BACHECA ANNUNCI

VISITATE LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK!

Sono riaperte le iscrizioni al forum! Per registrarsi gratuitamente cliccare QUI

Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - esenaiof

Pagine: [1] 2 3 4 5 ... 37
1
Nowcasting Toscana / Re:Nowcasting Toscana Martedi 22 Gennaio 2019
« il: Gennaio 22, 2019, 09:42:33 pm »
Qui FNM

2
Nowcasting Toscana / Re:Nowcasting Toscana Martedi 22 Gennaio 2019
« il: Gennaio 22, 2019, 09:37:32 pm »
Prefrontale all alba sulle coste e lucchesia.

Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk
un va mica bene che cambi sempre previsione

3
Nowcasting Toscana / Re:Nowcasting Toscana Martedi 22 Gennaio 2019
« il: Gennaio 22, 2019, 09:36:06 pm »
Continua a sfiocchettare debolmente...peccato che per 1 grado UNO non attacchi...almeno un velo bianco l'avremmo avuto.
 ::)

4
Nowcasting Toscana / Re:Nowcasting Toscana Martedi 22 Gennaio 2019
« il: Gennaio 22, 2019, 09:32:41 pm »
T 3.2 °C (caporosso 38°C)
UR 92%

Piove a manetta

olè

5
Nowcasting Toscana / Re:Nowcasting Toscana Martedi 22 Gennaio 2019
« il: Gennaio 22, 2019, 09:26:07 pm »
Ma a me nn risponde nessuno... :'(

6
Nowcasting Toscana / Re:Nowcasting Toscana Martedi 22 Gennaio 2019
« il: Gennaio 22, 2019, 09:24:21 pm »
stasera è pe bimbi  8)

dove nevica oggi domani si godranno lo scirocco  ;D
C'è anche chi non vede niente ne oggi ne domani però eh ;) :D

7
Nowcasting Toscana / Re:Nowcasting Toscana Martedi 22 Gennaio 2019
« il: Gennaio 22, 2019, 09:10:20 pm »
APOTEOSI!
Son ore e ore di neve!  :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)Felice all'ennesima potenza! A terra tutto bianco e nevica bene anche ora
Ma dove? In via Roma solo su auto e tetti, la strada è bagnata ma non attacca...

8
Nowcasting Toscana / Re:Nowcasting Toscana Martedi 22 Gennaio 2019
« il: Gennaio 22, 2019, 06:58:25 pm »
È vero che queste precipitazioni hanno spappolato la colonna,ma è vero anche che hanno aiutato il freddo a scendere nei bassi strati.
Ora a regola in serata dovrebbe entrare un grecale a tutte le quote con una -5 che dovrebbe in qualche modo risistemare la colonna e far depositare altro freddo nei bassi strati.

9
Nowcasting Toscana / Re:Nowcasting Toscana Martedi 22 Gennaio 2019
« il: Gennaio 22, 2019, 06:56:47 pm »
Però la carta di Termale e Montalbano è stata quasi da cecchini...scaramanzia a parte!




E leva quel SECCO!!!! :D

10
Nowcasting Toscana / Re:Nowcasting Toscana Martedi 22 Gennaio 2019
« il: Gennaio 22, 2019, 06:52:18 pm »
a Cortona non ha nevicato e sta a 500 metri, lì c'è scritto neve a 150-250 metri
Sono stati bravi invece...di sicuro meglio di te che sei apparso oggi dal nulla.. :-*

11
Nowcasting Toscana / Re:Nowcasting Toscana Martedi 22 Gennaio 2019
« il: Gennaio 22, 2019, 05:35:09 pm »
Oggi ti potevi permettere la neve solo con forti precipitazioni che è il classico caso di studio quando c'è un irruzione Artico Marittima. Mi dispiace davvero tanto soprattutto perché molti siti meteo vi hanno dato neve certa per 2 giorni

Inviato dal mio SM-G930F utilizzando Tapatalk



Fortunatamente ho accumulato un po' di esperienza sul campo, e non mi aspettavo molto di più di ciò che ho effettivamente visto, sono contento così  ;)
Poi se uno dà retta ai siti che fanno articoli clickbait è un altro discorso, ma per fortuna non è il mio caso  ;D

12
Concordo ma poiche  entri una -35/-40 dal Rodano sai quanto gelo deve esserci stato in giro per la mittle Europe :o
Certo,e non è il caso attuale. Poi quest'aria viene dal Canada e fa il giro delle sette chiese. :)

13
Io vado per la mia strada... a naso

stasera dalle 22 alle 4 di domattina, la riscossa del Nord/Ovest toscana...

olè

14
Mi pare che per la Toscana il momento termicamente migliore dovrebbe essere nella notte su mercoledì.
Mentre quello migliore per le precipitazioni dovrebbe essere il tardo pomeriggio di domani, quando ormai sarà acqua.
Come quasi sempre accade, manca il giusto incastro affinché la dama venga a baciare le terre toscane, specie a quote medio-basse.
Occasioni migliori forse per domenica-lunedì
 :)

15
scuole chiuse tormente di neve.... risultato FNM nulla come sempre...
vediamo oggi pom

l'allerta arancio per la mattina di oggi è comunque una vergogna

16
Nowcasting Toscana / Re:Nowcasting Toscana Martedi 22 Gennaio 2019
« il: Gennaio 22, 2019, 06:28:39 am »
Dove sta nevicando?

Inviato dal mio SM-G950F utilizzando Tapatalk
In Pennsylvania

Inviato dal mio TA-1021 utilizzando Tapatalk


17
Dato che a quella distanza l'affidabilità di Gfs è maggiore di Ecmwf e considerando che lo spago del run ufficiale è freddofilo e non poco rispetto alla media, non mi aspetto di vedere conferme nell'emissione 12z di stasera... anzi, penso si veda un probabile rialzo delle termiche, in allineamento quasi a Gfs... purtroppo.

18
è dal 4 Gennaio che abbiamo propagazione, l'avrò ripetuto 100 volte.  Purtroppo molti si concentrano sui venti zonali ma non hanno la minima idea di come funzioni un ESE.
La NAO non scenderà perchè al momento l'asse rimane PDO+ like, quindi no collassamento del VP.  L'occidentalizzazione può essere favorita anche da una NAO+, perchè l'asse del blocco zonale si piega da Sud/Ovest verso N/E....
Beh è quello che poi mi/ci auspichiamo. Perché se il quadro teleconnettivo non è da nao - (ringraziando dio) vuol dire che un azione forte avrebbe senz altro un asse non troppo meridiano. A volte bastano le giuste tempistiche affinché si capovolga una situazione. Considerando poi L andamento stagionale sul continente europeo, preferisco di gran lunga un azione retrograda che una meridiana occidentale con una 0 e precipitazioni  :) sarò fatto male ma tutti sti grandi benefici per un pattern medio da nao negativa non li vedo proprio.

19
previsioni super precise senza tirare fuori un centesimo.....siete proprio dei ganzi  :D
Accontentatevi del poco che possiamo offrire perchè è già tanto,  finchè c'è gente che ha voglia di sbattersi per questa passione

D'accordissimo, questo l'ho sempre ribadito e sostenuto ;)

Cmq penso che nessuno sia cosi arrogante (oh, almeno parlo per me) da voler previsioni "al filo" per casa sua con mesi di anticipo, ma neanche con settimane... però è ovvio che nel momento che viene fatta ma non viene soddisfatta un po' di critica c'è, anche quello fa parte del "gioco" e ripeto che per come la vedo IO, va anche accettata ;)

Ma io parlo in generale eh, sia chiaro.......

20
Io sono anche dell’ idea che non siete obbligati a leggerle e se le leggete dovete essere consapevoli che ci possono essere tanti fattori che possono alterare e modificare la previsione fatta!
Nonostante tutto rinnovo i miei complimenti al super Filippo!

Verissimo.
Ma resta il fatto che se tu professionista (o cmq super esperto) ti sbilanci con una certa previsione -perchè se come dici ci sono molti fattori che possono alterare la previsione vuol dire che ti stai sbilanciando e quindi hai un certo margine di rischio- devi sapere che cosi come se la azzecchi diventi un Dio, se la sbagli (anche solo parzialmente) qualche critica è ovvio che ti arriva, e devi saperla accettare ;)

21
Più che "non è accaduto", direi che c'è stato un east-shift dell'impianto che almeno personalmente avevo previsto.
I movimenti su macroscala sono stati ben interpretati, soprattutto riguardo alla forte attività d'onda e l'importante ellitticizzazione e disturbo del VP.  E noi non siamo certo professionisti, pensa allora a quelli di Accuweather ed alla loro proiezione...Se a noi tirate le orecchie a loro cosa dovremmo dire?  ::)
Adesso abbiamo il 2^ round, è prevista una occidentalizzazione, vediamo se avremo più fortuna   ;)

Ma infatti ribadisco che anche al più bravo del mondo vanno tirate le orecchie se sbaglia (di tanto o parzialmente), l'importante è farlo con educazione... ma è professionalità anche incassare la critica ed anzi ammettere la cosa, Accuweather penso se ne sarà fatta una ragione ;)
Non discuto di quelle a macroscala, anche perchè non ne avrei nessuna competenza, purtroppo però sono state fatte certe previsioni anche su microscala, segnatamente sulla nostra penisola, e per quelle al momento gli effetti ancora latitano, è normale che serpeggi un po' di nervosismo e scetticismo ;)

22
Non scrivo mai in questa discussioni poichè non ho le conoscenze e competenze per avere una discussione con voi , mi limito a leggere e provare ad apprendere ; una cosa che si denota secondo il mio punto di vista è la poca autocritica  quando non si indovinano determinate tendenze fatte anche con mesi di anticipo : qui si parlava di un grande inverno grandi cose da metà dicembre ( per alcuni ) è per altri da gennaio ,ma ad ora non si vede niente di concreto e siamo già alla seconda parte invernale ; quindi un consiglio che posso dare è di essere più umili e ammettere quando si sbaglia ... torno in silenzio e continuo a leggervi

23
Preciso solo una cosa, che evidentemente non è scontata; non è che il tempo lo decidono Cloover o gli altri longer! Qui proviamo a fare analisi, chi è più competente scrive, chi meno legge o fa domande serie, poi per il resto è la natura a decidere, se potessimo scegliere noi sarebbe tutti gli anni un ‘85, quindi pazienza e rispetto per chi lavora seriamente, anche perché di proclamoni non ce ne sono mai stati ed è sempre stato detto che in tendenze a lunga distanza su macroscala il margine d’errore orticellistico è enorme. Buon pomeriggio  :)

Ma su questo siamo tutti d'accordo... e voglio sottolineare che in ogni mio intervento (a volte anche un pochino polemico) ringrazio e rispetto chi si sbatte cosi tanto e ci fa migliorare.
Però per completezza c'è anche da analizzare un altro aspetto: ci sarebbe forse da fare meno proclami e previsioni "azzardate" se si sa che la situazione è ballerina, ai più può non essere gradito fare proclami e ritrovarsi puntualmente dopo pochi giorni la previsione posticipata di una settimana/10 giorni, finendo cosi con 2/3 di inverno mangiati dal nulla. Non dico che lo si fa apposta e cose cosi, lungi da me, però ecco forse un po più di cautela non guasterebbe dico solo questo.
Sono abituato a dire (e scrivere) ciò che penso e lo faccio, non manco di rispetto a nessuno e anzi rispetto tutti i longers preparatissimi che scrivono, però ripeto questa mia impressione sappiate che non è soltanto mia, anzi... in tanti magari non hanno il coraggio di dirlo... dico che bisogna riflettere anche di questo aspetto secondo me ;)

Un saluto a tutti!

24
Mahh, io dico che le vicende accorse e quelle che devono accorrere, posson essere cosi spiegate. L' azione reiterata fredda continentale con inizio dal 1 gennaio e fino a ora, è stata tutta dovuta a vicende tropo per chiaro favore delle anomalie fredde al suolo che si sono andate costruendo da novembre in avanti e per chiaro favore delle SSTA; le vicende stratosferiche che tanto abbiamo analizzato in questa stanza, nulla c'entrano in quanto di freddo abbiamo avuto fino a ora.. Ciò che nella circolazione europea potrebbe accadere dal 20 gennaio e forse per tutto il resto dell'inverno, salvo qualche breve pausa, quello, sì, potrebbe avere una buona causa nelle vicende strato. Ebbene, la circolazione di cui stiamo parlando potrebbe essere una di quelle più deleterie  per l'inverno Italiano che, ripeto, per essere dignitosamente tale, deve avere connotati artico-continentali meridiani e non trasversali, verso centro Europa e Spagna. Mi sento di sospettare che il tanto conclamato MMW per cui abbiamo speso tanto nel fare tifo, per l'ennesima volta (infatti tutti gli ultimi che si sono verifiati dopo il 2012 ci hanno dato buca) potrebbe tradire tante nostre attese. Mi auguro di sbagliarmi.. Notte.
Tra l'altro.. quello del 2012 non fu un MMW.. ma un Minor Warming(SSW) con risoluzione Displacement. ;)

25
Premesso che visti i fiocchi e gelate anche qui sarebbe forse opportuna maggiore coerenza delle due l una quando si dice che non ha fatto nulla si tira fuori il discorso che si pensa all orticello e che invece se si guarda nell insieme previsioni corrette ed evento avvenuto ma sfortunati nell asse etc
È invece utile parlare dell orticello se qualcosa è successa
Obiettivamente in Italia è stato sin ora nel COMPLESSO deludente soprattutto rispetto alle aspettative
Tutti d accordo nello sperare che migliori
Certo.. vallo a dire anche a quelli del Centro Sud.. ;) ;D

26
ciao ti seguo da tanto, volevo chiederti ti aspetti un ondata di gelo più alla 2012 o alla 2018?

Penso sarà alla 2019 :D

27
No va be lo so, ma se la base di partenza è questa la vedo difficile, non mancano 2 settimane ma 5-6 giorni ;)

Ti affidi alle temp al suolo a  6 giorni? annamo bene! dai sù... :P
sei come quelli delle app meteo che guardano le temp e dicono che cambiano sempre senza esserne convinti e ..e le guardano sempre.. ;D

28
 Per cortesia! I LAMENTI di carte Troposferiche del Determinismo, oltre le 120/144h, si fanno nell'apposita sezione e non in questa! Qui siete OT e rendete il 3D NOIOSO! :-\
 Per l'ENNESIMA VOLTA!  QUI si PARLA SOPRATTUTTO DI STRATOSFERA E DI Troposfera in maniera emisferica e in correlazione con la STRATO!

 Spero che siate d'accordo e che non Sporchiate più questa sezione con i soliti lamenti di visioni di carte del determinismo oltre un certo Range Temporale.. ;)

 Confido nel vostro buon senso e nella vostra ragionevolezza. :)

29
Buona serata a tutti. ORA io non sono un esperto e non ne capisco nulla di tali dinamiche, tuttavia se osserviamo bene dove passava la 560 dam nel 1980 e dove  è passata  nel 2017 potremo capire molte cose. Da notare anche la 580 dam dove passava nel 1980 e dove è passata nel 2017.  Di seguito 2 plot relativi alla media dell'intero anno 1980 e intero anno  2017 riferiti all'altezza geopotenziale di 500 hpa


 Dai grafici si nota chiaramente come le fasce climatiche  hanno subito uno spostamento  verso nord.


Ciao Ale, ma perché hai preso come esempio proprio 1980 e 2017? Puo darsi che prendendo come riferimento che so 1982 e 2014  le cose cambino? Domando eh, la mia è pura curiosità  :)

30
Certo, è insensato come i processi fisici che hanno generato il Febbraio '56 , il Gennaio 2016, il Febbraio 2009 o il Febbraio 2018...Tanto per dirne alcuni. La verità è che il NAM non è soltanto +1.5 e -3 , ma è molto di più. Bisognerebbe avere l'umiltà di studiare prima di fare i professori.

Mi dispiace che tu la prenda così.
E mi dispiace ancor di più che tu mi faccia paternali inutili.
Se non si può commentare il tuo pensiero, beh basta dirlo.








31
Oggi mi sembra che, quantomeno per quanto riguarda la Nao, la situazione sia migliorata di molto...sparisce ogni possibile previsione di rialzo, ma anzi viene vista in crollo..detto questo, a fronte del cambio di previsione, possibile recuperare all'inverno anche dicembre o resti scettico?

Credo sia sbagliato riaggiornare una tendenza ogni giorno..oltretutto ragionando su carte a 200 e passa ore..al momento vedo segnali perfettamente opposti..ad esempio il crollo della NAO senza dubbio favorevole,ma determinato da una bolla di HP tra islanda e scandinavia che quando accoppiata ad un forcing della wave2 sulla groenlandia a 10hpa (in condizioni di precedente vps forte) mi risulta essere un predictor si stratcooling..

per non parlare delle anomalie di GPT che rischiano davvero il ribaltamento a 500hpa sulla GB (l'anomalia positiva prevista pare davvero forte e persistente) confermandosi poco favorevoli ad un avvio invernale scoppiettante (ma allo stesso tempo potrebbero favorire un netto raffreddamento siberiano, questo invece favorevole)..

in altre parole non saprei cosa dire, mi limito a rimanere della mia idea fino a quanto non emergerà qualche segnale più netto, almeno per quello che riguarda il mio approccio.. ;)

32
Ok. Questo mi torna già di più.
Difatti ciò che ha scritto Cloover riguardo all'opportunità dello sfondamento del NAM è insensato.
Però il fatto che l'aumento delle velocità zonali favorisca l'approfondimento delle onde è anche questo un assunto fragile. Proprio in virtù della conservazione della vorticità potenziale, il vostrice tende a contrarsi e non rilassarsi...

Dipende su quale contesto accelera.
Del resto nel 2010 -2011 (non ricordo proprio l'anno) ad un SC in Gennaio seguì un MMW.
Il VP accelerò su di una troposfera non disposta per un condizionamento.
Aumentarono le vorticità in troposfera e parimenti la stazionarietà delle onde.
15 gg. e  fu MMW.
Tra l'altro quest'anno il calo del NAM si sta avendo per raffreddamento radiativo e senza aiuti dal basso.....Quindi non ci sono, al momento, le condizioni troposferiche per un condizionamento da SC.
Saluti.

33
Sul meteoforum del CML il  meteorologo Ascanio Scambiati (asky91) ha segnalato la pubblicazione di  uno studio che proprio negli ultimi mesi è stato condotto da alcuni dei più famosi climatologi mondiali.
Su internet ho trovato solo u piccolo abstract, ma riassume molto  bene ciò che lo studio mostra.

https://www.researchgate.net/publication/328644511_Projected_changes_in_persistent_extreme_summer_weather_events_The_role_of_quasi-resonant_amplification

Cosa dice in sostanza? Praticamente ciò che si sospettava da molto tempo. L'aumento vertiginoso delle temperature dell'Artide, non solo  causa una diminuzione dell'effetto albedo e, quindi, un'amplificazione del riscaldamento globale, e in particolare nord emisferico; agisce anche in un altro modo.
L'Artico caldo ha diminuito i gradienti di temperatura tra le alte e le basse latitudini. Ciò si traduce in una minore "necessità" dell'atmosfera di attuare scambi di calore.
In altre parole, a causa dei diminuiti scambi di calore, la penetrazione delle onde di Rossby è meno efficace, e le stesse onde di Rossby molto spesso sono stazionarie, si muovono pochissimo, o evolvono precocemente in cut-off.

Non solo fa molto più caldo rispetto a pochi anni fa, ma, in aggiunta a ciò, stiamo facendo una fatica immane a vedere irruzioni, affondi, saccature strutturate.
Sostanzialmente , uno dei motivi per cui il fronte polare è quasi sempre più alto del normale, per cui noi siamo sempre dentro un mare altopressorio, e per cui le saccature faticano ad affondare, è costituito dall'inefficacia della circolazione emisferica di portare a compimento scambi meridiani significativi.

Prendiamo gli inverni anonimi del passato. Anche in stagioni fredde caratterizzate da zonalità o da lunghe fasi anticicloniche (1998-99, 1999-2000, 2007-08 per citarne tre), almeno 5-6 saccature in cui arrivava la -10 sulle Alpi e la -5 in centro Italia te le faceva senza difficoltà.
Negli ultimi inverni, di queste saccature artiche ne avremo viste sì e no 5-6... in 5 anni!
Oppure, in alternativa, è servito lo split polare del secolo per portare una retrogressione di 3 giorni, subito riassorbita (febbraio 2018)... peraltro una dinamica "sui generis" che si verifica raramente, solo in determinate condizioni circolatorie che non si verificano tutti gli anni. Nemmeno una Rossby in senso stretto, quindi.

Le normali e frequenti irruzioni artiche (relativamente alle nostre medie eh, non in senso assoluto), che poi sono quelle che "fanno" i nostri inverni, stanno sparendo.

Un altro anello su come agisce l'AGW sembra essere stato agganciato alla lunga catena del clima

Quello che non vedo qui è una spiegazione o almeno un ipotesi plausibile su come un' anomalia di temperature globale di  0.22° (UAH Ottobre 2018) - 0.75°C (GISS-NOAA Settembre 2018) possa creare questo nuovo pattern sulle nostre regioni.

34
scusate l'OT! Rimanendo nel doveroso rispetto per le popolazioni che hanno avuto danni e purtroppo anche perdite di vite umane, le variabili da analizzare sono tante e tutte con un fondo di verità, anche se questa non è un valore assoluto in quanto suscettibile a immense condizioni.
Penso che questi disastri siano sempre avvenuti, e che purtroppo anche in seguito avverranno; la parte in cui noi possiamo intervenire comunque esiste , anche se non potranno mai mettere le popolazioni al riparo dagli eventi atmosferici e non al 100%.
Questo scomodando e non scomodando i cambiamenti climatici; perché se da una parte, come dicono alcuni, il clima varia sempre nei suoi cicli naturali ( peridi più caldi e periodi più freddi), la variabile antropica non è nemmeno da tenere in scarsa considerazione, Il fatto che il nostro modello di vita degli ultimi 100 anni sia radicalmente cambiato e che la crescita demografica sia in continuo aumento, qualcosa apporta! Non tanto e solamente nei cambiamenti climatici, la cui valutazione sull'impatto diretto sul clima nessuno di noi può quantificarla ( non credo né al catastrofismo né al negazionismo climatico) ; ma anche sui sistemi ambientali e biologici al che vorrei citare un esempio: circa 2 anni fa se non ricordo male, in alcune zone delle nostre montagne ( passo del Giogo, in prossimità della Consuma , lato Casentino ed altre zone ) vi fu , in piccolo , un evento simile a quello che è successo in Veneto; molti boschi furono sconvolti e decimati dal forte vento, con caduta di molti alberi, specialmente boschi di Douglas ed Abeti bianchi. Beh, in tal caso la componente antropica qua centra, nel fatto che dove circa 50/60 anni fa  esistevano pascoli o zone boschive a vocazione di latifoglie ( quindi flora autoctona ) composte principalmente da castagneti, Marronete, cerrete e faggete, esse,  sono state completamente convertite da " piantate" di bosco di aghifoglie per legame da taglio.l
Quindi molte volte, a mio parere, alcuni di questi disastri sono imputabili anche ad uno stravolgimento del territorio non solo nella tanto usata anche impropriamente " cementificazione" , ma anche del non "rispetto" di quelle che sono le "caratteristiche" ambientali ( flora) di un determinato territorio per una logica di profitto fatto, anche non colpevolmente, a cuor leggero.
Credo che le valutazioni su questi "eventi" debbano esser fatte senza demonizzare o polemizzare con nessuna posizione, in quanto ognuna può avere in se un fondo di "verità", e magari farle anche ad ampio raggio e non valutando solamente i cambiamenti climatici ma anche cosa è presente nel luogo dove un evento estremo colpisce.

Scusate ancora l'OT, ma mi sembrava doveroso scrivere!
Grazie

35
Sei teoppo preparato per non sapere che lo scirocco è una risposta data dall'abbassamento del flusso atlantico, non vedo hp in giro, chiedere ai liguri e veneti
A meno che qui non si considerino atlantico solo le gl strette che portano libeccio freddo, che peraltro sono proprie dei flussi polari dalla Francia

36
Cioè fatemi capire,
voi volete atlantico e sottonedia termico
Insieme
A novembre

37

L'evidenza è che stiamo andando dritti verso uno Stratcooling



10hpa 20-25 ottobre 2018:



50hpa 20-25 ottobre 2018:



a 10 e 50hpa le anomalie degli ultimi giorni sono effettivamente molto simili a quelle che hanno preceduto gli sfondamenti del NAM (NAM > +1,5) presenti in archivio,più precisamente saremmo a crica 10 giorni dall'evento,secondo me un tempo troppo breve..questo probabilmente a causa della partenza "dopata" del vps ::)

mentre a 500hpa sono molto simili ai -20/-30 giorni dallo SC..

mediando direi che ci sono elementi per ipotizzare un ESE in prima decade di Novembre (o comunque entro il 15)..terrei d'occhio i prossimi runs perchè al momento, sebbene nelle ultime uscite il vps appaia più forte anche dopo le 240 ore, non ci sono segnali netti in direzione di un ESE, ma potrebbero comparire tra qualche giorno..questo ovviamente se le anomalie a 10 e 50hpa si comporteranno da predictors corretti come in passato.. ;)

38
Non me ne vogliate , ma non si poteva aspettare il 31 ad aprire il topic di Novembre visto che alla fine si parlerà di questa perturbazione ( di ottobre ) , casomai aprirlo ma non chiudere l'altro

39
io invece penso che la mia zona sia a rischio lunedi

40
Questa purtroppo è la configurazione peggiore...

Questa è stata postata ieri da i_fiorentino, molto simile...


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

41
Ho.postato.una.carta ieri di Novembre 2012 ;)

42
Verso l'Omega Rovesciata Blocking e l'EUL, analisi Italia 26-31 Ottobre 2018 (Una configurazione che merita particolare attenzione)



L'abbassamento di una grossa saccatura nord-atlantica sull'Europa centro-occidentale permessa da una bella elevazione azzorriana verrà poi a ritrovarsi ingabbiata tra 2 anticicloni uno russo a Est e l'altro oceanico a Ovest.



La saccatura si verrà così a ritrovare rallentata nella sua normale traslazione da Ovest verso Est, costretta a rimanere sull'Europa occidentale e centrale spingendosi fin sul nord-Africa dove potrebbe trovare la morte (cut-off) oppure richiamando altre saccature (EUL).
Pian piano si creerà una zona di anomalie di geopotenziale e bariche che farebbe da traino ad altre future perturbazioni.
L'italia verrà a trovarsi sopratutto la parte settentrionale e centrale della nostra penisola sulla linea di scontro tra l'aria calda e umida in risalita dal meridione (richiamata, di risposta) con quella più fresca in entrata dalla penisola iberica e dalla '' porta francese '', a questo dobbiamo aggiungerci un mare Mediterraneo ancora abbastanza caldo.
Le precipitazioni risultanti da questo scontro di '' titani '' purtroppo potrebbero risultare persistenti, decise, forti e in qualche caso anche pericolose.
Non è per allarmare nessuno ma l'Omega Rovesciata Blocking e sopratutto la configurazione prevista è nota anche nel passato per aver portato diversi episodi alluvionali.
Le regioni a cui rivolgere particolare attenzione potrebbero essere quelle del NW italiano, poi la Toscana sopratutto occidentale, settentrionale, l'arco alpino del Triveneto, alta Lombardia e forse il Lazio montuoso.
La situazione poi potrebbe degenerare in un lasso di tempo alquanto breve qualora le condizioni fossero favorevoli alla formazione di temporali forgiati a V, i famosi autorigeneranti v-shaped che viste le attese potrebbero essere assai probabili, quest'ultimi poi possono risultare molto pericolosi in quanto sono in grado (essendo continuamente alimentati da convergenze dei venti, aria mite, fresca) di scaricare notevoli quantità di pioggia in pochissime ore .
Tale ipotesi la potremo valutare solo a poche ore dall'evento grazie ai più precisi modelli wrf dai 3 ai 1.3 km di risoluzione.
Ecco una piccola cartina personalmente elaborata sulle zone che ritengo più a rischio parlando di intensità delle precipitazioni e temporali v-shaped per il periodo preso in esame:



Una situazione ripeto da non prendere assolutamente sottogamba, c'è si la grande probabilità di avere piogge ben distribuite sulle regioni settentrionali e centrali però c'è anche il rischio di avere molto più del dovuto.
Maggiori dettagli più precisi si potranno avere a partire già dal weekend, ogni giorno merita una parte di analisi a se vista la particolare e rapida variabilità della situazione parlando sopratutto dei pericolosi v-shaped.
Del proseguo, dei primi di Novembre poi ne parliamo insieme.
Buonasera a tutti.

43
E anche i'niccs manca, è a gonfiare il canotto

Do not feed the troll!!!  >:(

44
Da quando siamo entrat in questo loop... ammanco di ghiacci, aumento delle T globali, nuovo ammanco di ghiacci ecc.
Io sto vedendo tutto  meno che un aumento di intensità delle irruzioni fredde.
Prima che qualcuno nomini il dicembre 2009 e il febbraio 2012, sappia già che io sto parlando del periodo successivo al 2012, ovvero all'anno che ha innescato, con il suo minimo artico, una sorta di "infarto" del sistema climatico.

Da quando è stato detto che gli eventi freddi sarebbero aumentati "grazie" all'Artico in forte deficit, mi è parsa subito una panzanata. Mi pare così evidente che, se diminuisci le riserve di freddo globali, hai più difficoltà di far arrivare il freddo, che  negli anni scorsi non avremmo nemmeno dovuto diventar matti a discuterne. Ma c'era chi ci credeva... e qualcuno c'è ancora, sono pronto a scommettere.
In tal caso, la sveglia suona alle 7 (per alcuni anche prima)... non alle 18  ;D


la diminuzione delle temperature e dei GPT nella stratosfera autunnale inizia (in modo più netto) più o meno a partire dagli anni 2000 di conseguenza anni come 2004-05, 2005-06, 2009-10, 2010-11 sono ampiamente dentro al gruppo..

anche volendo restringere il campo ad anni più recenti segnati da ESE si parte dal 2011-12 (quindi il Febbraio 2012 è dentro), si continua con il Gennaio 2017 (il più freddo degli ultimi anni) e ci troviamo dentro il Febbraio-Marzo 2018 con un episodio medio sui 5 giorni di t a 850hpa tra i più importanti post 1980..e questo per parlare solo del mediterraneo..

oltretutto io non parlavo di frequenza ma di intensità, va da se che in un contesto di VP più forte la freqeunza cala..ma non si possono fare valutazioni sulla base dei propri gusti personali o scegliendosi gli intervalli temporali più comodi..

l'unico altro periodo con NAO positiva invernale paragonabile a questo sono stati gli anni 1987-88/1994-95..se paragoni questi due periodi di VP forte (1987-95 vs 2011-2018) ti apparirà abbastanza chiaro come il deficit di ghiacci in zona kara barents possa fare la differenza a parità di condizioni sfavorevoli:

la t media a 850 per il nord Italia (DJFM) passa da +1,12 del 1987/95 a + 0,58 del 2011/18..3 volte abbiamo una media sotto i -2 negli anni recenti contro 2 negli anni 90 e 3 volte sott i -3 contro 0 negli anni 90..con il Gennaio 2017 6 anno più freddo di sempre, il febbraio 2012 terzo anno e il febbraio 2018 sesto.. ;) [44_46N 8_14E] http://climexp.knmi.nl/get_index.cgi

45
L'originalità di alcuni commenti è sorprendente, roba da X factor  ???

46
modelli bestiali, temperature che rimarranno costantemente al di sopra dei 20 gradi e stabilità perpetua
dove?

47
Mi piacerebbe capire cosa c'entra scientificamente la prima metà di ottobre calda con il resto dell'inverno; o si parla seriamente di indici teleconnettivi oppure è la solita sparata di chi vede sempre caldo, desertificazione dell'Italia , sparizione della neve e solite buffonate pro GW. Anzi se non ricordo male statisticamente per quello che conta ad autunni precocemente freddi sono spesso segiuiti inverni anonimi

48
il blocco è in Atlantico non sarebbe invadente, sarebbe nel posto giusto...il punto di vista di altri invece mostra per novembre un anomalia negativa, mentre invece tutti i modelli ci mostrano in tendenza essere positiva...
ma con un anomalia positiva in medio alto atlantico bisogna vedere i dettagli dei forecast per capire se pioverà o meno..spero di essermi spiegato ora...
Ma quello che intendi l'ho capito: il blocco non troppo invadente può creare intrufolamenti del getto discendente che,occasionalmente potrebbero dar luogo a minimi alto tirrenici o su Mar Liguri potenzialmente portatori di precipitazioni. La mia considerazione era sul fatto che siamo costretti a sperare in questo (quindi con probabilità non alte al momento) per vedere due gocce.

49
Commenterò una loro previsione quando metteranno la classica scala di colori con le anomalie e non delle scritte di cui ho sempre fatto fatica a comprendere il significato :P

50
Teleconnettivamente la settimina è una cosa tua teleconnettiva e credo lo rimarrà.
In verità ce ne sono stati molti di inverni con la "tesi" verificata del prossimo ed alcuni ugualmente rimasti nella storia nella seconda parte :
1955/56
1964/65
1975/76
1985/86
1995/96
direi che molto probabilmente sarà decentrato dalla verticale del Polo e in approfondimento..e già questa tendenza non solo di quest'anno porta ad avere sulla carta teleconnettiva comportamenti atmosferici differenti dal passato e quindi proprio per questo difficilmente ingabbiabili da una "settimina"...

Conocrdo con te Esenaiof.
in una "settimina" ci sta tutto e il contrario di tutto...


Pagine: [1] 2 3 4 5 ... 37