BACHECA ANNUNCI

VISITATE LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK!

Sono riaperte le iscrizioni al forum! Per registrarsi gratuitamente cliccare QUI

Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - ale81

Pagine: [1] 2 3 4 5 ... 48
1
Da stasera entrerà aria più fresca al nord Italia e adriatiche con la +5 in quota, a breve in media per gli amanti dei numeri,  venerdì  mattina aria frizzante  e primi freddi di stagione

2
Dall'Omega Blocking allo Scand + (Verso un nuovo WR nella seconda parte mensile, primi sentori invernali)

La configurazione ad Omega Blocking ormai presente da qualche giorno sulla nostra penisola e garante di tempo per lo più stabile ma anche piuttosto umido e nebbioso per mano di inversioni termiche è al termine.
La radice infatti dell'anticiclone nord-Africano troppo debole sta subendo delle intrusioni di aria nettamente più fredda continentale dall'est Europa che pian piano ne consolideranno la sua erosione nei prossimi giorni.
L'HP si troverà costretto a gettarsi verso Nord isolandosi ed andandosi a portare addirittura sulla penisola scandinava (Scand +) lasciando le nazioni sottostanti alle prese con le prime serie ed importanti intrusioni di aria fredda continentale della stagione, prima l'est Europa e poi quella centrale.
Un colpo importante (l'HP scandinavo) al Vortice Polare perché sta avvenendo proprio nel suo periodo di maggiore approfondimento e quasi sicuramente ne comprometterà anche i risvolti successivi man mano che si proseguirà con la stagione.



L'AO index infatti a riguardo conferma un grosso disturbo in troposfera ai danni del vortice polare, un disturbo veramente molto importante...





Adesso però bisognerà anche vedere la risposta della stratosfera a questo potente riscaldamento troposferico e ci sono diverse ipotesi.
Quella del displacement, il VP si dislocherebbero a causa del warming per poi riposizionarsi sul suo centro di origine rinvigorito e qui bisognerà stare attenti al suo approfondimento che se molto intenso potrebbe decretare problemi futuri in ottica invernale.
L'altra ipotesi invece che ritengo più probabile potrebbe esser quella che questo warming potrebbe innescare pian piano e fare da apripista ad altri riscaldamenti futuri (decoupling strat-tropo) per poi concludere l'assedio con un MMW, classica configurazione da Inverno contraddistinto da Weak Polar Vortex.

• Badate a queste parole e prendetele con le pinze, l'ultimo discorso ma ritengo al momento queste sopra le due ipotesi principali.

Vedremo, buona giornata a tutti...


3
Sbilanciati


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

manuale...  ??? ;D ;D
 

4
Visto aggiornamenti NAO e AO  :o 8) :o.....qui le TLC stanno prendendo una piega da....meglio non dirlo
Sbilanciati


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

5
Ad occhio la seconda che hai detto, nel caso mi aspetto uno SC "di rimbalzo" tra fine dicembre ed inizio gennaio con tutto quel che ne consegue. Tra l'altro negli ultimi anni, o più prossimamente nell'ultimo inverno, il VP ha venduto molto cara la pelle rimanendo pimpante fin oltre le attese e credo che quest'anno farà lo stesso. p.s. rinnovo i complimenti, ma tanto che ve lo dico a ffa'?  ;) ;D ;D

Mha..vedremo..per me la situazione è ben diversa in partenza...figlia del doppio MMW di Febbraio 2018..
la troposfera reagirà sicuramente a questo primo impulso dall'alto, ma ormai per me come già spiegato egregiamente qui, il vortice polare è in un determinato assetto e ad ogni sua accelerazione, caèpitola, un po' come per es un cane che si morde la coda, più cerca di farcela, più aumenta ed esaurisce le sue possibilità di riuscita..

6
Mi sono già sbilanciato pesantemente, ora mi resta solo da smutandarmi  :)

A parte gli scherzi , per quello che ho esaminato in questi due mesi, devo dire che tecnicamente ci sono le premesse per un disturbo forte e persistente alla struttura del Vortice Polare nel trimestre invernale.
In 3 parole una decisa dinamicità del getto, con ondate di gelo, nevicate, ma anche piogge, temporali e sbalzi termici importanti. Con Mediterraneo area di convergenza, ed un' Europa che potrebbe entrare nel freezer a più riprese.
Il ruolo della stratosfera in questo folle gioco atmosferico potrebbe riguardare  un' amplificazione del pattern, anzichè un suo smorzamento.







7
GFS ha deciso che dobbiamo giocarci il tutto per tutto..una dinamica così il 25 Novembre o apre la strada ad un inverno di altissimo livello,oppure rimane un antipasto indigesto determinando poi una parte centrale invernale abbastanza anonima... ::)

paradossalmente le carte che stanno uscendo potrebbero ribaltare il quadro della NAO, si passerebbe da una NAO+/- dicembre/gennaio ad un assetto opposto, con NAO negativa subito e tendente al positivo poi..un qualcosa di simile al 2010-11..

mi risulta comunque essere una cosa inedita in archivio, quindi dovesse andare così toccherà vivere alla giornata ;D





8
Penso che un ottimo dicembre era un lontano ricordo che non riaccadeva dal 2010 ed e’ il Sogno di ogni freddofilo / nevofilo!
Quindi che dire, complimenti a cloover per aver previsto il tutto quando ancora una cosa del genere era impensabile!!

Non  facciamo però l'errore di dire gatto senza averlo nel sacco  ;)  Sono pur sempre mie previsioni, la verità in tasca non ce l'ho, ci provo come tutti.  Grazie per la stima

9
Bè...gente....che dire.... APPLAUSI!  :D

Su Dicembre c'ho scommesso in tempi non sospetti, gli aggioramenti non fanno che confermare un quadro termodinamico sempre più compromesso, una ferita grave,  alla quale il VP difficilmente potrà controbattere.

  L'atteso Reversal Pattern si compie improvviso, sulle note della passata stagione, passando attraverso un rinforzo del VPS ed  un ri-assetto dei nuclei di vorticità, che hanno portato l'innesco di calore in area Europea(NAO-) rispetto all'area Aleutinica in classico schema PDO+.  Tutto cambia di conseguenza.

Cosa succederà adesso?

Succederà che si instaurerà per il mese di Dicembre un fortissimo squilibrio termico, uno squilibrio che nella notte Polare vuol dire Anticiclone Russo-Siberiano sugli scudi. Ecco la risultante che continuo ad aspettarmi:




Riguardo il NAM credo che dopo questo potente Heat Flux event, tornerà a salire nel corso del mese di Dicembre. Io infatti non penso che arriveremo ad un MMW anticipato, ma potremmo invece tornare a parlare di SC, non lo escludo ed è il fattore attualmente più incerto.

La troposfera potrebbe instabilizzarsi troppo, rialzare il wavenumber (anche disponendosi in AD+) e contribuire ad una nuova accelerazione del VPS.
Ma pensare che possa esserci il botto più avanti bè......direi che è lecito.

Passo di nuovo la parola ai colleghi, buona serata   :)



10
Anche con NAO/AO negativa se il getto atlantico tende comunque ad interessare l'interno dell'Eurasia, difficilmente avremo grandi eventi invernali sia a Dicembre che a Gennaio:



Attendiamo fine mese, ma non dovrebbero esserci clamorosi sviluppi, al momento molto simile al 1957/58 con AO/NAO negativa a partire da Gennaio ed episodi invernali rilevanti solo a fine stagione invernale:



I prodromi di un MMW di febbraio spesso portano in Italia un dicembre/gennaio abbastanza mite
sempre esaustivo :)peccato speravo con il blocco scandinavo il js deviasse a nord isolando il continente

11
Anche con NAO/AO negativa se il getto atlantico tende comunque ad interessare l'interno dell'Eurasia, difficilmente avremo grandi eventi invernali sia a Dicembre che a Gennaio:



Attendiamo fine mese, ma non dovrebbero esserci clamorosi sviluppi, al momento molto simile al 1957/58 con AO/NAO negativa a partire da Gennaio ed episodi invernali rilevanti solo a fine stagione invernale:



I prodromi di un MMW di febbraio spesso portano in Italia un dicembre/gennaio abbastanza mite



12


Segnali inconfutabili, di un passaggio di consegne e di un cambio repentino della circolazione Euro Atlantica. Con la dinamica retrograda, in direzione del Nord Atlantico (Atlantic ridge), della bolla anticiclonica Scandinava e da qui l’avvio ad un possibile pattern da NAO ampiamente negativa, restando in un contesto di Oscillazione Artica in crisi sempre nel comparto  Euro Atlantico. Quindi, con tali dinamiche evolutive, il flusso di aria artica inizierà a riversarsi su gran parte dell'Europa con maggior vigore  a partire dal medio termine fino alla fine del mese iniziando a raffreddare ben benino il vecchio continente
 

si inizia a cambiare aria!!..un po’ più frizzantina  :D
ps: grazie Giovanni Micalizzi per la stima, per di più reciproca e vedrai che qui, ti troverai bene e quando vorrai dacci i tuoi contributi, (mi sembra di fare l’admin del forum  ;D, alla fine batterò cassa al clooverio!!)  ti auguro una buona permanenza in questo forum, ma attenzione, è un covo di Toscanacci! in netta maggioranza, sembrerebbero innocui, ma hanno i pungiglioni   :) :)  :P

13
grandi commenti finali...ricordando che ogni anno fà storia a sè..

14
Bene avete detto tutto voi  :-*
Sale il NAM, si abbassa il wavenumber, ripartono i flussi, e spunta un disturbo a 2 creste d'onda:



Che ovviamente riabbasserà nuovamente il NAM, provocando un indebolimento del VPS grazie all'aumento del grado di ellitticizzazione.
Non è chiaramente il colpo del KO, siamo appena all'inizio. Ma intanto tenderà a rinforzarsi in Troposfera un particolare quadro termodinamico che moltiplicherà gli effetti del prossimo round.....



15
Se permettete vorrei dare un contributo statistico in riferimento a cio che potremo
avere nei prossimi mesi, da alcuni grafici ho notato che per almeno 6-7 mesi
abbiamo avuto un AO positiva e come si vede in quello postato, la media dal 2000 fino ad oggi
ci dice che dopo lunghi periodi di AO positiva possono aversi periodi con Ao piu o meno negativa
e viceversa dopo periodi lunghi di AO- possono seguire periodi anche lunghi di AO+.

Salta all'occhio il periodo 2009-2010 contraddistinto da molti mesi con Ao-.

Da qui posso prevedere che nei prossimi mesi possiamo passare ad avere tendenzialmente un oscillazione artica
negativa, non so se magari Nonno Rodano o altri, possono dire qualcosa in merito

Ecco l'immagine dove ho segnato i periodi con AO in media positivi in rosso e in negativi in blu..

https://imageshack.com/i/pmVNG7jmp
Tutto ciò si chiama Reversal Pattern.. con l'imprinting nato dallo scorso fine inverno.. ;)

 Direi che da ora in poi, assisteremo a ciò che in modo generale e quasi univoco, un po da tutti i più esperti presenti in questo Forum.., accadrà a partir dalla Tropo fino alla Strato e viceversa.. una classica condizione di Condizionamento da Soglia Nam, ma con dei limiti legati ad una stazionarietà d'onda pacifica, o Wave 1, o Wave Mothere che andranno a modulare un andamento della struttura del VP a tutte le quote, con un certo grado di ellitticizzazione(allungamento stazionario..) determinando comunque, visto il rafforzo e l'approfondimento del VPS, con forte raffreddamento e aumento delle velocità zonali e del VPT tramite una comunicazione d'accoppiamento in stile T-S-T event Cold post SC.. ed ovviamente con interazione Strato-Troposferica ad asse allungato, con aumento delle Vorticità Potenziali(forti iniezioni di PV) a carico dell'Onda Altantica Troposferica, e successivamente a quella dell'Onda Russo-Asiatica, dovuta al forte raffreddamento in area Siberiana, con l'instaurazione di un potente HP termico, a coadiuvare il Forcing finale non appena ripartiranno i flussi di calore, e che porteranno al collasso della struttura con Warming sempre più forti..
 Nel frattempo, dalla rotazione del VP, che avremo dopo l'azione di riposizionamento a causa dell'onda Atlantica Troposferica in forte intrusività d'onda, dapprima convergente in seno alle anomalie Artiche e Scandinave positive, si genererà appunto quella classica manovra di chiusura del VP da manuale e azione retrograda secondaria del ramo siberiano, per il mantenimento del momento angolare.. ma sempre con un certo grado di ellitticizzazione stazionaria, predisponendo un iniziale Pattern a Dipolo Artico positivo(AD+), e disponendosi alla fine come nelle più tipiche situazioni da Grandi Eventi, per cui beneficiare di un asse del VP consono alle nostre aspettative di terza decade di Dicembre. ;)

16
Ora se torniamo al topic e andiamo a esaminare lo stato bel VPS notiamo un trascorso e un forecast che ben rappresenta l’andamento altalenante della struttura con preminenza di venti zonali ben sostenuti in stratosfera, considerando però che la stessa e mi riferisco alla struttura del Vortice Freddo, si presenta ben sotto pressione in ambo le parti, generando appunto una ripetuta figura ellittica, con una preminenza della Wavemother a partire dalle prossime settimane, ma attenzione la seconda onda planetaria non resterà inattiva ed a tempo debito darà un grande contributo. 







17
....come mi ero promesso, oggi 6 novembre voglio dire il mio punto di vista sulla prossima stagione Invernale....In gennaio, prima mi aspetto il botto in stratosfera con un potente Stratwarming (prima o massimo seconda decade) con conseguente implosione del VP e giusto il tempo della propagazione nei bassi piani, si darebbe al via ad una pesante incursione “transiberiana” (potente, in quanto credo in un grande ORSO per questo inverno) verso l’Europa orientale, la Mitteleuropa e anche il ns Mediterraneo  interessando soprattutto i ns versanti orientali...
....ma il peggio dovrebbe arrivare in febbraio e farebbe sede sull’Europa centro/occidentale, mediterraneo...

a però!!...se dovevo rappresentare graficamente quanto sopra detto, con le disposizioni medie, delle anomalie di pressione al suolo per JF (con l’aggiunta di marzo), quale miglior carta, se non quella dell’ulltimo aggiornamento della Met Office

e per un trimestre Invernale medio molto Interessante proprio per la ns Europa...
 
  ;D  :P ....non nego che si vola un po’ con l’immaginazione, quando ci si imbatte in certi Outlook, ma il consiglio, amici miei, è sempre lo stesso: cercare di volar basso e piedi ben piantati a terra  e step by tunes!
 ;)

19
Trimestre estivo 2018  (giu-lug-ago) in Europa secondo la Noaa



Alcune zone del centro e più vaste zone del sud peninsualre in media, il resto +1°
In media anche gran parte della penisola Iberica, dove gli ultimi anni ha avuto stagioni estive con massime all'ordine dei +44°

21
Non sarei precipitoso, nemmeno ad escludere Dicembre dai giochi  ::)

Attualmente la situazione è tutto fuorchè definita.
 Anzi, proprio in questo mese si sta giocando una partita molto importante, e se qualche pagina fa ho "drizzato le antenne".....bè un motivo ci sarà   ;)

Il VP ha presentato un elevato grado di ellitticizzazione:



Ed anche nel corso del mese corrente si evidenzia il medesimo imprinting:



L'approfondimento del VPS dovuto anche alla "poca benzina" che avevo già discusso tempo fa (BDC debole), si ritrova a fronteggiare una situazione piuttosto complicata.

Pensare ad uno stratcooling imperante è veramente arduo in questo frangente, una scommessa.
A mio avviso Dicembre si gioca invece proprio su questo equilibrio.
Arriverà un impulso dalla stratosfera, ma potrebbe abbassare il wavenumber pattern, generando la prima onda lunga della stagione, dando linfa vitale ad un nostro caro amico: L'ORSO.

Cloover



22

  ::)



si Filippo concordo sul tuo schema per una wave mother posizionata in modo da avere un vp in displacement ma propendo che questo schema sia più riferito alla parte finale di novembre e la maggior parte di dicembre , dove lo stesso vps proseguirà il suo raffreddamento e approfondimento andando vicino alla soglia nam positiva o raggiungendola . .. ma sappiamo che il meccanismo di condizionamento nn è solo riferito ad un valore numerico nudo e crudo e quindi credo che , visti i valori di epv in bassa strato rifacendoci a quello successo l'anno scorso ( che tra l'altro il nam raggiunse valori molto al di sopra del + 1,5 ) la propagazione in troposfera sarà parziale e comunque la wave mother agirà come spina nel fianco al vp nella conquista del polo geografico , questo secondo me porterà a fine dicembre o prima decade di gennaio ad un'evento estremo di segno opposto .MMW , per il passaggio a pattern a due wave ... e penso che il forecast di CFS lo descriva abbastanza bene ... picture upload un po' quello successo l'anno scorso ma con un mese di anticipo .. e per questo ragionamento mi associo all'intervento di marca fermana ... ;)

23
Complimenti Nonno Rodano per l'ottimo lavoro!  ;)
Si Filippo, veramente  un ottimo lavoro quello di Lorenzo e soprattutto mi piace molto la possibilità che si possa andare per estremi per raggiungere quel valore medio NAO di DJ e ritengo che sia leggermente sovrastimato come positività, ma lo vedremo poi in rianalisi, ma la cosa che voglio sottolineare, che tale andamento “estremo” sposerebbe  in pieno il mio punto di vista, discutibile ma che da qualche settimana, soprattutto su dei social insisto caparbiamente e forse testardamente fino a quando la realtà non me lo smentisca.

Quindi, come mi ero promesso, oggi 6 novembre voglio dire il mio punto di vista sulla prossima stagione invernale.
So già che è un impresa ardua e piena di insidie, soprattutto da qui a 10/15gg, visto che abbiamo un VPS con una partenza in forte anomalia negativa radiativa, ad un passo da un stratcooling, ma al momento resto convinto che si rimanga in un contesto ballerino (strong and weaking) delle velocità zonali in strato, per merito, ma senza pericolosi eccessi (TST Event strong), di una buona attività di trasmissione  della Heatwave in accensione e spegnimento come fosse un interruttore, on/off.
 Ora a prescindere di alcuni indici  teleconnettivi visti in virata interessante...vedi la possibilità che da metà novembre si vada verso un NINO Modoki più convinto (come da forecast già postato precedentemente) e tutti gli altri importanti segnali già evidenziati nei giorni scorsi, in particolare, da Filippo e Luca  per raggiungere, appunto, una  corretta modulazione del getto sub tropicale in area nord Pacifico e quindi  per un corretto posizionamento della Wavemother e di tutta la conseguente attività delle onde planetarie (ROSSBY).
Ma la cosa che vorrei maggiormente sottolineare un particolare e da qui una possibile correlazione da non sottovalutare, anche se non escludo che  forse stata precedentemente già discussa. La QBO occidentale è oramai scesa al di sotto dei 30 hPa, ma la stratosfera inferiore sembrerebbe rimanere  in un eQBO




 il che favorirebbe la risalita della tropopausa tropicale e la propagazione verso l'alto delle onde di Kelvin verso la zona di taglio occidentale, da qui una seria possibilità per azioni dì coriacei blocchi sul nord Pacifico per una pattern da PNA negativo sul continente Nord Americano.
Ma facendo un concentrato di tutto il discorso è che vorrei evidenziare che  gli SSWs (o MMW di tipo Split) si verificano più spesso durante una transizione da eQBO verso appunto  wQBO in un contesto di basso geomagnetismo della ns stella...

Ed ecco che dall’insieme dei grafici, sopra postati, potremmo ottenere gli stessi, ma in proiezione e quindi in forecast per un gennaio con il botto, evidenziando quanto di già abbiamo ottenuto, con un ottima correlazione,  nel febbraio scorso per un SSWs...


Quindi, concludendo con una battuta, le ormai note proiezioni molto mite delle  stagionali delle Accuweather, per me è imputabili più al singolo mensile medio di dicembre prossimo, che all’intero trimestre. In gennaio, prima mi aspetto il botto in stratosfera con un potente Stratwarming (prima o massimo seconda decade) con conseguente implosione del VP e giusto il tempo della propagazione nei bassi piani, si darebbe al via ad una pesante incursione “transiberiana” (potente, in quanto credo in un grande ORSO per questo inverno) verso l’Europa orientale, la Mitteleuropa e anche il ns Mediterraneo  interessando soprattutto i ns versanti orientali...

ma il peggio dovrebbe arrivare in febbraio e farebbe sede sull’Europa centro/occidentale, mediterraneo
non escluso e massimi effetti sul ns centro nord, con NAO ed AO stabilmente in campo negativo...


24
Stanza nazionale: Analisi e previsioni meteo / L' ANGOLO DELLA MAGIA
« il: Novembre 04, 2018, 08:30:06 pm »
Dicembre :



Gennaio/Febbraio :



dicembre con pochi scambi meridiani, cambio netto gli altri due mesi.
Decisivo il passaggio da ENSO neg. a ENSO debolmente pos. o moderato, che mantiene su dicembre ancora molte caratteristiche atmosferiche della Nina.
Uno schema che si accorda bene anche con la QBO occidentale e la forzante ( recente ) delle anomalie glaciali artiche.
Però su Gennaio/Febbraio non facciamoci troppo la bocca, perchè proprio la QBO potrebbe mettersi di traverso...nei prox giorni ulteriori partcolari.





25
Ecco, ora ci vuole solo l'acqua, acqua e acqua dopo si pensa alle cose belle  :D

26
 Scusatemi la latitanza.. :-X Quest'autunno/inverno sarò un po più limitato e conciso nel mio contributo, non ho purtroppo molte occasioni per connettermi e partecipare attivamente come lo scorso autunno/inverno.. :-\
 Avendo incombenze personali di prioritaria importanza, mi ostacolano ovviamente nel poter ritagliare sufficientemente spazio per questa nostra passione.. ma di tanto in tanto spero di poter contribuire nel miglior modo possibile e vi chiedo venia se non sarà sufficientemente abbastanza per la nostra causa invernale. ??? ::)

 Comunque eccomi qui per dire la mia in maniera rapida e velatamente criptica.. :o
 Innanzitutto Complimenti a tutti! per l'ottimo lavoro svolto fin qui egregiamente.. e per la grande e sempre crescente competenza e professionalità che questo Forum acquisisce di anno in anno, oltre all'Ammirevole Filippo che come ogni anno ci sciorina le sue importantissime e mirabili indicazioni ed intuizioni.. e non da meno dal Nonno Rodano come sempre in gran spolvero.. per cui ci getta la giusta base di partenza, per un quadro Stagionale già al quanto pronto, alle iniziali analisi e previsioni che ci traghetteranno da oggi in poi al prossimo Inverno.. probabilmente con la "I" Maiuscola? ::) ;)

 Mi Congratulo, come già avevo paventato nel Topic aperto da me ad inizio Settembre.. sulla potenziale partecipazione di ulteriori Utenti, emergenti già dallo scorso anno, che hanno dato segnali di ottima competenza e passione in merito.. per cui ne  avremmo e avremo letto con passione e interesse, a ciò che sarebbe stato il proprio contributo aggiunto e crescita costante nella professionalità individuale acquisita durante questi ultimi anni.. Davvero Complimenti a tutti!
;) :)

 Bene, adesso bando alle ciance e alle sviolinate.. ;D e andiamo a vedere cosa è accaduto e sta iniziando ad accadere in Stratosfera prima di tutto, grazie ad una partenza inizialmente blanda(settembre e prima parte di Ottobre..) e poi in 5° marcia con curvatura ad onda, dell'Autunno a livello Troposferico, per cui gettano una decisa azione di disturbi di calore ad ondulazione meridiana e onde lunghe e convergenti, grazie ad un VP che ha ceduto nella seconda parte di Ottobre regalando un finale esplosivo e importantissimo per le cronache sia Stratosferiche future, che nel mantenere l'impronta del Cambio di Pattern attivato con il Reversal dello scorso fine Inverno.., dando così la nascita ai primi Upper Warming Siberiani(che andrò ad analizzare successivamente in questo post..), che come da copione non potevano che mancare ad una così sfrenata partenza della Stratosfera, in regime di Raffreddamento ed Approfondimento in ordine di prima armonica.. palesando un evidente accelerata zonale da record, per il periodo e stabilendo il primo Stratcooling precoce.. un SC che è al limite di un nuovo ed ennesimo sfondamento dell'indice NAM(anch'esso probabilmente precoce..) alla pari di un cedimento totale e strutturale dell'intera colonna isobarica del VP ad effetto di un probabile ESE da T-S-T event, modulato appunto dalla Troposfera in crisi nelle ultime 2 settimane, per cui la partenza dei flussi di calore ad opera della persistente Ondulazione di una Wave 2(Onda Atlantica in regime di un sensibile ed evidente calo dell'indice NAO ad impronta dello scorso Reversal di cui prima..) in combinazione ad una Wave 3(Onda Euro-Asiatica) defilata verso il comparto Europeo.. ed una crescita esponenziale dello Snowcover Siberiano ed Euro-Asiatico, per conseguenza della costante e sempre più pesante crisi dei ghiacci Artici a livello marino e costiero delle aree a partir dal Mardi Barents e Kara.. prodromici ad anomalie di persistenza, per cui si associano Ondulazioni Anticicloniche che modulano il getto in senso meridiano nelle aree Euro-Asiatiche di pertinenza dando vita ad un'accelerata repentina ed intensa dello Snowcover di cui prima, e flessione dell'Oscillazione Artica(AO) in un contesto di calo repentino e strutturale, nel dare vita ad un VP destrutturato e disturbato alla base, ed allungato e disassato a 10hpa nei prossimi giorni(come mostrerò nelle immagini che seguiranno..).

 Queste condizioni, sono atipiche per il periodo fortemente precoce.. ma in un contesto di azione da manuale, per un quadro evolutivo con sfociamento ad ESE(Warm o Cold?).. mi preme dire che effettivamente la dinamica nasce come figlia di un assetto evolutivo messo in fase dallo scorso fine inverno, ad effetto del doppio MMW, con cambio del Pattern e dell'intero WR emisferico(così detto e noto Reversal Pattern).. e di cui già Cloover ci ha ben mostrato ed esposto anticipatamente in questa discussione con larga ed esaustiva disamina.. ;)
Questo contesto ha le stesse potenzialità e dinamiche, per cui un'evidente e molto probabile ESE event si verifichi in entrambe le direzioni.. che siano di tipo Warm o di Tipo Cold.. tutto con una progressiva azione di disturbo generato dall'attivazione dell'Onda Pacifica(Wave 1 o Wave Mother) ad opera dei primi Upper Warming Siberiani che iniziano già a farsi strada a partire dalle 72h(periodo altamente attendibile per confermare la dinamica evolutiva della prima Onda in azione e disturbo verso i piano Stratosferici..)..:



 
.. di fatti, da ciò che si evince.. il disturbo parte appunto lì dove le anomalie sono persistenti, come nello scorso autunno.. e quindi dando vita ad una azione siberiana di disturbo progressivo, che genera l'attivazione e modulazione della Wave Mother, che nello specifico si palesa con gli stessi movimenti isobarici per cui ha dato vita, lo scorso autunno/inverno, alla persistente spina nel fianco del VPS ed intera trasmissione destrutturata della colonna ai vari piani isentropici.
Abbiamo visto una quasi classica azione da CW(Canadian Warming ) che in pratica non lo è stato a tutti gli effetti(argomento molto discusso e messo in contrasto dai più..).. per ragioni legate alla natura della stessa azione, con riferimento e partenza dal lato Siberiano e trasmissione dell'Onda Pacifica in inclinazione molto retrograda, rispetto alla classica e da manuale azione da CW come da letteratura.
 E di fatti, gli ultimi aggiornamenti recano la stessa ed identica azione in evoluzione nei prossimi giorni..:

..a 120h




..a 180h





..a 240h




..e calo delle velocità del Zonal Wind dopo l'accelerata dell'improvvisa partenza a mille del VPS..:



..evidente flessione del decorso dello Zonal Wind ad opera di iniziali disturbi siberiani, con i primi flussi di calore generati dall'attrito dovuto alle forti vorticità assunte dal VPS in partenza e tentennamento associato ad una svanita progressione del SC in fase di punto di non ritorno ad un NAM in superamento..:


 
 Messo in chiaro il fatto, che simile azione è anche prodromica di ulteriori accelerate zonali improvvise e forti, per mantenimento del momento angolare, e per cui un VPS a 10hpa possa generare un classico movimento di riconquista del polo geografico e riposizionamento nel suo core di origine, con ulteriore approfondimento e raffreddamento dello stesso andando pericolosamente a far sfiorare, o addirittura, sfondare la sensibile soglia del NAM.. come comunque accaduto d'altronde lo scorso anno(anche se in maniera molto sofferta, per via della costante Onda Pacifica in progressiva e continua azione di disturbo, mantenendo un VPS allungato e decentrato per tutto il periodo noto..).. ma a dinamiche molto simili al Canadian Warming di cui sopra.

 Questa invece, ha tutta l'aria di una partenza davvero in 5° marcia come detto prima.. per via principalmente legata agli assetti Troposferici, con in primis le SST di riferimento, come mostrato da Filippo.. dunque, aree sensibili alla disposizione del Pattern più esplosivo nella nostra area, in termini Invernali.. che vedono il raggiungimento della negatività nelle anomalie adeguatamente assimilabili all'Imprinting dello scorso Reversal.
 Di fatti si confermano le anomalie negative ricomparse sia in area Pacifica lungo le coste statunitensi occidentali, che quelle in Area RM a largo di Terranova, ove l'uscita del getto canadese viene mantenuto più contratto e non disteso verso il Nord Atlantico dando più possibilità d'ondulazione convergente tramite una modulazione dell'Indice NAO in chiaro cambio di segno costante.. poi abbiamo appunto l'area Euro Asiatica sotto il 40° parallelo in netta anomalia negativa per una considerevole accelerata dello Snowcover a garanzia del fatto occorso tramite la costante Ondulazione Atlantica in senso meridiano verso i Comparti Euro-Scandinavi e convergenza verso le Aree sensibili Artiche dove si riscontrano appunto le forti anomalie positive tra Mar di Barents e Kara.. e in ultimo, ma non di meno importanza, la forte anomalia positiva ricomparsa in estremo oriente settore Russo-Asiatico a ridosso dell'Area Namias di pertinenza Pacifica Est-Settentrionale..:



 Insomma che dire di più? ;)

 Abbiamo una situazione davvero ghiotta che si sta profilando pian piano, tanto quanto quella di un ennesimo ESE Cold da NAM superato.. che in questo caso potrebbe arrivarci così di anticipo, che a partir dalla seconda decade di Gennaio, ci terrebbe fuori dai giochi del VP forte eventualmente scaturitosi.. e che comunque ci può riservare una seconda parte invernale di tutto rispetto con un probabile MMW nella prima metà di gennaio. ::)

Conclusioni.. direi che le ottime e potenziali sensazioni di fine Estate siano ancora valide e in atto! :o ;)

27
Ukmo ed Ecmwf tempo grigio, piovoso e instabile in media termica. Novembre non è un mese invernale, di solito di norma le prime brinate si vedono verso la fine di questo mese. Certo, avere un tipo di correnti o un'altro a seguito dell'ondulazione cambia anche  se di poco la sostanza visto il tipo di tempo...e cmq  in seguito si nota una maggior entrata da ovest ...  E' Autunno..via! 
bella analisi di Fabri93, per me importante mantenere quell'anomalia su nord-est Europa .. e complimenti a Cloover!

28
Tornando al discorso dell'AO index, la negatività di quest'ultimo indice conferma proprio a livello della troposfera la situazione che abbiamo adesso, tutta questa instabilità e piovosità.
La si traduce in VPT, vortice polare troposferico debole mentre lassù prosegue una fase di intenso raffreddamento e lasciatelo pure raffreddare lassù  ;D
Quindi se continuasse per quasi tutto il mese questa situazione bene così.



Secondo me tutto procede secondo '' i piani '', vi mostro questa cartina ripresa dall'analisi invernale postata qui fatta il 21 di Ottobre scorso.



Confrontatela con questa sotto che è l'attuale...



Non voglio aggiungere altro ma secondo me la situazione quest'anno è buona.
Basta mi fermo qui, dovevo postarlo nell'analisi stratosferica, di là ci farò qualcosa di più approfondito.

30
Il vps,come visto precedentemente, è partito molto forte dall'inizio.

L'andamento resterebbe favorevole all'insorgenza di un precoce S.C. se non interagissero da ultimo flussi di calore distribuiti su due creste d'onda che rappresentano il modo canonico per disturbare la progressione del vps.



Teniamo peraltro conto che oltre i fattori quali il raffreddamento progressivo e costante ed il calo dei geopotenziali è necessario che vi sia un rinforzo delle Epv quindi dei massimi di vorticità potenziale per consentire una trasmissione del moto verso i piani inferiori della stratosfera fino in troposfera senza che questo si disperda per strada, un pò come era avvenuto lo scorso anno quando il condizionamento, dopo l'ESE cold, tendeva a disperdersi ai piani medi della stratosfera nonostante un indice NAM abbondantemente sopra i +2:



Altro elemento da considerare è la presenza di un livello di ozono stratosferico anche superiore al momento rispetto quello dello scorso inverno nonostante che i presupposti potessero lasciare presagire il contrario



 ;)

31
Un'occhiata a venerdì e sabato:  c'è la lenta tendenza all'isolamento del cutoff sul mediterraneo centrooccidentale che fino a tutto sabato almeno sarà assistito dal getto. A E il blocco e' ferreo .
L'avvezione calda iniziata produrra' come si e' visto ieri, un lungo fronte semistazionario. Quando i fronti sono lenti e si sviluppano quasi indisturbati per centinaia di km, e' frequente che in certi punti critici (orografia, punti di convergenza,  saccature di massa d'aria, ecc.) si formino ondulazioni sulla superfice frontale che poi cominciano velocemente a risalirla piu' o meno come le deformazioni di una corda quando la si schiocca come una frusta.
Accade anche questa volta, si vede l'ondulazione gia iniziata a sud della Sardegna nella prima carta alla mezzanotte di domani. Se l'energia e' poca, l'ondulazione si riassorbe. Se e' sufficiente, l'onda aumenta di ampiezza finche' "sente" la forza deviante e si invortica rallentando e iniziando a generare una bassa al suolo associata ad un nuovo sistema frontale con azione calda, fredda e occlusa. E anche questo pare che succedera', lo si vede nella seconda carta alla mezzanotte di dopodomani.
Venerdi' e sabato quindi , lungo il  fronte atteso per domani una ondulazione si svilupperà a sufficienza da generare una bassa al suolo sul mediterraneo centrale che andra' subito in fase con la bassa nordafricana,  manterra' attiva l'avvezione calda sahariana (anche se piu' blanda, non sto ad entrare in particolari) e si porra' inizialmente in modo baroclino rispetto alle superfici isobariche dei piani superiori . Il sistema frontale , bloccato, tendera' ad esaurirsi domenica con l'abbandono della scena da parte del getto e repentino colmamento del cutoff. Ma prima, fino a domenica mattina, ci manterra' nel tiro di frequenti annuvolamenti e fasi precipitative, in progressiva veloce attenuazione via via che si procede verso domenica.


32
Sembra che per noi l'inverno inizi verso il 16 novembre, Rossby Poleward in carica sul comparto canadese:



33
Se lo stratcooling è inevitabile speriamo arrivi il prima possibile e magari a metà novembre.Almeno già dai primi di gennaio finirebbe il condizionamento stratosferico, e nel frattempo può scapparci qualche circolazione secondaria, anche se favorirebbe il centro sud.

Di inevitabile per ora non  c'è nulla..perchè per ora non è successo nulla...quindi aspettiamo a vedere come parte il disturbo o se invece la troposfera resterà inerme.

34
Ritorno al fut....ehm....al passato

[mmg]3105[/mmg]

35
Buona giornata a tutti gli utenti del forum di meteodue. ECMWF 00z evidenzia la possibilità per la prossima settimana di avere un intensa anomalia termica positiva  sull'Europa.
Ooooh,finalmente: tutto questo freddo aveva stufato.
 ;D

36
ECMWF 00z evidenzia la possibilità per la prossima settimana di avere un intensa anomalia termica positiva  sull'Europa.
meno male, come ai vecchi tempi:



37
La strutturazione di un anticiclone russo siberiano nella stagione invernale deve essere descritta bene, più orientale, più occidentale più meridionale o più settentrionale, la sua estensione ecc...un anticiclone russo siberiano che fa capolino bisogna vedere come lo fa, se non lo si sa dettagliare difficilmente si possono dare indicazioni dettagliate del tempo in Italia..nè tantomeno partendo da un analisi stratosferica.
 
dovrebbe essere noto ormai che il superamento del NAM manca di precludere qualsivoglia tempo meteorologico in Italia, visto che gli studi in proposito sono ormai obsoleti.

QUI non si danno indicazioni dettagliate sull'Italia, pensavo fosse chiaro.
Il raffreddamento del settore siberiano è una delle prime cause di disturbo al VP e quindi, di riflesso, al VPS.

Sperando sempre che lo spauracchio del superamento NAM venga scongiurato.. ::)

il condizionamento stratosferico parte sempre dal basso, quindi bisogna vedere come viene superata la soglia del NAM e SE viene superata  .....


38
La strutturazione di un anticiclone russo siberiano nella stagione invernale deve essere descritta bene, più orientale, più occidentale più meridionale o più settentrionale, la sua estensione ecc...un anticiclone russo siberiano che fa capolino bisogna vedere come lo fa, se non lo si sa dettagliare difficilmente si possono dare indicazioni dettagliate del tempo in Italia..nè tantomeno partendo da un analisi stratosferica.

Sperando sempre che lo spauracchio del superamento NAM venga scongiurato.. ::)

dovrebbe essere noto ormai che il superamento del NAM manca di precludere qualsivoglia tempo meteorologico in Italia, visto che gli studi in proposito sono ormai obsoleti.

39
La situazione sul lungo termine, in questi ultimi aggiornamenti, pare sempre più sposare la tesi di un arretramento del nucleo Siberiano che va così a modificare l'ondulazione sul Pacifico secondo uno schema da PDO-  e Nino West based:



Su queste premesse è molto probabile andare incontro ad un significativo raffreddamento della Siberia, che getta le basi per una decisa strutturazione dell'anticiclone termico:



Chiaramente una spina nel fianco per una buona attività del VP, che si ritroverebbe ad aumentare progressivamente il grado di ellitticizzazione.
Probabilmente il NAM continuerà a salire ancora, dopo aver raggiunto valori intorno a +1 ad inizio Novembre.
Ma proprio sull'incremento di vorticità potenziale in arrivo dalla Stratosfera, potrebbe partire la prima onda lunga della stagione ed una risonanza importante, con l'Anticiclone Russo-Siberiano a fare capolino in maniera sempre più convincente.
Vediamo se si continua su queste premesse









40
a 10 e 50hpa le anomalie degli ultimi giorni sono effettivamente molto simili a quelle che hanno preceduto gli sfondamenti del NAM (NAM > +1,5) presenti in archivio,più precisamente saremmo a crica 10 giorni dall'evento,secondo me un tempo troppo breve..questo probabilmente a causa della partenza "dopata" del vps ::)

mentre a 500hpa sono molto simili ai -20/-30 giorni dallo SC..

mediando direi che ci sono elementi per ipotizzare un ESE in prima decade di Novembre (o comunque entro il 15)..terrei d'occhio i prossimi runs perchè al momento, sebbene nelle ultime uscite il vps appaia più forte anche dopo le 240 ore, non ci sono segnali netti in direzione di un ESE, ma potrebbero comparire tra qualche giorno..questo ovviamente se le anomalie a 10 e 50hpa si comporteranno da predictors corretti come in passato.. ;)
passato che ci racconta anche di SC con effetti in superficie del tutto diversi da quelli che di consueto in materia ci si attende.
Nel frattempo nel settore europeo la corrente a getto è non a caso simile a due annate con QBO west e minima attività solare 2008 e 1995:





41
come detto più volte in stratosfera tutto procede come dagli anni 2000 in poi, con crollo delle temperature e dei geopotenziali, crollo che è divenuto più marcato dal 2010 in poi..da questo nascono le velocità degli zonal wind da record di questi giorni e, aggiungerei, anche i valori del NAM da 10hpa in su.. :o

a questo punto capiremo se questa tendenza ben consolidata e difficilmente reversibile in tempi brevi (come detto ci vorranno anni per tornare su valori pre-2000, anni da quando la tendenza si invertirà, ammesso che lo faccia)...
Tutta l'atmosfera si sta comportando in modo nuovo rispetto all'elevata attività solare e interazione terrestre che avevamo in passat e che ne aveva determinato indici, comportamneti consueti, studi,ecc.ecc.
Direi che entrambi gli strati atmosferici si stanno comportando diversamente dal passato e di sicuro chi si focalizzerà a studiare i comportamenti atmosferici recenti sarà favorito nel diagnosticare le future tendenze.
Come anticipato a qualche utente in privato, anche la nostra Terra si sta comportando diversamente a fronte di un attività solare mutata proprio negli ultimi anni. Le SST ci stanno mostrando una maggiore propensione al rilascio di calore e questo determina un notevole cambiamento del PBL. Dando un occhio al passato difficlmente credo che la tendenza  possa invertirsi in tempi brevi (in termini di rilascio di calore e conseguenti comportamenti/tendenze superficiali).
Ciò che è interessante che molte interazioni atmosferiche diverranno poco prevedibili se si rimane ancorati alle interazioni dell'ultimo secolo...il passato ci aiuterebbe molto, purtroppo abbiamo la sfortuna di trattare una materia ancora relativamente"molto giovane" e quindi ancora poco nota.

42
Mi fermerei a questa....   avanti! Autunno pieno..




43
Tre carte in serie: oggi 12z, domani 12z e mezzanotte tra domani e dopodomani.
Le piogge odierne in regione sono arrivate da una linea pseudofrontale calda. Quella successiva che si vede in preparazione nella prima carta e in azione nella seconda sara' responsabile di gran parte delle precipitazioni, la depressione infatti subira' un concomitante repentino approfondimento caricando l'avvezione prefrontale, il fronte poi mollera' il gancio finale.
Nella terza carta linee instabili convettive in arrivo, nell'aria postfrontale .




44
I valori estremi di precipitazione per ora in Italia:

Friuli Venezia Giulia



Liguria



Trentino Alto Adige



Veneto



Calabria



Piemonte



Lazio


45


L'evidenza è che stiamo andando dritti verso uno Stratcooling, con un calo termico in media-alta stratosfera che ha già raggiunto valori esorbitanti:



Un raffreddamento che tende ad interessare progressivamente anche i piani più bassi:



Era la situazione che ci attendevamo e siamo nel punto dove sapevamo di essere.

Tuttavia permangono alcune variabili che obbligano a forzate considerazioni. Non mi sembra di scorgere un lineare processo di condizionamento Strato-Troposferico con AO+++, quanto piuttosto i primi tentativi di un profondo cambio di pattern su scala emisferica, come imprinting relativo alla passata stagione.

La Stratosfera di Ottobre evidenzia anomalie di GPT caratterizzate da una propensione a disturbi moderati-forti:



Mentre Novembre, per adesso, dopo il reversal pattern correttamente previsto sull' East Atlantic, sembra seguire le orme tracciate:





Sembra poter aprirsi una strada, dettata dal forte grado di approfondimento del VPS ed una situazione termodinamica poco incline ad esserne modulata.
Direi di tenere d'occhio un possibile buon strutturamento dell'Anticiclone Russo-Siberiano.

Buon Weekend!


46
Pour parler....Non sarà (...ancora) un valido test crash, ma intanto si denota, a vista, un VP messo abbastanza sotto pressione da una parte e dall’altra, con una maggior concentrazione di PVN sull’artico Siberiano. Questo grazie ad una W1 blanda ma posizionata a modo, e una W2, anche se decentrata dalle aree polari, ma già in discreta forma, con delle vorticità negative in quell’area critica che ricorda che li si dette il là, alla miccia del passato MMW del febbraio scorso....Comunque una posizione che contribuirà molto, per ora, alla causa Siberiana, come già ampiamente annunciato dagli altri amici utenti. ;)



aluminium chemical formula

47
Inverno 2018-2019 come potrebbe essere in Italia (ci provo)

Quest'anno perdonatemi se parto così prematuramente ma avendo già il materiale tutto pronto ho voluto dar vita ai miei pensieri, sopratutto per me è un occasione per vedere se certe convinzioni che ho sono realtà oppure solo mera fantasia.
L'idea di base c'è adesso vediamo se tutto davvero può prender vita o meno, in ogni caso sarà sempre per me motivo per imparare ed apprendere qualcosa di nuovo.
Fine OT.

Proseguo autunnale in Italia (Ultima parte di Ottobre e Novembre)...

L'ultima parte di Ottobre a partire sopratutto da questo weekend, da Domenica 21 dovrebbe vedere una graduale cambio della configurazione meteo a livello sia italiano che europeo con un raffreddamento delle nazioni orientali, in Italia potremo risentire di un parziale coinvolgimento di queste masse di aria fredda con le prime sventagliate da est, l'anticiclone però dovrebbe rimanere sempre abbastanza invadente sul comparto europeo sopratutto occidentale.
Sull'Italia centro-meridionale e isole dovremo ancora risentire di una moderata instabilità a varie riprese fino a fine Ottobre.
Proprio negli ultimi giorni di Ottobre (27-31 ipotesi Ecmwf) potremo assistere alla graduale apertura della porta perturbata Atlantica con precipitazioni che colpirebbero in questo caso anche l'Italia settentrionale e centrale decretando la fine del lungo periodo mite e stabile che ormai prosegue da tempo a più riprese.

Novembre

Dovrebbe vedere un graduale abbassamento del getto perturbato Atlantico con l'avvio delle grandi piogge autunnali sopratutto sul NW, settentrione e parte delle regioni centrali, meno piovoso al sud almeno fino al 15-20 del mese.
Gran parte del mese dovrebbe proseguire con questo schema qui, poche le fasi anticicloniche anche se l'anticiclone azzorriano rimarrà invadente sull'Europa occidentale mentre nella seconda parte mensile potremo avere maggiori incidenze del freddo da est sempre sventagliate.
Ecco un quadro delle anomalie bariche attese per il mese di Novembre sull'Emisfero Settentrionale:



Ao index e Nao sono attesi tra il neutro e il negativo per quasi tutta la durata del periodo preso in esame 21 Ottobre - 30 Novembre, non ci dovrebbero essere grandi fasi positive, la media si dovrebbe attestare come detto prima...

Ps: Per questa analisi sopra mi sono rifatto sopratutto alla statistica passata analizzando l'anno passato assieme ad una comparazione di diversi indici teleconnettivi e oceanici.

_________________________________________________________________________


Inverno 2018-2019 come potrebbe essere in Italia

Dopo aver parlato della fine d'Autunno andiamo subito ad analizzare l'Inverno o meglio come potrebbe essere secondo il mio umile parere senza troppe pretese in base a quelle poche conoscenze apprese nel corso di anni ed anni di permanenza nei forum meteo d'Italia dove ne sono successe di cotte e di crude XD.
Finito l'OT direi di iniziare.

• Enso

Mentre l'anno scorso avevamo in Inverno una Nina debole (WL) quest'anno invece le previsioni propendono per un Nino debole per tutta la durata del prossimo Inverno.
Per ritrovare un Inverno con Nino debole bisogna risalire al famoso 2006-2007, il non Inverno per eccellenza ma questo parlando solo di similitudine (tale pericolo non sussiste al momento a mio avviso poi posso sbagliare).



• Attività solare



Il prossimo Inverno, quello che ci attende dovrebbe combaciare perfettamente con la fine del ciclo solare numero 24, avremo quindi un'attività solare veramente molto debole, bassa.

____________________________________________________

Dicembre in Italia ??

Adesso vengo rapidamente al succo sul quale è basata maggiormente la mia analisi ovvero rifarmi ad un anno passato che ha visto delle anomalie del piano isobarico del vortice polare che siano temperature, venti zonali ecc... simili rispetto a quello che ci attende.
Ecco cosa ne è venuto fuori.
Presi in esame GPH, Zonal Wind & Temperature Anomalies.



La mia previsione:



• Il mese di Dicembre dovrebbe vedere queste anomalie di geopotenziale.



Un Dicembre frequentemente piovoso ma non troppo freddo dove però ci sta l'eccezione alla regola sopratutto sul nord-Italia con qualche possibile evento nevoso a quote relativamente basse.
Generalmente dovrebbe chiudere superiore alla norma parlando di temperature e precipitazioni.

Gennaio e Febbraio 2019 (A grandi linee così solo per dire 2 piccole parole)

Ancora una prima parte di Gennaio mite, un po' piovosa però più anticiclonica rispetto Dicembre 2018, seconda parte mensile che dovrebbe vedere un graduale raffreddamento.
Ecco le anomalie di geopotenziale attese:



• Febbraio

Dovrebbe risultare sempre secondo l'analisi riferita alla statistica sopra e gli indici presi in esame il mese nel quale l'Inverno potrebbe dire maggiormente la sua, Major Midwinter Warming possibile ai primissimi del mese, parleremo se tutto va bene di un remake tipo quello del 1 Marzo 2018 scorso ma con forse un evento un po' centrale nel corso del mese.
Marzo vedrebbe un clima per lo più perturbato qualora si verificasse il MMW a Febbraio.
Ma vi prego solo di prendere queste parole così come un semplice spunto e non come un analisi vera e propria dettagliata.
Ecco le anomalie di geopotenziale attese:



•• In breve come è atteso l'Inverno 2018-2019 in Italia ?? (NDJF)

Novembre dovrebbe risultare come detto molto piovoso sopratutto sul Nord e Centro penisola, al sud più mite ed anticiclonico, poche se non nulle le sventagliate da Est sopratutto sul finire del mese.
Dicembre ancora frequentemente piovoso, più freddo ovviamente rispetto a Novembre ma ancora che dovrebbe chiudere sopra la media parlando di temperature e precipitazioni.
Gennaio 2019 ancora piovoso ma più mite ed anticiclonico fino alla prima quindicina dopo possibile graduale raffreddamento.
Febbraio abbastanza freddo generalmente, il mese che dovrebbe chiudere più freddo di tutto l'Inverno prossimo.


•• Commenti (Disclaimer ahahaha):

Non ho avuto tempo e purtroppo nemmeno lo avrò i prossimi giorni per fare un qualcosa di molto più dettagliato come mi piace fare di solito sopratutto relativamente all'analisi degli indici teleconnettivi (AMO, PDO, AO, NAO, SSTA ecc...) li ho visionati tutti comunque per bene e sono stati usati per stilare quest'analisi.
Il punto però che ritengo di vitale importanza è rifarmi ad anni con condizioni, indici simili a quello attuale e provare a vedere sempre secondo statistica se ciò che è passato possa ripresentarsi in maniera più o meno evidente anche durante il futuro.
Le chiavi del futuro sono nel passato come citava un libro.
Cosi come il clima, quello attuale lo abbiamo grazie ad un miscuglio di fattori avvenuti nel passato.
L'analisi mia sopra è da prendere solo come spunto informativo non come '' VERITà SCRITTA '' questa è una cosa che non smetterò mai di ripetere, dategli il giusto valore...

••• Concludo mandando un caro saluto a tutti voi.

Fabrizio Reali ©

48
Vulcano Sangeang Api (Indonesia)  con attività in fermento a fine mese scorso, con video-riprese a 1,5km di distanza nei giorni tra il 28 e il 30 Settembre

https://www.youtube.com/watch?v=EssSdkOqF9E&feature=youtu.be

49
Il vortice polare è ruotato come l’anno scorso prima del MMW. Il surriscaldamento seguente ha lasciato una profonda ferita. E l’asse è perfetto. È questo che ci sta dicendo Filippo. Se mantiene quest’asse non ci può far paura niente, anzi..... MMW in arrivo? Ricordate anche quando Filippo scrisse che un buon predictor di inverni freddi e nevosi è una bella alta posizionata in autunno su Europa orientale e Russia e come invece irruzioni fredde precoci sui Balcani portino ad inverni ciofeca ? Bene abbiamo pure quella....l’alta sulla Russia.... probabilmente il tutto è una conseguenza del buon asse del VP. Quindi voglio il VP disposto da Hudson verso California come ci disse il mitico Filippo... e andiamo...
Filippo sei sempre un genio anche se impegni meno del tuo tempo....non perderai mai la tua bravura innata...Fuoriclasse!

Grazie Roberto troppo buono  :-* ;)
Cmq piedi per terra, non c'è certo la perfezione teleconnettiva ed i rischi relativi ad un forte approfondimento del VPS rimangono reali.

Intanto dopo un mese di Ottobre con tempo perturbato al Sud e più secco al Centro-Nord,  per Novembre sarei propenso verso una progressiva mutazione del pattern Euro-Atlantico, con le piogge che tenderebbero a colpire in maniera copiosa proprio il Nord e la Toscana(quindi quasi un reversal EA pattern), e con freddo ancora lontano dal Mediterraneo.
Questa sarebbe un'evoluzione in linea a quanto discusso e andrebbe a condizionare pure la fase successiva:










50
Il segnale al quale mi riferisco è quello discusso e  relativo alle conseguenze di una BDC weak nonchè ad una disposizione del VPS che vede lavorare un 2waves number pattern.

Dalla 2^ metà di Ottobre diventerà importante monitorare il profilo termico alle quote medio-alte:



Una debole BDC favorisce infatti un incipiente raffreddamento Stratosferico che, tuttavia, nel caso in cui la disposizione del VP veda una decisa perturbabilità del getto, potrebbe rendere difficoltosi approfondimenti oltre la soglia critica nei mesi di Novembre/Dicembre.


Pagine: [1] 2 3 4 5 ... 48