BACHECA ANNUNCI

VISITATE LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK!

Sono riaperte le iscrizioni al forum! Per registrarsi gratuitamente cliccare QUI

Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - AleSnowRoma

Pagine: [1]
1
Nucleo gelido artico siberiano.. aria pellicolare. 
-38 a 500hpa, -6 uniforme a 850hpa.
Se ne infischia della data sul calendario... Questo succede quando il gelo resta confinato alle alte latitudini per troppo tempo.
Non si possono escludere fenomeni al piano.

2
GEM CLAMOROSO.
minimo in risalita sul tirreno e neve in prossimità della pianura nelle regioni del centro tirreno. Svegliatemi.

3
1958-2006 gli trovi qui...
https://people.nwra.com/resumes/baldwin/nam_index_1958-2006.txt

bellissima ma se ne esce pazzi ad analizzare questa quantità di dati.. non mi dire che per elaborare il COBA li hai analizzati tutti?!?!                                                                                                                  poi questi sono i valori del nam a tutte le quote. Posso chiederti se per valutare lo sfondamento si fa una media semplice o una media pesata?

4
Comunque le anomalie che avremo da adesso fino a metà gennaio probabilmente saranno quasi sovrapponibili a quelle del COBA. Quindi si sarebbe verificato un ritardo di previsione di circa mezzo mese... E vedendo l' andamento generale direi che, a meno di ribaltoni, si possa sperare in una incursione fredda importante a febbraio.. quindi insomma questo credo sia un discorso fa valutare con interesse.

5
Madonna ragazzi, a me sembra che l attacco al vp non vada in porto, quello che doveva essere un colpo di arma da fuoco sarà uno schiaffetto a quanto pare..
Poi dopo le previsioni sono assurde, core del vps a -96!!  :o
Io non l'ho mai vista una roba del genere.
Prossimi giorni fondamentali, ma ad oggi l ipotesi di partenza prepotente del vp appare molto probabile. Non so se sbaglio ma io vedo questo.

6


il mago ha parlato e l'islanda è stata immediatamente liberata  :o  ;D

7



come volevasi dimostrare gfs estremamente scadente nel medio termine... da adesso la creazione della ferrovia mediterraneo-mosca è quasi assicurata, ora bisogna convincere il buran a percorrerla. Intanto si porta a casa un bel goal al vp con la frenata zonale.

8
Per il medio termine evidenzierei il buon aggiornamento di ukmo ...  ;)

Che divergenza con gfs a sole 144h.. comunque anche gli altri modelli sono molto più vicini alla configurazione barica di ukmo rispetto a quella di gfs.
Nei giorni scorsi ho dovuto fare una previsione sempre sulle 144h e ancora una volta gfs andava su una strada molto diversa rispetto agli altri. Alla fine si è allineato.
Veramente malino ultimamente sul medio termine.

9
Ma non mi riferivo a gfs 12 ...gli ultimi giorni

perchè i tempi non sono ancora maturi.. adesso è importante la stazionarietà delle due onde per avere la giusta frizione che inibisca il tentativo di ESE Cold in partenza dall'alto. Successivamente, a partire dal dopo natale, la troposfera giocherà la sua carta con forcing pesante ai danni del vpt in rapida propagazione verso l'alto. E sarà da quel momento che giocheremo in modalità ultraoffensiva anche in stratosfera, con flussi di calore molto intensi e tentativo di MMW.
Chiaramente questa è la previsione e necessita di conferme. Ma i modelli iniziano ad inquadrare la dinamica. La varianza modellistica sta spostando la lancetta in quella direzione.

10



Credo possa essere interessante vedere l'evoluzione modellistica degli ultimi giorni. Si evince come gfs stia andando a grandi falciate verso la tesi... Ossia lungo la strada che conduce all'antitesi dell' ESE Cold che paventava.     

11
Grande notizia davvero quella di Even che torna nel Forum; per il resto se i tempi si dilatano un altro pochino, gira e rigira si va a Febbraio

Inviato dal mio LYA-L29 utilizzando Tapatalk

Non è questo il caso.. se la dinamica si verifica, al massimo si arriva a fine prima decade di Gennaio per l'esplosione totale del VP in tutti i piani isobarici.
Quello che posso dire io, in base a quanto ho osservato in questi anni, è che con un raffreddamento così intenso e duraturo della Russia, appena il Vpt proverà a darsi un accellerata, si formerà un orso da paura. E i modelli situazioni di questo tipo le iniziano a leggere con efficacia nel medio termine, quindi, come detto da altri, gli scossoni modellistici sono dietro l'angolo.                              Tra l'altro già gfs e reading ancora di più vedono un orso pimpante dalle 190h... Stiamo in piena corsa per un bel ponte di weikoff per fine anno. E la relativa partenza del T-S,                              che avverrà in concomitanza del passaggio della QBO in zona negativa decisa a 30hpa e 50hpa. Direi che la situazione è sempre la stessa. Non resta che aspettare la sentenza modellistica.          E vista la complessità di lettura è totalmente inutile fasciarsi la testa adesso.

12
La Zia continua per la sua strada.. e quando la Zia e il dottore non cambiano idea va a finire spesso che comandano la rivoluzione.
Siamo al famoso bivio su cui si dibatte da tempo.. bello osservare come modelli matematici prendano in considerazione tutte e due l'ipotesi previsionali qui fatte da menti umane. 
Chiuso OT

13
solo io vedo un canadese come al solito troppo in forma?

È normale avere un canadese invadente con l attuale disposizione delle vorticita' (sulla Russia). È come se ci fosse una calamita sulla Russia che attrae pezzi del vpt in  continuazione dal Canada sull'Europa...
Disporre di un blocco resistente è molto difficoltoso, ma ci becchiamo belle perturbazioni in successione  più o meno fredde. 
Comunque resta viva l ipotesi di un polar break più incisivo dopo questa prima fase mi sembra di aver capito..                Poi appena il vp tenterà un riassetto con vorticita' in riaccentramento verso il polo geografico e  velocità angolare in aumento, tirerà a se tutto il calore accumulato in questa fase e verrà sventrato da un potente MMW di tipo split probabilmente.
A quel punto il canadese fisserà le radici in sede rivoltandosi su se stesso e sull' Europa arriverà l armata Russa con le bandiere rosse, la neve distruggerà le differenze sociali e il comunismo trionferà.
A parte gli scherzi mi sembra di aver capito che la previsione sia questa.. come facciano questi ragazzi ad averla prevista  con più di due mesi di anticipo non ne ho la più pallida idea.

14
Eh sì ci siamo .. inizia la lotta tra titani.. come sempre i modelli faticano a considerare le forzanti troposferiche quando è in corso uno start-cooling. Inizialmente protendono per una piallata totale con abbattimento della muraglia Russa, ma quando ci si avvicina alla ripartenza zonale si rendono conto che aver avuto gelo costante ad Est per un mese comporta le sue conseguenze.
Comunque quest'ultimo messaggio che hai inviato, Cloover, mi ha aiutato a comprendere meglio la dinamica.                    Come sempre metti i puntini sulle "i". Sì è parlato di ritardo di propagazione del cooling in tropo in seguito ad un MMW.        Il che, se ho compreso bene, non è del tutto sbagliato ma in effetti non è del tutto corretto. Infatti è la propagazione stessa del cooling a generare la risposta dei flussi di calore troposferici e quindi a creare 10 giorni circa aggiuntivi di decouplig. Con l'ultima fiammata prima della piallata.             

Buonanotte e che l'orso sia con noi.

15
Si vabbè consoliamoci col POTENZIALE... Ma dai va, le ens ECMWF sono penose con prosecuzione di pattern NAO +... Poi se uno vuole vivere sperando....

Non parlo di consolazione.. per me già la configurazione attuale del vpt è un qualcosa che mi "emoziona" a livello meteorologico. Con vp totalmente spaccato e masse d aria polari a latitudini decisamente basse. Poi se per voi la meteo è solo quello  che avviene fuori dalla finestra di casa è un altro conto.                                                     
  Purtroppo stiamo pagando ancora un asse dello split non congeniale all'Europa occidentale.. chiaramente per inerzia i centri di vorticità tendono a restare mal disposti e a non favorire un blocco netto del flusso Atlantico.
Ma quel gelo accumulato sulla Russia è una mina vagante.  A breve il vpt dovrebbe ricominciare a girare. Quando ciò avverrà si avrà un riattivamento dei flussi di calore troposferici. Proprio il pattern nao+ indirizzerà l'azzorre in asse sud-ovest/nord-est. I flussi atlantici troveranno un muro gelido sulle steppe russe (alta pressione termica già a 1050). E il ponte di weikoff è servito.
Chiaramente è una dinamica complessa, ma ce la possiamo giocare. E spesso l'importante è partecipare.. perché ripeto una dinamica così non è roba da tutti i giorni.

16
Ragazzi faccio un piccolo OT..la dislocazione del vpt è veramente pazzesca.. c'è un serbatoio gelido sulla Russia impressionante. Il vp è totalmente sbilanciato, direi a livelli storici. Poi magari da noi gli effetti non saranno storici.. ma nella meteo bisogna sempre interpretare quanto sia il potenziale massimo.. e beh con una configurazione del genere non si può escludere un evento veramente estremo.   Intanto direi di goderci lo spettacolo. Perché mappe come queste non capitano tutti gli anni.   

17
A mio parere si sta sfociando troppo sul fattore ortocellistico. Mentre qui si dovrebbe analizzare la situazione del vp su larga scala per poter trarre conclusioni.
A me, osservando l'evoluzione, pare che la verità stia nel mezzo. Ossia vi è stata una propagazione sì, ma parziale finora. Infatti le velocità zonali troposferiche non hanno subito un drastico calo relativamente a quanto avvenuto sopra, ma, allo stesso tempo, si è avuta una riflessione dei centri di vorticità con bilobazione anche in tropo.
L'asse non estremamente favorevole, associata a una velocità zonale troppo elevata, ha comportato incursioni rapide e orientali sul comparto italico. 
Il fatto della PDO+ ritengo che sia una semplice conseguenza di queste due mancanze.
Le cause di queste due mancanze le rimando a più esperti :)
Comunque possiamo ancora raccogliere i frutti di questo MMW a fine mese, grazie alla compressione adiabatica che andrà a rompere inevitabilmente il muro dei 30hpa mettendo a dura prova la residua compattezza del vpt. Quindi barra a dritta.

18
Tirando le prime somme direi che si può essere davvero soddisfatti dell'analisi stratosferica effettuata.. una precisione che non può essere relegata al caso o alla statistica. Si è raggiunta una buona conoscenza fisica della parte alta della stratosfera. O quanto meno le correlazioni da seguire per effettuare una previsione.
Tuttavia sulla connessione strato-tropo c'è da lavorare.. è lì che si gioca tutto. Perché se capiamo la fisica della propagazione e al contempo siamo in grado di prevedere eventi strato Strong in anticipo si fa un grosso passo avanti.
Questa è un annata che ci può regalare buoni spunti al riguardo. Luca ha dato come spiegazione la QBO.. ed in effetti la propagazione si ferma proprio ai 30hpa, dove c'è il cambio di segno.
Quindi se non ho capito male la QBO è un fattore decisivo sia per i disturbi stratosferici (in accoppiata col sole), sia per la propagazione.
Bisogna avere una QBO uniforme lungo tutta la colonna per avere percentuali alte di propagazione?

19
Gfs inizia a lanciare segnali seri di propagazione.. Con il 12z prende evidenza la comunicazione con i piani alti.. Prima irruzione dovuta all'allungamento del vp, ma la deriva è orientale perchè le velocità zonali sono in rallentamento ma ancora troppo alte, poi dal 7 inizia la propagazione dello split con chiaro arresto della trottola, formazione dell'hp polare e avvio di moti anti-zonali. (Ancora è solo abbozzato il tutto, ma la direzione sembra questa)                                                                 
Incredibile vedere cose di cui si parla da più di un mese in questa sezione. Impressionante la freddezza e lucidità di Cloover anche nei momenti più difficili. Tanta lucidità può essere alimentata solo dalla consapevolezza di sapere, da un chiaro metodo di analisi messo a punto negli anni. Vediamo come andrà ma io sono già soddisfatto di vedere ciò.

20
Quando si parla di split ho sempre sentito dire che per le nostre lande è importante che il lobo siberiano sia più piccolo o al più uguale a quello americano..
Potrebbe essere questo il problema di fondo?
Le vorticità troppo alte in sede siberiana potrebbero inibire la elevazione azzoriana sul nascere poiché le masse del vp sono troppo "attratte" verso la Russia?

21
Ragazzi, perturbazioni delle ens spettacolari!!!! stile Icon o quasi

22
Stanza nazionale: Analisi e previsioni meteo / Re:GFS 6z La sexy girl
« il: Febbraio 20, 2018, 11:16:27 am »
Ormai le difficoltà di gfs si stanno palesando... errori continui che neanche il più becero dei modelli. Evidentemente è vero che hanno problemi.. oppure si sono accorti che non hanno programmato bene il modello per una situazione così insolita.  A questo punto manca davvero poco... c'è da portare a casa un leggero miglioramento dell'asse e una leggera miglior tenuta del blocco e si sogna

23
Stanza nazionale: Analisi e previsioni meteo / Re:GFS 6z La sexy girl
« il: Febbraio 20, 2018, 10:55:13 am »
gfs si sta piegando di brutto :O :O :O :O :O

24
Navgem bomba italica.... Dai che la tendenza è a un orientalizzazione. Domani giornata importante

26
C'è da dire che se si osservano le sequenze gfs dal run 18z di ieri sera, si intravede un leggero ma continuo avvicinamento alla dinamica UKMO, sebbene la partenza sia da un opposto.                                        A questo punto fondamentali i prossimi run. E fondamentale non perdere la complictà di reading

27
guardate che il bombolo più parte dopo e meglio è

28
però Gem sta peggiorando parecchio in questo senso.. mmmmmmmmm

29
ottimo shift sud ovest della depressione in atlantico.. fondamentale per formare una buona base nella seconda pulsazione

30
06z diminuisce ancora una volta l apporto depressionario ad ovest della Spagna. Sono ancora convinto che siano le ssta a mandarlo in confusione.. speriamo in un allineamento definitivo stasera

31
Mare freddo, minimi poco profondi, poco richiamo umido, poca neve

Mi sembra tutto molto relativo. La differenza di temperatura tra la massa gelida in arrivo ed il mar mediterraneo  è di una grandezza tale che il problema non si pone.                             Se restava quell anomalia super negativa in Spagna e il mare caldo da noi, non ci saremmo beccati 10cm in più, ma lo scirocco.
Dunque ben venga il mare freddo, per traghettare il freddo.. poi una -16 continentale voglio vedere se non genera minimi

32


OCCHIO, Navgem si allinea clamorosamente allo stile GEM. Sebbene deriderete il modello, è un cambiamento importante perchè vedeva una dinamica molto diversa fino a stamane.

33
Che dire... i modelli mettono la punteggiatura, ma la trama spetta ancora alla mente umana. E questa ne è la più bella conferma. Leggendo con attenzione le vostre analisi, ieri parlai di imminente rivoluzione dalle 120h, e provate a confrontare le gfs di ieri con quelle di oggi alle 120h di ieri... Dunque un grande ringraziamento per tutto quello che state trasmettendo a noi appassionati.                                                    Io direi che siamo giunti in semifinale e tra qualche giorno giocheremo la finale. Arrivare fino a qui è stato fantastico e già abbiamo raggiunto un grande obiettivo, ma adesso dobbiamo prenderci la coppa!           
I tasselli ci sono tutti e direi che ce la possiamo giocare.
In questi casi uno sguardo alle ssta ritengo sia sempre produttivo, poiche' spesso le loro variazioni sono un buono spunto previsionale per l'immediato futuro. Sono già 5/6 giorni che le seguo. Negli ultimissimi giorni si sta progressivamente raffreddando il mar mediterraneo, anche i settori vicini all'italia, e la perturbazione che arriverà nei prossimi giorni dovrebbe consolidare quest'andamento, al punto tale da potere avere un fondamentale asso nella manica quando arriverà il mostro

34
Fino ad ora sta andando tutto come preventivato.. Il target dell'evento a mio parere è il 25. Nei prossimi runs, mi auguro di vedere una radicale rivoluzione dalle 120h. Infatti se la prima pulsazione azzoriana, che avverrà nei prossimi giorni, sarà la risposta al primo warming con netto split in tropo, il secondo warming potentissimo è il colpo di grazia per portare nel mediterraneo il vortice siberiano.                                      Stiamo davvero a un passo dalla realizzazione e la tensione sale. Speriamo bene.

35
http://www.meteociel.fr/ukmo/runs/2018021200/UN144-21.GIF?12-06

Carta con potenzialità esplosive.. ad un passo dallo split con propagazione da manuale.. purtroppo nel medio-long ancora i modelli non inquadrano l'arresto netto del canadese

36
Ci siamo!!! ho in mente questo impianto da vari giorni(ovviamente fondandomi sulle vostre analisi fantastiche)... Con una scissione più netta tra i due lobi e con una componente siberiana più agguerrita. A mio parere si inizia a ballare seriamente da adesso.                                                                                             
E se anche GEM vede roba del genere nel long (modello sulla linea "Nonno" per tutto l'inverno) significa che si inizia a fare sul serio

37
Dato che inizia la runnite acuta, vorrei dare la mia visione della fase che stanno attraversando i vari modelli, un analisi "psicologica" dei modelli
Gfs sta nella sua tipica crisi esistenziale: aveva imboccato una strada diversa da reading ma adesso si sta allineando all inglese.. Però non vuole ammettere la sconfitta quindi per almeno un altra giornata separerà mille configurazioni diverse.        Reading ormai è convinto di se' e riproporra' bene o male la stessa configurazione. Ma chi pecca in superbia si deve ricredere.. Ed ecco che tra due giorni si avranno le ultime modifiche, anche importanti dell' impianto. Tuttavia si può iniziare a pensare ad un inizio di propagazione stile reading, con spartizione delle vorticita' islandesi residue tra Canada e Europa e successiva partenza del blocco. Bisogna ragionare step by step. La propagazione sembra consolidata. Ora si inizia a guardare all impianto.       E questo cambierà mille volte, quindi a chi soffre di runnite acuta, consiglio di comprarsi una buona dose di valeriane.

38
Ciao Luca... possiamo quindi dire che stando agli aggiornamenti che abbiamo in mano ad oggi, il Nonno ci aveva visto ancora una volta lungo sulle tempistiche? :D

C'è ancora tanto tempo ma ormai propongono con una certa insistenza lo schema che hai egregiamente esposto tu poco sopra, proprio quella "lentezza" a smaltire il canadese (sempre se alla fine se ne andrà davvero) che dilata i tempi...

Credo che Luca stava parlando della situazione stratosferica.. E' stato più volte ribadito che a noi non serve un canadese assente, ma un canadese non invadente. L'arretramento è visto dai modelli a partire dal 14 e l'impulso azzoriano efficace è visto tra il 16 e il 17, con conseguenti reiterazioni fredde dal 20.. Quindi i giochi partono da lì stando alle proiezioni attuali.                                           Poi il reversal pattern completo con sprofondamento della NAO avverrebbe verso fine mese. Ma questo è un altro discorso

39
Comunque la situazione nel medio è ancora molto ingarbugliata.. vi invito ad osservare la differenza delle vorticità canadesi tra ukmo/reading e gfs... magari voi ne deducete qualcosa di produttivo per la fase successiva (:

40
 Scusate l'OT ma vedere il long run di gfs 06z facendo scorrere i pannelli velocemente è pura POESIA!! Dopo tanti ragionamenti, dopo tante teorie... Sto per mollare tutto per iscrivermi a fisica dell atmosfera  ???   :-\

41
E' curioso osservare come l'invasione dell'islandese in Europa viene posticipata dai modelli ormai da due giorni.  Bisogna continuare così. Ormai l'aria pellicolare è vista permanere con buona omogeneità per 10 giorni e passa. Si potrebbe creare un vero muro gelido che riuscirà a respingere l'ultima sfuriata del canadese dovuta all'ultimo battito disperato del vps.                                                                                       Se riusciremo a portare a casa quest'ultimo passaggio la fase successiva non può che essere un collasso della struttura polare con propagazione dello split. Sinceramente non capisco dove il vp possa trovare le forze per reagire.. Dbbiamo vincere l'ultima sfida con il canadese. Se ci riusciamo dopo non scomparirà ma, ancora meglio, diventerà nostro alleato.

42
http://modeles.meteociel.fr/modeles/gfs/runs/2018020306/gfsnh-0-198.png?6

Intanto senza andare troppo oltre già alle 192h è netta la connessione tra stratosfera e troposfera.. Infatti è evidente la marcata bilobazione del vpt tra Russia centrale e Canada!                                                       Da sottolineare la sfrenata resistenza del cuscinetto freddo che si depositerà in Europa nei prossimi giorni, il quale dovrebbe garantire protezione dall'invasione delle vorticità islandesi.                                        Ritengo che questa dinamica sia un buon trampolino di lancio per far pattinare sul ghiaccio il lobo Sberiano successivamente.

43
Salve a tutti, mi permetto di fare una piccola considerazione in questa meravigliosa discussione meteorologica. E' un onore potervi leggere.                                                                                                       La cosa più sorprendete è che il tema centrale della conversazione resta lo stesso dall'inizio dell'inverno. Ossia la realizzazione o meno del tanto conclamato reversal pattern.. E' sorprendete perchè se siamo arrivati a Febbraio ancora con tutti i dubbi del caso, significa che le visioni contrapposte dei due partiti, aventi come maggiori esponenti Nonno Rodano e Clover possono essere ritenute senza dubbio fondate su giuste considerazioni, dunque fondate scientificamente. E questo è fantastico. Per quanto mi riguarda già sono soddisfatto, perchè la cosa fondamentale è che non si parli di aria fritta.                                         

Tornando all'attualità volevo invitare ad un osservazione attenta della dinamica del dicembre 1984, associandomi quindi all'altro utente che l'aveva presa in esame.                                                                   Le somiglianze sia a livello di indici, sia a livello tropo-stratosferico sono sbalorditive.
Anche in quel caso si ebbe a che fare a Dicembre con un pattern da nao+ "recitiva". Infatti ci furono continui scand+ dinamici di breve durata per continue chiusure atlantiche. Tuttavia questa resistenza stremata ad opera del vp fù un clamoroso autogol. Infatti ogni tentativo di chiusura equivaleva alla convergenza verso il polo di flussi di calore troposferici. (Noi stiamo esattamente vivendo questa fase) Successivamente proprio questa dinamica troposferica innescò lo split del vortice polare stratosferico e pochi giorni dopo il canadese mollò la presa e andò KO e la Nao si negativizò.                                           

La domanda che mi sorge spontanea è: E' possibile che lo sfondamento della soglia positiva Nam in questo caso sia quasi non influente dato che ormai stiamo entrando in un T-S-T event, in cui i giochi sono comandati esclusivamente dalla troposfera???
Detto in modo più rustico: "E' possibile che il Nam a 2,3 non sia altro che l'ultimo grido prima della morte del vortice polare??" E dunque possiamo concludere che quest'ultimo grido non servirà a niente ai fini del risultato finale? Ed anzi possiamo considerarlo come un ulteriore conferma a favore del reversal  pattern?                                                                                                                                             

Mi piacerebbe molto vedere l'andamento del Nam del dicembre 1984                                                     

44
Nowcasting Lazio / Re:Nowcasting Roma e Provincia
« il: Gennaio 12, 2017, 01:29:07 pm »
http://modeles.meteociel.fr/modeles/icon/run/icon-0-78.png?12-06

DWD mi ha ascoltato e tira fuori un run su misura per roma, forse addirittura con minimo troppo a sud... daidaidaidai

Pagine: [1]