BACHECA ANNUNCI

VISITATE LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK!

Sono riaperte le iscrizioni al forum! Per registrarsi gratuitamente cliccare QUI


Autore Topic: Tragico è dir poco - riflessioni sul GW  (Letto 23581 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Nix novariensis

  • Visitatore
Tragico è dir poco - riflessioni sul GW
« il: Novembre 14, 2016, 11:12:46 pm »
Gennaio 2014: solo due anni fa, anomalia globale a +0.1 dalla 81-10.


Marzo 2016: culmine del supernino, anomalia globale a +0.7 dalla 81-10


Novembre 2016 (parziale ma tanto chiude così): in fase di Nina, quasi +0.5 dalla 81-10... cioè quasi quanto l'anomalia registrata al culmine del supernino.


Tradotto: le T stanno salendo vertiginosamente... e non c'è Nina che tenga (completamente inefficace!)...salgono e basta... e il GW ha preso mezzo grado in due anni.

Se andiamo avanti così, altro che 6 gradi a secolo. Non serve dire altro


« Ultima modifica: Gennaio 26, 2017, 12:23:30 pm da Moderatore 4 » »



Cloover

  • Visitatore
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #1 il: Novembre 14, 2016, 11:17:18 pm »
Considera però che permane un feedback termodinamico, la curva di incremento termico planetario è al momento ancora  "dopata" dallo scorso Nino strong ..... Questo senza voler sminuire il GW    ;)

Offline ponente

  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 17222
  • Località: Pontedassio(IM) 80 Mt.
  • vortice polare disturbato ma non troppo..(per noi)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 4688
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #2 il: Novembre 14, 2016, 11:21:43 pm »
Ad occhio però siamo messi un po' meglio di due anni fà rispetto agli Usa..  e nn di poco!
 ;D
1)Meteorologia e climatologia fanno parte della stessa scienza ma sono due materie completamente differenti. 2) quelli dell'agw convinti, se la suonano e se la cantano un po' a piacimento, dice:piove di meno, no, piove di più ma in maniera diversa, fa freddo in maniera diversa, così come caldo, così come il vento, una tromba d'aria ..dice...chiamalo "climatechange"

Nix novariensis

  • Visitatore
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #3 il: Novembre 14, 2016, 11:23:39 pm »
Considera però che permane un feedback termodinamico, la curva di incremento termico planetario è al momento ancora  "dopata" dallo scorso Nino strong ..... Questo senza voler sminuire il GW    ;)

Questa è una buona osservazione. ;)
E' veramente l'ultimissimo (ma proprio ultimissimo) appiglio che ho per sperare che la situazione sia leggermente meno tragica di quella che appare. Monitoriamo... certo che se al prossimo Nino andiamo a +1 dal 2014 beh... non ci sarà più santo che tiene :(

Nix novariensis

  • Visitatore
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #4 il: Novembre 17, 2016, 12:41:18 pm »
Trovo che ormai le dinamiche siano veramente fini a sé stesse.
Siamo di fronte a un duplice problema:

1) Il VP ormai è sempre "monolobato"... se ci fate caso, o manca il lobo siberiano (più spesso) o manca quello canadese. Penso che a causa dell'apocalittica situazione in cui sta entrando l'Artide, ovvero la progressiva estinzione della massa glaciale, il VP si forma in modo "monco", ovvero con un dipolo ormai esasperato. Se prevale il lobo canadese, peraltro quasi sempre decetrato in Groenlandia, l'Europa finisce sotto il tiro di bollenti westerlies. Se prevale il lobo siberiano, un pochettino di freddo si forma sul continente, ma mancano le spinte dinamiche in Atlantico per portarlo qui. Si formano degli pseudoblocchi "mignon" che hanno la forza di una mosca

2) Il problema maggiore è che le anomalie calde stanno aumentando di anno in anno. L'estensione emisferica del freddo è sempre più ridotta e, di conseguenza, occorre sempre più energia per portare il freddo qui (che però viene a mancare - vedi punto 1).

Ormai gli episodi freddi sull'Italia stanno diventato sempre più rari e sempre più "faticosi"... sarà davvero un terno al lotto in futuro quello di riuscire a vedere roba che fino a pochi anni fa era normalissima.
In sostanza abbiamo: -un VP che si forma e funziona solo a metà, serbatoi freddi in grave carenza, anomalie calde sempre più forti ed estese a scapito di quelle fredde
Noi siamo qui a parlare di sfiga, contingenze sfavorevoli ecc. quando la causa del fatto che non fa freddo sappiamo che è sempre e solo una (l'AGW). Destinata ad aggravarsi sempre di più

Obiettivamente? Ma dove vogliamo andare?  :D :D :D
« Ultima modifica: Novembre 17, 2016, 12:58:51 pm da Nix novariensis » »

Offline Konrad66

  • Membro Onorario
  • ****
  • Bannato!
  • Post: 225
  • Località: MILANO e periferia nord est
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 30
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #5 il: Novembre 17, 2016, 02:32:29 pm »
Trovo che ormai le dinamiche siano veramente fini a sé stesse.
Siamo di fronte a un duplice problema:

1) Il VP ormai è sempre "monolobato"... se ci fate caso, o manca il lobo siberiano (più spesso) o manca quello canadese. Penso che a causa dell'apocalittica situazione in cui sta entrando l'Artide, ovvero la progressiva estinzione della massa glaciale, il VP si forma in modo "monco", ovvero con un dipolo ormai esasperato. Se prevale il lobo canadese, peraltro quasi sempre decetrato in Groenlandia, l'Europa finisce sotto il tiro di bollenti westerlies. Se prevale il lobo siberiano, un pochettino di freddo si forma sul continente, ma mancano le spinte dinamiche in Atlantico per portarlo qui. Si formano degli pseudoblocchi "mignon" che hanno la forza di una mosca

2) Il problema maggiore è che le anomalie calde stanno aumentando di anno in anno. L'estensione emisferica del freddo è sempre più ridotta e, di conseguenza, occorre sempre più energia per portare il freddo qui (che però viene a mancare - vedi punto 1).

Ormai gli episodi freddi sull'Italia stanno diventato sempre più rari e sempre più "faticosi"... sarà davvero un terno al lotto in futuro quello di riuscire a vedere roba che fino a pochi anni fa era normalissima.
In sostanza abbiamo: -un VP che si forma e funziona solo a metà, serbatoi freddi in grave carenza, anomalie calde sempre più forti ed estese a scapito di quelle fredde
Noi siamo qui a parlare di sfiga, contingenze sfavorevoli ecc. quando la causa del fatto che non fa freddo sappiamo che è sempre e solo una (l'AGW). Destinata ad aggravarsi sempre di più

Obiettivamente? Ma dove vogliamo andare?  :D :D :D

Quoto

Non capisco perchè chiamarlo Global Warming , quando è in atto un SUPERGLOBALWARMING

Assodato. Penso che sarà difficile anche vedere neve al di sopra dei 500mt in futuro, già dal prossimo non-inverno
e per neve intendo vera neve, non le spruzzatine di 0-5cm
TIFIAMO PER LA NEVE IN PIANURA. NON PUO' FARLA? ALLORA TIFIAMO PIOGGIA A OLTRANZA, TUTTI I MESI, TUTTI I GIORNI, TUTTI I MINUTI, PER SCONGIURARE LE DEVASTANTI SICCITA' COME QUELLE DEL 2017

Nix novariensis

  • Visitatore
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #6 il: Novembre 18, 2016, 09:33:48 pm »
Ecmwf è la dimostrazione di ciò che voglio dire. Blocco coi controcavoli paragonabile a quello di fine febbraio 2005. Risultato? La zero non valica le Alpi
E non dite che l'irruzione non è al culmine, perché con una configurazione così, con una staffilata artica, l'isoterma -10 dovrebbe essere almeno 1000 km più a sud... ma minimo minimo.
E invece ciò non succede perché dal Polo NON C'E' FREDDO a sufficienza da tirare giù



In passato con banalissime irruzioni polari marittime arrivava molto più freddo...novembre 2008 la -7 con un'irruzione polare marittima.
Novembre 2016 una zero con un'irruzione artica ficcante... tutto normale. Non dobbiamo mai più credere che la crisi artica sia positiva per i nostri inverni... non solo non è positiva, ma è deleteria




Nix novariensis

  • Visitatore
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #7 il: Novembre 19, 2016, 02:38:06 pm »
Guardo le carte e come primo impatto mi verrebbe da commentare: cavoli che sfiga. Prima una ripresa zonale troppo forte strozza lo scambio meridiano e lo spinge a est, poi l'HP viene completamente sfaldato e l'affondo successivo finisce in pieno Atlantico, con noi in mezzo sempre evitati dall'uno e dall'altro.

Poi però guardo le isoterme a 850 hpa degli "affondi" e dico: ma dove vogliamo andare? Tra un po' manco in Germania arriva la -5

Questo perché il problema principale è sempre il solito... emisfero bollente, poco freddo a disposizione, affondi completamente fiacchi anche dove colpiscono.
Chiudo wetterzentrale e trovo l'ennesima conferma che dal teorema dell'AGW non si scappa (freddo assente + sfiga configurativa perenne)... mi ricordo di essere negli anni "10", e me ne esco di casa.
E avanti così  ::)

Offline Porano444

  • Membro Senior
  • *****
  • Post: 380
  • Località: Porano ( TR )
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 82
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #8 il: Novembre 19, 2016, 04:01:47 pm »
Mi domando dove sia l'attinenza con le TLC.
Forse lamenti e pianti meteo sarebbe una giusta location.
Al netto delle considerazione enormemente discutibili
Giusto così per dire il megasupergwcheciuccideràtutti e che comunque ha generato un artico infuocato ma parimenti una Siberia nel frezer
Io parlerei sempre di configurazioni che veicolano il freddo più che di freddo in assoluto....
meglio star zitti e dar l'impressione di essere stupidi...che parlare e darne la conferma!!!( by la prof. d'Italiano al liceo....)

Moderatore 6

  • Visitatore
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #9 il: Novembre 19, 2016, 05:19:49 pm »
per cortesia, anche se di parere diametralmente opposti cerchiamo di mantenere un atteggiamento di rispetto reciproco.

buona continuazione

Nix novariensis

  • Visitatore
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #10 il: Novembre 19, 2016, 07:38:17 pm »
Ma io rispetto tutti, signor moderatore... non ho tirato in ballo nessuno. Sono le risposte a essere sempre piccate
Io faccio solo notare alcune cose di fondamentale importanza di cui non si può parlare in altri topic

Nix novariensis

  • Visitatore
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #11 il: Novembre 19, 2016, 07:43:30 pm »
Mi domando dove sia l'attinenza con le TLC.
Forse lamenti e pianti meteo sarebbe una giusta location.
Al netto delle considerazione enormemente discutibili
Giusto così per dire il megasupergwcheciuccideràtutti e che comunque ha generato un artico infuocato ma parimenti una Siberia nel frezer
Io parlerei sempre di configurazioni che veicolano il freddo più che di freddo in assoluto....

Non sono d'accordo, Maremma
Le configurazioni sono solo l'ultimo tassello che dobbiamo guardare. Prima di quelle c'è la disponibilità di freddo emisferica... una volta che i serbatoi sono a posto, allora è utile guardare le configurazioni. I modelli di stamane (ora a onor del vero non li ho guardati) erano la perfetta esemplificazione di cosa succede quando abbiamo le configurazioni giuste ma senza la materia prima: ovvero, anche in presenza di irruzioni, arriva pochissimo freddo. Anche se il Pisa è al massimo della forma, non potrà mai competere col Barcellona.

Poi faccio notare un'altra cosa... l'Artico ha delle anomalie spaventose molto più esagerate del sottomedia siberiano. Non c'è compensazione tra anomalie + e anomalie -.
Le anomalie positive a livello emisferico sono molto più vaste e intense di quelle negative e la bilancia continua sempre più a spostarsi verso il caldo.
Ecco cosa intendo quando parlo di "fatica climatica": per avere una blanda anomalia negativa in una certa zona, tutte quelle intorno devono andare a fuoco

Moderatore 6

  • Visitatore
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #12 il: Novembre 19, 2016, 07:59:13 pm »
Ma io rispetto tutti, signor moderatore... non ho tirato in ballo nessuno. Sono le risposte a essere sempre piccate
Io faccio solo notare alcune cose di fondamentale importanza di cui non si può parlare in altri topic

è un' avviso generalizzato affinché la discussione ( definiamola delicata ) non degeneri.

tutto qui, niente di personale.

buon proseguimento



Offline batstef

  • CSCT Team
  • ...
  • MD GROUP
  • *
  • Post: 8926
  • Località: Firenze-Isolotto
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 5285
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #13 il: Novembre 19, 2016, 11:33:10 pm »
questa però è, come da sottotitolo "una stanza a moderazione rigorosa relativa ad argomenti di carattere scientifico". Ora la scienza presuppone che si portino dati e/o studi ( non necessariamente propri  ;) ) e che si renda possibile il dibattito. Mi pare che qui manchino le prime due condizioni che rendono il tutto un monologo e, quindi, il dibattito impossibile persino ad uno come me che è assolutamente convinto del GW ( come TUTTI gli scienziati che pubblicano papers sulle variazioni stagionali, Cohen e la Francis ad esempio,  legate ai cambiamenti climatici ).
Quando il sottoscritto propone analisi personali con poco o  niente riscontro in letteratura, preferisce firmarsi come Mago Batstef e postare nel thread di analisi modellistica...proprio per rimarcare la caratteristica assolutamente "personalistica" e quindi poco propensa al dibattito  :D di tale "analisi".
Questo  per censurare niente e nessuno, ma semplicemente come "mozione d' ordine"  ;)
"La passione, la voglia di veder mia figlia ributolarsi nella neve con mia moglie....la voglia di veder tutti voi euforici, la giornata che scorre con cazzate eclatanti di alcuni di voi che, porca miseria vi considero amici e non mi verra' mai in mente una sola volta di scrivere, andate in c..o. vero dovrei stare zitto e bon o a leggervi..non ci riesco chiedo scusa"...Marco da Bucine

Nix novariensis

  • Visitatore
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #14 il: Novembre 20, 2016, 02:39:23 pm »
Purtroppo, dopo non aver ottenuto niente da questa fase di AO- (non avevo il minimo dubbio a onor del vero), avremo il ritorno a condizioni di AO+ sbilanciato verso la Groenlandia, per chissà quanto tempo. E così rischia anche buona parte di dicembre. Nulla di nuovo, già visto tutto  :-[ :'(

Offline Maxk

  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 2134
  • Località: Pietrasanta (LU)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 420
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #15 il: Novembre 20, 2016, 06:29:14 pm »
Ahime' concordo con Nix.
Sono anni che osservo le anomalie termiche a livello planetario e avolte mi chiedo se quei colori nelle carte che testimoniano di un Artico costantemente  "infuocato" siano un'errore di lettura.
Ovviamente e purtroppo non e' cosi'
Adesso non voglio creare polemiche sul concetto di "normalita" e/o cicli naturali ma mi piacerebbe se qualche esperto desse un'interpretazione a questo fenomeno.
In breve, perche' il GW si accanisce in particolare sul Polo Nord?
E' possibile un'inversione di tendenza nel breve/medio periodo?

grazie e saluti
Max
Abito a Pietrasanta
Appassionato di meteo sin da bambino
NEVOFILO convinto ad amante di ogni fenomeno meteo
Dimenticavo, odio le HP invadenti

Offline Giaguaro

  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 7237
  • Age: 37
  • Località: Pistoia (PT)
  • Pistoia
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 645
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #16 il: Novembre 20, 2016, 06:38:59 pm »
Probabilmente l'inizio di un arretramento dei record degli anni passati del polo sud potrebbe essere un primo indizio di un cambiamento generalizzato nella circolazione, ma non credo sia quello  di cui volete parlare in questo post, qui immagino si parli di morte e distruzione  :P
Il lavoro nobilita l'uomo, ma anche stare a casa ogni tanto non è delle peggio

Offline Konrad66

  • Membro Onorario
  • ****
  • Bannato!
  • Post: 225
  • Località: MILANO e periferia nord est
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 30
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #17 il: Novembre 20, 2016, 09:00:10 pm »
questa però è, come da sottotitolo "una stanza a moderazione rigorosa relativa ad argomenti di carattere scientifico". Ora la scienza presuppone che si portino dati e/o studi ( non necessariamente propri  ;) ) e che si renda possibile il dibattito. Mi pare che qui manchino le prime due condizioni che rendono il tutto un monologo e, quindi, il dibattito impossibile persino ad uno come me che è assolutamente convinto del GW ( come TUTTI gli scienziati che pubblicano papers sulle variazioni stagionali, Cohen e la Francis ad esempio,  legate ai cambiamenti climatici ).
Quando il sottoscritto propone analisi personali con poco o  niente riscontro in letteratura, preferisce firmarsi come Mago Batstef e postare nel thread di analisi modellistica...proprio per rimarcare la caratteristica assolutamente "personalistica" e quindi poco propensa al dibattito  :D di tale "analisi".
Questo  per censurare niente e nessuno, ma semplicemente come "mozione d' ordine"  ;)

Ma Nix i dati li ha portati.
Carte deterministe e non ipotesi sul lungo termine che sono ancora meno scientifiche, perchè troppo in là come tempistica.
e le ha confrontate con carte DI FATTO del passato, più scientifico di cosi'...
TIFIAMO PER LA NEVE IN PIANURA. NON PUO' FARLA? ALLORA TIFIAMO PIOGGIA A OLTRANZA, TUTTI I MESI, TUTTI I GIORNI, TUTTI I MINUTI, PER SCONGIURARE LE DEVASTANTI SICCITA' COME QUELLE DEL 2017

Offline Konrad66

  • Membro Onorario
  • ****
  • Bannato!
  • Post: 225
  • Località: MILANO e periferia nord est
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 30
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #18 il: Novembre 20, 2016, 09:10:23 pm »
per cortesia, anche se di parere diametralmente opposti cerchiamo di mantenere un atteggiamento di rispetto reciproco.

buona continuazione


Da parte mi il rispetto non è mai mancato e non penso ti riferivi a me ma in generale.

daltronde se io e Nix mai siamo stati bannati da qui, che scriviamo idee opposte al Cloover, significa che ci rispettiamo a vicenda,
e che la Moderazione funziona
TIFIAMO PER LA NEVE IN PIANURA. NON PUO' FARLA? ALLORA TIFIAMO PIOGGIA A OLTRANZA, TUTTI I MESI, TUTTI I GIORNI, TUTTI I MINUTI, PER SCONGIURARE LE DEVASTANTI SICCITA' COME QUELLE DEL 2017

Nix novariensis

  • Visitatore
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #19 il: Novembre 20, 2016, 10:58:24 pm »
Da parte mi il rispetto non è mai mancato e non penso ti riferivi a me ma in generale.

daltronde se io e Nix mai siamo stati bannati da qui, che scriviamo idee opposte al Cloover, significa che ci rispettiamo a vicenda,
e che la Moderazione funziona

Non scrivo idee opposte a Cloover... lui analizza la stratosfera che non entra in competizione con il monitoraggio del GW e dei problemi a esso legati. Combatto i vari minimizzatori più che altro  ;)

Offline batstef

  • CSCT Team
  • ...
  • MD GROUP
  • *
  • Post: 8926
  • Località: Firenze-Isolotto
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 5285
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #20 il: Novembre 20, 2016, 11:43:06 pm »
Ma Nix i dati li ha portati.
Carte deterministe e non ipotesi sul lungo termine che sono ancora meno scientifiche, perchè troppo in là come tempistica.
e le ha confrontate con carte DI FATTO del passato, più scientifico di cosi'...

quali dati ? anche io posto carte del passato che dimostrano ondate di caldo o di freddo in ogni stagione e in ogni periodo storico coperto dalle rianalisi. E so benissimo come funziona il GW.  Quando si afferma che il "teorema dell' AGW è freddo assente + sfiga configurativa perenne " concorderai con me che, in assenza di studi che indaghino e/o dimostrino il fenomeno ( quando ce ne sono decine che indagano possibili effetti contrari alle medie latitudini continentali senza negare di una virgola l' AGW ), diventa difficile continuare a discutere. A meno di non entrare in un trip di tipo mistico/religioso per il quale "sarà difficile anche vedere neve al di sopra dei 500mt in futuro, già dal prossimo non-inverno " ( sempre in assenza di qualunque tentativo di analisi più o meno affidabile ).
Buona continuazione.
Comunque adesso il thread ha la sua giusta collocazione, accanto ai meteodeliri  del Mago Batstef  :D
"La passione, la voglia di veder mia figlia ributolarsi nella neve con mia moglie....la voglia di veder tutti voi euforici, la giornata che scorre con cazzate eclatanti di alcuni di voi che, porca miseria vi considero amici e non mi verra' mai in mente una sola volta di scrivere, andate in c..o. vero dovrei stare zitto e bon o a leggervi..non ci riesco chiedo scusa"...Marco da Bucine

Offline Giaguaro

  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 7237
  • Age: 37
  • Località: Pistoia (PT)
  • Pistoia
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 645
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #21 il: Novembre 21, 2016, 12:15:54 am »
Io ringrazio il gw, prima del 98 ho visto nevicare 2 volte in 20 anni, dopo è nevicato un inverno si uno no  ;D
Il lavoro nobilita l'uomo, ma anche stare a casa ogni tanto non è delle peggio

Nix novariensis

  • Visitatore
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #22 il: Novembre 21, 2016, 01:53:04 am »
quali dati ? anche io posto carte del passato che dimostrano ondate di caldo o di freddo in ogni stagione e in ogni periodo storico coperto dalle rianalisi. E so benissimo come funziona il GW.  Quando si afferma che il "teorema dell' AGW è freddo assente + sfiga configurativa perenne " concorderai con me che, in assenza di studi che indaghino e/o dimostrino il fenomeno ( quando ce ne sono decine che indagano possibili effetti contrari alle medie latitudini continentali senza negare di una virgola l' AGW ), diventa difficile continuare a discutere. A meno di non entrare in un trip di tipo mistico/religioso per il quale "sarà difficile anche vedere neve al di sopra dei 500mt in futuro, già dal prossimo non-inverno " ( sempre in assenza di qualunque tentativo di analisi più o meno affidabile ).
Buona continuazione.
Comunque adesso il thread ha la sua giusta collocazione, accanto ai meteodeliri  del Mago Batstef  :D

Che dati devo postare? Dimmelo tu... rapporto Ipcc (che è LA SCIENZA sul clima) dati Noaa, Metoffice...non so, dimmelo tu. Ma posterei roba straconosciuta e straconclamata dai fatti
E non mi serve aprire un account con nome mago Nix perché purtroppo non faccio altro che farvi notare effetti reali di cause reali

Nix novariensis

  • Visitatore
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #23 il: Novembre 21, 2016, 02:21:49 am »
Aggiungo. Da tre anni (e il quarto è iniziato allo stesso modo) sta facendo schifezze inenarrabili. Il caldo stradomina e anche quelle rare situazioni promettenti sfumano tutte per un motivo o per un altro o per un altro ancora.
Ora che tutto sembrava predisporsi bene per un'irruzione, sfuma anche questa...  credete davvero che sia semplicemente sfortuna? NO, io alle favole non credo più. Sarà un mio difetto, si capisce

Offline Buriano84

  • MD GROUP
  • ******
  • Bannato!
  • Post: 9869
  • 7 km a NE della citta' di Siena..Chianti ridente
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 774
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #24 il: Novembre 21, 2016, 03:53:07 am »
Ci potrebbe anche essere un certo interesse da parte di poteri forti a far apparire 10 quello che in realtà è 4 o 5 e ciò non significa negare il surriscaldamento casomai avere un certo scetticismo sul fatto che sia antropico... ::)
Comunque molto spesso ti vedo postare dati globali e poi confrontarli con il piccolo orticello italico ed allora mi pare giusto come già fatto notare da Giaguaro dirvi che in Toscana o meglio a Siena dal 2004 al 2013 è nevicato con le stesse medie annue degli anni'80,molto più che negli anni'90 e pure degli anni'70...inferiore soltanto agli anni'00/'20 e '40 e '60 del secolo scorso anche se mediamente gli inverni sono stati un pochino più caldi anche degli anni'90....
Io di Siena so tutto dal 1839 ad oggi....delle vostre zone del NW...no, però RIPETO per il mio orticello non mi insegna niente nessuno e ti garantisco al 100% che nel periodo globale più freddo del secolo scorso ovvero il ventennio che và dal 1958 al 1981 ci sono stati gli anni'60 ricchi di gelo,incursioni polari con i controfiocchi e tanta neve media caduta nel trimestre invernale...negli anni'70 ha fatto schifo con medie nivometriche maggiori soltanto agli anni'90 e 6 inverni su 10 trascorsi miti e piovigginosi(perché qua con l'Atlantico puro oltre a fare poco freddo piove pure poco :D).
Dal 2004 al 2013 abbiamo avuto 2 signori inverni che rientrano sia per freddo duraturo sia  per epidodi nevosi fra i migliori 20 dal 1900 ovvero il 2004/05 e 2005/06,poi abbiamo avuto degli eccellenti inverni che avrebbero fatto la sua figura anche negli anni'40 o '60 del '900 come il 2009/10-2011/12 e 2012/13 ed infine degli inverni discreti direi un pochino meglio che normali ovvero il  2003/04-2008/09 e 2010/11 e se pur secco anche il 2001/02 e 2002/03 non furono male per niente...quindi come vedi oltre agli 3 ci sono di schifosi soltanto il 2006/07 e 2007/08.....sempre parlando a livello ORTICELLISTICO non mi pare un cambiamento epocale così tragico anzi rispetto agli anni'90 un netto miglioramento... ;D
Dal 2013 ad oggi fa schifo nessuno lo nega ma per quanto mi riguarda potrebbe essere tranquillamente un ciclo come fù il 1987/90 o il 1992/95...
 ;)
IL FEBBRAIO 2012????SICURAMENTE IL PIU' GRANDE EVENTO DAL 1985!!!!!!

Offline Konrad66

  • Membro Onorario
  • ****
  • Bannato!
  • Post: 225
  • Località: MILANO e periferia nord est
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 30
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #25 il: Novembre 21, 2016, 04:34:05 am »
Ci potrebbe anche essere un certo interesse da parte di poteri forti a far apparire 10 quello che in realtà è 4 o 5 e ciò non significa negare il surriscaldamento casomai avere un certo scetticismo sul fatto che sia antropico... ::)
Comunque molto spesso ti vedo postare dati globali e poi confrontarli con il piccolo orticello italico ed allora mi pare giusto come già fatto notare da Giaguaro dirvi che in Toscana o meglio a Siena dal 2004 al 2013 è nevicato con le stesse medie annue degli anni'80,molto più che negli anni'90 e pure degli anni'70...inferiore soltanto agli anni'00/'20 e '40 e '60 del secolo scorso anche se mediamente gli inverni sono stati un pochino più caldi anche degli anni'90....
Io di Siena so tutto dal 1839 ad oggi....delle vostre zone del NW...no, però RIPETO per il mio orticello non mi insegna niente nessuno e ti garantisco al 100% che nel periodo globale più freddo del secolo scorso ovvero il ventennio che và dal 1958 al 1981 ci sono stati gli anni'60 ricchi di gelo,incursioni polari con i controfiocchi e tanta neve media caduta nel trimestre invernale...negli anni'70 ha fatto schifo con medie nivometriche maggiori soltanto agli anni'90 e 6 inverni su 10 trascorsi miti e piovigginosi(perché qua con l'Atlantico puro oltre a fare poco freddo piove pure poco :D).
Dal 2004 al 2013 abbiamo avuto 2 signori inverni che rientrano sia per freddo duraturo sia  per epidodi nevosi fra i migliori 20 dal 1900 ovvero il 2004/05 e 2005/06,poi abbiamo avuto degli eccellenti inverni che avrebbero fatto la sua figura anche negli anni'40 o '60 del '900 come il 2009/10-2011/12 e 2012/13 ed infine degli inverni discreti direi un pochino meglio che normali ovvero il  2003/04-2008/09 e 2010/11 e se pur secco anche il 2001/02 e 2002/03 non furono male per niente...quindi come vedi oltre agli 3 ci sono di schifosi soltanto il 2006/07 e 2007/08.....sempre parlando a livello ORTICELLISTICO non mi pare un cambiamento epocale così tragico anzi rispetto agli anni'90 un netto miglioramento... ;D
Dal 2013 ad oggi fa schifo nessuno lo nega ma per quanto mi riguarda potrebbe essere tranquillamente un ciclo come fù il 1987/90 o il 1992/95...
 ;)

Ma anche qui dal 2005 al 2013 ha nevicato in maniera simile, come cm caduti, alla norma vera 61-1990.
La differenza è che non ha fatto le stesse medie termiche. Anche un arido come neve 89-90, è stato sempre piu freddo
di un 2006/7 o 2007/8.

Ma attenzione che è proprio il GW, che sia antropico o naturale non cambia, potrebbe essere la possibile ciambella di salvataggio di Cloover nel caso sbagliasse.
Perchè appunto lui ha studiato e poi proposto indici e outlook validi che senza il GW, sarebbero potuti accadere veramente.

Quel "qualcosa è andato storto" che per forza c'è sempre quando si sbaglia, un errore alla base c'è sempre, potrebbe essere non causa sua,
ma del GW

E'scientifico anche la mia paura che sarà difficile che nevichi sotto i 500mt in avanti, perchè se a pari configurazioni, entra meno freddo, è
ovvio che la quota media neve si alza. E che quindi la "milano a 100mt" del 2013 si sposterebbe a 600mt di quota. A pari configurazione
TIFIAMO PER LA NEVE IN PIANURA. NON PUO' FARLA? ALLORA TIFIAMO PIOGGIA A OLTRANZA, TUTTI I MESI, TUTTI I GIORNI, TUTTI I MINUTI, PER SCONGIURARE LE DEVASTANTI SICCITA' COME QUELLE DEL 2017

Offline Maxk

  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 2134
  • Località: Pietrasanta (LU)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 420
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #26 il: Novembre 21, 2016, 08:44:30 am »
Suvvia ragazzi, non diciamolo neppure per scherzo
Un'innalzamento della quota media delle nevicate a 500mt implicherebbe un'aumento delle temp. medie di 4-5 gradi.
Anche fosse la meta' porterebbe ad uno sconvolgimento ambientale rilevante.
Aspettiamo e speriamo di vedere il termine di questo ciclo "sfavorevole" per le nostre lande.

Sugli episodi nevosi verificatesi nei due anni consecutivi a Dicembre, 2009/2010 che qualcuno qua tanto sbandiera trionfalmente, vorrei ricordare che furono eccezionali per i risvolti nevosi di pianura ma non certo da annoverare ,in ambito temporale e/o di temperature, come ondate di freddo storiche .
Ben diverso l'evento indimenticabile del Febbraio 2012 che per estenzione ed effetti su alcune zone d'Italia rimane come una delle incursione fredde piu' esileranti degli ultimi 100 anni
Da li in poi.......il NULLA

bye
Max
Abito a Pietrasanta
Appassionato di meteo sin da bambino
NEVOFILO convinto ad amante di ogni fenomeno meteo
Dimenticavo, odio le HP invadenti

Offline oldstylewinter

  • Grande Ufficiale
  • *
  • Post: 25278
  • Località: Zona Querceta, Versilia (LU)
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 4896
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #27 il: Novembre 21, 2016, 11:08:48 am »
Suvvia ragazzi, non diciamolo neppure per scherzo
Un'innalzamento della quota media delle nevicate a 500mt implicherebbe un'aumento delle temp. medie di 4-5 gradi.
Anche fosse la meta' porterebbe ad uno sconvolgimento ambientale rilevante.
Aspettiamo e speriamo di vedere il termine di questo ciclo "sfavorevole" per le nostre lande.

Sugli episodi nevosi verificatesi nei due anni consecutivi a Dicembre, 2009/2010 che qualcuno qua tanto sbandiera trionfalmente, vorrei ricordare che furono eccezionali per i risvolti nevosi di pianura ma non certo da annoverare ,in ambito temporale e/o di temperature, come ondate di freddo storiche .
Ben diverso l'evento indimenticabile del Febbraio 2012 che per estenzione ed effetti su alcune zone d'Italia rimane come una delle incursione fredde piu' esileranti degli ultimi 100 anni
Da li in poi.......il NULLA

bye
Max

Be,il 2012-2013 dalla bassa montagna in su è stato epico e normale da noi. Già un inverno così sarebbe  da firmare col sangue.
 :)
PENSI DI AVER VISTO IL PEGGIO? PRIMA O POI TI RICREDERAI.

Offline valvenegia

  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 9151
  • Age: 45
  • Località: SAN DONATO LUCCA
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 2789
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #28 il: Novembre 21, 2016, 11:55:40 am »
Be,il 2012-2013 dalla bassa montagna in su è stato epico e normale da noi. Già un inverno così sarebbe  da firmare col sangue.
 :)
il più bell'inverno,e per INTERO degli ultimi anni ;)
tre volte la dama  :P magari tornasse quest'anno ;)
stefano

Offline Konrad66

  • Membro Onorario
  • ****
  • Bannato!
  • Post: 225
  • Località: MILANO e periferia nord est
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 30
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #29 il: Novembre 21, 2016, 01:56:37 pm »
Suvvia ragazzi, non diciamolo neppure per scherzo
Un'innalzamento della quota media delle nevicate a 500mt implicherebbe un'aumento delle temp. medie di 4-5 gradi.
Anche fosse la meta' porterebbe ad uno sconvolgimento ambientale rilevante.
Aspettiamo e speriamo di vedere il termine di questo ciclo "sfavorevole" per le nostre lande.

Sugli episodi nevosi verificatesi nei due anni consecutivi a Dicembre, 2009/2010 che qualcuno qua tanto sbandiera trionfalmente, vorrei ricordare che furono eccezionali per i risvolti nevosi di pianura ma non certo da annoverare ,in ambito temporale e/o di temperature, come ondate di freddo storiche .
Ben diverso l'evento indimenticabile del Febbraio 2012 che per estenzione ed effetti su alcune zone d'Italia rimane come una delle incursione fredde piu' esileranti degli ultimi 100 anni
Da li in poi.......il NULLA

bye
Max

Intendo al NW italiano. Ne basta 1° di aumento per far slittare di 500mt il limite quota neve 0° (non calcolo le nevicate bagnate a +1+2+3 etc)
Con il cuscino, al NW il gradiente durante le nevicate non è 1° ogni 100mt, a volte è 0.2 ogni 100mt ,quindi un aumento medio ulteriore di 1°, SOLO AL NW farebbe salire di 500mt mediamente la quota neve

Ma attenzione che i 4-5° di aumento entro il 2060 non è campato in aria, visto che al vertice di Parigi, si "tenta di limitarlo entro 2°" che sono già un enormita', aggiunto al 1° gia aumentato rispetto la norma
TIFIAMO PER LA NEVE IN PIANURA. NON PUO' FARLA? ALLORA TIFIAMO PIOGGIA A OLTRANZA, TUTTI I MESI, TUTTI I GIORNI, TUTTI I MINUTI, PER SCONGIURARE LE DEVASTANTI SICCITA' COME QUELLE DEL 2017

Nix novariensis

  • Visitatore
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #30 il: Novembre 21, 2016, 02:09:17 pm »
Gli anni '90 furono sfigati solo localmente e solo dal punto di vista di precipitazioni e neve. Per motivi configurativi nevicava poco, ma faceva più freddo sia a livello locale che a livello globale.
Come mitezza il periodo 2014/16 non ha precedenti né a livello locale, né a livello globale... e non solo come inverno, ma come intera annata.
Se hai a disposizione un elevato numero di carte e peschi sempre quella che volge al record di caldo o comunque al forte sopramedia, non è sfiga, non è un ciclo... è un nuovo equilibrio che è andato a "truccare e carte" rendendo frequenti se non scontati fenomeni che un tempo erano isolati o addirittura assenti

Tradotto in termini climatici, se in tre inverni hai 3-4 irruzioni in croce (che dovrebbe fare in un inverno normale e pure di quelli miti) il motivo non è certamente legato ai tasselli teleconnettivi che sfumano all'ultimo momento. Per avere la -5 su di noi non si dovrebbero sudare sette camicie... dovrebbe arrivare con una facilità disarmante, perché  sempre appartenuta al nostro clima ed è sempre entrata almeno 5-6 volte (e penso pure di sottostimare) ogni inverno

Nix novariensis

  • Visitatore
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #31 il: Novembre 21, 2016, 02:13:08 pm »
Adesso per un inverno 1991-92, per dirne uno, ci sarebbe da pregare in aramaico...altrochè

Offline Buriano84

  • MD GROUP
  • ******
  • Bannato!
  • Post: 9869
  • 7 km a NE della citta' di Siena..Chianti ridente
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 774
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #32 il: Novembre 21, 2016, 02:18:28 pm »
Suvvia ragazzi, non diciamolo neppure per scherzo
Un'innalzamento della quota media delle nevicate a 500mt implicherebbe un'aumento delle temp. medie di 4-5 gradi.
Anche fosse la meta' porterebbe ad uno sconvolgimento ambientale rilevante.
Aspettiamo e speriamo di vedere il termine di questo ciclo "sfavorevole" per le nostre lande.

Sugli episodi nevosi verificatesi nei due anni consecutivi a Dicembre, 2009/2010 che qualcuno qua tanto sbandiera trionfalmente, vorrei ricordare che furono eccezionali per i risvolti nevosi di pianura ma non certo da annoverare ,in ambito temporale e/o di temperature, come ondate di freddo storiche .
Ben diverso l'evento indimenticabile del Febbraio 2012 che per estenzione ed effetti su alcune zone d'Italia rimane come una delle incursione fredde piu' esileranti degli ultimi 100 anni
Da li in poi.......il NULLA

bye
Max
;D ;D ;D
Apparte che io parlavo non solo del 2009 e 2010 ma anche del 2004 e 2005 che non appartengono a 100 anni fa mo solo a 12 e 11 anni fa.... ;)
Ti dico caro Maxk....che nel 2005 dal 18 Gennaio al 14 Marzo l'Italia rimase sempre sottomedia termica con fasi gelide e storiche per il periodo come la Burianata dei primi di Marzo ad esempio...nel 2005-06 idem fece freddo per 3 mesi a fila...e se poi si considera normale una cosa storica coem tu stesso hai ammesso ovvero un Febbraio 2012...quando avrà come tempi di ritorno minimo 10-15 anni beh.... ::)
IL FEBBRAIO 2012????SICURAMENTE IL PIU' GRANDE EVENTO DAL 1985!!!!!!

Offline Buriano84

  • MD GROUP
  • ******
  • Bannato!
  • Post: 9869
  • 7 km a NE della citta' di Siena..Chianti ridente
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 774
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #33 il: Novembre 21, 2016, 02:20:43 pm »
Adesso per un inverno 1991-92, per dirne uno, ci sarebbe da pregare in aramaico...altrochè
beh...dipende...fù freddo cosesto inverno ma secchissimo....con le montagne che dal medio Appennino in su erano senza neve del tutto....
Io preferisco di gran lunga un 2013-14 o 2015-16 almeno pioveva... 8)
Io per codesto inverno non prego in nessuna lingua.... ;)
IL FEBBRAIO 2012????SICURAMENTE IL PIU' GRANDE EVENTO DAL 1985!!!!!!

Nix novariensis

  • Visitatore
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #34 il: Novembre 21, 2016, 02:31:23 pm »
beh...dipende...fù freddo cosesto inverno ma secchissimo....con le montagne che dal medio Appennino in su erano senza neve del tutto....
Io preferisco di gran lunga un 2013-14 o 2015-16 almeno pioveva... 8)
Io per codesto inverno non prego in nessuna lingua.... ;)

Per i tuoi gusti puoi preferire anche un 2006-07 a un 1708-09, nessuno lo può contestare ;)
Il 1991-92 almeno fu freddo mentre il 2013-14 dal punto di vista termico è stato oltremodo sfasato

In questo topic non parlo di precipitazioni, ma di temperature... del resto, siamo di fronte a un GW e non a un GD (global drying)
E poi la similitudine è presto fatta... quale fu un inverno interamente atlantico, con accumuli esagerati sulle Alpi? Il 1950-51... stesso identico pattern del 2013-14, ma più freddo di oltre 2 gradi medi quantomeno qui... e molto più freddo a livello globale, senza artico a +10 +15 dalla media :)
Non si scappa da qualunque lato lo si guardi

Offline Buriano84

  • MD GROUP
  • ******
  • Bannato!
  • Post: 9869
  • 7 km a NE della citta' di Siena..Chianti ridente
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 774
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #35 il: Novembre 21, 2016, 03:10:47 pm »
Gli anni '90 furono sfigati solo localmente e solo dal punto di vista di precipitazioni e neve. Per motivi configurativi nevicava poco, ma faceva più freddo sia a livello locale che a livello globale.
Come mitezza il periodo 2014/16 non ha precedenti né a livello locale, né a livello globale... e non solo come inverno, ma come intera annata.
Se hai a disposizione un elevato numero di carte e peschi sempre quella che volge al record di caldo o comunque al forte sopramedia, non è sfiga, non è un ciclo... è un nuovo equilibrio che è andato a "truccare e carte" rendendo frequenti se non scontati fenomeni che un tempo erano isolati o addirittura assenti

Tradotto in termini climatici, se in tre inverni hai 3-4 irruzioni in croce (che dovrebbe fare in un inverno normale e pure di quelli miti) il motivo non è certamente legato ai tasselli teleconnettivi che sfumano all'ultimo momento. Per avere la -5 su di noi non si dovrebbero sudare sette camicie... dovrebbe arrivare con una facilità disarmante, perché  sempre appartenuta al nostro clima ed è sempre entrata almeno 5-6 volte (e penso pure di sottostimare) ogni inverno
A livello locale....da me gli anni più caldi sono stati e non parlo di inverno ma di annata il 2000-2001 e 2011....gli ultimi 3 anni pur se sopramedia non hanno toccato quei picchi...e ripeto è una cosa localizzatissima ma comunque non sono il solo.... per esempio... :D
Ora non ho sottomano i dati per comunque ricordo bene che almeno dal 1991 per adesso il 2006-07 rimane imbattibile anche in confronto al 2013/14 o 2015/16 sempre prendendo in esame i 3 mesi....
Ora comunque devo uscire....stasera ti spiego meglio...
IL FEBBRAIO 2012????SICURAMENTE IL PIU' GRANDE EVENTO DAL 1985!!!!!!

Offline EastCoast

  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 581
  • Località: Abruzzo, Casalincontrada (CH) 333 s.l.m.
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 737
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #36 il: Novembre 21, 2016, 05:32:37 pm »
Buonasera a tutti,
sarebbe interessante, qualora possibile, conoscere/stimare la quota parte del GW derivante da attività umana rispetto quanto derivi da naturali fenomeni ciclici planetari.

Avevo letto in altri recenti topic (chiedo conferma esperti) che l'elevata riduzione ghiacci, spessore ed estensione, abbia di fatto messo in crisi compatezza VPS sin dalla sua formazione e in parte anche la correlazione di Coehn su successivo snow cover.

Sembra (chiedo sempre conferma a chi è in grado di comprendere scientificamente tali fenomeni) che negli ultimi trenta anni, circa, per aver episodi "veri" inverni sui reciproci "orticelli" alle nostre latitudini, ci si debba "aggrappare e tifare per spasmi del malato" (VPS e stratosfera), più che a normali, seppur ciclici, eventi di configurazioni che consentano tali intrusioni.   

Ritengo che l'analisi dei singole stagioni siano piuttosto fuorvianti, data anche la presenza di estremizzazione dei fenomeni da scontro masse aria e acqua sempre più contrastanti (Febbraio 2012). In tal senso sarebbe forse più indicativo analizzare temperature medie invernali, in diverse località nostre laditudini, con intervalli lunghi e regolari esempio trent'anni 1955-1985 su 1986-2016 per verificarne l'effettivo riscaldamento.

Nix novariensis

  • Visitatore
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #37 il: Novembre 21, 2016, 08:21:36 pm »
Basta chiedere :P
Ecco estrapolato lo studio dall'ultimo rapporto IPCC sul peso delle varie forzanti


Per quanto possa sembrare strano a molti, sono il primo a dire che a mio avviso la forzante solare è stata sottostimata (non ho prove; è una sensazione). Detto ciò, la componente antropica è di gran lunga quella predominante... di gran lunga proprio ;)

Nix novariensis

  • Visitatore
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #38 il: Novembre 21, 2016, 08:25:03 pm »
La Natura "ha smesso di funzionare" negli anni '80

Offline Buriano84

  • MD GROUP
  • ******
  • Bannato!
  • Post: 9869
  • 7 km a NE della citta' di Siena..Chianti ridente
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 774
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #39 il: Novembre 22, 2016, 01:48:41 am »
A livello locale....da me gli anni più caldi sono stati e non parlo di inverno ma di annata il 2000-2001 e 2011....gli ultimi 3 anni pur se sopramedia non hanno toccato quei picchi...e ripeto è una cosa localizzatissima ma comunque non sono il solo.... per esempio... :D
Ora non ho sottomano i dati per comunque ricordo bene che almeno dal 1991 per adesso il 2006-07 rimane imbattibile anche in confronto al 2013/14 o 2015/16 sempre prendendo in esame i 3 mesi....
Ora comunque devo uscire....stasera ti spiego meglio...
Allora...sul discorso GW mondiale non sono molto ferrato,leggo guardo i grafici e pubblicazioni ma non mi metto certo a disquisire su un argomento così delicato e ricco di controversie a livello scientifico,tanto che i pareri sono molto discordanti e non sono certo io ma forse nessuno qua dentro a poter intavolare una discussione di così ampio calibro....
Detto ciò qualcosa o almeno la mia opinione su alcune cose molto più terra terra la posso pure dire:
1)Credo poco alle anomalie positive sul terreno italiano che ogni anno vengono fuori così come funghi...e non fraintendetemi non nego che queste ci possano essere,dubito fortemente sull'entità delle stesse;mi spiego meglio a mio modo di vedere tante ,troppe stazioni non sono a norma OMM oggi e a maggior ragione non lo erano ieri e questo non può non sfalsare una corretta osservazione dei dati,specie nelle grandi città vedere sempre questi perenni +1/+2C dalle medie 1961-90 con delle ubicazioni fasulle con contorni cementificati cambiati al 100% anche solo rispetto a 30 o 40 anni fa non può condizionare certe rilevazioni...addirittura nei casi come ad esempio per Torino ma di recente ho scoperto che anche la mia città ha una delle serie meteo più lunghe d'Italia quando si confrontano le temperature attuali con quelle del secolo scorso dove oltre all'ambiente esterno si è modificato anche la strumentazione e questa è una cosa talmente banale che anche il più ignorante del meteoamatore può verificare se confronta le temperature di una stazione moderna elettronica messa a norma con un vecchio termometro a mercurio in capannina.. 
Non a caso lessi tempo fa su un altro autorevole portale che le medie 1981-10 sono ovunque più calde in Italia rispetto alle 61-90 ma mentre nelle stazioni di città tale aumento è vorticoso,in quelle di campagna è molto più blando...io essendo un meteoamatore fanatico di annovero dati e statistica possa dire la mia sul mio piccolo orticello dato che possiedo una stazione in aperta campagna dal 1991 così come oggi nel 2016 senza che nessun fattore esterno ne abbia modificato il circondario oggi come 25 anni fa e per il decennio 1991-2000 ho avuto ad esempio TEMPERATURE MEDIE ANNUE DI +13,4C mentre sia che prenda l'ultimo decennio dal 2006 al 2015 sia che prenda i 6 anni dal 2010 al 2015 la TEMPERATURA MEDIA ANNUALE E' DI +13,9C quindi ho avuto si uno scarto di mezzo grado ma non i +1/+2 ed anche +2,5C che si leggono nelle varie città italiane....credo sia un piccolo esempio di una micro relatà locale che però qualcosa possa dire.. ;)
Addirittura se poi analizzo le singole stagioni per la mia stazione le temperature medie invernali dal 2004 al 2013 sono state più basse che dal 1991 al 2000 mentre ad esempio per la città di Siena questo non avviene...e ripeto non nego il surriscaldamento ,contesto alcuni metodi poco scientifici per appurare la reale entità... ::)
Un altro fattore che mi fa un po' essere scettico e vedere ad esempio il CNR a livello italiano mettere quasi sempre delle anomalie positive per ogni mese,faccio l'esempio ultimo dello scorso mese di Ottobre dove comunque metteva la Toscana sotto il segno rosso mentre ad esempio io ho chiuso in perfetta media 1981-2010 e solo 0,1C sopra la media 1961-90 ma direte voi...tu cosa conti in un minuscolo paesino immerso nel Chianti...ed infatti ,il problema è che anche il Lamma Regione Toscana il nostro ente regionale ben più preciso almeno a livello locale del nazionale CNR ha fatto notare che lo scorso mese di Ottobre ha chiuso o in media o sottomedia con l'unica eccezione della Versilia.... ;)
Mi domando quindi perché?Cosa c'è dietro?Perchè non potrebbe essere la stessa cosa a livello mondiale?
2)Sino a 2 anni fa i dati satellitari mondiali facevano vedere che dopo il picco del 1998 le temperature mondiali erano invariate non in continua ascesa ,ora certo c'è stato il poderoso Nino dell'anno scorso e qualcosa è cambiato ma secondo le vostre tesi questo è un processo che ha inizio dagli anni'80...i ghiacci dell'Artico sono in diminuizione da decenni ma quelli dell'Antartico sino a 2 anni fa erano costanti se non in ascesa....ripeto non ho verità in tasca ma tante ,troppe cose sul AGW e sull'IPCC non mi quadrano...e se ti informi in giro non sono soltanto io povero meteoamatore ma ci sono fior fiore di scenziati che sono scettici almeno sulla causa antropica e magari collegano la cosa al sole che nel prossimo futuro dovrebbe diminuire la propria potenza.... ;)
3)Torno più su un livello soggettivo e locale....anche ammesso e non concesso che abbiate ragione voi lo avete detto voi stessi che dal 2004 al 2013 anche nelle vostre zone le nevicate erano tornate sui livelli delle medie 1961-90 ad inizio topic...eppure il processo era già iniziato,quindi anche se facesse più caldo magari potrebbe aumentare la dinamicità....dopotutto il clima sulla terra è sempre cambiato e storicamente non è il caldo a fare paura e bloccare il progresso dell'umanità ma il freddo e le glaciazioni quindi dove sarebbe il tormento?Magari potrebbe essere pure meglio il clima del futuro sulla terra,già ad esempio almeno qua da me negli ultimi 10 anni la pluviometria è aumentata su livelli mai toccati dal 1839 ad oggi.....farà meno freddo ma piove di più...
Io personalmente ,ripeto PUR NON NEGANDO L'AUMENTO DELLE TEMPERATURE GLOBALI,CASOMAI L'ENTITA', continuo a pensare che sia un ciclo..e magari già nei prossimi 2-3 anni con il nuovo minimo solare potremmo tornare a vedere temperature globali più normali ed eventi invernali italici almeno come quelli dal 2004 al 2013...dopotutto sono 3 inverni che fa caldo e non nevica...era già risuccesso prima ed anche se voi dite che l'ultima mitezza invernale non ha precedenti comunque c'erano già stati periodi così o simili,io discorsi come i vostri li sentivo già negli anni'90 e primi '00...poi qualcosa è successo ed ha smentito tutti...perché non potrebbe accadere di nuovo?
P.S
Sulle temperature vostre in pianura la Nord influisce anche la diminuizione delle nebbie inquinanti dagli anni'80 in poi...e quello è un bene non un male per l'aria che respirate.....
IL FEBBRAIO 2012????SICURAMENTE IL PIU' GRANDE EVENTO DAL 1985!!!!!!

Nix novariensis

  • Visitatore
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #40 il: Novembre 22, 2016, 03:35:39 pm »

1)Credo poco alle anomalie positive sul terreno italiano che ogni anno vengono fuori così come funghi...e non fraintendetemi non nego che queste ci possano essere,dubito fortemente sull'entità delle stesse;mi spiego meglio a mio modo di vedere tante ,troppe stazioni non sono a norma OMM oggi e a maggior ragione non lo erano ieri e questo non può non sfalsare una corretta osservazione dei dati,specie nelle grandi città vedere sempre questi perenni +1/+2C dalle medie 1961-90 con delle ubicazioni fasulle con contorni cementificati cambiati al 100% anche solo rispetto a 30 o 40 anni fa non può condizionare certe rilevazioni...addirittura nei casi come ad esempio per Torino ma di recente ho scoperto che anche la mia città ha una delle serie meteo più lunghe d'Italia quando si confrontano le temperature attuali con quelle del secolo scorso dove oltre all'ambiente esterno si è modificato anche la strumentazione e questa è una cosa talmente banale che anche il più ignorante del meteoamatore può verificare se confronta le temperature di una stazione moderna elettronica messa a norma con un vecchio termometro a mercurio in capannina.. 
Non a caso lessi tempo fa su un altro autorevole portale che le medie 1981-10 sono ovunque più calde in Italia rispetto alle 61-90 ma mentre nelle stazioni di città tale aumento è vorticoso,in quelle di campagna è molto più blando...io essendo un meteoamatore fanatico di annovero dati e statistica possa dire la mia sul mio piccolo orticello dato che possiedo una stazione in aperta campagna dal 1991 così come oggi nel 2016 senza che nessun fattore esterno ne abbia modificato il circondario oggi come 25 anni fa e per il decennio 1991-2000 ho avuto ad esempio TEMPERATURE MEDIE ANNUE DI +13,4C mentre sia che prenda l'ultimo decennio dal 2006 al 2015 sia che prenda i 6 anni dal 2010 al 2015 la TEMPERATURA MEDIA ANNUALE E' DI +13,9C quindi ho avuto si uno scarto di mezzo grado ma non i +1/+2 ed anche +2,5C che si leggono nelle varie città italiane....credo sia un piccolo esempio di una micro relatà locale che però qualcosa possa dire.. ;)
Addirittura se poi analizzo le singole stagioni per la mia stazione le temperature medie invernali dal 2004 al 2013 sono state più basse che dal 1991 al 2000 mentre ad esempio per la città di Siena questo non avviene...e ripeto non nego il surriscaldamento ,contesto alcuni metodi poco scientifici per appurare la reale entità... ::)
Un altro fattore che mi fa un po' essere scettico e vedere ad esempio il CNR a livello italiano mettere quasi sempre delle anomalie positive per ogni mese,faccio l'esempio ultimo dello scorso mese di Ottobre dove comunque metteva la Toscana sotto il segno rosso mentre ad esempio io ho chiuso in perfetta media 1981-2010 e solo 0,1C sopra la media 1961-90 ma direte voi...tu cosa conti in un minuscolo paesino immerso nel Chianti...ed infatti ,il problema è che anche il Lamma Regione Toscana il nostro ente regionale ben più preciso almeno a livello locale del nazionale CNR ha fatto notare che lo scorso mese di Ottobre ha chiuso o in media o sottomedia con l'unica eccezione della Versilia.... ;)
Mi domando quindi perché?Cosa c'è dietro?Perchè non potrebbe essere la stessa cosa a livello mondiale?
2)Sino a 2 anni fa i dati satellitari mondiali facevano vedere che dopo il picco del 1998 le temperature mondiali erano invariate non in continua ascesa ,ora certo c'è stato il poderoso Nino dell'anno scorso e qualcosa è cambiato ma secondo le vostre tesi questo è un processo che ha inizio dagli anni'80...i ghiacci dell'Artico sono in diminuizione da decenni ma quelli dell'Antartico sino a 2 anni fa erano costanti se non in ascesa....ripeto non ho verità in tasca ma tante ,troppe cose sul AGW e sull'IPCC non mi quadrano...e se ti informi in giro non sono soltanto io povero meteoamatore ma ci sono fior fiore di scenziati che sono scettici almeno sulla causa antropica e magari collegano la cosa al sole che nel prossimo futuro dovrebbe diminuire la propria potenza.... ;)
3)Torno più su un livello soggettivo e locale....anche ammesso e non concesso che abbiate ragione voi lo avete detto voi stessi che dal 2004 al 2013 anche nelle vostre zone le nevicate erano tornate sui livelli delle medie 1961-90 ad inizio topic...eppure il processo era già iniziato,quindi anche se facesse più caldo magari potrebbe aumentare la dinamicità....dopotutto il clima sulla terra è sempre cambiato e storicamente non è il caldo a fare paura e bloccare il progresso dell'umanità ma il freddo e le glaciazioni quindi dove sarebbe il tormento?Magari potrebbe essere pure meglio il clima del futuro sulla terra,già ad esempio almeno qua da me negli ultimi 10 anni la pluviometria è aumentata su livelli mai toccati dal 1839 ad oggi.....farà meno freddo ma piove di più...
Io personalmente ,ripeto PUR NON NEGANDO L'AUMENTO DELLE TEMPERATURE GLOBALI,CASOMAI L'ENTITA', continuo a pensare che sia un ciclo..e magari già nei prossimi 2-3 anni con il nuovo minimo solare potremmo tornare a vedere temperature globali più normali ed eventi invernali italici almeno come quelli dal 2004 al 2013...dopotutto sono 3 inverni che fa caldo e non nevica...era già risuccesso prima ed anche se voi dite che l'ultima mitezza invernale non ha precedenti comunque c'erano già stati periodi così o simili,io discorsi come i vostri li sentivo già negli anni'90 e primi '00...poi qualcosa è successo ed ha smentito tutti...perché non potrebbe accadere di nuovo?
P.S
Sulle temperature vostre in pianura la Nord influisce anche la diminuizione delle nebbie inquinanti dagli anni'80 in poi...e quello è un bene non un male per l'aria che respirate.....


Ti rispondo a punti, come hai fatto tu ;)
1) Mah, anche con la massima volontà, anche se fossi un estraneo all'argomento, non riuscirei a trovare mezzo motivo per non "credere" alle anomalie positive a livello italiano, neanche se cercassi di inventarlo. Negli ultimi tre anni facciamo record su record, ondate di freddo nisba, ogni volta che guardiamo il termometro siamo come minimo 3-4 gradi sopra le medie, abbiamo avuto "perle" come il caldo 2013-14, il rovente luglio 2015, il settembre 2016 e tanti e tanti altri che non sto a elencare. Dal punto di vista del freddo? Zero o quasi, salvo qualche sporadico ritorno in media in un mare sopramedia...anche intuitivamente mi verrebbe da pensare che forse le anomalie italiche sono reali

2) I dati globali, stasi o non post 1998, ci dicono che stiamo entrando in un territorio sconosciuto... dal punto di vista del valore assoluto siamo ai massimi di sempre (sempre = da quando esistono le rilevazioni e anche nei millenni in cui è stato possibile ricostruire le condizioni climatiche medie con sufficiente affidabilità). Non so francamente che tesi "ci" attribuisci, perchè basterebbe leggere lo stato della scienza sull'argomento senza pregiudizi.
Per quanto riguarda il "fior di scienziati", se proprio vuoi metterla sul piano numerico, sono comunque una piccolissima parte (e molto debole, ma è un altro discorso)  in controtendenza rispetto al solidissimo mainstream scientifico, che rappresenta un consenso del 97% sul fatto che l'uomo abbia un ruolo maggioritario nei cambiamenti climatici degli ultimi decenni.
E qui aggiungo una mia considerazione, anche rifacendomi a ciò che hai detto, ovvero che tu stesso ammetti di non conoscere molto bene l'argomento. Ma allora diamine, dico... se io sono completamente ignorante di un argomento, come può essere per esempio l'effetto dei vaccini sulla salute umana, come minimo mi affido a chi ne sa più di me... e se scopro che ci sono più voci discordanti, tendo a dare più importanza a quelle più autorevoli o comunque a quelle più diffuse. Non è che di mia iniziativa mi metto a giocare allo scettico fai-da-te. E vale in tutti gli ambiti
Ma secondo te/voi, mi divertirei a ribadire sempre questi concetti se lo status della scienza avesse stabilito che l'uomo ha un'importanza limitata nel GW? Sarebbe assai stupido da parte mia

3) Al di là di come la si pensi, che siano cicli o meno, quanta variabilità naturale ci sia in questo scempio, il punto non è più - riprendo le parole tue - "non negare il riscaldamento", ma voler ammettere che il riscaldamento è importante e che è causato dall'uomo. Perchè? Perchè lo dice la scienza... discorso semplice semplice ;)
Ora la teoria più accreditata, volenti o nolenti, è quella dell'AGW e tocca ad eventuali scettici portare prove contrarie per screditarla... prove "pro" ce ne sono a perdita d'occhio. Di certo non è dicendo che il 2006-07 è più mite del 2013-14 che si contesta ciò ;)

Offline Konrad66

  • Membro Onorario
  • ****
  • Bannato!
  • Post: 225
  • Località: MILANO e periferia nord est
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 30
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #41 il: Novembre 22, 2016, 05:09:55 pm »
Se non vi fosse stato il GW, le stagionali sarebbero realtà.

Invece esso mette quei fattori che poi le sfasano

Veramente l'Opi era il miglior indice predittivo
Ma il GW, anzi, SUPERGLOBALWARMING, ha neutralizzato pure quel bel indice rpedittivo

E quest'anno pure la qbo- ha neutralizzato

E a vedere le carte non si vede, nel determinismo, una svolta, non è certo
una -4-7 per qualche ora, a far gridare all'anomalia e alla svolta
« Ultima modifica: Novembre 23, 2016, 01:55:00 am da Konrad66 » »
TIFIAMO PER LA NEVE IN PIANURA. NON PUO' FARLA? ALLORA TIFIAMO PIOGGIA A OLTRANZA, TUTTI I MESI, TUTTI I GIORNI, TUTTI I MINUTI, PER SCONGIURARE LE DEVASTANTI SICCITA' COME QUELLE DEL 2017

Offline jack92

  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 5136
  • Age: 27
  • Località: Retignano (Stazzema) 400 m.s.l.m.m.
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 459
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #42 il: Novembre 22, 2016, 05:21:51 pm »
2) I dati globali, stasi o non post 1998, ci dicono che stiamo entrando in un territorio sconosciuto... dal punto di vista del valore assoluto siamo ai massimi di sempre (sempre = da quando esistono le rilevazioni e anche nei millenni in cui è stato possibile ricostruire le condizioni climatiche medie con sufficiente affidabilità). Non so francamente che tesi "ci" attribuisci, perchè basterebbe leggere lo stato della scienza sull'argomento senza pregiudizi.
Per quanto riguarda il "fior di scienziati", se proprio vuoi metterla sul piano numerico, sono comunque una piccolissima parte (e molto debole, ma è un altro discorso)  in controtendenza rispetto al solidissimo mainstream scientifico, che rappresenta un consenso del 97% sul fatto che l'uomo abbia un ruolo maggioritario nei cambiamenti climatici degli ultimi decenni.
E qui aggiungo una mia considerazione, anche rifacendomi a ciò che hai detto, ovvero che tu stesso ammetti di non conoscere molto bene l'argomento. Ma allora diamine, dico... se io sono completamente ignorante di un argomento, come può essere per esempio l'effetto dei vaccini sulla salute umana, come minimo mi affido a chi ne sa più di me... e se scopro che ci sono più voci discordanti, tendo a dare più importanza a quelle più autorevoli o comunque a quelle più diffuse. Non è che di mia iniziativa mi metto a giocare allo scettico fai-da-te. E vale in tutti gli ambiti
Ma secondo te/voi, mi divertirei a ribadire sempre questi concetti se lo status della scienza avesse stabilito che l'uomo ha un'importanza limitata nel GW? Sarebbe assai stupido da parte mia
Hai centrato proprio il punto cruciale: per certi utenti sembra che la scienza e tutti gli studi connessi abbiano poca valenza quando si parla di GW quando ci sono fiori fior di studi che trattano l'argomento e i problemi annessi (io per esempio ho letto diversi articoli  sul ritiro delle grounding lines dei ghiacciai antartici ma potrei andare avanti). Basterebbe saper un po' l'inglese e soprattutto avere voglia di informarsi.
Cumulata 2008= 2032.6 mm
Cumulata 2009= 2144.8 mm
Cumulata 2010= 2538.2 mm
Cumulata 2011= 1373.6 mm
Cumulata 2012= 1593.6 mm
Cumulata 2013= 2512.6 mm
Cumulata 2014= 2601.8 mm
Cumulata 2015= 1265.0 mm
Cumulata 2016= 2124.8 mm
Cumulata 2017= 1720.2 mm
Cumulata 2018= 1711.6 mm
Cumulata 2019= 2062.8 mm

Laureato Magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche a Pisa

Offline Giampi

  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 8059
  • Age: 58
  • Località: San Miniato (PI) mt.220 s.l.m. in cima alla rocca
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 429
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #43 il: Novembre 22, 2016, 05:38:01 pm »
Perdonate l'intromissione..

se volevate spaventarmi ci siete riusciti benissimo..
 :o
"Vivere è la cosa più rara al mondo.La maggior parte della gente esiste, ecco tutto. " (Oscar Wilde)

Offline batstef

  • CSCT Team
  • ...
  • MD GROUP
  • *
  • Post: 8926
  • Località: Firenze-Isolotto
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 5285
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #44 il: Novembre 22, 2016, 06:14:31 pm »
essendo un forum di meteorologia, faccio una previsione da Mago Batstef : a forza di dare dell' ignorante alla gente che interviene, il thread finisce in "4 chiacchiere al bar" ...vediamo se almeno qui ci prendo  ;)
"La passione, la voglia di veder mia figlia ributolarsi nella neve con mia moglie....la voglia di veder tutti voi euforici, la giornata che scorre con cazzate eclatanti di alcuni di voi che, porca miseria vi considero amici e non mi verra' mai in mente una sola volta di scrivere, andate in c..o. vero dovrei stare zitto e bon o a leggervi..non ci riesco chiedo scusa"...Marco da Bucine

Offline Buriano84

  • MD GROUP
  • ******
  • Bannato!
  • Post: 9869
  • 7 km a NE della citta' di Siena..Chianti ridente
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 774
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #45 il: Novembre 22, 2016, 07:11:06 pm »

Ti rispondo a punti, come hai fatto tu ;)
1) Mah, anche con la massima volontà, anche se fossi un estraneo all'argomento, non riuscirei a trovare mezzo motivo per non "credere" alle anomalie positive a livello italiano, neanche se cercassi di inventarlo. Negli ultimi tre anni facciamo record su record, ondate di freddo nisba, ogni volta che guardiamo il termometro siamo come minimo 3-4 gradi sopra le medie, abbiamo avuto "perle" come il caldo 2013-14, il rovente luglio 2015, il settembre 2016 e tanti e tanti altri che non sto a elencare. Dal punto di vista del freddo? Zero o quasi, salvo qualche sporadico ritorno in media in un mare sopramedia...anche intuitivamente mi verrebbe da pensare che forse le anomalie italiche sono reali

2) I dati globali, stasi o non post 1998, ci dicono che stiamo entrando in un territorio sconosciuto... dal punto di vista del valore assoluto siamo ai massimi di sempre (sempre = da quando esistono le rilevazioni e anche nei millenni in cui è stato possibile ricostruire le condizioni climatiche medie con sufficiente affidabilità). Non so francamente che tesi "ci" attribuisci, perchè basterebbe leggere lo stato della scienza sull'argomento senza pregiudizi.
Per quanto riguarda il "fior di scienziati", se proprio vuoi metterla sul piano numerico, sono comunque una piccolissima parte (e molto debole, ma è un altro discorso)  in controtendenza rispetto al solidissimo mainstream scientifico, che rappresenta un consenso del 97% sul fatto che l'uomo abbia un ruolo maggioritario nei cambiamenti climatici degli ultimi decenni.
E qui aggiungo una mia considerazione, anche rifacendomi a ciò che hai detto, ovvero che tu stesso ammetti di non conoscere molto bene l'argomento. Ma allora diamine, dico... se io sono completamente ignorante di un argomento, come può essere per esempio l'effetto dei vaccini sulla salute umana, come minimo mi affido a chi ne sa più di me... e se scopro che ci sono più voci discordanti, tendo a dare più importanza a quelle più autorevoli o comunque a quelle più diffuse. Non è che di mia iniziativa mi metto a giocare allo scettico fai-da-te. E vale in tutti gli ambiti
Ma secondo te/voi, mi divertirei a ribadire sempre questi concetti se lo status della scienza avesse stabilito che l'uomo ha un'importanza limitata nel GW? Sarebbe assai stupido da parte mia

3) Al di là di come la si pensi, che siano cicli o meno, quanta variabilità naturale ci sia in questo scempio, il punto non è più - riprendo le parole tue - "non negare il riscaldamento", ma voler ammettere che il riscaldamento è importante e che è causato dall'uomo. Perchè? Perchè lo dice la scienza... discorso semplice semplice ;)
Ora la teoria più accreditata, volenti o nolenti, è quella dell'AGW e tocca ad eventuali scettici portare prove contrarie per screditarla... prove "pro" ce ne sono a perdita d'occhio. Di certo non è dicendo che il 2006-07 è più mite del 2013-14 che si contesta ciò ;)
1) Mah, anche con la massima volontà, anche se fossi un estraneo all'argomento, non riuscirei a trovare mezzo motivo per non "credere" alle anomalie positive a livello italiano, neanche se cercassi di inventarlo. Negli ultimi tre anni facciamo record su record, ondate di freddo nisba, ogni volta che guardiamo il termometro siamo come minimo 3-4 gradi sopra le medie, abbiamo avuto "perle" come il caldo 2013-14, il rovente luglio 2015, il settembre 2016 e tanti e tanti altri che non sto a elencare. Dal punto di vista del freddo? Zero o quasi, salvo qualche sporadico ritorno in media in un mare sopramedia...anche intuitivamente mi verrebbe da pensare che forse le anomalie italiche sono reali
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Ma infatti lo noto e anche nel messaggio precedente no ho assolutamente scritto il contrario se leggi bene non ho mai negato niente casomai mi pongo delle domande su certe anomalie dato che io ne rilevo altre nel mio orticello e leggendo in giro per le stazioni di campagna non sono il solo.... ;)
Io ho fatto anche qualche mese sottomedia alla 61-90....il problema è che quando ciò avviene(raramente si intede) a livello nazionale siamo in media con la 81-10 e ripeto questo è un dubbio che tu e nessun altro mi può sciogliere... ::)


2) I dati globali, stasi o non post 1998, ci dicono che stiamo entrando in un territorio sconosciuto... dal punto di vista del valore assoluto siamo ai massimi di sempre (sempre = da quando esistono le rilevazioni e anche nei millenni in cui è stato possibile ricostruire le condizioni climatiche medie con sufficiente affidabilità). Non so francamente che tesi "ci" attribuisci, perchè basterebbe leggere lo stato della scienza sull'argomento senza pregiudizi.
Per quanto riguarda il "fior di scienziati", se proprio vuoi metterla sul piano numerico, sono comunque una piccolissima parte (e molto debole, ma è un altro discorso)  in controtendenza rispetto al solidissimo mainstream scientifico, che rappresenta un consenso del 97% sul fatto che l'uomo abbia un ruolo maggioritario nei cambiamenti climatici degli ultimi decenni.
E qui aggiungo una mia considerazione, anche rifacendomi a ciò che hai detto, ovvero che tu stesso ammetti di non conoscere molto bene l'argomento. Ma allora diamine, dico... se io sono completamente ignorante di un argomento, come può essere per esempio l'effetto dei vaccini sulla salute umana, come minimo mi affido a chi ne sa più di me... e se scopro che ci sono più voci discordanti, tendo a dare più importanza a quelle più autorevoli o comunque a quelle più diffuse. Non è che di mia iniziativa mi metto a giocare allo scettico fai-da-te. E vale in tutti gli ambiti
Ma secondo te/voi, mi divertirei a ribadire sempre questi concetti se lo status della scienza avesse stabilito che l'uomo ha un'importanza limitata nel GW? Sarebbe assai stupido da parte mia
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Sono d'accordo quasi su tutto,escluso sui rilevamenti certi che come dicevo prima non posso essere tali per la differente strumentazione negli anni e la modifica del territorio circostante e soprattutto su quella dei millenni passati veramente deficitaria,altrimenti si tira in ballo i discorsi vecchi come il fatto che la Groenalandia fosse meno ghiacciata di adesso che Annibale passò dalle Alpi.....e che la terra è stata anche libera completamente dai ghiacci....questo è veramente un territorio minato e non puoi avere le sicurezze che invece esponi....e poi io non gioco allo scettico fai da te e nemmeno nego niente,casomai dubito sull'entità e la cosa è ben diversa a parer mio....


3) Al di là di come la si pensi, che siano cicli o meno, quanta variabilità naturale ci sia in questo scempio, il punto non è più - riprendo le parole tue - "non negare il riscaldamento", ma voler ammettere che il riscaldamento è importante e che è causato dall'uomo. Perchè? Perchè lo dice la scienza... discorso semplice semplice ;)
Ora la teoria più accreditata, volenti o nolenti, è quella dell'AGW e tocca ad eventuali scettici portare prove contrarie per screditarla... prove "pro" ce ne sono a perdita d'occhio. Di certo non è dicendo che il 2006-07 è più mite del 2013-14 che si contesta ciò ;)
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Scempio di che?
Ripeto ,ammesso e non concesso che la vostra teoria sia quella giusta....da che esiste l'uomo sulla terra il clima è sempre cambiato da periodi mitissimi alle glaciazioni,al tempo dei greci e Romani non era il clima dell'Alto Medioevo,nel Basso Medioevo non era il clima della PEG...e 100 anni fa già faceva più caldo che nella PEG....dove sarebbe il dramma?
La storia ci insegna che i periodi di regressione sociale e demografica corrispondono ai periodi più freddi,non a quelli più caldi.....mi prendo i lati positivi e migliorativi di quello che verrà e dei lati negativi me ne frego....al massimo se voglio la neve andrò a 1000 metri.....detto ciò comunque concludo con il 2chi vivrà vedrà" perché ti ripeto certi discorsi li ho già sentiti e poi fra il 2004 ed il 2013 sono tornato ad avere medie nivometriche annuali da 1961-90.
Io questo clima isterico da dramma collettivo non lo condivido e non lo capisco... ::)




IL FEBBRAIO 2012????SICURAMENTE IL PIU' GRANDE EVENTO DAL 1985!!!!!!

Nix novariensis

  • Visitatore
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #46 il: Novembre 22, 2016, 10:22:58 pm »
1) Mah, anche con la massima volontà, anche se fossi un estraneo all'argomento, non riuscirei a trovare mezzo motivo per non "credere" alle anomalie positive a livello italiano, neanche se cercassi di inventarlo. Negli ultimi tre anni facciamo record su record, ondate di freddo nisba, ogni volta che guardiamo il termometro siamo come minimo 3-4 gradi sopra le medie, abbiamo avuto "perle" come il caldo 2013-14, il rovente luglio 2015, il settembre 2016 e tanti e tanti altri che non sto a elencare. Dal punto di vista del freddo? Zero o quasi, salvo qualche sporadico ritorno in media in un mare sopramedia...anche intuitivamente mi verrebbe da pensare che forse le anomalie italiche sono reali
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Ma infatti lo noto e anche nel messaggio precedente no ho assolutamente scritto il contrario se leggi bene non ho mai negato niente casomai mi pongo delle domande su certe anomalie dato che io ne rilevo altre nel mio orticello e leggendo in giro per le stazioni di campagna non sono il solo.... ;)
Io ho fatto anche qualche mese sottomedia alla 61-90....il problema è che quando ciò avviene(raramente si intede) a livello nazionale siamo in media con la 81-10 e ripeto questo è un dubbio che tu e nessun altro mi può sciogliere... ::)


2) I dati globali, stasi o non post 1998, ci dicono che stiamo entrando in un territorio sconosciuto... dal punto di vista del valore assoluto siamo ai massimi di sempre (sempre = da quando esistono le rilevazioni e anche nei millenni in cui è stato possibile ricostruire le condizioni climatiche medie con sufficiente affidabilità). Non so francamente che tesi "ci" attribuisci, perchè basterebbe leggere lo stato della scienza sull'argomento senza pregiudizi.
Per quanto riguarda il "fior di scienziati", se proprio vuoi metterla sul piano numerico, sono comunque una piccolissima parte (e molto debole, ma è un altro discorso)  in controtendenza rispetto al solidissimo mainstream scientifico, che rappresenta un consenso del 97% sul fatto che l'uomo abbia un ruolo maggioritario nei cambiamenti climatici degli ultimi decenni.
E qui aggiungo una mia considerazione, anche rifacendomi a ciò che hai detto, ovvero che tu stesso ammetti di non conoscere molto bene l'argomento. Ma allora diamine, dico... se io sono completamente ignorante di un argomento, come può essere per esempio l'effetto dei vaccini sulla salute umana, come minimo mi affido a chi ne sa più di me... e se scopro che ci sono più voci discordanti, tendo a dare più importanza a quelle più autorevoli o comunque a quelle più diffuse. Non è che di mia iniziativa mi metto a giocare allo scettico fai-da-te. E vale in tutti gli ambiti
Ma secondo te/voi, mi divertirei a ribadire sempre questi concetti se lo status della scienza avesse stabilito che l'uomo ha un'importanza limitata nel GW? Sarebbe assai stupido da parte mia
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Sono d'accordo quasi su tutto,escluso sui rilevamenti certi che come dicevo prima non posso essere tali per la differente strumentazione negli anni e la modifica del territorio circostante e soprattutto su quella dei millenni passati veramente deficitaria,altrimenti si tira in ballo i discorsi vecchi come il fatto che la Groenalandia fosse meno ghiacciata di adesso che Annibale passò dalle Alpi.....e che la terra è stata anche libera completamente dai ghiacci....questo è veramente un territorio minato e non puoi avere le sicurezze che invece esponi....e poi io non gioco allo scettico fai da te e nemmeno nego niente,casomai dubito sull'entità e la cosa è ben diversa a parer mio....


3) Al di là di come la si pensi, che siano cicli o meno, quanta variabilità naturale ci sia in questo scempio, il punto non è più - riprendo le parole tue - "non negare il riscaldamento", ma voler ammettere che il riscaldamento è importante e che è causato dall'uomo. Perchè? Perchè lo dice la scienza... discorso semplice semplice ;)
Ora la teoria più accreditata, volenti o nolenti, è quella dell'AGW e tocca ad eventuali scettici portare prove contrarie per screditarla... prove "pro" ce ne sono a perdita d'occhio. Di certo non è dicendo che il 2006-07 è più mite del 2013-14 che si contesta ciò ;)
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Scempio di che?
Ripeto ,ammesso e non concesso che la vostra teoria sia quella giusta....da che esiste l'uomo sulla terra il clima è sempre cambiato da periodi mitissimi alle glaciazioni,al tempo dei greci e Romani non era il clima dell'Alto Medioevo,nel Basso Medioevo non era il clima della PEG...e 100 anni fa già faceva più caldo che nella PEG....dove sarebbe il dramma?
La storia ci insegna che i periodi di regressione sociale e demografica corrispondono ai periodi più freddi,non a quelli più caldi.....mi prendo i lati positivi e migliorativi di quello che verrà e dei lati negativi me ne frego....al massimo se voglio la neve andrò a 1000 metri.....detto ciò comunque concludo con il 2chi vivrà vedrà" perché ti ripeto certi discorsi li ho già sentiti e poi fra il 2004 ed il 2013 sono tornato ad avere medie nivometriche annuali da 1961-90.
Io questo clima isterico da dramma collettivo non lo condivido e non lo capisco... ::)




Direi che le bufale che circolano attorno al medioevo sono state ampiamente smentite ;)
http://www.skepticalscience.com/greenland-not-green-basic-update.html

Si produceva vino in Inghilterra? Sì, e nei monasteri se ne consumavano 4 lt al giorno...capirai di che qualità :P
Annibale attraversò le Alpi nel'optimum romano? Sì, e il suo esercito fu decimato dal freddo

Purtroppo ci sono tanti luoghi comuni che circolano ancora attorno a questa faccenda. Ma dovrebbero essere sepolti ormai ;)

Offline luca_mo

  • MD GROUP
  • ******
  • Post: 593
  • Località: Modena
  • Modena
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 328
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #47 il: Novembre 22, 2016, 10:36:20 pm »
1) Mah, anche con la massima volontà, anche se fossi un estraneo all'argomento, non riuscirei a trovare mezzo motivo per non "credere" alle anomalie positive a livello italiano, neanche se cercassi di inventarlo. Negli ultimi tre anni facciamo record su record, ondate di freddo nisba, ogni volta che guardiamo il termometro siamo come minimo 3-4 gradi sopra le medie, abbiamo avuto "perle" come il caldo 2013-14, il rovente luglio 2015, il settembre 2016 e tanti e tanti altri che non sto a elencare. Dal punto di vista del freddo? Zero o quasi, salvo qualche sporadico ritorno in media in un mare sopramedia...anche intuitivamente mi verrebbe da pensare che forse le anomalie italiche sono reali
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Ma infatti lo noto e anche nel messaggio precedente no ho assolutamente scritto il contrario se leggi bene non ho mai negato niente casomai mi pongo delle domande su certe anomalie dato che io ne rilevo altre nel mio orticello e leggendo in giro per le stazioni di campagna non sono il solo.... ;)
Io ho fatto anche qualche mese sottomedia alla 61-90....il problema è che quando ciò avviene(raramente si intede) a livello nazionale siamo in media con la 81-10 e ripeto questo è un dubbio che tu e nessun altro mi può sciogliere... ::)


2) I dati globali, stasi o non post 1998, ci dicono che stiamo entrando in un territorio sconosciuto... dal punto di vista del valore assoluto siamo ai massimi di sempre (sempre = da quando esistono le rilevazioni e anche nei millenni in cui è stato possibile ricostruire le condizioni climatiche medie con sufficiente affidabilità). Non so francamente che tesi "ci" attribuisci, perchè basterebbe leggere lo stato della scienza sull'argomento senza pregiudizi.
Per quanto riguarda il "fior di scienziati", se proprio vuoi metterla sul piano numerico, sono comunque una piccolissima parte (e molto debole, ma è un altro discorso)  in controtendenza rispetto al solidissimo mainstream scientifico, che rappresenta un consenso del 97% sul fatto che l'uomo abbia un ruolo maggioritario nei cambiamenti climatici degli ultimi decenni.
E qui aggiungo una mia considerazione, anche rifacendomi a ciò che hai detto, ovvero che tu stesso ammetti di non conoscere molto bene l'argomento. Ma allora diamine, dico... se io sono completamente ignorante di un argomento, come può essere per esempio l'effetto dei vaccini sulla salute umana, come minimo mi affido a chi ne sa più di me... e se scopro che ci sono più voci discordanti, tendo a dare più importanza a quelle più autorevoli o comunque a quelle più diffuse. Non è che di mia iniziativa mi metto a giocare allo scettico fai-da-te. E vale in tutti gli ambiti
Ma secondo te/voi, mi divertirei a ribadire sempre questi concetti se lo status della scienza avesse stabilito che l'uomo ha un'importanza limitata nel GW? Sarebbe assai stupido da parte mia
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Sono d'accordo quasi su tutto,escluso sui rilevamenti certi che come dicevo prima non posso essere tali per la differente strumentazione negli anni e la modifica del territorio circostante e soprattutto su quella dei millenni passati veramente deficitaria,altrimenti si tira in ballo i discorsi vecchi come il fatto che la Groenalandia fosse meno ghiacciata di adesso che Annibale passò dalle Alpi.....e che la terra è stata anche libera completamente dai ghiacci....questo è veramente un territorio minato e non puoi avere le sicurezze che invece esponi....e poi io non gioco allo scettico fai da te e nemmeno nego niente,casomai dubito sull'entità e la cosa è ben diversa a parer mio....


3) Al di là di come la si pensi, che siano cicli o meno, quanta variabilità naturale ci sia in questo scempio, il punto non è più - riprendo le parole tue - "non negare il riscaldamento", ma voler ammettere che il riscaldamento è importante e che è causato dall'uomo. Perchè? Perchè lo dice la scienza... discorso semplice semplice ;)
Ora la teoria più accreditata, volenti o nolenti, è quella dell'AGW e tocca ad eventuali scettici portare prove contrarie per screditarla... prove "pro" ce ne sono a perdita d'occhio. Di certo non è dicendo che il 2006-07 è più mite del 2013-14 che si contesta ciò ;)
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Scempio di che?
Ripeto ,ammesso e non concesso che la vostra teoria sia quella giusta....da che esiste l'uomo sulla terra il clima è sempre cambiato da periodi mitissimi alle glaciazioni,al tempo dei greci e Romani non era il clima dell'Alto Medioevo,nel Basso Medioevo non era il clima della PEG...e 100 anni fa già faceva più caldo che nella PEG....dove sarebbe il dramma?
La storia ci insegna che i periodi di regressione sociale e demografica corrispondono ai periodi più freddi,non a quelli più caldi.....mi prendo i lati positivi e migliorativi di quello che verrà e dei lati negativi me ne frego....al massimo se voglio la neve andrò a 1000 metri.....detto ciò comunque concludo con il 2chi vivrà vedrà" perché ti ripeto certi discorsi li ho già sentiti e poi fra il 2004 ed il 2013 sono tornato ad avere medie nivometriche annuali da 1961-90.
Io questo clima isterico da dramma collettivo non lo condivido e non lo capisco... ::)

Apprezzo veramente tantissimo il tuo discorso e la tua voglia e condivido tutto, ma ahimè stai sbattendo contro un muro.. ::)
Località: Modena(MO) 34 m s.l.m
UNIVERSITA' DI SCIENZE GEOLOGICHE - MODENA

Offline Buriano84

  • MD GROUP
  • ******
  • Bannato!
  • Post: 9869
  • 7 km a NE della citta' di Siena..Chianti ridente
    • Mostra profilo
  • Likes:
  • Likes Concessi: 774
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #48 il: Novembre 23, 2016, 03:03:18 am »

Direi che le bufale che circolano attorno al medioevo sono state ampiamente smentite ;)
http://www.skepticalscience.com/greenland-not-green-basic-update.html

Si produceva vino in Inghilterra? Sì, e nei monasteri se ne consumavano 4 lt al giorno...capirai di che qualità :P
Annibale attraversò le Alpi nel'optimum romano? Sì, e il suo esercito fu decimato dal freddo

Purtroppo ci sono tanti luoghi comuni che circolano ancora attorno a questa faccenda. Ma dovrebbero essere sepolti ormai ;)

Mah....sinceremente non mi sembra un sito affidabile e comunque su questi luoghi comuni come li chiami tu....beh....ci sono testimonianze storiche
Non che le prenda per oro colato ma francamente dubito molto di più quando esce la sparata sensazionalista come successe nel 2010 per il caldo record in Russia dove si asseriva che era il più forte da 1000 anni quando poi già misurazioni di 2 secoli fa hanno un margine di errore altissimo.... ::)
Si vuole andare a capire chissà cosa quando già un 34C di Torino di oggi magari erano 31C nel 1800 con il termometro a mercurio in capannina...
Vabè.....comunque tanto ho capito che difficilmente arriveremo ad una conclusione....il futuro ci dirà chi ha ragione.... ::)
IL FEBBRAIO 2012????SICURAMENTE IL PIU' GRANDE EVENTO DAL 1985!!!!!!

Nix novariensis

  • Visitatore
Re:Tragico è dir poco
« Risposta #49 il: Novembre 23, 2016, 10:34:58 am »
Mah....sinceremente non mi sembra un sito affidabile e comunque su questi luoghi comuni come li chiami tu....beh....ci sono testimonianze storiche
Non che le prenda per oro colato ma francamente dubito molto di più quando esce la sparata sensazionalista come successe nel 2010 per il caldo record in Russia dove si asseriva che era il più forte da 1000 anni quando poi già misurazioni di 2 secoli fa hanno un margine di errore altissimo.... ::)
Si vuole andare a capire chissà cosa quando già un 34C di Torino di oggi magari erano 31C nel 1800 con il termometro a mercurio in capannina...
Vabè.....comunque tanto ho capito che difficilmente arriveremo ad una conclusione....il futuro ci dirà chi ha ragione.... ::)

Come non è affidabile? Si rifà a una ricostruzione del NOAA... se ora mettiamo in discussione pure questo, non possiamo più dire nulla. Nemmeno che esiste la forza di gravità
Che ci fossero eventi caldi estremi anche in passato è risaputo (vedi es. inverno 1289-90 o anno 1540)... ma avvenivano in un contesto mediamente più freddo di ora. Erano eventi fuori scala che lasciavano il tempo che trovavano

PS In virtù di cosa Torino dovrebbe sovrastimare le T di 3 gradi? In virtù dello Spirito Santo?  ::)