BACHECA ANNUNCI

VISITATE LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK!

Sono riaperte le iscrizioni al forum! Per registrarsi gratuitamente cliccare QUI

Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - ale81

Pagine: [1] 2 3 4 5 ... 36
1
Ma chi lo può sapere ???.Come sempre accade i modelli cambiano in continuazione e noi siamo sempre qui a seguire questi cambiamenti.

2
Buona giornata e un buon fine settimana a tutti.
Sotto il grafico ensemble relativo alla città di rimini.

quello che appare oggi, é l arrivo di un clima decisamente dai connotati tipici del periodo in cui siamo, con diverse occasioni per avere precipitazioni ma al momento nulla di eclatante o eccezionale.Ovviamente qualora ci fossero precipitazioni, quest ultime dovrebbero presentarsi sotto forma di neve a partire da quote medio-basse.

3
Buona giornata e un buon fine settimana  a tutti gli utenti del forum di meteodue.
Di seguito l aggiornamento relativo all estensione della banchisa artica.dati e grafici  gentilmente concessi dal Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA)[ADS-NIPR-JAXA]ASI Extent
18/01/2019 (13,097,955 km2) +20,051 km2 rispetto alla precedente estensione.

2017(12,646,417 km2)-451,538 km2 rispetto al 2019
2018(12,700,746 km2)-397,209 km2 rispetto al 2019
2006(12,813,728 km2)-284,227 km2 rispetto al 2019
2011(12,941,642 km2)-156,313 km2 rispetto al 2019
2016(12,943,232 km2)-154,723 km2 rispetto al 2019
2012(12,095,543 km2)-2,412     km2 rispetto al 2019
2019  13,097,955 km2
2014(13,159,881 km2)+61,926   km2 rispetto al 2019
2015(13,210,842 km2)+112,887 km2 rispetto al 2019
2005(13,226,354 km2)+128,399 km2 rispetto al 2019
2007(13,272,152 km2)+174,197 km2 rispetto al 2019
2013(13,298,441 km2)+200,486 km2 rispetto al 2019
2010(13,304,485 km2)+206,530 km2 rispetto al 2019
2008(13,364,474 km2)+266,519 km2 rispetto al 2019
2004(13,584,649 km2)+486,694 km2 rispetto al 2019
media anni 2000(13,626,683 km2)+528,728 km2
media anni 1990(14,176,870 km2)+1,078,915km2
media anni 1980(14,604,837 km2)+1,506,882 km2

4
A livello locale non so, ma effetti a scala continentale qualcosa potrebbe comportare.l'AO nella sua fase negativa comporta vortici polari troposferico meno forti, meno  profondi e meno compatti.Westerlies subpolari meno forti, jet polari meno tesi, forti e più ondulati, antizonalità e basse pressioni alle medie latitudini.

5
Situazione ancora molto incerta. Basta vedere l indice descrittivo ao. GFS propone un crollo a fondo scala , mentre secondo ECMWF  il calo risulta molto  più contenuto. Chi la spunterà tra i due? Terremoto modellistico oppure l ennesimo flop?

6
Buona giornata a tutti. Gli ultimi dati del noaa evidenziano come la temperatura della superficie del mare continui ad aumentare .Aumento maggiormente visibile negli strati al di sotto della superficie e in modo particolare nell area polare.



http://polar.ncep.noaa.gov/global/nc/?-global-temp_anom-000-small-rundate=latest

7
Anche gfs nelle 144 ore vede la presenza di un intensa area depressionaria.

8
Buona giornata a tutti. Confermato anche oggi l apertura di un periodo dominato da un tempo molto dinamico .
situazione prevista a 72 ore

168 ore

 Tuttavia quello che appare dall ultimo aggiornamento ecmwf è la posizione troppo occidentale della struttura anticiclonica che andrebbe a collocarsi in pieno atlantico.


9
Buona giornata   a tutti gli utenti del forum di meteodue.
Di seguito l aggiornamento relativo all estensione della banchisa artica.dati e grafici  gentilmente concessi dal Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA)[ADS-NIPR-JAXA]ASI Extent
17/01/2019 (13,077,904 km2) +30,148 km2  rispetto alla precedente estensione.

2017(12,603,241 km2)-474,663 km2 rispetto al 2019
2018(12,674,512 km2)-403,392 km2 rispetto al 2019
2006(12,850,606 km2)-227,298 km2 rispetto al 2019
2011(12,947,972 km2)-129,932 km2 rispetto al 2019
2016(12,954,168 km2)-123,736 km2 rispetto al 2019
2019  13,077,904 km2
2012(13,087,285 km2)+9,381    km2 rispetto al 2019
2014(13,102,299 km2)+24,395  km2 rispetto al 2019
2015(13,158,985 km2)+81,081  km2 rispetto al 2019
2007(13,210,005 km2)+132,101km2 rispetto al 2019
2005(13,214,382 km2)+136,478km2 rispetto al 2019
2010(13,264,670 km2)+186,766km2 rispetto al 2019
2013(13,314,884 km2)+236,980km2 rispetto al 2019
2008(13,330,134 km2)+252,230km2 rispetto al 2019
2004(13,538,101 km2)+460,197km2 rispetto al 2019
media anni 2000(13,586,512 km2)+508,608 km2
media anni 1990(14,127,684km2)+1,049,780km2
media anni 1980(14,561,142 km2)+1,483,238 km2

10
Giungono ancora conferme per quanto riguarda il peggioramento atteso nella prossima settimana

11
Tipo di ghiaccio presente nel bacino artico e confronto con il precedente anno.

12
Gfs ormai non finisce più da stupirci. Addirittura una -20  a 850 hpa a spasso per l  europa nelle 240 ore :o

Aggiornamento forse un pò troppo allarmistico, comunque gli "spaghi di berlino evidenziano come i vari clusters siano indirizzati verso una fase decisamente fredda per quanto riguarda l europa centrale.

13
Buona giornata   a tutti gli utenti del forum di meteodue.
Di seguito l aggiornamento relativo all estensione della banchisa artica.dati e grafici  gentilmente concessi dal Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA)[ADS-NIPR-JAXA]ASI Extent
16/01/2019 (13,047,756 km2) + 59,406 km2  rispetto alla precedente estensione.

2017(12,496,927 km2)-550,829 km2 rispetto al 2019
2018(12,663,756 km2)-384,000 km2 rispetto al 2019
2006(12,892,108 km2)-155,648 km2 rispetto al 2019
2016(12,933,952 km2)-113,804 km2 rispetto al 2019
2011(12,963,808 km2)-83,948   km2 rispetto al 2019
2019   13,047,756 km2
2014(13,059,648 km2)+11,892  km2 rispetto al 2019
2012(13,123,560 km2)+75,804  km2 rispetto al 2019
2007(13,125,919 km2)+78,163  km2 rispetto al 2019
2015(13,139,419 km2)+91,663  km2 rispetto al 2019
2005(13,161,695 km2)+113,939km2 rispetto al 2019
2013(13,247,598 km2)+199,842km2 rispetto al 2019
2010(13,272,034 km2)+224,278km2 rispetto al 2019
2008(13,293,834 km2)+246,078km2 rispetto al 2019
2004(13,502,393 km2)+454,637km2 rispetto al 2019
media anni 2000(13,538,353 km2)+490,597 km2
media anni 1990(14,086,178km2)+1,038,422km2
media anni 1980(14,517,793 km2)+1,470,037 km2

14
Buona giornata   a tutti gli utenti del forum di meteodue.
Di seguito l aggiornamento relativo all estensione della banchisa artica.dati e grafici  gentilmente concessi dal Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA)[ADS-NIPR-JAXA]ASI Extent
15/01/2019 (12,988,350 km2) + 82,602 km2  rispetto alla precedente estensione.

2017(12,421,026 km2)-567,324 km2 rispetto al 2019
2018(12,629,413 km2)-358,937 km2 rispetto al 2019
2016(12,909,668 km2)-78,682   km2 rispetto al 2019
2011(12,919,156 km2)-69,194   km2 rispetto al 2019
2014(12,982,086 km2)-6,264     km2 rispetto al 2019
2019 12,988,350 km2
2007(13,050,900 km2)+62,550  km2 rispetto al 2019
2015(13,054,778 km2)+66,428  km2 rispetto al 2019
2005(13,078,301 km2)+89,951  km2 rispetto al 2019
2013(13,140,084 km2)+151,734km2 rispetto al 2019
2012(13,208,256 km2)+219,906km2 rispetto al 2019
2008(13,270,654 km2)+282,304km2 rispetto al 2019
2010(13,272,669 km2)+284,319km2 rispetto al 2019
2004(13,483,290 km2)+494,940km2 rispetto al 2019
2009(13,519,773 km2)+531,423km2 rispetto al 2019
media anni 2000(13,493,118 km2)+504,768 km2
media anni 1990(14,054,389km2)+1,066,039km2
media anni 1980(14,481,697 km2)+1,493,347 km2

15
Concentrazione-spessore (13 gennaio 2019)

16
Buona giornata   a tutti gli utenti del forum di meteodue.
Di seguito l aggiornamento relativo all estensione della banchisa artica.dati e grafici  gentilmente concessi dal Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA)[ADS-NIPR-JAXA]ASI Extent
14/01/2019 (12,905,748 km2) + 101,818 km2  rispetto alla precedente estensione.

2017(12,387,965 km2)-517,783 km2 rispetto al 2019
2018(12,478,187 km2)-427,561 km2 rispetto al 2019
2011(12,849,921 km2)-55,827   km2 rispetto al 2019
2016(12,899,639 km2)-6,109     km2 rispetto al 2019
2019  12,905,748 km2
2014(12,939,224 km2)+33,476  km2 rispetto al 2019
2007(12,961,708 km2)+55,960  km2 rispetto al 2019
2006(12,970,668 km2)+64,920  km2 rispetto al 2019
2015(12,977,552 km2)+71,804  km2 rispetto al 2019
2005(13,035,372 km2)+129,624km2 rispetto al 2019
2013(13,057,235 km2)+151,487km2 rispetto al 2019
2010(13,226,639 km2)+320,891km2 rispetto al 2019
2008(13,231,528 km2)+325,780km2 rispetto al 2019
2012(13,255,298 km2)+349,550km2 rispetto al 2019
2009(13,429,347 km2)+523,599km2 rispetto al 2019
media anni 2000(13,446,337 km2)+540,589 km2
media anni 1990(14,022,152 km2)+1,116,404km2
media anni 1980(14,446,923 km2)+1,541,175 km2

17
spaghi  BUFFALO - Stato di New York


CHIGAGO - Illinois


NASHVILLE - Tennessee

18
Volume   ghiaccio marino artico rilevato il giorno 13 gennaio 2019. Fonte immagine: http://polarportal.dk/en/sea-ice-and-icebergs/sea-ice-thickness-and-volume/

19
Buona giornata   a tutti gli utenti del forum di meteodue.
Di seguito l aggiornamento relativo all estensione della banchisa artica.dati e grafici  gentilmente concessi dal Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA)[ADS-NIPR-JAXA]ASI Extent
13/01/2019 (12,803,930 km2) + 37,424 km2  rispetto alla precedente estensione.

2017(12,357,702 km2)-446,228 km2 rispetto al 2019
2018(12,431,482 km2)-372,448 km2 rispetto al 2019
2011(12,744,938 km2)-58,992   km2 rispetto al 2019
2019   12,803,930 km2
2007(12,871,354 km2)+67,424  km2 rispetto al 2019
2016(12,885,912 km2)+81,982  km2 rispetto al 2019
2015(12,896,657 km2)+92,727  km2 rispetto al 2019
2014(12,927,003 km2)+123,073km2 rispetto al 2019
2006(12,948,756 km2)+144,826km2 rispetto al 2019
2013(13,003,476 km2)+199,546km2 rispetto al 2019
2005(13,015,855 km2)+211,925km2 rispetto al 2019
2010(13,150,730 km2)+346,800km2 rispetto al 2019
2008(13,156,393 km2)+352,463km2 rispetto al 2019
2012(13,278,795 km2)+474,865km2 rispetto al 2019
2009(13,324,677 km2)+520,747km2 rispetto al 2019
media anni 2000(13,391,870 km2)+587,940 km2
media anni 1990(13,984,146 km2)+1,180,216km2
media anni 1980(14,389,859 km2)+1,585,929 km2

20
Buona serata a tutti. Di seguito cerco di esporre un veloce aggiornamento della situazione andando ad analizzare la situazione stratosferica attuale per giungere ad una diagnosi .A 10 hpa abbiamo un VPS  che risente ancora fortemente del forte disturbo avutosi nei giorni scorsi.il NAM (north annular mode) evidenzia perfettamente questa situazione con valori inferiori a 4.
Gli attuali aggiornamenti vedono per i prossimi giorni  un progressivo riaccorpamento del VPS  a partire dalle quote più elevate e quindi dall alta stratosfera .
 In un simile contesto si dovrebbe concretizzare  un  progressivo riassorbimento degli effetti in medio-alta stratosfera del MMW, con una graduale ripresa dei venti zonali e caduta dei flussi di GPT, ed azzeramento del flusso di Eliassen Palm . Da notare come come il flusso sia stato convergente verso il polo solo per un breve lasso di  tempo evidenziando dapprima un  (displacement) di questo MMW  e  successivamente lo  split  della struttura del vps. Situazione che è risultata  a carico di una sola onda ovvero la wave 1 ovvero quella pacifica.

Da notare anche nel grafico relativo alle temperature la progressiva diminuzione di quest ultime  a partire dall alta stratosfera.Diminuzione  dovuta all'assenza di disturbi (propagazione), cioè di ciò che tiene la stratosfera lontana dall'equilibrio radiativo

Cosa aspettarsi ora da tale situazione? in un primo luogo  la progressiva tendenza alla ricostituzione del VPS in condizioni prima del  MMW.per quanto riguarda invece la situazione in troposfera,gli attuali valori del nam  non potranno che   condizionare lo stato del VP nelle prossime settimane,andando a condizionare l Oscillazione Artica che in diverse occasioni  dovrebbe presentare valori negativi.
Tornando in stratosfera, gli ultimi aggiornamenti ecmwf/NCEP propendono per una progressiva diminuzione delle temperature e quindi assenza di nuovi riscaldamenti stratosferici nella quota di 10 hpa.
Tutta la dinamica passa ora  alla troposfera e alle sue onde planetarie .Buona serata a tutti e a risentirci nel nuovo mese.

21
Buona giornata a tutti gli utenti del forum di meteodue.
Estensione globale ghiacci marini nel giorno =09/01/2019(17.027.437 km2)

22
buona serata a tutti. Oscillazione artica prevista in territorio negativo. Ciò comporterebbe Westerlies subpolari meno intense, jet polari meno tesi e più ondulati,alte pressioni alle alte latitudini. In un simile contesto le masse d aria fredda presenti nelle alte latitudini avrebbero gioco facile nell andare ad interessare le più basse latitudini.

23
Buona giornata e buona domenica a tutti gli utenti del forum di meteodue. Anche se vado fuori argomento,voglio solo dire che non ci sono ne vincitori ne vinti. è stato fatto un meraviglioso lavoro di squadra in cui ognuno ha dato il suo contributo piccolo o grande che sia.Poi come sempre accade , esiste il fattore imprevidibilità, ed è proprio questo fattore che rende viva la discussione.Se tutto fosse già scritto non ci sarebbe più discussione.Concludo con fare i più sentiti complimenti a tutti . Grazie ancora a tutti ;)

24
Il MMW è come il pesce, se non lo cucini subito inizia a puzzare  ;D

Permangono i "problemini" che avevo discusso, con l'effetto domino sul waves train che ci regala un'anticiclone così fedele all'Europa occidentale.



La mancanza di un movimento antizonale del lobo canadese inibisce l'intrusività dell'anticiclone delle Azzorre, rendendo difficoltoso un convinto calo della NAO e quindi anche il break down del VP.
Il Nord Italia e l'alto Tirreno per adesso giocano le loro carte soprattutto sulle possibilità di retrogressioni alte e circolazioni secondarie, che con questa tipologia configurativa non sono da escludere:



Quindi un MMW che non sta provocando quel vero e proprio sconquasso che potevamo aspettarci, con una AO ed una NAO  che non scendono in maniera decisa per forcing troposferici che "ingessano" un pò la dinamica.
Tuttavia il movimento è evolutivo e la dinamicità che caratterizzerà questo periodo, ci danno tutto sommato delle buone probabilità che nelle prossime settimane  possano verificarsi situazioni interessanti anche per chi al momento è sotto cieli sereni.




 Buona giornata a tutti e sopratutto complimenti a filippo per aver spiegato in maniera semplice e di facile apprendimento tutta la dinamica.Aggiungo solo che al momento non si intravedono, come detto da filippo , forti scossoni nei piani isobarici più bassi. Di seguito il grafico ao e nao.

25
Buona giornata a tutti gli utenti del forum di meteodue.
Di seguito il grafico relativo al bilancio di massa del 02/01/2019 (in mm di acqua equivalente) in confronto alla media giornaliera del periodo 1981-2010.

Contributo giornaliero totale al bilancio di massa della calotta dal 1  settembre 2018  (in blu, in Gt al giorno) e media climatologica (in grigio scuro) con banda grigia corrispondente a 2 std.


https://www.dmi.dk/en/groenland/maalinger/greenland-ice-sheet-surface-mass-budget/

26
buona serata a tutti e come sempre è un piacere leggere tutti i post da cui ogni giono riesco ad imparare molte cose. Complimenti a tutti i membri del comitato scientifico e non solo per aver individuato con largo anticipo le dinamiche che sarebbero scaturite nei mesi a seguire.La situazione appare molto intrigante.Da notare come a partire dall alta stratosfera incominci un graduale raffreddamento il quale va a trasferire  determinando la discesa del  momento easterlies ,in direzione dei piani isobarici più bassi.Al momento la situazione ha messo in evidenza come il disturbo generatosi dal potente warming sia rimasto confinato in media stratosfera .Ciò può trovare una certa spiegazione dai modesti flussi di calore che hanno continuato   a trasferirsi verso l’alto rallentando il processo che vede il  trasferimento dei venti orientali  verso i piani isobarici più bassi. Flussi che nel medio termine sembrano attenuarsi determinando la possibile discesa verso il basso delle anomalie generate dallo stratwarming.





Ora come sempre detto io non ho competenze in materia e non voglio illudere nessuno e quindi come sempre invito tutti a seguire gli aggiornamenti di coloro che sapranno meglio indicarci le possibili evoluzioni. grazie ancora a tutti. buona serata e di nuovo un buon 2019 ;)

27
Buona giornata a tutti gli utenti del forum di meteodue.
Di seguito l aggiornamento relativo all estensione della banchisa artica.dati e grafici  gentilmente concessi dal Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA)[ADS-NIPR-JAXA]ASI Extent
01/01/2019(12,287,194 km2 )+122,269 km2 rispetto alla precedente estensione

28
Buona giornata a tutti gli utenti del forum di meteodue.Disponibili i dati del noaa relativi all evoluzione settimanale delle anomalie riguardanti la superficie dell’Oceano Pacifico.
di seguito e la disposizione delle SST (Sea Surface Temperature) nelle diverse aree enso.

Niño 1+2 (0-10S, 90W-80W) 0.8ºC
Niño 3 (5N-5S, 150W-90W) 0.7ºC
Niño 3.4 (5N-5S, 170W-120W) 0.7ºC
Niño 4 (5N-5S, 160E-150W) 0.8ºC
L  ENSO come ben sappiamo è una teleconnessione atmosferica accoppiata tra atmosfera e oceano .Se da un lato le anomalie riguardanti i  valori di SST presentano valori positivi,altrettanto non si può dire delle  fluttuazioni  della pressione atmosferica, fenomeno che prende il nome di Oscillazione Meridionale (o, in inglese, Southern Oscillation, SO).La situazione al momento  evidenzia pressioni atmosferiche al di sopra della norma a Tahiti e sotto la norma a Darwin evidenziando ancora una situazione in cui per ora non esiste un chiaro segnale per decretare un deciso accoppiamento tra oceano ed atmosfera che vada ad rafforzare le attuali condizioni presenti nel pacifico.
Per quanto riguarda le previsioni numeriche le quali  si basano su molteplici simulazioni che mirano a dare il grado di incertezza della previsione stessa ( Ensemble forecast),quest ultime evidenziano la possibilità concreta che condizioni di El Niño perdurino durante l inverno 2018/19 nell emisfero boreale (~ 90% di probabilità) e  fino alla primavera  con un (~ 60% di probabilità).

Per quanto riguarda l’IRI (International Research Institute for Climate Prediction)  , un’agenzia cooperativa tra NOAA e Columbia University collocata presso il Lamont-Doherty Earth Observatory di Palisades, nello stato di New York, quest ultima evidenzia la possibilità concreta che le condizioni di El Niño perdurino anche durante il periodo estivo nell emisfero boreale.


30
Le correnti antizonali presenti in media alta stratosfera  sembrano cominciare a scendere verso i piani isobarici più bassi.Non a caso il modello europeo ECMWF comincia ad evidenziare un possibile tracollo dell indice ao. Ovviamente data la distanza tutto ciò dovrà essere aggiornato e valutato nei prossimi giorni.
 Come detto sopra, ringraziando tutti coloro che spendono un pò del loro tempo nel leggere i miei post,per quanto riguarda le analisi più approfondite le lascio a coloro che ne sanno di più.Io non ho competenze per fare ciò. buona serata e di nuovo un felice 2019.

31
Buona serata a tutti. Arrivati appena ora gli aggiornamenti Ecmwf che tutti voi vedrete domani mattina.iL forcing indotto dalla wave 1 si farà ulteriormente più intenso ed intrusivo nei prossimi giorni convergendo in maniera più intensa sul polo comportando un radicale  cambio di circolazione in media stratosfera
Terremoto modellistico imminente? Difficile da stabilire ora. Sicuramente se la situazione venisse confermata nei prossimi giorni, qualcosa dovrebbe comparire anche nei piani atmosferici più bassi. Tuttavia io non sono la persona giusta per poter dire queste cose. Attendiamo gli aggiornamenti di filippo , luca, nonno rodano, marco cocci per poter avere notizie in merito.Tempi interessanti ci aspettano ;)

32
Buon anno a tutti gli utenti.    Entro in questa stanza per fare i più sentiti complimenti a Filippo   ,Luca,nonno rodano e a tutti coloro che in questi mesi hanno messo a disposizione del forum le loro conoscenze e sopratutto predetto con largo anticipo tali dinamiche   .grazie ancora e sopratutto un felice 2019

33
Buona giornata a tutti gli utenti del forum di meteodue.Di seguito i grafici relativi alle precipitazioni totali,temperature massime,temperature minime e anomalie temperature registrate in europa nel periodo :23-29 dicembre 2018

             http://www.cpc.ncep.noaa.gov/products/analysis_monitoring/regional_monitoring/europe.shtml

34
Buona giornata a tutti gli utenti del forum di meteodue. Di seguito i dati JAXA  relativi all estensione globale 
 dei ghiacci (artico+antartico)
30/12/2018 17,670,704 km2

35



Buona serata a tutto il forum di meteodue augurando nello stesso tempo a tutti un felice e sereno 2019. Riprendo un vecchio post scritto il 18 dicembre per poter andare a seguire gli sviluppi in ambito stratosferico.
Nell ultimo post, scrivevo che   l'attività (sia dal punto di vista termico che di geopotenziale)delle onde lunghe planetarie dell'emisfero settentrionale all'altezza di 10 hpa, quindi in medio-alta stratosfera, dove prevalgono due onde planetarie l’azione della wave2 non sembrava essere sufficiente da garantire il breakdown del VPS. La propagazione in termini di movimento della wave2 sembrava risultare non sufficiente  per riuscire a determinare un deciso disturbo del vps, inoltre il  geopotenziale della wave1 era visto in  calo almeno secondo gli  aggiornamenti in quei giorni disponibili.. Se la cosa dovesse mantenersi come descritto sopra,l  EP flux non sarà sufficientemente  convergente a determinare un profondo  disturbo del vps . Da qui una possibile bilocazione ma difficilmente uno split del vps.
 Di seguito espongo i nuovi grafici relativi ai flussi  e all attività (sia dal punto di vista termico che di geopotenziale)delle onde lunghe planetarie dell'emisfero settentrionale all'altezza di 10 hpa, quindi in medio-alta stratosfera, dove prevalgono due onde planetarie
.
L attuale riscaldamento può essere identificato come un  Major Warming il quale richiede non soloun riscaldamento, ma anche un cambio totale di circolazione. La definizione di rottura del vortice polare è data dalla sostituzione delle normali correnti occidentali a 10 hpa con correnti orientali, conil centro del vortice polare spostato a Sud del 60-65°N.
Dalle immagini possiamo notare che le correnti zonali sembrano superate i 60N a 10hPa

Tuttavia, come scrivevo 11 giorni fa, la situazione presentava ancora molte incertezze in quanto  la propagazione in termini di movimento della seconda ondulazione sembrava risultare troppo scarsa per riuscire a determinare una profonda crisi del vps.  Dalle carte si nota come  il supporto sempre in termini di geopotenziale della wave1 sia visto in deciso  calo e tutto ciò dovrebbe tradursi  in un EP flux non sufficientemente convergente,  e ciò potrebbe  determinare il  mantenimento di un lobo  del VPS ovvero  il lobo principale sufficientemente forte e nello stesso tempo la perdita di un lobo secondario ovvero quello canadese privo di moto antizonale.

Tornando alla dinamica i miei dubbi ancora permangono e ne spiego i motivi.
il riscaldamento  riscontrato nei giorni scorsi è dato dall’azione della sola wave1 e ciò mi farebbe pensare che il tutto potrebbe tradursi  in un evento di tipo "COLD" ovvero quando la propagazione dei venti “antizonali” dalla stratosfera non  raggiunge il suolo.
Al momento i grafici relativi all indice ao (GFS-ECMWF) non prevedono almeno per ora nessun tracollo dell indice.

.
Il grafico relativo alle anomalie del geopotenziale mettono in evidenza come  l’estremo di anomalia termica avvenga alla più alta superficie isobarica e si trasferisca riducendosi progressivamente alle quote inferiori raggiungendo la tropopausa ma non raggiungendo i livelli troposferici prossimi alla superficie.
(Judah Cohen)
Concludo con augurare a tutti un felice e sereno 2019.






Buona giornata e un buon fine d anno a tutti gli tenti del forum, alle vostre famiglie e alle persone ai voi più care.
Di seguito un veloce aggiornamento della situazione.

Appare evidente il forte stratwarming avvenuto sopra la verticale del Polo Nord. Evidente come l’estremo di anomalia termica avvenga alla più alta superficie isobarica e si trasferisca riducendosi progressivamente alle quote inferiori. Al momento tale   processo sembra fermarsi  vicino alla  tropopausa senza raggiungere la  superficie polare almeno per il momento.

Non resta che seguire i prossimi aggiornamenti in modo da chiarire ulteriormente la dinamica.
Buon anno a tutti ;)

36
Buona domenica a tutti. Sono ormai passati 3 anni da quando mi sono iscritto nel forum di meteodue. Non rimpiango nulla e rifarei tutto quanto ho fatto finora.Sono stati 3 anni fantastici sia nel bene che nel male. Anche quest anno siamo giunti alla conclusione dell anno,e con questo messaggio voglio augurare a tutti voi, alle vostre famiglie un felice e sereno 2019

37
Buongiono e buona domenica a tutti gli utenti del forum di meteodue. Notevole discesa di aria artico marittima attesa per i primi giorni del 2019.

38
Buona serata a tutti gli utenti del forum di meteodue.
Di seguito l aggiornamento relativo all estensione della banchisa artica.dati e grafici  gentilmente concessi dal Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA)[ADS-NIPR-JAXA]ASI Extent
28/12/2018(11,871,945 km2 )+25,805 km2 rispetto alla precedente estensione

39
Dico solo questo ... è una dinamica classificabile ibrida con due tipi di riscaldamento maggiori in sequenza uno successivo all'altro e tutto ciò ha portato a grande confusione nei gm nelle loro elaborazioni , dinamiche che sfuggono alla normalità anche perché si tratta sempre di eventi estremi , quindi come diceva Filippo l'analisi va fatta step by step e vanno colte le sfumature che indirizzano l'evoluzione sia in stratosfera che in troposfera . I modelli hanno grandi difficoltà come tutti noi a leggere bene le dinamiche e quindi le evoluzioni dopo le 120 /144 h hanno poco senso . Chi dice che nn c'è propagazione in troposfera dello split gli consiglio di andarci cauto in queste situazioni perché la dinamica può esplodere da un momento all'altro , quindi consiglio più prudenza , più pazienza e nn sparare sentenze avventate perché in meteo si rischia facilmente di fare brutte figure ..  :)


Buongiorno bortan . ;) Ciò che scrivi è perfettamente condivisibile. Io nel mio post ho scritto solamente un mio pensiero e nello stesso tempo  ciò non rappresenta nessuna certezza.Ben vengano le figuracce. io non ho nessun problema a farne . Sono qui come tutti voi per discutere la situazione e non per fare gare tra vincitori e vinti.Ben vengano cambiamenti repentini e magari qualche ondata intensa di freddo. Io come detto sempre sono aperto a qualsiasi opzione e come giustamente detto da te, in meteorologia non esistono certezze e molto facilmente si incorre a brutte figure. Io a differenza di molti non ho nessuna competenza in merito e dunque ciò che scrivo non è da considerare a fini previsionistici dato che quasi sempre sono tendenze non esatte. Mi scuso anzi in anticipo verso tutti coloro che leggendo i miei post si fanno una visione distorta della situazione.
Nel frattempo ti auguro un felice e sereno 2019 e magari una bella sorpresa gelida per il 2019. ;)

40




Buona serata a tutti gli utenti del forum di meteodue. In questi giorni, causa eventi maggiori , che mi hanno tenuto lontano dal poter commentare la situazione, non ho potuto seguire l evoluzione . questa sera vi riporto un mio vecchio post scritto a pag 56 da cui rialacciare l aggiornamento odierno. Come scrivevo giorni fa, la situazione evidenziava molti dubbi.Dubbi che nascevano dall’indebolimento della wave1 . Indebolimento che coincideva con un aumento del wavenumber zonale troposferico. Aumento che avrebbe potuto  rendere inefficace la  propagazione e che avrebbe   potuto deteriorare il forcing imposto da una sola ondulazione.Questa sera , alla luce degli ultimi aggiornamenti, la dinamica continua a seguire la strada sopra descritta.
L’inversione dei venti alla quota di 10hPa non sembra al momento  sufficiente per definire il riscaldamento come MMW, in pratica l’antizonalità ovvero l inversione dei venti da occidentali ad orientali  sembra lambire, ma di fatto non raggiungere in maniera solida i 60N.
Per quanto riguarda  l'attività (sia dal punto di vista termico che di geopotenziale)delle onde lunghe planetarie dell'emisfero settentrionale all'altezza di 10 hpa, quindi in medio-alta stratosfera, dove prevalgono due onde planetarie l’azione della wave2 non sembra essere sufficiente da garantire il breakdown del VPS. La propagazione in termini di movimento della wave2 sembra risultare non sufficiente  per riuscire a determinare un deciso disturbo del vps, inoltre il  geopotenziale della wave1 è visto in  calo almeno secondo gli ultimi aggiornamenti. Se la cosa dovesse mantenersi come descritto sopra,l  EP flux non sarà sufficientemente  convergente a determinare un profondo  disturbo del vps . Da qui una possibile bilocazione ma difficilmente uno split del vps.

Non resta altro che seguire l evoluzione in attesa degli aggiornamenti di domani. Un saluto a tutti e una buona serata a tutti.




Buona serata a tutto il forum di meteodue augurando nello stesso tempo a tutti un felice e sereno 2019. Riprendo un vecchio post scritto il 18 dicembre per poter andare a seguire gli sviluppi in ambito stratosferico.
Nell ultimo post, scrivevo che   l'attività (sia dal punto di vista termico che di geopotenziale)delle onde lunghe planetarie dell'emisfero settentrionale all'altezza di 10 hpa, quindi in medio-alta stratosfera, dove prevalgono due onde planetarie l’azione della wave2 non sembrava essere sufficiente da garantire il breakdown del VPS. La propagazione in termini di movimento della wave2 sembrava risultare non sufficiente  per riuscire a determinare un deciso disturbo del vps, inoltre il  geopotenziale della wave1 era visto in  calo almeno secondo gli  aggiornamenti in quei giorni disponibili.. Se la cosa dovesse mantenersi come descritto sopra,l  EP flux non sarà sufficientemente  convergente a determinare un profondo  disturbo del vps . Da qui una possibile bilocazione ma difficilmente uno split del vps.
 Di seguito espongo i nuovi grafici relativi ai flussi  e all attività (sia dal punto di vista termico che di geopotenziale)delle onde lunghe planetarie dell'emisfero settentrionale all'altezza di 10 hpa, quindi in medio-alta stratosfera, dove prevalgono due onde planetarie
.
L attuale riscaldamento può essere identificato come un  Major Warming il quale richiede non soloun riscaldamento, ma anche un cambio totale di circolazione. La definizione di rottura del vortice polare è data dalla sostituzione delle normali correnti occidentali a 10 hpa con correnti orientali, conil centro del vortice polare spostato a Sud del 60-65°N.
Dalle immagini possiamo notare che le correnti zonali sembrano superate i 60N a 10hPa

Tuttavia, come scrivevo 11 giorni fa, la situazione presentava ancora molte incertezze in quanto  la propagazione in termini di movimento della seconda ondulazione sembrava risultare troppo scarsa per riuscire a determinare una profonda crisi del vps.  Dalle carte si nota come  il supporto sempre in termini di geopotenziale della wave1 sia visto in deciso  calo e tutto ciò dovrebbe tradursi  in un EP flux non sufficientemente convergente,  e ciò potrebbe  determinare il  mantenimento di un lobo  del VPS ovvero  il lobo principale sufficientemente forte e nello stesso tempo la perdita di un lobo secondario ovvero quello canadese privo di moto antizonale.

Tornando alla dinamica i miei dubbi ancora permangono e ne spiego i motivi.
il riscaldamento  riscontrato nei giorni scorsi è dato dall’azione della sola wave1 e ciò mi farebbe pensare che il tutto potrebbe tradursi  in un evento di tipo "COLD" ovvero quando la propagazione dei venti “antizonali” dalla stratosfera non  raggiunge il suolo.
Al momento i grafici relativi all indice ao (GFS-ECMWF) non prevedono almeno per ora nessun tracollo dell indice.

.
Il grafico relativo alle anomalie del geopotenziale mettono in evidenza come  l’estremo di anomalia termica avvenga alla più alta superficie isobarica e si trasferisca riducendosi progressivamente alle quote inferiori raggiungendo la tropopausa ma non raggiungendo i livelli troposferici prossimi alla superficie.
(Judah Cohen)
Concludo con augurare a tutti un felice e sereno 2019.

41
Buona giornata a tutti gli utenti del forum di meteodue.
Di seguito l aggiornamento relativo all estensione della banchisa artica.dati e grafici  gentilmente concessi dal Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA)[ADS-NIPR-JAXA]ASI Extent
25/12/2018 11,843,435 km2 +31,837 km2 rispetto alla precedente estensione
26/12/2018(11,846,140 km2 +2,705 km2   rispetto alla precedente estensione

42
Buona serata a tutti gli utenti del forum di meteodue. Di seguito i grafici aggiornati relativi all estensione della copertura nevosa nell’ Emisfero Nord registrata il giorno 27 dicembre 2018  https://www.star.nesdis.noaa.gov/smcd/emb/snow/HTML/snow.htm


43
Buona giornata  a tutti gli utenti del forum di meteodue.
Di seguito il grafico relativo al bilancio di massa del 27/12/2018 (in mm di acqua equivalente) in confronto alla media giornaliera del periodo 1981-2010.

Contributo giornaliero totale al bilancio di massa della calotta dal 1  settembre 2018  (in blu, in Gt al giorno) e media climatologica (in grigio scuro) con banda grigia corrispondente a 2 std.


https://www.dmi.dk/en/groenland/maalinger/greenland-ice-sheet-surface-mass-budget/

44
Buona serata a tutti gli utenti del forum di meteodue.Di seguito i grafici relativi alle precipitazioni totali,temperature massime,temperature minime e anomalie temperature registrate in europa nel periodo :16-22 dicembre 2018

   http://www.cpc.ncep.noaa.gov/products/analysis_monitoring/regional_monitoring/europe.shtml

45
Buona giornata a tutti gli utenti del forum di meteodue.
Di seguito l aggiornamento relativo all estensione della banchisa artica.dati e grafici  gentilmente concessi dal Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA)[ADS-NIPR-JAXA]ASI Extent
24/12/2018 ( 11,787,051 km2 ) +8,554 km2
 

 2016( 11,401,745 km2) -385,306     km2 rispetto al 2018
  2017(11,653,621   km2)-133,430    km2 rispetto al 2018
2018 (11,787,051 km2)
2010( 11,796,011    km2)+8,960      km2 rispetto al 2018
2012( 11,906,609 km2) +119,558     km2 rispetto al 2018
2015( 11,977,273 km2)+190,222      km2 rispetto al 2018
2013( 11,980,862 km2)+193,811      km2 rispetto al 2018
2006( 12,174,609 km2)+387,558      km2 rispetto al 2018
2009( 12,220,406 km2)+433,255      km2 rispetto al 2018
2011( 12,226,152 km2)+439,101      km2 rispetto al 2018
2005( 12,240,509 km2)+453,458      km2 rispetto al 2018
2008( 12,327,289 km2)+540,238      km2 rispetto al 2018
2014( 12,353,083 km2)+566,032      km2 rispetto al 2018
2007(12,369,141 km2)+582,090       km2 rispetto al 2018
2004(12,493,075 km2)+706,024       km2 rispetto al 2018
2000( 12,609,985 km2)+822,934      km2 rispetto al 2018
2002( 12,647,145 km2)+860,094      km2 rispetto al 2018
   





 


25/12/2018(11,811,598 km2)+24,547 km2 rispetto alla precedente estensione


2016( 11,506,615 km2) -304,983      km2 rispetto al 2018
  2017(11,741,716  km2)-69,882       km2 rispetto al 2018
2010( 11,792,218    km2)-19,380      km2 rispetto al 2018
 2018(11,811,598 km2
2015( 12,004,952 km2) +193,354     km2 rispetto al 2018
2012( 12,039,147 km2)+227,549      km2 rispetto al 2018
2013( 12,048,131 km2)+236,533      km2 rispetto al 2018
2011( 12,172,088 km2)+360,490      km2 rispetto al 2018
2006( 12,252,185 km2)+440,587      km2 rispetto al 2018
2009( 12,283,867 km2)+472,269      km2 rispetto al 2018
2005( 12,297,975 km2)+486,377      km2 rispetto al 2018
2007( 12,352,779 km2)+541,181      km2 rispetto al 2018
2008( 12,398,736 km2)+587,138      km2 rispetto al 2018
2014(12,420,893 km2)+609,295       km2 rispetto al 2018
2004(12,465,358 km2)+653,760       km2 rispetto al 2018
2000( 12,666,617 km2)+855,019      km2 rispetto al 2018
2002( 12,715,114 km2)+903,516      km2 rispetto al 2018

46
Buona  domenica a tutti gli utenti del forum di meteodue. Di seguito i dati JAXA  relativi all estensione globale 
 dei ghiacci (artico+antartico)
23/12/2018(18,856,995 km2)

https://ads.nipr.ac.jp/vishop/#/extent/&time=2018-04-13%2000:00:00

47
Apro questo thread per fare gli auguri a tutti voi di un felice e sereno natale a tutti voi e un felice e sereno 2019 .Le cose più belle della vita non si trovano sotto l’albero, ma nelle persone che ti stanno vicino nei momenti speciali. Buon Natale!

48
Buona giornata a tutti gli utenti del forum di meteodue.
Di seguito l aggiornamento relativo all estensione della banchisa artica.dati e grafici  gentilmente concessi dal Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA)[ADS-NIPR-JAXA]ASI Extent
21/12/2018 ( 11,660,028 km2 ) +48,452 km2
 

 2016( 11,491,398 km2) -168,630     km2 rispetto al 2018
  2010(11,595,124   km2)-64,904      km2 rispetto al 2018
2017( 11,626,462    km2)-33,566      km2 rispetto al 2018
     2018   11,660,028 km2
2012( 11,770,683 km2) +110,655       km2 rispetto al 2018
2015( 11,805,131 km2)+145,103      km2 rispetto al 2018
2013( 11,827,773 km2)+167,745      km2 rispetto al 2018
2008( 12,007,171 km2)+347,143      km2 rispetto al 2018
2011( 12,065,658 km2)+405,630      km2 rispetto al 2018
2007( 12,068,581 km2)+408,553      km2 rispetto al 2018
2005( 12,080,326 km2)+420,298      km2 rispetto al 2018
2009( 12,096,795 km2)+436,767      km2 rispetto al 2018
2006( 12,113,103 km2)+453,075      km2 rispetto al 2018
2014(12,184,769 km2)+524,741       km2 rispetto al 2018
2004(12,387,992 km2)+727,964       km2 rispetto al 2018
2002( 12,437,835 km2)+777,807      km2 rispetto al 2018
2000( 12,484,381 km2)+824,353      km2 rispetto al 2018



22/12/2018 ( 11,752,393 km2) +92,365 km2
 

 2016( 11,400,739 km2) -351,654     km2 rispetto al 2018
  2017(11,616,150   km2)-136,243    km2 rispetto al 2018
2010( 11,685,338    km2)-67,055      km2 rispetto al 2018
  2018     11,752,393 km2
2012( 11,786,734 km2) +34,341       km2 rispetto al 2018
2015( 11,830,604 km2)+78,211        km2 rispetto al 2018
2013( 11,886,041 km2)+133,648      km2 rispetto al 2018
2006( 12,120,281 km2)+367,888      km2 rispetto al 2018
2008( 12,143,140 km2)+390,747      km2 rispetto al 2018
2009( 12,153,529 km2)+401,136      km2 rispetto al 2018
2005( 12,163,122 km2)+410,729      km2 rispetto al 2018
2011( 12,174,595 km2)+422,202      km2 rispetto al 2018
2007( 12,197,433 km2)+445,040      km2 rispetto al 2018
2014(12,242,025 km2)+489,632       km2 rispetto al 2018
2004(12,429,497 km2)+677,104       km2 rispetto al 2018
2002( 12,482,191 km2)+729,798      km2 rispetto al 2018
2000( 12,512,848 km2)+760,455      km2 rispetto al 2018




23/12/2018 ( 11,778,497 km2)+ 26,104 km2
 

 2016( 11,399,061 km2) -379,436     km2 rispetto al 2018
  2017(11,594,206   km2)-184,291    km2 rispetto al 2018
2010 (11,775,400   km2)-3,097         km2 rispetto al 2018
  2018   11,778,497 km2
2012( 11,838,052 km2) +59,555       km2 rispetto al 2018
2015( 11,911,370 km2)+132,873      km2 rispetto al 2018
2013( 11,939,389 km2)+160,892      km2 rispetto al 2018
2006( 12,138,329 km2)+359,832      km2 rispetto al 2018
2009( 12,180,120 km2)+401,623      km2 rispetto al 2018
2005( 12,203,738 km2)+425,241      km2 rispetto al 2018
2011( 12,221,914 km2)+443,417      km2 rispetto al 2018
2008( 12,227,803 km2)+449,306      km2 rispetto al 2018
2014( 12,292,376 km2)+513,879      km2 rispetto al 2018
2007(12,312,190 km2)+533,693       km2 rispetto al 2018
2004(12,438,241 km2)+659,744       km2 rispetto al 2018
2000( 12,561,574 km2)+783,077      km2 rispetto al 2018
2002( 12,574,673 km2)+796,176      km2 rispetto al 2018



49
Buona serata a tutti gli utenti del forum di meteodue. Come sempre ribadito, io  non ne capisco nulla di tali dinamiche e in generale della meteorologia e mi scuso in anticipo con gli utenti più preparati se ciò che vado a scrivere non rispecchia la situazione attuale e futura. Molte volte mi sento fuori luogo e nello stesso tempo mi astengo da scrivere davanti alla preparazione dimostrata da molti rispetto alla
 mia mediocre conoscenza.La situazione, al momento non si discosta molto da quanto descritto in un mio vecchio post.La situazione, ragionando su gli ultimi dati a disposizione, vede una  attenuazione dei venti zonali a partire dall'alta stratosfera (1-10hpa) il tutto coadiuvato da  un incremento dei flussi di calore e di geopotenziale. Flussi che tuttavia dovrebbero subire un calo  come mostrato nel grafico.Ciò potrebbe stare ad indicare una progressiva diminuzione del disturbo. A tutto ciò si associano i vettori del flusso di Eliassen-Palm che al momento presentano una progressiva seppur ancora parziale  convergenza verso il polo.
La situazione rispecchia chiaramente l innesco di un  SSW (sudden stratospheric warming). SSW che al momento si presenta, almeno ragionando sugli attuali dati, come un  intenso Minor Warming,dato che al momento non viene  rilevata  l'inversione dei venti zonali nel livello isobarico di 10 hPa. Inversione    necessaria per decretare un  Major Midwinter Warming (MMW)
 Come detto sopra, l innesco della dinamica  è a carico della wave1 mentre appare molto flebile l azione della  wave2. Al momento  l'ipotesi più probabile è un displacement del VPS.
Ancora molti sono i dubbi riguardanti tutta la dinamica. Dubbi che nascono dall’indebolimento della wave1 . Indebolimento che coincide con un aumento del wavenumber zonale troposferico. Aumento che potrebbe andare a rendere inefficace la  propagazione e che  potrebbe andare  a deteriorare il forcing imposto da una sola ondulazione.Come avete potuto leggere , ho usato sempre il condizionale dato che ancora la situazione non è di facile lettura.






Buona serata a tutti gli utenti del forum di meteodue. In questi giorni, causa eventi maggiori , che mi hanno tenuto lontano dal poter commentare la situazione, non ho potuto seguire l evoluzione . questa sera vi riporto un mio vecchio post scritto a pag 56 da cui rialacciare l aggiornamento odierno. Come scrivevo giorni fa, la situazione evidenziava molti dubbi.Dubbi che nascevano dall’indebolimento della wave1 . Indebolimento che coincideva con un aumento del wavenumber zonale troposferico. Aumento che avrebbe potuto  rendere inefficace la  propagazione e che avrebbe   potuto deteriorare il forcing imposto da una sola ondulazione.Questa sera , alla luce degli ultimi aggiornamenti, la dinamica continua a seguire la strada sopra descritta.
L’inversione dei venti alla quota di 10hPa non sembra al momento  sufficiente per definire il riscaldamento come MMW, in pratica l’antizonalità ovvero l inversione dei venti da occidentali ad orientali  sembra lambire, ma di fatto non raggiungere in maniera solida i 60N.
Per quanto riguarda  l'attività (sia dal punto di vista termico che di geopotenziale)delle onde lunghe planetarie dell'emisfero settentrionale all'altezza di 10 hpa, quindi in medio-alta stratosfera, dove prevalgono due onde planetarie l’azione della wave2 non sembra essere sufficiente da garantire il breakdown del VPS. La propagazione in termini di movimento della wave2 sembra risultare non sufficiente  per riuscire a determinare un deciso disturbo del vps, inoltre il  geopotenziale della wave1 è visto in  calo almeno secondo gli ultimi aggiornamenti. Se la cosa dovesse mantenersi come descritto sopra,l  EP flux non sarà sufficientemente  convergente a determinare un profondo  disturbo del vps . Da qui una possibile bilocazione ma difficilmente uno split del vps.

Non resta altro che seguire l evoluzione in attesa degli aggiornamenti di domani. Un saluto a tutti e una buona serata a tutti.

50
Buona giornata  a tutti gli utenti del  forum di meteodue.di seguito l' aggiornamento relativo all    estensione dei ghiacci marini antartici. dati e grafici gentilmente concessi dal Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA)ASI [ADS-NIPR-JAXA]
19/12/2018 (8,284,049 km2) -263,759 km2 rispetto alla precedente estensione
20/12/2018( 7,996,790 km2)-287,259  km2 rispetto alla precedente estensione

Pagine: [1] 2 3 4 5 ... 36