BACHECA ANNUNCI

VISITATE LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK!

Sono riaperte le iscrizioni al forum! Per registrarsi gratuitamente cliccare QUI

Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - ale81

Pagine: [1] 2 3 4 5 ... 50
1
Si intensifica l'anomalia evidenziata nel mese di Maggio  8)      In base a quanto analizzato,  l'ondata di caldo appena passata potrebbe rimanere l'unica forte e persistente di tutta la stagione 





2
Boni  8)



..e parecchio sai  ;) ;) ;)

Io guardo solo la media....se poi gfs ha iniziato a giocare la doppia, lo scopriremo presto, ed a quel punto, potranno far uscire solo il verdone  ;D

4
Di sicuro, ma non è che organizzo la festa del ringraziamento  ;D

Si cerca di prendere il male minore .  Per adesso siamo stati graziati dal caldo feroce, era logico attendersi che sarebbe arrivato prima o poi, come ogni estate degli ultimi 20anni. Vedremo quanto durerà questo periodo  8)

5
Se Reading non canna le termiche saltano una serie di record per Giugno che si fa una lista lunga come quella dell'ufficio di collocamento.

Meglio fare un record con le isoterme che con l'UR.  Teniamo l'Ur al 15% e che vengano pure 40°C

6
Guardando Reading, pur con isoterme altissime,  dallo schema si evince che il disagio sarà cmq limitato e non ci sarà quella sensazione di sudaticcio continuo grazie alla rapida evaporazione(bere molto!).
I massimi di GPT puntano l'Uk e la circolazione è prettamente Nord-orientale con brezze di mare sulle coste ed entroterra specie della Toscana centro-sett.







7
io cmq finchè ne vedo la fine sono contento perchè vedo la luce :


8
spara sempre altissimo l'ufficiale, anche se la media ormai s'è alzata di parecchio....


9
Ragazzi torno a scrivere...io amante del gelo e neve anche se sto nella mia bella Messina dove è raretta, non negli ultimi inverni, non posso esitare dal commentare quella FOLLIA METEOCLIMATICA EUROPEA che dal 25 ingloberebbe anche il Nord Italia....l'apice al Nord però è previsto il 28.....dove la combinazione tra iso da paura e gpt alti sarà un mix micidiale per la PP soprattutto....CADREBBERO TUTTI I RECORD DI CALDO ASSOLUTI con ste carte in molte zone delle Province tra settore piemontese e lombardo.  :o

10
Anche non arrivassimo alla 28 ma fossimo rimasti sulla 20 non ci giriamo intorno: sarebbe stata una colossale rottura di p@lle . Avrebbe fatto caldo abbestia per un periodo fin troppo esteso. Ci saremmo ritrovati per giorni con 30 gradi e oltre alle 22 e a quel punto per chi abita in pianura la nottata va a farsi benedire che l'aria sia secca o meno. La supposta di carta vetrata frizza un po' meno se la vetratura e' da 400 anziché 40 ma frizza comunque.
Spero che nessuno abbia visto sul serio in questa caldata una passeggiata di salute perché non è anche stando con la +20.
Certo poteva andar peggio e a quanto pare dando ragione a Murphy, forse lo fara'.
Speriamo passi il prima possibile e a chi spera in un record spero che venga ma solo a casa sua.


Io direi che stiamo passando da una normale ondata di caldo di fine Giugno a qualcosa di ben più allarmante, è questo il problema.
Cmq la discriminante rimane la durata e su questo c'è ancora da lavorarci, sperando che si riesca a limare qualche giorno a l'Inferno previsto....   ;)


11
Il problema è che se anche va via la +20 e resta una +18 ma ai bassi strati non c'è ricambio d'aria,rimane il solito forno; magari più umido.
Ci vuole o il cavetto organizzato da W (al momento poco gettonato) o uno slancio azzorriano verso NE cin aria meno calda e secca da NE,come si diceva con Aralbedo.  :)

Si quello è sicuro.... Però per adesso son curioso di vedere dove si posizioneranno i massimi di GPT.  L'onda calda è molto occidentale, basterebbe un nulla per rimanere davvero ai margini ed abbiamo il fresco ad un passo a Est... Cmq già essere sul ramo discendente della corrente a getto lo vedo un privilegio  ;D


12
Il caldo insopportabile(umido) sembra iniziare dal 2-3 Luglio, ma dovrebbe durare poco grazie al rinforzo dell'Anticiclone delle Azzorre

15
L'ondata di caldo è forte, però si sta confermando molto occidentale...






16
Grazie Ale, gran lavorone

17
Bentornato Ale, felice di rileggerti :)

18
GRAZIE Ale x tt il tempo che dedichi...  ecc.ecc. e tanti auguri di una pronta ed assoluta guarigione ;)

20
Poi lo sapete, io se sbaglio anche di un'ora mi giran le palle, ma questi son problemi miei  ;D

21
Bel regalo di Capodanno dai modelli, che fanno un passo in avanti nella direzione giusta, annusando quello per cui ci siamo battuti per mesi  8)
Si nota infatti come il riscaldamento tenderà a convergere gradualmente in direzione del Polo Geografico, andando a favorire la formazione di un'Anticiclone Polare indispensabile per la buona riuscita del movimento auspicato:




Ci vorrà forse qualche giorno  in più rispetto a quanto previsto, tuttavia l'intuizione è stata premiata e ci gratifica ancora una volta per il lavoro svolto  :-*  ;)






22
da così:



a così:



dopo un'inizio in displacement, una serie di bilobazioni/split con tutti gli assi sbagliati possibili,finalmente spunta una rotazione da manuale per metà mese..VPS che dopo aver girovagato in fin di vita per tutto il NH decide di tirare il calzino là dove piace a noi.. :D :D

è solo una visione,un miraggio..ma è festa..facciamoci il regalo di crederci.. :-* ;D

23
 Al momento posso solo dirvi che..:

 1).. oltre alla PDO positiva, sul comparto dell'area PNA, con anomalia positiva semipermanente Pacifica Nord-Orientale ed il NAMIAS negativo..(così come ben evidenziato e confermato da Filippo), per cui crea quella struttura d'onda pacifica troposferica, a dover addossarsi sul Nord-Ovest America(Leit Motiv degli anni 2010..), con impedenza di scissione dei centri di massa del VP(spina nel fianco sbagliato del VP lobo Canadese..), ma con un effetto reiterato e a singhiozzo del dislocamento degli stessi centri di massa, e con continuo travaso di PV tra le masse stesse del VP.., in una condizione da pattern quasi semipermanente AD+(..come evidenziato dall'Ottimo Nonno Rodano..), e dunque una mancata formazione più idonea del campo di altapressione polare termica(che tutti noi ci auspicavamo avvenisse nel breve temine, a partir da Filippo per primo e Batstef a seguirne le orme..).. e che poteva permettere una netta dinamica di avvio della separazione delle masse.. ma che di conseguenza sembrano restare, al momento più accorpate in area polare, in un contesto di NAO- ed AO neutra, e con i massimi centri di vorticità e di massa verso la Siberia(condizione per cui questa evoluzione si stia rallentando più del dovuto andando in criticità nelle manovre del TST..).. e dove appunto, nasce invece di conseguenza, il continuo attrito con il possente SH(anch'esso stazionario e reiterato per nostra fortuna ancora..), per cui l'innesco di ulteriori forti Warming Siberiani(ben individuati dai Forecast Strato..)..;

 2) .. e dalla fase prolungata e stazionaria di una Wave Mother semipermanente e reiterata, con esasperazione della dinamica da Displacement inizialmente, mantenendo sempre un forte e buon grado di eccentricità ed ellitticizzazione del VPS.. e a far da forzante Stratosferica in seno ad un'azione in solitaria dell'MMW Split.. e quindi, con quasi la soppressione della seconda cresta d'onda, per cui è venuta a mancare nel momento più importante, con il contributo decisivo a doverne coadiuvarne il forcing, e affinché poteva esserci una dinamica di scissione più incisiva e stabile nel suo grado di assetto più performante.. e da qui la tipologia blanda con fuori assetto di uno Split non dirompente e dinamico(stile eventi da Split da manuale, come il tanto nominato Innominabile ;D e quello del febbraio 2018.. ;)).. ma con lento dinamismo, e non ben definito nella netta suddivisione e rottura delle isoipse post bilobazione, e seguente fase di sviluppo e propagazione fin sotto i 10hpa.. dove a mio avviso, è intervenuto un terzo fattore di scompenso per cui la propagazione e la dinamica immediata ed esplosiva ha trovato un imprevisto sottovalutato e quasi annunciato come ostacolo nella dinamica del TST, impedendone una propagazione più lineare e immediata.. e qui si parla della QBO30..;

 3) .. mia personale considerazione, il fattore che secondo me è più importante in queste fasi di Split post ESEs, con TST event, e quindi la propagazione netta e lineare del disturbo attraverso il deposito del momento Easterlies nei vari piani e soprattutto dai 10hpa in giù verso i 30hpa.. dove appunto non si riscontra ancora nessuna inversione del Zonal Wind, ma bensì solo un fortissimo rallentamento delle velocità, fino al limite dell'inversione.. così come mostrato tra l'altro dal grafico dei Flussi e dei Venti.. e dove la resistenza del lobo siberiano(imputato maggiore di un VPS dislocato fortemente dalla prima manovra di forcing della Wave Mother esasperata..) al breakdown del vortice, dovuto poi allo split lento e blando.. presenta caratteristiche del tutto atipiche, al punto da rendere solo parziale il deposito di momento easterlies, per cui l'inversione (parziale) di gradiente di temperatura e di pressione sotto i 10hpa, mantiene attivi i vettori dell'e.p flux..:



..ma soprattutto, come accennato prima, per un impedimento legato a mio avviso ad una QBO30 virata anticipatamente in segno positivo, che nonostante abbia dei residui lasciti dovuti a fattori di feedback.. fin da inizio stagione, nel momento in cui avveniva il forte raffreddamento radiativo del VPS e per cui erano da considerare le costanti anomalie negative di geopotenziale tra le latitudini di 20°N e 30°N, a chiaro segno di specifiche forzanti troposferiche in concorso, e con la perdurante fase negativa della QBO50hPa ma con il dovuto necessario tempo di resilienza del sistema al recente cambiamento della QBO30hPa in fase positiva da novembre, appunto.. e che riducono così la soglia di aumento del geopotenziale alle alte latitudini purché si produca l’inversione del gradiente meridionale e portano a più bassa latitudine il vortice al momento dell’ipotizzato split.. tradotto con la momentanea fase di stallo impressa dalla compressione adiabatica, per via di un lento raffreddamento radiativo e di rinforzo del VPS a partir da 1hpa successivo al Break Waves, e per cui una dinamica più lineare e immediata del TST poteva portare ad uno Split appunto da manuale come da letterature.. imponendo così la trasmissione giusta del disturbo e quindi l'inversione del gradiente meridionale e di geopotenziale attraverso i livelli isentropici sottostanti, con la dovuta compressione adiabatica necessaria al trasporto e deposito di momento easterliess nei piani inferiori al di sotto dei 10hpa.. dove si sta realizzando purtroppo un impasse che va ad impedirne una regolare propagazione con gli effetti dovuti, e che invece sembra essersi bloccata la dinamo per cui l'evoluzione ritarda con una atipica lentezza del fenomeno in corso, andando a diluire in un determinato range temporale la dinamica prevista e sfociando con ulteriori Warming di sfogo per cui la struttura resta comunque sotto pressione alla reiterazione di questa fase stazionaria di stasi.
 Dunque, la QBO30, con ancora il segno negativo(almeno fino ad innesco Warming Major..).. in questo caso sarebbe stata fondamentale, in quella spinta aggiuntiva per cui sotto i 10hpa l'inversione e la trasmissione del momento easterliess poteva assumere una più stabile e lineare evoluzione per ciò che riguardava la propagazione in termini più congrui al TST in corso e immediata risposta Troposferica.
 Mentre adesso siamo invece in balia di una fase resiliente, dovuta al passaggio della stessa QB030 e quindi ancora con un lascito da feedback negativo(secondo me esauritosi prima del previsto..) e dove la forzante viene pian piano a mancare, ed il sostegno all'inversione netta viene ad allungarsi nei tempi e procrastinati ad ulteriore tentativo di disturbo al VPS con ennesimo Warming Major in fase di innesco successivo.. e per cui ne stiamo già vedendo gli effetti nelle code dei Forecast Strato. ::)

 Concludendo.. posso solo ipotizzare quanto fatto oramai da molti.. che l'evoluzione in corso al momento ha una battuta di arresto, ma con una prosecuzione della fase S-T in allungamento nei tempi previsti, andando a spalmarsi con lentezza fino ad accavallarsi al prossimo disturbo previsto dai modelli.. e portando nel frattempo blande dinamiche Troposferiche di risposta, con Ondulazioni più o meno corte, ma pur sempre in un contesto di condizionamento NAM e propagazione lenta e blanda del TST.. che andranno man mano crescendo, finché il disturbo successivo si risolverà, con il dover riprendere la manovra del primo disturbo in fase di stasi Stratosferica e in via di propagazione lenta, e quindi completare con più convinzione l'evoluzione(al momento stazionaria), andando a portare a termine il deposito del momento easterlies incompiuto, per cui il completo evento da TST, si risolva con l'effettiva propagazione in Troposfera, realizzando così la conclamazione di tutto l'evento in tempi più diluiti.. e con tutti gli effetti che andranno a verificarsi in più riprese, per un più o meno longo periodo, anziché un forte e Strong evento fine a se stesso, come nei classici esempi di Storia della Letteratura Meteorologica. ;)

 Spero che questo mio intervento possa fare un po più di chiarezza ed aiutare a togliere qualche dubbio in più.. io purtroppo sono entrato in una fase interlocutoria, per cui c'è bisogno di molta riflessione e concentrazione nel dover capire e carpire ogni segno e fattore che possa influire in tutta la dinamica.. e che soprattutto si sta realizzando con non poche difficoltà, e con caratteristiche insolite ed atipiche.. ma trascurate in sede di analisi autunnali e per i quali adesso io in primis ne faccio ammenda.
 Purtroppo siamo degli Amatori Passionali della materia e non ne facciamo una Professione.. e dunque, non ce ne vogliate perché da Imparare.. almeno io.. ne ho ancora Tanto e per molto tempo.. ::) ;D

 Un caro Saluto a tutti e a presto... ;)

24





Buona giornata e un buon fine d anno a tutti gli tenti del forum, alle vostre famiglie e alle persone ai voi più care.
Di seguito un veloce aggiornamento della situazione.

Appare evidente il forte stratwarming avvenuto sopra la verticale del Polo Nord. Evidente come l’estremo di anomalia termica avvenga alla più alta superficie isobarica e si trasferisca riducendosi progressivamente alle quote inferiori. Al momento tale   processo sembra fermarsi  vicino alla  tropopausa senza raggiungere la  superficie polare almeno per il momento.

Non resta che seguire i prossimi aggiornamenti in modo da chiarire ulteriormente la dinamica.
Buon anno a tutti ;)



Buongiorno,

apprezzo i tuoi interventi.
Tuttavia trovo che si faccia spesso confusione tra split e displacement, confusione generata dal fatto che entrambe vengono accomunati dall'inversione dei venti zonali a 10 hpa e dalla classificazione quali riscaldamenti maggiori ma è da subito bene specificare che si tratta di eventi assolutamente diversi e, per certi aspetti addoirittura antitetici benché una certa recente classificazione abbia creato una terza categoria di MMW cd. "misti" che si verifica allorquando lo split rispetto una dinamica di displacement avvenga dopo l'inversione dei venti zonali e quindi a MMW già conclamato.
Mi preme tuttavia dire che la differenza tra eventi SSWs classificabili quali displacement (o MMW tipo cold, secondo la classificazione giapponese) e quelli split è radicale sui seguenti punti:

1) il displacement prevede uno squilibrio degli eddy heat fluxes con attivazione della sola wave 1 che appare molto più intensa rispetto alla dinamica con wave 2
2) il displacement opera una traslazione della massa lasciando sostanzialmente inalterato lo stato degli epv mentre lo split intrudendo la massa del vps crea attriti interni fino alla destrutturazione.
ma soprattutto:
3) il displacement non è propagativo semplicemente perché si risolve dalla bassa quota stratosferica (o meglio dalla troposfera) verso l'alto , residuando maggiormente in stratosfera e risolvendosi gradualmente ma non si propaga semplicemente perché è assente la fase s-t.

Ciò che si vede in termini di sinottica in troposfera dopo un displacement non è la propagazione dello stesso bensì la dinamica "lasciata" in troposfera  la quale resta sostanzialmente poco evolutiva a causa dello squilibrio del gradiente verticale di calore.
In soldoni gli eddy fanno fatica ad riprendere a lavorare in modo bilanciato sulle 2 creste d'onda fino a quando residua il disturbo alle quote superiori a causa della divergenza dei flussi laddove viene sbilanciata la massa del vps e dell'estrema debolezza laddove il gradiente sia invece troppo debole.

Non ho alcun dubbio pertanto che si tratti, in questo caso di evento di tipo split che peraltro viene proprio confermato dalle considerazioni sin qui fatte,mentre sui tempi propagativi credo occorra maggior pazienza in quanto quello che oggi si vede non è la mancanza totale di propagazione bensì una limitata propagazione al momento alle regioni troposferico polari.  ;)


25
Vero, ma per ora non si invertono a 60/70 gradi di latitudine e quindi l'alta polare divide il vortice ma senza HP a 60 e 70 lui va a finire sempre sui Balcani Grecia Turchia e Russia perché le depressioni in formazione su Canada transitano su Islanda e Groenlandia prima di tuffarsi ad est dell'Italia. È il discorso di Filippo. Wave 1 troppo addossata a coste USA e Canadese troppo invadente
sinceramente se ci affidiamo alla chiusura di stamane di Reading e al posizionamento degli Spread elevati, tutto farebbe pensare al contrario di quanto scritto sopra e si andrebbe verso una dinamica ascrivibile alla proiezione in fantameteo dell’Ens dello stesso modello e di certo questa ipotetica evoluzione non è certo da NAO positiva...

26
Fu Berlin inversione dei venti zonali su tutta la colonna a 240 ore. Purtroppo non riesco a postare.




Non quasi tutta ma ci siamo, ulteriore conferma di MMW

27
Good Morning Extreme Forecasters,

today about 100% of clusters with split





;)


Admiral Ackbar

28
Una volta individuati i tempi di realizzazione di una dinamica di tipo estremo in stratosfera, basterebbe anche darsi uno sguardo allo studio di B & D allora poi sarà possibile anche trarne le varie conclusioni sui possibili effetti in troposfera.
I tempi di realizzazione di una dinamica Major non sono mai stati veloci e il condizionamento vero e proprio dell'ESE lo si vede spalmato, per condizionamento intendo propagazione su un periodo che va dai 40 ai 60 per spingersi anche oltre, è iniziato ora quindi fatevi 2 conticelli.
Pazienza, pazienza, pazienza, nella vita, la mia ho sempre aspettato ma l'attesa mi ha portato ad ottenere anche sudando tutte le cose che ho sempre desiderato  ;)

29
Inoltre a chi viene in questa stanza per la prima volta invece di commentare a tutto spiano sarebbe bene osservare prima in silenzio, perché non sono discorsi facili i '' nostri '' ma nemmeno difficili e se si ha la forza di volontà di imparare, la pazienza di leggere le cose come si deve allora vedrete che tutto sarà nettamente diverso.
Perché la vita lo richiede, non si può avere tutto e subito, l'esperienza ci forgia in anni ed anni di studi.
Parlando personalmente non ho nessuna laurea in fisica dell'atmosfera o cose simili, sono un agente immobiliare freelance (compro, affitto immobili) e non sono nemmeno un riccone di mer...
Faccio ben altro però la passione per la meteorologia e la fotografia ma l'ha trasmesse il mio buon Babbo da piccolo, mi iscrissi con un vecchio pc che aveva Windows XP professional (non si accendeva nemmeno a volte) ai primi forum meteo dopo la forza di volontà di imparare mi permisero di arrivare ai livelli di cui oggi sono pienamente soddisfatto e non sono un Vate o altro ma uno dei tanti '' longers '' di quelli che l'hanno lungo  :D dei forum, tutto qui.
FORZA DI VOLONTà e voglia di Imparare, ricordatevelo, con queste cose qualsiasi cosa è raggiungibile...
Chiuso OT...

30
Io comunque continuo a ribadire il discorso del mio scorso post, secondo me a questo giro chi dice che non ci sarà propagazione si prenderà un bel nocchino nel capo e mi sto trattenendo...

Non è un MMW perfetto con split come Di... comanda però sempre di ESE si tratta e lo split c'è ugualmente, dalla vita non è che possiamo avere l'85 ogni volta.
Ma come riscaldamento alla quota di 10 hpa è superiore e forse superiore anche in altre caratteristiche togliendo la solita e mera scissione di allora.



Aahah, rido perché c'è aria di una sonora batosta per.... e non aggiungo altro...



L'AO index qualcosa inizia già a mostrare eh...



Le pulsazioni non ci saranno ??
Rirido di nuovo perché già il grafico sopra mostra la prima indicativamente e non troppo intensa verso il periodo del 7-10 Gennaio e una seconda più intensa a metà Gennaio dopo ovviamente avremo le altre a fasi più o meno alterne.
Ricordo a chi ha le farfalline sugli occhi e che l'altra volta mi disse diversamente, che l'AO index è uno tra i pochi indici se non l'unico dove puoi vedere bene la propagazione di un ESE di tipo warm dalla strato alla tropo...

E qui questo grafichetto sotto mostra già qualcosina...



Soppressione dei flussi di calori, EPV vectors non convergenti al polo totalmente sparati a 0 N, ripresa degli zonali wind, ahaha e questo deve preoccupare ??
Che poi tra l'altro gli EPV vectors mostrano che ancora tutta la dinamica non è finita e non appena ruoteranno di nuovo verso destra gli zonal wind e compagnia bella crolleranno di nuovo, i flussi si riprenderanno ecc...




Ma non l'avete ancora capito che questo MMW è molto insidioso e lunghetto (CI VOLE PAZIENZA) ??
Noi siamo solo agli antipastini....


E in troposfera dove siamo noi bon cristiani icche succederà ??

Un primo sconquasso, l'antipastino di crostini di fegatini oppure tonno, maionese e capperi lo avremo già tra il 3 e il 6 Gennaio, poca roba per il Toscano in quanto con configurazioni del genere il solito venticello gelato non me lo leva nessuno poi forse quando si sarà tolto di piedi lì c'è da sperare in intrusioni atlantiche oppure in una bella super gelata a doppia cifra che male e schifo non mi fa.
Dall'altro lato dell'Appennino invece qualcuno si potrebbe divertire e non poco sopratutto i basso Adriatici ma ragazzi il freddo viene da lì, loro hanno un mare davanti, volete confrontare questo vantaggio con chi invece deve sperare in una manovra che va in porto si e no 3 volte su 10.

E questo l'antipastino  :D

Dopo la cosa si prolungherà senza sosta a mio avviso per tutto il mese di Gennaio con prima portata principale tra il 10 ed il 20 del mese, lì se la pulsazione dell'ESE è di quelle come il signor comanda allora mi aspetto un remake tipo il famoso Marzo dumiladiciotto ma anche più grosso e duratura.
20 - 30 Gennaio altra botticella per me.
Non avremo pace e poi c'è Febbraio dove lì non mi spingo perché oltre al già indebolito vortice polare l'avanzamento stagionale gli darà colpi che per lui potrebbe risultare di grazia  ;D
E se invece prima di tutto splittasse da favola allora fate conto un miglioramento delle cose del 30-50 %.
Quindi oltre a venir giù Ginghiù e la Marotta, verranno giù anche e vari apostoli e arcangeli.

Ecco ora ho detto tutto e vivetela con più tranquillità questa scienza inesatta che poi vi ammalate il fegato per nulla  ;) 8)



31
Buona domenica a tutti. Sono ormai passati 3 anni da quando mi sono iscritto nel forum di meteodue. Non rimpiango nulla e rifarei tutto quanto ho fatto finora.Sono stati 3 anni fantastici sia nel bene che nel male. Anche quest anno siamo giunti alla conclusione dell anno,e con questo messaggio voglio augura a tutti voi, alle vostre famiglie un felice e sereno 2019

Un grande augurio a te Ale . E forza!

Inviato dal mio HARRY utilizzando Tapatalk


32
Altra forte eruzione ieri (16 Dicembre) sull'isola vulcanica di Manam, Papua Nuova Guinea, con  cenere a oltre 13,5 Km

Volcanic Ash Advisory Center Darwin (VAAC) issued the following report: FVAU03 at 21:00 UTC, 16/12/18 from ADRM VA ADVISORY DTG: 20181216/2100Z VAAC: DARWIN VOLCANO: MANAM 251020 PSN: S0405 E14502 AREA: PAPUA NEW GUINEA SUMMIT ELEV: 1807M ADVISORY NR: 2018/1 INFO SOURCE: HIMAWARI-8 AVIATION COLOUR CODE: RED ERUPTION DETAILS: HIGH LEVEL ERUPTION TO FL450 OBS VA DTG: 16/2100Z OBS VA CLD: SFC/FL450 S0403 E14509 – S0412 E14503 – S0413 E14439 – S0344 E14409 – S0335 E14431 – S0350 E14504 MOV NW 30KT FCST VA CLD +6 HR: 17/0300Z NOT AVBL FCST VA CLD +12 HR: 17/0900Z NOT AVBL FCST VA CLD +18 HR: 17/1500Z NOT AVBL RMK: HIGH LEVEL ERUPTION TO FL450. A MORE DETAILED ADVISORY TO FOLLOW. NXT ADVISORY: NO LATER THAN 20181216/2120Z


33
Indonesia, Isole Sulawesi: continua l'eruzione esplosiva del Vulcano Soputan, oggi 17 Dicembre con pennacchio di cenere intorno i 7,5 km slm


34
Vulcano Soputan, Indonesia






35
On Sunday, December 16, 2018, at approximately 3:09 am, incandescent emissions above the summit of Gunung Soputan were observed, accompanied by an eruptive column at ± 3,000 m above the summit (± 4,809 m above sea level). from the sea), gray and thick inclined to the southeast.

At 0540, the gray and thick ash column was ± 7000 m above the summit (± 8 809 m above sea level), extending to the southeast.

A VONA was published twice on December 16, 2018: at 04:00 WITA with color code ORANGE and at 5:54 WITA with a color code RED. Until now, continuous tremor continued to be recorded with the maximum amplitude (overshoot) indicating that the eruption activity was still in progress.

The status of G. Soputan is still at Level III (Alert) with a danger zone, which is a 4 km radius and a sectoral expansion southwest of 6.5 km.

The population around the volcano is encouraged to prepare masks of protection for the mouth and nose to avoid the potential danger of volcanic ash for the respiratory system. Drainage residents upstream of Soputan should be aware of the potential threat of lahars, especially during the rainy season.

Source : Magma Indonesia

36
Forte eruzione in Indonesia, Isole Sulawesi, del Vulcano Soputan,(ultima eruzione 18 ott 2018) il giorno 16 Dicembre, con due forti esplosioni e colonna eruttiva di cenere e gas a 8900 metri di altitudine. In seguito alla forte foschia dovuta ai flussi piroclastici è stato impossibile valutare l'altezza.






https://twitter.com/id_magma/status/1074072673976692736



37
Attività solare ancora su livelli molto bassi, serie di giorni spotless escluso qualche frammentaria giornata con micro regioni, che non hanno prodotto nessun tipo di flare o brillamento, ben lontani da produrrre attività in grado di modificare i più importanti parametri misurati, quali indice elettromagnetico, radio-flusso solare e vento solare.
Nel 2018 si sono conteggiate 216 giornate(compreso oggi) spotless, (assenza di macchie solari) avvicinandosi alla serie del 2009 durante il minimo periodico undecennale(circa) scorso, tra il passaggio del sc(solar-cicle) 23 al sc24 (ora in corso)..il quale sembra aver intenzioni molto serie..

Alcuni parametri attuali

Solar-Flux 70.2  (media mensile 70)
Ap index   media mensile 7.6
Solar-wind 362,4  Km/s


14/12/2018   Disco solare superficie visibile, nessuna macchia solare presente, come ormai da mesi.


38
ok ..partendo dall'anno?  2001?
buonasera Ponente! Credo che Ale 81 abbia i grafici dal 1980! Anche se non sono segnati i grafici degli anni precedenti al 2001 ma solo la media dei periodi decennali!
Fra un anno almeno avremo un rilevamento importante sul periodo degli ultimi  quaranta anni !

39


Se guardate le quote capirete tutto, questa è roba stratosferica in tutti i sensi ;D
I tempi sono quasi quelli perfetti da copione  :o :

40
Stanza nazionale: Analisi e previsioni meteo / Re:OGGI, UN ANNO FA
« il: Dicembre 08, 2018, 04:34:03 am »
Menomale c'è questo topic a testimoniare che soprattutto a livello orticello (l'unica cosa che conta
ma anche a scala europea , persino il dicenbre 2017 piscia in testa a questo
nulla nel'orticello e nulla nelle carte.

L'anno scorso gia due volte sfiorammo la neve a Milano e venne addirittura il 10 e 11 dicembre,
piu le 2 irruzioni artiche

Quest'anno ne freddo ne neve ma nemmeno occasioni da neve al livello del mare al nord,
 neppure in vista nel determinismo se non su carte a 200-400 ore 

41
Che si fa si dimentica già il 13/14 e si inizia a parlare di Natale?  ;D ;D a parte gli scherzi è cacca...per ora.

42
Questa passione è bella perché si vive col cuore però bisogna sapersi controllare e c'è un momento per tutto :) :-*

43
se si guardasse solo a 120 h non esisterebbero i forum... ::)
il bello è scorgere segnali dal futuro e carpire i movimenti su macroscala per scorgere eventi importanti o interessanti...discutere su indici, dati, interazioni...ecc...
si però io la domanda che mi faccio da tempo è,come si fa a scorgere segnali dal futuro a 300 h tipo se ogni run è l'opposto dell'altro?è come tirare con il dado no?  :o

44
Guardate che Poesia a 144H.. e STOP! ;)

Reading 144H



GFS 144h



Ukmo 144H



GEM 144h



E nonostante tutto.. tutti i GM anche a 144H non sono allineati e concordi con l'evoluzione.. quindi scendete a 96h e forse forse! ;D ;)

Queste dinamiche sono difficili da inquadrare anche nel breve termine figuriamoci a oltre le 200h.. tutti gli anni sempre la solita storia, lo sapete tutti che in questi casi c'è da sudare ed aspettare.. e se stiamo tutti dietro ai singoli run, per ogni volta che un GM non vede bene quello che vogliamo.. nemmeno all'immacolata ci si arriva.. ;D
Ricoveri alla Neuro come la fila alle poste.. anzi no, agli Store dell'I-Phone.. :o :D ;)

Date retta ad un Bischero come me... ;)

45


No all’accanimento terapeutico! :P

Comunque sembra che io abbia ipotizzato un nuovo 2006-07..in realtà c’è una discrepanza di 20 giorni tra un’ipotesi e l’altra.. ;)
;D ovviamente si Ruzza: è che siamo talmente scottati dal recente passato che viviamo questi lag come una condanna.
Ormai siamo maniacali e vogliamo tutto e subito.

46
Buona giornata a tutti gli utenti. Sia il modello previsionale gfs che ecmwf sono abbastanza concordi nel medio termine nell evidenziare la progressiva instaurazione di una cupola di alta pressione sull italia la quale potrebbe durare per alcuni giorni.


Più che cupola..mi pare una baracca  ;D ;D ;)

47
In merito all'articolo citato in altro topic, non ho trovato il riferimento all'esatta pubblicazione di Zharkova cui si fa riferimento, dunque non so se si tratti della vecchia pubblicazione, già oggetto di polemiche collaterali, o se si tratti di un nuovo studio.
Zharkova et al. alcuni anni fa hanno proposto, se non erro, un modello a doppia dinamo con oscillazioni che entrano periodicamente in fase, prevedendo un ciclo 25 con l'80% dell'attività (unità arbitrarie) del ciclo 24, e un ciclo 26 con il 60% dell'attività del 24. Ora, è chiaro che parlare di riduzione dell'attività significa tutto e niente... Di certo non si è parlato di riduzioni consistenti di potenza irradiata.
Oltretutto secondo altre pubblicazioni (Usoskin e Kovaltsov 2015), il modello di Zharkova fallisce a livello predittivo. Ciò detto, secondo molti fisici solari l'attività resterà relativamente bassa per uno o due cicli. Ciò non implica una riduzione di potenza irradiata, e non sarà necessariamente correlato a cambiamenti climatici (giacché non esistono ancora teorie consistenti sul legame tra attività solare e clima... l'esperimento CLOUD del CERN ad esempio non ha fornito risultati decisivi).
Ahime i brutti articoli, di chi non studia e non cerca, sono ciò che rovina l'idea che l'opinione pubblica ha della scienza.

Di studi sul web ce ne sono, basta che le fonti siano attendibili. Che si inizino a vedere segni di cambiamento di ciclo fà parte delle fasi che incontra la stella, ovvero il cambio di polarità che sancisce la fine di un ciclo e il passagggio ad un altro(in questo caso ora il numero 25). Prevedere l'attività solare nei prossimi decenni è assai arduo, finora infatti molte idee sono risultate poi diverse in questi anni dalla realtà.  Ad oggi il sole attraversa una fase di bassissima attività con il raggiungimento di 200 giorni spotlees in questo 2018,(assenza totale di macchie solari ad altissimo campo magnetico) mentre i restanti hanno avuto piccole regioni presenti sulla fotosfera, davvero irrisorie, che, non hanno modificato i valori principali dell'attività, e che un tempo durante i profondi minimi storici, forse non sarebbero state viste per via della strumentazione utilizzata meno tecnologica di quella odierna. E' altrettanto vero che l'irradianza in termini di watt misurati sulla superficie terrestre non si differenzia molto tra un minimo e un massimo solare, ma sono altri fattori che influenzano il clima quali il geomagnetismo e i raggi cosmici(galattici e extragalattici) attraverso l'interazione con l'atmosfera e anche a livello geologico visto che studi dimostrano come nella fasi con basso megnetismo vi siano state come frequenza un aumento delle più potenti eruzioni vulcaniche(VEI 6 o 7  scala 1-7) con tutte le conseguenze, ovvero grandi quantitativi di S e SO2 immessi in atmosfera con forte potere raffreddante. Come si dice carne al fuoco ce n'è...e le cause come sempre per determinare un cambiamento sono più di una..
ah..intanto oggi spotlees ... si è tornati ai livelli del 2009 durante il passaggio tra ciclo 23 e 24 (ciclo che starebbe per finire) come giorni senza macchie solari(ciclo 23 già più debole rispetto al 22 ultimo ciclo strong)

48
Quinta eruzione del Vulcano Fuego(Guatemala) iniziata il 18 Novembre, con cenere vulcanica ieri mattina a 7.000 Mt slm  e flusso piroclastico di lava in uscita fino a 3km dal cratere




49
Da stasera entrerà aria più fresca al nord Italia e adriatiche con la +5 in quota, a breve in media per gli amanti dei numeri,  venerdì  mattina aria frizzante  e primi freddi di stagione

50
Dall'Omega Blocking allo Scand + (Verso un nuovo WR nella seconda parte mensile, primi sentori invernali)

La configurazione ad Omega Blocking ormai presente da qualche giorno sulla nostra penisola e garante di tempo per lo più stabile ma anche piuttosto umido e nebbioso per mano di inversioni termiche è al termine.
La radice infatti dell'anticiclone nord-Africano troppo debole sta subendo delle intrusioni di aria nettamente più fredda continentale dall'est Europa che pian piano ne consolideranno la sua erosione nei prossimi giorni.
L'HP si troverà costretto a gettarsi verso Nord isolandosi ed andandosi a portare addirittura sulla penisola scandinava (Scand +) lasciando le nazioni sottostanti alle prese con le prime serie ed importanti intrusioni di aria fredda continentale della stagione, prima l'est Europa e poi quella centrale.
Un colpo importante (l'HP scandinavo) al Vortice Polare perché sta avvenendo proprio nel suo periodo di maggiore approfondimento e quasi sicuramente ne comprometterà anche i risvolti successivi man mano che si proseguirà con la stagione.



L'AO index infatti a riguardo conferma un grosso disturbo in troposfera ai danni del vortice polare, un disturbo veramente molto importante...





Adesso però bisognerà anche vedere la risposta della stratosfera a questo potente riscaldamento troposferico e ci sono diverse ipotesi.
Quella del displacement, il VP si dislocherebbero a causa del warming per poi riposizionarsi sul suo centro di origine rinvigorito e qui bisognerà stare attenti al suo approfondimento che se molto intenso potrebbe decretare problemi futuri in ottica invernale.
L'altra ipotesi invece che ritengo più probabile potrebbe esser quella che questo warming potrebbe innescare pian piano e fare da apripista ad altri riscaldamenti futuri (decoupling strat-tropo) per poi concludere l'assedio con un MMW, classica configurazione da Inverno contraddistinto da Weak Polar Vortex.

• Badate a queste parole e prendetele con le pinze, l'ultimo discorso ma ritengo al momento queste sopra le due ipotesi principali.

Vedremo, buona giornata a tutti...


Pagine: [1] 2 3 4 5 ... 50