale, con temperature annuali fino a 4 ° C più calde di adesso.
 Tra il 1000 e il 1300 le temperature medie estive erano circa 1 ° C più alte di oggi, con la temperatura media annuale più alta forse di 4 ° C in un Artico  con una copertura di ghiccio estremamente ridotta se non addirittura assente.  Eric il Rosso, un rinomato cittadino del mondo di quel tempo, è stato molto diffamato come il primo uomo pubblicitario progressista per aver dato alla Groenlandia un'immagine falsa al fine di attirare i coloni; ma in verità, il sud-ovest di quel vasto paese era di gran lunga più caldo e verde che mai fino a quando i Fieldfares Turdus pilaris arrivarono lì a metà degli anni Trenta. La temperatura del mare dell'Atlantico era più alta di quanto non sia stata da allora, e sembra che non ci fosse  molto ghiaccio  a ostacolare le comunicazioni dei Vichinghi tra Islanda, Groenlandia, Terranova e Labrador (Mowat 1965). Infatti Brooks (1926) ritiene che la calotta polare possa essere scomparsa del tutto durante i mesi estivi, per ricostruirsi di nuovo ogni inverno .
Williamson, 1975
http://www.tandfonline.com/doi/pdf/10.1080/00063657509476459

Ci dicono che sono cose mai accadute eppure stanno mentendo.
L'isola di Wrangel si trova nel Mar dei Chukchi nell'Artico, che è ricoperta di ghiaccio marino per quasi tutte le settimane dell'anno ( Porter et al., 2019 ) https://agupubs.onlinelibrary.wiley.com/doi/abs/10.1029/2019JD031023 . Fino a poche centinaia di anni fa, il mare di Chukchi era libero dal ghiaccio marino per 4-5 mesi all'anno, suggerendo che l'Artico occidentale è molto più freddo oggi di quanto non fosse anche durante la piccola era glaciale.

I mammut vivevano nell'Artico fino a 3700 anni fa .Fino agli anni '90, si pensava che gli ultimi mammut lanosi della Terra si fossero estinti durante la transizione dal Pleistocene all'Olocene da circa 15.000 a 10.000 anni fa.
Ma l'isola di Wrangel nell'Artico ospita  numerosi resti di mammut. La datazione al radiocarbonio indica che il mammut lanoso ha continuato a vivere su quest'isola fino a 3700 anni fa, o fino a quando il clima artico non è diventato troppo freddo per fornire abbastanza erba tutto l'anno per sostenerli.( Bryson et al., 2010 , Arppe et al., 2019) https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S104061820900336X
https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0277379119301398
Secondo Bryson et al., 2010 https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S104061820900336X , un piccolo mammut  per vivere aveva bisogno di circa 25 kg di erba al giorno . Le temperature medie di luglio sono diminuite da oltre 5 ° C durante il primo Olocene a meno di 2,5 ° C - la soglia per la produzione di erba - di circa 4.000 anni fa. Di conseguenza, senza abbastanza erba per tutto l'anno di cui nutrirsi, il mammut lanoso si estinse

https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S104061820900336X
Un nuovo studio ( Boeskorov, 2020 ) https://iopscience.iop.org/article/10.1088/1755-1315/438/1/012004/pdf fornisce ulteriori prove che il clima artico era ospitale per la megafauna mangiatrice di erba fino a qualche migliaio di anni fa.
I resti di cavalli selvaggi sono stati localizzati a nord del circolo polare artico nel Mar della Siberia orientale (Oceano Artico) risalenti a 5300-2200 anni prima del presente. Il clima siberiano più settentrionale è troppo freddo oggi per sostenere i cavalli selvaggi con cibo a sufficienza per tutto l'anno .
Il calore moderno non è "senza precedenti"
L'evidenza geologica che l'Artico moderno è ancora molto più freddo di quanto non fosse quando le concentrazioni di CO2 erano inferiori a 270 ppm alcuni millenni fa è robusta.
Le ricostruzioni odierne della temperatura con forme simili a mazze da hockey le quali suggeriscono che attualmente viviamo in un clima globale caldo "senza precedenti" devono essere seriamente riesaminate alla luce delle ampie prove paleoclimatiche che contraddicono questo punto di vista.

18
Dopo qualche tempo abbiamo nel forum un previsore sul medio corto tempo ,all altezza della situazione grazie Steve per quello che fai sei un grande

19
Buona giornata a tutti.Di seguito l aggiornamento relativo all estensione della banchisa artica.Dati e grafici  gentilmente concessi dal Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA)

https://ads.nipr.ac.jp/vishop/#/extent/&time=2020-03-08%2000:00:00

23/09/2020 : 3,868,967 km2   , + 55,214 km2  rispetto alla precedente estensione

24/09/2020 : 3,932,519 km2   , + 63,552 km2  rispetto alla precedente estensione


25/09/2020 : 4,042,141 km2   , + 109,622  km2 rispetto alla precedente estensione

26/09/2020 : 4,085,786 km2   , + 43,645   km2 rispetto alla precedente estensione


27/09/2020 : 4,070,784 km2   , - 15,002   km2 rispetto alla precedente estensione

28/09/2020 : 4,076,912 km2    , + 6,128  km2  rispetto alla precedente estensione

29/09/2020 : 4,116,063  km2    , +39,151 km2 rispetto alla precedente estensione

30/09/2020 : 4,140,211 km2    , + 24,148 km2 rispetto alla precedente estensione


2012(3,801,059 km2 )-339,152        km2 rispetto al 2020
2020(4,140,211 km2 )
2019(4,408,173 km2)+267,962         km2 rispetto al 2020
2007(4,427,297 km2)+287,086         km2 rispetto al 2020
2018(4,739,473 km2)+599,262         km2 rispetto al 2020
2011(4,846,516 km2)+706,305         km2 rispetto al 2020
2015(5,033,109 km2)+892,898         km2 rispetto al 2020
2016(5,040,582 km2)+900,371         km2 rispetto al 2020
2017(5,048,182 km2)+907,971         km2 rispetto al 2020
2008(5,087,199 km2)+946,988         km2 rispetto al 2020
2014(5,326,036 km2)+1,185,825      km2 rispetto al 2020
2010(5,395,258 km2)+1,255,047      km2 rispetto al 2020
2009(5,481,351 km2)+1,341,140      km2 rispetto al 2020
2013(5,510,856 km2)+1,370,645      km2 rispetto al 2020
2005(5,646,480 km2)+1,506,269      km2 rispetto al 2020



media anni 2000(6,013,416 km2) 1,873,205       km2 rispetto al 2020
media anni 2010(4,914,924 km2)  774,713         km2 rispetto al 2020
media anni 1990(7,159,011 km2)+3,018,800      km2 rispetto al 2020
media anni 1980(7,818,414 km2)+3,678,203      km2 rispetto al 2020







Volume ghiaccio marino artico nel giorno:30/09/2020




http://polarportal.dk/en/sea-ice-and-icebergs/sea-ice-thickness-and-volume/

20
Meglio a Novembre/ dicembre che a marzo

21
Nowcasting Toscana / Re:Nowcasting venerdi 25 settembre 2020
« il: Settembre 25, 2020, 06:04:43 pm »
Attenzione!!
Scroscio violento, tuoni e grandine o groupel!!! :o
Sta imbiancando l'auto

22
Aggiungo che l'innalzamento delle temperature crea lo congelamento del permafrost con aumento del rilascio di gas metano (dovuto alla decomposizione di animali e vegetali contenuti nel terreno), metano che rispetto all'anidride carbonica, trattiene calore circa 20 volte di più.   :'(

23
super tifone haishen pronto a diventare categoria 5 con venti che toccheranno 290 km/h

uno dei più potenti degli ultimi anni che colpisce quelle coste





24
500% in più di pioggia?
La mia zona che è rimasta in media o poco sotto 80% in Più ?
Mi chiedevo se non è sbagliata la scala dei valori , partendo dal bianco come media, blu in più, giallo e marrone in meno!

100% in quella scala corrisponde alla media ;)

25
Qualcuno è ha conoscenza di qualche studio o articolo scientifico che dia una divisione delle stagioni diverse da quella canonica? (Inverno --> Dicembre Gennaio Febbraio e così a continuare di 3 mesi in 3 mesi)

Perchè io ho fatto qualche ricerca e non ho trovato niente.

https://www.ncei.noaa.gov/news/meteorological-versus-astronomical-seasons

https://www.accuweather.com/en/weather-news/whats-the-difference-between-meteorological-and-astronomical-spring/335725

Ma infatti in ambito scientifico e meteorologico è così  da sempre ;)  Se fa freddo e nevica a Marzo parliamo di colpi di coda Invernali, se fa caldo a Settembre di recrudescenze Estive, ma si tratta per definizione di mesi primaverili e autunnali, la meteorologia se ne sbatte di tutto e magari fa nevicare a bassa quota a Maggio, ma non per questo Maggio diventa Inverno  ;D
Le stagioni esistono per il cambiamento d'angolo della radiazione solare e non per le condizioni meteorologiche 


26
La Surface Air Temp dovrebbe essere un’interpolazione tra la 2m Temp, proveniente da limitate stazioni di rilevamento e definite con specifiche caratteristiche dal WMO e dati provenienti da Satellite, quindi con Remote Sensing: per tale accuratezza, è universalmente la grandezza di misurazione della temperatura superficiale terrestre.


Admiral Ackbar

28
Buona serata a tutti .Purtroppo i problemi di salute che mi attanagliano da ormai diverso tempo, mi hanno costretto nuovamente ad un lungo stop .Mi scuso anche con l utente cumulonembo per non aver dato una risposta al suo messaggio ricevuto in privato.Scusandomi  in anticipo per intromettermi nella discussione, vorrei evidenziare come  secondo me, troppo allarmismo circola sia in "rete" che nei vari organi di informazione.Giusto per fare un esempio, riporto alcuni dati relativi a parigi.
Nel mese di  Luglio  del 1762 furono registrati  21 giorni con temperature oltre i 30 ° C  , 102.9F (39.3C) - 19 agosto 1763
 104.0F (40 ° C) - 26 agosto 1765 , 101.0F (38.3C) - 10 luglio 1766



Spero di ritornare prossimamente a seguire il forum.Nel frattempo auguro a tutti una buona serata .

29
Ma non eravamo già tutti d'accordo sul fatto che quest'estate non è stata, in Italia, contraddistinta da caldo eccezionale e che è rientrata in media rispetto alle estati dell'ultimo decennio e sopramedia moderato rispetto alla climatologia di riferimento disponibile? :D

Vediamo se tutti ci smussiamo un attimo e si riesce a proseguire nelle stagioni senza scannarci e tentando di capirci qualcosa  ;)

30
Filippo , credo che a livello Europeo ci siano anche altri valori fuori di testa in questa estate come nel nord Europa ed in Siberia ad esempio.
Noi siamo stati solo fortunati come Aralbedo mi pare ha scritto.... graziati per 4/500 km .
Io vedo dalla vegetazione delle mie zone cosa sta succedendo nelle ultime estati .
Lo vedo dal 2003. E lo posso giudicare bene perché .... c'è campo....con gli studi che ho fatto e con il mio lavoro. ;D
E ti assicuro che l'annata peggiore con il peggior connubio tra caldo e siccità non è stato il 2003 ma il 2017 che ha sterminato interi boschi di Pino Nero, piante di 70/80 anni alte oltre 20 m... ma nelle zone più esposte anche Roverelle , castagni ( sani...non attaccati dal Cinipede galligeno) noci , abeti .
Ho visto la distruzione di moltissime tartufaie naturali , perché il tartufo non è un fungo come il porcino... è molto più delicato ( io non sono il Gibbo che anzi saluto ed ammiro....ma sui funghi ipogei qualcosa la so ) del terreno caldo...anzi rovente... in estate e di 3 mesi senza piogge...i tartufi ne farebbero volentieri anche a meno.
2015/ 2017/ /2019 3 anni terribili che hanno dato origine a tre estati tremende ( il luglio 2015 ed i giugno 2019 ed in parte pure l'agosto hanno rivaleggiato con il 2003 ....anzi il giugno qui è stato più caldo e secco.....0 mm.
Quest'estate è sembrata migliore non solo perché in alcune zone ha piovuto un po' di più degli anni precedenti specie a giugno e le temperature sono sembrate più umane ( ma qui ad esempio siamo stati più volte a luglio sul filo dei 37 comunque ben oltre la media massima di 6 gradi almeno)......
Il vero problema sai wusl'e a mio modesto parere?
Che se consideriamo questa un estate godibile e vivibile è perché sappiamo....e ne abbiamo paura....che le estati future saranno probabilmente più simili al 2003 o al 2015 oppure al 2017 od al 2019...e questo a me fa paura....
Il clima a cui stiamo andando incontro mi fa paura....inverni non inverni.... primavere secche....estati roventi e siccitose edsutunni in cui al primo affondo meridiano succedono disastri.
Sono curioso di vedere cosa farà l'aria fredda in arrivo ... fra 2/3 giorni con il Ligure ed il Tirreno che sono dei brodini.

Un caro saluto a te ed a tutti coloro che con il loro impegno ci permettono in questa stanza di imparare qualcosa ogni volta e di confrontarci.
 

31
Nunzio Vobis, Gaudium Magnum: prodromi di VP ;)




Admiral Ackbar

32
Diciamo che in Italia l'Estate è stata " old style " in senso lato nella sua prima metà ,con un tempo fresco e instabile nelle prime 3 settimane di Giugno, più stabile, ma senza ondate di calore per un altro mese scarso. È indubbio che poi la stagione abbia ingranato la quarta, con due ondate di caldo ( la seconda quella in corso) intervallate da un importante break ( lo sottolineo perché anche questo, nel bel mezzo della stagione estiva, era diventato una vera e propria chimera negli ultimissimi decenni, soprattutto dopo che  la stabilità aveva preso possesso del Mediterraneo centro occidentale).
È altresì vero che il clima estivo degli anni 2000 ha "dopato " la nostra percezione del caldo, facendoci festeggiare per una stagione che al momento, generalmente, è in media o non eccessivamente sopra media su buona parte dello stivale rispetto alla media 1981/2010 ( credo sostanzialmente in media, come accaduto in Toscana, se si prende una media climatologica più recente).
Se questo è un dato di fatto, altrettanto si può dire delle potenzialità della stagione estiva una volta che questa mostra il suo lato più feroce. Come ci siamo detti più volte stupisce la facilità con cui termiche record o quasi raggiungono latitudini della media Europa e sarebbe da ingenui pensare che tocchino sempre agli stessi (vedi i francesi) e mai a noi nel futuro prossimo.
Detto questo le anomalie, fino ad adesso, della stagione estiva in Europa sono quelle di seguito. Occorre precisare, che il Noaa, lascia bianche le aree con un anomalia fino a 0,25° rispetto alla media di riferimento, " tingendo" di verde ( parlando di anomalie positive che ci interessano in questo momento) quelle tra 0,25 e 0,5°. Il lamma , ad esempio, lascia bianche le anomalie fino a 0,5° considerando lo scarto di mezzo grado un dato nella media.
Tradotto: nelle carte del Noaa le zone in media risultano più ridotte e le anomalie risultano all'occhio più accentuate di quanto non lo siano nella realtà.

[mmg]5424[/mmg]

La realtà è sotto gli occhi di tutti e dovrebbe essere osservata bene anche da chi scrive articoli come quello postato. Frasi del genere......

 "ignorando il fatto che tutta l’Europa centro-settentrionale ha sin qui registrato una media delle temperature tra le più basse degli ultimi decenni"

...sono davvero inaccettabili per un professionista, perché non tutta l'Europa centro settentrionale è nelle stesse condizioni ( chiedere a uno scandinavo o ad un abitante dell'Europa orientale) e perchè, francamente, di anomalie negative, davvero non se ne vedono.

33
Nowcasting Toscana / Re:Nowcasting giovedì 06 Agosto 2020
« il: Agosto 06, 2020, 10:19:30 pm »
Tornato su da poco, 12,5 gradi sereno stellato che è una meraviglia. Aaaaahhhhh come sto quassù...!! :D :D

34
Visto che in estate si parla spesso di "temperatura percepita", vorrei approfondire con voi la questione.
Posto la tabella che è stata inserita nel thread del modellame di luglio



Questa tabellina è marchiata "NOAA", ma credo (spero di non dire cavolate) che sia uno dei tanti analoghi schemetti che girano in rete e che collegano T e UR per creare una sorta di "scala del disagio" da caldo.
Mi pare che spesso le tabelle sulla temperatura percepita vengano utilizzate a sproposito, specie dai mezzi di informazione, con lo scopo spararle grosse.
Della serie: sono 32° ma ne sentiamo 38° e discorsi simili

Sicuramente il nesso fra i due valori esiste, da cui il tormentone "non è tanto il caldo... ma l'umido che da noia"
 :)

In realtà esiste un indice più esaustivo che permette di stabilire meglio quanto il caldo possa risultare fastidioso o meno: il THSW index.
Ovvero: Temperature, Humidity, Solar Radiation, Wind Speed
Non conosco la formula di calcolo, ma le moderne e complete stazioni meteo lo forniscono.

Sulla radiazione solare personalmente non so se sia corretto prenderla in considerazione o meno, dato che la temperatura si misura sempre all'ombra e di certo una persona non si può certo lamentare del caldo se si mette sotto il sole cocente.
Il vento invece credo sia molto importante da prendere in considerazione, dato che condiziona in maniera molto importante la nostra traspirazione cutanea, che è lo strumento che il nostro corpo utilizza per eliminare il calore.
Praticamente quello che si calcola in inverno con il Wind-chill: maggiore è la velocità del vento e più basse sono temperature percepite, rispetto alla reale temperatura dell'aria.
In questo caso il nostro corpo cerca di conservare il caldo, ma il vento va a portarlo via.

Insomma, quando si parla di tempertura dell'aria, è un dato che nessuno può mettere in discussione, perché viene rilevato.
Quando però si parla di temperatura percepita, di disagio da caldo, ecc.... la soggettività entra sempre in ballo, perché magari non tutti espelliamo il calore nello stesso modo e perché magari, a parità di T+UR, non tutti ci troviamo nella medesima condizione di venti e brezze.

 :)

35
Gli occorre per sconfiggere il virus..ne hanno bisogno


Per quello non gli serve a nulla la "più 30" ....gli basterebbe essere "meno bischeri"

36
Sul libro che ho letto io vengono riportati dati dove si nota che gli eventi di precipitazioni estreme fossero piu' elevati durante periodi piu' freddi. Purtroppo non riesco a postare le foto dei grafici che sono riportati sul libro. Negli anni 40-50 erano piu' frequenti di adesso ma l'apice pare sia stato raggiunto nel periodo della peg. Non sono nemmeno poi cosi sicuro che gli inverni di nulla e le ultime estati roventi dipendano dallo scioglimento della calotta artica, in quanto (come riportato dall'ottimo Ale nell'altra stanza), negli anni 50 era messa peggio ma le estati e gli inverni erano diversi

La calotta Artica era messa peggio negli anni '50??  :o  E chi l'avrebbe detto?  A parte che la serie storica è monitorata soltanto dal 1979, anno in cui sono stati resi operativi i satelliti intorno alla Terra, ma cmq la serie storica ci dice che la calotta Artica non è MAI stata in deficit come in questi ultimi anni.

Le ripercussioni sull'Inverno ma anche sulle Estati sono notevoli, anche questa Estate non è certo un ritorno al "passato" ma piuttosto la drammatica espressione di un fenomeno che pure io avevo sottovalutato:


Anomalie del volume totale di ghiaccio relative a 1950–2000 (espresse in km cubi x 10.000). La linea blu è la media di 12 mesi delle anomalie mensili. I punti rossi segnano luglio per ogni anno. I periodi di tendenza sono selezionati per corrispondere al periodo di riscaldamento dei primi del XX secolo (linea nera) e al periodo dei dati satellitari (linea rossa). Pan-Arctic Ice Ocean Modeling and Assimilation System (PIOMAS)



37
comunque Cloover una volta mi ricordo che dicesti che proprio l'enorme calore al polo e quindi il pack molto ridotto portava si a inverni miti a causa del VP STRONG e a estati bollenti per la caduta del getto zonale, ma ultimamente mi è parso di capire che la causa di questa tenuta zonale più invadente del previsto è il pack ridotto, mi sembra un pò un controsenso oppure ho capito male io ::)

Si è corretto  ;)  Riguardo l'indebolimento dell'indice zonale Estivo è la stessa cosa che ha scritto anche Judah Cohen qualche giorno fa, anche se lui ha inquadrato anche un rafforzamento del JetStream ai bordi della calotta polare e devo dire che è un osservazione assolutamente condivisibile.
Al tempo stesso rischiamo "Blocchi Configurativi" , con depressioni o alte pressioni persistenti.

Quest'anno, il forte ESE che si è verificato tra Ottobre e Maggio, potrebbe aver innescato talmente tanta vorticità da favorire un FEEDBACK anche in questa prima parte Estiva, mascherando gli effetti di un assetto teleconnettivo tutt'altro che favorevoli ad un'Estate fresca.
Si parla di forze in gioco enormi, forze che possono ribaltare quadri teleconnettivi che si rifanno ad un'epoca in cui gli equilibri erano molto più stabili.

Sto analizzando un bel pò di cose in questi giorni, ma sembra che ormai il principale forcing sia a carico del VP e della sua interazione tra ghiaccio e Stratosfera.
È un tipo di approccio molto diverso, ma dopo tutti questi errori previsionali non mi abbatto e conto di poter tracciare una linea di tendenza per il futuro.
Il mio obiettivo rimane quello di trovare una linearità nell'evoluzione per poter dire dove stiamo andando....


38
4 chiacchiere al bar / Vorrei salutarvi
« il: Luglio 01, 2020, 04:00:35 pm »
Ho chiesto a Marco di confermare l'eliminazione del mio account, ma prima vorrei salutare tutti i voi ( l'ho temporaneamente riattivato)

Purtoppo mi rendo conto di non avere più sopportazione e preferisco andarmene. È come essere invitati a cena e non essere a proprio agio con i proprietari, nonostante ti piaccia molto la compagnia dei commensali.

Ci sono aspetti che non mi piacciono più e mi rendo conto che il mio modo di vivere le passioni in modo viscerale, mi porta a non starci bene. Sarò sciocco, ma sono fatto così. Voglio anche evitare, in questo modo, di alimentare polemiche e rendere meno fruibile il forum.

Chiedo sia lasciato il td in modo che sia leggibile dai più...non mi piace sparire senza lasciare traccia..io quando vedo l'assenza prolungata di qualcuno mi preoccupo sempre un po' e mi chiedo quale sia il motivo. Ecco, il mio lo sapete :D

Un abbraccio a tutti e grazie per i bei momenti passati assieme!

Andrea

39
Auguri giovane Steve

Inviato dal mio Mi A2 Lite utilizzando Tapatalk
Grazie mille e finalmente uno che ci ha preso: sono giovane perdio! Tanto che per festeggiare stasera megacena con semolino all'olio e pere cotte. Annaffiato da abbondante tisana alla malva.
Ringrazio di nuovo tutti.

40
Ma chi è poi che si lamenta? A mente non mi viene nessuno, forse mi è sfuggito.
Per quanto mi riguarda negli ultimi 8 mesi personalmente ho vissuto due dei migliori meteoperiodi da anni: i 40 giorni di atlantico basso tra novembre e dicembre, manna per pluviofili e maggio-giugno 2020 sottratti in toto al caldo.
E se il Norris si da da fare cominciando ad aprire luglio, chissà...

41
 Buongiorno a tutti!
 Che bello rileggervi e sentirvi attivi e partecipi come fossimo in stagione invernale :D ;)
 Io ho smorzato un po la presa da quando é iniziata sta maledetta odissea Covid.. importanti urgenze ed impegni familiari hanno dovuto prendere il sopravvento in questa fase della mia vita.

 Ma ci sono ancora.. eccomi anche se per brevi interventi, che mi sento in qualche modo di dover aggiungere a questa interessante Discussione Estiva.

 Io vi avevo lasciati con la toppata del FW ::) per cui lo davo in versione Early e di tipo Major, anziché Late come nella tipologia ed in falsa riga, dello scorso anno 2019..
 E in effetti così è stato, una sorta di Remake con aggiunta amplificazione degli effetti, apportati da un Super ESE Cold di lunga durata.. e una macata azione Tropo-Stratosferica a dare il colpo di grazia in tempi rapidi.
 Effeti che non hanno agevolato una rottura del VP in anticipo, in fase di incidenza stagionale primaverile che vedeva una crisi termodinamica in vista di un atipico e precoce riscaldamento radiativo dell'atmosfera(segnatamente per i settori di Alta Stratosfera e Bassa Troposfera a latitudini basse oltre il circolo polare Artico..), non a caso il VP compatto per inerzia da ESE Cold, ha comportato una seria contrazione del Jet Stream relegando una zonalita' alta e anticipando un effetto radiativo  primaverile sui continenti Euro-Asiatici e Nord-Americani.. di fatti siamo stati spettatori di un finale invernale ed inizio primaverile ad alto gradiente termico verticale, con Bassa Stratosfera ed Alta Troposfera, eccezionalmente fredde e compatte, ed invece un'Alta Strato che cercava di provare a riscaldarsi con condizioni di precoce avanzamento stagionale primaverile ed incedere del gradiente termodinamico, a forzare una crisi del VP in tempi più consoni alla classica risoluzione da condizionamento ESE.. condizioni per cui avevo riposto una mia più che sicura analisi, riguardo all'ipotetico FMW early, dignitosamente sfumato ;D..(ricorderemo oramai negli annali, tra Febbraio e prima parte di Maggio, sopramedia isotermica e sottomedia pluvio con diverse fasi record.. 8)).

 Comunque, adesso eccoci qui a dover commentare un inizio Estivo tutt'altro che imprevedibile.. tuttavia le condizioni legate agli effetti di un dinamico FW late(forse sensibilmente  più late del 2019..)in stile 2019, non potevano avere altro che una risoluzione, con le conseguenze che stiamo vivendo dalla seconda metà di Maggio fin qui.. e aggiungerei anche oltre.. viste le premesse dei forecast, in base a previsioni nel determinismo, che non vedono ancora una uscita a breve delle condizioni atipiche di questo periodo.. e dunque non prima dell'inizio terza decade di giugno.
 Il quadro barico, é afflitto ancora da profonde ferite dinamiche, ad onde interintermittenti, che fanno leva su una falla iberica semistazionaria ed una lacuna mediterranea semipermanente ed alimentata da un basso flusso atlantico.
 Ovvie le complicità di una condizione SSTA evidente che fanno sponta, con un Nord-Atlantico anomalmente freddo, con il solito Blob negativo per cui arreca manovre di dinamicità dell'ondulazione a getto, a fare sprofondare le anomalie in sede Iberica e attivando fugaci prefrontali,  con intermittenza a flusso basso atlantico, di propagini depressonarie che trovano autoalimentazione in una lacuna mediterranea semipermanente.

 Ad ogni modo, l'ITCZ riferibile a tale periodo.. è  eloquente sull'azione Sub-tropicale smorzata e tenuta piuttosto bassa, con un atlantico che trova via libera verso est e un FP basso coadiuvato dalla rottura del VP, che si trascina con gli egfetti del FW late.
 Insomma un mix di figure bariche e di anomalie SST che portano ad um avvio Estivo rallentato e posticipato.. e per di più con un incremento delle anomalie Oceaniche che potremmo scontare il prezzo proprio nei 2 mesi più Caldi.. con ovvie rimonte Sub-Tropicali di forte intensità a carattere Pre-Frontale e rischio di rapidi ed estremi moti perturbati con stampo ciclonico simil-tropicale.

 L'ITCZ é visto ancora sottomedia e tutt'al più in media per la fase Estiva.. per cui non vedo stabili ed estremi scenari stagionali(forti anomalie positive isotermiche..)con medie fuori dal normale.
 Le TLC hanno un quadro tipico delle condizioni per cui siamo abituati a vivere negli anni 2010/2019.. la fase dell'attività solare bassa ed al minimo, ovviamente fanno parte integrante nel tenere un quadro Oceanico Pacifico a regime di ENSO negativo e quindi con una Nina sugli scudi, come ipotizzato ancora a fine inverno.. che tiene a bada un profilo pluviometrico, anch'esso in normalità e media stagionale, con qualche plausibile ipotesi di sottomedia durante il clou estivo.. dove un azione Azzorriana la vedo più efficace e prevedibile rispetto al suo fratello Africano, più  caldo ed afoso.  ;)

 Presto vi prometto che interverro' con contributi più  tecnici e completi di dati e grafici a supporto.. ora purtroppo, sono ancora con il cell. e a breve potrò tornare a collegarmi con il PC. ;) :-*

 Un caro Saluto a Tutti e godetevi questo Giugno di altri tempi.. rara bellezza e poesia di questi tempi. 8)

42
Il mondo gira al rovescio....sarà il covid, la quarantena, sonasega io...fatto sta che gli spaghi ritrattano la +15 fino a portarci sottomedia. Robe inimmaginabili solo fino a pochi mesi fa.
Vedere il bollettino toscana 6/15 giorni( inattendibile, si sa) del Lamma che cita: "Temperature in linea con le medie stagionali, o leggermente inferiori a inizio periodo" mi fa godere a livelli ultraplanetari ;D

L'attesa del piacere è essa stessa il piacere. E sapere che, almeno per un pò, continueremo a questo modo, mi fa gòdere, parecchio.

...alla fine poi ci si rende conto che la "riga rossa" è più che sufficiente per stare bene... pareva si chiedesse chissà cosa negli anni passati

43
Certo..perchè quando si parla di clima si dovrebbe sempre tenere a riflettere su almeno scale di 50 o più anni..percui la peg che iniziò circa alla fine del 1200 per poi avere il suo culmine tra il 1650 e il 1715  fù anche caratterizzata da decenni più siccitosi su buona parte del continente e zona atlantica..ma da serie di annate storiche per freddo neve e gelo costante

44
Reafing stamani ridimensiona tanto la prima scammellata e da una possibile passata piu democratica giovedi notte su venerdi

Se ci si tiene sotto le 192h anche lo 00z di GFS era meno balordo con asse del primo cammello stagionale visto partire  leggermente piu' a ovest, analogamente a quanto reading mostra gia da qualche rum.

EDIT. Mi muovo su terreno che conosco poco ma anche in atlantico , stando alle ssta , le cose vanno meno peggio di come era in questo periodo lo scorso anno anche se aprile e' considerato poco significativo e quindi molle d'obbligo.
Il fatto che le prime scammellate tendano ad  avere asse piu' ad ovest rispetto a noi potrebbe riflettere questo status quo.

45
Nuovo studio:

L'Europa si è raffreddata nel periodo (1992-2015) a seguito di una maggiore copertura boschiva.Ciò evidenzia come il regime termico dell'Europa abbia risentito di una minore copertura boschiva a discapito di  terreni coltivati e urbani.
La perdita di foreste è in grado di riscaldare una località di 1°C/10 anni.

I termometri nelle aree disboscate registrano quindi un riscaldamento non-climatico.

https://www.nature.com/articles/s41467-020-14890-0


46
Mi viene da ridere con questo trend entro un paio di giorni saremo all'estensione peggiore di sempre, e pensare che fino a 20 giorni va eravamo messi quasi bene! Ale ma secondo te ci saranno miglioramenti nei prossimi giorni?

47
Mamma mia come la viene son pandori un'altra volta!

48
Pace, il freddo aveva a venì prima...ora è tardi e le piante sono tutte in fiore, ci mancherebbe anche la mazzata all’agricoltura dopo il Coronavirus.
Ti quoto alla grande

49
Pace, il freddo aveva a venì prima...ora è tardi e le piante sono tutte in fiore, ci mancherebbe anche la mazzata all’agricoltura dopo il Coronavirus.

50
Grazie Ponente: se hai dei link di ricerca postali pure oppure mandameli in messaggio privato. A tua discrezione e con il tempo a tua disposizione, ovviamente.
Cordiali saluti.


Un piacere...figurati!   :) Intanto ti/vi lascio questo link con altri spunti su altri vulcani...

http://aldopiombino.blogspot.com/2014/02/un-nuovo-vulcano-candidato-per-levento.html

interessante approfondire osservando anche come ci furono forzanti maggiori, come già sospettato oggi, a scataneare il vulcanismo..   con calma posterò altri spunti! Saluti!

Pagine: [1] 2 3 4 5 ... 19