BACHECA ANNUNCI

VISITATE LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK!

Sono riaperte le iscrizioni al forum! Per registrarsi gratuitamente cliccare QUI

Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - ale81

Pagine: [1] 2 3 4 5 ... 63
1
Scandinavia, Russia

Un nuovo studio dendroclimatologico (Shi et al., 2020https://link.springer.com/article/10.1007/s00382-020-05179-5  evidenzia che l'Eurasia settentrionale (Svezia, Yamal) si è riscaldata da 3 a 6 volte più velocemente durante il 4°, 15° e 19° secolo che nel 1900-2000s.

Per esempio, la sequenza storica delle temperature suggerisce che si è riscaldata da 0,37°C a 0,85°C nel corso dell'ultimo secolo. Durante il periodo caldo romano e medievale, così come durante il XIX secolo, le temperature regionali sono aumentate a tassi molto più veloci, da 1,37°C a 3,31°C per secolo.Inoltre, la sequenza storica mostra che le temperature regionali sono risultate più calde durante il primo millennio che nel secolo scorso.



Fonte immagine:  https://link.springer.com/article/10.1007/s00382-020-05179-5

2
Per quanto riguarda le previsioni per i prossimi 3 giorni, modesti accumuli sono attesi negli estremi settori meridionali della groenlandia , in un contesto di temperature inferiori ai valori medi climatologici . Queste condizioni riflettono chiaramente le attuali condizioni di NAO positiva che sembrano permanere per alcuni giorni per poi passare in condizioni neutrali o debolmente negative.Se ciò trovasse conferma, è lecito attendersi una certa attenuazione delle estese anomalie della temperatura che hanno interessato la groenlandia nel corso degli ultimi giorni.




https://climatereanalyzer.org/




 

http://www.stormhamster.com/climate.htm

3
Percentuale della superficie della calotta glaciale interessata dalla fusione nel giorno: 18 settembre 2020.

2020-09-22   MeltArea (%)   0.083 %







http://ensemblesrt3.dmi.dk/data/prudence/temp/PLA/PP_GSMB/


Massa superficiale persa oppure guadagnata espressa in  gigatonnellate (1 Gt è 1 miliardo di tonnellate e corrisponde a 1 chilometro cubo di acqua).

22/09/2020  SMB(Gt/day)    0.565
 

##########################################################

Date      SMB(Gt/day)  SMBacc(Gt)
20200901      0.707         0.7
20200902      0.181         0.9
20200903     -0.263         0.6
20200904      1.664         2.3
20200905      2.206         4.5
20200906      2.825         7.3
20200907      1.017         8.3
20200908      0.898         9.2
20200909      2.586        11.8
20200910      0.779        12.6
20200911      0.586        13.2
20200912      0.208        13.4
20200913      0.149        13.5
20200914      0.381        13.9
20200915      4.428        18.4
20200916      5.132        23.5
20200917      1.900        25.4
20200918      4.147        29.5
20200919      3.349        32.9
20200920      1.225        34.1
20200921      0.999        35.1
20200922      0.565        35.7


http://ensemblesrt3.dmi.dk/data/prudence/temp/PLA/PP_GSMB/





4
Buona giornata  a tutti.
Terminato il periodo  di ablazione che si verifica principalmente nei 3 mesi estivi di giugno, luglio e agosto, inizia il periodo di accumulo che copre un periodo di 9 mesi :1°settembre 2020-31 maggio 2021.
La calotta glaciale della Groenlandia tende ad evolvere nel corso dell'anno con il mutare delle condizioni meteorologiche  . Le precipitazioni  favoriscono un aumento di massa della calotta glaciale, mentre condizioni climatiche più calde favoriscono una maggiore fusione, con conseguente perdita di massa.Con il termine bilancio di massa superficiale si intende il guadagno e la perdita di massa superficiale  della calotta glaciale -ad eccezione della massa che si perde  attraverso il distacco di iceberg  che avviene dai ghiacciai di sbocco  i quali poi sciolgono quando vengono a contatto con l'acqua del mare più calda.I cerchi neri sulla mappa corrispondono alle stazioni meteorologiche PROMICE istituite per monitorare i processi di scioglimento. Da notare che i cerchi  presenti sulla mappa risultano leggermente spostati rispetto alla loro effettiva posizione per poter essere meglio distinguibili. Nella versione grande della mappa sono contrassegnati con piccoli punti che identificano  le loro posizioni reali. Cliccando sul cerchio di colore magenta, vengono mostrate le misure del deflusso che avviene dal fiume Watson che si trova vicino a Kangerlussuaq. Il fiume drena circa 12000 km2 di ghiaccio proveniente dall'entroterra.  Di seguito il grafico relativo al bilancio di massa riscontrato nel  giorno 22/09/2020 (in mm di acqua equivalente) rispetto alla media giornaliera del periodo 1981-2010.
 Il grafico sotto la mappa mostra il contributo totale giornaliero  derivante da tutte le stazioni meteorologiche   presenti sulla calotta glaciale.
Il bilancio di massa serve a misurare  le variazioni di massa della calotta glaciale sulla base della differenza tra la massa accumulata con le precipitazioni nevose invernali e primaverili e la massa persa per la fusione di neve e ghiaccio (ablazione) nella stagione estiva.

La curva blu mostra il bilancio di massa superficiale della stagione in corso misurato in gigatonnellate ( Una gigatonnellata (Gt) equivale a un miliardo di tonnellate di acqua)

La curva grigio scuro mostra il valore medio del periodo 1981-2010 mentre la banda grigio chiaro mostra la deviazione standard di 30 anni basata sulla media trentennale ( 1981-2010).








Il grafico che viene mostrato di seguito, illustra l'entità dei guadagni e delle perdite totali di massa della calotta glaciale avvenuti a  partire dal 1° settembre  rispetto al periodo climatologico 1981-2010 . Non è inclusa la massa che viene persa quando dai ghiacciai si staccano gli iceberg e si sciolgono quando entrano in contatto con l'acqua del mare più calda.
Il bilancio di massa serve a misurare  le variazioni di massa che avvengono sulla calotta glaciale sulla base della differenza tra la massa accumulata con le precipitazioni nevose invernali e primaverili e la massa persa per la fusione di neve e ghiaccio (ablazione) nella stagione estiva.
La curva blu mostra la stagione in corso, mentre la curva rossa mostra l'andamento della stagione 2011-12, quando il livello di fusione risultò estremamente elevato.

La linea grigio scuro mostra la media del periodo 1981-2010.

La fascia grigio chiaro mostra le variazioni che avvengono da un anno all'altro. Per ogni giorno  la fascia mostra la deviazione standard di 30 anni basata sulla media trentennale ( 1981-2010),  ma con i valori  giornalieri minimi e massimi  non riportati.
Le informazioni si basano in parte sulle osservazioni effettuate dalle stazioni meteorologiche presenti sulla calotta glaciale e in parte dalle informazioni provenienti dall  Istituto meteorologico danese ( DMI ; danese : Danmarks Meteorologiske Institut ) e dal 1° luglio 2017 dal modello meteorologico HARMONIE-AROME. Questi dati sono utilizzati per calcolare la quantità totale di ghiaccio e neve. Il modello meteorologico prende in considerazione alcune variabili tra cui : le precipitazioni nevose, lo scioglimento della neve e del ghiaccio nudo, il ricongelamento dell'acqua di fusione e  il passaggio diretto da ghiaccio a vapore acqueo  ( sublimazione)  .Nel 2014,Il modello è stato migliorato  per tener conto del fatto che parte dell'acqua di fusione si ricongela nella neve, e di nuovo nel 2015 per tener conto anche della bassa percentuale di riflettività  della luce solare sul ghiaccio nudo rispetto ad una superficie innevata.Infine, è stato nuovamente aggiornato nel 2017 con una rappresentazione più avanzata della permeabilità e del ricongelamento dell'acqua di fusione. Allo stesso tempo, il periodo di riferimento  preso in considerazione è quello del  1981-2010. Con il nuovo aggiornamento, le nuove mappe, le cifre e i grafici si discosteranno dai grafici precedenti presentati nei rapporti  relativi alle  precedenti stagioni . Tutto ciò che appare nella pagina del dmi, è calcolato utilizzando lo stesso modello, in modo che tutti i grafici e i valori siano direttamente comparabili.







La mappa mostra le zone in cui la calotta glaciale della Groenlandia ha subito uno scioglimento rispetto al giorno precedente. Questo è definito come minimo 1 mm di fusione in superficie :20/09/2020.

La curva sotto la mappa mostra la percentuale della superficie totale della calotta glaciale che è stata interessata dallo scioglimento. La curva blu mostra l'estensione dello scioglimento di quest'anno, mentre la curva grigio scuro traccia il valore medio riscontrato nel periodo 1981-2010. La zona grigio  chiaro mostra le differenze tra un anno e l'altro.Per ciascun giorno di calendario, questa fascia mostra le differenze rispetto al periodo di 30 anni (nel periodo 1981-2010), ma con i valori più bassi e più alti  di ogni giorno omessi. .Si osservi, che confrontando il bilancio di massa superficiale con il bilancio di massa superficiale giornaliero, lo scioglimento può avvenire anche in assenza di perdita di massa superficiale, in quanto l'acqua di fusione può ricongelare nello strato di neve sottostante. Allo stesso modo, la perdita di massa superficiale può avvenire anche in assenza di scioglimento dovuto alla sublimazione.







Le condizioni della calotta glaciale e del ghiaccio marino nell'Artico sono influenzate dalle condizioni atmosferiche.Il vento è la principale forza  responsabile del movimento del ghiaccio. Il vento che soffia sulla superficie superiore del ghiaccio marino provoca una forza di trascinamento sulla superficie del ghiaccio e  ne provoca la deriva .L'entità della forza dipende dalla velocità del vento e dalle caratteristiche della superficie del ghiaccio marino.   Una superficie di ghiaccio ruvido è influenzata maggiormente dal vento rispetto ad una superficie liscia . La temperatura determina, tra l'altro, anche la quantità di ghiaccio che potrebbe sciogliersi.I processi che influenzano la crescita e lo scioglimento del ghiaccio marino sono chiamati termodinamici.Quando la temperatura dell'oceano raggiunge il punto di congelamento dell'acqua salata (-1,8 gradi Celsius), il ghiaccio comincia a crescere. Quando la temperatura sale sopra il punto di congelamento, il ghiaccio comincia a sciogliersi.
In realtà, però, la quantità e i tassi di crescita e di scioglimento dipendono dal modo in cui il calore viene scambiato all'interno del ghiaccio marino, così come tra la parte superiore e inferiore del ghiaccio.Di seguito il grafico relativo all anomalia delle temperature rispetto ai valori medi del periodo 2004-2013, oltre alle attuali condizioni del vento riscontrate nel periodo : 18 settembre - 22 settembre 2020







Le condizioni della calotta glaciale e del ghiaccio marino nell'Artico sono influenzate dalle condizioni atmosferiche.Il vento è la principale forza  responsabile del movimento del ghiaccio. Il vento che soffia sulla superficie superiore del ghiaccio marino provoca una forza di trascinamento sulla superficie del ghiaccio e provoca la deriva del ghiaccio.L'entità della forza dipende dalla velocità del vento e dalle caratteristiche della superficie del ghiaccio marino.  Una superficie di ghiaccio ruvido è influenzata maggiormente dal vento rispetto ad una superficie liscia .La temperatura determina, tra l'altro, anche la quantità di ghiaccio che potrebbe sciogliersi.I processi che influenzano la crescita e lo scioglimento del ghiaccio marino sono chiamati termodinamici.Quando la temperatura dell'oceano raggiunge il punto di congelamento dell'acqua salata (-1,8 gradi Celsius), il ghiaccio comincia a crescere. Quando la temperatura sale sopra il punto di congelamento, il ghiaccio comincia a sciogliersi.
In realtà, però, la quantità e i tassi di crescita e di scioglimento dipendono dal modo in cui il calore viene scambiato all'interno del ghiaccio marino, così come tra la parte superiore e inferiore del ghiaccio.Di seguito il grafico che illustra le temperature (in C°) oltre che alle condizioni attuali del vento: 18 settembre - 22 settembre 2020








Anomalia delle precipitazioni - il grafico mostra la quantità di precipitazioni cadute al giorno rispetto ai valori medi del periodo 2004-2013. Le precipitazioni determinano un aumento della massa della calotta glaciale.   Periodo preso in esame:18 settembre - 22 settembre 2020. In aggiunta, viene mostrato l'indice NAO. Si tratta di una misura della forza dei venti occidentali nell'Atlantico settentrionale. Quando l'indice è negativo, il flusso dei venti occidentali risulta   meno teso e più ondulato, aumentando le probabilità che il flusso d'aria più temperata  proveniente dalle medie e basse latitudini sia trasportato verso la Groenlandia meridionale.







http://polarportal.dk/en/greenland/surface-conditions/

5
Percentuale della superficie della calotta glaciale interessata dalla fusione nel giorno: 18 settembre 2020.

2020-09-20   MeltArea (%)   0.258 %







http://ensemblesrt3.dmi.dk/data/prudence/temp/PLA/PP_GSMB/


Massa superficiale persa oppure guadagnata espressa in  gigatonnellate (1 Gt è 1 miliardo di tonnellate e corrisponde a 1 chilometro cubo di acqua).

20/09/2020  SMB(Gt/day)   1.225
 

##########################################################

Date      SMB(Gt/day)  SMBacc(Gt)
20200901      0.707         0.7
20200902      0.181         0.9
20200903     -0.263         0.6
20200904      1.664         2.3
20200905      2.206         4.5
20200906      2.825         7.3
20200907      1.017         8.3
20200908      0.898         9.2
20200909      2.586        11.8
20200910      0.779        12.6
20200911      0.586        13.2
20200912      0.208        13.4
20200913      0.149        13.5
20200914      0.381        13.9
20200915      4.428        18.4
20200916      5.132        23.5
20200917      1.900        25.4
20200918      4.147        29.5
20200919      3.349        32.9
20200920      1.225        34.1


http://ensemblesrt3.dmi.dk/data/prudence/temp/PLA/PP_GSMB/





6
Nuovi dati  derivanti dallo studio paleoclimatico riguardanti l'Europa, la Scandinavia-Russia, la Cina e gli Stati Uniti nordorientali mostrano che non c'è stato nessun riscaldamento allarmante nell attuale era moderna. Queste ricostruzioni appena pubblicate mostrano invece che periodi più caldi e periodi contraddistinti da rapidi fenomeni di riscaldamento su scala centenaria si sono verificati nei secoli passati, o quando le concentrazioni di CO2 erano molto più basse di quanto lo siano ora.
Oggi andrò ad analizzare gli stati uniti.
Alla fine degli anni Novanta il Dr. Michael Mann ha ricostruito l andamento termico avvenuto negli stati uniti nord orientali negli ultimi 2500 anni (dal 411 a.C. al 2016 a.C.) attraverso gli anelli degli alberi . L albero preso in esame è il cedro bianco dell'Atlantico. Questi studi mostrano che negli ultimi decenni non sono avvenuti cambiamenti climatici insoliti in questa regione (Pearl et al., 2020) https://harvardforest1.fas.harvard.edu/sites/harvardforest.fas.harvard.edu/files/publications/pdfs/Pearl_QuatSciRev_2019.pdf ,  Gli autori suggeriscono che la specie arborea utilizzata, che in questo caso è il cedro bianco dell'Atlantico, è "significativamente correlata" con la temperatura di questa regione.



Fonte  immagine: https://harvardforest1.fas.harvard.edu/sites/harvardforest.fas.harvard.edu/files/publications/pdfs/Pearl_QuatSciRev_2019.pdf

7
Buona giornata a tutti.Dopo una prima parte di settembre dai connotati estivi, con l approssimarsi dell equinozio d'autunno, la natura sembra voler rimettere apposto le cose.


8
Percentuale della superficie della calotta glaciale interessata dalla fusione nel giorno: 18 settembre 2020.

2020-09-18   MeltArea (%)   1,206%








http://ensemblesrt3.dmi.dk/data/prudence/temp/PLA/PP_GSMB/


Massa superficiale persa oppure guadagnata espressa in  gigatonnellate (1 Gt è 1 miliardo di tonnellate e corrisponde a 1 chilometro cubo di acqua).

18/09/2020  SMB(Gt/day)   4.147
 

##########################################################


Date      SMB(Gt/day)  SMBacc(Gt)

Date      SMB(Gt/day)  SMBacc(Gt)
20200901      0.707         0.7
20200902      0.181         0.9
20200903     -0.263         0.6
20200904      1.664         2.3
20200905      2.206         4.5
20200906      2.825         7.3
20200907      1.017         8.3
20200908      0.898         9.2
20200909      2.586        11.8
20200910      0.779        12.6
20200911      0.586        13.2
20200912      0.208        13.4
20200913      0.149        13.5
20200914      0.381        13.9
20200915      4.428        18.4
20200916      5.132        23.5
20200917      1.900        25.4
20200918      4.147        29.5

http://ensemblesrt3.dmi.dk/data/prudence/temp/PLA/PP_GSMB/





9
Buona giornata a tutti.Di seguito l aggiornamento relativo all estensione della banchisa artica.Dati e grafici  gentilmente concessi dal Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA)

https://ads.nipr.ac.jp/vishop/#/extent/&time=2020-03-08%2000:00:00

17/09/2020 : 3,734,834 km2   , + 104,616 km2 rispetto alla precedente estensione
 
2012(3,213,910 km2 )-520,924   km2 rispetto al 2020
2020(3,734,834 km2 )
2019(3,964,239 km2)+229,405         km2 rispetto al 2020
2007(4,065,739 km2)+330,905         km2 rispetto al 2020
2016(4,293,931 km2)+559,097         km2 rispetto al 2020
2015(4,412,057 km2)+677,223         km2 rispetto al 2020
2011(4,417,282 km2)+682,448         km2 rispetto al 2020
2018(4,491,419 km2)+756,585         km2 rispetto al 2020
2008(4,510,805 km2)+775,971         km2 rispetto al 2020
2017(4,590,075 km2)+855,241         km2 rispetto al 2020
2010(4,622,092 km2)+887,258         km2 rispetto al 2020
2013(4,832,002 km2)+1,097,168      km2 rispetto al 2020
2014(4,884,120 km2)+1,149,286      km2 rispetto al 2020
2009(5,156,480 km2)+1,421,646      km2 rispetto al 2020
2005(5,271,140 km2)+1,536,306      km2 rispetto al 2020



media anni 2000(5,487,028 km2) 1,752,194       km2 rispetto al 2020
media anni 2010(4,372,113 km2)  637,279         km2 rispetto al 2020
media anni 1990(6,605,020 km2)+2,870,186      km2 rispetto al 2020
media anni 1980(7,304,435 km2)+3,569,601      km2 rispetto al 2020














10
Storia del clima in Europa

60-27k anni fa (ka), le temperature medie annuali erano di circa -6°C.A intervalli di pochi millenni si sono verificati eventi di riscaldamento di circa 20°C nell'arco di "pochi anni".
9-5 ka, l'Europa era 2-3°C più calda di oggi.




Fonte immagine:  https://link.springer.com/content/pdf/10.1007/978-3-319-65038-8_3-1.pdf

11
Buona giornata a tutti.Di seguito l aggiornamento relativo all estensione della banchisa artica.Dati e grafici  gentilmente concessi dal Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA)

https://ads.nipr.ac.jp/vishop/#/extent/&time=2020-03-08%2000:00:00

16/09/2020 : 3,630,218 km2  , + 24,861 km2 rispetto alla precedente estensione
 
2012(3,177,455 km2 )-452,763   km2 rispetto al 2020
2020(3,630,218 km2 )
2019(3,991,187 km2)+360,969         km2 rispetto al 2020
2007(4,070,114 km2)+439,896         km2 rispetto al 2020
2016(4,233,309 km2)+603,091         km2 rispetto al 2020
2015(4,391,720 km2)+761,502         km2 rispetto al 2020
2011(4,420,667 km2)+790,449         km2 rispetto al 2020
2018(4,513,511 km2)+883,293         km2 rispetto al 2020
2008(4,516,471 km2)+886,253         km2 rispetto al 2020
2017(4,577,641 km2)+947,423         km2 rispetto al 2020
2010(4,684,325 km2)+1,054,107      km2 rispetto al 2020
2013(4,824,927 km2)+1,194,709      km2 rispetto al 2020
2014(4,886,207 km2)+1,255,989      km2 rispetto al 2020
2009(5,125,931 km2)+1,495,713      km2 rispetto al 2020
2005(5,297,859 km2)+1,667,641      km2 rispetto al 2020



media anni 2000(5,481,450 km2) 1,851,232       km2 rispetto al 2020
media anni 2010(4,370,095 km2)  739,877         km2 rispetto al 2020
media anni 1990(6,592,674 km2)+2,962,456      km2 rispetto al 2020
media anni 1980(7,286,634 km2)+3,656,416      km2 rispetto al 2020








Volume  del ghiaccio marino registrato nel giorno: 16/09/2020





http://polarportal.dk/en/sea-ice-and-icebergs/sea-ice-thickness-and-volume/

12
Due nuovi studi mostrano che non si è verificato alcun riscaldamento netto in Cina dal 1840 o dal 1900.

 Song et al., 2020 (https://t.co/0o2Be56WS6?amp=1)

 Sun et al., 2020 (https://t.co/NhUOlRuSt5?amp=1)




13
Buona serata a tutti.Di seguito l' aggiornamento relativo all    estensione dei ghiacci marini antartici. Dati e grafici gentilmente concessi dal Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA)

https://ads.nipr.ac.jp/vishop/#/extent/&time=2019-08-09%2000:00:00





12/09/2020: 18,755,933 km2, + 28,483 km2 rispetto alla precedente estensione

13/09/2020 : 18,789,715 km2 ,+ 33,782 km2 rispetto alla precedente estensione

14/09/2020 : 18,848,016 km2 , + 58,301 km2 rispetto alla precedente estensione

15/09/2020 : 18,861,031 km2 ,+ 13,015 km2 rispetto alla precedente estensione




Attualmente l estensione della banchisa antartica risulta superiore alla media del periodo 1981/2010, eppure nessun organo informativo ne da notizia.Anche in questo caso, l informazione risulta a senso unico.



https://nsidc.org/data/seaice_index

14
Raggiunta la minima estensione, la banchisa artica si avvia nuovamente a riformarsi e crescere in termini di estensione e volume .Questo processo raggiungerà il culmine durante il mese di marzo, mese in cui la banchisa artica avrà raggiunto la sua massima estensione. Raggiunta la temperatura di circa -1.8 °C(punto di congelamento per acqua salata), si ha la formazione di uno strato galleggiante di ghiaccio costituito da acqua dolce, in quanto durante il processo di congelamento i sali  minerali rimangono  in soluzione.
La causa principale che comporta la formazione della banchisa è il congelamento della superficie marina,in quanto  le precipitazioni  nevose risultano decisamente scarse nelle regioni polari. L’acqua del mare tende a  congelare  sempre in superficie e mai sul fondo, dove non raggiunge temperature sufficientemente basse a causa del suo elevato calore specifico che comporta una scarsa propensione a variare la temperatura. Raggiunta la temperatura di congelamento,inizia il processo che porta gradualmente  la formazione di piccoli cristalli lenticolari, il cui diametro è dell’ ordine di qualche millimetro. I cristalli tendono ad unirsi tra di loro  per minimizzare la propria energia termodinamica.Durante questa situazione, lo strato superficiale oceanico è caratterizzato dalla presenza di tanti agglomerati di cristalli che rendono tale strato molto"viscoso".Durante questo stadio, gli agglomerati tendono ad essere molto instabili e anche in condizioni di mare relativamente calmo tendono a rompersi.
Con il passare dei giorni, aumenta notevolmente la concentrazione dei cristalli di ghiaccio, favorendo  la formazione di piccoli blocchi di ghiaccio che vengono meglio definiti in gergo tecnico(pancake ice).  La dimensione e la forma di questi blocchi viene  notevolmente influenzata  da due fattori: la turbolenza oceanica e il campo d’onda presente.In uno stato successivo del processo di congelamento, in condizioni di mare poco turbolento, i blocchi di ghiaccio tendono a saldarsi tra di loro, formando un unico strato superficiale di ghiaccio fisso (solid ice) esteso anche per diverse centinaia di chilometri quadrati.

 Fonte:  https://nsidc.org/
Di seguito l aggiornamento relativo all estensione della banchisa artica.Dati e grafici  gentilmente concessi dal Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA)

https://ads.nipr.ac.jp/vishop/#/extent/&time=2020-03-08%2000:00:00


14/09/2020 : 3,582,016 km2  , + 27,218 km2 rispetto alla precedente estensione

15/09/2020 : 3,605,357 km2  , + 23,341 km2 rispetto alla precedente estensione
 
2012(3,178,400 km2 km2)-426,957   km2 rispetto al 2020
2020(3,605,357 km2 )
2019(4,006,036 km2)+400,679         km2 rispetto al 2020
2007(4,068,688 km2)+463,331         km2 rispetto al 2020
2016(4,253,202 km2)+647,845         km2 rispetto al 2020
2015(4,359,080 km2)+753,723         km2 rispetto al 2020
2011(4,442,510 km2)+837,153         km2 rispetto al 2020
2008(4,523,624 km2)+918,267         km2 rispetto al 2020
2017(4,541,251 km2)+935,894         km2 rispetto al 2020
2018(4,546,800 km2)+941,443         km2 rispetto al 2020
2010(4,743,880 km2)+1,138,523      km2 rispetto al 2020
2013(4,834,931 km2)+1,229,574      km2 rispetto al 2020
2014(4,888,765 km2)+1,283,408      km2 rispetto al 2020
2009(5,115,751 km2)+1,510,394      km2 rispetto al 2020
2005(5,329,353 km2)+1,723,996      km2 rispetto al 2020



media anni 2000(5,479,091 km2) 1,873,734       km2 rispetto al 2020
media anni 2010(4,379,486 km2)  774,129         km2 rispetto al 2020
media anni 1990(6,573,762 km2)+2,968,405      km2 rispetto al 2020
media anni 1980(7,269,483 km2)+3,664,126      km2 rispetto al 2020





15
Attualmente esiste un altro recente studio che utilizza le larghezze degli anelli degli alberi per ricostruire le temperature secolari.questo studio riguarda la Tailandia. In Tailandia non c'è stato alcun riscaldamento dal 1690, periodo in cui le temperature erano di ~1°C più calde di oggi.Inoltre lo studio ha evidenziato un calo di queste ultime dal 1990

Fonte immagini:  https://smujo.id/biodiv/article/view/6178/4174



16
L estate sembra non finire mai. Sembra un anomalia avere parte di settembre dai connotati estivi, eppure nel passato, numerosi sono stati  i mesi di settembre con tali caratteristiche.Troppi per contarli, i principali sono stati nel 1865, 1868, 1895, 1898, 1906, 1911 e 1947, nonché recentemente nel 1999, 2005, 2006, 2011 e 2016.  Anche 1835, 1834, 1824, 1795, 1775 e 1765 sono caldi. Prima del 1750 sappiamo da alcuni dati che il 1737, il 1735, il 1707, il 1680 e il 1678 erano caldi.

    ecc ,ecc....

Per questioni di tempo ho pubblicato solo le carte.Anche il settembre 1946 è risultato estremamente caldo in modo particolare
 nelle regioni centrali e meridionali della penisola italiana, gran parte della Sardegna e della Sicilia e una vasta area della penisola balcanica.

https://it.wikipedia.org/wiki/Ondata_di_caldo_del_settembre_1946

17
Buona giornata e una buona domenica a tutti . Di seguito l aggiornamento relativo all estensione della banchisa artica.Dati e grafici  gentilmente concessi dal Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA)

https://ads.nipr.ac.jp/vishop/#/extent/&time=2020-03-08%2000:00:00


13/09/2020 : 3,554,798 km2  , -9,058 km2 rispetto alla precedente estensione


2012(3,200,630 km2 km2)-354,168   km2 rispetto al 2020
2020(3,554,798 km2 )
2019(4,053,800 km2)+499,002         km2 rispetto al 2020
2007(4,135,628 km2)+580,830         km2 rispetto al 2020
2016(4,239,854 km2)+685,056         km2 rispetto al 2020
2015(4,268,045 km2)+713,247         km2 rispetto al 2020
2011(4,314,448 km2)+759,650         km2 rispetto al 2020
2017(4,494,583 km2)+939,785         km2 rispetto al 2020
2008(4,534,147 km2)+979,349         km2 rispetto al 2020
2018(4,583,173 km2)+1,028,375      km2 rispetto al 2020
2010(4,803,589 km2)+1,248,791      km2 rispetto al 2020
2013(4,820,839 km2)+1,266,041      km2 rispetto al 2020
2014(4,902,691 km2)+1,347,893      km2 rispetto al 2020
2009(5,062,442 km2)+1,507,644      km2 rispetto al 2020
2005(5,364,559 km2)+1,809,761      km2 rispetto al 2020



media anni 2000(5,484,119 km2) 1,929,321       km2 rispetto al 2020
media anni 2010(4,368,165 km2)  813,367         km2 rispetto al 2020
media anni 1990(6,563,541 km2)+3,008,743      km2 rispetto al 2020
media anni 1980(7,240,173 km2)+3,685,375      km2 rispetto al 2020





18
Anche il NOAA registra  il calo o la stabilità del livello del mare in molte regioni del mondo. L'innalzamento del livello del mare non è globale. È locale.




Fonte immagini:  https://www.nodc.noaa.gov/woce/woce_v3/wocedata_2/slevel_dm/psmsl/psmsl.htm

19
Un nuovo studio sul cambiamento del livello del mare delle Maldive pone in evidenza come nulla  di senza precedenti è accaduto negli ultimi decenni"
"L'Oceano Indiano non evidenzia al momento nessun  allarmante aumento del livello del mare negli ultimi decenni" . "i risultati  derivanti dagli indicatori di marea non mostrano alcun segno di accelerazione"





Fonte immagine:   https://t.co/lcZjYmwC3c?amp=1

20
Buona serata a tutti. L estate sembra non finire mai. Situazione bloccata, anticicloni ciclopici, caldo senza fine, eventi mai accaduti.Eppure anche in passato succedevano le stesse cose.

19 settembre 1926(94 anni fa)



21
Un nuovo studio ( Caillouet et al., 2019 ) https://essd.copernicus.org/articles/11/241/2019/essd-11-241-2019.pdf  non evidenzia cambiamenti climatici significativi  sia per quanto riguarda le temperature  e le precipitazioni   in Francia dal 1873.




Fonte immagine: Caillouet et al., 2019

22
Nonostante l'aumento di 135 ppm della concentrazione di CO2 (da 275 ppm a 410 ppm) dal 1700, una nuova ricostruzione delle temperature (precipitazioni) della durata di 250 anni (Peng et al., 2020) https://link.springer.com/article/10.1007/s00704-020-03326-w  mostra che non c'è stato alcun riscaldamento netto in Asia centrale dal 1766. Anche altre due ricostruzioni sempre inerenti l area, non mostrano alcuna tendenza al riscaldamento negli ultimi secoli.

23
Un nuovo studio è stato condotto per cercare di  ricostruire la variabilità della temperatura primaverile e autunnale derivata dalle densità massime degli anelli di pino nero che risalgono a 1350 Coefficient of Efficiency (CE).La ricostruzione è accompagnata da grandi incertezze derivanti da scarse interconnessioni tra i singoli alberi e da un numero limitato di stazioni strumentali affidabili nella regione di studio.Nonostante la presenza di un elevata incertezza, lo studio  mostra  che non c'è stato alcun riscaldamento netto in Spagna dal 1350 d.C.
Gli anni tra il 1474 e il 1606 d.C. hanno fatto registrare 7 dei 10 anni più caldi del paese. Al contrario, c'è stato solo 1 anno più caldo (1961) e 4 dei 10 anni più freddi dal 1880.
I 2 periodi più caldi di 30 anni (clima) si sono verificati nei decenni compresi tra il 1530 e il 1820.

https://www.mdpi.com/2073-4433/11/7/748/htm


24
4 nuovi documenti evidenziano come  la Groenlandia non si è riscaldata  dagli anni '20 agli anni '40 con un  raffreddamento dagli anni 2000.

 Wangner et al, 2020 (https://t.co/l7mkbgIi9D?amp=1)

Johansson et al, 2020 (https://t.co/bI5Pc3g98y?amp=1)

Hahn et al, 2020 (https://t.co/SWVbNQsNvf?amp=1)

 Wheeland & Morgan, 2020 (https://t.co/ikgPhqyOBN?amp=1)



25
Buona serata a tutti.Sembra non avere mai fine il periodo estivo.Caldo eccezionale, anticicloni ciclopici e via dicendo.Questo viene detto ogni anno.Eppure questi eventi accadevano anche nel passato come ad esempio 125 anni fa e più precisamente nel settembre 1895.Erano giorni decisamente caldi quelli che accompagnarono gli inizi del mese in francia. Aparigi veniva registrata nel giorno 7 settembre 1895 una temperatura di +36.2C.


L'ondata di caldo parigino illustrata nella copertina del Petit Journal del 9 settembre 1895



Per coloro che hanno tempo e voglia di leggere,Consiglio il libro di Le Roy Ladurie Histoire du climat depuis l’an mil


https://www.nice-provence.info/2020/08/12/canicule-700000-morts/

26
Buona serata e buona domenica a tutti.
Disponibile l aggiornamento del del National Snow and Ice Data Center (NSIDC), relativo all  estensione del ghiaccio marino artico nel mese di agosto 2020. L estensione del ghiaccio artico nel mese di agosto 2020 è stata mediamente pari a 5,08 milioni di chilometri quadrati risultando il terzo valore più basso (per il mese) registrato nella storia satellitare.L’estensione è stata di 360.000 chilometri quadrati superiore a quella registrata nel 2012.Alla data del 1° settembre 2020, l'estensione dei ghiacci marini artici si è attestata a 4,26 milioni di chilometri quadrati (1,64 milioni di miglia quadrate),risultando così la seconda estensione più bassa per quella data nella storia delle registrazioni satellitari iniziate nel 1979.Dopo un periodo caratterizzato da una diminuzione complessivamente contenuta dei ghiacci nel mese di agosto, a partire dalla metà del mese il ritmo ha subito un'accelerazione, interessando soprattutto quelle aree in cui la concentrazione di ghiaccio risultava piuttosto ridotta, per poi rallentare di nuovo verso la fine del mese in concomitanza con l approssimarsi  della stagione autunnale  nella regione artica.Complessivamente, dal 15 agosto al 1° settembre 2020, l'estensione è diminuita di 1,1 milioni di chilometri quadrati (425.000 miglia quadrate), risultando  superiore alla perdita media di 800.000 chilometri quadrati (309.000 miglia quadrate) verificatasi nello stesso periodo tra il 1981 e il 2020.

Dal 15 al 31 agosto, le temperature dell'aria al livello dei 925 mb sono state superiori alla media su gran parte dell'Oceano Artico,confermando lo schema termico contraddistinto da temperature superiori ai valori medi  che ha prevalso per tutta la prima metà del mese, in particolare modo nel Mare di Kara. Temperature inferiori alla media hanno prevalso sulla Siberia centrale . Il modello di circolazione atmosferica riscontrato nella prima metà del mese ha subito  poi una modifica , con una zona di alta pressione centrata sul Mare di Laptev e che si è estesa poi fino al Mare di Beaufort e al Mare di Chukchi . La bassa pressione è stata la caratteristica dominante della regione del Mare di Norvegia.

L'estensione media dei ghiacci marini per il mese di agosto 2020 e stata complessivamente di 5,08 milioni di chilometri quadrati (1,96 milioni di miglia quadrate), collocandosi al terzo posto nella graduatoria delle registrazioni satellitari . Compreso il 2020, il tasso di declino lineare per il mese di agosto è stato del 10,7 % per decennio. Ciò corrisponde ad una diminuzione di 76.800 chilometri quadrati  all'anno, ovvero circa le dimensioni del New Hampshire, del Vermont e del Massachusetts messi insieme. Da quando sono iniziate le registrazioni satellitari, l'Oceano Artico ha perso circa 3,15 milioni di chilometri quadrati (1,22 milioni di miglia quadrate) di ghiaccio nel mese di agosto,basandosi sulla differenza dei valori di tendenza lineare nel 2020 e nel 1979. Questo è paragonabile in termini di dimensioni a circa il doppio dello stato dell'Alaska.


Fonte NSIDC https://nsidc.org/arcticseaicenews/

27
Tempeste, uragani sempre più forti e frequenti.Questo quanto viene divulgato dagli organi di informazione.
Un nuovo studio  afferma che negli ultimi 167 anni non ci sono stati  significativi cambiamenti o riduzioni nella frequenza e nell intensità degli uragani Atlantico-USA .Gli uragani di categoria 3-5 sono stati più frequenti dagli anni '20 agli anni '60 che dal 1970 ad oggi.
  https://link.springer.com/article/10.1007/s11069-020-04219-x


28
Caldo eccezionale in alcune aree della siberia settentrionale e dell estremo oriente russo.Questo veniva detto dagli organi di informazione un mese fa.Eppure una buona informazione dovrebbe rimanere sempre neutrale nel raccontare i fatti. Oymyakon sta vivendo il suo secondo agosto più freddo dal 1943. La scorsa notte la temperatura è scesa  a -10,3 ° C  avvicinandosi al valore  minimo giornaliero di -10,5 ° C stabilito  nel 1967.

La causa è da ricercare in un jet stream collocato molto a sud, che ha trascinato l'aria fredda dell'Artico verso sud.


29
Buona domenica a tutti e grazie a tutti per le parole di sostegno. Di seguito l aggiornamento relativo all estensione della banchisa artica.Dati e grafici  gentilmente concessi dal Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA)

https://ads.nipr.ac.jp/vishop/#/extent/&time=2020-03-08%2000:00:00





28/08/2020 : 4,118,934 km2 , -37,945 km2 rispetto alla precedente estensione


29/08/2020 : 4,058,545 km2 , -60,389 km2 rispetto alla precedente estensione

2012(3,550,713 km2 km2)-507,832   km2 rispetto al 2020
2020(4,058,545 km2)
2019(4,328,655 km2)+270,110         km2 rispetto al 2020
2016(4,403,833 km2)+345,288         km2 rispetto al 2020
2007(4,471,798 km2)+413,253         km2 rispetto al 2020
2015(4,514,043 km2)+455,498         km2 rispetto al 2020
2011(4,624,660 km2)+566,115         km2 rispetto al 2020
2017(4,775,338 km2)+716,793         km2 rispetto al 2020
2018(4,793,787 km2)+735,242         km2 rispetto al 2020
2008(4,938,427 km2)+879,882         km2 rispetto al 2020
2013(5,115,142 km2)+1,056,597      km2 rispetto al 2020
2010(5,143,918 km2)+1,085,373      km2 rispetto al 2020
2014(5,217,967 km2)+1,159,422      km2 rispetto al 2020
2009(5,369,703 km2)+1,311,158      km2 rispetto al 2020
2005(5,606,865 km2)+1,548,320      km2 rispetto al 2020



media anni 2000(5,735,885 km2) 1,677,340       km2 rispetto al 2020
media anni 2010(4,646,806 km2)  588,261         km2 rispetto al 2020
media anni 1990(6,730,815 km2)+2,672,270      km2 rispetto al 2020
media anni 1980(7,460,802 km2)+3,402,257      km2 rispetto al 2020









Volume  del ghiaccio marino registrato nel giorno: 29/08/2020
Il ghiaccio marino artico cresce durante tutto l'inverno, prima di raggiungere la sua massima estensione nel mese di marzo. Lo scioglimento del ghiaccio comincia a  manifestarsi durante la primavera, quando aumenta il soleggiamento. Nel mese di settembre l'estensione della copertura di ghiaccio  risulta tipicamente solo un terzo circa del suo massimo invernale.
Differenze possono sorgere  in termini di posizione del margine della calotta polare nelle due carte "Estensione del ghiaccio marino" e "Spessore e volume del ghiaccio marino", in quanto i calcoli modellistici non sempre corrispondono all esatta registrazione dell'estensione del ghiaccio da parte dei sensori satellitari.Le concentrazioni del ghiaccio si basano su dati satellitari e provengono dal progetto Ocean and Sea Ice Satellite Application Facility (OSISAF).
Lo spessore del ghiaccio mostrato nel grafico è calcolato con l ausilio del modello HYCOM-CICE del centro meteorologico danese DMI. Il modello calcola vari valori oceanografici, tra cui il ghiaccio marino, in una griglia con celle di 10 x 10 km quadrati. Esso è supportato dai dati meteorologici provenienti dall'ECMWF (Centro Europeo per le Previsioni Meteorologiche a Medio Raggio). In ogni cella della griglia il ghiaccio è classificato in 5 categorie di spessore, con spessore, concentrazione, movimento e bilancio termico del ghiaccio calcolati per ogni categoria. La mappa dello spessore del ghiaccio mostra lo spessore medio del ghiaccio in ogni cella della griglia.
Il grafico a destra mostra la variazione annuale del volume del ghiaccio marino nell'emisfero settentrionale, escludendo il Mar Baltico e il Pacifico. Il volume del ghiaccio viene calcolato basandosi sugli spessori del ghiaccio ottenuti dal modello HYCOM-CICE. In ogni cella della griglia il volume è calcolato come spessore moltiplicato per la concentrazione e per l'area, con il contributo di tutte le celle della griglia al volume totale. La banda grigia intorno al valore medio climatologico corrisponde a più/meno una deviazione standard basata sulla media decennale 2004-2013.








http://polarportal.dk/en/sea-ice-and-icebergs/sea-ice-thickness-and-volume/

30
Buona giornata a tutti.Troppi allarmi circolano nella società moderna. Nel lontano 1989, l'ONU (IPCC) ha previsto che l'innalzamento del livello del mare avrebbe comportato "l'eliminazione di intere nazioni dalla faccia della Terra" entro il 2000.

Ciò nonostante, le aree terrestri costiere hanno registrato una cresciuta dagli anni '80.


Di seguito l articolo.


https://apnews.com/bd45c372caf118ec99964ea547880cd0

31
Buona  giornata a tutti.Di seguito l aggiornamento relativo all estensione della banchisa artica.Dati e grafici  gentilmente concessi dal Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA)

https://ads.nipr.ac.jp/vishop/#/extent/&time=2020-03-08%2000:00:00





27/08/2020 : 4,156,879 km2 ,-16,031 km2 rispetto alla precedente estensione


2012(3,645,186 km2 km2)-511,693   km2 rispetto al 2020
2020(4,156,879 km2)
2019(4,339,067 km2)+182,188         km2 rispetto al 2020
2016(4,464,681 km2)+307,802         km2 rispetto al 2020
2007(4,568,402 km2)+411,523         km2 rispetto al 2020
2015(4,584,969 km2)+428,090         km2 rispetto al 2020
2011(4,731,222 km2)+574,343         km2 rispetto al 2020
2017(4,812,329 km2)+655,450         km2 rispetto al 2020
2018(4,832,062 km2)+675,183         km2 rispetto al 2020
2008(5,005,241 km2)+848,362         km2 rispetto al 2020
2010(5,186,295 km2)+1,029,416      km2 rispetto al 2020
2013(5,262,577 km2)+1,105,698      km2 rispetto al 2020
2014(5,264,442 km2)+1,107,563      km2 rispetto al 2020
2009(5,420,574 km2)+1,263,695      km2 rispetto al 2020
2005(5,680,552 km2)+1,523,673      km2 rispetto al 2020



media anni 2000(5,799,764 km2) 1,642,885       km2 rispetto al 2020
media anni 2010(4,712,283 km2)  555,404         km2 rispetto al 2020
media anni 1990(6,786,102 km2)+2,629,223      km2 rispetto al 2020
media anni 1980(7,522,509 km2)+3,365,630      km2 rispetto al 2020






33
Buona  serata a tutti. Prima di esporre l aggiornamento voglio ringraziare  tutti coloro che si sono adoperati per portare avanti l aggiornamento della sezione inerente l artico.   . Grazie anche a tutti coloro che hanno speso un pò del loro tempo nel continuare a seguire tale sezione.Di seguito l aggiornamento relativo all estensione della banchisa artica.Dati e grafici  gentilmente concessi dal Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA)

https://ads.nipr.ac.jp/vishop/#/extent/&time=2020-03-08%2000:00:00





26/08/2020 : 4,172,910 km2 ,-32,135 km2 rispetto alla precedente estensione


2012(3,681,607 km2 km2)-491,303   km2 rispetto al 2020
2020(4,172,910 km2)
2019(4,359,151 km2)+186,241         km2 rispetto al 2020
2016(4,545,963 km2)+373,053         km2 rispetto al 2020
2007(4,615,484 km2)+442,574         km2 rispetto al 2020
2015(4,713,460 km2)+540,550         km2 rispetto al 2020
2011(4,746,764 km2)+573,854         km2 rispetto al 2020
2017(4,811,553 km2)+638,643         km2 rispetto al 2020
2018(4,860,720 km2)+687,810         km2 rispetto al 2020
2008(5,036,375 km2)+863,465         km2 rispetto al 2020
2010(5,258,370 km2)+1,085,460      km2 rispetto al 2020
2014(5,279,124 km2)+1,106,214      km2 rispetto al 2020
2013(5,326,615 km2)+1,153,705      km2 rispetto al 2020
2009(5,440,068 km2)+1,267,158      km2 rispetto al 2020
2005(5,685,656 km2)+1,512,746      km2 rispetto al 2020



media anni 2000(5,834,760 km2) 1,661,850       km2 rispetto al 2020
media anni 2010(4,758,333 km2)  585,423         km2 rispetto al 2020
media anni 1990(6,883,512 km2)+2,710,602      km2 rispetto al 2020
media anni 1980(7,554,012 km2)+3,376,478    km2 rispetto al 2020
























Volume  del ghiaccio marino registrato nel giorno: 26/08/2020
Il ghiaccio marino artico cresce durante tutto l'inverno, prima di raggiungere la sua massima estensione nel mese di marzo. Lo scioglimento del ghiaccio comincia a  manifestarsi durante la primavera, quando aumenta il soleggiamento. Nel mese di settembre l'estensione della copertura di ghiaccio  risulta tipicamente solo un terzo circa del suo massimo invernale.
Differenze possono sorgere  in termini di posizione del margine della calotta polare nelle due carte "Estensione del ghiaccio marino" e "Spessore e volume del ghiaccio marino", in quanto i calcoli modellistici non sempre corrispondono all esatta registrazione dell'estensione del ghiaccio da parte dei sensori satellitari.Le concentrazioni del ghiaccio si basano su dati satellitari e provengono dal progetto Ocean and Sea Ice Satellite Application Facility (OSISAF).
Lo spessore del ghiaccio mostrato nel grafico è calcolato con l ausilio del modello HYCOM-CICE del centro meteorologico danese DMI. Il modello calcola vari valori oceanografici, tra cui il ghiaccio marino, in una griglia con celle di 10 x 10 km quadrati. Esso è supportato dai dati meteorologici provenienti dall'ECMWF (Centro Europeo per le Previsioni Meteorologiche a Medio Raggio). In ogni cella della griglia il ghiaccio è classificato in 5 categorie di spessore, con spessore, concentrazione, movimento e bilancio termico del ghiaccio calcolati per ogni categoria. La mappa dello spessore del ghiaccio mostra lo spessore medio del ghiaccio in ogni cella della griglia.
Il grafico a destra mostra la variazione annuale del volume del ghiaccio marino nell'emisfero settentrionale, escludendo il Mar Baltico e il Pacifico. Il volume del ghiaccio viene calcolato basandosi sugli spessori del ghiaccio ottenuti dal modello HYCOM-CICE. In ogni cella della griglia il volume è calcolato come spessore moltiplicato per la concentrazione e per l'area, con il contributo di tutte le celle della griglia al volume totale. La banda grigia intorno al valore medio climatologico corrisponde a più/meno una deviazione standard basata sulla media decennale 2004-2013.








http://polarportal.dk/en/sea-ice-and-icebergs/sea-ice-thickness-and-volume/

34
Buona serata a tutti .Purtroppo i problemi di salute che mi attanagliano da ormai diverso tempo, mi hanno costretto nuovamente ad un lungo stop .Mi scuso anche con l utente cumulonembo per non aver dato una risposta al suo messaggio ricevuto in privato.Scusandomi  in anticipo per intromettermi nella discussione, vorrei evidenziare come  secondo me, troppo allarmismo circola sia in "rete" che nei vari organi di informazione.Giusto per fare un esempio, riporto alcuni dati relativi a parigi.
Nel mese di  Luglio  del 1762 furono registrati  21 giorni con temperature oltre i 30 ° C  , 102.9F (39.3C) - 19 agosto 1763
 104.0F (40 ° C) - 26 agosto 1765 , 101.0F (38.3C) - 10 luglio 1766



Spero di ritornare prossimamente a seguire il forum.Nel frattempo auguro a tutti una buona serata .

35
Qui ci sono altri dati riguardanti il ghiaccio marino artico che mostrano che nel passato c'era meno ghiaccio marino / acque aperte - e che era più caldo.


36
Nuovi studi mostrano che il ghiaccio marino degli ultimi secoli è il più alto dell'Olocene... e un (tutto l'anno) artico senza ghiaccio marino quando era 4-8°C più caldo mentre la CO2 era di 260 ppm.



37
Ci dicono che le emissioni di co2 causano un riscaldamento del pianeta terra. Ma allora sorgono due  domande. Perché la calotta glaciale della Groenlandia si è raffreddata per 50 anni con l'aumento della CO2 e perché questo è coerente con l'affermazione che la forzatura della CO2 è ciò che ha guidato il riscaldamento dagli anni '90?


38
Aggiornamento modelli stagionali CopernicusECMWF



39
Disponibili i dati UAH riguardanti le anomalie della temperatura della  bassa troposfera (LT)   registrate nel mese di giugno 2020.L'anomalia media globale della temperatura della bassa troposfera (LT) riscontrata nel mese di giugno 2020 è stata di  + 0,43 ° C rispetto alla media del periodo 1981/2010, in calo rispetto ai   + 0,54 ° C del mese di maggio 2020



http://www.drroyspencer.com/latest-global-temperatures/

Il valore ancora decisamente alto dell indice AMO, potrebbe aver contribuito a determinare l anomalia registrata nel mese di giugno. 
Valore AMO giugno 2020 0.265
https://psl.noaa.gov/data/correlation/amon.us.long.data

Valori  AMO  negli ultimi 10 anni:





Indice AMO dal 1856:


https://weather.plus/amo-index.php



40
Artico con un estensione della banchisa artica mai registrata nel passato.Eppure uno studio evidenzia come durante la prima fase dell'Olocene, con la CO2 che raggiungeva i 260 ppm, gran parte dell'Artico era "privo di ghiaccio marino".

Nel 1596 gli esploratori poterono solcare acque marine prive di ghiaccio fino a Spitzbergen. Questo  durante il mese di giugno. Oggi ci sono solo 2 settimane alla fine di agosto in cui non sono necessari i rompighiaccio.


41
Artico caldo e temperature mai registrate.Eppure uno studio evidenzia come  l'Artico, nel Pliocene, risultasse 15-22°C più caldo di oggi con una co2 intorno ai 300 ppm . I cammelli vivevano  allora in quelle terre.17.000 anni fa, i cavalli selvatici si nutrivano di erba fresca  presente per tutto l'anno nelle aree artiche. La CO2 era di 180 ppm.


42
Condizioni anticicloniche sembrano ancora persistere nei prossimi giorni nell area artica.

43
Buona  serata a tutti. Prima di esporre l aggiornamento voglio ringraziare  tutti coloro che ogni giorno dedicano un pezzetto del loro tempo nel leggere i vari post. Di seguito l aggiornamento relativo all estensione della banchisa artica.Dati e grafici  gentilmente concessi dal Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA)

https://ads.nipr.ac.jp/vishop/#/extent/&time=2020-03-08%2000:00:00


12/07/2020 : 7,448,152 km2 , -79,277 km2 rispetto alla precedente estensione



2020(7,448,152 km2)
2011(7,693,117 km2)+244,965         km2 rispetto al 2020
2019(7,718,646 km2)+270,494         km2 rispetto al 2020
2012(7,773,055 km2)+324,903         km2 rispetto al 2020
2016(7,908,219 km2)+460,067         km2 rispetto al 2020
2014(7,949,704 km2)+501,552         km2 rispetto al 2020
2017(8,039,230 km2)+591,078         km2 rispetto al 2020
2007(8,045,058 km2)+596,906         km2 rispetto al 2020
2013(8,064,289 km2)+616,137         km2 rispetto al 2020
2010(8,195,457 km2)+747,305         km2 rispetto al 2020
2006(8,354,049 km2)+905,897         km2 rispetto al 2020
2015(8,461,055 km2)+1,012,903      km2 rispetto al 2020
2018(8,509,320 km2)+1,061,168      km2 rispetto al 2020
2009(8,720,446 km2)+1,272,294      km2 rispetto al 2020
2005(8,735,770 km2)+1,287,618      km2 rispetto al 2020
2008(8,837,913 km2)+1,389,761      km2 rispetto al 2020
2001(9,099,201 km2)+1,651,049      km2 rispetto al 2020
1995(9,102,865 km2)+1,654,713      km2 rispetto al 2020
2002(9,276,869 km2)+1,828,717      km2 rispetto al 2020
2003(9,347,174 km2)+1,899,022      km2 rispetto al 2020


media anni 2000(8,943,559 km2) 1,495,407       km2 rispetto al 2020
media anni 2010(8,031,209 km2)  583,057         km2 rispetto al 2020
media anni 1990(9,691,264 km2)+2,243,112      km2 rispetto al 2020
media anni 1980(10,499,451 km2)+3,051,299    km2 rispetto al 2020














Volume  del ghiaccio marino registrato nel giorno: 12/07/2020
Il ghiaccio marino artico cresce durante tutto l'inverno, prima di raggiungere la sua massima estensione nel mese di marzo. Lo scioglimento del ghiaccio comincia a  manifestarsi durante la primavera, quando aumenta il soleggiamento. Nel mese di settembre l'estensione della copertura di ghiaccio  risulta tipicamente solo un terzo circa del suo massimo invernale.
Differenze possono sorgere  in termini di posizione del margine della calotta polare nelle due carte "Estensione del ghiaccio marino" e "Spessore e volume del ghiaccio marino", in quanto i calcoli modellistici non sempre corrispondono all esatta registrazione dell'estensione del ghiaccio da parte dei sensori satellitari.Le concentrazioni del ghiaccio si basano su dati satellitari e provengono dal progetto Ocean and Sea Ice Satellite Application Facility (OSISAF).
Lo spessore del ghiaccio mostrato nel grafico è calcolato con l ausilio del modello HYCOM-CICE del centro meteorologico danese DMI. Il modello calcola vari valori oceanografici, tra cui il ghiaccio marino, in una griglia con celle di 10 x 10 km quadrati. Esso è supportato dai dati meteorologici provenienti dall'ECMWF (Centro Europeo per le Previsioni Meteorologiche a Medio Raggio). In ogni cella della griglia il ghiaccio è classificato in 5 categorie di spessore, con spessore, concentrazione, movimento e bilancio termico del ghiaccio calcolati per ogni categoria. La mappa dello spessore del ghiaccio mostra lo spessore medio del ghiaccio in ogni cella della griglia.
Il grafico a destra mostra la variazione annuale del volume del ghiaccio marino nell'emisfero settentrionale, escludendo il Mar Baltico e il Pacifico. Il volume del ghiaccio viene calcolato basandosi sugli spessori del ghiaccio ottenuti dal modello HYCOM-CICE. In ogni cella della griglia il volume è calcolato come spessore moltiplicato per la concentrazione e per l'area, con il contributo di tutte le celle della griglia al volume totale. La banda grigia intorno al valore medio climatologico corrisponde a più/meno una deviazione standard basata sulla media decennale 2004-2013.






http://polarportal.dk/en/sea-ice-and-icebergs/sea-ice-thickness-and-volume/

44
Per chi ha voglia di consultare i dati, riporto quelli di stoccolma registrati nel luglio 1808



https://t.co/lGPUsU3sSC?amp=1

45
Buona  giornata  a tutti . Prima di esporre l aggiornamento, voglio ringraziare tutti coloro che ogni giorno dedicano un pò del loro tempo nel leggere i vari post. Di seguito l' aggiornamento relativo all    estensione dei ghiacci marini antartici. Dati e grafici gentilmente concessi dal Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA)

https://ads.nipr.ac.jp/vishop/#/extent/&time=2019-08-09%2000:00:00



10/07/2020 : 15,360,528 km2,+83,884 km2 rispetto alla precedente estensione


11/07/2020 : 15,405,526 km2 , +44,998  rispetto alla precedente estensione


12/07/2020 : 15,435,944 km2, +30,418 km2 rispetto alla precedente estensione




46
Buona  serata a tutti. Prima di esporre l aggiornamento voglio ringraziare  tutti coloro che ogni giorno dedicano un pezzetto del loro tempo nel leggere i vari post. Di seguito l aggiornamento relativo all estensione della banchisa artica.Dati e grafici  gentilmente concessi dal Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA)

https://ads.nipr.ac.jp/vishop/#/extent/&time=2020-03-08%2000:00:00


11/07/2020 : 7,527,429 km2 , -134,180 km2 rispetto alla precedente estensione



2020(7,527,429 km2)
2019(7,772,912 km2)+245,483         km2 rispetto al 2020
2011(7,864,043 km2)+336,614         km2 rispetto al 2020
2012(7,865,999 km2)+338,570         km2 rispetto al 2020
2014(8,040,838 km2)+513,409         km2 rispetto al 2020
2016(8,047,131 km2)+519,702         km2 rispetto al 2020
2017(8,160,236 km2)+632,807         km2 rispetto al 2020
2007(8,170,999 km2)+643,570         km2 rispetto al 2020
2013(8,196,169 km2)+668,740         km2 rispetto al 2020
2010(8,253,186 km2)+725,757         km2 rispetto al 2020
2006(8,401,143 km2)+873,714         km2 rispetto al 2020
2015(8,547,883 km2)+1,020,454      km2 rispetto al 2020
2018(8,589,748 km2)+1,062,319      km2 rispetto al 2020
2009(8,767,440 km2)+1,240,011      km2 rispetto al 2020
2005(8,786,553 km2)+1,259,124      km2 rispetto al 2020
2008(8,929,581 km2)+1,402,152      km2 rispetto al 2020
2001(9,162,362 km2)+1,634,933      km2 rispetto al 2020
1995(9,226,132 km2)+1,698,703      km2 rispetto al 2020
2002(9,407,505 km2)+1,880,076      km2 rispetto al 2020
2003(9,422,846 km2)+1,895,417      km2 rispetto al 2020
1998(9,463,492 km2)+1,936,063      km2 rispetto al 2020
1993(9,474,760 km2)+1,947,331      km2 rispetto al 2020
2004(9,518,993 km2)+1,991,564      km2 rispetto al 2020
1999(9,559,695 km2)+2,032,266      km2 rispetto al 2020
1997(9,595,834 km2)+2,068,405      km2 rispetto al 2020


media anni 2000(9,024,475 km2) 1,497,046       km2 rispetto al 2020
media anni 2010(8,133,815 km2)  606,386         km2 rispetto al 2020
media anni 1990(9,778,826 km2)+2,251,397      km2 rispetto al 2020
media anni 1980(10,568,932 km2)+3,041,503    km2 rispetto al 2020














Volume  del ghiaccio marino registrato nel giorno: 11/07/2020
Il ghiaccio marino artico cresce durante tutto l'inverno, prima di raggiungere la sua massima estensione nel mese di marzo. Lo scioglimento del ghiaccio comincia a  manifestarsi durante la primavera, quando aumenta il soleggiamento. Nel mese di settembre l'estensione della copertura di ghiaccio  risulta tipicamente solo un terzo circa del suo massimo invernale.
Differenze possono sorgere  in termini di posizione del margine della calotta polare nelle due carte "Estensione del ghiaccio marino" e "Spessore e volume del ghiaccio marino", in quanto i calcoli modellistici non sempre corrispondono all esatta registrazione dell'estensione del ghiaccio da parte dei sensori satellitari.Le concentrazioni del ghiaccio si basano su dati satellitari e provengono dal progetto Ocean and Sea Ice Satellite Application Facility (OSISAF).
Lo spessore del ghiaccio mostrato nel grafico è calcolato con l ausilio del modello HYCOM-CICE del centro meteorologico danese DMI. Il modello calcola vari valori oceanografici, tra cui il ghiaccio marino, in una griglia con celle di 10 x 10 km quadrati. Esso è supportato dai dati meteorologici provenienti dall'ECMWF (Centro Europeo per le Previsioni Meteorologiche a Medio Raggio). In ogni cella della griglia il ghiaccio è classificato in 5 categorie di spessore, con spessore, concentrazione, movimento e bilancio termico del ghiaccio calcolati per ogni categoria. La mappa dello spessore del ghiaccio mostra lo spessore medio del ghiaccio in ogni cella della griglia.
Il grafico a destra mostra la variazione annuale del volume del ghiaccio marino nell'emisfero settentrionale, escludendo il Mar Baltico e il Pacifico. Il volume del ghiaccio viene calcolato basandosi sugli spessori del ghiaccio ottenuti dal modello HYCOM-CICE. In ogni cella della griglia il volume è calcolato come spessore moltiplicato per la concentrazione e per l'area, con il contributo di tutte le celle della griglia al volume totale. La banda grigia intorno al valore medio climatologico corrisponde a più/meno una deviazione standard basata sulla media decennale 2004-2013.






http://polarportal.dk/en/sea-ice-and-icebergs/sea-ice-thickness-and-volume/

47
Deserti che avanzano e terre sempre più aride.Questo ci dicono i mass media. Eppure uno studio evidenzia come La Terra sta diventando sempre più verde. L'aumento di CO2 è la ragione principale. Anche il riscaldamento aiuta.
Il rinverdimento della CO2 espande il serbatoio di carbonio della Terra. Entro il 2100 questo compenserà 17 anni (equivalenti) delle nostre emissioni di CO2, soppiantando l'efficacia delle politiche dell'accordo di Parigi.

https://t.co/HrGBtXETqx?amp=1



48
Buona giornata a tutti. Prima di esporre l aggiornamento voglio ringraziare  tutti coloro che ogni giorno dedicano un pezzetto del loro tempo nel leggere i vari post. Di seguito l aggiornamento relativo all estensione della banchisa artica.Dati e grafici  gentilmente concessi dal Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA)

https://ads.nipr.ac.jp/vishop/#/extent/&time=2020-03-08%2000:00:00





08/07/2020 : 7,862,234 km2 , -138,925 km2 rispetto alla precedente estensione



************************************************************************************************

 09/07/2020 : 7,758,502 km2 , -103,732 km2 rispetto alla precedente estensione



2020(7,758,502 km2)
2019(7,953,297 km2)+194,795         km2 rispetto al 2020
2011(8,086,234 km2)+327,732         km2 rispetto al 2020
2012(8,109,947 km2)+351,445         km2 rispetto al 2020
2016(8,188,054 km2)+429,552         km2 rispetto al 2020
2014(8,236,429 km2)+477,927         km2 rispetto al 2020
2017(8,344,039 km2)+585,537         km2 rispetto al 2020
2010(8,363,534 km2)+605,032         km2 rispetto al 2020
2007(8,422,180 km2)+663,678         km2 rispetto al 2020
2013(8,444,397 km2)+685,895         km2 rispetto al 2020
2006(8,543,716 km2)+785,214         km2 rispetto al 2020
2018(8,737,858 km2)+979,356         km2 rispetto al 2020
2015(8,750,785 km2)+992,283         km2 rispetto al 2020
2009(8,914,065 km2)+1,155,563      km2 rispetto al 2020
2005(8,962,432 km2)+1,203,930      km2 rispetto al 2020
2008(9,085,279 km2)+1,326,777      km2 rispetto al 2020
2001(9,278,200 km2)+1,519,698      km2 rispetto al 2020
1995(9,394,726 km2)+1,636,224      km2 rispetto al 2020
2003(9,534,455 km2)+1,775,953      km2 rispetto al 2020
1998(9,607,543 km2)+1,849,041      km2 rispetto al 2020
2002(9,630,666 km2)+1,872,164      km2 rispetto al 2020
1993(9,647,102 km2)+1,888,600      km2 rispetto al 2020
1999(9,662,182 km2)+1,903,680      km2 rispetto al 2020
2004(9,682,081 km2)+1,923,579      km2 rispetto al 2020
1997(9,793,416 km2)+2,034,914      km2 rispetto al 2020


media anni 2000(9,190,353 km2) 1,431,851       km2 rispetto al 2020
media anni 2010(8,321,457 km2)  562,955         km2 rispetto al 2020
media anni 1990(9,944,797 km2)+2,186,295      km2 rispetto al 2020
media anni 1980(10,716,705 km2)+2,958,203    km2 rispetto al 2020






























Volume  del ghiaccio marino registrato nel giorno: 09/07/2020
Il ghiaccio marino artico cresce durante tutto l'inverno, prima di raggiungere la sua massima estensione nel mese di marzo. Lo scioglimento del ghiaccio comincia a  manifestarsi durante la primavera, quando aumenta il soleggiamento. Nel mese di settembre l'estensione della copertura di ghiaccio  risulta tipicamente solo un terzo circa del suo massimo invernale.
Differenze possono sorgere  in termini di posizione del margine della calotta polare nelle due carte "Estensione del ghiaccio marino" e "Spessore e volume del ghiaccio marino", in quanto i calcoli modellistici non sempre corrispondono all esatta registrazione dell'estensione del ghiaccio da parte dei sensori satellitari.Le concentrazioni del ghiaccio si basano su dati satellitari e provengono dal progetto Ocean and Sea Ice Satellite Application Facility (OSISAF).
Lo spessore del ghiaccio mostrato nel grafico è calcolato con l ausilio del modello HYCOM-CICE del centro meteorologico danese DMI. Il modello calcola vari valori oceanografici, tra cui il ghiaccio marino, in una griglia con celle di 10 x 10 km quadrati. Esso è supportato dai dati meteorologici provenienti dall'ECMWF (Centro Europeo per le Previsioni Meteorologiche a Medio Raggio). In ogni cella della griglia il ghiaccio è classificato in 5 categorie di spessore, con spessore, concentrazione, movimento e bilancio termico del ghiaccio calcolati per ogni categoria. La mappa dello spessore del ghiaccio mostra lo spessore medio del ghiaccio in ogni cella della griglia.
Il grafico a destra mostra la variazione annuale del volume del ghiaccio marino nell'emisfero settentrionale, escludendo il Mar Baltico e il Pacifico. Il volume del ghiaccio viene calcolato basandosi sugli spessori del ghiaccio ottenuti dal modello HYCOM-CICE. In ogni cella della griglia il volume è calcolato come spessore moltiplicato per la concentrazione e per l'area, con il contributo di tutte le celle della griglia al volume totale. La banda grigia intorno al valore medio climatologico corrisponde a più/meno una deviazione standard basata sulla media decennale 2004-2013.






http://polarportal.dk/en/sea-ice-and-icebergs/sea-ice-thickness-and-volume/

49
SIPN2 Sea Ice Outlook (SIO) GIUGNO 2020


 Le previsioni di giugno riguardanti la minima estensione della banchisa artica che verrà raggiunta nel mese di settembre, prevedono un estensione media pari a 4,33 milioni di chilometri quadrati, con quartili di 4,06 e 4,59 milioni di chilometri quadrati.






Maggiori info al seguente link:  https://www.arcus.org/sipn/sea-ice-outlook/2020/june

50
Buona  serata  a tutti . Prima di esporre l aggiornamento, voglio ringraziare tutti coloro che ogni giorno dedicano un pò del loro tempo nel leggere i vari post. Di seguito l' aggiornamento relativo all    estensione dei ghiacci marini antartici. dati e grafici gentilmente concessi dal Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA)

https://ads.nipr.ac.jp/vishop/#/extent/&time=2019-08-09%2000:00:00



06/07/2020 : 15,087,784 km2,+58,121 km2 rispetto alla precedente estensione


07/07/2020 : 15,156,925 km2 , +69,141 km2  rispetto alla precedente estensione





Pagine: [1] 2 3 4 5 ... 63